Istruzioni e Dichiarazioni/Medicina

Da Tempo di Riforma Wiki.

Ritorno


Medicina e concezione cristiana del mondo e della vita (1986)

PREFAZIONE

La formazione consueta degli operatori sanitari e la pratica della medicina ignorano virtualmente il lato spirituale dell'uomo, la realtà di Dio e la rivelazione soprannaturale, e il ruolo storico del guaritore come una sorta di sacerdote. Questa situazione in medicina riflette la visione dominante della società occidentale secondo cui l'uomo sarebbe solo un animale evoluto. L'etica medica è relativa e non può dare risposte concrete ai complessi dilemmi della vio-tecnologia avanzata di oggi. L'uomo crede di essere padrone del proprio destino ed è in grado di "migliorare" le sue capacità fisiche e mentali attraverso farmaci, riproduzione artificiale e ingegneria genetica. I costi dell'assistenza sanitaria continuano a superare le risorse degli individui e della società.

Sfortunatamente, la maggior parte degli operatori sanitari cristiani non è stata in grado di discernere la differenza tra i valori e l'etica biblici e naturalistici. È stato loro insegnato a mantenere un atteggiamento "neutrale" e "non giudicante". La Bibbia, al contrario, parla di luce e oscurità, contrasto che è subito evidente e che non permette al cristiano di essere neutrale. Se i cristiani credono che tutta la Scrittura è in grado di "fornire in modo completo" e "attrezzare adeguatamente per ogni opera buona" (2 Timoteo 3:16,17), allora il punto di partenza deve essere una comprensione profonda della Parola di Dio e una pratica coerente condizionata da quella comprensione.

In un'epoca di specializzazione diffusa e di pesanti richieste di pazienti, è estremamente difficile resistere alla pressione semplicemente di lavorare duro nel proprio campo, di cercare di essere morali e di tornare a casa esausti. La prevalenza dell'aborto, tuttavia, ci ha risvegliato alle implicazioni dell'etica medica moderna. Dobbiamo porci questa domanda: se l'aborto è accettato così facilmente come pratica medica "buona", ci sono altre pratiche mediche comuni ugualmente sbagliate dal punto di vista di Dio? Questo documento è un tentativo di discernere i concetti biblici per la salute e la pratica della medicina.

Dichiarazioni di affermazione e negazione

Epistemologia

1. Rivelazione e scienza. Affermiamo che l'operatore sanitario deve avere una conoscenza approfondita della Bibbia applicata praticamente alla sua vita personale e professionale (2 Timoteo 3:16,17; 2 Pietro 3,1). Neghiamo che la Bibbia sia in conflitto con la scienza medica quando entrambe sono comprese correttamente (Genesi 1:1-2:25; Colossesi 2:3).

2. Autorità. Affermiamo che la Bibbia è l'autorità finale per la salute, le cure mediche e l'etica medica (2 Timoteo 3:16; 2 Pietro 3:1). Neghiamo che l'etica medica debba essere determinata dai desideri del paziente, dall'etica di un'organizzazione medica, dalla pratica medica corrente, dalla fattibilità tecnica o dalla legislazione governativa (2 Timoteo 3:16,17; 2 Pietro 3:1).

3. Antropologia. Affermiamo che Dio ha creato l'uomo distinto dagli animali come un'unità di componenti non materiali (non fisiche) e materiali (fisiche) che influenzano entrambe la presenza o l'assenza della salute (Genesi 1:26-28; 2:7). Neghiamo che l'uomo possa essere trattato medicamente come una semplice entità biochimica che si è evoluta (Genesi 2:7).

4. Valore umano. Affermiamo che il valore di una singola persona è determinato dalla sua creazione a immagine di Dio (Genesi 1:27). Neghiamo che il valore di una persona possa mai essere determinato dalla sua qualità di vita o dalla sua utilità per la società, e che la salute dell'umanità collettiva superi necessariamente la salute dell'individuo (Genesi 1:27).

