Etica/Il principio di non aggressione e la virtù della pazienza

Da Tempo di Riforma Wiki.

Ritorno


IL PRINCIPIO DI NON AGGRESSIONE E LA VIRTÙ DELLA PAZIENZA

Uno dei valori fondamentali di un cristiano libertario nella missione, visione e valori fondamentali di LCI è che "Una società civile e libera dipende dal rispetto del principio di non aggressione":

L'etica modellata da Cristo e dalla Chiesa primitiva ci chiama a cambiare il mondo e costruire il Regno di Dio attraverso il servizio piuttosto che con la forza; attraverso la persuasione piuttosto che la coercizione. L'uso della forza politica per costringere un comportamento etico non può cambiare i cuori e si limita a contrastare la nostra lotta contro il peccato, la morte e il male. I cristiani devono invocare il ravvedimento dal peccato con umiltà e mai con violenza. In quanto tale, un'etica costantemente cristiana incarna sempre la non aggressione.

Come scrive Alan Kreider in "The Patient Ferment of the Early Church", la non aggressione era fondamentale per la fede e la testimonianza dei cristiani prima di Costantino. Come scrisse Lattanzio (ca. 250-ca. 325) negli Istituti Divini,la non violenza dei primi cristiani proibiva qualsiasi forma di violenza o uccisione, inclusi l'aborto, l'infanticidio, la pena capitale e la guerra. Inoltre, come Tertulliano e Cipriano prima di lui, Lattanzio ha sostenuto che l'atteggiamento cristiano verso la testimonianza e la missione deve essere uno di pazienza e dialogo piuttosto che di coercizione.

Questa esigenza di non violenza, credeva Lattanzio (in seguito a Tertulliano e Cipriano), scaturiva dalla virtù della pazienza. Questi primi teologi consideravano la pazienza come "la virtù suprema" e centrale per il carattere di Dio, rivelata in modo più vivido attraverso la vita, il ministero, la morte e la risurrezione di Gesù Cristo. Vediamo il carattere paziente di Dio come Dio ha trattato con generosità e pazienza l'umanità e gli israeliti, sopportando il nostro peccato, rivelando il carattere di Dio a poco a poco man mano che il popolo di Dio è diventato capace di comprenderlo, e alla fine si è chinato per accogliere la nostra umanità prendendolo su di sé nel incarnazione. Lo vediamo nell'insegnamento e nella dimostrazione di Gesù di rifiutarsi di ripagare il male con il male, ma invece di amare i nostri nemici e pregare per loro. Come ha scritto Tertulliano nel suo trattato Sulla pazienza, "La pazienza è la natura stessa di Dio" ( De Patientia 3.11).

Come la non violenza deriva dalla pazienza e la pazienza è resa possibile dalla fede e dalla speranza nella risurrezione, così la violenza è il frutto dell'impazienza, della mancanza di fede e della disperazione. Come spiega Tertulliano, l'impazienza è al centro di tutti i peccati umani, a cominciare dal primo peccato di Adamo ed Eva. Quando sorgono problemi o tentazioni e dubitiamo della bontà e della fedeltà di Dio, decidiamo con impazienza di prendere in mano noi la situazione. E così mentiamo, o rubiamo, o imbrogliamo. Forse ci scateniamo con rabbia o frustrazione. Non sopportiamo pazientemente la nostra tentazione o la nostra prova, confidando che Dio ci accompagni attraverso di essa.

In ambito politico, forse la nostra impazienza si manifesta come il desiderio di costringere gli altri a fare come vorremmo noi, sia che si tratti di rinunciare a una parte del loro reddito, di pagare le tasse e di seguire i regolamenti per quasi tutti gli sforzi umani, o di affrontare le minacce della violenza del governo e della reclusione per essersi impegnati in determinati comportamenti o possedere determinati oggetti che riteniamo sgradevoli.La nostra impazienza e mancanza di fede ci porta a temere che gli altri non facciano le scelte personali che pensiamo dovrebbero fare, e quindi cerchiamo con impazienza di usare la violenza dello stato per costringerli a comportarsi come pensiamo che dovrebbero. O forse votiamo con impazienza per "il minore di due (o più) mali" e alziamo le spalle al comportamento e alle politiche dei nostri politici favoriti, perché ci diciamo che "il fine giustifica i mezzi" o "è meglio dell'alternativa . "

Come un cane che torna al suo vomito, scegliamo con impazienza la via della violenza ancora e ancora, nonostante l'evidenza intorno a noi che, come scrive Tertulliano,la violenza è destinata al fallimento e non potrà mai portare ai risultati che promettono:"Ora, niente di intrapreso attraverso l'impazienza può essere effettuato senza violenza, e tutto ciò che è stato fatto con la violenza non ha avuto successo o è crollato o è precipitato nella sua stessa distruzione ”( Pat. 10.8). Per questo motivo, Lattanzio ha incoraggiato i cristiani a non preoccuparsi della persecuzione: non è necessario ricorrere ad azioni impazienti per cercare di proteggere o preservare il cristianesimo. La persecuzione porta con sé i suoi semi di autodistruzione, così come tutti i tentativi di costringere la fede e la fede degli altri.

