Istruzioni e Dichiarazioni/Evangelizzazione locale e mondiale

Da Tempo di Riforma Wiki.

Ritorno


Evangelizzazione locale e mondiale nella concezione cristiana del mondo e della vita

PREFAZIONE

Quando Gesù iniziò il Suo ministero, disse: "...il regno di Dio è vicino". Dio e l'uomo si sono riconciliati! Buone notizie davvero! Continuò: "... ravvedetevi e credete al Vangelo [la buona notizia]" (Marco 1:15).

In questo primo annuncio Gesù affermava che il regno di Dio aveva invaso un'umanità disordinata dal peccato e che l'unico modo per godere del Messia è ravvedersi e ricevere il suo regno regale, sia personalmente che comunitariamente. Il regno regale del Signore Gesù Cristo è inaugurato e culminato dagli eventi salvifici della Sua nascita, vita, morte, risurrezione, esaltazione, regno e ritorno (1 Corinzi 15:1-4, 20-28). Questo vangelo è allo stesso tempo un messaggio di autorità assoluta ("gli oracoli di Dio" — 1 Pietro 4:11) e di infinita compassione (Romani 5:8) presentato con potenza gloriosa (Matteo 28:18, 19; Luca 24 :49; Atti 1:8).

Ai suoi rappresentanti, i portatori del vangelo, Gesù disse: "...riceverete potenza quando lo Spirito Santo scenderà su di voi..." (At 1,8), perché solo così diventerebbero l'incarnazione di ciò che predicavano. Fu quando furono "ripieni di Spirito Santo" (Atti 4:31) che proclamano il vangelo con autorità e compassione nella potenza di Dio.

Paolo parla da un lato degli evangelisti come "ambasciatori di Cristo" (2 Corinzi 5:20) e, dall'altro, del suo atteggiamento come quello di supplicare con grande compassione che gli uomini si riconciliano con Dio, avvertendoli giorno e notte con lacrime (Atti 20:31). Così sia il messaggio evangelico che il messaggero sono contrassegnati dall'autorità , dall'applicazione compassionevole e dal potere dall'alto (1 Corinzi 2:7; 2 Corinzi 5:14).

Questi sono gli elementi mancanti in molta evangelizzazione moderna. Ecco perché il mondo sente di poterci ignorare. Eppure Dio sta suscitando un esercito crescente di persone gravate dallo Spirito Santo, dotate della Parola per la testimonianza e rivestite della potenza di Dio. Il vero risveglio all'interno della Chiesa non può non produrre evangelizzazione attraverso la Chiesa al mondo intero.

Dichiarazioni di affermazione e negazione

La natura del Vangelo

1. Affermiamo che lo sfondo sul quale dobbiamo comprendere e proclamare il Vangelo è la totale, universale smarrimento dell'umanità, ebrea e gentile, per colpa inescusabile e corruzione della natura umana da parte del peccato e la conseguente "ira di Dio... rivelata". . . . contro ogni empietà e ingiustizia degli uomini» (Romani 1:18). Neghiamo che l'uomo non sia un peccatore per natura, e che l'uomo possa perfezionarsi moralmente, migliorarsi spiritualmente o venire a Dio senza la fede nell'applicazione divina del sangue e della giustizia di Gesù Cristo.

2. Affermiamo che il vangelo che riconcilia Dio e l'uomo deve essere compreso alla luce di cinque elementi fondamentali: (1) Dio ha creato e regna su tutte le cose; (2) Gesù Cristo, allo stesso tempo Dio e uomo, visse effettivamente tra noi una vita perfetta sotto la legge di Dio; (3) Il peccato ha allontanato l'uomo da Dio, portando giudizio e inferno; (4) Cristo è morto per i nostri peccati, è stato sepolto, è risorto dai morti, ha ricevuto la signoria su tutta la creazione e viene di nuovo per consegnare "il regno a Dio e Padre" (1 Corinzi 15:24) e giudicare tutti l'umanità (Atti 17:31); (5) Dio ci chiama a rispondere con pentimento e fede all'espiazione e alla signoria di Cristo. Neghiamo che questi elementi del Vangelo siano mitologici e che la storicità degli atti salvifici di Cristo non sia importante.

