Filosofia e apologetica/Teoria critica contro pensiero critico

Da Tempo di Riforma Wiki.

Ritorno


I meandri del pensiero post-moderno

Teoria critica contro pensiero critico

di Tim Stratton - 29 giugno 2020
Scacchi 2.jpg

Vogliamo giustizia sociale. Accipicchia, suona bene! Dopotutto chi non vorrebbe giustizia nella società in cui vive? In effetti, la Bibbia ha molto da dire sulla giustizia. Considera alcuni esempi di testi biblici a partire dall'Antico Testamento.

  • Proverbi 18: 5 - Non è bene avere preferenze per l'empio, o far cadere il giusto nel giudizio.
  • Proverbi 21:15 - Fare ciò che è retto è una gioia per il giusto, ma è una rovina per gli operatori d'iniquità.
  • Amos 5:24 - Ma scorra il diritto come acqua e la giustizia come un corso d'acqua perenne.
  • Michea 6: 8 - O uomo, egli ti ha fatto conoscere ciò che è bene; e che altro richiede da te l'Eterno, se non praticare la giustizia, amare la clemenza e camminare umilmente col tuo DIO?
  • Isaia 61: 8 - Poiché io, l'Eterno, amo la giustizia, odio il furto nell'olocausto; io darò loro fedelmente la ricompensa e stabilirò con loro un patto eterno.

La Legge di Cristo esposta nel Nuovo Testamento continua a parlare di giustizia:

  • Matteo 12:18 - Ecco il mio servo che io ho scelto; l'amato mio in cui l'anima mia si è compiaciuta. Io metterò il mio Spirito su di lui, ed egli annunlirà la giustizia alle genti.
  • Matteo 23:23 - Guai a voi, scribi e farisei ipocriti! Perché calcolate la decima della menta, dell'aneto e del comino, e trascurate le cose più importanti della legge: il giudizio, la misericordia e la fede; queste cose bisogna praticare senza trascurare le altre.
  • Luca 11:42 - Ma guai a voi farisei! Poiché voi pagate la decima della ruta, della menta e di ogni erba, e poi trascurate la giustizia e l'amore di Dio. Dovevate fare queste cose, senza trascurare le altre.
  • Colossesi 3:25 - Ma chi opera ingiustamente riceverà la retribuzione delle cose ingiuste che ha fatte, e non c'è parzialità con alcuno.
  • Ebrei 6:10 - Dio infatti non è ingiusto da dimenticare l'opera vostra e la fatica d'amore che avete mostrato per il suo nome, con i servizi che avete reso e rendete tuttora ai santi.

Dato ciò che la Bibbia dice sulla giustizia, è logico che i cristiani debbano guidare la carica e difendere la giustizia sociale, giusto?

Beh, non così in fretta! Dipende da cosa si intende. C'è differenza tra la giustizia biblica e quella che oggi viene comunemente definita "giustizia sociale"?

La teoria critica

Il termine "giustizia sociale" oggi è tipicamente intrecciato con qualcosa chiamato teoria critica (un ramo del quale è lateoria della razza critica). Il sostenitore della teoria critica (di seguito, TC) assume e afferma una metodologia interessante che è antitetica a una visione del mondo biblica. Secondo la TC, tutta l'umanità alla nascita è fusa in uno dei due gruppi che sono potenzialmente contrapposti per l'eternità.

Questi due gruppi sono classificati da coloro che sono nati con privilegio e potere e da quelli che non sono nati in quel modo. Inoltre, secondo la TC, coloro che hanno il potere opprimono sempre quelli che non ce l'hanno (consciamente o inconsciamente). Pertanto, coloro che detengono il potere devono sempre essere contrastati e contrastati. Il teorico critico ritiene che quella sia la cosa giusta da fare.

Secondo la visione del mondo di TC, l'identità è fondata sul tuo "gruppo". Questi gruppi sono spesso identificati da caratteristiche fisiche come razza e genere biologico. Altre caratteristiche come la religione, lo stato di immigrazione, lo stato economico e il modo in cui si sceglie di "identificare" vi sono pure incluse.