Non sorprende, quindi, che tutti i tentativi di proibizione o controllo portino a un aumento della violenza e al contrario dei risultati attesi. La guerra alla droga, ad esempio, è stata condotta per quasi 50 anni, è costata ai contribuenti circa 1 trilione di dollari e ha rovinato innumerevoli vite trattando i consumatori di droga non violenti oi coltivatori di marijuana come criminali violenti. La violenza dello Stato, a sua volta, genera la violenza del mercato nero, ed è tutto inutile.

Poiché il sangue dei martiri era il “seme della chiesa” mentre la violenza dei persecutori danneggiava la loro stessa causa, anche la testimonianza cristiana è gravemente danneggiata quando i cristiani attaccano la loro religione alla violenza autodistruttiva dello stato. Qualsiasi tentativo di utilizzare l'apparato statale per controllare il comportamento non violento tra adulti consenzienti è di per sé violento, poiché dipende dalla violenza o dalla minaccia della violenza per applicarla. Se incarnare la pazienza e la non violenza vivificanti e pacificatrici è il modo in cui cerchiamo di emulare il carattere di Dio rivelato in Gesù Cristo, incarnare l'impazienza e la violenza che portano alla distruzione può solo significare che stiamo emulando il carattere di Satana. Satana viene solo per rubare, uccidere e distruggere, ma Gesù è venuto per darci una vita abbondante (Giovanni 10:10).

Come cristiani libertari, cerchiamo di incarnare la virtù della pazienza mentre viviamo la nostra fede, affidando tutto a Dio. Non cerchiamo freneticamente di costringere gli altri a credere o a comportarsi come noi, ma abbiamo fiducia in Dio e usiamo lo stesso approccio paziente che Dio ha sempre usato nei rapporti con l'umanità. Rispondiamo alle lotte, alle sofferenze, alle tentazioni e ai maltrattamenti con pazienza, se confidiamo in Dio e amiamo i nostri nemici. Poiché siamo pazienti, non abbiamo paura di come gli altri eserciteranno il loro libero arbitrio terreno e quindi non cerchiamo di limitare la loro libertà per farci sentire meglio. In questo modo, emuliamo il carattere paziente e non violento di Dio come rivelato in modo più perfetto in Gesù Cristo, rendendolo visibile a coloro che ci circondano. Attraverso questo vivere incarnato della nostra fede, possiamo mantenere l'integrità - le nostre azioni corrisponderanno alle nostre parole - mentre confidiamo pazientemente nei metodi di Dio per realizzare un cambiamento genuino nei cuori e nelle menti.

Ruth Ryder

23 maggio 2018


La violenza non è mai un mezzo di salvezza

La virtù cristiana primitiva della pazienza (e quindi della non violenza) e il principio libertario di non aggressione sono concordi: il mondo non può essere cambiato fondamentalmente in meglio attraverso mezzi violenti e coercitivi - piuttosto, l'unico modo realizzare un mondo più pacifico è comportarsi pacificamente. I cristiani dei primi tre secoli (come si evince dagli scritti di Giustino Martire, Tertulliano, Origene, Cipriano, Clemente di Alessandria e altri) capirono che la natura incarnazionale del cristianesimo, derivata dalla stessa incarnazione di Cristo, significava che non vi dovevano esservi discrepanze tra le loro parole e il loro comportamento. Semmai, il loro comportamento sarebbe stato in definitiva più importante ed efficace che le parole nell'evangelizzare.

Questo comportamento era caratterizzato da una pazienza non violenta che rifiutava l'omicidio in tutte le sue forme, sia che si trattasse di guerra, pena capitale, aborto, infanticidio o anche solo lo spettacolo dei giochi dei gladiatori. Era questa pazienza distintiva e incarnata ad essere la forza trainante dietro l'improbabile e sorprendente crescita del cristianesimo da una piccola e misteriosa religione ai margini dell'Impero Romano nella più grande religione del mondo entro il V secolo. I cristiani si comportavano in modo diverso da tutti gli altri, e questa differenza rinfrescante ha offerto uno spiraglio di speranza in mezzo a un mondo violento, attirando molti a informarsi sulla fede di questi cristiani e parecchi dei quali a diventare cristiani essi stessi.

