Istruzioni e Dichiarazioni/La concezione cristiana del mondo sull'istruzione

Da Tempo di Riforma Wiki.

Ritorno


La concezione cristiana del mondo e della vita sull'istruzione (1986)

PREFAZIONE

Questo documento presenta una visione del mondo cristiano dell'educazione. Viene in un momento di grave crisi all'interno della Chiesa cristiana. Harry Blamires ha descritto un aspetto della popolazione con queste parole: “Non c'è più una mente cristiana... il cristiano moderno ha ceduto alla secolarizzazione. Accetta la religione - la sua moralità, il suo culto, la sua cultura spirituale; ma rifiuta la visione religiosa della vita, la visione che pone tutte le questioni terrene all'interno il contesto dell'eterno, la visione che mette in relazione tutti i problemi umani - sociali, politici, culturali - con i fondamenti dottrinali della fede cristiana, la visione che vede tutte le cose quaggiù in termini di supremazia di Dio e transitorietà della terra, in termini di Cielo e l'inferno"

Questo lavoro è, quindi, rivolto ai cristiani che hanno bisogno di una sintetica enunciazione degli elementi essenziali di una visione dell'educazione che si basa su presupposti filosofici e teologici cristiani, i cui elementi essenziali sono i seguenti:

1. Il Dio cristiano è l'unico Dio.

2. Questo Dio esistente, personale-infinito, ha creato l'universo e si è rivelato per mezzo di esso.

3. Il mondo soprannaturale in cui Dio esiste è reale quanto il mondo naturale ed è suscettibile di essere conosciuto.

4. Questo Dio personale, infinito, ha scelto di colmare il divario tra i due mondi e di rivelarsi agli uomini in tre modi:

  • 4.1 rivelazione speciale nella Bibbia
  • 4.2 auto-rivelazione personale in Suo Figlio, Gesù Cristo; e
  • 4.3 auto-rivelazione generale nella creazione materiale e naturale.

5. Non c'è dicotomia tra verità secolare e verità sacra. Tutta la realtà creata è stata deliberatamente e intenzionalmente portata in essere da Dio. Questo, dipende da Lui per il significato.

Tutta la realtà, quindi, dovrebbe comprendere l'oggetto, o il contenuto, dell'educazione. Qualsiasi sistema educativo che nasconda ai discenti qualche aspetto di questa realtà, quindi, non può considerarsi completo.

È nostra convinzione che in molti casi la visione del mondo cristiana della vita venga deliberatamente e coerentemente trattenuta e persino censurata dal contenuto dell'educazione. Paul Vitz e Cal Thomas hanno presentato prove impressionanti per questa accusa. Mentre la visione del mondo cristiana viene espulsa dall'istruzione, il nostro sistema educativo si basa sempre più su una visione del mondo laica o non teistica che guarda alla ragione e all'esperienza umane solo per le risposte alle domande e ai problemi della vita. Rousas John Rushdoony ha descritto in modo perspicace il dilemma che questo presenta: “

"L'istruzione oggi occupa una posizione equivoca nella vita contemporanea, funzionando sia come capro espiatorio per ogni fallimento sia come cattura-tutto per ogni speranza e aspettativa della società... L'atteggiamento delle persone nei confronti dell'istruzione è che è un dio che ha fallito e tuttavia un dio che forse può ancora essere spinto a compiere la sua missione".

Questa forma di educazione atea, mentre finge di essere neutrale, in realtà si oppone alla realtà di Dio e alla Sua verità, e questa è destinata a fallire anche nei suoi scopi ben intenzionati.

Va sottolineato che non è nostra intenzione imporre la nostra visione cristiana del mondo a tutta l'attività educativa. È nostra intenzione, tuttavia, definire chiaramente per tutti gli educatori, genitori e studenti, ciò che comprende l'educazione con un punto di vista spiccatamente cristiano. Uno scopo per fare questo è unire i cristiani sotto un insieme di norme chiaramente definite per tale punto di vista. Un altro scopo è esortare i leader nelle forme di istruzione pubbliche, controllate dal governo e private a porre fine alla censura deliberata e alla distorsione della visione cristiana del mondo e di esporre gli studenti alla verità su questa visione.

Proponiamo quindi che qualsiasi sistema educativo che si definisce cristiano sia d'accordo almeno con le affermazioni e le smentite contenute in questo documento. Inoltre, crediamo che i genitori che cercano un'educazione veramente cristiana per i loro figli possano usarla come standard per valutare le alternative educative disponibili. Infine, qualsiasi editore o educatore sinceramente interessato a condurre un'educazione equilibrata, basata sulla realtà e non settaria dovrebbe utilizzare il contenuto di questo documento per assicurare che la visione del mondo cristiano sia presentata in modo equo in ogni aspetto del programma educativo.

