Istruzioni e Dichiarazioni/L’unità della Chiesa

Da Tempo di Riforma Wiki.

Ritorno


L’unità della Chiesa secondo la concezione cristiana del mondo e della vita

PREFAZIONE

I cristiani possiedono un'unità unica nel suo genere perché apparteniamo a Gesù Cristo. Appartenendo a Lui, apparteniamo gli uni agli altri. Come c'è «un Signore, una fede, un battesimo» (Efesini 4:5), così c'è un solo Capo e un solo Corpo.

L'unità dei redenti non è solo dottrinale e organizzativa, ma anche relazionale e attitudinale. Il nostro compito non è produrre, ma riconoscere ed esprimere attraverso le relazioni, l'unità spirituale che già esiste nel Corpo di Cristo, la Chiesa. Non possiamo comprendere e praticare pienamente l'unità dei cristiani finché "sappiamo in parte, e in parte profetizziamo" e "vediamo in uno specchio debolmente". Esprimeremo perfettamente la nostra unità solo dopo che "viene il perfetto" (1 Corinzi 13:9, 12,10). Tuttavia, ci aspettiamo che l'unità dello Spirito per cui Cristo ha pregato in Giovanni 17 includa un impegno unificato a vivere sotto la signoria di Cristo, come espresso in obbedienza alla Sua infallibile Parola scritta, e un impegno alla dottrina storica e ortodossa.

La situazione attuale

Per troppo tempo molti cristiani hanno accettato come normale, sano, persino "biblico", che le chiese, i pastori e i leader cristiani credenti nella Bibbia si ignorino a vicenda, non si conoscano personalmente e non preghino gli uni con gli altri, e raramente si sostengano a vicenda o cerchino insieme la volontà di Dio per la loro regione.

Un osservatore in una tipica riunione ministeriale locale sospetterebbe mai che questi uomini siano stati chiamati a dare la vita l'uno per l'altro e condividere i pesi gli uni degli altri? Sospetterebbe che fossero impegnati insieme nella stessa potente battaglia tra la vita e la morte di proporzioni cosmiche che richiede un fronte unito per difendere la verità e la giustizia di Dio? Troppo spesso, no. Questa deplorevole situazione deve essere cambiata.

Non proponiamo di ignorare i distintivi confessionali o dottrinali, di unire tutte le chiese sotto un unico ombrello organizzativo, o di unire tutta la vita e il ministero di una congregazione con altre chiese locali. Ma i nostri ministeri devono riflettere la verità che siamo tutti parte dell'unico Corpo di Cristo, servendo lo stesso Signore, abitati dallo stesso Spirito Santo e lavorando per realizzare lo stesso Grande Mandato.

Gesù ha detto: "Vi do un comandamento nuovo: che vi amiate gli uni gli altri, come io vi ho amato... Da questo tutti sapranno che siete miei discepoli, se avrete amore gli uni per gli altri" (Giovanni 13:34,35). Pertanto non dobbiamo imporre nulla alla comunione che Dio non abbia richiesto per essere accolti "nell'Amato" (Efesini 1:6).

Dichiarazioni di affermazione e negazione

Base dell'unità

1. Affermiamo che la vera unità dei cristiani deve avere un fondamento dottrinale. Neghiamo che la vera unità cristiana possa essere espressa e vissuta al di fuori di un fondamento dottrinale.

2. Affermiamo che la vera unità dei cristiani deve fondarsi su un fondamento dottrinale che includa la dottrina cristiana storica come rivelata nelle Scritture infallibili ed espressa nel Simbolo degli Apostoli. Neghiamo che la vera unità cristiana possa essere separata dalle verità fondamentali della fede cristiana.

Testimone di unità

3. Affermiamo che i credenti dovrebbero sforzarsi di presentare una testimonianza unita e armoniosa davanti a un mondo scettico e critico di non credenti. Neghiamo che si possa assumere una testimonianza unita e armoniosa, e che la disunione e la divisione debbano essere conciliate.

4. Affermiamo che dovrebbero essere evitate infinite divisioni tra i credenti della Bibbia. Neghiamo che le divisioni tra i credenti nella Bibbia piacciano a Dio o giovino alla Sua opera sulla terra.

5. Affermiamo che il comando di Cristo per la testimonianza dell'unità ci richiede di cercare modi per godere e impiegare la nostra unione con Cristo per la Sua gloria. Neghiamo che l'obbedienza a questo comando di Cristo possa essere rivendicata mentre ignoriamo la ricerca attiva di modi per manifestare questa unione che abbiamo in Cristo.

Compagnia dell'Unità

6. Affermiamo che è volontà di Dio che i pastori abbiano comunione con altri leader cristiani che sono impegnati nel cristianesimo scritturale facendo conoscenza, pregando insieme, discutendo questioni attuali di interesse e sviluppando un rapporto di amore, fiducia e responsabilità. Neghiamo che sia scritturale che pastori e altri leader cristiani rimangano personalmente o emotivamente distaccati dagli altri leader che credono nella Bibbia.

7. Affermiamo che pastori e leader cristiani in qualsiasi città o contea locale dovrebbero cercare la volontà di Dio per ciò che vuole che sia fatto nella loro zona, e che il modello normativo scritturale è che lo facciano in comunione piuttosto che in modo indipendente. Neghiamo che qualsiasi chiesa o organizzazione che crede nella Bibbia sia in grado di realizzare tutto ciò che Dio vuole in una data area se altri gruppi che credono nella Bibbia ministrano in quella stessa area.

