Istruzioni e Dichiarazioni/Arte e la comunicazione

Da Tempo di Riforma Wiki.

Ritorno


L'arte e la comunicazione nella visione cristiana del mondo e della vita

PREFAZIONE

Premessa

"In principio Dio creò" e "In principio era il Verbo". Dio è l'Autore della creazione e della comunicazione. Come supremo Creatore e Comunicatore, è la Fonte dell'arte e della comunicazione. Dio ha dato ogni autorità in cielo e in terra a Suo Figlio, Gesù Cristo. Poiché Gesù Cristo ha il diritto di avere la signoria su tutte le aree della vita, i cristiani devono portare tutta l'arte e la comunicazione sotto la Sua autorità. L'arte e la comunicazione fanno parte dell'ordine creato da Dio. Non possono essere etichettati come cristiani o non cristiani. Tuttavia, possono essere usati nel bene o nel male.

Arte e comunicazione non sono funzioni né sinonimi né si escludono a vicenda nell'economia di Dio. La comunicazione è l'atto di condividere pensieri, idee, informazioni e bisogni. Le arti, comunicanti o meno, sono espressioni della creatività di Dio manifestata attraverso l'essere umano. L'essere umano, creato a immagine di Dio, ha la capacità di creare e comunicare. Pertanto, tutti gli sforzi e le comunicazioni artistiche coinvolgono più di abilità tecniche. Il loro scopo previsto è glorificare Dio. Per realizzare questo, tutta l'arte e la comunicazione devono essere portate in cattività nella mente di Cristo.

Cristo è lo standard di eccellenza. "E qualunque cosa facciate, fatelo di buon animo, come per il Signore e non per gli uomini" (Colossesi 3:23). Nell'ambito di tale eccellenza, l'arte e la comunicazione dovrebbero riflettere la massima qualità del lavoro creativo possibile date le risorse disponibili. Poiché tutte le capacità sono date da Dio, possiamo raggiungere l'eccellenza quando le sottoponiamo alla signoria di Gesù Cristo e alla guida di Dio. Questa guida viene dalla comunicazione con Dio attraverso la preghiera, lo studio della Sua Parola scritta e altre discipline bibliche vitali per essere cristiani. L'arte e la comunicazione hanno una grande influenza sulla società nel plasmare la visione dell'essere umano della realtà. Una carriera in questi campi dovrebbe essere considerata una degna vocazione. Per raggiungere una tale carriera, i cristiani dovrebbero discernere e sviluppare i talenti dati da Dio. È legittimo per i cristiani impegnarsi nell'arte e nella comunicazione senza la necessità di includere un simbolismo o un contenuto palesemente cristiano. Un cristiano può partecipare a qualsiasi area dell'arte e della comunicazione purché si sottometta alla signoria di Gesù Cristo secondo la Sua Parola scritta e agisca nella convinzione della fede, poiché "senza fede è impossibile piacere [a Dio]" (Ebrei 11:6).

I problemi

A causa della sua condizione decaduta, l'essere umano è predisposto ad abusare delle sue capacità artistiche e comunicative. Questo uso improprio ha minato e contraddetto la comprensione dell'essere umano della creazione di Dio e della Sua Parola, servendo così la causa dell'Avversario.I cristiani hanno talvolta rifiutato l'arte o l'hanno limitata a meri mezzi di comunicazione, non apprezzando così la creazione artistica e la sua Fonte divina. Spesso hanno ceduto i campi della comunicazione a coloro le cui opinioni contraddicono la Bibbia. Inoltre, a volte non sono riusciti a lottare per l'eccellenza nella loro arte e comunicazione. Inoltre, il valore nell'arte e nella comunicazione è stato giudicato troppo spesso in termini puramente finanziari o utilitaristici. Alcuni cristiani sono stati predisposti ad essere inutilmente combattivi nei loro rapporti con coloro che comunicano. Ciò inibisce non solo la nostra capacità di funzionare correttamente nei mezzi di comunicazione, ma anche la nostra capacità di testimoniare con amore a coloro che sono nelle comunicazioni.

