Istruzioni e Dichiarazioni/Fare discepoli

Da Tempo di Riforma Wiki.

Ritorno


Grow.-Plant.-Discipleship.jpg

Fare discepoli secondo la concezione cristiana del mondo e della vita

PREFAZIONE

Fare discepoli è l'opera di Dio Padre, di Dio il Figlio e di Dio lo Spirito Santo, un'opera in cui i credenti spiritualmente maturi cooperano con il Dio Uno e Trino nel riprodurre altri discepoli di Cristo che stanno per diventare cristiani maturi. Questa responsabilità include portare le persone al ravvedimento ed alla fede in Cristo, al battesimo e all'obbedienza a tutto ciò che Cristo ci ha comandato (Matteo 18:19, 20; Colossesi 1:28, 29).

L'enfasi nel discepolato è l'autenticità e l'integrità nel diventare più simili a Gesù Cristo attraverso un processo di trasformazione continua attraverso una crescente e intima comunione con Lui. Questo concetto è primario per una comprensione biblica del discepolato. È un impegno di apprendistato per tutta la vita in cui filosofia e stile di vita sono completamente identificati con Lui (2 Corinzi 10:5). È un processo per allineare sempre più il proprio cuore e la propria vita con i propositi di Dio. Il processo di seguire e apprendere spesso è frainteso come fanatico se confrontato con il consueto modello di cristianesimo (Luca 6:40).

Uno dei principali ostacoli alla vita obbediente alla Bibbia è l'adattamento alla struttura di valori di una società pericolosamente laicizzata. Pur denunciando pubblicamente le ovvie questioni del secolarismo, i cristiani spesso aderiscono, in modo incrementale e inconsapevole, a valori non biblici a causa della saturazione dei media. L'effetto collettivo è passività e apatia verso le questioni della purezza personale, della verità biblica, della giustizia e dell'etica sociali (Filippesi 3:17-20; 1 Giovanni 2:15-17; Efesini 4:17-19; 2 Timoteo 4:10). Con l'accettazione passiva di una mentalità mondana, il mandato di nostro Signore all'abnegazione generalmente non viene preso sul serio. L’abnegazione cristiana non è una caratteristica facoltativa nella vita cristiana (Luca 9:23-25; 14:25-33).

La preoccupazione per se stessi ha intronizzato "l’io" con l'esclusione pratica di Dio. I sentimenti personali hanno sostituito la Parola di Dio come determinante per la vita cristiana. Questa mancanza di aderenza ai principi biblici ha reso spiritualmente inabili molti credenti.

I leader cristiani devono prendere sul serio il mandato del Cristo risorto di fare discepoli (Matteo 28:19, 20). Interiormente, ciò richiede che i leader siano esempi di purezza e maturità spirituale. Esteriormente, ciò richiede che i leader insegnino sistematicamente a tutta la Chiesa la necessità e il costo di diventare discepoli di Cristo. Inoltre, i capi, e il resto del Corpo di Cristo, devono pregare per il gregge di Dio affinché i discepoli siano attratti a Cristo e addestrati nella rettitudine (1 Timoteo 4:16; 2 Timoteo 3:16, 17).

Con questi pensieri in mente, offriamo le seguenti affermazioni e negazioni come primi passi nello sviluppo di una comprensione biblica e della pratica del fare discepoli.

DICHIARAZIONI DI AFFERMAZIONE E NEGAZIONE

1. Affermiamo che la formazione di discepoli obbedienti alla Bibbia di tutte le nazioni e la riconduzione di tutte le cose sotto la signoria di Cristo è lo scopo principale e l'obiettivo definito del Grande Mandato (Matteo 28:19, 20; 2 Corinzi 10:5 ). Neghiamo che diventare un discepolo obbediente alla Bibbia di Gesù Cristo sia facoltativo per la vita cristiana.

2. Affermiamo che il processo di fare discepoli include l'insegnamento della verità biblica sufficiente per sospingere a una decisione sia di ravvedersi che di ricevere Cristo per la giustificazione e di scegliere un impegno per tutta la vita per diventare un seguace obbediente di Gesù Cristo. Neghiamo che l'acquisizione della sola conoscenza della Bibbia, senza responsabilità nei confronti degli altri cristiani, sia di per sé sufficiente a produrre un discepolo obbediente di Gesù.

3. Affermiamo che il discepolato è un impegno totale con Gesù Cristo nella totalità della vita, e che tale impegno si traduce sempre in un comportamento sempre più conforme all’insegnamento biblico. Neghiamo che sia possibile essere un discepolo obbediente di Gesù intero mantenendo una relazione di vita come di consueto con il sistema di valori del mondo.

