Bibbia/La realtà degli errori dei copisti della Bibbia

Da Tempo di Riforma Wiki.

Ritorno


Scribaantico.jpg

La realtà degli errori dei copisti della Bibbia 

(B. Thompson e E. Lyons)

Di tanto in tanto, una persona che legga la Bibbia incontrerà nomi o numeri in due o più passaggi che sembrano contraddirsi a vicenda. Dopo aver studiato a fondo il contesto dei passaggi per assicurarsi che la presunta contraddizione non sia solo un fraintendimento del testo, il lettore conclude quindi che i passaggi si contraddicono a vicenda. Ad esempio, 2 Re 24:8 dice che Ioiachin succedette a suo padre come diciannovesimo re di Giuda all'età di diciotto anni, mentre 2 Cronache 36:9 ci informa che aveva " otto anni quando divenne re." La persona onesta deve ammettere che questi due passaggi sono in disaccordo. La domanda che si deve porre è: tali disaccordi indicano che la Bibbia non è la Parola ispirata di Dio? No, non lo fanno.

Il fatto è che le differenze all'interno di due o più resoconti biblici possono essere il risultato di errori dei copisti. Spesso, l'uomo moderno dimentica che ogni volta che erano necessari duplicati delle Scritture dell'Antico Testamento, le copie dovevano essere fatte a mano, un compito scrupoloso e che richiedeva tempo, che esigeva estrema concentrazione e condizioni di lavoro speciali. Col tempo, un gruppo elitario di scribi, noto come i Masoreti, sorse proprio per questo scopo. Nel loro rispettato lavoro su questioni bibliche critiche, A General Introduction to the Bible, Norman Geisler e William Nix hanno osservato:

Il periodo masoretico (fiorì intorno al 500-1000 d.C.) della copiatura dei manoscritti dell'Antico Testamento indica una revisione completa delle regole stabilite, una profonda riverenza per le Scritture e un rinnovamento sistematico delle tecniche di trasmissione... Le copie furono fatte da una classe ufficiale di scribi sacri che lavorava secondo regole rigide (1986, pp. 354.467; cfr. anche pp. 371.374.380).

I Masoreti sono andati ben oltre il "call of duty" per realizzare le copie più accurate umanamente possibili. Per rispetto della Parola di Dio, questi copisti presero numerose precauzioni per "garantire" una duplicazione precisa. Come ha notato Eddie Hendrix:

Quando uno scriba alla fine completò il laborioso compito di copiarlo con un catalogo di informazioni dettagliate su quel libro, il catalogo elencava il numero di versi, parole e lettere che avrebbero dovuto comparire nel libro. Il catalogo elencava anche la parola e la lettera che dovrebbero cadere nel mezzo del libro. Tali controlli minuziosi hanno contribuito a un alto grado di accuratezza della copiatura (1976, p. 5).

Chiunque abbia studiato le rigorose condizioni in cui lavoravano i Masoreti e fino a quanto si spingevano per garantire la fedeltà nelle loro copie delle Scritture, potrebbe attestare il fatto che il loro obiettivo era quello di produrre copie accurate, fino al punto di riprodurre errori già presenti nelle copie molto più antiche da cui stavano lavorando. I Masoreti erano alcuni dei più grandi perfezionisti del mondo.

Erano, tuttavia, ancora umani. E gli esseri umani sono inclini a commettere errori, indipendentemente dalla cura che prestano o dalla severità delle regole in base alle quali operano. Il compito dei copisti era reso ancora più difficile dalla pura complessità della lingua ebraica e dai vari modi in cui potenziali errori potevano essere introdotti (anche inavvertitamente) nel processo di copiatura. Ci sono almeno sette modi importanti in cui un copista potrebbe modificare accidentalmente il testo, incluse azioni come:

  • (a) omissioni di lettere, parole o intere righe;
  • (b) ripetizioni ingiustificate;
  • (c) trasposizione (l'inversione di due lettere o parole);
  • (d) errori di memoria;
  • (e) errori dell'orecchio;
  • (f) errori dell'occhio; e
  • (g) errori di giudizio (Geisler e Nix, 1986, pp. 469-473).

