Ecclesiologia/Donne e ministero cristiano/L'ordinazione delle donne e l'Antico Testamento

Da Tempo di Riforma Wiki.

Ritorno


L'ORDINAZIONE DELLE DONNE NELL'ANTICO TESTAMENTO

Mentre la questione dell'ordinazione delle donne appartiene propriamente alla sfera del Nuovo Testamento, la Chiesa, nel considerare l'intera Bibbia come “la regola della fede e della pratica”, si impegna a studiare tutti i problemi dell'intera rivelazione biblica. Quindi un approccio biblico a questo argomento deve tenere conto dell'Antico Testamento. Questa letteratura presenta i seguenti dati pertinenti:

  • I. L'apice dell'attività creativa di Dio era la razza umana, maschio e femmina (Gen. 1:26 ss.), Con i sessi complementari (Gen. 2:20 ss.) E che formavano un'unità (Gen. 2:23 ss., Cp. Mt . 19: 4ss., Mc. 10: 6ss., I Cor. 6:16), ognuno con il proprio posto e funzione distinti senza priorità e senza indipendenza. Alla razza nel suo insieme Dio diede il comando: “Siate fecondi e moltiplicatevi, riempite la terra e soggiogatela; e avere dominio ”(Gen. 1:28, cp. Sal. 8: 4 ss.). La sottomissione delle donne è vista come il risultato del peccato (Gen. 3:16). Da nessuna parte nell'Antico Testamento appare come parte dell'ordine creato. Ci si aspetterebbe che questa maledizione venga rimossa dalla redenzione.
  • La rivelazione di Dio è arrivata in un ambiente storico e culturale in cui il dominio maschile faceva parte della struttura sociale. Non si può insistere sull'assolutezza di nessuna norma sociale biblica. Quando i modelli culturali e sociali cambiano, le forme bibliche devono essere reinterpretate.
  • Dio parla e agisce tramite individui speciali sui quali pone il Suo Spirito. Nell'Antico Testamento c'erano:
    • Rivelatori della volontà divina attraverso la divinazione, il sacrificio, l'estasi, la parola, ecc. (Cfr. Ger 18:18, Ez. 7:26). In questa classe troviamo:
      • Il sacerdote, la cui funzione era quella di indovinare mediante sacra sorte per determinare la volontà di Dio e dare istruzioni (torah). Era la persona santa tramite la quale l'israelita si avvicinò a Dio in adorazione. Ha quindi svolto una duplice funzione.
      • Il profeta, la cui preoccupazione era "la parola del Signore". Era il portavoce divino, rivelatore del consiglio e dell'attività divini (Amos 3: 7). Servì anche come intercessore per il popolo davanti a Dio (cfr. Gen. 20: 7, Ger. 7:16, 51: 1).
      • Il saggio (e l'anziano), dotato di saggezza e in grado di consigliare secondo la volontà e il piano divini (cfr. Ger. 18:18, Ez: 7:26).
    • Coloro che agiscono per Dio in una veste speciale come: capi del popolo (es. Mosè e Giosuè), giudici (giudici delle controversie minori), carismatici (come Eud, Debora, Gedeone, Sansone, Saulo, ecc.) E re (come reggente divino).

In entrambe le aree troviamo donne che servono. Nell'ufficio profetico notiamo donne illustri come Miriam (Es. 15:20 ss.), Deborah (Giudici 4: 4s.) E Huldah, consultate dal re Giosia (II Re 22:12 ss., II Cron. 34:20 ss.) ). Debora ha ricoperto un triplice incarico: profetessa, giudice (dispensando giustizia nella regione montuosa di Efraim, Giudici 4: 4 ss.) E carismatica (incitando Barak a combattere i Cananei, lei stessa dirige la battaglia, Giudice 4: 6 ss.) . Inoltre, i medium (come la donna di Endor, I Sam. 28: 7 e seguenti) e la falsa profetessa (come Noadiah, Neh. 6:14) furono consultati dal popolo e credevano in grado di rivelare la volontà divina. In un caso una donna si sedette sul trono di Israele e governò per sei anni (II Re 11: 3).