Le seguenti affermazioni e negazioni sono organizzate in dieci sezioni. Le parti I e II contengono affermazioni della definizione e dello scopo dell'educazione da una prospettiva cristiana. La parte III affronta la natura di Dio e il suo ruolo vitale nell'educazione. Le prossime due sezioni trattano l'argomento dell'educazione: la parte IV con la natura della verità e della realtà e la parte V con il contenuto da apprendere. Quattro sezioni riguardano i partecipanti immediati a qualsiasi attività educativa: le parti VI e VII che affrontano la natura e il ruolo degli studenti e i tipi di risultati attesi da loro, e le parti VIII e IX che si riferiscono alla natura e al ruolo degli insegnanti e alla pedagogia, che è, la metodologia di insegnamento. Infine, la parte X affronta la questione della responsabilità dell'educazione; a tal proposito, presentiamo i rispettivi ruoli dei genitori,

DICHIARAZIONI DI AFFERMAZIONE E NEGAZIONE

I. La definizione di educazione

1. Affermiamo che nel suo significato più elementare, l'educazione è il Dio uno e trino che insegna la sua verità all'umanità. (Genesi 1:27-31; Salmi 19:1-9; 94:8,9; Giovanni 1:1-9). Neghiamo che l'educazione sia esclusivamente un'attività mentale o fisica associata all'apprendimento dei pensieri e delle esperienze di altri esseri umani. (Salmo 119:99).

2. Affermiamo che l'educazione è l'azione o il processo mediante il quale una persona arriva a conoscere e utilizzare la verità di Dio, e l'educazione sta imparando a pensare i pensieri di Dio dopo di Lui ea vedere le cose come Egli le vede (Isaia 55:8,9; Giovanni 5:19,20). Neghiamo che l'educazione sia semplicemente l'azione o il processo mediante il quale una persona acquisisce conoscenze o abilità.

3. Affermiamo che l'educazione dura tutta la vita e che incorpora ogni pensiero, esperienza e attività dell'uomo (Deuteronomio 6:7-12; 11:18-20; Isaia 29:24; Matteo 9:13; 24:32; Marco 13:28; 1 ​​Corinzi 4:6; 14:31). Neghiamo che l'istruzione sia confinata all'istruzione formale in contesti scolastici tradizionali o alle relazioni di tutorato (Matteo 5:1-48; 6:1-34; 7:1-29; 11:29)

II. Lo scopo dell'educazione

4. Affermiamo che lo scopo dell'educazione è sia quello di rivelare Dio sia di portare gli studenti in conformità con la Sua volontà rivelata. (Luca 24:27; Giovanni 7:17; 14:21, 23,24). Neghiamo che l'unico scopo dell'educazione sia quello di raggiungere la perfezione umana e la comprensione del mondo materiale.

5. Affermiamo che il fine ultimo dell'educazione dovrebbe essere quello di orientare biblicamente gli esseri umani verso la conoscenza di Dio, dell'umanità e del resto della creazione di Dio, per prepararli a prendere posto nella famiglia, nella Chiesa e nella società al gloria di Dio e al servizio del Regno di Cristo e del prossimo. (2 Re 22:8-23:26; Malachia 4:4-6; Matteo 20:26-28; Atti 16:30-34). Neghiamo che lo scopo ultimo dell'educazione dovrebbe essere l'autosviluppo umano e l'autorealizzazione. (Atti 2:37-47).

III. La natura e il ruolo di Dio nell'educazione

6. Affermiamo che Dio è il Creatore e il Sostenitore di tutte le cose ed è la Fonte di ogni verità (Genesi 1:1-27; Salmo 55:22; 119:151; 121:1-8). Neghiamo che gli esseri umani, la società o il mondo esterno siano fonti di verità in sé e per sé. (Salmo 14:1).

7. Affermiamo che Dio ha creato, sostiene e porterà a compimento tutte le cose per mezzo di Suo Figlio, il Signore Gesù Cristo. Pertanto, l'educazione deve concentrarsi sulla Persona di Gesù Cristo (Ebrei 1:3; Colossesi 1:15-17). Neghiamo che l'"educazione" che omette il riferimento al ruolo di Gesù in questo mondo sia affatto educazione (Giovanni 14:6).

8. Affermiamo che lo Spirito Santo di Dio insegna e illumina ogni credente in Gesù Cristo e conduce quella persona alla verità tutta intera (Giovanni 14:26; 15:26; 16:13). Neghiamo che gli esseri umani possano trovare o comprendere tutta la verità attraverso il solo sforzo umano. (Romani 3:11,12).

9. Affermiamo che il Dio personale ha comunicato la verità a tutta l'umanità attraverso la rivelazione personale di Se stesso in Gesù Cristo e attraverso la rivelazione proposizionale e verbalizzata di Se stesso nell'Antico e nel Nuovo Testamento della Bibbia (Genesi 15:1; 17:1; Esodo 3:2-15; Isaia 6:1-8; Marco 9:7; Luca 3:22; 24:27; Giovanni 1:1,2; 12:28; Atti 9:4,5; Ebrei 1:2,3). Neghiamo che la singola persona sia capace di apprendere tutta la verità da dentro di sé o da insegnanti umani e materiali didattici secolari (Giovanni 7:15,16; 1 Timoteo 6:3-5)

IV. La natura della verità e della realtà nell'educazione

10. Affermiamo che la verità è ciò che Dio conosce su sé stesso e su tutta la sua creazione, e che è assoluta, eterna e oggettiva (Deuteronomio 32:4; Salmi 25:10; 57:3; 119:142,151). Neghiamo che la verità sia unicamente ciò che è noto a uno o più individui o all'umanità collettivamente, e che sia relativo, temporale o soggettivo (Romani 1:25; 3:3,4; 2 Tessalonicesi 2:9-12)