Soluzioni bibliche

Tutto deve essere posto sotto la guida di Cristo (Efesini 1:9,10). L'arte può essere usata in modo simbolico (Numeri 21:8). L'arte risponde al desiderio di bellezza dato agli uomini da Dio (Esodo 28:40b). L'arte può essere una vocazione di Dio (Esodo 35:30,33). L'arte non dovrebbe essere adorata o servita (Romani 1:25). L'arte e la comunicazione che glorificano Dio dovrebbero essere fatte con eccellenza. Nella ricerca di tale eccellenza, guidati dal Suo Spirito e Parola, i cristiani possono impiegare artisti e comunicatori che non aderiscono a una visione del mondo biblica, nella produzione di un'opera prodotta sotto l'autorità di Gesù Cristo. I cristiani nell'arte e nella comunicazione devono sforzarsi di "dire la verità nella carità" (Efesini 4:15). Devono essere cercatori, presentatori e seguaci di Colui che è Verità. Devono essere virtuosi, onesti, giusti, creativi, umili e diligenti. Devono imparare la lingua e la grammatica di ogni mezzo per poter comunicare bene. Ove appropriato, i cristiani possono utilizzare l'intera gamma di strumenti e dispositivi disponibili per ogni genere e mezzo, come: dramma, allegoria, simbolismo, metafora, commedia, fantasia, mito, colore, forma e ritmo. I cristiani nell'arte e nella comunicazione, come altrove, devono essere "nel mondo ma non del mondo". Devono essere ambasciatori del Regno di Dio, ripieni dello Spirito di Dio, essere "sale della terra" e "luce del mondo" (Matteo 5:13,14).

I cristiani dovrebbero riconoscere che i non cristiani, avendo l'immagine di Dio dentro di sé, possono produrre opere che affermano la creazione di Dio. Inoltre, i cristiani dovrebbero parlare quando coloro che si occupano di arte e comunicazione sono imprecisi, ingiusti o irriverenti. La base della loro critica dovrebbe essere la Verità, non se un'opera si riflette favorevolmente o sfavorevolmente sui cristiani.

Dichiarazioni di affermazione e negazione

1. Affermiamo che Dio è il Creatore e l'Autore di tutte le capacità creative. Neghiamo che l'arte e la comunicazione abbiano avuto origine da poteri satanici o umani.

2. Riaffermiamo che lo scopo dell'arte e della comunicazione è glorificare Dio. Neghiamo che lo scopo dell'arte e della comunicazione sia quello di glorificare l'essere umano o qualsiasi altra parte della Creazione al di sopra di Dio.

3. Affermiamo che la comunicazione e l'arte sono ambiti legittimi della vita riconosciuti dalla Parola di Dio e disponibili a tutti i cristiani per l'edificazione e il divertimento. Neghiamo che l'arte e la comunicazione siano da considerare meno o più importanti di altre occupazioni nella Chiesa.

4. Affermiamo il primato dell'artista sulla sua arte e del personale sull'impersonale, poiché la persona è sempre più importante della sua arte. Neghiamo ogni tendenza ad adorare l'arte oa fare dell'arte o della comunicazione un idolo.

5. Affermiamo la responsabilità e la responsabilità dell'artista e del comunicatore in tutte le espressioni creative e le opere d'arte. Neghiamo ogni teoria che possa minare o minimizzare la responsabilità dell'artista e comunicatore nel suo ruolo.

6. Affermiamo il ruolo dell'artista e luogo dell'arte come fondamentale per la valorizzazione della vita, l'edificazione della Chiesa e l'annuncio del Vangelo a tutti gli uomini, comunque colti, di qualsiasi cultura. Neghiamo che la Chiesa debba limitare l'uso dell'arte e della comunicazione esclusivamente all'annuncio del Vangelo nel tentativo di salvare i perduti, sebbene questa sia una parte importante della comunicazione.

