Etica/I cristiani dovrebbero

Da Tempo di Riforma Wiki.
Versione del 30 gen 2021 alle 17:44 di Pcastellina (discussione | contributi) (Creata pagina con "Ritorno ---- = I cristiani dovrebbero giudicare?  = I cristiani dovrebbero giudicare, emettere giudizi? Gesù comanda di giudicare rettamente e dice anche di...")
(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)

Ritorno


I cristiani dovrebbero giudicare? 

I cristiani dovrebbero giudicare, emettere giudizi? Gesù comanda di giudicare rettamente e dice anche di non giudicare. Il Signore si è contraddetto? Oppure la Bibbia dice di più sul giudicare di quanto viene generalmente insegnato?

Non giudicare? Ma Gesù insegna ripetutamente a giudicare rettamente ["Non giudicate secondo l'apparenza, ma giudicate secondo giustizia" (Giovanni 7:24)]. Egli pure loda un uomo in questo modo: "Hai giudicato giustamente" (Luca 7:43). Paolo svergognava i cristiani di Corinto perché nessuno tra loro era disposto a giudicare pure piccole questioni: "Non sapete voi che i santi giudicheranno il mondo? E se il mondo è giudicato da voi, siete voi indegni di giudicare dei piccoli problemi?" (1 Corinzi 6:2). Egli pure scrive che: "colui che è spirituale giudica ogni cosa ed egli non è giudicato da alcuno. ... Or noi abbiamo la mente di Cristo" (1 Cor. 2: 15-16).

Da dove mai è uscita l'idea che non si dovrebbe mai giudicare? I molestatori di bambini dovrebbero sfuggire alla condanna? Gli stupratori dovrebbero essere liberi dalle critiche? La società dovrebbe astenersi dal giudicare gli arrestati per omicidio? Perché qualcuno dovrebbe giudicare gli altri per aver giudicato? E se un pastore insegna a "non giudicare" sull'aborto e l'omosessualità, cosa direbbe di un membro di chiesa che invece di donare sottrae denaro dal piatto della colletta?

Una bugia ha parzialmente paralizzato la chiesa. Dio mette in guardia contro l'amore ipocrita che pregiudica il dovere di detestare il male ed attenersi fermamente al bene (Romani 12:9). Tuttavia, per aborrire il male, è necessario prima giudicare il male. Allo stesso modo, dobbiamo giudicare per poter ubbidire al comando di Gesù che dice: "State attenti a voi stessi! Se tuo fratello pecca contro di te, riprendilo; e se si pente, perdonagli" (Luca 17:3). Sicuramente esiste il giudizio ipocrita di coloro che condannano altri e così occultano le proprie trasgressioni, ma si tratta di un abuso del giudicare, non di un divieto di giudicare tout-court. "Non giudicate, affinché non siate giudicati. ... Ipocrita, togli prima dal tuo occhio la trave e poi ci vedrai bene per togliere la pagliuzza dall'occhio di tuo fratello" (Matteo 7:1,5). "E perché non giudicate da voi stessi ciò che è giusto?" (Luca 12:57). Il concetto ricorre anche nei Profeti: "Tu, che hai giudicato le tue sorelle, porta il tuo vituperio, perché con i peccati che hai commesso ti sei resa più abominevole di loro; esse sono più giuste di te. Sì, vergognati e porta il tuo vituperio, perché hai giustificato le tue sorelle" (Ezechiele 16:52). Cristo ha continuato a ripetere questo tema nel suo ministero. "Non giudicare" si riferisce solo al giuramento ipocrita.

"Non giudicare" è il paradiso degli ipocriti. Chi vive in una casa di vetro non dovrebbe lanciare sassi. Tali cristiani dovrebbero trasferirsi nel "tempio del grande Dio ... essendo costruito con grosse pietre" (Esdra 5: 8). Lo stesso re Davide, qualora peccasse, esorta i giusti a giudicarlo: "Mi percuota pure il giusto, sarà una cortesia; mi riprenda pure, sarà come olio sul capo; il mio capo non lo rifiuterà. Ma la mia preghiera continua ad essere contro le loro opere malvagie" (Salmo 141:5).

I cristiani vivono nell' "edificio" per il quale Cristo è "la principale pietra angolare" (Efesini 2:20). E se quella Pietra cade su qualcuno, "lo ridurrà in polvere" (Matteo21:44; Luca 20:18; cfr. Esodo 32:20). Meglio essere giudicati da un cristiano che schiacciati da Cristo. Come scrisse Paolo dell'uomo che "osserva i giusti requisiti della legge", egli "giudicherà te che ... sei un trasgressore della legge" (Romani 2: 26-27).