11. Affermiamo che il Dio personale-infinito, ha scelto di rivelarci la verità sia mediante la rivelazione speciale, che ci viene comunicata per mezzo della Bibbia e del Figlio di Dio, Gesù Cristo, sia mediante la rivelazione generale, che ci viene comunicata noi per mezzo della Sua creazione razionale e non razionale; e che l'educazione dovrebbe comportare la ricerca dell'apprendimento, che deriva da tutte queste fonti di rivelazione (Genesi 1:28; 2:19,20; Daniele 4:37; Giovanni 1:14,17; 14:6; 2 Timoteo 3:16,17; Ebrei 1:1,2). Neghiamo che la verità si trovi solo negli esseri umani, nella natura o in una combinazione delle due, e che l'unico scopo di una persona nell'educazione dovrebbe essere quello di ottenere l'apprendimento indipendentemente dalla rivelazione di Dio (I Re 17:24; 1 Giovanni 2:27).

12. Affermiamo che nel disegno di Dio tutti gli elementi particolari dell'universo sono uniti in un insieme significativo; che uno degli scopi dell'educazione è aiutare gli studenti a trovare relazioni tra questi elementi e, quindi, a trovare il loro significato; e che la rivelazione biblica è il criterio ultimo per questo significato (Genesi 1:1-31; Salmo 19:1). Neghiamo che gli elementi particolari dell'universo esistano senza razionalità, ordine e relazioni significative derivate dal Dio Supremo. (Genesi 3:1-24)

13. Affermiamo che la vera realtà ha origine da Dio ed è spirituale ed eterna, oltre che materiale e temporale, e che il contenuto dell'educazione è completo quando include tutta la vera realtà. Neghiamo che la vera realtà abbia origine dall'umanità; che è limitato a ciò che è materiale e temporale; e che il contenuto dell'educazione è completo quando si limita allo studio della realtà materiale (I Giovanni 2:27).

V. Il contenuto dell'educazione

14. Affermiamo che la libertà di indagine è al centro del desiderio innato dell'uomo per la verità, e che tutta la verità è la verità di Dio. Pertanto, incoraggiamo l'indagine in tutti i campi della conoscenza non proibiti nella Bibbia (Giovanni 8:31,32; 2 Corinzi 3:17). Neghiamo che le scuole pubbliche e private debbano limitare la libertà di indagine sulla religione da parte di insegnanti e studenti, purché tale indagine non interferisca con i legittimi doveri dell'insegnamento e dell'apprendimento.

15. Affermiamo che la libertà di indagine e la libertà accademica hanno un posto legittimo nella ricerca della verità e nel quadro del processo di apprendimento e insegnamento (Giovanni 8:32,36). Neghiamo che la libertà accademica implichi il diritto di disobbedire o contraddire le Scritture come incarnazione della verità di Dio in questo mondo, o di violare un accordo contrattuale con un datore di lavoro (Giacomo 3:14; 5:19)

16. Affermiamo che tutti i contenuti del curriculum devono essere integrati e interpretati dalla verità di Dio rivelata nella Bibbia (Giovanni 1:9; Romani 1:20; 2 Timoteo 3:15-17). Neghiamo che ci sia una reale separazione tra la verità secolare e quella sacra, e che l'apprendimento secolare dovrebbe essere trattato separatamente dalla verità rivelata da Dio (Filippesi 4:8,9).

17. Affermiamo che l'indagine scientifica è un mezzo valido e necessario per studiare l'universo e per scoprirne l'ordinato funzionamento (Genesi 1:14; Salmi 19:1,2,4,6,7,8; 104:19; Daniele 2:21; Matteo 16:2,3; Luca 21:25,26). Neghiamo che l'indagine scientifica sia incompatibile con qualsiasi verità rivelata nella Bibbia e che l'educazione scientifica possa giustamente rifiutare o ignorare tutte le fonti di verità non empiriche (Romani 1:19,20)

18. Affermiamo che Dio è l'Autore di ogni vera etica; che la vera etica si basa sulla verità assoluta e sui principi immutabili di giusto e sbagliato, come rivelato nella Bibbia; che ci sono assoluti etici che si applicano ugualmente a tutte le persone ovunque; e che uno degli scopi dell'educazione dovrebbe essere quello di aiutare gli studenti a scoprire questi standard biblici immutabili di giusto e sbagliato e di riflettere sulle conseguenze logiche dell'allontanamento da questi standard (Esodo 20:1-17; Deuteronomio 7:7-11; Matteo 5:17,18; Romani 1:19,20). neghiamo che si dovrebbe insegnare agli studenti che la neutralità rispetto all'etica è possibile o auspicabile in ogni sfera dell'attività umana; che le persone possono scegliere per se stesse qual è il comportamento giusto senza riguardo agli standard assoluti di comportamento morale rivelati nella Bibbia; che l'etica è situazionale; e che l'etica può giustamente basarsi sul presupposto che verità e moralità siano relative e mutevoli. (Deuteronomio 28:14,15; 30:8-10; Matteo 5:19,20; Romani 1:25-32; 2 Tessalonicesi 2:4, 10-12; 2 Timoteo 3:2,70 4:3,4 ).

