Confessioni di fede/cfv1662/Articolo 17

Da Tempo di Riforma Wiki.
Versione del 19 mag 2020 alle 00:31 di Pcastellina (discussione | contributi) (Creata pagina con "{{cfv1662}} == Articolo 17 - Unione con Cristo == '''Che noi abbiamo unione con Jesu Christo e communione a' suoi beneficij, per la fede, la quale si appoggia sopra le promes...")
(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)

Indice generale

Confessione di fede valdese 1662

Intro - 1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11 - 12 - 13 - 14 - 15 - 16 - 17 - 18 - 19 - 20 - 21 - 22 - 23 - 24 - 25 - 26 - 27 - 28 - 29 - 30 - 31 - 32 - 33 - Errori condannati -Atto 1894 -

Articolo 17 - Unione con Cristo

Che noi abbiamo unione con Jesu Christo e communione a' suoi beneficij, per la fede, la quale si appoggia sopra le promesse di vita che ci sono fatte nell'Evangelio.

Prove

  • "Così la fede viene da ciò che si ascolta, e ciò che si ascolta viene dalla parola di Cristo" (Romani 10:17).
  • "Infatti non mi vergogno del vangelo; perché esso è potenza di Dio per la salvezza di chiunque crede; del Giudeo prima e poi del Greco" (Romani 1:16).
  • "...affinché egli vi dia, secondo le ricchezze della sua gloria, di essere potentemente fortificati, mediante lo Spirito suo, nell'uomo interiore, e faccia sì che Cristo abiti per mezzo della fede nei vostri cuori, perché, radicati e fondati nell'amore siate resi capaci di abbracciare con tutti i santi quale sia la larghezza, la lunghezza, l'altezza e la profondità dell'amore di Cristo" (Efesini 3:16-18).
  • "Egli è pieno d'orgoglio, non agisce rettamente; ma il giusto per la sua fede vivrà" (Abacuc 2:4).
  • "Sono stato crocifisso con Cristo: non sono più io che vivo, ma Cristo vive in me! La vita che vivo ora nella carne, la vivo nella fede nel Figlio di Dio il quale mi ha amato e ha dato se stesso per me" (Galati 2:20).
  • "...ma a tutti quelli che l'hanno ricevuto egli ha dato il diritto di diventar figli di Dio: a quelli, cioè, che credono nel suo nome" (Giovanni 1:12).
  • "Chi crede nel Figlio ha vita eterna, chi invece rifiuta di credere al Figlio non vedrà la vita, ma l'ira di Dio rimane su di lui" (Giovanni 3:36).
  • "Gesù disse loro: «Io sono il pane della vita; chi viene a me non avrà più fame e chi crede in me non avrà mai più sete" (Giovanni 6:35).
  • "Giustificati dunque per fede, abbiamo pace con Dio per mezzo di Gesù Cristo, nostro Signore" (Romani 5:1).

Commento

Noi abbiamo unione con Gesù Cristo e comunione con i Suoi benefici, per mezzo della fede. Essa si appoggia sulle promesse di vita che ci sono fatte nell'Evangelo. La comunione di un uomo o di una donna con Cristo, accolto nella sua vita e che realizza ed esprime la sua riconciliazione e pace con Dio, si fonda sulla sua fede, suscitata e coltivata dall'ascolto della Sua Parola, quella che troviamo nelle Sacre Scritture. La Parola, infatti, è uno strumento potente nelle mani di Dio per produrre la fede salvifica, espressione della vita del giusto e mediante la quale Cristo abita in noi. Questa fede vivente è segno ed evidenza del fatto di essere figli di Dio. La presenza di questa fede vivente in Cristo è tale da spingere il credente a dire in verità: "Non sono più io che vivo, ma Cristo vive in me". E' così che la vita di una persona viene nutrita e cresce moralmente e spiritualmente.

In evidenza in questo articolo è il concetto di comunione salvifica con Cristo, realizzata attraverso il proprio nutrirsi fiduciosamente della Parola delle Sacre Scritture. Questo concetto si contrappone al sacramentalismo e a qualsiasi altro mezzo o condizione per il quale si suppone che una persona abbia comunione con Cristo.