Salute

5. Salute. Affermiamo che la salute perfetta è un concetto biblico che è stato vissuto solo da Adamo ed Eva prima del loro peccato (Genesi 2:17 b; Romani 5:12; 1 Corinzi 15:21,22). Neghiamo che la salute perfetta sia possibile tranne che per lo stato dei credenti in Cielo (Ebrei 9:27; 1 Corinzi 15:42-58; 2 Corinzi 5:1-4).

6. Affermiamo che la salute ottimale si ottiene attraverso la rigenerazione spirituale, l'obbedienza biblica e l'attuale conoscenza medica, quest'ultima sempre sotto l'autorità della Bibbia (Neemia 8:10 b; Salmo 90:10; 2 Corinzi 5:17; Esodo 15: 26; 1 Re 3:14; Salmo 38; Proverbi 3:7,8; 2 Timoteo 3:16,17). Neghiamo che la salute ottimale possa essere raggiunta solo attraverso la conoscenza medica (Esodo 15:26; 1 Re 3:14; Salmo 38; Proverbi 3:7,8).

7. La responsabilità della famiglia. Affermiamo che la responsabilità primaria per il mantenimento della salute, la prevenzione delle malattie e l'assistenza medica risiede nella famiglia, come è definita biblicamente (Genesi 2:24; Esodo 20:12, 14; Efesini 5:22-6:4). Neghiamo che la salute ottimale possa essere raggiunta senza l'assunzione di questa responsabilità primaria e che i figli minori debbano essere curati per qualsiasi problema medico, tranne in un'emergenza chiaramente pericolosa per la vita, senza il consenso di uno o entrambi i genitori (Genesi 2 :24; Esodo 20:12,14; Efesini 5:22-6:4).

8. Salute mentale. Affermiamo che la rigenerazione spirituale e l'obbedienza biblica sono assolutamente essenziali per un concetto biblico di salute mentale (Efesini 4:9-16; 2 Timoteo 1:7; Giacomo 1:6-8). Neghiamo che gli psichiatri possano promuovere la salute mentale senza l'evangelizzazione dei loro pazienti non salvati e un'applicazione completa dei principi biblici per i loro pazienti cristiani (Neemia 8:10 b; Salmo 90:10; 1 Corinzi 15:1-19; 2 Corinzi 5:17) .

9. Longevità. Affermiamo che l'aumento della longevità generalmente deriva dall'obbedienza a specifici comandi biblici (Salmo 90:10; Proverbi 3:7,8; Efesini 6:2,3). Neghiamo che la lunga vita possa generalmente essere raggiunta senza l'obbedienza a questi comandi specifici (Deuteronomio 28; Romani 6:23a).

Malattia e morte

10. Peccato e malattia. Affermiamo che la causa ultima di tutte le malattie, deformità, disabilità e morte è il peccato di Adamo ed Eva (Genesi 2:17b; Romani 5:12; 1 Corinzi 15:21,22). Neghiamo che qualsiasi vera comprensione di queste condizioni sia possibile su una base puramente naturale o fisica (Genesi 2:17b; Romani 5:12; 1 Corinzi 15:21,22).

11. Morte. Affermiamo che la morte spirituale è incommensurabilmente peggiore della morte fisica (Matteo 10:28b; Apocalisse 20:14,15). Neghiamo che il trattamento del corpo fisico sia la massima priorità per l'operatore sanitario (Matteo 10:28b; 1 Timoteo 4:8b).

12. Peccati e malattie. Affermiamo che i problemi medici sono molto frequentemente causati da peccati personali (Proverbi 23:19-21,29-34; 1 Corinzi 3:17; 1 Corinzi 6:9-10). Neghiamo che la presenza di malattia, deformità e disabilità implichi necessariamente il giudizio temporale di Dio sulla persona afflitta (Giobbe 2:4-8; Giovanni 9:1-3; Atti 3:2).