VI. La natura e il ruolo dell'allievo

19. Affermiamo che un essere umano vale perché è stato creato a immagine di Dio (Genesi 1:27; Romani 8:29,30). Neghiamo che una persona valga solo perché esiste o perché dice che è così (Salmo 33:16; 53:1-3; Proverbi 12:15; 14:9).

20. Affermiamo che ogni essere umano è creato ad immagine di Dio ed è, quindi, bisognoso di sviluppo tanto negli ambiti spirituali dell'esistenza quanto in quelli intellettuali e fisici, e che la vera educazione di tutta la persona deve comprendere attenzione a tutti e tre gli aspetti della vita umana (Genesi 1:26). Neghiamo che gli esseri umani siano semplicemente animali superiori senza anima o spirito, e che qualsiasi educazione che riguardi solo l'intelletto e il corpo, ignorando l'aspetto spirituale degli esseri umani, sia appropriata alla loro natura.

21. Affermiamo che, sebbene siamo stati creati a immagine di Dio, a causa della caduta di Adamo siamo nati peccatori e abbiamo bisogno di sperimentare la salvezza attraverso l'opera redentrice di Gesù Cristo per raggiungere il nostro pieno potenziale (Romani 5:8,10). Neghiamo di essere nati perfetti e incorrotti, e di essere intrinsecamente buoni per natura e di aver bisogno della sola educazione per raggiungere il nostro più alto potenziale e per raggiungere uno stato di realizzazione. (Romani 3:10-12,23).

22. Affermiamo che l'educazione deve includere la considerazione del peccato come un fatto del comportamento umano (Atti 2:38; Romani 1:28-32; 3:23-25; 6:23). Neghiamo che libri di testo e programmi di studio debbano ignorare il fatto del peccato o della ribellione contro Dio nel comportamento umano. (Luca 3:7,8; Romani 6:12)

23. Affermiamo che le persone che sono state ristabilite in un giusto rapporto con Dio devono ricevere istruzioni dalla Parola di Dio, la Bibbia, riguardo ai diritti e alle responsabilità di questa posizione privilegiata, e che fornire tale istruzione è una delle responsabilità più importanti di formazione scolastica (Proverbi 9:9). Neghiamo che le persone possano apprendere i diritti e le responsabilità della vita cristiana senza studiare la rivelazione della verità di Dio nella Bibbia. (2 Timoteo 3:14,15)

24. Affermiamo che gli studenti hanno la responsabilità di occuparsi e di impegnarsi in un compito di apprendimento (Proverbi 23:12; Colossesi 3:23; 2 Timoteo 2:15). Neghiamo che gli studenti siano assolti dal cooperare con un insegnante e dall'esercitare uno sforzo personale per imparare (Proverbi 5:12,13; 6:4-11; 13:4; 20:4)

VII. Cosa dovrebbe produrre l'istruzione negli studenti

25. Affermiamo che l'educazione dovrebbe coltivare negli studenti le quattro abilità fondamentali di cognizione, comunicazione, immaginazione e valutazione (2 Corinzi 10:5; Efesini 4:29; Filippesi 4:8,9). Neghiamo che l'istruzione completa possa avvenire senza prestare attenzione a queste quattro abilità (2 Timoteo 2:15,16; 3:13; 4:3,4).

26. Affermiamo che l'educazione deve promuovere lo sviluppo dell'allievo in almeno tre aree, vale a dire, crescita spirituale e morale, crescita accademica e sviluppo personale e sociale. Seguono esempi di risultati specifici in ciascuna area:

26.1 Nella crescita spirituale e morale, gli studenti dovrebbero: (Salmo 143:10; Romani 10:9; 1 Corinzi 2:16; Colossesi 3:23; 1 Tessalonicesi 4:7; 2 Timoteo 3:16)

  • 26.1.1. considera la Bibbia ispirata dalla Parola di Dio e sviluppa atteggiamenti di amore e rispetto verso di essa.
  • 26.1.2. conoscere le dottrine fondamentali della Bibbia.
  • 26.1.3. avere il desiderio di conoscere e obbedire alla volontà di Dio rivelata nelle Scritture.
  • 26.1.4. prendere la decisione di ricevere Gesù Cristo come Salvatore e Signore.
  • 26.1.5. sviluppare una comprensione del ruolo del cristiano nella Chiesa.
  • 26.1.6. sviluppare la mente di Cristo verso una condotta giusta e sbagliata.
  • 26.1.7. sviluppare l'autodisciplina e le basi di responsabilità sulla sottomissione a Dio ea tutte le altre autorità.
  • 26.1.8. sviluppare una visione cristiana del mondo.