8. Affermiamo che è saggio e appropriato che pastori timorati di Dio e leader di buona reputazione (Galati 2:2) formino una comunità locale per dare una testimonianza unita su ciò che è dannoso o salutare ed edificante nella loro località. Neghiamo che qualsiasi agenzia abbia l'autorità di vietare a qualsiasi fratellanza di leader cristiani di esercitare la responsabilità che Dio ha affidato loro, e che possono giustamente rifiutare la loro responsabilità di lavorare insieme contro il male in qualsiasi forma.

9. Affermiamo che le organizzazioni nazionali o statali che esistono per promuovere l'evangelizzazione o per risolvere i mali morali sociali e politici dovrebbero cercare di ottenere la cooperazione delle comunità pastorali locali prima di procedere con i loro programmi a livello locale. Neghiamo che qualsiasi organizzazione cristiana e/o paraecclesiale a livello nazionale o statale dovrebbe cercare di risolvere i problemi locali senza ricevere l'approvazione e la cooperazione delle comunità pastorali esistenti.

Un appello all'azione per l'unità della Chiesa

Azioni generali

A causa delle precedenti convinzioni, invitiamo tutti gli uomini e le donne che nominano Cristo come loro personale Salvatore e Signore ad unirsi a noi in:

1. esaminando seriamente queste affermazioni e smentite alla luce della Parola di Dio per vedere se sono vere, e informandoci direttamente di quei punti in cui credono che ci siamo allontanati dalla Scrittura o dalla logica;

2. riesaminare, e chiedere a Dio di esaminare, le nostre teorie e pratiche di unità dei cristiani in modo che possiamo vedere dove stiamo fallendo;

3. confessare i peccati di divisione, disunione e interesse personale; chiedere perdono a Dio e alle parti offese; pentirsi; effettuare qualunque restituzione sia necessaria; e cercando aggressivamente l'unità;

4. pregare che Dio riempia tutto il Suo popolo della potenza abilitante dello Spirito Santo, affinché possiamo portare la nostra vita personale e le nostre teorie e pratiche dell'unità dei cristiani in una più stretta conformità alla Sua volontà rivelata su una base permanente e coerente;

5. cercare una guida dai nostri fratelli e dalle autorità ecclesiastiche locali su come possiamo sostenerci e influenzarci a vicenda per rendere le nostre pratiche di unità cristiana glorificando Dio.

Avendo affrontato i nostri peccati e fallimenti personali e rendendoci responsabili nei confronti della Bibbia e dei fratelli, ora ci impegniamo a:

1. influenzare eventuali cristiani conosciuti o associazioni cristiane con cui lavoriamo a considerare seriamente le nostre affermazioni e smentite con l'obiettivo di arruolare le loro risposte;

2. influenzare altri che sono d'accordo con le nostre affermazioni e smentite ad attuare queste proposte nel loro lavoro verso l'unità dei cristiani;

3. mobilitando e mettendo in rete le nostre risorse cristiane e lavorando di concerto con le altre sfere sia all'interno che all'esterno del COR, per vedere il comportamento del Corpo di Cristo e della nostra nazione cambiato per avvicinarsi più da vicino alla visione della realtà e della morale che ci viene presentata nella Sacre Scritture;

4. determinare come possiamo sostenerci e incoraggiarci a vicenda nell'opera e nella testimonianza di Dio in questo mondo incredulo.

Azioni specifiche

A tal fine, assumiamo i seguenti impegni:

1. rivolgere un appello ai pastori e ai leader credenti nella Bibbia che possono essere d'accordo con queste affermazioni e smentite a passare dall'indipendenza e dalle relazioni superficiali a una seria comunione di cuore, a cercare insieme la volontà di Dio, a presentare un fronte cristiano unito e a sostenersi a vicenda responsabile di vivere e servire in accordo con gli standard biblici;

2. stabilendo comunità di preghiera mensili di pastori e leader cristiani in ogni città in cui sono disposti a incontrarsi per pregare l'uno per l'altro, per condividere i loro cuori, per ritenersi reciprocamente responsabili della vita e del ministero biblici e per cercare il piano d'azione di Dio per la loro città;

3. spiegare per iscritto la nostra visione per i gruppi di comunione dei leader e dei ministri locali e mostrare agli altri come avviare e coltivare tali gruppi fino alla piena efficacia;

4. incoraggiare i pastori all'interno di queste fratellanze a lavorare per prevenire e guarire le ferite nel corpo, specialmente quando i membri della Chiesa cercano di cambiare affiliazione da una congregazione all'altra, verificando con il personale della chiesa precedente per vedere perché se ne sono andati e per assicurarsi che viene fatto ogni sforzo per risolvere qualsiasi conflitto coinvolto;

5. individuare e utilizzare le comunità confessionali e interconfessionali locali e altre organizzazioni cristiane per facilitare tale unità.

A cura del Rev. Charles Blair, DD, Presidente; Rev. Lou Montecalvo, Co-Presidente; Con contributi dei membri del Christian Unity Committee di The Coalition on Revival; il dottor Jay Grimstead, direttore generale; E. Calvin Beisner, MA, assistente del direttore generale. La visione del mondo cristiano dell'unità della Chiesa. Copyright 1986, The Coalition on Revival, Inc. Tutti i diritti riservati. The Coalition on Revival, PO Box 1139, Murphys, California 95247