Istruzioni e Dichiarazioni/Elementi essenziali di una visione del mondo cristiana

Da Tempo di Riforma Wiki.

Ritorno


Worldview.jpg

Elementi essenziali di una visione del mondo cristiana (2017)

ARTICOLI DI AFFERMAZIONE E NEGAZIONE

Elementi essenziali di una visione del mondo cristiana (2017) - La natura di Dio - La natura dell'universo - La natura della verità - La natura dei veri valori - La natura dell’autorità - La natura della salvezza - La natura dei governi umani - Natura e proposito della storia,  Di Dr. Jay Grimstead, D.Min., E. Calvin Beisner, M.A, The Coalition on Revival.

La natura di Dio:

Articolo I

Affermiamo che c'è un solo Dio vivente che è infinito nell'essere e nella perfezione, uno spirito purissimo, invisibile e assolutamente distinto dalla Sua creazione.

Neghiamo tutte le visioni di Dio che negano o si discostano dal concetto tradizionale giudeo-cristiano di Dio, tra cui Ateismo, Deismo, Dio Finito, Panenteismo (Dio in processo), Politeismo e Panteismo.

Articolo II

Affermiamo che Dio è sia trascendente che immanente nella Sua creazione.

Neghiamo che nel Suo essere Dio sia totalmente altro, o che Egli sia identificato con la Sua creazione.

Articolo III

Affermiamo che di tanto in tanto Dio interviene in modo soprannaturale nel corso di eventi naturali o umani per compiere i Suoi scopi redentivi.

Neghiamo qualsiasi visione naturalistica che rifiuti un Dio soprannaturale o il Suo intervento miracoloso nella natura o nella storia.

Articolo IV

Affermiamo che Dio è un essere personale, infinito, eterno, auto-esistente, immutabile, indivisibile, onnipotente, onnisciente, onnipresente, spirituale, e che è il creatore e il sostenitore dell'universo.

Neghiamo che Dio sia impersonale, finito, temporale, mutevole, divisibile, materiale o è limitato nel Suo potere, conoscenza o presenza nell'universo.

Articolo V

Affermiamo che Dio è assolutamente santo, giusto, buono, vero, amorevole e misericordioso nel Suo essere e in tutte le Sue attività.

Neghiamo che Dio sia meno che tutto e totalmente perfetto in ogni Suo attributo.

Articolo VI

Affermiamo che questo unico Dio esiste eternamente in tre Persone distinte (Padre, Figlio e Spirito Santo), ognuna delle quali condivide equamente tutti gli attributi divini.

Neghiamo che Dio è più di un Essere (come nel Tri-teismo) o che Egli è meno di tre Persone eterne (come nel rigoroso monoteismo, nell'Arianesimo o nel Modalismo).

La natura dell'universo:

Articolo VII

Affermiamo che l'intero universo, compresi tutti gli esseri finiti, è stato creato da Dio dal nulla (ex nihilo).

Neghiamo che l'universo non sia stato creato o che sia stato creato da Dio (ex deo) o da materiale preesistente (ex materia).

Articolo VIII

Affermiamo che l'universo spazio-temporale è finito, temporale e reale.

Neghiamo che l'universo spazio-temporale sia infinito, eterno o illusorio.

Articolo IX

Affermiamo che l'intero universo è assolutamente distinto e totalmente dipendente dal suo Creatore-Dio.

Neghiamo che l'universo sia in qualche modo identificabile con Dio o che esista indipendentemente da Dio.

Articolo X

Affermiamo che l'essere umano (maschio e femmina) è stato creato appositamente da Dio.

Neghiamo che l'essere umano si sia evoluto o sia geneticamente derivato dalle forme inferiori della vita.

Articolo XI

Affermiamo che l'essere umano è stato creato a immagine e somiglianza di Dio e di conseguenza è dotato da Dio di incommensurabile dignità e valore.

Neghiamo qualsiasi visione che tenda a sminuire o sminuire la libertà, la dignità e il valore dell'essere umano dati da Dio o a ridurlo allo status di semplice animale.

Articolo XII

Affermiamo che l'essere umano come essere razionale e morale è in ultima analisi responsabile e responsabile verso Dio.

Neghiamo che le azioni morali dell'essere umano siano determinate geneticamente o ecologicamente, o che la sua responsabilità sia limitata a se stesso o alla società.

Articolo XIII

Affermiamo che a causa della ribellione dell'essere umano contro Dio, sia lui che il suo ambiente esistono in uno stato corrotto e stanno sotto la condanna di Dio.

Neghiamo che l'essere umano o il mondo nel loro attuale stato corrotto possano essere perfezionati solo da agenzie naturali o umane.