26.2 Nella crescita accademica, gli studenti dovrebbero: (Filippesi 4:8,9; Colossesi 2:23; 3:16; 2 Timoteo 2:15, 3:16,17)

  • 26.2.1. raggiungere il loro pieno potenziale accademico.
  • 26.2.2. acquisire una padronanza approfondita dei processi fondamentali utilizzati nella comunicazione con gli altri, come leggere, scrivere, parlare e ascoltare.
  • 26.2.3. sviluppare una comprensione e una padronanza approfondite della scienza e della matematica.
  • 26.2.4. sviluppare l'apprezzamento e la comprensione delle discipline umanistiche.
  • 26.2.5. sviluppare l'uso di buone abitudini di studio.
  • 26.2.6. perseguire uno studio indipendente ed eseguire ricerche indipendenti.
  • 26.2.7. saper ragionare logicamente.
  • 26.2.8. utilizzare il pensiero critico e i criteri biblici per la valutazione.
  • 26.2.9. sviluppare la buona cittadinanza attraverso la comprensione e l'apprezzamento delle basi cristiane della libertà, della dignità umana e dell'accettazione dell'autorità.
  • 26.2.10. sviluppare la comprensione e l'apprezzamento per il mondo di Dio e la responsabilità dell'uomo di usarlo e preservarlo adeguatamente.
  • 26.2.11. sviluppare un apprezzamento delle belle arti attraverso lo studio e l'espressione personale.
  • 26.2.12. sviluppare abilità fisiche e coordinazione attraverso la partecipazione all'educazione fisica e alle attività atletiche

26.3. Nello sviluppo personale e sociale, gli studenti dovrebbero: (Isaia 54:13,14; Matteo 6:19-21; 19:4-6; Giovanni 13:34, 35; Romani 8:14-17,31,32; 1 Corinzi 6:13,15,19,20; 7:10-16; 9:27; Efesini 1:3-6; 5:15,16,22-33; 6:1-4; Colossesi 2:10; 1 Tessalonicesi 4:8-12; 2 Tessalonicesi 3:10-13; 1 Timoteo 6:10-17; Ebrei 13:5)

  • 26.3.1. sviluppare una personalità sana basata sulla corretta comprensione e accettazione di sé stessi come individui unici creati a immagine di Dio.
  • 26.3.2. impara a rispettare gli altri perché anche loro sono fatti a immagine di Dio.
  • 26.3.3. diventare membri contribuenti della società, realizzando l'interdipendenza di una persona su un'altra.
  • 26.3.4. apprezzare il tempo come un bene dato da Dio e la responsabilità dell'individuo di usarlo in modo efficace.
  • 26.3.5. sviluppare una visione biblica del lavoro e le attitudini e le competenze necessarie per avere successo nell'occupazione.
  • 26.3.6. sviluppare atteggiamenti biblici verso il matrimonio e la famiglia.
  • 26.3.7. sviluppare la forma fisica, buone abitudini di salute e un uso saggio del corpo come tempio di Dio.26.3.8. sviluppare un atteggiamento biblico verso le cose materiali.

VII. La natura e il ruolo dell'insegnante

27. Affermiamo che un insegnante è un presentatore della verità di Dio e una guida alla sua scoperta da parte degli studenti attraverso il ministero dello Spirito Santo di Dio (Isaia 30:20,21; Geremia 3:15; 1 Corinzi 12:4-11,28-31; Colossesi 1:28,29). Neghiamo che qualsiasi maestro possa, senza la cooperazione dello Spirito Santo, guidare adeguatamente gli altri alla comprensione della verità di Dio.

28. Affermiamo che un insegnante che è un buon esempio nel regno spirituale deve aver accettato consapevolmente e deliberatamente Gesù Cristo come personale Salvatore e Signore (1 Timoteo 4:11,12). Neghiamo che un insegnante che nega Gesù Cristo come personale Salvatore e Signore possa essere un esempio appropriato nelle questioni spirituali. (2 Timoteo 3:5-7).

29. Affermiamo che un insegnante è colui o colei che modella il processo di apprendimento essendo un cercatore della verità di Dio come rivelata nella Bibbia e applicando quella verità alla propria vita (Esdra 7:10; Geremia 29:13; Luca 6:40). Neghiamo che un insegnante dovrebbe evitare di cercare la verità di Dio o dovrebbe cercare la verità solo in modi diversi che attraverso la Bibbia e una relazione personale con Gesù Cristo e Dio Padre.

30. Affermiamo che gli insegnanti devono conoscere il contenuto o la materia da insegnare (Luca 4:4,8,12,16-22; 1 Timoteo 6:2-5). Neghiamo che sia possibile insegnare adeguatamente senza una conoscenza approfondita della materia che deve essere appresa dagli studenti. (1 Timoteo 1:7; 2 Timoteo 2:1,2).

31. Affermiamo che gli insegnanti devono creare le condizioni che determinano il desiderio di apprendere degli studenti (Luca 2:46,47,49,52). Neghiamo che sia possibile produrre un apprendimento adeguato in studenti non motivati ​​ad apprendere. (Proverbi 5:12,13,22,23)

32. Affermiamo che la comunicazione verbale utilizzata dagli insegnanti deve essere compresa e avere lo stesso significato sia per gli insegnanti che per gli studenti (Efesini 4:29; 2 Timoteo 1:13). Neghiamo che sia possibile per gli insegnanti produrre un apprendimento adeguato negli studenti quando usano il linguaggio o le idee al di fuori della vita quotidiana e del linguaggio degli studenti (Efesini 4:29).