4. Affermiamo che la chiesa locale, attraverso la conduzione spirituale, ha la responsabilità di fare discepoli in un ambiente di relazioni premurose e responsabili. Neghiamo che fare discepoli attraverso la leadership violerebbe il sacerdozio personale del discepolo o limiterebbe lo sviluppo del discepolo nell'espressione dei suoi doni e capacità spirituali.

5. Affermiamo che il fare discepoli è principalmente opera dello Spirito Santo, in cui credenti spiritualmente maturi cooperano con Lui nel riprodurre discepoli che stanno per diventare cristiani maturi, e che ciò avviene come un discepolo segue il suo spirituale leader come quel leader segue Cristo (1 Corinzi 11:1). Neghiamo che il discepolato sia possibile senza l'opera dello Spirito Santo.

6. Affermiamo che il rinnovamento da parte dello Spirito Santo, con conseguente ravvedimento e un rapporto di discepolo obbediente con Gesù Cristo, ridurrebbe notevolmente il compromesso della Chiesa con i valori del mondo e la sua mancanza di impatto sulla società. Neghiamo che il continuo compromesso con il mondo e i suoi valori sia coerente con il ministero dello Spirito Santo nel produrre discepoli obbedienti di Cristo.

7. Affermiamo che lo scopo scritturale del discepolato è di manifestare il carattere di Cristo e di adempiere il Suo mandato mediante lo Spirito Santo. Neghiamo che la formazione del carattere di Cristo e l'adempimento del Suo incarico siano possibili senza la disciplina degli obiettivi scritturali.

8. Affermiamo che gli elementi essenziali della maturità cristiana sono identificabili, misurabili, raggiungibili e che devono essere insegnati e attesi da tutti i credenti. Neghiamo che la maturità cristiana sia vaga, smisurata o irraggiungibile fino al ritorno di Cristo, e che Dio si aspetti la maturità cristiana solo per i pochi cristiani particolarmente motivati.

9. Affermiamo che l'obbedienza alla Parola di Dio procede da una relazione di fede con Gesù e la Sua Chiesa e che maturerà, libererà e porterà una persona al suo posto in Cristo (Giacomo 1:25). Neghiamo che l'obbedienza alla Parola di Dio sia centrata sull'uomo e distruttiva, e che Paolo si riferisse all'obbedienza biblica quando scrisse della "lettera" che "uccide" (2 Corinzi 3:6).

10. Affermiamo che, come risultato del discepolato, le nazioni saranno plasmate dal Vangelo e dal Regno di Dio (Matteo 28:19). Neghiamo che ci siano strategie migliori per raggiungere le nazioni del discepolato.

Un invito all'azione nella formazione dei discepoli

Azioni generali

A causa delle precedenti convinzioni, invitiamo tutti gli uomini e le donne che nominano Cristo come loro personale Salvatore e Signore ad unirsi a noi in:

1. esaminare seriamente queste affermazioni e smentite alla luce della Parola di Dio per vedere se sono vere, e informandoci direttamente di quei punti in cui credono che ci siamo allontanati dalla Scrittura o dalla logica;

2. riesaminare le nostre teorie e pratiche di fare discepoli e chiedere a Dio di mostrarci dove stiamo fallendo;

3. pentirsi di tutti i peccati conosciuti, confessandoli e abbandonandoli, chiedendo perdono sia a Dio stesso che a tutti coloro che sono stati offesi, e poi facendo ogni possibile restituzione;

4. pregare che Dio riempia tutto il suo popolo con la potenza abilitante dello Spirito Santo, affinché possiamo portare la nostra vita personale e le nostre teorie e pratiche di fare discepoli in una più stretta conformità alla Sua volontà rivelata su una base permanente e coerente;

5. cercare una guida dai nostri fratelli e sorelle e dalle autorità ecclesiastiche locali su come possiamo sostenerci e influenzarci a vicenda per rendere le nostre pratiche di fare discepoli glorificando Dio.

Avendo affrontato i nostri peccati e fallimenti personali e rendendoci responsabili nei confronti della Bibbia e dei fratelli, ora ci impegniamo a:

1. influenzare eventuali cristiani conosciuti o associazioni cristiane con cui lavoriamo a considerare seriamente le nostre affermazioni e smentite con l'obiettivo di arruolare le loro risposte;

2. influenzare coloro che nel campo del fare discepoli sono d'accordo con le nostre affermazioni e smentite ad attuare queste proposte nel loro lavoro;

3. mobilitare e mettere in rete le nostre risorse cristiane e lavorare di concerto con le altre sfere professionali, sia all'interno che all'esterno del COR, per vedere il comportamento del Corpo di Cristo e della nostra nazione cambiare per avvicinarsi più da vicino alla visione della realtà e della morale che ci viene presentata nelle Sacre Scritture.

