Etica/Ipnosi da una prospettiva cristiana

Da Tempo di Riforma Wiki.

Ritorno


L'ipnosi da una prospettiva cristiana

(Andrew Fergusson)

Hypnos era il dio greco del sonno e il suo nome ci dà le parole "ipnosi" (un particolare stato mentale), "ipnotismo" e "ipnoterapia" (processi correlati). Ci dà anche il familiare termine farmacologico "ipnotico" per un farmaco usato per indurre il sonno. Sappiamo sorprendentemente poco dal punto di vista medico dell'ipnosi, ed è sempre stata alquanto controversa: la British Medical Association ha espresso per la prima volta preoccupazione in una riunione speciale nel 1890. Inoltre,la maggior parte dei cristiani riconosce che potrebbero essere coinvolti problemi specificamente spirituali. Questo articolo tenta una valutazione cristiana dell'ipnosi nel contesto medico e tratta brevemente l'uso dell'ipnosi per l'intrattenimento.

Storia

Le attività che probabilmente chiameremmo ipnotismo sono state descritte per almeno 3000 anni. Il papiro di Ebers descrive gli indovini egiziani che usavano l'ipnosi e "anche i fachiri indù, i magi persiani, gli yogi indiani e gli oracoli greci usavano metodi simili con nomi diversi"[1].

Tuttavia, fu il medico viennese Franz Anton Mesmer (1734-1815) ad attirare maggiormente l'attenzione sul fenomeno, e questo portò a un altro nome per l'ipnotismo: "mesmerismo". Poiché la psicologia è stata studiata maggiormente all'inizio di questo secolo, l'interesse è aumentato e alcune vittime psicologiche della prima guerra mondiale sono state trattate con l'ipnosi.

Dall'inizio degli anni '80 in poi c'è stato ancora più interesse, associato all'ascesa della medicina alternativa. Uso nella pratica medica Molti di coloro che praticano l'ipnotismo nel Regno Unito sono medici o dentisti, o possiedono qualifiche psicologiche adeguate, e sono membri di enti rispettati come la British Society of Medical and Dental Hypnosis o la British Society of Experimental and Clinical Hypnosis. Tuttavia, ci sono altri professionisti senza qualifiche formali o responsabilità.

Uso nella pratica medica

Dal punto di vista medico, l'ipnotismo è stato utilizzato nelle indagini e nel trattamento:

Repressioni e regressioni

La psicologia del ventesimo secolo ha imparato sempre di più sulla mente subconscia o inconscia (e l'ipnosi sembra aver giocato un ruolo significativo in questa comprensione). Gran parte della psicopatologia è stata attribuita alle rimozioni: il "seppellire" i ricordi troppo dolorosi per essere contemplati consapevolmente. L'ipnosi è stata utilizzata per scoprire tali repressioni in modo che le informazioni possano essere utilizzate terapeuticamente. A volte, e in modo più controverso, i pazienti sono stati "regrediti" a punti precedenti della loro storia, incluso alla nascita e prima. Nel momento in cui questo processo diventa "terapia della vita passata" (regredendo i pazienti alle personalità che erano nelle precedenti reincarnazioni) i cristiani avranno scoperto la menzogna. La Bibbia esclude la reincarnazione quando ci viene detto che "l'uomo è destinato a morire una volta e poi ad affrontare il giudizio[2]".

Questa illustrazione rende chiaro che mentre l'ipnosi può essere un utile strumento "investigativo", alcuni professionisti sono chiaramente dei bugiardi pericolosi e devono essere evitati.

Dolore, tensione e guadagno

Dal punto di vista terapeutico, l'ipnosi è stata utilizzata per l'analgesia medica e dentale. Il "dolore" è una combinazione di una risposta organica a uno stimolo doloroso e la percezione psicologica della sensazione che chiamiamo dolore - e naturalmente ci sono molti esempi quotidiani che illustrano questa interazione; ad es. il calciatore con un grave infortunio che non sente dolore fino all'intervallo quando la sua mente non è più 'tolta' da esso, o la madre che elimina il dolore al ginocchio del suo bambino: 'La mamma lo bacerà meglio'.

L'ipnosi afferma anche di essere stata utilizzata nella terapia di rilassamento, per aiutare con lo stress e le tensioni della vita, e c'è un enorme mercato per ausili come i nastri rilassanti nella nostra "cultura della terapia". Alcuni terapeuti marginali non professionisti fanno anche molto uso della suggestione e del "potere del pensiero positivo" per offrire vari vantaggi ai loro clienti, ad esempio per aiutare le persone a diventare più assertive oa smettere di fumare. Abbastanza sorprendentemente, ci sono anche scommettitori in giro disposti a pagare grosse somme di denaro per una regolare suggestione ipnotica in modo che possano vivere più a lungo!

