Evangelo/Che cos'è l'Evangelo II

Da Tempo di Riforma Wiki.

Ritorno


Che cos'è l'Evangelo

"Una buona notizia da paese lontano è come acqua fresca a una persona stanca e assetata" (Proverbi 25:25).

Più di duemila anni fa, fece la sua comparsa il salvatore dell'umanità. Era “l'inizio della buona notizia”, la “lieta novella” di grande gioia. Questo è ciò che affermava la proclamazione del Vangelo sull'avvento di un imperatore romano. Il proclama fu scolpito nella pietra nel 9 a.C. sulla costa orientale dell'Asia Minore nella città ionica di Priene, dopo che il brillante Ottaviano aveva consolidato l'Impero Romano sotto il suo governo dopo anni di disordini civili e guerre. Ora intitolato Cesare Augusto e "pieno di virtù a beneficio dell'umanità", questo "salvatore" dei romani e dei loro discendenti che "superò tutti i precedenti benefattori", aveva posto fine alla guerra e stabilito una pace universale in tutto il mondo romano. Grazie alle vittorie ottenute dai suoi eserciti romani, "il compleanno del dio Augusto fu l'inizio della buona novella [euangelion ] per il mondo".

Ma solo pochi anni dopo, una moltitudine di eserciti del cielo apparve nella campagna della Giudea ad alcuni umili pastori con la loro lieta novella: "...poiché oggi nella città di Davide è nato per voi un Salvatore, che è Cristo, il Signore" (Luca 2:11).

Non sappiamo se Ottaviano ne avesse mai sentito parlare, o cosa avrebbe pensato se l'avesse fatto. Ma al di fuori della sua attenzione, ai giorni dei Cesari, come promesso secoli prima, "Al tempo di questi re, il Dio del cielo farà sorgere un regno, che non sarà mai distrutto; questo regno non sarà lasciato a un altro popolo, ma frantumerà e annienterà tutti quei regni, e sussisterà in eterno" (Daniele 2:44).

Ottaviano non sarebbe vissuto abbastanza per vederlo. Morì quando Gesù era ancora un adolescente.  

Cos'è il Vangelo?

"Vangelo" traduce la parola greca εὐαγγέλιον [euangelion]. Secondo le sue radici, significa "buone notizie". Ma nella Bibbia e nel mondo romano spesso aveva un senso quasi tecnico di proclamazione ufficiale, pubblica e reale [1]. Si parla del governo attivo di un re sul suo popolo per la loro benedizione e beneficio; la creazione di condizioni di pace, ordine e rettitudine. Quindi lo abbiamo in Isaia:

"O Sion, tu che rechi la buona novella, sali su un alto monte! O Gerusalemme, tu che rechi la buona novella, alza la voce con forza! Alza la voce, non temere! Di' alle città di Giuda: «Ecco il vostro DIO!». Ecco, il Signore, l'Eterno, viene con potenza, e il suo braccio domina per lui. Ecco il suo premio è con lui e la sua ricompensa lo precede. Egli pascolerà il suo gregge come un pastore; radunerà gli agnelli col suo braccio e li porterà sul suo seno, e guiderà con dolcezza e cura le pecore che hanno i piccoli" (Isaia 40: 9-11).

"Buona notizia", però, è anche chi porta buone notizie.

"Ascolta! Le tue sentinelle alzano la voce e mandano insieme grida di gioia, perché vedono con i loro occhi l'Eterno che ritorna a Sion. Prorompete insieme in grida di gioia, o rovine di Gerusalemme, perché l'Eterno consola il suo popolo e redime Gerusalemme. L'Eterno ha messo a nudo il suo santo braccio agli occhi di tutte le nazioni; tutte le estremità della terra vedranno la salvezza del nostro DIO" (Isaia 52: 8-10).

Più tardi in Isaia, un "unto" di Yahweh porta la "buona notizia" [εὐαγγέλιον] agli afflitti, ed è una proclamazione di "libertà per i prigionieri", "Lo Spirito del Signore, l'Eterno, è su di me, perché l'Eterno mi ha unto per recare una buona novella agli umili; mi ha inviato a fasciare quelli dal cuore rotto, a proclamare la libertà a quelli in cattività, l'apertura del carcere ai prigionieri, 2 a proclamare l'anno di grazia dell'Eterno e il giorno di vendetta del nostro DIO, per consolare tutti quelli che fanno cordoglio” (Isaia 61: 1-2). Implica anche l'unzione, la semina e la glorificazione del popolo di Dio, la loro ricreazione come “querce di giustizia” (v. 3).

