Confessioni di fede/Elvetica/28

Da Tempo di Riforma Wiki.
Versione del 13 giu 2020 alle 19:23 di Pcastellina (discussione | contributi) (Creata pagina con "{{Elvetica}} == XXVIII. I beni della Chiesa == === Le proprietà della Chiesa ed il loro legittimo uso === La Chiesa di Cristo possiede dei beni grazie alla generosità dei...")
(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)

Indice generale

Confessione di fede elvetica del 1566

1 -  2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11 - 12 - 13 - 14 - 15 - 16 - 17 - 18 - 19 - 20 - 21 - 22 - 23 - 24 - 25 - 26 - 27 - 28 - 29  30 - -

 

 

XXVIII. I beni della Chiesa

Le proprietà della Chiesa ed il loro legittimo uso

La Chiesa di Cristo possiede dei beni grazie alla generosità dei principi e alla liberalità dei fedeli, che hanno donato i loro beni alla Chiesa. Essa ha infatti a che fare con dei beni e ne ha avuto fin dall’antichità per sostenere le spese necessarie per la Chiesa. Ora il vero uso dei beni ecclesiastici è stato anticamente, come esso è ancora oggi, quello di conservare la dottrina nelle scuole e sante assemblee, con tutto il culto, le cerimonie e gli edifici sacri, come pure di provvedere ai dottori, ai discepoli e ai ministri, con tutte le altre cose necessarie e soprattutto di soccorrere i poveri e nutrirli. Si devono quindi scegliere persone timorate di Dio, sagge e che sappiano ciò che si­gnifica provvedere alla famiglia, per ben amministrare i beni della Chiesa.

L’abuso dei beni della Chiesa

Ora se i beni della Chiesa vengono trasformati in abuso per l’ingiuria del tempo e l’audacia, la follia o l’avarizia di alcuni, bisogna che siano ricondotti al loro buono e santo uso da persone timorate di Dio e prudenti. Non bisogna infatti in alcun modo rendersi conniventi o dissimulare in un abuso congiunto con un sacrilegio. Ecco perché noi insegniamo che bisogna riformare le scuole e i collegi corrotti nella dottrina, nel culto di Dio e nei costumi, e che si deve anche stabilire religiosamente con retta coscienza e prudenza un buon ordinamento per il sostentamento dei poveri.