La cultura che difende e promuove l'omosessualismo ripete la frase come un mantra: "Non giudicare, non giudicare, non giudicare", e lo fa fintanto che le masse non ne siano ipnotizzate. Gesù non intendeva questo.

La Scrittura tratta argomenti che vanno dalla verità semplice a quella più avanzata. Il latte è per i bambini in Cristo; la carne è per gli uomini di Dio. La questione se i cristiani debbano giudicare o meno ha a che fare con "il latte". È prescolare. Il nuovo credente che avesse insegnato uno qualsiasi dei cento passaggi avrebbe capito immediatamente che doveva giudicare. Giudicare gli altri è fondamentale. Non è un concetto difficile e non dovrebbe in alcun modo essere controverso.

"Chiunque infatti usa il latte non ha esperienza della parola di giustizia, perché è ancora un bambino" (Ebrei 5:13). Oggi molte chiese sono "intollerante al lattosio": hanno problemi con il latte.

L'estrema ignoranza della Bibbia ha paralizzato ampi settori della Chiesa. E quella paralisi rallenta ogni denominazione danneggiando le associazioni locali. Qual è la percentuale di cristiani che hanno ceduto all'inganno "Non giudicare"? C'è anche l'uno per cento dei credenti che non si è innamorato di questo diversivo? Un quarto di secolo di osservazione suggerisce a questo autore che probabilmente 99 credenti su 100 citano erroneamente Gesù ripetendo il mantra "Non giudicare". I credenti devono allontanarsi da questo peccato e chiedere a Dio la saggezza per evitare di essere di nuovo ingannati così facilmente.

"Maledici Dio e muori!". È questo un buon consiglio? Parola per parola, è nella Bibbia. La moglie di Giobbe consiglia al marito di "maledire Dio e morire" (Giobbe 2:9). Molti versi, se strappati dal loro contesto, possono rovinare delle vite. Giuda "andò e si impiccò" (Matteo 27: 5) e come disse Gesù: "Va 'e fa' lo stesso" (Luca 10:37). Il credente che non ha fame della parola di Dio è soggetto ai pericoli più assurdi.

Si ode oggi anche chi dice, per esempio, che la pena di morte, pure prescritta nella Bibbia e comminata a comprovati assassini, sia sbagliata perché sarebbe "sbagliato mettere a morte l'immagine di Dio". Tuttavia, chi dice così non ha mai affrontato pure l'incongruenza di mettere in prigione l'immagine di Dio.

"Non giudicare" è la preghiera di chi vuole nascondere la lampada sotto un secchio. Il cliché descrive il sale, che ha perso il suo sapore, che non condisce più né conserva. Questa seducente bugia porta le sue vittime fuori strada. In quanto spettatori in disparte, essi assistono alla battaglia spirituale dall'esterno. Ma sono in una zona di comfort. "Non giudicare" significa sottrarsi alla responsabilità.

Ai Giudei Dio disse: "Così ha detto il Signor degli eserciti: Se tu cammini nelle mie vie, ed osservi ciò che io ho ordinato che si osservi, tu giudicherai la mia Casa, e guarderai i miei cortili; ed io ti darò di camminare fra costoro che son qui presenti" (Zaccaria 3: 7 Diodati). I membri del Corpo di Cristo oggi sono meno capaci di Israele a cui Dio comandò di “giudicare rettamente” (Deuteronomio 1: 16-17; Levitico 19:15)? Mosè nominò giudice il capo di una famiglia su dieci (Esodo 18:25; Deuteronomio 1:15). I cristiani dovrebbero buttare via l'intero libro dei Giudici? Dovrebbe forse il nostro paese elimiinare tutti i giudici o dovrebbero dimettersi solo i giudici cristiani? I credenti dovrebbero ignorare l'ammonimento di Paolo (1 Corinzi 6: 2-5):

"Non sapete voi che i santi giudicheranno il mondo? E se il mondo è giudicato da voi, siete voi indegni di giudicare dei piccoli problemi? Non sapete voi che noi giudicheremo gli angeli? Quanto più possiamo giudicare le cose di questa vita! Se avete dunque delle cause giudiziarie per cose di questa vita, stabilite come giudici quelli che nella chiesa sono i meno stimati. Dico questo per farvi vergogna. Così, non c'è tra voi neppure un savio, che nel vostro mezzo sia capace di pronunciare un giudizio tra i suoi fratelli?".