Quindi, si afferma che i bianchi nascono nel privilegio e quindi hanno potere. Naturalmente questo non è sempre vero (vedi Kentucky orientale), ma in media le famiglie bianche hanno più soldi delle famiglie nere. Pertanto, anche i bianchi nati in alcune delle peggiori condizioni di vita della nazione sono "oppressori" secondo la TC.

Si afferma inoltre che i maschi sono oggi privilegiati rispetto alle femmine. Pertanto, le femmine sono oppresse e devono resistere agli uomini. Un problema sorge rapidamente in superficie: cosa dovrebbe fare un maschio nero o una femmina bianca? Ognuno sembra essere contemporaneamente sia un oppressore che un oppressore. Il maschio bianco, d'altra parte, ora è doppiamente opprimente! Questo è noto come "intersezionalità".

L'intersezionalità cerca di misurare il livello di oppressione di una persona in base al modo in cui queste identità di gruppo si intersecano nella vita di qualcuno in relazione al gruppo oppressivo o al potere egemonico (influenza sugli altri in modo indiretto). Alcune persone possono sperimentare di essere contemporaneamente nei gruppi oppressi e oppressori. Alcune persone sembrano detenere tutto il potere e, poiché si afferma che il potere è sempre cattivo, queste persone con il privilegio del potere non hanno l'autorità morale per discutere di come dovrebbero essere le cose .

I cristiani, si afferma, detengono più potere su coloro che pensano che le altre visioni del mondo siano vere. Il teorico critico giunge alla conclusione che i seguaci di Cristo opprimono i non cristiani.

Quindi, se un maschio bianco è anche un vero seguace di Cristo (il che significa che sta facendo del suo meglio per amare il suo prossimo che sembra o crede in modo diverso da lui), allora quest'uomo ha perso ancora più autorità morale e deve semplicemente stare zitto e ascoltare chi ha il potere dell'autorità morale (ciò significa che coloro che hanno il potere dell'autorità morale dovrebbero essere resistiti da coloro che non hanno il potere dell'autorità morale?). Tuttavia, secondo TC, se questo maschio bianco rinunciasse a Cristo e si unisse all'Islam, per esempio, otterrebbe alcuni "punti di autorità morale". Se questo maschio bianco biologico volesse davvero entrare nel gioco e unirsi alla discussione, potrebbe rifiutare il cristianesimo, divorziare da sua moglie, lasciare la sua famiglia, identificarsi come femmina, iniziare a impegnarsi in attività (biologiche) omosessuali e identificarsi come "li” (né "lui" né "lei").

Se questo maschio biologico bianco gay che ora si identifica come femmina e preferisce il pronome "li" piega anche il ginocchio di fronte a vicini non bianchi (che lui / li in precedenza amava comunque), li ha guadagnato così tanti "punti di autorità morale" e non corre più il rischio di essere "cancellato" da questa nuova cultura TC. Tuttavia, se uno è semplicemente nato un maschio bianco biologico e crede sinceramente (basato sulla ragione e sulle prove) che il cristianesimo sia vero, allora sarà opposto e "cancellato" dalla folla "risvegliata".

Per quanto superficiale potesse essere, mi sono appena descritto. Sono un maschio bianco (sono nato così) e ho scelto liberamente di seguire Cristo perché credo sia vero (che Dio esiste e cresciuto Gesù dai morti). All'improvviso sembra che il "privilegio" sia sull'altro piede. Il cosiddetto "potere" sembra essersi spostato. Secondo TC, mi sembra che ora sia giustificato nel condurre una rivolta contro coloro che hanno recentemente guadagnato molto più potere di quanto sembri avere - incluso il potere di "cancellarmi" dall'esistenza. Ma cosa succede se i maschi bianchi cristiani “cancellati” si uniscono e riescono a riguadagnare potere domani? E se dopodomani li riprendesse di nuovo il potere, ma poi, dopodomani, i maschi bianchi cristiani “infieriranno contro l'ultima macchina?” Saranno giustificati ancora una volta nel guidare la carica per combattere il potere?

Sembra che non ci sia una fine in vista. Non sembra esserci speranza per la pace e la vera uguaglianza. Secondo la TC, alcuni gruppi di persone devono essere sempre oppressi. Secondo TC, è sbagliato per chi ha il potere avere potere.