33. Affermiamo che gli insegnanti devono insegnare ciò che è sconosciuto attraverso ciò che è già noto agli studenti.(Mc 11,12-14,20-24). Neghiamo che sia possibile per gli studenti apprendere adeguatamente ciò che non si basa su apprendimenti o esperienze precedenti (Matteo 6:26-31).

34. Affermiamo che gli insegnanti dovrebbero dare agli studenti l'opportunità di produrre nella loro mente le idee o le verità e di diventare abili nel compiere da soli gli atti o le abilità che devono essere apprese (Luca 9:1,2,6; 10:1,9,17). Neghiamo che gli insegnanti debbano richiedere agli studenti di acquisire conoscenze o abilità senza incoraggiare il pensiero originale e le applicazioni di ciò che apprendono ad altre situazioni.

35. Affermiamo che gli insegnanti dovrebbero confermare e verificare l'apprendimento mediante ripasso, ripetizione e applicazione pratica, ove necessario (Luca 24:44; Giovanni 21:15-17). Neghiamo che l'apprendimento sia stabilito in modo adeguato generalmente facendo in modo che gli studenti passino una volta attraverso un'esperienza di apprendimento e poi vengano testati per un voto o un voto (Matteo 14:15-21; 15:32-34) .

IX. Metodologia dell'Educazione

36. Affermiamo che esiste una varietà di metodi di insegnamento e apprendimento che possono essere appropriati per contenuti specifici del curriculum con un particolare studente o gruppo di studenti. Segue un elenco limitato di esempi:

  • 36.1. Dimostrazione (Matteo 6:9-15: Marco 6:41)
  • 36.2. Coinvolgimento degli studenti nell'apprendimento (Marco 6:7-12)
  • 36.3. Disciplina e correzione (Marco 11:15-17; 2 Timoteo 3:15)
  • 36.4. Scoperta (Marco 14:66-72)36.5. Illustrazioni familiari (Luca 6:4)
  • 36.6. Istruzione individualizzata (Giovanni 3:2-21; 4:5-26; Luca 19:1-8)
  • 36.7. Lezione, insegnamento formale (Luca 6:20-49; 1 Timoteo 4:13)
  • 36.8. Memorizzazione (2 Timoteo 3:15)
  • 36.9. Pratica (Matteo 10; Luca cap. 9,10; 1 Timoteo 5:4)
  • 36.10. Domande e risposte (Matteo 16:13-18; Luca 6:39)
  • 36.11. Ripetizione (Matteo 16:21; 17:22,23; 20:18,19; 26:1)
  • 36.12. Revisione (Luca 24:44)
  • 36.13. Attività in piccoli gruppi (Matteo 17:1-9; Marco 6:7-12; Luca 10:1-11)
  • 36:14. Aiuti visivi (Matteo 22:19-21; Luca 13:19)

Neghiamo che ci sia un metodo di insegnamento che dovrebbe essere usato coerentemente ad esclusione degli altri.

37. Affermiamo che l'apprendimento è più efficace per tutti gli studenti quando viene utilizzata più di una modalità didattica, come le modalità visive, uditive e cinestetiche (Matteo 14:27-33). Neghiamo che l'apprendimento sia efficace per tutti gli studenti quando viene utilizzata esclusivamente una modalità didattica.

X. Responsabilità per l'istruzione

RUOLO DEI GENITORI

38. Affermiamo che Dio affida i figli ai loro genitori per la loro cura ed educazione; che i genitori hanno sia il diritto che il dovere di allevare i propri figli in modo coerente con gli standard biblici di condotta morale responsabile; e che i genitori hanno il diritto, quindi, di educare i propri figli a casa o di delegare il compito alle scuole (Deuteronomio 4:9; 6,7; 11:19; Proverbi 6:20,21; Efesini 6:4) Neghiamo che il governo civile o qualsiasi altra entità abbia l'autorità legittima di sostituire i genitori nell'educazione e nell'educazione dei loro figli, e che le agenzie governative hanno l'autorità legittima per obbligare gli studenti a frequentare le scuole pubbliche. (1 Timoteo 5:4)39. Affermiamo che i genitori hanno sia il diritto che il dovere di insegnare ai propri figli la riproduzione biologica, la salute e la moralità sessuale. (Genesi 35:22; 49:4; Levitico 20:10-21; Deuteronomio 6:6,7; 22:22-30; 23:17; Proverbi 6:20-29) Neghiamo che il governo civile a qualsiasi livello abbia l'autorità legittima di usurpare la responsabilità dei genitori di insegnare ai bambini la sessualità e la riproduzione o di istituire corsi di educazione sessuale obbligatoria per i bambini.

RUOLO DELLE SCUOLE

40. Affermiamo che è responsabilità della scuola assistere e cooperare strettamente con i genitori in ogni aspetto dell'educazione dello studente (Marco 9:17-27). Neghiamo che le scuole non abbiano alcuna responsabilità nell'assistere e collaborare con i genitori nell'educazione dei propri figli.

41. Affermiamo che è responsabilità delle scuole essere sensibili ai desideri e ai valori dei genitori rispetto al contenuto e alla metodologia dell'educazione dei loro figli (Filippesi 3:5,6). Neghiamo che sia diritto delle scuole decidere arbitrariamente e unilateralmente quale sistema di valori debba essere alla base del contenuto e della metodologia dell'educazione dei propri studenti.