7. Affermiamo che l'arte non ha bisogno di altra giustificazione che quella enunciata dalla Parola di Dio e confermata dal suo Spirito. Neghiamo che l'arte debba avere uno scopo utilitaristico o una giustificazione alla ragione autonoma dell'essere umano.

8. Affermiamo che l'arte da una visione biblica del mondo ha significato perché Dio dà significato a tutta la vita.

9. Affermiamo la necessità dell'eccellenza e dello sviluppo della tecnica nei media e nell'arte. Neghiamo la giustificazione per la produzione di arte scadente e scadente e l'elusione della formazione e della disciplina, che sono essenziali per un'arte di qualità.

10. Affermiamo che non ci devono essere compromessi, ritirata e scuse rispetto alla nostra comunicazione di cristiani.

11. Affermiamo che coloro che sono nell'arte e nella comunicazione hanno diritto a un compenso commisurato alle loro capacità professionali e ai livelli di responsabilità (Luca 10:70). Affermiamo anche il diritto dei cristiani nell'arte e nella comunicazione, come altrove, di prosperare come Dio concede. Neghiamo che la Chiesa debba aspettarsi che artisti e comunicatori servano gratis pro deo.

12. Affermiamo la molteplicità delle forme artistiche a cui si fa riferimento nella Scrittura che sono disponibili per uno sforzo serio nell'esprimere una visione biblica del mondo. Neghiamo che certe forme d'arte per natura non siano bibliche a meno che non si trovino chiare prove di censura in tutto il consiglio della Scrittura.

13. Affermiamo la responsabilità degli artisti e dei comunicatori di trasmettere il loro mestiere alla prossima generazione, coltivandola nell'eccellenza e nell'integrità artistiche, in accordo con la Scrittura (Esodo 35:30-34).

14. Affermiamo che l'integrità e le motivazioni dell'artista sono importanti quanto l'opera dell'artista, indipendentemente dal fatto che siano chiaramente visualizzate o meno.

15. Affermiamo la vocazione riparatrice della Chiesa a riconoscere e incoraggiare coloro che sembrano avere un mandato o una vocazione nell'arte e nella comunicazione.

16. Affermiamo che la Chiesa ha una responsabilità speciale nel mostrare misericordia e compassione all'artista e comunicatore itinerante. Neghiamo ogni tentativo di rifiutare la comunione a un cristiano sulla base del suo mandato o della sua vocazione all'arte o alla comunicazione.

17. Affermiamo che la preoccupazione principale della chiesa locale nella vita dell'artista o comunicatore è di nutrirlo e discepolarlo. Neghiamo che la preoccupazione principale dell'ente ecclesiale locale e della leadership nella vita dell'artista e del comunicatore debba essere il suo lavoro.

18. Affermiamo che i campi dell'arte e della comunicazione, compresa l'educazione in quei campi, sono autentici campi di missione del Corpo di Cristo.

19. Affermiamo l'importanza dell'abile artista e comunicatore nella vita quotidiana del Corpo di Cristo. Affermiamo inoltre che la Chiesa dovrebbe cercare attivamente di sviluppare le capacità creative che si trovano nelle persone.

20. Affermiamo che il corpo ecclesiale locale deve esercitare saggezza e discernimento nel sostenere artisti e comunicatori. Neghiamo che la Chiesa debba essere soggetta a mode, mode o tendenze nell'arte e nella comunicazione, specialmente quelle che cercano di attirare il sostegno cristiano esclusivamente sulla base di "parole in codice" e temi.

21. Affermiamo che è fondamentale per i cristiani esprimere i valori biblici attraverso i mezzi di comunicazione. Neghiamo che l'assenza di pensiero biblico sia neutralità, soprattutto rispetto ai mezzi di comunicazione.