3. Affermiamo che la legge di Dio ha lo scopo di convincere del peccato e di indirizzare il peccatore a Cristo, mentre per il salvato si compie in lui la giustizia della legge, poiché egli non cammina «secondo la carne, ma secondo il Spirito» (Romani 8:4). Neghiamo che l'uomo possa apprezzare pienamente le ricchezze della grazia e della salvezza di Dio senza prima vedere se stesso come un trasgressore indifeso in ribellione alla legge di Dio.

4. Affermiamo che l'unico atteggiamento appropriato mediante il quale l'uomo peccatore può appropriarsi dei benefici salvifici del vangelo è un pentimento umile, operato dallo Spirito Santo, che si getta in totale dipendenza dalla misericordia di Dio in Cristo solo per la salvezza. Neghiamo che una retta proclamazione del Vangelo lasci mai all'uomo qualsiasi motivo di ipocrisia o autogiustificazione basata su qualsiasi cosa possa fare per assicurarsi la sua salvezza o rendersi accettabile a Dio.

5. Affermiamo che, in quanto la riconciliazione finale e la sottomissione di tutte le cose al regno di Dio è intrinseca e culminante del Vangelo (1 Cor 15,23-28), l'affermazione di Gesù Cristo come Signore assoluto non può prescindere da proclamando il Suo ruolo salvifico nel Vangelo (Romani 14:9). Neghiamo che la signoria di Cristo sia semplicemente facoltativa per il credente (Luca 6:46-49; Matteo 7:21), come se Egli potesse mai essere il proprio Salvatore senza essere anche il proprio Signore.

6. Affermiamo che questo vangelo è anticipato e prefigurato in tutto l'Antico Testamento ed è pienamente eseguito e definito da nostro Signore Gesù Cristo e dagli apostoli nel Nuovo Testamento come volontà, parola e opera di Dio rivelate. Neghiamo che il vangelo salvifico di Cristo sia solo uno dei tanti modi per raggiungere Dio.

7. Affermiamo che il vangelo di Cristo è esclusivo di tutti i sistemi di salvezza o di comprensione di Dio ideati dall'uomo, e che è l'unico mezzo possibile di salvezza e di stabilire una giusta relazione con Dio. Neghiamo di poter aderire coerentemente al vangelo di Cristo e contemporaneamente aderire a qualsiasi filosofia che esalti l'uomo, le sue idee o i suoi beni al posto supremo di importanza, che appartiene solo a Dio, che si tratti di umanesimo, socialismo, comunismo, materialismo, esistenzialismo o qualsiasi altro sistema.

Definizione di evangelizzazione

8. Affermiamo che l'evangelizzazione è quell'attività mediante la quale la Chiesa, collettivamente e individualmente, localmente e universalmente proclama il Vangelo con le sue promesse e richieste, e invita le persone a ravvedersi dei loro peccati, a ricevere Gesù Cristo come Signore e Salvatore, a identificarsi con I Suoi propositi salvifici e il Suo programma di redenzione e santificazione, e portano il frutto dello Spirito. Neghiamo che l'evangelizzazione sia adeguatamente condotta quando non ha in vista, insieme alla salvezza dei singoli peccatori, il rafforzamento della chiesa locale stabilita mediante l'innesto di nuovi convertiti o l'impianto di nuove chiese come espressioni locali del Corpo di Cristo.

9. Affermiamo che l'evangelizzazione include gli aspetti dell'aratura e della semina della testimonianza che possono non portare immediatamente al pentimento e alla conversione, ma possono eventualmente farlo. Neghiamo che il successo dell'evangelizzazione dipenda necessariamente o sia misurato da risultati visibili immediati.

10. Affermiamo che il mandato dato da Gesù Cristo alla sua Chiesa di «ammaestrare tutte le nazioni, battezzandole nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo, insegnando loro ad osservare tutto ciò che vi ho comandato» ( Matteo 28:19-20) è vincolante per l'appartenenza di tutta la Chiesa oggi come lo era nel primo secolo. Neghiamo che evangelizzare il mondo sia l'unica responsabilità dei dipartimenti della Chiesa organizzata, delle agenzie missionarie speciali o di individui appositamente chiamati.