42. Affermiamo che la scuola è un'estensione della casa, che esiste per integrare la responsabilità primaria dei genitori di educare i propri figli (Efesini 6:1-4; 1 Timoteo 3:4,5). Neghiamo che le scuole abbiano il diritto di soppiantare la responsabilità primaria dei genitori di educare i propri figli.

RUOLO DELLA CHIESA

43. Affermiamo che ogni comunità  ecclesiale ha la responsabilità di insegnare a tutti i suoi membri le dottrine di Dio, della creazione, della salvezza, della Legge di Dio e del culto, in modo che il popolo di Dio sia preparato per un cammino divino e per una testimonianza viva della grazia salvifica di Cristo a coloro che sono al di fuori della fede. (Matteo 28:18-20; Atti 20:28-32). Neghiamo che la Chiesa non abbia l'autorità di radunare i suoi membri per l'istruzione nella fede.

44. Affermiamo che la casa, la chiesa e la scuola devono condividere in modo cooperativo il disegno complessivo dell'educazione e tuttavia rimanere separati nelle rispettive sfere di competenza (1 Corinzi 7:20-24). Neghiamo che l'educazione possa funzionare per il massimo bene per tutti e per il Regno di Dio senza che la casa, la chiesa e la scuola lavorino di concerto. (Giovanni 17:21).

RUOLO DEL GOVERNO CIVILE

45. Affermiamo che l'istruzione dovrebbe operare in un libero mercato, con ogni forma di scolarizzazione esistente che abbia pari opportunità di iscrivere gli studenti sulla base del comprovato successo di quella scuola (Atti 5:35-39). Neghiamo che il governo civile debba arbitrariamente favorire attraverso il finanziamento pubblico un sistema scolastico rispetto ad un altro.

46. Affermiamo che i genitori hanno il diritto di educare i propri figli a casa o in scuole private libere dal controllo del governo civile (Proverbi 4:1-14). Neghiamo che il governo civile abbia l'autorità legittima per monitorare, regolare o controllare direttamente l'istruzione a domicilio o l'istruzione scolastica privata con mezzi quali leggi sulla frequenza obbligatoria, curricula statali, test di rendimento degli studenti a livello statale, certificazione obbligatoria degli insegnanti statali o altre intrusioni in ambiti di scolarizzazione (Daniele 1:8,17,20).

47. Affermiamo che tutte le forme di educazione dovrebbero ricevere eguale beneficio dalla tassazione, sia in denaro, beni o servizi (Matteo 22:17,21). Neghiamo che l'istruzione pubblica debba essere sostenuta dalle tasse a meno che non sia disponibile un sostegno fiscale proporzionato per tutta l'istruzione, e che i genitori che mandano i propri figli a scuole private o che insegnano loro a casa dovrebbero essere tassati per sostenere l'istruzione dei bambini nelle scuole pubbliche .

48. Affermiamo che l'educazione svolge un ruolo importante nel plasmare la capacità delle persone di pensare e nel determinare il contenuto dei loro pensieri, e che l'educazione, quindi, dovrebbe essere libera dal controllo dei suoi metodi e contenuti da parte del governo civile (Giovanni 9 :1-23) Neghiamo che si dovrebbe permettere al governo civile di controllare le menti dei suoi cittadini influenzando i metodi ei contenuti dell'educazione. (Giovanni 9:24-34).

Un invito all'azione nell'istruzione

Azioni generali

A causa delle precedenti convinzioni, invitiamo tutti gli uomini e le donne che nominano Cristo come loro personale Salvatore e Signore ad unirsi a noi in:

1. esaminando seriamente queste affermazioni e smentite alla luce della Parola di Dio per vedere se sono vere, e informandoci direttamente di quei punti in cui credono che ci siamo allontanati dalla Scrittura o dalla logica;

2. riesaminare le nostre teorie e pratiche educative e chiedere a Dio di mostrarci dove stiamo fallendo;

3. pentirsi di tutti i peccati conosciuti, confessandoli e abbandonandoli, chiedendo perdono sia a Dio stesso che a tutti coloro che sono stati offesi, e poi facendo ogni possibile restituzione;

4. pregare affinché Dio riempia tutto il Suo popolo della potenza abilitante dello Spirito Santo, affinché possiamo portare la nostra vita personale e le nostre teorie e pratiche educative in una più stretta conformità con la Sua volontà rivelata su una base permanente e coerente;

5. cercare una guida dai nostri fratelli e dalle autorità ecclesiastiche locali su come possiamo sostenerci e influenzarci a vicenda per rendere le nostre pratiche educative che glorifichino Dio.

Avendo affrontato i nostri peccati e fallimenti personali e rendendoci responsabili nei confronti della Bibbia e dei fratelli, ora ci impegniamo a: 1. influenzare eventuali cristiani noti o associazioni cristiane con cui lavoriamo a considerare seriamente le nostre affermazioni e smentite con l'obiettivo di arruolare le loro risposte; 2. influenzare coloro che, nel campo del rinnovamento educativo, concordano con le nostre affermazioni e smentite ad attuare queste proposte nel loro lavoro; 3. mobilitando e mettendo in rete le nostre risorse cristiane e lavorando di concerto con le altre sfere professionali sia all'interno che all'esterno del COR, per vedere il comportamento del Corpo di Cristo e della nostra nazione cambiato per avvicinarsi più da vicino alla visione della realtà e della morale che ci viene presentata nella Santa Scritture.