22. Affermiamo inoltre che una stampa libera è necessaria come baluardo contro la corruzione in una società libera per informare e registrare onestamente sia il bene che il male. Neghiamo, tuttavia, che i mezzi di comunicazione siano al di sopra di ogni scrutinio.

23. Affermiamo che i cristiani nelle comunicazioni devono resistere alla tentazione di sopprimere le informazioni che dovrebbero essere rese pubbliche, e che i cristiani dovrebbero anche esercitare integrità nel decidere se e quando divulgare informazioni. Neghiamo che ci siano giustificazioni bibliche per la censura della verità; sebbene il male, la bestemmia, la volgarità e la pornografia non siano né verità né discorsi legittimi e debbano essere rimproverati e censurati.

24. Affermiamo che i giornalisti dovrebbero sforzarsi per obiettività, accuratezza e completezza nella segnalazione poiché esiste una distinzione tra segnalazione ed editorializzazione; che la segnalazione enfatizzi la presentazione obiettiva dei fatti e minimizzi l'opinione e la persuasione; che l'editorializzazione enfatizza la prospettiva, l'opinione e la persuasione; e che i mezzi di informazione devono mantenere questa distinzione e dire al loro pubblico quale forma di comunicazione stanno utilizzando. Neghiamo che i giornalisti debbano distorcere i fatti, trasmettere falsità o manipolare i fatti per elaborare conclusioni.

25. Affermiamo che i cristiani devono usare il discernimento quando leggono, ascoltano o guardano i media, e che devono stare attenti ai pregiudizi intrinseci nei giornalisti, i quali sono necessariamente limitati nelle loro visioni del mondo. Neghiamo che i cristiani debbano accettare qualsiasi notizia alla lettera senza esercitare discernimento e saggezza.

26. Affermiamo che la Chiesa e i singoli cristiani devono censurare e rimproverare tutte le forme di blasfemia e di pornografia come mali idolatrici, empi, antiumani, antibiblici. Neghiamo che qualsiasi pornografia e altra blasfemia siano ammesse come arte o "libertà di parola".

27. Affermiamo che la restaurazione dell'arte e della comunicazione al cristianesimo è un mandato biblico (1 Corinzi 10,31). Neghiamo che l'arte e la comunicazione possano continuare ad essere ignorate o sminuite dai cristiani senza pregiudizio per il Corpo di Cristo e la sua influenza nel mondo.

Un invito all'azione nell'arte e nella comunicazione

Azioni generali

A causa delle precedenti convinzioni, invitiamo tutti gli uomini e le donne che nominano Cristo come loro personale Salvatore e Signore ad unirsi a noi in:

1. esaminando seriamente queste affermazioni e smentite alla luce della Parola di Dio per vedere se sono vere, e informandoci direttamente di quei punti in cui credono che ci siamo allontanati dalla Scrittura o dalla logica;

2. riesaminare le nostre teorie e pratiche nell'arte e nella comunicazione e chiedere a Dio di mostrarci dove stiamo fallendo;

3. pentirsi di tutti i peccati conosciuti, confessandoli e abbandonandoli, chiedendo perdono sia a Dio stesso che a tutti coloro che sono stati offesi, e poi facendo ogni possibile restituzione;

4. pregare affinché Dio riempia tutto il Suo popolo della potenza abilitante dello Spirito Santo affinché possiamo portare le nostre vite personali e le nostre teorie e pratiche nelle arti e nella comunicazione in una più stretta conformità alla Sua volontà rivelata su una base permanente e coerente;

5. cercare una guida dai nostri fratelli e dalle autorità ecclesiastiche locali su come possiamo sostenerci e influenzarci a vicenda per rendere le nostre arti e le nostre pratiche di comunicazione glorificando Dio.