Operatori sanitari e pratica della medicina

13. Chiamata sacerdotale. Affermiamo che l'operatore sanitario ha una vocazione sacerdotale perché la salute coinvolge tutta la persona (Lc 4,18; Ebrei 12,13; 1 Pt 2,9). Neghiamo che questa alta vocazione permetta all'operatore sanitario di trascurare altre chiamate di Dio, come il coniuge e la famiglia, il culto e il lavoro con la sua chiesa locale, e lo studio e la preghiera biblici personali (Efesini 5:22-33; Ebrei 10: 25; Efesini 4:11-13; Salmo 1:2; Matteo 6:9-13).

14. Modello di ruolo. Affermiamo che l'operatore sanitario deve mantenere uno stile di vita che sia un esempio di salute spirituale e fisica (Filippesi 3:17; 1 Timoteo 3:1-13). Neghiamo che l'operatore sanitario possa svolgere il suo ruolo sacerdotale senza questo stile di vita (Fil 3,17; 1 Timoteo 3,1-13).

15. Sabato. Affermiamo che il medico deve riposare e adorare regolarmente un giorno su sette (Esodo 20:8-11). Neghiamo che tutte le cure mediche sostituiscano l'osservanza del riposo sabatico settimanale da parte degli operatori sanitari (Esodo 20:8-11).

16. Medicina olistica. Affermiamo che gli operatori sanitari dovrebbero fornire risorse per la prevenzione delle malattie e il mantenimento della salute, nonché misure terapeutiche e riabilitative, e dimostrare l'interazione di queste aree (Luca 10:30-37; 1 Corinzi 6:19,20; 1 Timoteo 4 :8). Neghiamo che l'assistenza sanitaria possa riguardare principalmente la terapia e la riabilitazione (Luca 10:30-37; 1 Timoteo 4:8).

17. Negligenza.  Affermiamo che gli effetti negativi delle procedure diagnostiche e dei trattamenti medici dovrebbero essere attentamente valutati rispetto ai loro benefici (1 Corinzi 3:16,17; 10:31). Neghiamo che l'attuale prevalenza di cause per negligenza derivi da un concetto biblico di responsabilità (Esodo 21:23-25).

18. Competenza. Affermiamo che gli operatori sanitari cristiani dovrebbero raggiungere e mantenere alti livelli di competenza professionale (Matteo 5:48; Romani 12:1,2; 2 Tessalonicesi 3:11,12). Neghiamo che lo status di cristiano di un operatore sanitario giustifichi standard inferiori di cure mediche (Matteo 25:14-30; Romani 12:1,2; 2 Tessalonicesi 3:11,12).

19. Team di assistenza sanitaria. Affermiamo che i medici dovrebbero consultare infermieri, terapisti e altri operatori sanitari alleati per informazioni relative alle decisioni sulla cura del paziente (1 Corinzi 12:12-31). Neghiamo che le decisioni finali possano essere prese da chiunque sia diverso dai pazienti e dai loro medici (Romani 12:4-8; Giacomo 5:14-16).

20. Ampia cura. Affermiamo che i cristiani dovrebbero fornire cure amorevoli attraverso l'intero spettro dell'assistenza sanitaria, specialmente dove esistono lacune nel sistema attuale, ad esempio, i malati terminali e le madri nubili (Matteo 18:1-6; Luca 4:18; Giacomo 1:27 ). Neghiamo che l'attuale sistema sanitario e medico, anche con un aumento dei programmi governativi, sia in grado di soddisfare queste esigenze (Matteo 26:11; Romani 13:4).

21. Dimensioni spirituali della malattia. Affermiamo che il trattamento della dimensione spirituale della malattia da parte degli operatori sanitari è etico (Matteo 5:29,30; 6:25-34; 10:28; 1 ​​Corinzi 13:3). Neghiamo che qualsiasi agenzia del governo civile o di qualsiasi altra istituzione abbia l'autorità per prevenire questa dimensione del trattamento (Matteo 22:21; Atti 6:29; Romani 13:7).