11. Affermiamo che nessuno dovrebbe pretendere l'esclusività per alcun metodo di presentazione del Vangelo; che nessuno dovrebbe dire che l'evangelizzazione è prerogativa esclusiva di una sola persona; e che, al contrario, l'evangelizzazione implica la condivisione personale nella vita quotidiana, l'esercizio dell'influenza nelle strutture istituzionali, la predicazione evangelistica, la testimonianza di gruppo e il servizio nel nome di Cristo attraverso tutti i mezzi attraverso i quali Gesù Cristo può essere conosciuto come Signore e Salvatore. neghiamo che metodi di evangelizzazione e movimenti evangelistici dovrebbero essere confrontati criticamente, se non per la loro fedeltà alla natura del vangelo stesso; che esiste una norma giusta per tale giudizio oltre alla sola Scrittura; e che tali giudizi dovrebbero essere fatti a scopo di condanna piuttosto che per edificare l'amore.

12. Affermiamo che qualsiasi gruppo dedito all'evangelizzazione ha bisogno di un alto livello di impegno, in particolare quando cerca di raggiungere gruppi molto resistenti, e apprezziamo profondamente il contributo delle chiese e degli organismi che si impegnano in tali impegni. Neghiamo che un così alto livello di impegno da parte di coloro che sono chiamati a tale ministero, supponendo l'assenza di errore dottrinale, possa di per sé giustamente essere considerato inappropriato o pericoloso per la loro vita spirituale.

13. Affermiamo che i leader di ogni chiesa locale devono comprendere e adempiere al loro dovere dato da Dio di addestrare tutti i suoi membri a presentare il Vangelo in modo chiaro e semplice ai non salvati (1 Pietro 3:15). Neghiamo che le chiese locali che non forniscono una formazione personale all'evangelizzazione per tutto il loro popolo possano adempiere al Grande Mandato di Cristo.

14. Affermiamo che, mentre tutta la Chiesa è chiamata ad evangelizzare, Dio ha chiamato e donato alla Chiesa uomini specialmente unti e abilitati dallo Spirito Santo a predicare il vangelo come evangelisti con la duplice funzione di portare al Salvatore i perduti ( Atti 8:12; 21:8) e, insieme ai pastori/insegnanti, preparando i santi per l'opera di servizio e di edificazione (Efesini 4:11, 12). Neghiamo che la chiamata ad essere evangelista vocazionale non sia più valida, come sembrano ritenere alcuni gruppi ecclesiali dei nostri giorni, riconoscendo pienamente il pastore/insegnante come un dono alla Chiesa, ma mostrando poco o nessun riconoscimento dell'evangelista come dono speciale alla Chiesa.

15. Affermiamo che i leader di ogni chiesa dovrebbero guidarla nell'azione evangelistica locale, dovrebbero riconoscere che il Signore dà ad alcuni dei suoi servi vari doni ministeriali per edificare il Corpo e, quindi, dovrebbero accogliere il ministero di quei servi di Dio che hanno la speciale chiamata o incarico di evangelista (Efesini 4:11, 12). Neghiamo che sia appropriato qualsiasi atteggiamento di autosufficienza o gelosia che impedisca alla congregazione il ministero di evangelisti particolarmente qualificati.

Evangelizzazione e servizio sociale

16. Affermiamo che, mentre la Chiesa, motivata dalla compassione di Cristo, può e deve cercare di soddisfare ogni genere di bisogni umani e di curare i malati, tali attività non costituiscono la comunicazione degli elementi intrinseci del Vangelo come definiti in 1 Corinzi 15, ma piuttosto dimostrare l'amore cristiano e quindi contribuire a creare un clima per la conquista dell'anima evangelica. Neghiamo che i frutti del Vangelo, come la conservazione della Chiesa come comunità amorevole sotto la signoria di Cristo o la cura sociale e la compassione che scaturiscono liberamente da tale comunità, possano da soli comunicare pienamente il Vangelo ai non salvati. Inoltre, neghiamo che qualsiasi chiesa cristiana che si impegna in queste relazioni e servizi legittimi e che onorano Dio per l'umanità, senza allo stesso tempo comunicare verbalmente, chiaramente e intenzionalmente gli elementi fondamentali del vangelo salvifico nella potenza abilitante dello Spirito Santo, sta obbedendo al Signore nel Suo chiaro comando di "predicare il vangelo" (Marco 16:15).