Allora, cos'è l'ipnosi?

Per avvicinarci alla comprensione dell'ipnosi, dobbiamo esaminare l'argomento nel modo più ampio possibile, riconoscendo che la cultura prevalente colorerà in modo significativo le nostre percezioni. Anche il linguaggio che usiamo è fonte di pregiudizi: ad esempio, cosa intendo effettivamente con la parola "trance"? Cosa intendete con questo?

Mesmer credeva di essere un potente utilizzatore del "magnetismo animale", e mentre la scienza potrebbe averci portato oltre questo concetto grezzo, idee simili di "forze vitali" sono tornate con il movimento New Age. Nel periodo d'oro delle teorie psicoanalitiche, l'ipnosi veniva spiegata secondo il sapore del mese. Le teorie neurobiologiche non sono state popolari: l'EEG di un paziente ipnotizzato non mostra alcun cambiamento rispetto a quello di qualcuno che si trova in uno stato di coscienza normale e non assomiglia all'EEG di qualcuno che dorme[3].

Il linguaggio dello 'stato alterato di coscienza' o 'stato alterato di consapevolezza' è stato utilizzato, ed è tornato alla ribalta molto recentemente nella discussione dei cosiddetti 'fenomeni di Toronto[4]'.

Altri hanno ignorato le spiegazioni fisiche o psicologiche e si sono concentrati sul concetto di pressione di gruppo di "compliance sociale". Ciò collega l'effetto delle aspettative degli altri con le aspettative della persona sottoposta a ipnosi[5].

Attualmente sono più incline a vedere l'ipnosi come un estremo di uno spettro del fenomeno della suggestionabilità. La vita moderna abbonda di suggerimenti: l'intera industria della pubblicità, enormemente efficace, è costruita su di essi e i politici (e i predicatori?) fanno affidamento su di essi. Molti aspetti della relazione medico-paziente hanno un effetto "placebo" non specifico e l'agente terapeutico più potente che qualsiasi medico in qualsiasi specialità avrà mai è se stessa. Usiamo legittimamente il potere della suggestione in ogni interazione con ogni paziente, che ce ne rendiamo conto o meno, e ovviamente potremmo usare anche questo grande potere in modo non etico. Possederlo ci dà una potente responsabilità.

Come hanno visto i cristiani l'ipnosi?

Dopo aver tentato brevemente di ottenere una panoramica equilibrata degli aspetti fisici, psicologici e sociali dell'ipnosi, quali (se ce ne sono) sono gli aspetti spirituali? Come hanno reagito i cristiani?

Sappiamo sorprendentemente poco per certo dell'ipnosi, e in tutta umiltà dovremmo riconoscere questa ignoranza. I cristiani tendono a reagire alle incertezze in due modi uguali e opposti: attribuire a Dio tutte le lacune nella nostra conoscenza o incolpare il Diavolo per le stesse lacune!

Così, nel 1987, Nucleus pubblicò due articoli nettamente contrastanti di cristiani sull'ipnosi. Norman Vaughton, che all'epoca insegnava e praticava privatamente ipnoterapia e psicoterapia, scrisse[6]:

"Come cristiano... uso la mia mente con tutto il suo strano e meraviglioso potenziale, in tutti i suoi diversi stati di coscienza e con tutte le sue diverse funzioni, si spera per sempre - e questo include l'intera affascinante, misteriosa e meravigliosa area di effetti ipnotici. Sono tanto creati da Dio e aperti all'uso e all'abuso quanto qualsiasi altra funzione della creazione. So anche che spesso durante le sessioni ipnotiche sarò improvvisamente riempito dalla consapevolezza che ciò che sto facendo è qualcosa di terapia, qualcosa di ipnosi e qualcosa di preghiera, e sono tutti così intrecciati e uguali che non lo faccio davvero credere che qualsiasi separazione sarebbe possibile; e della presenza di Dio sono assolutamente certo.'

Al contrario, AD Bambridge, un infermiere qualificato con una laurea, era preoccupato che quando le difese psicologiche venivano abbassate durante l'ipnosi, c'era un rischio considerevole che i demoni entrassero nella psiche. Credeva che le radici dell'ipnosi fossero occulte e la escludeva assolutamente per i cristiani, concludendo[7]:

"Mentre l'ipnosi e il suo uso nell'ipnoterapia sembrano semplicemente essere l'input di idee da parte dell'ipnotizzatore nel subconscio di un soggetto in un elevato stato di suggestionabilità, direi che quest'arte della manipolazione psichica è in realtà di origine demoniaca. Sebbene queste radici dell'ipnosi siano ora oscurate da un sottobosco di gergo scientifico, rimane un'attività pericolosa per chiunque sia coinvolto.'