22. Economia. Affermiamo che il costo della salute e delle cure mediche dovrebbe essere sostenuto principalmente dalla famiglia con l'integrazione di assicurazioni volontarie private, contributi e la Chiesa secondo il disegno biblico (2 Tessalonicesi 3:10-14; 1 Timoteo 5:8). Neghiamo che l'assistenza medica debba essere fornita dal governo civile ad eccezione di malattie, disabilità e lesioni causate direttamente dal servizio governativo (Romani 13:1-5).

23. Motivazione e remunerazione. Affermiamo che l'operatore sanitario dovrebbe ricevere il pagamento per i suoi servizi come determinato dal libero mercato (Matteo 10:10b; Luca 10:7, 2 Tessalonicesi 3:10; 1 Timoteo 4:18b). Neghiamo che la motivazione primaria dell'operatore sanitario debba essere il guadagno economico (Tito 1:7; 1 Pietro 5:2).

24. Sessualità. Affermiamo che secondo il disegno biblico la stimolazione e l'appagamento sessuale dovrebbero avvenire solo tra un uomo e una donna che sono legalmente sposati (Genesi 2:24,25; Esodo 20:14; 1 Timoteo 3:12). Neghiamo che l'adulterio, la fornicazione, l'omosessualità o il lesbismo costituiscano un comportamento morale in qualsiasi situazione e che la prescrizione di metodi contraccettivi a uomini o donne non sposati sia biblica (Esodo 20:14; Matteo 5:27,28; 1 ​​Corinzi 6: 9,10; 1 Timoteo 1:8-11). Neghiamo inoltre che gli omosessuali si qualifichi come una minoranza legale particolarmente protetta e che l'omosessualità sia una questione di diritti civili.

25. Responsabilità per l'educazione sanitaria. Affermiamo che la responsabilità primaria dell'educazione sanitaria risiede nella famiglia, nella Chiesa e nella comunità sanitaria. Neghiamo che l'educazione sanitaria debba essere fornita dal governo civile, perché il coinvolgimento del governo nell'educazione sanitaria si è generalmente dimostrato pernicioso, immorale e anti-biblico.

26. Quarantena delle malattie trasmissibili. Affermiamo che l'AIDS (Sindrome da immunodeficienza acquisita) dovrebbe essere messo in quarantena in modo simile ad altre malattie trasmissibili come la tubercolosi e la febbre tifoide. Neghiamo che l'AIDS si qualifichi come un handicap che dovrebbe ricevere uno status e una remunerazione speciali.

27. Comunità. Affermiamo che i cristiani dovrebbero avere altri cristiani per i loro medici (quando sono disponibili) perché la medicina è una vocazione sacerdotale (1 Corinzi 6:1-8; Giacomo 5:14-16). Neghiamo che la medicina e la Chiesa siano campi di servizio non correlati (1 Corinzi 6:1-8; Giacomo 5:14-16).

28. Priorità. Affermiamo che la salute e l'assistenza medica dovrebbero essere disponibili a tutte le persone all'interno delle capacità di un libero mercato di fornirle e il consumatore a pagarle (Matteo 25:32-46; Luca 4:18, 19). Neghiamo che tale cura sia un diritto illimitato che può essere promosso a scapito di altre responsabilità sociali (Matteo 4:4; 1 Timoteo 4:8; 2 Tessalonicesi 3:10).

Guarigione

29. Processo di guarigione. Affermiamo che la guarigione può avvenire attraverso i processi naturali del corpo, l'atto soprannaturale di Dio o le forze demoniache, concomitanti o completamente separate dall'intervento medico standard (Matteo 7:21-23; Luca 10:34; 1 Tessalonicesi 2:9,10; 1 Timoteo 5:23; Giacomo 5:14-16). Neghiamo che la guarigione miracolosa sia limitata a un particolare momento della storia (Giacomo 5:14-16).