La portata mondiale dell'evangelizzazione

17. Affermiamo che Atti 1, 8 non indica semplicemente un'attività geograficamente sequenziale, ma una responsabilità globale che impegna la Chiesa obbediente ad evangelizzare e stabilire corpi di discepoli riproduttori tra ogni popolo che, a sua volta, influenzerà direttamente la società per stabilirsi sui principi cristiani. Neghiamo che qualsiasi chiesa che non fa dell'evangelizzazione locale e mondiale una priorità assoluta nel pensare, pregare, pianificare e agire può entrare o dimorare in quella pienezza di vita spirituale conferita da un Signore glorificato in mezzo al suo popolo obbediente.

18. Affermiamo che è responsabilità di ogni chiesa locale informare e incoraggiare i suoi membri sulle missioni mondiali, e che ciò si tradurrà nel reclutarli, raccomandarli e inviarli nel nome di Cristo come estensioni del corpo locale, così assicurando al missionario una preghiera fedele e un sostegno economico per consentirgli di proclamare efficacemente la potenza salvifica di Cristo sia in patria che all'estero. Neghiamo che la chiesa locale possa dare una priorità inferiore alle missioni rispetto alle questioni di interesse locale senza pregiudizio per la crescita spirituale dei suoi membri.

19. Affermiamo che, se il Signore ritarda il suo ritorno sulla terra e la popolazione del mondo continua a concentrarsi sempre di più nelle città, le chiese e le agenzie missionarie dovrebbero continuamente dispiegare forze evangelizzatrici nelle città e nei centri abitati del mondo, e dovrebbero sostenere la loro sforzi con i fondi necessari. Neghiamo che le masse delle grandi città non possano essere raggiunte con successo dalla Chiesa moderna, e che raggiungerle con il Vangelo sia irrilevante o impossibile nel contesto dei ghetti cittadini. Inoltre, deploriamo qualsiasi politica volta a rimuovere completamente le chiese evangeliche dai centri urbani nell'interesse di preservare congregazioni culturalmente omogenee.

20. Affermiamo di cuore e lodiamo la rinnovata preoccupazione evangelistica espressa oggi in molti segmenti della Chiesa di compiere uno sforzo persistente e sostenuto per raggiungere e fondare chiese in ogni gruppo etnico identificabile o sottocultura finora trascurata nel mondo. Allo stesso tempo, siamo pienamente consapevoli dell'urgente importanza di portare Cristo ai quasi tre miliardi di persone tra le quali non c'è una sola chiesa indigena testimone. Respingiamo il pessimismo di molti nella Chiesa cristiana nei confronti di gruppi di persone non raggiunte, come i 900 milioni di musulmani, come se tali persone non potessero essere raggiunte con successo per il Signore.

21. Affermiamo che il fine ultimo delle missioni, pur iniziando generalmente con l'evangelizzazione e la fondazione di chiese, va ben oltre questo per fare discepoli di tutte le nazioni, e che il messaggio del missionario deve essere la totalità del Vangelo e la necessità di La signoria di Cristo in tutta la sua pienezza per tutta la vita degli individui, delle famiglie, delle chiese, degli stati e di altri aspetti della società. Neghiamo che il compito missionario si limiti alla mera conversione e discepolato di individui e famiglie e all'istituzione di chiese locali senza formare il popolo di Dio ad applicare l'intero consiglio di Dio in ogni aspetto della vita e della società.