Una valutazione personale

Sebbene si possa dire molto a favore e contro sia queste citazioni che i punti di vista che rappresentano, sono costretto dai vincoli di spazio a concludere con la mia opinione personale. Credo che il fenomeno che chiamiamo "ipnotismo" sia solo un'espressione estrema della suggestionabilità, e mentre potremmo avere un affascinante dibattito teologico sul fatto che Dio o il Diavolo sia l'autore della suggestione e della suggestionabilità[8], dobbiamo accettare la suggestionabilità come un fenomeno che è qui per restare.

Credo che ci sia un posto limitato per l'uso appropriato di questo fenomeno in medicina, sebbene io non abbia mai usato l'ipnosi nei miei anni clinici. Suggerisco di seguito alcuni test per valutare ogni particolare interazione tra un ipnoterapeuta e un paziente, e richiamare l'attenzione su una serie di pericoli che penso dovrebbero essere presi molto sul serio.

'Mezzi' test

Questi usano la parola "mezzi" in tre modi diversi:

Cosa SIGNIFICA fare l'ipnotizzatore?

Qual è la sua intenzione? Qual è il suo movente? Queste domande si concentrano sulla questione forse più importante nella valutazione: il carattere dell'ipnotizzatore.

Comunque possiamo spiegare il processo dell'ipnosi, è molto chiaro che c'è una quantità significativa di potere coinvolto, proprio come c'è sempre in ogni relazione terapeutica. I pazienti dicono cose come "Sono sotto il dottore per la mia schiena" e l'uso dell'espressione "sotto il dottore" ci dice molto su queste relazioni di potere. Di tale potere non si deve abusare e il terapeuta deve intendere il meglio per il benessere totale del suo paziente, utilizzando le modalità più sicure possibili, per quanto possibile collaudate.

Purtroppo, ci sono state occasioni, ad esempio, in cui i pazienti sono stati abusati sessualmente durante l'ipnosi. Un altro problema più recente è la cosiddetta 'sindrome della falsa memoria' in cui i pazienti hanno 'ricordato' cose che non sono oggettivamente vere dopo l'uso inappropriato della suggestione durante l'ipnoterapia. Come altro esempio, credo che l'uso dell'ipnosi per l'intrattenimento sia sempre un abuso (vedi riquadro sotto).

Forse non è solo la natura della terapia offerta che dobbiamo considerare, ma la natura del terapeuta. Questo concetto del carattere del guaritore è una vera sfida all'integrità cristiana di tutti noi, qualunque tipo di terapia useremo.

Quali MEZZI utilizza l'ipnotizzatore?

Non sono necessariamente preoccupato qui per l'uso di particolari tecniche per indurre l'ipnosi, come le parole particolari o gli orologi penzolanti che possono far parte della "magia" personale di quell'ipnotizzatore, ma piuttosto per l'uso inappropriato della suggestione.

Diversi esempi sono già stati forniti. Non è possibile riportare un paziente in una vita precedente: la reincarnazione è una bugia, quindi forse c'è qualcosa di demoniaco in quel particolare inganno? Gli ipnotisti devono stare molto attenti che nello scoprire le rimozioni non abusino, deliberatamente o inavvertitamente, del potere della suggestione e non impiantino "falsi ricordi". Con il potere viene la responsabilità.

Cosa significa tutto questo per il paziente?

Data l'ignoranza che tutti noi dobbiamo avere sulla natura dell'ipnotismo, è comunque importante che il paziente sappia in cosa si sta introducendo - cioè che sta dando il consenso informato. Dovrebbe ricevere una chiara spiegazione di ciò che viene proposto ed essere sicura che il terapeuta non andrà oltre.

La coscienza del paziente è molto importante e la discussione della Bibbia sul "cibo offerto agli idoli[9]" può essere rilevante qui.

Conclusione

Se i concetti impliciti ed espliciti in questi tre test piuttosto artificiali sono salvaguardati, attualmente accetterei con cautela l'uso limitato dell'ipnosi nella pratica medica per indicazioni specifiche, ma esorto con grande cautela. 'In caso di dubbio, lascia perdere'.