30. Presenza di malattia. Affermiamo che Dio permette ad alcuni cristiani di sperimentare malattie acute e croniche, disabilità o deformità (Giobbe 2:4-8; Giovanni 9:1-3; Ebrei 12:5-11; 1 Pietro 1:6,7). Neghiamo che qualsiasi assenza di guarigione sia necessariamente dovuta a un peccato personale o alla mancanza di preghiera, fede o maturità spirituale (2 Corinzi 12:8,9; Filippesi 2:27; 1 Timoteo 5:23).

Metodologia per le decisioni etiche

31. La situazione. Affermiamo che all'interno della visione del mondo strutturata dai principi biblici, la situazione del paziente indica quei principi che governano le azioni degli operatori sanitari (Matteo 18:15-17; Giovanni 8:10,11; 9:1-3). Neghiamo che la situazione senza questa struttura biblica, cioè "etica della situazione", determini la decisione etica (Matteo 5:17-20; Giovanni 14:15,21; Romani 13:10; 1 Corinzi 13:1-3) .

32. Motivi. Affermiamo che il motivo personale, oltre al comportamento, determina se un atto è etico o non etico (1 Samuele 16:7; Salmo 139:23,24; Matteo 5:27,28; Ebrei 4:12). Neghiamo che l'etica biblica possa essere determinata solo sulla base del motivo o del comportamento (Salmo 139:23,24; Matteo 5:27,28; Ebrei 4:12).

33. Dire la verità.  Affermiamo che il Nono Comandamento richiede che un medico dica sempre la verità ai suoi pazienti (Esodo 20:16). Neghiamo che la menzogna promuova la salute dei pazienti e le relazioni necessarie all'interno delle loro famiglie (Esodo 20:16).

34. Riservatezza. Affermiamo che l'autorità biblica all'interno della famiglia e il benessere degli altri nella società può sostituire la riservatezza dei rapporti del medico con i singoli pazienti e che la riservatezza dovrebbe essere strettamente custodita quando non è in conflitto con altri principi biblici (Genesi 2:24,25 ; Efesini 6:1-3; 1 Pietro 3:7; Matteo 18:15-17; 1 Corinzi 5:1-13). Neghiamo che la riservatezza dei singoli pazienti sia un requisito assoluto per gli operatori sanitari (Matteo 18:15-17; 1 Corinzi 5:1-13).

Problemi all'inizio della vita

35. Inizio della vita umana· Affermiamo che la vita umana individuale inizia con la fecondazione dell'uovo umano con lo sperma umano (Genesi 4:1; Numeri 11:12; Salmo 51:5). Neghiamo che l'embrione concepito da questo processo debba soddisfare qualsiasi altro criterio per raggiungere il pieno status etico e giuridico di una persona (Sal 51,5; Mt 18,8-10).

36. Aborto. Affermiamo che l'aborto indotto è omicidio se non per salvare la vita fisica della madre, e che la partecipazione a qualsiasi livello è peccato (Esodo 20:13; 23:22-25; Salmo 51:5; 139:13-15; Geremia 1 :5). Neghiamo che la scelta della madre abbia la precedenza sulla vita del nascituro e che l'individuazione di anomalie o difetti nel nascituro sia motivo di aborto indotto (Esodo 20:13; Salmo 139:13-15).

37. Infanticidio. Affermiamo che l'infanticidio, sia per azione deliberata che per inazione, è omicidio (Esodo 20:13). Neghiamo che i migliori interessi della famiglia in particolare o della società in generale siano migliorati dall'infanticidio (Matteo 18:1-10).

