Etica/Che cos'è il Libertarismo cristiano

Da Tempo di Riforma Wiki.
Versione del 23 mag 2021 alle 13:44 di Pcastellina (discussione | contributi)
(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)

Ritorno


Il Libertarismo cristiano 

Il cristianesimo a volte non ha una buona fama nei circoli libertari. Lo si comprende: cristiani professanti e chiese - abusando di principi biblici - hanno una lunga tradizione nell'usare lo Stato per imporre i principi in cui credono. Lo stesso vale per altre religioni che giustificano la tirannia. Eppure, sicuramente non deve essere così. Il cristianesimo fedele al suo mandato biblico è stato storicamente dalla parte della libertà. Il liberalismo classico si è sviluppato da una comprensione della visione del mondo cristiana che attribuiva un alto valore alla libertà di scelta a livello intra-umano. In effetti, i cristiani dovrebbero essere tra i più grandi fautori del libertarismo sul pianeta. Ma prima, dovremmo discutere molto brevemente alcune delle idee sbagliate sul cristianesimo che  causano una giustificata avversione fra i libertari. Dobbiamo quindi chiarire come esattamente il cristianesimo e il libertarismo di fatto si sostengano a vicenda e descrivere cosa sia effettivamente il "libertarismo cristiano".

Quattro idee sbagliate su cristianesimo e politica 

Il cristianesimo non sostiene il socialismo. Alcuni studiosi pensano che Gesù abbia insegnato essenzialmente la ridistribuzione della ricchezza e che la primitiva comunità cristiana in Atti 4 fosse una forma di struttura organizzativa socialista. Tuttavia, non si può negare che Gesù abbia enfatizzato l'assistenza volontaria, non la coercizione. I primi cristiani non costringevano le persone a essere caritatevoli, e infatti rispettavano la proprietà privata. Quel vecchio detto che probabilmente hai sentito, "Il denaro è la radice di tutti i mali", è in realtà una citazione errata della Bibbia. In realtà, si legge: "L'avidità del denaro infatti è la radice di tutti i mali e, per averlo grandemente desiderato, alcuni hanno deviato dalla fede e si sono procurati molti dolori" (1 Timoteo 6:10). E' l'avidità, e non il denaro, che porta al peccato.

Il cristianesimo non esalta la violenza e la guerra. È davvero un peccato che diverse chiese moderne abbiano abbandonato il messaggio pacifico del Vangelo cristiano per i mezzi dello Stato di "diffusione (violenta) della democrazia". Gesù è venuto per portare “Gloria a Dio nei luoghi altissimi, e pace in terra agli uomini, su cui si posa il suo favore” (Luca 2:14) e, per estensione, l'obiettivo del cristiano dovrebbe essere lo stesso .

Il cristianesimo non sostiene uno stato clericale. I principi biblici delineano una chiara distinzione fra chiese e stato e i ministri di ciascuna hanno competenze diverse. Politici cristiani hanno il dovere di promuovere e proporre (non imporre) leggi conformi alla volontà di Dio espressa nella sua Legge morale contenuta sia nell'Antico che nel Nuovo Testamento nella persuasione che essa è il meglio che la società umana possa avere. Questo, però, deve essere promosso nell'ambito del dibattito politico e democratico. Nel contempo esso si oppone al laicismo apparentemente neutrale rispetto alle religioni, perché esso vorrebbe di fatto imporre "religiosamente" la propria ideologia in concorrenza ad altre. Il termine "teocrazia" ha assunto oggi tratti negativi, ma se considerata rispetto ai canoni biblici essa è liberante e non oppressiva.

Il cristianesimo non è una teoria per legittimare lo Stato. Spesso il cristianesimo (come pure altre religioni) è stato sfruttato come instrumentum regni. I governi hanno un ruolo preminente nella Bibbia, ma in nessun modo si può estendere la loro presenza al loro diritto nel mondo. Anche Romani 13 e i famosi testi come "Rendete a Cesare", che molti considerano "testi classici" testi della Scrittura per comprovare la necessità del governo, sono da intendere piuttosto come argomenti prudenziali su come affrontare la presenza del governo che come giustificazioni del governo.

Quattro connessioni tra cristianesimo e libertarismo 

Il cristianesimo sostiene una teoria libertaria dei diritti di proprietà. La "proprietà di noi stessi" rispetto ad altri esseri umani è sostenuta nella Bibbia. Contrariamente a quanto molti vedono l'Antico Testamento, la schiavitù forzata era un reato capitale. Mentre tutti i sistemi economici di organizzazione hanno sistemi di proprietà, il cristianesimo in particolare concorda con i libertari sul principio della fattoria, che il primo utente è il determinante di come una risorsa possa essere utilizzata. Coloro che si appropriano indebitamente delle proprietà altrui sono considerati aggressori e trasgressori.

Il cristianesimo ama il mercato libero e l'interazione pacifica. La Bibbia è piena di esempi che mostrano chiaramente come l'interazione volontaria, cioè il libero mercato, sia di gran lunga preferibile alla coercizione. Oltre a mostrare la via per la salvezza, il messaggio di Dio agli uomini di tutto il mondo è che amare il prossimo come ami te stesso alla fine porta alla pace e alla prosperità. Naturalmente, questo principio non implica che non ci succederanno cose negative, ma trascende la sofferenza momentanea e possiamo tendere a raggiungerla.

Il cristianesimo afferma che nessuno dovrebbe ricevere speciali privilegi di posizione. Dio non mostra favoritismi, e quindi dobbiamo fare lo stesso. Tutti gli esseri umani sono uguali sotto la legge di Dio. Nessuno ottiene un permesso morale speciale per fare ciò che gli altri non possono fare perché indossa un'uniforme o perché il 51% della popolazione dice che dovrebbe.

Il cristianesimo dice che lo Stato è una ribellione contro la vera natura e il vero scopo dell'uomo. L'essere umano non era destinato a vivere sotto la costante minaccia di aggressioni da parte dell'autorità coercitiva e arbitraria di altre persone. Al contrario, dobbiamo vivere in relazioni pacifiche e amorevoli con Dio e il nostro prossimo. Tuttavia, quando non si accetta il governo di Dio, è probabile che si sviluppi la tirannia degli uomini attraverso il male dello statalismo. Lo Stato si pone invariabilmente in opposizione a Dio e mette le persone le une contro le altre.

Queste spiegazioni sono necessariamente brevi e, naturalmente, ci sono molti altri argomenti teologici e riferimenti scritturali che potrebbero essere discussi. Tuttavia, possiamo vedere chiaramente qui che cristianesimo e libertarismo hanno molto in comune. Sempre più cristiani in tutto il mondo si stanno rendendo conto che il loro precedente modo di intendere la politica non giova agli altri né onora Dio. I libertari cristiani hanno la risposta: smetti di dare al governo uno status teologico e morale speciale e ritira il tuo appoggio incondizionato. Lo Stato non è il Regno di Dio e non lo sarà mai.

Vedasi anche:

  • Libertarismo: [1]
  • Libertarismo cristiano: [2]
  • Opere di consultazione sul Libertarismo: [3] e [4]