Ma perché pensare una cosa del genere? Cosa logicamente fonda questo assunto / affermazione che fornisce una base per TC? Se non ci sono fondamenti logici per la vista, allora il teorico critico ha i suoi piedi ben piantati nel nulla e non ha fornito buone ragioni per pensare che la sua ideologia sia vera o che debba essere ascoltata.

Il difensore della TC afferma che lo scopo della vita è "combattere il potere!"

È uno scopo oggettivo della vita? Altrimenti, sembra essere nient'altro che una fede cieca che non è vincolante per nessuno nei gruppi cosiddetti "oppressi" o "oppressori". Se combattere il potere è lo scopo oggettivo della vita, cosa logicamente fonda questo scopo oggettivo e come lo conosceremmo?

A causa di questa ideologia della "lotta contro il potere", Bret Weinstein, professore di biologia evoluzionistica e autoproclamato "progressista", ha recentemente affermato :

“Direi che siamo diretti verso un percorso di collisione con la storia. Voglio dire, stiamo fissando molti scenari che si concludono in una sorta di guerra civile! E, mentre penso che sia ancora possibile evitare questo risultato, non conosco il nome della forza che si mette in mezzo".

Credo che Weinstein abbia ragione, la guerra civile sembra imminente. A differenza di Weinstein, tuttavia, conosco l'UNICA forza che può ostacolare la violenza altrimenti garantita: gli insegnamenti di Gesù Cristo !

Teoria dello scopo contro teoria critica

Affinché il teorico critico basi logicamente la sua convinzione che gli uomini bianchi che credono che Dio abbia risuscitato Gesù dai morti debbano essere opposti, sembra che debba sostenere che l'umanità è stata creata apposta e allo scopo specifico di opporsi sempre a coloro che appartengono a gruppi di persone diverse - che è l'esatto contrario di ciò che Gesù e l'apostolo Paolo proclamarono (Vedi "COEXIST Is a Biblical Command").

Considera il seguente argomento:

1. Se una verità corrisponde alla realtà, è oggettivamente vera [a parte l'opinione umana].

2. Se Dio ha creato l'umanità per uno scopo, allora questo scopo è una verità che corrisponde alla realtà.
3. Pertanto, se Dio ha creato l'umanità per uno scopo, allora questo scopo è oggettivamente vero.
4. Dio ha creato l'umanità per uno scopo.
5. Pertanto, lo scopo di Dio per creare l'umanità è oggettivamente vero [a parte l'opinione umana].

Premessa (4) è la chiave. Il teorico critico e il seguace di Cristo potrebbero essere d'accordo con la proposizione; tuttavia, non saranno d'accordo sullo scopo oggettivo dell'umanità. Dio ha creato l'umanità apposta e allo scopo specifico di essere in conflitto eterno? O Dio ha creato l'umanità apposta e allo scopo specifico di amare sempre tutti dal tuo vicino a quelli che potrebbero considerarti un nemico (Matteo 5:44; 22:39)?

L'ateo che afferma la TC sembra non avere basi oggettive o logiche per la TC. Questo è il caso perché se Dio non esiste, la vita non è stata creata apposta o per uno scopo specifico. Quindi, in una visione del mondo ateo, non esiste uno scopo oggettivo per l'esistenza dell'umanità, e quindi, non c'è nulla di veramente buono, cattivo, giusto o sbagliato - per non parlare del male - con qualsiasi modo in cui si sceglie di comportarsi nei confronti dei propri simili umano. Non esiste alcun piano, scopo o obiettivo oggettivo sull'umanità in cui abbiamo una scelta di approssimazione o meno.

Quindi, nell'ateismo, non c'è nulla di veramente sbagliato nel razzismo, nella supremazia bianca o nella lotta contro coloro che affermano la TC. Ciò è problematico per l'ateo che afferma la TC (che è probabilmente la maggior parte dell'Antifa). [1 ]

Cosa deve fare il teorico critico di fronte a questo problema? Molti che si attengono alla TC oggi stanno tentando di sposarla al cristianesimo. In effetti, questa visione sembra aver infettato le menti di molti giovani cristiani nella chiesa. Tuttavia, i teorici critici che sperano di sposare TC con il cristianesimo si troveranno presto ad opporsi a Cristo stesso (ma Gesù è comunque un oppressore maschio con tutto il potere). Quindi, secondo la teoria critica, Gesù - e l'onnipotente Dio Uno e Trino - devono essere opposti!