Tali errori, soprattutto prima che i Masoreti venissero sulla scena, potrebbe spiegare le presunte discrepanze nelle varie parti della Bibbia (cfr 1 Re 4:26 ; 2 Re 8:26 ; 2 Cronache 9:25 ; 22: 2). Ad esempio, il biblista Gleason Archer ha affermato: "Anche i primi e migliori manoscritti che possediamo non sono totalmente privi di errori di trasmissione. I numeri sono occasionalmente mal copiati, l'ortografia dei nomi propri è occasionalmente confusa, e ci sono esempi degli stessi tipi di errori di scrittura che compaiono anche in altri documenti antichi» (1982, p. 27).

Gli errori dei copisti compaiono anche in altri documenti antichi? Sicuramente! Le corruzioni negli scritti dei classici greci sono molto comuni. Prendete, per esempio, le opere secolari di Tacito. Sono noti per contenere almeno un errore numerico che gli studiosi tacitiani e classici hanno riconosciuto come errore di un copista (Holding, 2001). Questi studiosi riconoscono che ad un certo punto della storia, un copista ha cambiato accidentalmente un numero (da CXXV a XXV). Perché, allora, i critici biblici non riconosceranno la stessa possibilità quando si troveranno presunte discrepanze nella Bibbia? Proprio come coloro che copiavano documenti storici secolari a volte sbagliavano a scrivere nomi e numeri, gli scribi che copiavano la Bibbia da testi precedenti a volte facevano errori. La complessità della lingua ebraica e il suo sistema alfabetico/numerico senza dubbio costituivano una sfida ancora più grande per gli scribi.

Anche gli errori dell'orecchio possono aver avuto un ruolo. Se uno scriba stava scrivendo il testo mentre gli veniva letto, il lettore potrebbe effettivamente aver detto una cosa, ma lo scriba ne ha sentita un'altra. Altre differenze potrebbero essere state il risultato di un errore di memoria. Uno scriba può aver guardato un'intera riga, memorizzata e copiata a memoria senza guardarla una seconda volta durante il processo di copia. Quando andò a scrivere uno dei numeri dei due brani, però, la memoria gli venne meno; quello che pensava di ricordare che il testo originale aveva detto non era quello che diceva in realtà . Tale potrebbe essere il caso in 2 Cronache 22:2, dove si dice che Acazia aveva 42 anni quando divenne re di Giuda. Alla luce di altre Scritture ( 2 Re 8:17,26 ), si comprende che Acazia non poteva avere 42 anni quando ereditò il trono, perché questo lo renderebbe due anni più vecchio di suo padre. La lettura corretta dell'età di Acazia è "ventidue" ( 2 Re 8:17 ), non "quarantadue". Quando ci si sofferma a considerare le condizioni estremamente povere in cui lavorava la maggior parte dei copisti (scarsa illuminazione, strumenti di scrittura rozzi, superfici di scrittura imperfette, ecc.), non è difficile capire come errori involontari come questi possano verificarsi di volta in volta.

È da biasimare Dio per questi errori? Anche se a qualcuno piacerebbe pensarlo, bisogna ricordare che un autore non è responsabile degli errori che si trovano nelle copie fatte del suo libro. Non si può biasimare Dio per gli errori commessi da coloro che hanno copiato le Scritture in un lontano passato. Né può essere ritenuto responsabile per coloro che continuano a stampare copie della Bibbia oggi. Non è colpa di Dio se oggi diverse case editrici hanno stampato traduzioni della Bibbia contenenti cose come parole errate, numeri errati, parole duplicate, ecc. Sarebbe colpa di Dio se decidessimo di copiare l'intera Bibbia a mano, con il risultato è una copia della Bibbia contenente alcuni nomi errati e alcuni numeri sbagliati? Certamente no! Dio non è responsabile degli errori commessi da coloro che producono copie della Bibbia.

Ma perché non possediamo copie infallibili degli originali infallibili dei libri biblici? Archer ha osservato che lo è perché la produzione anche di una copia perfetta di un libro è talmente al di là della capacità di uno scriba umano da rendere necessario che Dio faccia un miracolo per produrlo. Nessuna persona ragionevole può aspettarsi che anche il copista più coscienzioso raggiunga l'infallibilità tecnica nel trascrivere il suo documento originale in una nuova copia... Ma il fatto importante rimane che una comunicazione accurata è possibile nonostante errori tecnici nella copiatura (1982, p. 29).