Avendo affrontato i nostri peccati e fallimenti personali e rendendoci responsabili nei confronti della Bibbia e dei fratelli, ora ci impegniamo a:

1. pregare e studiare la Parola scritta di Dio;

2. influenzare eventuali cristiani conosciuti o associazioni cristiane con cui lavoriamo a considerare seriamente le nostre affermazioni e smentite con l'obiettivo di arruolare le loro risposte;

3. influenzare coloro che, nel campo dell'arte e della comunicazione, concordano con le nostre affermazioni e smentite, ad attuare queste proposte nel loro lavoro;

4. mobilitando e mettendo in rete le nostre risorse cristiane e lavorando di concerto con le altre sfere professionali sia all'interno che all'esterno del COR, per vedere il comportamento del Corpo di Cristo e della nostra nazione cambiare per avvicinarsi più da vicino alla visione della realtà e della morale che ci viene presentata le Sacre Scritture;

5. assumendoci la responsabilità delle nostre azioni di parola e di azione, in modo da comportarci in modo gradito a Dio, agendo come ambasciatori della sua buona volontà e portatori della sua buona novella.

Azioni specifiche

A tal fine ci impegniamo nelle seguenti azioni specifiche:

1. Per quanto riguarda l'arte, i cristiani devono creare arte e manufatti sotto la guida di Cristo a Suo onore e gloria. Questa chiamata a creare non significa che dovremmo trattare le arti come un altro mezzo di comunicazione. Piuttosto, dobbiamo creare arte e artefatti nella gioiosa consapevolezza che siamo stati creati a immagine di Dio, redenti dal Suo sangue, e resi parte del Suo Corpo e coeredi del Suo Regno.

Nel tabernacolo nel deserto, Mosè ricevette l'istruzione riguardo agli abiti dei sacerdoti di farli "per gloria e per bellezza" (Esodo 28:40b).

2. Per quanto riguarda le comunicazioni, i cristiani dovrebbero annunciare il Vangelo di Gesù Cristo all'umanità attraverso tutti i mezzi di comunicazione, quando opportuno. Dobbiamo essere attenti e diligenti nell'applicarci a ogni mezzo di comunicazione per determinare il modo migliore per annunciare Gesù e la sua salvezza. Dobbiamo contestualizzare il Suo messaggio in modo da essere ascoltati e non dobbiamo mai compromettere quel messaggio.

3. L'imitazione dei mezzi di comunicazione e delle forme d'arte del mondo non basta; Gli artisti ei comunicatori cristiani devono recuperare l'impulso e sviluppare nuove forme basate sulla nostra visione biblica del mondo.

4. I cristiani devono evitare queste trappole:

4.1 tutte le forme di arte e comunicazione che elevano vasi umani a spese di elevare Gesù Cristo;

4.2 "missione fittizia" che fa affermazioni di effetti e risultati non accurati;

4.3 l'idolatria, che pone fede nelle cose, compresi i mezzi di comunicazione, piuttosto che nel Dio onnipotente e sovrano;

4.4 presentare al pubblico modelli ingiusti di comportamento etico e morale (Questo vale per la vita privata e pubblica dei cristiani che sono artisti e personalità dei media. Le personalità cristiane che cadono nel peccato devono essere affrontate con amore secondo Matteo 18:15-18 e, se impenitente, disciplinato dalla Chiesa);

4.5 prendersi il merito dell'opera di Dio nell'attirare uomini e donne a Gesù Cristo.

5. I cristiani che lavorano nell'arte e nella comunicazione devono seguire l'esempio di Gesù Cristo nel loro servizio profetico, mantenendo l'umiltà e il pentimento come standard del loro servizio.

6. Quando guidati dallo Spirito Santo, tutti i cristiani dovrebbero sforzarsi di influenzare la comunicazione ei mezzi di comunicazione nelle loro comunità, anche trattando direttamente con i comunicatori.

7. I cristiani dovrebbero boicottare gli inserzionisti che sponsorizzano arte e comunicazione immorali, in particolare bestemmie, parolacce e pornografia, informando quegli inserzionisti di tale azione.