Lascia che affondi. La teoria critica afferma l'originale ribellione di Satana. Le Regole per i radicali di Saul Alinsky, il manuale per una strategia di acquisizione di sinistra, includevano questa dedica:

“Per non dimenticare almeno un riconoscimento a sorpresa al primissimo radicale: da tutte le nostre leggende, mitologia e storia ... il primo radicale conosciuto dall'uomo che si ribellò contro l'establishment e lo fece in modo così efficace che almeno vinse il suo regno è Lucifero".

Che Alinsky abbia creduto personalmente in Satana (o Dio) - o no - è irrilevante. Se uno deve opporsi sempre ai potenti, allora un cosiddetto "seguace di Cristo" deve affermare la ribellione originale di Satana. Vale a dire, se TC è vera, un seguace di Cristo non dovrebbe seguire Cristo. Questo è l'epitome di incoerenza e assurdità, ma sorprendentemente, molti nella chiesa di oggi sono così impegnati in questa visione del mondo incoerente che sono disposti ad allinearsi con il peccatore originale (Satana) e rifiutare ciò che Cristo ha detto, insegnato ed esemplificato. Come ha sottolineato Alisa Childers, questa visione del mondo postmoderna difettosa sembra più pericolosa dell'ateismo !

Ciò lascia al teorico critico una delle due opzioni tra cui scegliere:

1- Ribellarsi contro Dio.

2- Pentiti e chiedi a Dio il perdono (Dio ti ama)!

Monique Duson fornisce un ottimo esempio . Come una donna di colore, ha cercato di sposare il cristianesimo con TC (vale a dire Critical Race Theory). In effetti, si è laureata presso la mia alma mater (Biola University) ed è stata anche parte dell'organizzazione Black Lives Matter che si basa sulla TC e sul marxismo (o sul marxismo armato dalla TC). Dopo un po 'iniziò a collegare i punti logici e si rese conto che la visione del mondo di TC e quella del cristianesimo erano antiteticamente opposte. Si rese conto che se fosse rimasta nell'organizzazione BLM, si sarebbe ribellata a Dio e avrebbe peccato in senso oggettivo. Tra le opzioni sopra, Monique scelse saggiamente quest'ultima. Questa forte donna di colore ha lasciato l'organizzazione Black Lives Matter e ora parla contro di essa.

Monique ha avviato il Center for Biblical Unity come alternativa all'organizzazione Black Lives Matter. È chiaro che molte persone sono confuse perché un'organizzazione oggettivamente malvagia ha adottato un'affermazione oggettivamente vera come nome. Come seguaci di Cristo, dobbiamo affermare la vera proposizione "materia di vite nere", ma dobbiamo rifiutare l'organizzazione malvagia conosciuta come Black Lives Matter che ha dirottato la vera affermazione (sebbene io affermi l'affermazione, in genere cerco di usare parole diverse per comunicare il stesso sentimento per evitare confusione). L'organizzazione di Monique offre ai cristiani un modo per affermare la vera proposizione e avanzare una causa giusta senza fare un accordo con il diavolo.

La teoria critica rifiuta il pensiero critico

Dal momento che TC è dalla parte sbagliata della logica, è logico (più logica) che se si è ciecamente impegnati nella teoria critica, allora non solo si rifiuterà Dio, ma rifiuterà anche la logica e il pensiero critico come soggettivamente "occidentali" o " maschili". Questa irrazionalità è esemplificata dall'affermazione di Margaret L. Anderson in Razza, Classe e Genere :

"L'idea che l'oggettività sia raggiunta al meglio solo attraverso il pensiero razionale è un modo di pensare specificamente occidentale e maschile" (p. 5).

Neil Shenvi ha notato la difficoltà di avere conversazioni ragionevoli, razionali e logiche con il teorico critico perché affermano che quelli nei gruppi oppressi - non importa quanto logicamente incoerenti le loro assunzioni, asserzioni o dichiarazioni - devono essere considerati attendibili e accettati semplicemente perché " i gruppi di oppressori nascondono la loro oppressione sotto le sembianze o le pretese dell'oggettività. " Quindi, se un maschio cristiano bianco offre logica, ragione ed evidenza che dimostrano che la TC è falsa, Shenvi spiega che il Teorico Critico potrebbe rispondere nel modo seguente: "Stai solo cercando di ottenere potere e stai usando ["logica occidentale"], Razionalità, prove e argomenti come un modo per nascondere la tua volontà di dominare."