Articolo XIV

Affermiamo che l'essere umano, dal momento del concepimento, è una creatura che ha un'esistenza cosciente individuale eternamente al di là della morte fisica.

Neghiamo che l'essere umano sia una creatura meramente mortale la cui esistenza cosciente individuale termini alla morte fisica, o che la prole non ancora nata dell'essere umano sia meno umana.

La natura della verità

Articolo XV

Affermiamo che Dio è l'autore ultimo di tutta la verità.

Neghiamo che l'essere umano possa essere l'autore finale e determinante della verità.

Articolo XVI

Affermiamo che la verità è oggettiva, assoluta e, in ultima analisi, non contraddittoria.

Neghiamo qualsiasi visione che riduca la verità a uno status puramente relativo, soggettivo, esperienziale o paradossale.

Articolo XVII

Affermiamo la verità di essere ciò che corrisponde e descrive accuratamente la realtà.

Neghiamo qualsiasi visione che concepisce la realtà come mera esperienza soggettiva, incontro esistenziale, mera coerenza, processo dialettico, o che concepisce la realtà in qualsiasi altro modo relativistico.

Articolo XVIII

Affermiamo che nella misura in cui Dio ha rivelato la verità, sia in generale che una rivelazione speciale, è conoscibile dall'essere umano, anche se non è né esaustiva né completa.

Neghiamo che i limiti della conoscenza dell'essere umano della verità di Dio lo lascino incapace di conoscere, comunicare o usare quella verità.

Articolo XIX

Affermiamo che tutta la verità rivelata nella rivelazione speciale di Dio, i 66 libri della Bibbia, è propositiva [fatta di proposizioni].

Neghiamo che il linguaggio umano della Bibbia sia un veicolo inadeguato per comunicare la verità di Dio all'essere umano.

La natura dei veri valori

Articolo XX

Affermiamo che Dio è la fonte di tutto ciò che è giusto, e che i giusti valori riflettano il Suo carattere morale.

Neghiamo che i veri valori siano in ultima analisi derivati dall'essere umano o da qualsiasi altra fonte finita.

Articolo XXI

Affermiamo che la base di tutti i veri valori sono oggettivi e assoluti.

Neghiamo che la base di tutti i veri valori sia semplicemente soggettiva, relativa o culturale.

Articolo XXII

Affermiamo che i veri valori sono determinati da Dio e semplicemente scoperti dall'essere umano.

Neghiamo che sia legittimo per l'essere umano creare i propri veri valori a livello personale o sociale.

Articolo XXIII

Affermiamo che i veri valori rivelati da Dio pongono un obbligo prescrittivo all'essere umano con il quale deve ordinare la sua vita.

Neghiamo che i veri valori siano semplicemente descrittivi del comportamento umano o che l'essere umano non sia obbligato a vivere conforme ad essi.

Articolo XXIV

Affermiamo che l'unica espressione perfetta, completa e completa dei valori di Dio si trova nella Bibbia.

Neghiamo che coloro che non sono consapevoli della Bibbia sono quindi esonerati dagli obblighi morali rivelati da Dio nel cuore degli uomini.

La natura dell’autorità

Articolo XXV

Affermiamo che la fonte ultima di autorità è Dio.

Neghiamo che l'essere umano abbia l'autorità di creare le proprie norme morali.

Articolo XXVI

Affermiamo che Dio ha espresso la Sua autorità alle Sue creature nella rivelazione generale e, più chiaramente e pienamente, nella rivelazione speciale.

Neghiamo che la società umana, la cultura o il consenso sono una base legittima per la condotta morale dell'essere umano.

Articolo XXVII

Affermiamo che Dio nella sua rivelazione generale, attraverso le opere della creazione e le coscienze degli uomini, ha rivelato il Suo potere eterno e la Sua divinità con la Sua legge morale nel cuore di tutti gli uomini, anche se nel loro stato corrotto sopprimono questa verità iniquità.

Neghiamo che l'essere umano sia o una creatura a-morale o che sia intrinsecamente buono o naturalmente perfettibile.

Articolo XXVII

I Affermiamo che la rivelazione speciale e normativa di Dio si esprime e si limita alla Sua autorevole, inerzia, scritta Parola, la Bibbia, che è l'ultima barra di appello in tutte le questioni di fede e di vita e si esibisce su ogni ragione, rivelazione ed esperienza.

Neghiamo che Dio abbia lasciato l'essere umano senza alcuna rivelazione speciale normativa o che ci sia altra o ulteriore rivelazione normativa da parte di Dio.

Articolo XXIX

Affermiamo che le leggi dell'essere umano devono basarsi sulle leggi di Dio.

Neghiamo che le leggi dell'essere umano abbiano un'autorità intrinseca propria o che la loro autorità suprema sia giustamente derivata o creata dall'essere umano.