22. Affermiamo con forza che le molte migliaia di studenti internazionali nelle principali università della nostra terra presentano alla Chiesa di Cristo un'opportunità senza precedenti per l'evangelizzazione del mondo con un grande potenziale per tali studenti da conquistare a Cristo, discepoli per il Suo servizio e rimandati come viventi testimoni del proprio popolo. Neghiamo e, quindi, deploriamo e ci opponiamo a qualsiasi politica che si limiti a sostenere i nostri stessi missionari senza invitare nelle nostre chiese e nelle nostre case questi rappresentanti studenteschi delle stesse nazioni che cerchiamo di raggiungere ed evangelizzare.

Rinascita ed evangelizzazione

23. Affermiamo che la storia mostra che grandi risvegli e potenti risvegli portano costantemente a una rinnovata preoccupazione per l'evangelizzazione sia in patria che all'estero; che dobbiamo quindi pregare sinceramente per un potente risveglio ai nostri giorni in modo che una nuova vitalità spirituale possa essere vista nelle chiese che credono nella Bibbia con una conseguente effusione di vita, impegno e risorse finanziarie per raggiungere quelle masse di persone sulla terra che sono ancora «separati da Cristo, esclusi dalla cittadinanza d'Israele, estranei ai patti della promessa, senza speranza e senza Dio nel mondo» (Efesini 2,12); e che a tal fine dobbiamo continuare nella preghiera e nella sollecitudine attiva per il perenne risveglio della Chiesa, fino a quando tutte le vere chiese della cristianità si accingono a raggiungere il mondo intero. e deplorano come non biblica qualsiasi tendenza ad adottare priorità evangelistiche sulla base della sola "efficienza dei costi" e, sulla base di Atti 8:26-40, che considerazioni di finanza, metodologia, tecnologia moderna, psicologia o qualsiasi altro standard siano più significativa dell'iniziativa di Dio stesso nel dirigere l'opera missionaria della sua Chiesa (cfr At 16,6-10).

Una chiamata all'azione nell'evangelizzazione locale e mondiale

Azioni generali

A causa delle precedenti convinzioni, invitiamo tutti gli uomini e le donne impegnati in Cristo come loro personale Signore e Salvatore ad unirsi a noi in:

1. esaminando seriamente queste affermazioni e smentite alla luce della Parola di Dio per vedere se sono vere, e informandoci direttamente di quei punti in cui credono che ci siamo allontanati dalla Scrittura o dalla logica;

2. riesaminare le nostre teorie e pratiche evangelistiche locali e mondiali e chiedere a Dio di mostrarci dove stiamo fallendo;

3. ravvedersi di tutti i peccati conosciuti, confessandoli e abbandonandoli, chiedendo perdono sia a Dio stesso che a tutti coloro che sono stati offesi, e poi facendo ogni possibile restituzione;

4. pregare che Dio riempia tutto il suo popolo con la potenza abilitante dello Spirito Santo affinché possiamo portare le nostre vite personali e le nostre teorie e pratiche evangelistiche locali e mondiali in una più stretta conformità alla Sua volontà rivelata su una base permanente e coerente;

5. cercare una guida dai nostri fratelli e dalle autorità ecclesiali locali su come possiamo sostenerci e influenzarci a vicenda per rendere le nostre pratiche evangelistiche locali e mondiali glorificando Dio.

Avendo affrontato i nostri peccati e fallimenti personali e rendendoci responsabili nei confronti della Bibbia e dei fratelli, ora ci impegniamo a:

1. influenzare eventuali cristiani noti o associazioni cristiane con cui lavoriamo a considerare seriamente le nostre affermazioni e smentite con l'obiettivo di arruolare le loro risposte bibliche;

2. influenzare coloro che nel campo dell'evangelizzazione locale e mondiale sono d'accordo con le nostre affermazioni e smentite ad attuare queste proposte nel loro lavoro;

3. mobilitare e mettere in rete le nostre risorse cristiane e lavorare di concerto con le altre sfere professionali sia all'interno che all'esterno del COR, per vedere mutato il comportamento del Corpo di Cristo e della nostra nazione per avvicinarsi più da vicino alla visione della realtà e della morale che ci viene presentata le Sacre Scritture;

4. realizzare conferenze e coalizioni volte a studiare e promuovere il vero risveglio.