Azioni specifiche

A tal fine, ci impegniamo nelle seguenti azioni specifiche:

1. Dobbiamo rivolgere un appello urgente e unito all'intero Corpo di Cristo affinché tutti coloro che nominano il nome di Cristo ripensino al nostro impegno nei suoi confronti come Signore, considerino il costo della vita sotto la Sua signoria come Egli ci comanda di fare e fare i passi necessari per diventare discepoli di Lui veramente obbedienti alla Bibbia, se non lo siamo già. Gesù Cristo chiama tutti i cristiani ad essere disposti a perdere la vita per Lui, a rinnegare noi stessi e a prendere le nostre croci ogni giorno, seguendoLo (Matteo 16:24,25). Questa chiamata spetta a tutti i cristiani. La Bibbia non consente alcuna distinzione tra "discepoli" e "semplici cristiani". L'obbedienza attiva ai comandi della Scrittura è ciò che il cristianesimo è progettato per realizzare. È ciò che intendiamo per vivere sotto la signoria di Cristo.

2. Dobbiamo esortare i pastori e gli altri leader cristiani a sviluppare all'interno delle loro chiese e organizzazioni, se non lo hanno già fatto, programmi di formazione al discepolato per nutrire tutta la loro gente e formarli e mobilitarli per il servizio cristiano. Dobbiamo sottolineare i grandi valori di avere una formazione di discepolato sia in piccoli gruppi che individuale all'interno delle chiese locali e delle organizzazioni para ecclesiali. E dobbiamo offrire umilmente assistenza, pregando che pastori e altri leader lo accettino, alle chiese e alle organizzazioni che organizzano tali programmi di formazione per discepolati.

3. Dobbiamo avviare un programma per rieducare la Chiesa sulla natura del discepolato cristiano che includa i seguenti punti:

3.1 Fare discepoli obbedienti alla Bibbia è l'essenza del Grande Mandato di Cristo a tutta la Chiesa.

3.2 Il discepolato è obbligatorio, non facoltativo per qualsiasi cristiano. I pastori devono convincersi che il 100% di coloro che sono loro affidati deve essere sollecitato e aspettato che diventi biblicamente maturo. Avere una chiesa con persone che per anni si accontentano di rimanere immature è biblicamente inaccettabile.

3.3 Un discepolo che obbedisce alla Bibbia sarà riconoscibilmente diverso dal mondo della "vita normale" che lo circonda. In genere "nuoterà controcorrente" controcorrente culturale e sarà spontaneamente e costantemente sale e luce per la sua piccola porzione di mondo.

3.4 Il discepolato biblico implica la partecipazione a relazioni intime, impegno, confronto e responsabilità. Deve raggiungere i dettagli quotidiani della vita; processo decisionale, finanze, relazioni, abitudini, valori, ecc. Gran parte di ciò che viaggia sotto il nome di "formazione del discepolato" è semplicemente il trasferimento di principi biblici accademici da un quaderno a un altro senza l'ingrediente essenziale della responsabilità e dei cambiamenti nel pensiero e nel comportamento .

3.5 Ogni cristiano ha bisogno di essere addestrato a riconoscere, incontrare e vincere i demoni mediante il sangue e l'autorità di Gesù Cristo.

3.6 Un vero discepolo farà discepoli gli altri oltre ad essere discepolo stesso.

4. In considerazione del nostro forte impegno per l'obbedienza alla Bibbia come un discepolato obbligatorio, non facoltativo, per l'intera Chiesa, i dirigenti della chiesa locale devono considerare la loro necessità di sviluppare piccoli gruppi all'interno del corpo allo scopo di maturare credenti in un ambiente a lungo termine di amorevole responsabilità, incoraggiamento e cura pratica. Per quelle chiese che desiderano strutturare o ristrutturare le loro congregazioni lungo queste linee, i nomi e gli indirizzi delle chiese che stanno facendo questo con successo e delle organizzazioni para ecclesiali che aiutano efficacemente le chiese a realizzare sono disponibili.

Rev. Mike Kiley, Presidente • Rev. Peter Doane, Co-Chairman • Con i contributi dei membri del Discipleship Committee di The Coalition on Revival • Dr. Jay Grimstead, Direttore Generale • E. Calvin Beisner, MA, Assistente del Direttore Generale. La visione del mondo cristiano di The Making of Disciples . Copyright 1986, The Coalition on Revival, Inc. Tutti i diritti riservati, The Coalition on Revival, Inc. PO Box 1139, Murphys, California 95247