Notate che i cristiani "giudicheranno il mondo!" (1 Corinzi 6: 2). Perché Paolo disse: "...se il mondo è giudicato da voi ..." Dio il Giudice delega il giudizio al Suo popolo. Alcuni pensano che vada controcorrente rispetto a quanto osservato da Paolo nel capitolo precedente (1 Corinzi 5:12-13):

"Tocca forse a me giudicare quelli di fuori? Non giudicate voi quelli di dentro? Ora è Dio che giudica quelli di fuori. Perciò togliete il malvagio di mezzo a voi".

Primo, questo verso dovrebbe mettere in chiaro chiunque sia confuso dall'insegnamento del "non giudicare". Perché dovrebbero riconoscere immediatamente che l'apostolo Paolo dà per scontato che i cristiani giudicheranno giustamente i loro compagni di fede.

In secondo luogo, se perdi che Paolo usa un tipico contrasto ebraico solo per dare una prospettiva, fraintenderai il suo punto. Allo stesso modo fraintenderesti Gesù quando disse di odiare tuo padre e tua madre e fraintenderesti Dio in Geremia quando disse: Non ti ho mai comandato di dare olocausti!". Questi esempi, come con Dio di aver odiato Esaù, e Paolo qui, usano l'iperbole per creare un contrasto estremo nel tentativo di far bene comprendere il punto (che le persone ottuse non comprendono a prescindere). Dovresti amare Dio così tanto che è come se tu odiassi padre. Quando Dio comanda a Israele di obbedirGli in ogni cosa, è come se non avesse nemmeno ordinato loro di portare offerte, in confronto . Lo scopo specifico di Dio e l'attenzione data a Giacobbe era come se odiasse il piccolo Esaù. Così anche qui in 1 Corinzi 5, l'enorme obbligo del credente di giudicare gli altri credenti fa sì che non abbia l'obbligo di giudicare i non credenti. L'iperbole è riconosciuta dal contesto dell'intera Bibbia che richiede al popolo di Dio di giudicare i non credenti, siano essi criminali, coloro che peccano solo per distruggere se stessi, i propri figli, i propri vicini, i propri figli, ecc. Nessun cristiano si astiene dal giudicare i non credenti e persino la loro coscienza li afferma quando giudicano giustamente i malvagi. Eppure in disaccordo molti citano questo verso per testardaggine, egoismo e orgoglio.

Quindi, dal punto di vista del giudizio di coloro che sono all'interno della chiesa rispetto a quelli all'esterno, Paolo li contrappone per rendere chiaro il nostro obbligo maggiore. La Bibbia presenta un credente che giudica un non credente, per esempio, quando Giovanni Battista "rimproverò" il re per "tutti i mali che Erode aveva fatto" (Luca 3: 18-19; ecc.) E invece di rimproverarlo, Gesù disse di "quelli nati da donna non c'è un profeta più grande di Giovanni ..." (Luca 7:28). La Scrittura ha innumerevoli esempi simili. Elia giustiziò 450 "profeti di Baal" non credenti (1 Re 18:22, 40). Davide giudicava gli atei "stolti" ( Sal 53: 1) e ha scritto che "detesta" i malvagi (Salmi 139: 22). Ma non puoi farlo senza giudicare né puoi nemmeno sognare di seguire Isaia 54:17, "Ogni lingua che si leva contro di te in giudizio, la condanneresti". I seguaci di Cristo devono scrollarsi di dosso la polvere dai loro piedi quando lasciano i miscredenti (Matteo 10:14) e non gettare le loro perle "davanti ai porci" (Matteo 7: 6). Paolo scrisse che i credenti possono usare correttamente  la legge contro gli empi, i peccatori, i fornicatori, i sodomiti e i bugiardi (1 Timoteo 1: 8-11) . Salomone istruisce i credenti a "rimproverare i malvagi" (Proverbi 24:25 ).

