Etica/Che cosa dice la Bibbia sulla proprietà privata

Da Tempo di Riforma Wiki.

Ritorno


La proprietà privata nella Bibbia

La Bibbia sostiene l'importanza di possedere e poter utilizzare la proprietà privata. È particolarmente sbagliato rubare o desiderare la proprietà di qualcun altro. A rigore di termini, tutte le proprietà sono di proprietà del Signore.

La proprietà privata nell'Antico Testamento

L'Antico Testamento parla molto della proprietà privata. Riguardo all'affermazione di cui sopra che tutta la proprietà è di proprietà del Signore, la Scrittura dice:

  • Esodo 19:6 dichiara che "tutta la terra è mia".
  • Esodo 9:29: "la terra è dell'Eterno".
  • Levitico 25:23: "Le terre non si venderanno per sempre; perché la terra è mia, e voi state da me come forestieri e avventizi". Dio è il proprietario ultimo, ma ha delegato l'amministrazione ai suoi portatori di immagine. Li ha chiamati al dominio o al governo su tutto ciò che ha fatto (Genesi 1:26-28). Preserva con cura i diritti degli individui di mantenere e utilizzare la propria terra e proprietà.
  • Due dei Dieci Comandamenti, "Non rubare" e "Non concupire", implicano e implicano la proprietà privata (Esodo 20:15, 17). Rubare implica prendere qualcosa che è di un altro. Concupire implica desiderare ciò che è di un altro. Come minimo, il divieto di rubare significa che è sbagliato prendere la proprietà di qualcun altro senza il suo permesso. Questo divieto è sottolineato sia nell'Antico che nel Nuovo Testamento.

Divieti divini contro lo spostamento dei marcatori di confine si verificano cinque volte in tutto l'Antico Testamento.

  • Deuteronomio 19:14 dice: "Non sposterai i termini del tuo prossimo, posti dai tuoi antenati, nell'eredità che avrai nel paese di cui l'Eterno, il tuo Dio, ti dà il possesso".
  • Questa ingiunzione è ripetuta in Deuteronomio 27:17: "Maledetto chi sposta il confine del suo prossimo!".
  • Proverbi 22:28 dice: "Non spostare il termine antico, che fu messo dai tuoi padri".
  • Proverbi 23:10 avverte: "Non spostare il termine antico, e non entrare nei campi degli orfani".
  • In un elenco di coloro che fanno il male, Giobbe 24:2 include: “Gli empi spostano i termini, rapiscono greggi e li menano a pascere».
  • In 1 Re 21, la storia del rimprovero del profeta Elia di Acab e Jezebel per l'omicidio di Nabot e la loro acquisizione della sua vigna è una classica storia biblica di furto. Elia pronuncia un severo giudizio su Acab e Jezebel per questa azione malvagia.

La proprietà privata nel Nuovo Testamento

Questo divieto di rubare non era, ovviamente, unico per gli antichi ebrei. Anche Roma ha reso questo crimine punibile con la morte, tanto seriamente hanno considerato un'azione del genere.

Il cristianesimo ha ereditato questo divieto:

  • Nel Nuovo Testamento, Gesù ripete alcuni dei Dieci Comandamenti al giovane ricco, incluso "Non rubare" (Marco 10:9; Luca 18:20).
  • Dopo aver incontrato Gesù, Zaccheo promette una quadruplice restituzione a coloro che ha defraudato (Luca 19:8).
  • In Romani, Paolo sostiene che l'ottavo comandamento fa parte di ciò che significa amare il prossimo tuo come te stesso (Romani 13:9).
  • In 1 Corinzi 6:9-10, Paolo elenca i ladri abituali come coloro che non erediteranno il regno di Dio. Paolo afferma chiaramente: “Chi rubava non rubi più, ma s'affatichi piuttosto a lavorare onestamente con le proprie mani, onde abbia di che far parte a colui che ha bisogno” (Efesini 4:28).

I cristiani hanno accettato il divieto biblico del furto e hanno continuato a elaborarne le implicazioni. Giovanni Calvino riteneva che la rimozione della pietra di confine fosse un atto di duplice inganno, poiché era sia un atto di furto che di falsa testimonianza. È evidente che il Nuovo Testamento ribadisce con enfasi il divieto di furto, che implica chiaramente la tutela della proprietà privata. Inoltre, il controverso passaggio di Atti 2-5 non costituisce un'eccezione a ciò, poiché i primi credenti conservavano la proprietà privata pur essendo generosi con i loro beni. Hanno condiviso volontariamente ciò che avevano attraverso quello che sembra essere stato un accordo temporaneo.

Il rispetto biblico per le proprietà e i beni degli altri è stato fondamentale per stabilire il benessere umano in tutto il mondo moderno e le società che hanno tenuto conto di questi principi sono state un passo più vicine all'esperienza di prosperità e crescita per tutti.