In effetti, una comunicazione accurata è possibile nonostante errori tecnici nella copia. Negli oltre due decenni durante i quali Apologetics Press ha pubblicato il suo mensile, Reason and Revelation, non abbiamo mai avuto qualcuno che suggerisse che a causa di un errore involontario non fosse stato in grado di comprendere il significato, o rilevare l'intento, di un articolo . Non si può dire lo stesso della Bibbia? Sicuramente può! Archer ha concluso:

Critici testuali ben preparati che operano sulla base di una solida metodologia sono in grado di correggere quasi tutti i malintesi che potrebbero derivare da un errore di manoscritto... Esiste una prova oggettiva dai manoscritti della Scrittura superstiti che questi sessantasei libri ci sono stati trasmessi con un grado di accuratezza così alto da assicurarci che le informazioni contenute negli originali sono state perfettamente conservate? La risposta è un sì assoluto (1982, pp. 29-30).

In ogni caso, quando i difensori della Bibbia si riferiscono a quel Grande Libro come "ispirato", si riferiscono necessariamente all'ispirazione in quanto riguardava i manoscritti originali (normalmente chiamati "autografi"), poiché non esiste una cosa come un "copia ispirata". "Aha!" potrebbe dire lo scettico, "dal momento che non possiedi più quegli autografi, ma solo copie leggermente imperfette fatte da umani imperfetti, ciò rende impossibile conoscere la verità del messaggio dietro il testo".

Prova ad applicare un concetto del genere - che non essere più in possesso personale di un originale perfetto rende impossibile conoscere la verità - alle questioni della vita quotidiana. Gleason Archer ha fatto proprio questo, usando qualcosa di semplice come un metro.

È sbagliato affermare che l'esistenza di un originale perfetto non abbia importanza se quell'originale non è più disponibile per l'esame. Per prendere un esempio dal campo dell'ingegneria o del commercio, fa una grande differenza se esiste una misura perfetta per il metro, il piede o la libbra. È discutibile se i parametri o le scale utilizzati nelle transazioni commerciali o nei progetti di costruzione possano essere descritti come assolutamente perfetti. Possono essere quasi completamente conformi ai pesi e alle misure standard conservati presso il Bureau of Standards nella capitale della nostra nazione, ma sono soggetti a errori, per quanto piccoli. Ma quanto sarebbe sciocco per qualsiasi cittadino alzare le spalle e dire: "Né tu né io abbiamo mai visto quelle misure standard a Washington; l'esistenza di tali misure nel Bureau of Standards è vitale per il corretto funzionamento della nostra intera economia. Per i 222.000.000 di americani che non li hanno mai visti sono assolutamente essenziali per l'attendibilità di tutti gli standard di misurazione a cui ricorrono nel corso della loro vita (1982, p. 28). l'esistenza di tali misure nel Bureau of Standards è vitale per il corretto funzionamento della nostra intera economia. Per i 222.000.000 di americani che non li hanno mai visti sono assolutamente essenziali per l'attendibilità di tutti gli standard di misurazione a cui ricorrono nel corso della loro vita (1982, p. 28).

Il fatto che non possediamo gli autografi originali della Bibbia non diminuisce in alcun modo l'utilità, o l'autorità, delle copie, così come un sovrintendente edile non essendo in possesso delle misure originali del Bureau of Standards diminuisce l'utilità o autorità dei dispositivi che impiega per erigere un edificio. Questo punto è reso ancora più evidente se si considera la natura irrilevante della stragrande maggioranza delle presunte discrepanze offerte dagli scettici come prova dell'origine non divina della Bibbia. La "qualità" delle "discrepanze" presentateci dagli scettici non rivela quanto sia disperato lo scetticismo nel cercare di trovare qualche discrepanza - qualsiasi discrepanza - all'interno del Testo Sacro? Ma a che fine? Come ha notato Archer:

Infatti, è da tempo riconosciuto dai massimi specialisti della critica testuale che se qualche variante decentemente attestata fosse ripresa dall'apparato di fondo pagina e fosse sostituita alla lettura accettata del testo standard, non vi sarebbe in nessun caso essere una singola, significativa alterazione della dottrina o del messaggio (1982, p. 30).