38. Intervento intrauterino. Affermiamo che l'intervento con un bambino non ancora nato in qualsiasi fase dopo il concepimento dovrebbe essere consentito solo per correggere malattie o deformità fisiche chiaramente definite quando esistono prove sufficienti che il potenziale beneficio per il bambino supera chiaramente qualsiasi effetto dannoso o la possibilità di morte (Salmo 139: 13-16; 1 Corinzi 6:19,20). Neghiamo che il nascituro debba ricevere cure mediche meno attente o necessarie di quelle fornite a qualsiasi essere umano (Genesi 4:1; Salmo 51:5).

39. Ingegneria genetica. Affermiamo che le alterazioni dei geni umani prima o dopo la nascita dovrebbero essere strettamente limitate alla correzione di malattie o deformità chiaramente definite quando esistono prove sufficienti che il potenziale beneficio per la persona supera chiaramente qualsiasi effetto dannoso o la possibilità di morte (Genesi 4:1 ; Salmo 51:5). Neghiamo che l'uomo abbia la saggezza per cambiare i geni umani se non per correggere malattie o deformità fisiche chiaramente definite (Salmo 139:13-16; Luca 4:40; Giacomo 5:14-16).

40. Fecondazione. Affermiamo che la fecondazione dell'ovulo della moglie da parte dello sperma del marito è il modello di riproduzione biblico (Genesi 2:24; Matteo 19:4-6). Neghiamo che la fecondazione dell'uovo di una donna con lo sperma di un uomo che non è suo marito sia biblica (Genesi 17:19-21; 38:24).

41. Fecondazione in vitro/Madri surrogate. Affermiamo che il luogo biblico per il concepimento e lo sviluppo di un embrione o feto è la sua madre biologica (Deuteronomio 6:4-9; Efesini 6:4). Neghiamo che il concepimento e lo sviluppo di un embrione e di un feto debbano avvenire in qualsiasi luogo in vivo o in vitro diverso dalla madre biologica, tranne forse per le poche ore necessarie per la fecondazione in vitro e la crescita dell'embrione/i fino al fase che consente il suo (loro) trasferimento (Deuteronomio 6:4-9; Efesini 6:4).

Problemi alla fine della vita

42. Eutanasia. Affermiamo che l'eutanasia, sia per azione deliberata che per inazione, è omicidio (Esodo 20:13). Neghiamo che l'intervento nel processo della malattia di un malato terminale sia sempre la linea d'azione etica (2 Corinzi 5:1-9; Filippesi 1:21).

43. Trattamento dei malati terminali. Affermiamo che solo il medico del paziente, in consultazione con altri operatori sanitari, il paziente e la famiglia del paziente, è in grado di valutare il trattamento etico o il non trattamento dei malati terminali (Giacomo 5:14-16). Neghiamo che il testamento biologico semplifichi queste decisioni (Giacomo 4:13-17; 5:14-16).

44. Diritto di morire/morte con dignità. Affermiamo che tutti gli uomini e le donne moriranno inevitabilmente (eccetto i cristiani che vengono rapiti alla seconda venuta di Cristo) a causa del peccato di Adamo ed Eva (Genesi 2:17b; 3:19b; 1 Tessalonicesi 4:17; Ebrei 9: 27). Neghiamo che chiunque abbia il "diritto di morire" con qualsiasi mezzo o per qualsiasi motivo, e che la "morte con dignità" sia compatibile con una comprensione biblica della morte e del peccato (Esodo 20:13; Ecclesiaste 8:8; Romani 14 :7,8; 1 Corinzi 6:19,20; 15:56), tranne che è onorevole e amorevole per un uomo dare la propria vita in sacrificio volontario per un altro (Giovanni 15:13).