Azioni specifiche

A tal fine, ci impegniamo nelle seguenti azioni specifiche:

1. Dio ha stabilito che la responsabilità primaria di educare la prossima generazione risieda sulle spalle dei genitori di ogni bambino. In considerazione delle suddette affermazioni e smentite, riteniamo che ci siano diversi metodi per fornire ai bambini un'educazione divina. Incoraggiamo i cristiani a rispettare i metodi scelti da altri, che si tratti dell'istruzione domestica, delle scuole diurne cristiane o delle scuole pubbliche.

  • 1.1. La Coalition on Revival incoraggia la formazione di scuole cristiane locali e incoraggia quei genitori che sono molto turbati dal dominio umanistico delle nostre scuole pubbliche (ma che non si sentono chiamati a gestire le proprie scuole domestiche) ad iscrivere i propri figli in una delle belle Sistemi scolastici cristiani che esistono o che lavorano in collaborazione con le chiese locali per formare le proprie scuole cristiane dove non ce ne sono.
  • 1.2. La Coalition on Revival incoraggia anche il Movimento Home School come uno dei modi molto saggi di educare la prossima generazione di cristiani. Ogni chiesa locale che ha genitori disturbati dalle opzioni educative dei propri figli dovrebbe assistere quei genitori nell'istituire le proprie scuole, se lo desiderano.
  • 1.3. La Coalition on Revival incoraggia anche coloro che desiderano tentare di invertire il dominio umanistico delle nostre scuole pubbliche e trasformarle nella base giudaico-cristiana su cui è stata fondata la nostra nazione, e raccomanda loro di dedicare con tutto il cuore i loro sforzi a questa entusiasmante strategia di reclamando il terreno a cui noi cristiani abbiamo rinunciato per difetto. I cristiani dovrebbero essere incoraggiati a essere coinvolti e sostenere i candidati devoti per i loro consigli scolastici locali.

2. Si deve stabilire un dialogo di alto livello tra i leader dell'istruzione superiore cristiana per rivedere l'intera impresa dell'istruzione superiore dall'inizio alla fine. La Coalition on Revival si sforzerà di avviare un tale dialogo per un ripensamento coraggioso e per rendere disponibili i frutti di tale discussione a coloro che sono alla ricerca di nuovi modi per portare a termine un vecchio compito.

3. L'approccio di apprendistato-discepolato "Vita nella vita" che Gesù ha usato con i dodici discepoli deve essere ripristinato come strategia educativa di base nella formazione di pastori, missionari, evangelisti e cristiani laici, sia in casa che in chiesa locale, o in qualche rinnovato seminario o programma di formazione in una scuola biblica. I leader della Chiesa cristiana, a tutti i livelli, devono essere disposti a lavorare per rinnovare quei seminari, scuole bibliche e college cristiani che sembrano essere inefficaci nel produrre laureati capaci di aiutare gli altri a diventare persone devote.

4. Due importanti punti dell'agenda per l'amministrazione e la facoltà della maggior parte delle scuole cristiane K-12 e delle istituzioni cristiane di istruzione superiore devono essere: 1) ricostruire i loro curricula attorno a una visione del mondo integrata e biblica piuttosto che presentare un curriculum frammentario e parzialmente connesso ; 2) esorcizzare dai loro curricula quei concetti e valori umanistici che permeano il pensiero di molti cristiani e l'insegnamento scolastico di molte scuole cristiane.

5. Tutte le forme di educazione cristiana dovrebbero tendere all'eccellenza, non necessariamente come la definisce il mondo (tramite i punteggi dei test, ecc.), ma come giustizia e verità evidenziate nelle vite e come ambasciatori credibili del Signore Gesù Cristo nel mondo. Non possiamo accettare gli standard mondiali di quali siano gli obiettivi educativi, ma dobbiamo crearne di nostri. Non siamo in una battaglia per dimostrare che le scuole cristiane producono alunni più intelligenti, anche se in realtà è spesso così. Stiamo preparando i bambini a realizzare il piano di Dio per le loro vite. Dobbiamo stare attenti a stimare il bambino che fa bene accademicamente più di quelli che non lo fanno, perché ogni bambino ha uno scopo divino nel piano di Dio.

https://www.angelfire.com/ca4/cor/educate.html

Dr. Richard Lappert, Ph.D., Presidente • Dr. Robert Simonds, Th.D., Co-Chairman • Con contributi dei membri del Comitato per l'istruzione di The Coalition on Revival • Dr. Jay Grimstead, D. Min., Direttore Generale • Sig. E. Calvin Beisner, MA, Assistente del Direttore Generale.  La visione del mondo cristiano dell'educazione. Copyright 1986, The Coalition on Revival, Inc. Tutti i diritti riservati. The Coalition on Revival, Inc. PO Box 1139, Murphys, California 95247