La natura della salvezza

Articolo XXX

Affermiamo che Solo Dio è la fonte della salvezza dell'essere umano.

Neghiamo che l'essere umano può avviare o raggiungere la propria salvezza.

Articolo XXXI

Affermiamo che Gesù Cristo, l'essere umano Dio, in virtù della Sua vita perfetta, della Sua sostituzione, espiando la morte e della Sua risurrezione corporea, è l'unico Mediatore tra un Santo Dio e l'essere umano peccaminoso.

Neghiamo che l'essere umano possa raggiungere la salvezza attraverso l'istruzione secolare, i programmi sociali, l'azione politica, l'ingegneria genetica, la psicologia o l'autorealizzazione, o con qualsiasi altro mezzo.

Articolo XXXII

Affermiamo che Gesù Cristo nella Sua Incarnazione è interamente Dio e interamente uomo, due nature in una sola persona, senza confusione, senza cambiamento, senza divisione, senza separazione.

Neghiamo che le due nature di Gesù Cristo possano essere confuse, cambiate o divise, o che l'unica Persona Divina possa essere separata da entrambe le cose.

Articolo XXXIII

Affermiamo che il dono di Dio per la salvezza è soprannaturalmente applicato a coloro che credono dalla grazia opera di Dio lo Spirito Santo.

Neghiamo che, nella questione della sua salvezza, l'essere umano è lasciato alle proprie risorse o che può meritare questa salvezza con le proprie opere.

Articolo XXXIV

Affermiamo che la salvezza è dalla presenza, dal potere e dalla pena del peccato e dalla gioiosa obbedienza e servizio a Dio nel Suo regno presente e futuro.

Neghiamo che la salvezza si applichi solo ai destini eterni dell'essere umano.

La natura dei governi umani

Articolo XXXV

Affermiamo che l'istituzione del governo umano è stata ordinata da Dio.

Neghiamo che qualsiasi forma di governo (o sovrano) abbia autorità da qualsiasi fonte diversa da Dio o che Dio approvi i governi indiscriminatamente.

Articolo XXXVI

Affermiamo che Dio ha stabilito una molteplicità di governi umani come individuali, familiari, ecclesiastici e civili.

Neghiamo che qualsiasi forma di governo umano (o sovrano) abbia un'autorità valida da qualsiasi fonte, eccetto Dio o che qualsiasi governo umano abbia una giurisdizione assoluta o completa su tutti gli altri governi.

Articolo XXXVII

Affermiamo che è dovere di tutti i cittadini obbedire all'autorità ordinata da Dio.

Neghiamo che ogni cittadino sia obbligato a obbedire a qualsiasi governo quando trasgredisce il suo mandato o gli imponga di disobbedire alle leggi di Dio.

Articolo XXXVIII

Affermiamo che è sempre l'obbligo dei credenti partecipare alla promozione del buon governo.

Neghiamo che un cristiano possa adempiere pienamente il suo dovere verso Dio, al di fuori dell'azione sociale, culturale e politica volta a influenzare la società per Dio e per il bene umano.

Natura e proposito della storia

Articolo XXXIX

Affermiamo che il Dio Sovrano sta provvidenzialmente dirigendo il corso della storia umana e che gli scopi salvifici di Dio in Cristo sono compiuti all'interno della stessa storia.

Neghiamo qualsiasi filosofia che esprima un'attività naturalistica, caotica, ciclica, dialettica, a due livelli o qualsiasi altra visione che trascura o nega l'attività direttiva di Dio nella storia.

Articolo XL

Affermiamo che la storia dello scopo e del significato è portare lode e gloria a Dio e vita abbondante ai Suoi figli.

Neghiamo qualsiasi punto di vista che rifiuti il significato o lo scopo della storia o che abbia l'essere umano, la natura o qualcosa di diverso da Dio sancito come oggetto finale.

Articolo XLI

Affermiamo che anche se l'essere umano può essere l'obiettivo primario e soggetto della storia, Dio è il suo autore e compitore ultimo.

Neghiamo qualsiasi punto di vista in cui l'essere umano è elevato al livello di architetto, direttore o determinante del corso degli eventi storici.

Articolo XLII

Affermiamo che il compimento della storia è il trionfo finale di Dio su tutta la morte e il male e le loro conseguenze e il suo obiettivo finale è la manifestazione della gloria di Dio.

Neghiamo qualsiasi visione che abbracci la reincarnazione, l'universalismo, il superamento ultimo del bene da parte del male, l'annientamento dell'essere umano o l'eliminazione di un luogo di punizione eterna e di separazione da Dio.


Coalition on Revival Casella P.O. 1139 Murphys CA 95247 Usa.

[1]