La maggior parte dei critici della Bibbia è completamente indifferente ai principi della critica testuale. Ignorano le regole di interpretazione e trattano la Bibbia in modo diverso da qualsiasi altro documento storico. Questi scettici presumono che i resoconti parziali di un evento siano resoconti falsi, che il linguaggio figurato debba essere interpretato alla lettera e che i numeri debbano essere sempre esatti e mai stimati. Ma la verità più frustrante da accettare per gli scettici riguarda gli errori dei copisti. Anche se i critici testuali negli studi secolari riconoscono prontamente tali errori quando studiano gli scritti di storici come Giuseppe Flavio, Tacito o Seutonio, i critici della Bibbia respingono ipocritamente le spiegazioni che coinvolgono gli errori dei copisti.

 ESEMPI DI ERRORI DEI COPISTI 

Chi ha ucciso Golia? ( 2 Samuele 21:19 ; 1 Cronache 20:5 )

Alcuni potrebbero essere sorpresi nello scoprire che una presunta contraddizione aleggia su una delle battaglie più famose mai avvenute sulla Terra: lo scontro tra Davide e Golia. Considerando che, in 1 Samuele 17 il resoconto dettagliato mostra chiaramente che Davide sconfisse il ribelle gigante filisteo (Goliath), 2 Samuele 21:19 dice che Goliath fu ucciso da " Elhanan, il figlio di Jaare-Oregim il Beth-lehemita" (ASV) . Inoltre, 1 Cronache 20:5 afferma che "Elhanan, figlio di Iair, uccise Lahmi, fratello di Goliath il Gattita, la cui asta era come un subbio di tessitore". Quindi chi ha effettivamente ucciso Golia? E come si inserisce Elhanan in tutto questo?

Innanzitutto, dobbiamo riconoscere che Jair e Jaareoregim sono la stessa persona. L'ampiamente citato Albert Barnes ha notato che questa difficoltà potrebbe essere iniziata quando oregim, la parola ebraica tradotta "tessitore" in questo passaggio, finì per essere messa sulla riga sbagliata da un copista, cosa che è stata notata accadere in diversi casi (vedi Spence ed Exell, 1978, 4:514). Pertanto, Jair, combinato con oregim, divenne Jaare-oregim per adattarlo alla corretta grammatica ebraica.

In secondo luogo, la frase "Lahmi il fratello di" è assente in 2 Samuele 21:19 . [La King James Version inserisce la frase "il fratello di" tra "Betleemita" e "Golia".] In ebraico, eth Lachmi (una combinazione di "Lahmi" e il termine "fratello") sembra essere stato cambiato in beith hallachmi (Bet-leemita) in 2 Samuele 21:19 . Con questa semplice correzione, i due testi sarebbero in chiaro accordo (Clarke, 1996). In altre parole, "il fratello di" e il nome "Lahmi" sono stati probabilmente erroneamente combinati da un copista per formare ciò che viene tradotto in inglese come "Beth-lehemita" in 2 Samuele 21:19 . Così, "il brano di 2 Samuele 21 è una corruzione perfettamente rintracciabile della formulazione originale, che fortunatamente è stata correttamente conservata in 1 Cronache 20:5 " (Archer, 1982, p. 179). Un corretto ed approfondito esame della presunta difficoltà mostra che in realtà c'è nessuna contraddizione, ma semplicemente l'errore di un copista.

Quanti anni aveva Ioiachin quando iniziò il suo regno? ( 2 Re 24:8 ; 2 Cronache 36:9 )

In 2 Re 24:8, leggiamo che Ioiachin succedette a suo padre come diciannovesimo re di Giuda all'età di diciotto anni . 2 Cronache 36:9 ci informa che aveva " otto anni quando divenne re". Fortunatamente ci sono abbastanza informazioni aggiuntive nel testo biblico per dimostrare l'età corretta di Ioiachin quando iniziò il suo regno su Giuda.

Non c'è dubbio che Ioiachin iniziò il suo regno a diciotto, non a otto anni. Questa conclusione è stabilita da Ezechiele 19:5-9, dove Jehoiachin sembra andare su e giù tra i leoni, catturare la preda, divorare gli uomini e conoscere le vedove degli uomini che ha divorato e le città che ha devastato. Come osservarono Keil e Delitzsch commentando questo passaggio: "La conoscenza delle vedove non può applicarsi a un ragazzo di otto anni, ma si potrebbe ben dire a un giovane di diciotto". Inoltre, è dubbio che un bambino di otto anni possa essere descritto come colui che ha fatto "male agli occhi del Signore" ( 2 Re 24:9 ).