8. I cristiani dovrebbero rimuovere le influenze empie nell'arte e nella comunicazione ogni volta che è possibile, in particolare la bestemmia, la volgarità e la pornografia.

9. La Chiesa dovrebbe esercitare una buona amministrazione nel suo sostegno ai progetti artistici e di comunicazione, valutando le proposte alla luce dei principi biblici come quelli contenuti in questo documento e consultandosi con esperti nei campi quando necessario e appropriato.

10. Gli enti ecclesiali locali dovrebbero riconoscere i cristiani chiamati da Dio nell'arte e nella comunicazione e incoraggiarli a cercare un'educazione adeguata alla loro chiamata.

11. Un gruppo rappresentativo di cristiani biblici informati nelle arti e nella comunicazione dovrebbe preparare un elenco di college e scuole di specializzazione i cui dipartimenti di arti, comunicazione, inglese, giornalismo, ecc., presentano le loro discipline dalla base della sottomissione filosofica alla Bibbia infallibile e che si impegnano per le affermazioni e le smentite contenute in questo documento. Questo elenco dovrebbe quindi essere reso disponibile e promosso tra quei giovani di talento che cercano una formazione nelle loro aree di creatività.

12. La Chiesa deve vedere il suo dovere sotto Dio di nutrire e discepolare l'artista e comunicatore. Gli stessi standard biblici della maturità cristiana si applicano a quelli di temperamento artistico e dotati di talenti come ci si aspetta da tutti i cristiani. A una "prima donna" ipersensibile non deve essere permesso di rimanere in quello stato immaturo.

13. Ci si deve aspettare che musicisti, artisti, star, personalità dei media e comunicatori cristiani con una grande influenza sul pubblico siano all'altezza degli stessi standard di leadership rivelati in 1 Timoteo 3 come pastori. Quei musicisti, artisti, star, personaggi televisivi e altri cristiani la cui vita non è esemplare (adulterio, divorzio non scritturale, frode, ecc.) Dovrebbero essere boicottati e dovrebbero ricevere la disciplina della chiesa da quegli altri cristiani che sono responsabili del loro pastore. Ogni figura cristiana pubblica deve rendere conto a qualche chiesa, pastore o gruppo di leader cristiani che possono chiamarlo a breve quando c'è peccato o irresponsabilità nella sua vita. Ciò è particolarmente vero per coloro che viaggiano spesso. Laddove questo tipo di azione possa comportare azioni legali, perdita di denaro o danni alla reputazione,

14. Nei mezzi di comunicazione, come radio, televisione e stampa, i comunicatori dovrebbero enfatizzare la creazione di programmi che insegnino i valori biblici, la moralità e la lealtà familiare, a tutti gli ascoltatori, in particolare gli standard biblici di giusto e sbagliato come parte di un mondo biblico.

15. I cristiani dovrebbero compiere uno sforzo coerente e sistematico per evangelizzare tutti gli artisti e comunicatori, specialmente coloro che sono leader in quei campi.

Conclusione

Dio ha dato a ciascuno dei doni. Dobbiamo riconoscere le nostre forze e debolezze individuali all'interno del Corpo di Cristo per quanto riguarda le arti e la comunicazione. Riconosciamo la necessità di garantire i servizi di coloro che sono dotati in queste aree al fine di mantenere uno standard di eccellenza. I cristiani devono obbedire al comando di Cristo che il nostro sì sia sì e il nostro no, no.

Dr. Theodore Baehr, JD, Presidente • Dr. Dave Clark, Co-Chairman • Con contributi dei membri del Comitato per l'arte e le comunicazioni di The Coalition on Revival • Dr. Jay Grimstead, D.Min., Direttore generale • Mr. E Calvin Beisner, MA, assistente del direttore generale. La visione cristiana dell'arte e della comunicazione . Copyright 1986, The Coalition on Revival, Inc. Tutti i diritti riservati. The Coalition on Revival, Inc., PO Box 1139, Murphys, California 95247