Di conseguenza, il maschio cristiano bianco - non importa quanto ragionevole - viene respinto. Deve solo "tacere" e ascoltare le esperienze soggettive e aneddotiche del teorico critico. Questo è il postmodernismo al suo culmine e l'antitesi a ciò che il profeta Isaia insegnò nella Bibbia: "Vieni ora, cerchiamo di ragionare insieme, dice il Signore ..." Isaia non dice a una persona di "tacere e ascoltare", ma sfida tutte le persone a "ragionare insieme ". In effetti, attribuisce questo comando a essere di Dio stesso.

Sfido amorevolmente il cristiano che spera di sposare TC con il cristianesimo per considerare 2 Corinzi 10: 5 . In questo brano, l'apostolo Paolo scrive:

"...affinché distruggiamo le argomentazioni ed ogni altezza che si eleva contro la conoscenza di Dio e rendiamo sottomesso ogni pensiero all'ubbidienza di Cristo".

Adoro questo versetto della Bibbia per due motivi: primo, Paolo fornisce l'esempio ai cristiani di distruggere ogni argomento e opinione errata su Dio.

La seconda ragione per cui mi piace questo verso perché Paolo afferma che “noi” - ed implica che noi dovremmo rendere sottomesso ogni pensiero all'ubbidienza di Cristo. Secondo gli altri scritti di Paolo, Gesù Cristo è la realtà ultima (Colossesi 1:16). Quindi, quando assoggettiamo i nostri pensieri all'obbedienza a Cristo, stiamo pensando pensieri oggettivamente veri. Questo perché la verità corrisponde alla realtà (come spiegato sopra).

Paolo è chiaro che dovremmo prendere i nostri pensieri prigionieri per obbedire a Cristo - per obbedire alla realtà. Implica anche che possiamo essere catturati dal pensiero scorretto “superficiale” o “ingannevole” in Colossesi 2: 8. Ne consegue che l'umanità è impegnata in una battaglia. Questa battaglia non è "contro la carne - di qualsiasi colore - e sangue" (Efesini 6:12); no, che ce ne rendiamo conto o no, ognuno di noi è in una battaglia per la mente e il modo in cui pensiamo. C'è una prescrizione biblica per come dovremmo pensare.

In effetti, se si rifiuta la logica , tutto ciò che rimane è gibberish, collera e forse violenza fisica.

La teoria critica (la fondazione di organizzazioni come Antifa e Black Lives Matter) è l'epitome delle "filosofie superficiali e ingannevoli" di cui Paolo ci ha messo in guardia nella sua lettera ai Colossesi. Ignorare la verità e la logica è un suicidio intellettuale e spirituale e oggettivamente la vera giustizia non sarà mai trovata nella nostra società. [2 ]

In conclusione: è fondamentale catturare i nostri pensieri e le "teorie" prima che siano loro a catturarci.

Resta ragionevole (Isaia 1:18),

Dr. Tim Stratton

Note

[1] È interessante notare che molti apologeti cristiani e "nuovi atei" stanno trovando un terreno comune contro la teoria critica (vedi Corey Miller e Peter Boghossian come esempio). Questo potrebbe essere il caso perché entrambi i gruppi sono impegnati sia nella ragione che nella scienza (quindi innumerevoli dibattiti accademici ), e quindi, stanno realizzando che entrambi hanno un nemico comune poiché la TC rifiuta sia la logica che la scienza.

Dal punto di vista cristiano, osserva il chimico teorico, il dott. Neil Shenvi, che discute dei molti problemi della TC con Bobby Conway in The One Minute Apologist. Da una prospettiva secolare, ascolta il biologo evoluzionista, il dottor Bret Weinstein, discute dei molti problemi con la TC al Joe Rogan Show .

[2] È fondamentale non prendere semplicemente la “parola per un autore”, ma fare alcuni dei tuoi compiti. Un buon punto di partenza è con una serie di saggi compilati insieme in Race, Class e Gender (collegati sopra).