La semplice risposta a questo "problema" è che un copista, non uno scrittore ispirato, ha commesso un errore. Uno scriba ha semplicemente omesso un dieci, il che ha reso Ioiachin otto invece di diciotto. Ciò non significa che la Bibbia contenesse errori negli autografi originali, ma indica che errori di scrittura minori si sono infiltrati in alcune copie della Bibbia. [Se hai mai visto l'alfabeto ebraico, senza dubbio riconoscerai che le lettere ebraiche (che erano usate per i numeri) potevano essere confuse abbastanza facilmente.]

Hadadezer o Hadarezer? ( 2 Samuele 8:3, 16, 19 ; 1 Cronache 18:3 ; KJV e ASV)

Questa discrepanza è ovviamente nata dall'errore di uno scriba. È molto probabile che Hadadezer (con una "d") sia la vera forma poiché "Hadad era l'idolo principale, o dio del sole, dei Siriani" (Barnes, 1997; cfr. Benhadad e Hadad di 1 Re 15: 18 ; 11:14 ; ecc.). Come ha affermato William Arndt, "D e R possono essere abbastanza distinti in apparenza in italiano, ma in ebraico sono fastidiosamente simili l'uno all'altro" (1955, p. XV). Non dovrebbero esserci dubbi nella nostra mente che Hadarezer sia semplicemente una forma corrotta di Hadadezer. Sicuramente si può vedere come un copista avrebbe potuto facilmente commettere questo errore.

Quando Absalom ha commesso tradimento? ( 2 Samuele 15:7 )

Quando il figlio di Davide, Absalom, finalmente tornò dopo aver ucciso il suo fratellastro Amnon, Secondo Samuele 15 indica che "dopo quarant'anni " trascorsi, Absalom lasciò di nuovo casa e commise tradimento. Chiunque conosca molto della storia israelita si rende presto conto che Assalonne certamente non trascorse 40 anni a casa durante questo periodo, poiché l'intero regno di Davide durò solo 40 anni ( 2 Samuele 5:4 ). Il numero indicato in 2 Samuele 15:7 dovrebbe essere probabilmente di quattro anni, che è più in linea con la vita di Assalonne, che nacque a Ebron dopo l'inizio del regno di Davide come re ( 2 Samuele 3:3). Il numero "quattro" concorda anche con versioni antiche come la Settanta, il siriaco, l'arabo e la Vulgata. Non c'è dubbio che il numero "quaranta" rappresenti un errore di copista.

Quante scuderie aveva Salomone? ( 1 Re 4:26 ; 2 Cronache 9:25 )

1 Re 4:26 indica che Salomone possedeva 40.000 scuderie. Tuttavia in 2 Cronache 9:25 viene dato il numero 4.000. Entrambi i numeri ovviamente non possono essere corretti. Probabilmente, i commentatori biblici rispettati Keil e Delitzsch avevano ragione quando affermavano che la cifra di quarantamila in 1 Re 4:26 "è un vecchio errore di copista" (1996, p. 39). Apprendiamo altrove nei libri di 1 Re e 2 Cronache che i carri di Salomone erano solo 1.400 ( 1 Re 10:26 ; 2 Cronache 1:14). Ha senso quindi che non possano essere necessari 40.000 cavalli. A titolo di confronto, Albert Barnes ha indicato che "i carri assiri avevano al massimo tre cavalli ciascuno, mentre alcuni ne avevano solo due. 4.000 [sic] cavalli avrebbero fornito l'intera squadra da tre a 1.200 e la squadra più piccola da due a 2000 carri " (1997). La cifra di quattromila sembra essere la più probabile delle due interpretazioni.

 L'ANTICO TESTAMENTO È ANCORA AFFIDABILE? 

Se ci sono errori di scrittura nelle copie odierne dell'Antico Testamento, molti si chiedono come possiamo essere certi che il testo della Bibbia sia stato trasmesso fedelmente attraverso i secoli? Non è possibile che sia stato corrotto in modo che la sua forma nella nostra presente Bibbia sia drasticamente diversa dalla fonte originale?