La violenza era vista come un prodotto dell'impazienza. L'impazienza, a sua volta, può scaturire dal terrore della nostra stessa mortalità. Come sostiene Grace M. Jantzen in Foundations of Violence (2004), la violenza nasce da un'ossessione culturale e da una paura della morte che può essere fatta risalire all'antichità classica. Attingendo al concetto di habitus del sociologo francese Pierre Bourdieu, sostiene che questa disposizione radicata sia della necrofilia che della necrofobia ci modella e ci condiziona alla violenza senza la nostra consapevolezza cosciente.

La glorificazione classica della guerra e il concetto di morire della nobile morte, come nell'archetipo dell'Iliade di Omero, permea ancora la società occidentale. Negli Stati Uniti, questo diventa inevitabilmente ovvio ogni Memorial Day e Independence Day, poiché ci viene "ricordato" di rendere omaggio con riverenza a coloro che "hanno sacrificato la propria vita per la nostra libertà". La paura della nostra mortalità, unita a una romanticizzazione culturalmente consacrata di altri che muoiono per il bene della società, è alla radice della guerra, dell'aborto e di tutti gli atti violenti. Jantzen propone che l'antidoto sia la formazione di un habitus orientato alla vita e allo sviluppo; un riorientamento verso la nostra "natalità" condivisa - il fatto che siamo tutti nati, piuttosto che il fatto che moriamo tutti.

Mettendo insieme queste due prospettive, sin può dire che l'amore per la morte sia un frutto del primo peccato fondamentale da cui derivano tutti gli altri peccati: l'idolatria. Il problema principale corretto dalla morte di Gesù sulla croce, è che gli esseri umani hanno abbandonato la loro vocazione vocazionale di portare l'immagine di Dio nel mondo e farla fiorire. Com'è stato detto: "... gli umani sono stati creati per essere "viceregenti". Cioè, dovevano agire per conto di Dio nel suo mondo. Ma questo è possibile e può sfuggire a una seria e pericolosa distorsione solo quando l'adorazione precede l'azione. Solo coloro che adorano il Creatore saranno abbastanza umili da ricevere l'affidamento della sua amministrazione. Questa è l '"alleanza della vocazione". ... Questo è ciò che si perde quando gli umani decidono di ribellarsi e prendere ordini invece dall'interno del mondo stesso . Questo è il motivo per cui, nella visione sviluppata all'interno delle tradizioni di Israele, il "peccato" fondamentale è in realtà l'idolatria, adorare e servire qualsiasi cosa al posto dell'unico vero Dio. E, poiché gli esseri umani sono fatti per la vita che viene da Dio e solo da Dio, adorare ciò che non è Dio significa innamorarsi della morte".

È concepibile che l'impazienza dell'habitus dominante del mondo sia guidato da un'ossessione più profonda e dalla paura della morte. Terrorizzati dalla nostra stessa mortalità, ci aggrappiamo disperatamente a ciò che vogliamo, anche se questo significa che qualcun altro deve morire. La nostra glorificazione della "nobile morte" ci permette simultaneamente di raffigurare le nostre vittime come nobili e volontari sacrifici. Considera l'aborto, spesso motivato dalla paura di una madre del proprio destino nel caso in cui avesse un (altro) figlio, mentre il bambino è simultaneamente disumanizzato ("un ammasso di cellule senza diritti") ed esaltato per il suo volontario e nobile sacrificio (" "esso" preferirebbe morire piuttosto che vivere in povertà, aumentare la povertà di "sua" madre o contribuire alla "sovrappopolazione globale"!). Pertanto, molte madri e coppie scelgono l'opzione impaziente dell'aborto (o addirittura uccidono i propri figli dopo la nascita), nello stesso modo in cui l'aborto e l'esposizione letale dei bambini erano comuni nell'antica Roma.

Nonostante il rifiuto dell'aborto da parte di molti cristiani evangelici, sembra che il loro habitus rifletta meno la pazienza incarnata dei primi cristiani di quanto non faccia l'etica a due livelli promossa da Costantino e Agostino. Prima di Costantino, era stato difficile riconoscerlo come un nuovo cristiano da altri cristiani. L'ammissione alla Chiesa richiedeva un lungo processo di catechesi e di esame del comportamento del catecumeno, potenzialmente fino a due anni, prima che potesse essere battezzato e partecipare come membro a pieno titolo della comunità. Costantino, e più tardi Agostino, contribuirono a inaugurare una trasformazione che poneva maggiore enfasi sulla capacità (piuttosto rapida e indolore) di ripetere a pappagallo la fede ortodossa rispetto al compito più impegnativo di modellare un comportamento simile a Cristo.