Quindi il passaggio del "giudice dentro il corpo" di Paolo in 1 Corinzi 5 non contraddice il resto della Bibbia. Poiché le Scritture insegnano un messaggio coerente anche riguardo al giudizio. Pertanto, la tensione è solo apparente e ha una semplice risoluzione. Ovviamente Dio ci comanda di amare padre e madre (1 Giovanni 4:11; Matteo 19:19; Romani 13: 9; ecc.). Eppure Gesù disse che non possiamo essere suoi discepoli a meno che non li odiamo  (Luca 14:26 ) usando quella tipica figura retorica ebraica per insegnare la prospettiva. Nella misura in cui ami Cristo, è come se odi i tuoi stessi genitori. In Geremia 7: 21-23 Dio insiste: "Non ho ... comandato ... olocausti o sacrifici. Ma questo è ciò che ho comandato loro, dicendo: 'Obbedisci alla mia voce ...'". Il cristiano che non coglie questa iperbole, nella sua testardaggine di essere cieco al punto di vista di Dio, potrebbe concludere che il Levitico non faccia realmente parte delle Scritture. Allo stesso modo, rispetto alla portata del nostro obbligo di giudicare i compagni di fede, è come se potessimo essere apatici verso coloro che sono al di fuori della chiesa e non giudicare anche loro. Perché non giudicare quelli al di fuori del Corpo sarebbe come odiarli. Quanto sarebbe bizzarro ed egocentrico astenersi dal rimproverare un genero pigro, un razzista, un donnaiolo, solo perché non credenti. Quindi sì, giudichiamo il mondo, perché amiamo il mondo, ma ancora più importante, i credenti si giudicano a vicenda.

Ritornando a 1 Corinzi 6, notate che anche gli esseri spirituali si sottometteranno ai giudizi dei credenti. "Non sai che giudicheremo gli angeli?" Allora come ora, i credenti dovrebbero "giudicare ... secondo i miei giudizi" (Ezechiele 44:24) come Dio ha detto. L'Onnipotente affida il giudizio nelle mani dei Suoi servitori obbedienti (Apocalisse 20: 4).

Se Dio fosse l'unico giudice, i peccati di tutti gli uomini sarebbero “chiaramente evidenti, prima del giudizio” (1Tim. 5: 24a). Ma poiché gli esseri umani giudicheranno i loro simili nel Giorno del Giudizio, quindi i peccati "di alcuni uomini seguiranno in seguito" (1Timoteo 5:24b). I giudici umani saranno già stati consapevoli dei peccati di uomini famigerati. Ma non verranno a conoscenza dei peccati di uomini oscuri fino a quando non saranno rivelati nel Giorno del Giudizio. Inoltre, questi giudici umani diventeranno allora consapevoli dei peccati di dirigenti, celebrità e persino membri della famiglia che avevano accuratamente nascosto la loro malvagità.

Enoc, il settimo da Adamo, potrebbe averlo saputo. Perché ha detto "Ecco, il Signore è venuto con le sue sante miriadi, per far giudizio contro tutti e per convincere tutti gli empi di tutte le opere d'empietà che hanno commesso empiamente e di tutte le parole offensive che gli empi peccatori hanno proferito contro di lui" (Giuda 14-15). Il Signore con i suoi santi giudicherà il mondo!

Anche Gesù disse: "Gli uomini di Ninive risorgeranno nel giudizio con questa generazione e la condanneranno ..." (Matteo12:41). E come scrisse Salomone, “la gelosia è il furore di un marito; perciò, non risparmierà [l'adultero che ha violato sua moglie] nel giorno della vendetta. Non accetterà alcuna ricompensa né sarà placato ”(Proverbi 6: 34-35). Dio dà la responsabilità della vendetta, della condanna e del giudizio ai Suoi servitori per “ogni lingua che si leva contro di te in giudizio, tu condannerai. Questa è l'eredità dei servi del Signore" (Isaia 54:17), quindi" Dì al mio popolo la sua trasgressione ", dice il Signore," e alla casa di Giacobbe i suoi peccati "(Isaia 58: 1).

Oggi, molti credenti stanno effettivamente dicendo: “Signore, no grazie. Lascerò ad altri giudicare". Ma Paolo risponde: Inizia ora a giudicare, perché avrai bisogno della pratica (1 Corinzi 6: 2-5). Ricorda: “Colui che è spirituale giudica tutte le cose. Perché ... abbiamo la mente di Cristo ”(1 Corinzi 2: 15-16). Gesù disse: "voi ... avete omesso le questioni più importanti della legge, del giudizio, della misericordia e della fede: avreste dovuto farlo" (Matteo 23:23). E Dio ricompenserà quelli che giudicano e ne fanno il duro lavoro: "Ma quelli che rimproverano l'empio troveranno delizie, e su di loro scenderanno le migliori benedizioni" (Proverbi 24:25).