L'accuratezza del testo dell'Antico Testamento è stata dimostrata con forza dalla scoperta dei rotoli del Mar Morto. Prima del 1947, i più antichi manoscritti ebraici di lunghezza significativa non risalgono a prima del IX secolo d.C. Tuttavia, quando furono trovati i rotoli del Mar Morto (contenenti parti di tutti i libri dell'Antico Testamento ad eccezione di Ester), questa scoperta spinse il record dell'Antico Testamento testo indietro di quasi 1.000 anni. Queste copie furono prodotte tra il 200 aC e il 100 dC. Un rotolo trovato nelle grotte di Qumran era di particolare importanza. Era un rotolo del libro di Isaia, a cui mancavano solo poche parole. La cosa sorprendente di questo rotolo è che quando è stato confrontato con il testo di Isaia prodotto 900 anni dopo, i due corrispondevano quasi parola per parola con solo poche piccole variazioni.

La stretta concordanza del secondo Rotolo di Isaia del Mar Morto con i manoscritti del IX e X secolo mostra con quanta cura sia stata preservata la tradizione del testo che essi rappresentano.

Possiamo quindi ritenerci soddisfatti che il testo del nostro Antico Testamento sia stato tramandato in una riga senza seri cambiamenti dall'inizio dell'era cristiana e anche prima (come citato da Kenyon, 1939, pp. 69,88).

Sorprendentemente, un confronto dei testi ebraici standard con quello dei rotoli del Mar Morto ha rivelato che i due sono praticamente identici. Le variazioni (circa il 5%) si sono verificate solo in piccole differenze di ortografia e piccoli errori dei copisti. Così, come ha osservato René Paché: "Poiché si può dimostrare che il testo dell'Antico Testamento è stato trasmesso con precisione negli ultimi 2000 anni, si può ragionevolmente supporre che sia stato così trasmesso fin dall'inizio" (1971, p. 191) .

Anche all'interno dei vari passaggi della Scrittura si possono trovare numerosi riferimenti a copie della Parola di Dio scritta. [Sarebbe una conclusione gratuita presumere che esistesse solo una copia delle Scritture durante il periodo coperto dall'Antico Testamento.] Una copia del "libro della legge" fu conservata nel tempio durante i giorni del re Giosia (c. . 621 aC), dimostrando così che gli scritti di Mosè erano stati protetti nell'arco di quasi 1.000 anni ( 2 Re 22 ). Altri passaggi dell'Antico Testamento parlano del mantenimento delle Sacre Scritture nel corso degli anni ( Geremia 36 ; Esdra 7:14 ; Neemia 8:1-18 ).

Durante il ministero personale di Gesù, Egli lesse il rotolo di Isaia nella sinagoga di Nazaret e lo chiamò "Scrittura" ( Luca 4:16-21 ), un termine tecnico sempre impiegato nella Bibbia per una scrittura divina! Gesù ha approvato la verità che le Scritture dell'Antico Testamento erano state preservate fedelmente. Anche se Gesù leggeva da una copia di Isaia, la considerava ancora la Parola di Dio. Quindi, la Scrittura era stata conservata fedelmente nello scritto. Inoltre, considerando che anche se Gesù condannò gli scribi dei Suoi giorni per i loro molti peccati, non è registrato un solo caso nella Scrittura in cui Egli indicò che erano infedeli nel loro lavoro di scribi. Sì, Gesù diede l'approvazione alle copie (e alle traduzioni, ad esempio i Settanta) dell'Antico Testamento leggendole e citandole. Non dovremmo fare di meno.

Uno dei grandi studiosi della lingua del testo dell'Antico Testamento fu il dottor Robert Dick Wilson (1856-1930). Maestro di oltre trentacinque lingue, Wilson ha accuratamente confrontato il testo dell'Antico Testamento con le iscrizioni su monumenti antichi (poiché queste due fonti trattavano di materiale comune). Come risultato della sua ricerca, ha dichiarato che "siamo scientificamente certi di avere sostanzialmente lo stesso testo che era in possesso di Cristo e degli apostoli e, per quanto si sa, lo stesso di quello scritto dai compositori originali di i documenti dell'Antico Testamento" (1929, p. 8).