Sebbene le occasioni fossero poche, Dio non disdegnava di parlare e agire per mezzo delle donne, e il popolo a quanto pare le riconosceva come servitrici divine. Non sorprende che i numeri fossero pochi. È piuttosto notevole, e quindi più significativo, che ce ne sarebbe dovuto essere uno.

  • I sacri uffici di profeta, sacerdote e re (quelli solitamente identificati con il ministero) non erano né indispensabili né permanenti. Quando l'ufficio profetico fu degradato da coloro che pronunciavano “parole piacevoli”, il vero portavoce di Dio rinunciò a qualsiasi relazione con esso (Amos 7:14, cfr. Zaccaria 13: 3 e seguenti). I profeti descrissero il sistema sacrificale come estraneo alla vera adorazione (Ger. 7:22 ss., Amos 5:21 ss., Mic. 6: 6 ss.), Prevedendo la distruzione del tempio (Ger 7: 1-15) che a potrebbe essere stabilita la corretta adorazione. Con il tempio e il sacrificio va il sacerdozio. Ancora una volta, l'ufficio reale, promesso come eterno dal patto (Salmo 89: 3s., I Cron. 17:12ss., II Cron. 6:16) è negato da alcuni dei profeti in quanto in armonia con il piano divino (I Sam. 8: 10: 18 e seguenti, Os. 8: 4,12: 9, 13, 13: 9 e seguenti). Inoltre, non si prevedeva che questi uffici passassero direttamente al Nuovo Ordine. Dovevano essere consumati nella venuta dell'ideale (cfr. Deut. 18:15 ss., Hos. 12:10 sgg., Zacc. 6:12 e seguenti, io Sam. 2:35, Sal. 110: 4, Isa. 9: 1ss., 11: 1ss., Mic. 5: 2ss, Ezek. 34: 23s. cp. Anche Isa. 42: 6, 52: 13 e seguenti), che il Nuovo Testamento interpreta giustamente come adempiuto in Gesù Cristo. Qualunque continuità possano avere questi uffici nel Nuovo Testamento, la loro natura e qualifiche sembrerebbero essere dettate dal loro adempimento in Cristo e non dagli uffici come costituiti nell'Antico Testamento.
  • Mentre nell'Antico Testamento le persone chiamate in modo speciale erano dotate dello Spirito divino per agire a nome della divinità, era previsto un tempo in cui tale non sarebbe stato più il caso, ma lo Spirito divino sarebbe stato versato su ogni carne, figli e figlie, servi e schiave allo stesso modo, e tutti avrebbero profetizzato (Gioele 2:28 segg. ., cp. Ger. 31: 31-34). Questa volta il Nuovo Testamento vede compiersi a Pentecoste (Atti 2:17 ss.). Si nota l'assenza di qualsiasi distinzione nei sessi.
  • Mentre sotto l'Antica Alleanza il maschio era la figura dominante e solo riceveva il marchio di appartenenza (circoncisione) alla comunità dell'alleanza, nella Nuova Alleanza il segno di appartenenza (battesimo) è goduto sia dal maschio che dalla femmina, entrambi ugualmente parte della comunità, non essendoci più alcuna distinzione ma tutti sono uno in Cristo ( Gal. 3:28).
  • Gli uffici ordinati di profeta, sacerdote e re (solitamente associati al ministero) avevano un duplice funzione: agire per conto di Dio e delle persone. Se c'è qualche simbolismo da trovare in quanto un uomo può rappresentare al meglio la divinità (maschile in Israele senza alcuna controparte femminile) davanti al popolo, con un argomento simile la rappresentazione del popolo davanti a Dio sembrerebbe simbolizzata in modo più appropriato da una donna. Si nota che Israele è conosciuta come la moglie di Dio (es. Os. 2:16, Ger. 3: 8, 20, Ez. 16: 8), come madre (es. Os. 2: 2, 5, Ez. 16 ) e come figlia (ad es. Isa. 1: 8, Ger. 4:31, Ez. 16:44, Mic. 4: 8). Inoltre questo è pienamente in armonia con il simbolismo della Chiesa come "Sposa di Cristo".