Questo cambiamento è stato accompagnato da una nuova etica secondo la quale gli unici cristiani richiesti per incarnare la precedente virtù della pazienza erano quelli specificamente chiamati a una vocazione religiosa, rimossi dal mondo e in un monastero dove potevano pregare per il mondo senza il rischio del mondo che li cambia (o loro che cambiano il mondo). Tutti gli altri erano ora tenuti a uno standard inferiore, e questo ha portato ad ammettere eccezioni al principio cristiano di non violenza. Sia Costantino che Agostino sostenevano la legittimità di usare i poteri coercitivi e violenti dello stato per promuovere la loro agenda "divina, inclusa l'eliminazione di ciò che consideravano eresia, la creazione di un impero unificato attorno a una religione comune e la diffusione della cristianità ufficiale in tutto il mondo.

Quando gli evangelici sostengono che sia possibile per qualcuno essere un autentico cristiano nonostante un comportamento perpetuo, impenitente e non etico perché "è un presidente, non un pastore", e che questo in qualche modo li giustifichi nel dare il loro pieno e inqualificato sostegno dietro una persona del genere, questo non era lo Spirito presente tra i primi cristiani. È invece lo spirito di Costantino e Agostino, che sostenevano come la pazienza simile a quella di Cristo non fosse abbastanza "veloce" o "efficiente" nel realizzare gli scopi di Dio nel mondo, e quindi l'opportunità richiedesse l'abbraccio del potere e della violenza dello stato. Lo stesso spirito opera quando i cristiani difendono senza dubbi ogni intervento militare o l'uso della forza contro criminali non violenti.

Quando gli fu offerto il potere di stato, se i cristiani avessero risposto come Gandalf a Frodo quando gli fu offerto l'Anello del Potere, avrebbero potuto dire:

"No! ... Con quel potere dovrei avere un potere troppo grande e terribile. E su di me lo [stato] guadagnerebbe un potere ancora più grande e più mortale…. Non mi tentare! Perché non desidero diventare come lo stesso Signore Oscuro. Eppure la via dello [stato] al mio cuore è la pietà, la pietà per la debolezza e il desiderio di forza per fare il bene. Non mi tentare! Non oso prenderlo, nemmeno per tenerlo al sicuro, inutilizzato. Il desiderio di maneggiarlo sarebbe troppo grande per la mia forza. Ne avrò tanto bisogno. Davanti a me ci sono grandi pericoli" (JRR Tolkien, La compagnia dell'anello, libro uno, cap. II).

Eppure alcuni cristiani hanno avidamente afferrato il metaforico Anello del Potere, e da allora li governa. Al posto del fascino e dell'amore per la vita che porta al rinnovamento e al fiorire, molti cristiani hanno adottato il fascino della morte e della distruzione. Il primo nasce dalla fede e dalla speranza nella risurrezione: una fede nel potere del Vangelo di diffondere il regno di Dio sulla terra ora e una creazione completamente rinnovata in seguito. Si rivela in una pazienza segnata dall'amore disinteressato e dal rifiuto di ogni forma di violenza e coercizione. Al contrario, coloro che praticano l'impazienza sono contrassegnati dall'accoglienza di mezzi violenti e coercitivi, un rispetto per l'opportunità che consente di giustificare qualsiasi comportamento a causa della presunta necessità.

Se i primi cristiani avevano ragione (e se Gesù aveva ragione quando disse che possiamo riconoscere un albero dai suoi frutti), allora le nostre pratiche rivelano chi serviamo veramente. Sebbene Costantino, Agostino e tutti gli impazienti statalisti cristiani che seguirono al loro seguito cercassero di separare le parole dal comportamento, la verità è che farlo è semplicemente un mezzo per mascherare l'idolatria. Con la nostra idolatria abbiamo abrogato la nostra stessa vocazione, consegnato il nostro potere e la nostra autorità a forze non divine e non umane, che hanno poi dilagato, rovinando vite umane, devastando la bella creazione e facendo del loro meglio per trasformare Dio mondo in un inferno.

Quando affidiamo allo Stato il potere di usare la forza per "compiere la volontà di Dio", abroghiamo la nostra vocazione e commettiamo l'idolatria di confidare nello Stato più che in Gesù Cristo. Dovevamo aiutare a salvare il mondo abbracciando la nostra vocazione, prendendoci cura di tutta la creazione di Dio e riportando la pace incarnandola, non cooptando un'istituzione violenta per farlo per noi. Non possiamo salvare il mondo in nessun altro modo. I fini e i mezzi sono inseparabili: l'unico modo per raggiungere gli scopi di Dio è essere veramente rifatti a immagine di Cristo, che non ha tracciato una distinzione tra la Parola di Dio e il suo comportamento, ma piuttosto lo incarnava completamente.

Ruth Ryder, 19 marzo 2021https://libertarianchristians.com/2021/03/19/cant-save-world-violent-means/