La proclamazione evangelica di Isaia fa riferimento a tutto questo, sia alla posizione di Israele nel mondo rispetto alle nazioni, sia alla relazione di Israele con Dio e alla sua condizione spirituale. Quando il vangelo del regno di Dio sul suo popolo compie il grande balzo verso il suo adempimento nel Nuovo Testamento, vediamo il regno di Dio messo in atto in tutti questi modi, e lo vediamo messo in atto specificamente tramite il suo agente unto, suo Figlio [2].

La storia di come ciò è avvenuto e di cosa avrebbe significato per Israele e per il mondo, è la storia fondamentale del Nuovo Testamento .

L' Euangelion dei Vangeli 

Quando la nascita di Gesù fu annunciata a Maria, l'angelo lo chiamò il "Figlio dell'Altissimo" a cui sarebbe stato dato "il trono di Davide suo padre" e avrebbe "regnato sulla casa di Giacobbe per sempre" (Luca 1: 32- 33). Maria ha riconosciuto questo come il Signore che aiuta "come aveva dichiarato ai nostri padri, ad Abrahamo e alla sua progenie, per sempre" (Luca 1:55). Zaccaria, padre di Giovanni Battista, vide che con la venuta di Gesù, Dio aveva "visitato e redento il suo popolo e suscitato un corno di salvezza per noi nella casa del suo servitore Davide", il che significa la salvezza dai nemici e dai libertà di “servirlo senza timore, in santità e giustizia davanti a lui tutti i nostri giorni” (Luca 1: 68-69, 74-75). Gli angeli che apparvero ai pastori nei campi accompagnarono il loro vangelo con il messaggio "Gloria a Dio nell'alto dei cieli,

Dio stava per agire e Israele doveva essere rinnovato.

Questo è il motivo per cui la predicazione di Gesù è regolarmente riassunta come "il vangelo del regno" (ad es. Matteo 4:23; Marco 1:15), che il regno promesso di Dio sul suo popolo era vicino, il che avrebbe comportato perdono, pace, conforto e benedizione per alcuni (da qui i suoi numerosi segni di guarigione, provvidenza e purificazione), ma un giudizio di vendetta per gli altri (Matteo 3: 1-12; Marco 13: 1-36). Il risparmio di Israele includerebbe un'epurazione. Dopo tutto, il grande ostacolo al popolo di Dio che trovava la pace e la benedizione era sempre stato il loro stesso peccato, la sua infinita ripetizione e i ripetuti giudizi da esso sostenuti.

La legge dell'amore  

Quindi Gesù venne anche come maestro, come un Mosè più grande che spiegò l'essenza della Legge e che aspetto aveva veramente la giustizia. È noto che ha ridotto le richieste morali di Dio di amare Dio e il prossimo (Matteo 22: 36-40). La sua stessa vita ha modellato l'amore, il servizio e la devozione fedele che Dio richiedeva. Ma il messaggio del Vangelo non era solo un'istruzione per un modo migliore o più raffinato di praticare la vera virtù. Era quello, ma Israele aveva lavorato a lungo sotto il giogo della Legge e questo non era mai riuscito a realizzare in loro la giustizia che Dio richiedeva (Atti 13: 38-39; Galati 3:10; Romani 9: 31-10: 4 ). Non basterebbe una nuova legge, rinnovata intorno all'imperativo dell'amore. Il messaggio del Vangelo sarebbe anche un messaggio di perdono per i peccati.

Riscatto per il peccato 

Gesù non sarebbe solo un maestro. Sarebbe anche stato il portatore del peccato di Israele, l'adempimento dell'intero sistema di espiazione e sacrificio che aveva operato per secoli ma che non avrebbe mai potuto eliminare definitivamente il peccato (Ebrei 10: 1-4). Anche in Isaia ci sono accenni che questo sarebbe il caso, poiché il vangelo della redenzione di Gerusalemme (Isaia 52: 9) è immediatamente seguito da un ritratto del servo peccatore che soffre affinché altri possano essere considerati giusti (Isaia 53 : 10-11). In Gesù, Dio avrebbe regnato sul suo popolo, ma non senza prima aver dato la sua vita sulla croce come riscatto per loro (Marco 10:45). In qualità di re, Gesù era a capo e rappresentante del suo popolo, così che la sua morte al loro posto servì come offerta accettevole per il debito di morte incorso dal peccato,