L'ipnosi come intrattenimento

Molte persone trovano divertente l'insolito e lo spaventoso, quindi alcuni che affermano di essere ipnotizzatori hanno usato il loro talento per far fare cose stupide alle persone sul palco mentre (presumibilmente) erano ipnotizzati. La maggior parte dei lettori del Regno Unito avrà visto gli spettacoli televisivi molto popolari di Paul McKenna, un tempo disc jockey di Radio One e ora una ricca star dei media. Gli atti di ipnosi dal vivo hanno sostituito il karaoke e i quiz come l'intrattenimento più popolare in molti pub e club e l'etica e la sicurezza di tutto questo sono state messe in discussione. Tali intrattenitori fanno la difesa che si esibiscono solo con il consenso del volontario, ma quanto è informato tale consenso? E possono gli individui all'interno di una società che dovrebbe essere caratterizzata dalla responsabilità nelle relazioni lasciarsi umiliare e degradare senza svalutare la dignità di tutti noi? Credo che l'ipnosi come intrattenimento sia sempre un abuso, ma lasciando da parte queste questioni etiche, ci sono rischi più tangibili? Nel 1952 l'Hypnotism Act del Regno Unito ha limitato le esibizioni teatrali di ipnotismo perché due giovani donne avevano bisogno di un trattamento psichiatrico esteso a seguito della partecipazione a tale spettacolo.

Più di recente, sono stati individuati altri rischi. Nel settembre 1993:

'Sharon Tabarn, 24 anni, madre di due figli, è morta dopo essere stata ipnotizzata a uno spettacolo a Leyland, nel Lancashire. Le è stato ordinato di baciare uno sconosciuto tra il pubblico prima che le venisse detto che si sarebbe svegliata quando 10.000 volt sarebbero stati sparati attraverso la sua sedia. La signora Tabarn, di Clayton Brook, aveva paura dell'elettricità. Morì cinque ore dopo, lamentando vertigini. Anche se un'inchiesta ha scoperto che si trattava di una morte accidentale, il patologo del Ministero degli Interni ha affermato che era difficile non credere che ci fosse un collegamento».

Lo stesso rapporto cita altri casi:

"Il braccio di un uomo di Blackpool è rimasto paralizzato per una settimana dopo una sessione. Un altro uomo ha tentato il suicidio e un volontario è diventato un mangiatore compulsivo di cipolle dopo che gli è stato detto di mangiarle al posto delle mele.'

Dopo un dibattito alla Camera dei Comuni il 13 dicembre 1994 è stata istituita un'inchiesta del Ministero degli Interni, per rivedere il funzionamento dell'Hypnotism Act 1952. Riferendo nel novembre 1995, il gruppo ha concluso:

"Non ci sono prove sufficienti di un serio rischio per il pubblico da giustificare il divieto dell'ipnotismo da palcoscenico", ma ha raccomandato una revisione della legislazione e delle linee guida esistenti e in particolare che "il pubblico in generale, e i partecipanti in particolare, sono più informati sui potenziali rischi della partecipazione a ipnosi da stadio».

Nel valutare 25 casi di danni fisici segnalati in 25 anni, hanno identificato due partecipanti che sono caduti dal palco sotto ipnosi e altri due che hanno fratturato le ossa delle mani mentre recitavano suggestioni ipnotiche. La valutazione degli altri casi è stata difficile, ma hanno anche trovato prove di danni psicologici e sociali: "I loro resoconti personali ci dicono che esiste il rischio di umiliazione, imbarazzo o irritazione e che questo rischio può avere conseguenze psicologiche per alcune persone".

Come cristiani dobbiamo preoccuparci di questo, e se ci possono essere anche conseguenze spirituali.

L'originale di questo articolo si trova qui

Ipnosi di massa

L'ipnosi di massa è una tecnica di condizionamento mentale sulla maggioranza della popolazione applicato scientificamente e che ha numerosi precedenti nella storia. L'ipnosi in quanto fenomeno è stato documentato fin dall'antichità. Il pesante condizionamento della popolazione da parte dei media per indurre la popolazione a farsi iniettare sieri sperimentali è un dato di fatto. Lo stesso tipo di condizionamento avviene per la maggior parte dei politici, tanto che c'è da chiedersi se in queste condizioni abbia ancora senso la democrazia (a parte dal suo attuale svuotamento. Vedasi ulteriori articoli:

Riferimenti

  1. Shreve. Il potere curativo dell'ipnotismo. Thorson. p13. Citato da Bambridge AD in Hypnotherapy - una risposta. Nucleo, aprile 1987, p20
  2. Ebrei 9:27.
  3. Ambrose G e Newbold G. Un manuale di ipnosi medica. Baillere Tindall 1980, p23
  4. Dixon P. Segni di rinascita. Kingsway 1994. pp 46, 115, 246, 259-266, 268, 269, 271-275, 277
  5. Hearne K. Articolo in Pulse, 24 maggio 1986, pp 77-78
  6. Vaughton N. Sull'ipnosi. Nucleus, gennaio 1987, p18
  7. Bambridge d.C. Ipnoterapia - una risposta. Nucleo, aprile 1987, p25
  8. Genesi 1-3
  9. 1 Corinzi 8:10