Ecclesiologia/Sacramenti o magia

Da Tempo di Riforma Wiki.

Ritorno


Sacramenti e magia 

STEPHEN C. PERKS, GIOVEDÌ 16 GIUGNO 2020

Non ci sono "sacramenti" nella Bibbia. Il sacramento è un concetto estraneo alla visione biblica del mondo. È interessante osservare che dove il pensiero sacramentale è forte, il pensiero pattizio è di solito molto debole, spesso inesistente. Ciò che di solito viene frainteso come "sacramenti" nelle Scritture sono veramente segni del patto, dell'alleanza, non sacramenti.

Un "sacramentum" era originariamente una somma di denaro depositata con un rappresentante dello Stato (uno dei tresviri capitales) quando un cittadino romano andava in tribunale. Il partito che perdeva il caso perdeva il suo sacramentum, che  poi veniva utilizzato per coprire i costi delle opere pubbliche, templi e sacrifici. Si chiamava sacramentum o perché se perforato era utilizzato per scopi religiosi o più probabilmente perché era depositato in un luogo sacro (Lewis e Short). In seguito si trattava di un giuramento, come quello prestato dai legionari, ma non era limitato ai giuramenti legionari. In seguito si trattava di un mistero, e poi la chiesa decise che da quel momento in poi avrebbe significato qualcosa che non aveva mai significato prima, vale a dire il segno esteriore di una grazia interiore.

Sacramento, nel senso in cui la parola è usata oggi e dalla chiesa per la maggior parte della storia, è stata un'invenzione della chiesa per rafforzare la sua crescente ritualizzazione della fede e la concentrazione del potere nelle mani della casta sacerdotale, e il suo sviluppo andava, e va ancora, di pari passo con l'abbandono del principio dell'alleanza. Il concetto è estraneo alla teologia biblica. Dove la teologia sacramentale è forte la teologia dell'alleanza è di solito molto debole.

Il grado in cui si accetta l'intera idea dei "sacramenti" è il grado in cui non si comprende la teologia dell'alleanza biblica e si adotta una sorta di atto magico invece di una comprensione della fede cristiana. È anche il grado in cui il cristianesimo viene abbandonato come religione e diventa invece un semplice culto misterico. La circoncisione, la Pasqua, il Battesimo e la Cena del Signore (cioè l'agape ,la Pasqua cristiana) sono riti dell'alleanza, segni e suggelli dell'alleanza, non "sacramenti". Il concetto di sacramento nel senso usato dalla Chiesa è un'idea estranea alla Scrittura. Non ci sono sacramenti nella Bibbia. La parola non è stata nemmeno usata nel senso che viene utilizzata oggi e per la maggior parte della storia della chiesa fino a circa al III secolo d.C. (è stata usata per la prima volta in questo senso da Tertulliano, c. 155–240 dC).

Fondamentale per il concetto di sacramento è l'idea che la corretta esecuzione del rituale possa produrre un effetto nel destinatario e in effetti anche nel mondo esterno, in modo che tutto ciò debba fare per praticare la fede e persino riformare il mondo sia praticare la corretta liturgia nella Chiesa, e dove la liturgia è ritenuta difettosa per riformare la liturgia secondo qualsiasi teoria sacramentale che si crede corretta. Il termine corretto per questo tipo di credenza è "magia". L'esecuzione di quello che è considerato un rituale corretto è alla base di tutte le forme di magia. La fede nel potere del rituale (magia) è completamente pagana, eppure è questa convinzione che struttura, governa e si manifesta oggi nella stragrande maggioranza delle Chiese cristiane, come ha fatto in effetti nel corso della maggior parte della storia della Chiesa, e questo è così per le Chiese protestanti e carismatiche non meno che nelle Chiese episcopali tradizionali.

La Bibbia ha ben poco da dire sul rituale nella Chiesa cristiana, e Gesù stesso sembra aver parlato e si è comportato in modo tale che è impossibile derivare qualsiasi forma di rituale dal suo insegnamento o dalle sue azioni. Infatti, i rituali della Chiesa in generale non derivano dalla Bibbia (anche se la giustificazione del rituale stesso è spesso erroneamente derivata da un'errata comprensione dei sacrifici del tempio dell'Antico Testamento), ma piuttosto dai rituali religiosi romani pagani, che sono stati spogliati del loro contenuto pagano e poi dato una filtrazione cristiana superficiale. La fede nel potere del rituale, della magia, sostituì l'alleanza. Ma il cristianesimo non funziona per magia.

Dio opera attraverso la vita del suo popolo, attraverso la loro obbedienza alla sua parola (l'alleanza della grazia), vivendo come la vera società, il regno di Dio, che è un ordine sociale profetico controrivoluzionario, il cui scopo è quello di glorificare Dio convertendo tutte le nazioni, trasformando così il mondo, in modo che quando il Signore tornerà, i regni di questo mondo saranno diventati il regno del nostro Signore e del suo Cristo. Questo è quanto di più lontano da ciò che accade nella maggior parte delle Chiese oggi come è possibile ottenere.

La Chiesa oggi affronta disperatamente la necessità di una riforma, anzi di una riforma tanto grande quanto, ancor più grande, della Riforma del XVI secolo. Ma è improbabile che tale riforma avvenga mai, mentre le attuali strutture dell'autorità della Chiesa e la magia ufficiale che le sostiene mantengano la loro morsa sul corpo di Cristo. Sembra quindi inevitabile che il precursore di tale riforma non possa che essere un completo collasso e uno scarto definitivo di quelle strutture e delle ideologie che danno loro senso e vita. Se la casa deve essere ricostruita di nuovo secondo il disegno del Signore, le fondamenta storte su cui in precedenza si trovava per così tanto tempo devono essere ripulite per sempre.