 Vincere la morte 

Il vangelo del regno di Dio sul suo popolo in e tramite suo Figlio non fu interrotto dalla morte di Gesù, perché essendo morto, è poi risorto. La morte di Gesù portò la purificazione e il perdono per il peccato e, poiché perfezionò l'amore e la fedeltà, lo qualificò anche a regnare come re. A causa della sua obbedienza fino alla morte, "Dio lo ha altamente esaltato e gli ha conferito il nome che è al di sopra di ogni nome, così che nel nome di Gesù ogni ginocchio si piegasse" (Filippesi 2: 9-10). Dio dà la vita ai morti (Romani 4:17), e quando il sacrificio di Cristo fu completato, Dio lo risuscitò e lo investì di ogni autorità in cielo e in terra (Matteo 28:18; Atti 2: 33-36). La sua risurrezione era reale e corporea, rappresentava nel tempo e nello spazio la sconfitta della morte, e costituì, sempre nel tempo e nello spazio, le primizie di un raccolto di risurrezione ancora da venire per tutti coloro che gli appartengono. Senza questo, in realtà non c'è affatto vangelo.

Non solo Israele 

Il vangelo cristiano è un vangelo storico. Riguarda realtà storiche, sociologiche e politiche oltre che spirituali, e l'ho descritto qui in qualche modo focalizzato su questo contesto storico primario come un messaggio riguardante la relazione di Dio con il suo popolo dell'alleanza Israele, che è in gran parte il fulcro della Bibbia stessa. Ma come citato sopra, Maria aveva riconosciuto che la nascita di Cristo implicava l'adempimento della "misericordia annunciata ad Abramo" (Luca 1:55), e la misericordia a cui si riferisce include certamente la promessa di Dio che in Abramo e nella sua discendenza (Cristo) "Tutte le famiglie della terra saranno benedette" (Genesi 12: 3).

Quindi la morte di Cristo fu più che peccare a favore di Israele per la maledizione della Legge, e il Figlio di Davide non è re solo su Israele.

Dietro la maledizione della Legge e I fallimenti del patto di Israele c'era l'alienazione di tutta l'umanità dal nostro Creatore a causa del peccato. La corona di spine che Gesù indossava avrebbe potuto essere intesa a deriderlo come "Re dei Giudei", ma rappresentava più profondamente la maledizione del peccato originale che risale ad Adamo (Genesi 3:18). Il peccato era entrato nel mondo molto prima rispetto alla legge sul Sinai. Quindi Gesù era l'agnello pasquale non solo per Israele, ma per il mondo (Giovanni 1:29). Dopo la sua risurrezione, Gesù ordinò ai suoi discepoli di "che nel suo nome si predicasse il ravvedimento e il perdono dei peccati a tutte le genti, cominciando da Gerusalemme" (Luca 24:47), e Paolo descrive la sua missione negli stessi termini: "realizzare l'obbedienza della fede per amore del suo nome fra tutte le nazioni ”(Romani 1: 5).

Il Figlio di Davide doveva sempre ereditare i regni del mondo (Salmo 2: 7-12). Il servitore promesso sarebbe stato troppo glorioso perché il suo ministero fosse limitato al solo Israele: sarebbe stato "una luce per le nazioni" (Isaia 49: 6). In Cristo Gesù, la benedizione di Abramo sarebbe arrivata anche ai Gentili, affinché anch'essi potessero essere considerati figli di Dio e ricevere la presenza dello Spirito Santo (Galati 3: 7-9, 14; Giovanni 1: 12-13) . In breve, nella morte di Cristo, l'Antica Alleanza con Israele fu soppiantata, il muro che divideva Israele dalle nazioni fu abbattuto (Efesini 2: 11-22) e le benedizioni del Vangelo furono rese disponibili a tutte le persone - sulla stessa base della grazia di Dio fornita nella morte, risurrezione e governo di Cristo, abbracciata dalla fede.