Per il credente, è logico concludere che se esiste un Dio giusto ( Salmo 89:14 ; cfr 19:1 ), e si aspetta che l'uomo gli obbedisca ( Ebrei 5:8-9 ; Giovanni 14:15 ), allora la Sua Volontà deve essere preservata. Poiché l'uomo è suscettibile alle leggi religiose e morali di Dio, ne consegue sicuramente che Dio, mediante la sua provvidenza, conserverebbe copie accurate della sua Volontà divina, affinché coloro che sono creati "a immagine di Dio" ( Genesi 1,27 ) possano essere in grado di evitare le conseguenze della disubbidienza e avere accesso alle meravigliose benedizioni in Gesù Cristo (cfr 2 Timoteo 2,10 ). Come potremmo farlo se non avessimo accesso a copie accurate della Bibbia?

CHE DIRE DELL'AFFIDABILITÀ DEL NUOVO TESTAMENTO? 

Come si confrontano i documenti del Nuovo Testamento con altri documenti storici antichi? FF Bruce ha esaminato gran parte delle prove che circondano questa domanda nel suo libro, I documenti del Nuovo Testamento: sono affidabili?Come hanno notato lui e altri scrittori (ad es. Metzger, 1968, p. 36; Geisler e Brooks, 1990, p. 159), oggi esistono 5.366 manoscritti del Nuovo Testamento greco, in tutto o in parte, che servono per confermare l'esattezza del Nuovo Testamento. I migliori manoscritti del Nuovo Testamento sono datati intorno al 350 d.C., e forse uno dei più importanti di questi è il Codex Vaticanus, "il principale tesoro della Biblioteca Vaticana a Roma", e il Codex Sinaiticus, che fu acquistato dal britannici dal governo sovietico nel 1933 (Bruce, 1953, p. 20). Inoltre, i papiri di Chester Beatty, resi pubblici nel 1931, contengono undici codici (volumi manoscritti), tre dei quali contengono la maggior parte del Nuovo Testamento (compresi i vangeli). Due di questi codici vantano una datazione nella prima metà del III secolo, mentre il terzo scorre di poco più tardi, essendo datato nell'ultima metà dello stesso secolo (Bruce, p. 21). La John Rylands Library vanta prove ancora precedenti. Un codice papiraceo contenente parti di Giovanni 18 risale all'epoca di Adriano, che regnò dal 117 al 138 d.C. (Bruce, p. 21).

Un'altra attestazione dell'accuratezza dei documenti del Nuovo Testamento può essere trovata negli scritti dei cosiddetti "padri apostolici", uomini che hanno scritto principalmente dal 90 al 160 d.C. e spesso citati dai documenti del Nuovo Testamento (Bruce, p. 22 ). Ireneo, Clemente di Alessandria, Tertulliano, Taziano, Clemente di Roma e Ignazio (che scrissero prima della fine del II secolo) fornirono tutti citazioni da uno o più vangeli (Guthrie, 1990, p. 24). Altre testimonianze dell'autenticità del Nuovo Testamento sono le Antiche Versioni, che consistono nel testo del Nuovo Testamento tradotto in diverse lingue. Il latino antico e l'antico siriaco sono i più antichi, essendo databili alla metà del II secolo (Bruce, p. 23).

Il fatto è che il Nuovo Testamento gode di molta più documentazione storica di qualsiasi altro volume mai conosciuto. Rispetto ai 5.366 manoscritti greci "a sostegno" del Nuovo Testamento, ci sono solo 643 copie dell'Iliade di Omero, che è innegabilmente il libro più famoso dell'antica Grecia. Nessuno mette in dubbio il testo delle Guerre galliche di Giulio Cesare, ma ne abbiamo solo 10 copie, la prima delle quali è stata realizzata 1.000 anni dopo la sua scrittura. Abbiamo solo due manoscritti delle Storie e degli Annali di Tacito, uno del IX secolo e uno dell'XI. La storia di Tucidide, un'altra opera antica ben nota, dipende solo da otto manoscritti, il più antico dei quali datato intorno al 900 d.C. (insieme ad alcuni frammenti di papiro datati all'inizio dell'era cristiana). E la storia di Erodotosi trova in una situazione simile. "Tuttavia nessuno studioso classico ascolterebbe l'argomento secondo cui l'autenticità di Erodoto o Tucidide è in dubbio perché i primi manoscritti delle loro opere che sono di qualche utilità per noi sono oltre 1.300 anni più tardi degli originali" (Bruce, pp. 21). Bruce così dichiarò: "È un fatto curioso che gli storici siano stati spesso molto più pronti a fidarsi dei documenti del Nuovo Testamento rispetto a molti teologi" (p. 19). Nel 1968, Bruce Metzger, un professore di lunga data di lingua e letteratura del Nuovo Testamento a Princeton, dichiarò: "La quantità di prove per il testo del Nuovo Testamento ... è molto più grande di quella disponibile per qualsiasi antico autore classico che la necessità di ricorrere all'emendamento è ridotto alle più piccole dimensioni» (1968, p. 86). Veramente,