Azioni specifiche

A tal fine, assumiamo i seguenti impegni:

1. Dobbiamo enfatizzare sistematicamente le linee guida bibliche per l'evangelizzazione come delineate sopra, al fine di incoraggiare le nostre chiese evangeliche a vedere l'importanza di tali principi di un'evangelizzazione sana e corretta come segue:

1.1 Con ogni appello evangelistico rivolto a qualsiasi persona a confidare in Cristo ea credere in Lui, dobbiamo chiarire che deve riceverlo come Signore della sua vita, oltre che come suo Salvatore. Non dobbiamo mai far credere ai non cristiani di poter avere Cristo come Salvatore senza averlo come Signore.

1.2 L'espiazione del sangue di Cristo per il peccato è l'unico modo per l'uomo peccatore di riconciliarsi con un santo pungolo. Nessun altro Salvatore esiste, nessun altro metodo, filosofia o azione prevale con Dio per salvare un peccatore. L'uomo non può essere salvato da alcuna opera propria, da alcun miglioramento personale nel carattere o nel comportamento morale, o per propria iniziativa, ma solo dall'espiazione sostitutiva di Cristo e da una rinascita operata dallo Spirito Santo. Le buone opere che scandiscono la vita cristiana sono frutto dell'unione con Cristo, ma non possono guadagnare né contribuire alla salvezza.

1.3 Il Vangelo non è semplicemente un'azione sociale benevola, anche se dovrebbe e produrrà un'azione sociale significativa.

1.4 L'evangelizzazione non deve essere relegata esclusivamente a nessun dipartimento speciale di una chiesa o denominazione, ma dovrebbe essere intesa come la responsabilità di tutti i cristiani ovunque nella misura del loro dono e chiamata dallo Spirito di Dio.

1.5 L'evangelizzazione non è il fine principale dell'uomo, per quanto importante possa essere. Il fine principale dell'uomo è glorificare Dio e goderlo per sempre. Eppure Dio è glorificato da una vita devota e grata, che a sua volta porta alla conquista dell'anima e all'evangelizzazione.

2. Ogni chiesa locale dovrebbe avere, o far parte di, un programma di formazione continua sull'evangelizzazione per i suoi membri.

3. Quando possibile, è altamente encomiabile che le chiese all'interno delle aree geografiche locali organizzino insieme campagne evangelistiche unite.

4. Le aree urbane ei grandi centri abitati non possono essere giustamente trascurati nel nostro impegno evangelistico. Pertanto, dovremmo mantenere sforzi sistematici per evangelizzare le grandi città alla nostra portata, per quanto ciò possa costare in sforzi e sacrifici. Dovremmo riconoscere che l'evangelizzazione urbana ci coinvolge necessariamente in alcune aree difficili dell'azione sociale e della riforma sociale.

5. Dovremmo condurre la nostra evangelizzazione il più possibile attraverso il coinvolgimento personale piuttosto che impersonalmente. Dovremmo ricordare che Dio stesso, nella sua estensione missionaria sulla terra, è diventato effettivamente uno di noi attraverso l'Incarnazione ed è stato coinvolto nelle umiliazioni e nelle prove della nostra vita umana.

6. Spetta a coloro che evangelizzano essere pronti ad accogliere nelle comunità ecclesiali locali e a nutrire e formare con cura pastorale tutti coloro che rispondono al Vangelo senza riguardo alle distinzioni artificiali e temporanee di estrazione razziale, sociale o educativa.

A cura del Rev. Al Whittinghill, M.Div., Presidente; Con contributi dei membri del Local and World Evangelism Committee di The Coalition on Revival; il dottor Jay Grimstead, direttore generale; E. Calvin Beisner, MA, assistente del direttore generale. La visione del mondo cristiano dell'evangelizzazione locale e mondiale. Copyright 1986, The Coalition on Revival, Inc. Tutti i diritti riservati. The Coalition on Revival, PO Box 1139, Murphys, California 95247