Sotto il governo del re Gesù, Israele è stato riformato e ricostituito sotto un nuovo patto, non ora come nazione con confini, ma come le assemblee sparse del corpo di Cristo, un regno di sacerdoti tra tutte le nazioni (Apocalisse 1: 5 ). Le chiese di Dio sono destinate a servire come avamposti o colonie del cielo (Filippesi 3:20), dove le membra di Cristo crescono in un corpo maturo, edificato a immagine di Cristo, il capo (Efesini 4: 15-16) , trasformando le nazioni dall'interno come lievito e formandole in offerte che glorificheranno la città di Dio (Apocalisse 21: 22-26), finché tutta la terra non sarà piena della conoscenza della gloria del Signore (Abacuc 2: 14), e l'ultimo nemico, la morte, viene distrutto alla risurrezione e nella ricreazione del cielo e della terra (1 Corinzi 15: 25-26).

E allora? 

Allora cosa significa questo oggi? Primo, significa che Gesù è vivo e regna sul suo popolo dal cielo come il loro buon pastore, ed è presente con loro tramite il suo Spirito (Efesini 1:22). Significa che tutte le persone e le nazioni sono chiamate a ravvedersi dai loro peccati e giurare fedeltà a lui come Signore, a essere battezzate nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, e a ricevere la loro nuova identità di suoi discepoli.

Significa che tutti coloro che si allontanano dal peccato e abbracciano Cristo nella fede come Salvatore e Signore troveranno in lui il pieno perdono per il peccato, accettazione misericordiosa e la promessa che mentre lui vive, anche loro vivranno. Vivranno perché uniti al Figlio di Dio partecipano alla sua vita, suo Padre è il loro Padre, e quando verrà il tempo saranno risuscitati, fisicamente e fisicamente, per vivere e regnare con lui in una nuova creazione redenta epurato dal peccato e dalla morte.

Significa che coloro che si affidano a Cristo nella fede sono liberati dalla condanna (Romani 8: 1) e potenziati dal suo Spirito (Galati 5: 16-24) per perseguire l'amore, la rettitudine, la santità, la saggezza e la maturità che si addice a coloro che sono destinati a regnare con lui sulla creazione, come l'uomo è stato creato per fare (Genesi 1:28; Romani 5:17; 1 Corinzi 6: 2; Apocalisse 22: 5). Questo è ciò che dobbiamo fare ora: perseguire con zelo l'amore e le buone opere (Genesi 18:19; Tito 2:14).

 Infine . . . 

Attraverso millenni di storia, Dio in Cristo sta portando molti figli alla gloria (Ebrei 2:10) e chiaramente, possiamo vedere sia biblicamente che esperienzialmente che questo è un processo lungo, spesso sottile, spesso appena visibile, spesso frustrante e sempre lento. Ma poiché Dio si è dimostrato fedele nel corso dei lunghi secoli che hanno portato alla venuta di Cristo, abbiamo tutte le ragioni per pensare che si sta dimostrando e si dimostrerà fedele fino al ritorno di Cristo, i morti sono risuscitati e la vita eterna diventa la realtà che consuma Morte.

Note

[1] Nell'Antico Testamento greco, quando i filistei sconfissero il re Saul e gli israeliti, "mandarono messaggeri in tutto il paese dei filistei, per portare la buona notizia [εὐαγγελίζω] alla casa dei loro idoli e al popolo" (1 Samuele 31: 9). Naturalmente, in questo caso, ciò che era il vangelo per i filistei era una cattiva notizia per Israele. Confronta anche 1 Re 1: 42-43, dove Adonia, figlio di Davide, celebra la sua (presuntuosa) ascensione al trono, quando arriva un messaggero e porta la "buona notizia" (ironicamente, una cattiva notizia per Adonia) che Davide aveva effettivamente proclamato Salomone come successore.

[2] Ai tempi dell'Antico Testamento, il dominio di Dio sul suo popolo era tipicamente emanato da agenti unti come Davide che era il pastore e principe di Israele (2 Samuele 5: 2), o Salomone che sedeva sul trono di Yahweh (1 Cronache 29 : 23). Anche il re persiano Ciro poteva servire come pastore d'Israele, il costruttore di Gerusalemme e del suo tempio (Isaia 44:28).

Daniel Hoffman, Introduzione alla Bibbia

https://knowingscripture.com/articles/what-is-the-gospel

 

Per appreofondire: https://www.tempodiriforma.it/mw/index.php?title=Evangelo