Confessioni di fede/Gallicana/32

Indice generale

Confessione di La Rochelle (o Gallicana)

Articolo I - Articolo II - Articolo III - Articolo IV - Articolo V - Articolo VI - Articolo VII - Articolo VIII - Articolo IX - Articolo X - Articolo XI - Articolo XII - Articolo XIII - Articolo XIV - Articolo XV - Articolo XVI - Articolo XVII - Articolo XVIII - Articolo XIX - Articolo XX - Articolo XXI - Articolo XXII - Articolo XXIII - Articolo XXIV - Articolo XXV - Articolo XXVI- Articolo XXVII - Articolo XXVIII - Articolo XXIX - Articolo XXX - Articolo XXXI - Articolo XXXII - Articolo XXXIII - Articolo XXXIV - Articolo XXXV - Articolo XXXVI - Articolo XXXVII - Articolo XXXVIII - Articolo XXXIX - Articolo XL

Articolo XXXII - L'unione fra le chiese

Noi crediamo pure che è cosa buona e utile che coloro che sono eletti per essere sovraintendenti cerchino insieme i mezzi da mettere in atto per dirigere ed amministrare tutto il corpo della chiesa. Tuttavia, che essi non si discostino da ciò che ci è stato comandato da nostro Signore Gesù Cristo.

Gli usi locali

Questo naturalmente non impedisce che vi sia qualche ordinamento particolare in ogni luogo, a seconda che la comodità potrà richiedere.

Atti 6:3; 14:23; 15:2, 24-28; 1 Pietro 5:1-4; 1 Corinzi 14:26, 33, 40.
 
Nota. Il termine "sovrintendenti" non designa una nuova categoria di ministri. Questo à stato precisato dal Sinodo nazionale del 1603: "Il termine sovrintendente non si deve intendere come se vi sia una qualche superiorità di un pastore sull'altro, ma si dice in generale di tutti coloro che hanno una qualche carica nella chiesa" (La Disciplina del 1559, cap. 1, art. 18, proibisce che questo titolo sia dato a chiunque eserciti quest'ufficio.