Catechismi/Catechismo di Heidelberg/heid24

Da Tempo di Riforma Wiki.
Versione del 13 giu 2020 alle 21:46 di Pcastellina (discussione | contributi) (Creata pagina con "{{Heid}} == Ventiquattresima domenica == '''D. 62. Perché dunque le nostre opere buone non possono essere la nostra giustizia davanti a Dio o essere perlo­meno una parte d...")
(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)

Indice generale

Catechismo di Heidelberg

Domeniche1 (1-2) - 2 (3-5) - 3 (6-8) - 4 (9-11) - 5 (12-15) - 6 (16-19) - 7 (20-23) - 8 (24-25) - 9 (26) - 10 (27-28) - 11 (29-30) - 12 (31-32) - 13 (33-34) - 14 (35-36) - 15 (37-39) - 16 (40-44) - 17 (45) - 18 (46-49) - 19 (50-52) - 20 (53) - 21 (54-56) - 22 (57-58) - 23 (59-61) - 24 (62-64) - 25 (65-68) - 26-27 (69-74) - 28-30 (75-82) - 31 (83-85) - 32 (86-87) - 33 (88-91) - 34 (92-95) - 35 (96-98) - 36-37 (99-102) - 38 (103) - 39 (104) - 40 (105-107) - 41 (108-109) - 42 (110-111) - 43 (112) - 44 (113-115) - 45 (116-119) - 46 (120-121) - 47 (122) - 48 (123) - 49 (124) - 50 (125) - 51 (126) - 52 (127-129) -

Ventiquattresima domenica

D. 62. Perché dunque le nostre opere buone non possono essere la nostra giustizia davanti a Dio o essere perlo­meno una parte d'essa?

R. Perché, per poter resistere davanti al giudizio di Dio, la giustizia deve essere perfetta e pienamente conforme alla legge divina (185), mentre anche le opere migliori in questa vita sono tutte imperfette e intaccate (contaminate) dal peccato (186).

D. 63. Le nostre opere buone non meritano quindi nulla, nonostante Dio voglia ricompensarle in questa vita e nella vita futura (187)?

R. Questa ricompensa non è data per merito, ma è un dono della grazia (188).

D. 64. Ma questa dottrina non rende forse negligenti ed empi?

No, poiché è impossibile che coloro che sono piantati (innestati) in Cristo mediante una vera fede non portino frutti di riconoscenza (189).

Riferimenti biblici

  • (185) "«Maledetto chi non si attiene alle parole di questa legge, per metterle in pratica!» - E tutto il popolo dirà: «Amen»" (Ga. 27:26); "Infatti tutti quelli che si basano sulle opere della legge sono sotto maledizione; perché è scritto: «Maledetto chiunque non si attiene a tutte le cose scritte nel libro della legge per metterle in pratica»" (Ga. 3:10).
  • (186) "Tutti quanti siamo diventati come l'uomo impuro, tutta la nostra giustizia come un abito sporco; tutti quanti appassiamo come foglie la nostra iniquità ci porta via come il vento" (Is. 64:6).
  • (187) "Rallegratevi e giubilate, perché il vostro premio è grande nei cieli; poiché così hanno perseguitato i profeti che sono stati prima di voi" (Mt. 5:12); "Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo cercano" (Eb. 11:6).
  • (188) "Così, anche voi, quando avrete fatto tutto ciò che vi è comandato, dite: "Noi siamo servi inutili; abbiamo fatto quello che eravamo in obbligo di fare"»." (Lu. 17:10); "Ho combattuto il buon combattimento, ho finito la corsa, ho conservato la fede. Ormai mi è riservata la corona di giustizia che il Signore, il giusto giudice, mi assegnerà in quel giorno; e non solo a me, ma anche a tutti quelli che avranno amato la sua apparizione" (2 Ti. 4:7,8).
  • (189) "Un albero buono non può fare frutti cattivi, né un albero cattivo far frutti buoni" (Mt. 7:18); "Non c'è infatti albero buono che faccia frutto cattivo, né vi è albero cattivo che faccia frutto buono; perché ogni albero si riconosce dal proprio frutto; infatti non si colgono fichi dalle spine, né si vendemmia uva dai rovi. L'uomo buono dal buon tesoro del suo cuore tira fuori il bene; e l'uomo malvagio, dal malvagio tesoro tira fuori il male; perché dall'abbondanza del cuore parla la sua bocca" (Lu. 6:43-45).