Prendendo in prestito i personaggi di CS Lewis, immaginate questo dialogo tra un giovane demone di nome Berlicche e il suo malvagio zio Malacoda. Questo diabolico dialogo potrebbe essere avvenuto un secolo fa:

Berlicche: "I credenti hanno così tante armi a loro disposizione. È difficile neutralizzarli. Ci vuole uno sforzo enorme solo per rallentare il lavoro di un solo cristiano".

Malacoda: "Il tuo approccio individuale è inefficiente. Questa è l'era della pubblicità e del marketing di massa. Se riesci a indebolire l'intero gruppo in una volta, allora realizzi qualcosa".

Berlicche: "Sfortunatamente, non sono molto produttivo. Nel tempo che mi ci vuole per frustrare un credente, potrei tentare una dozzina di pagani".

Malacoda: "Non perderti d'animo, Berlicche. Stiamo implementando un piano per danneggiare l'intera Chiesa con un unico stratagemma".

Berlicche: "Non vedo come sarà possibile. Vedo cristiani impegnati ad avvertire gli altri dell'inferno. È tutto quello che posso fare solo per distrarre uno di loro per un breve periodo".

Malacoda: "Useremo le stesse parole del loro capo".

Berlicche: "No! Per favore non farlo. Non scherzare nemmeno sull'uso delle sue parole. Non ce la faccio".

Malacoda: "Se mai diventerai un demone efficace, dovrai imparare a usare le parole del Nemico contro di Lui".

Berlicche: "Sembra così pericoloso. Quali parole userete?".

Malacoda: "Non giudicare!".

Berlicche: "Non capisco perché avrebbe detto loro di non giudicare. Questo è confuso. Ha comandato ai suoi seguaci di rimproverare, ammonire e giudicare centinaia di volte nel suo libro. Ed è quello che stanno facendo là fuori . E potrei aggiungere, mi sta causando dolore".

Malacoda: "Quando il loro capo ha detto quelle parole, stava parlando agli ipocriti. 'Non giudicare ... ipocrita', come ha detto più avanti nello stesso paragrafo".

Berlicche: "Sì, ma come useremo il "Non giudicare" per neutralizzare l'intera Chiesa?".

Malacoda: "Faremo in modo che ignorino il fatto che stava parlando con degli ipocriti. Ha detto che gli ipocriti non dovrebbero giudicare, almeno non finché non smetteranno di fare l'atto sbagliato da soli. Ma gli faremo pensare che nessuno di loro dovrebbe giudicare, mai".

Berlicche: "È fantastico ... se riesci a farcela, lo è. Voglio dire, se riusciamo a convincerli a smettere di giudicare, non rimprovereranno i malvagi. E non saranno in grado di ammonire coloro che sono sessualmente immorali".

Malacoda: "È ancora più brillante di quanto pensi. Se riusciamo a indurre i cristiani a seguire le istruzioni per gli ipocriti, li trasformeremo in ipocriti. È come i lavoratori del governo che seguono regole sciocche in modo così preciso da essere trasformati da esseri umani in burocrati; droni che dispensano distrattamente la burocrazia indipendentemente dalla disgrazia che causano lo schiavo che obbedisce volentieri al suo padrone, comincia a conformarsi al padrone. Se i credenti si sottomettono volontariamente a un'istruzione per ipocriti, si conformeranno all'ipocrisia. Alla fine, con un po 'di sfortuna, potremmo impedire loro di affrontare del tutto i miscredenti perché, come sapete Berlicche, per confrontarsi richiede un giudizio. E se non giudicano i miscredenti, sono ipocriti, professano il Vangelo ma ne negano il potere".

Berlicche: "Ah, ah. Sono emozionato. Quando iniziamo?".

Malacoda : "Tutto è già in corso. Fai solo la tua parte".

Berlicche: "E questo è ...?".

Malacoda: "Assicurati che i tuoi obiettivi leggano il meno possibile del Libro. Non preoccuparti troppo se si attengono ai loro venti cliché preferiti. Ma assicurati che rimangano ignoranti della maggior parte della Parola".

Berlicche: "Maestro, sei brillante."

Malacoda: "Puoi chiamarmi Signore se vuoi, ma non farti sentire dal capo".

 

https://kgov.com/should-christians-judge