Le prove disponibili chiariscono che il Nuovo Testamento è stato trasmesso accuratamente negli ultimi 2000 anni con relativamente poche variazioni. Considera questo: poiché la King James Version è stata tradotta per la prima volta (nel 1611) e rivista (una delle ultime revisioni avvenuta nel 1769), sono venuti alla luce diversi manoscritti più antichi di quelli utilizzati nella traduzione KJV. Quando questi manoscritti sono stati confrontati e messi a confronto con quelli utilizzati nella traduzione della KJV, il testo greco utilizzato nella sua traduzione è risultato essere essenzialmente valido. Sebbene i traduttori della American Standard Version (pubblicata nel 1901) avessero accesso a manoscritti greci più antichi rispetto ai traduttori KJV, l'ASV differisce molto poco dalla KJV. E poiché la maggior parte delle differenze si vedono solo in materia di scelte di vocabolario, qualcuno che legge dalla KJV non ha difficoltà ad ascoltare una persona che legge dalla ASV. La verità è che se la lingua inglese non cambiasse costantemente, non ci sarebbe bisogno di più traduzioni della Bibbia. Possiamo essere certi di avere copie accurate del Nuovo Testamento oggi, un fatto attestato da più di 5.000 manoscritti del Nuovo Testamento greco.

Riferimenti: 

1. Archer, Gleason L. (1982), Enciclopedia delle difficoltà bibliche (Grand Rapids, MI: Zondervan).

2. Arndt, William (1955), La Bibbia si contraddice? (St. Louis, MO: Concordia).

3. Barnes, Albert (1997), Note di Barnes (database elettronico: Biblesoft).

4. Bruce, FF (1953), I documenti del Nuovo Testamento: sono affidabili? (Grand Rapids, MI: Eerdmans), quarta edizione.

5. Geisler, Norman L. e Ronald M. Brooks (1990), Quando gli scettici chiedono (Wheaton, IL: Victor Books).

6. Geisler, Norman L. e William E. Nix (1986), A General Introduction to the Bible (Chicago, IL: Moody), edizione riveduta.

7. Guthrie, Donald (1990), Introduzione al Nuovo Testamento (Downers Grove, IL: InterVarsity Press).

8. Hendrix, Eddie (1976), "Che dire di quegli errori di copista?" Firm Foundation, 93[14]:5, 6 aprile.

9. Holding, James Patrick (2001), " Errori del copista ".

10. Keil, CF e F. Delitzsch (1996 ristampa), Commentary on the Old Testament: 1 and 2 Kings, 1 and 2 Chronicles (Peabody, MA: Hendrickson).

11. Keil, CF e F. Delitzsch (1996), Keil e Delitzsch Commentary on the Old Testament (Electronic Database: Biblesoft), nuova edizione aggiornata.

12. Kenyon, Frederic (1939), La nostra Bibbia e gli antichi manoscritti (Londra: Eyre e Spottiswoode).

13. Metzger, Bruce (1968), Il testo del Nuovo Testamento (New York: Oxford University Press).

14. Pache, Rene (1971), L'ispirazione e l'autorità della Scrittura (Grand Rapids, MI: Eerdmans).

15. Spence, HDM, e Joseph S. Exell, eds. (1978), The Pulpit Commentary, Volume 4: Ruth, I & II Samuel (Grand Rapids, MI: Eerdmans).

16. Wilson, Robert Dick (1929), Un'indagine scientifica sull'Antico Testamento (New York: Harper Brothers).

http://helpmewithbiblestudy.org/5system_moses/dh13_copyistError.aspx