45. Sostegno per i malati terminali. Affermiamo che l'immagine di Dio in tutti i pazienti e l'amore che Gesù Cristo ci chiama a dare a tutte le persone determinano la qualità delle cure e del conforto dei malati terminali (Genesi 1:26,27; Matteo 25:32-46). Neghiamo che l'acqua, il cibo e l'aria debbano mai essere negati ai pazienti, o che abbiano il diritto di rifiutare queste basi della vita, quando le loro condizioni mediche consentono di assumere queste sostanze per vie naturali (Esodo 20:13; Matteo 25 :32-46; 1 Corinzi 6:19,20).

46. ​​Evangelizzazione. Affermiamo che lo stato non salvato di un paziente può indicare misure che di solito non sarebbero attuate con un credente, al fine di guadagnare tempo aggiuntivo per l'evangelizzazione (Atti 4:12; Ebrei 9:27; Apocalisse 20:14,15). Neghiamo che la condizione medica del paziente sia l'unica questione rilevante nei malati terminali (Atti 4:12; Ebrei 9:27; Apocalisse 20:14,15).

47. Suicidio. Affermiamo che il suicidio è una violazione del sesto comandamento (Esodo 20:13). Neghiamo che il suicidio sia una soluzione biblica a qualsiasi situazione di vita (Giovanni 10:10; 1 Corinzi 10:13; Filippesi 4:19).

48. Trapianto di organi. Affermiamo che il trapianto di organi umani è etico quando gli standard biblici regolano il trattamento sia del donatore che del ricevente attraverso una deliberata revisione tra pari (Matteo 19:12; Giovanni 9:1-3; Atti 3:1.2), e che la prematura pronuncia della morte di un paziente per ottenere i suoi organi da donatore è omicidio (Esodo 20:13; 1 Corinzi 13:3). Neghiamo che il trapianto di organi violi la santità del corpo umano.

Droghe e abuso di droghe

49. Farmaci terapeutici. Affermiamo che i farmaci possono essere usati sotto la corretta supervisione degli operatori sanitari nella diagnosi e nel trattamento (Luca 10:34; 1 Timoteo 5:23; Giacomo 5:14b). Neghiamo che i farmaci siano necessari o sufficienti nella diagnosi e nel trattamento di tutte le condizioni mediche (Luca 12:22-34; Giovanni 4:32-34; Romani 14:17; 1 Timoteo 4:7,8).

50. Farmaci psicotropi. Affermiamo che gli operatori sanitari dovrebbero lavorare per prevenire l'abuso e la dipendenza dalla droga con i pazienti che richiedono farmaci che influiscono sulla mente o sui sensi (Proverbi 20:1; 23:29-35; Efesini 5:18; 1 Pietro 4:4). Neghiamo che le cure mediche debbano essere somministrate sulla base del determinismo chimico come unica spiegazione degli stati disordinati della mente o dei sensi (Genesi 1:26-28; 1 ​​Samuele 21:13-15).

51. Abuso di sostanze. Affermiamo che l'abuso di sostanze come droghe e alcol comporta malattie fisiche, schiavitù spirituale e relazioni personali distorte (Proverbi 23:29-35; Efesini 5:18; Genesi 9:20-23; 19:30-38). Neghiamo che il trattamento dell'abuso di sostanze possa giustamente escludere il ministero a tutta la persona (Romani 12:3; Efesini 5:18; 1 Timoteo 1:7).

Medicina New Age

52. Modalità psichiche. Affermiamo che l'uso di qualsiasi mezzo psichico o soprannaturale nella diagnosi o nella guarigione, diverso dalla preghiera a Dio secondo le istruzioni bibliche, è una pericolosa esposizione a poteri occulti e satanici (Deuteronomio 18:10-12; Isaia 8:19; Matteo 24 :24; Apocalisse 9:21; 21:8). Neghiamo che le capacità psichiche, lo spiritismo, la divinazione, le energie vitali e altri processi paranormali promuovano la salute o abbiano comunque una base etica o scientifica nella pratica della medicina (Deuteronomio 18:10-12; Isaia 8:19; Matteo 24:24; Apocalisse 9:21; 21:8).

53. Meditazione. Affermiamo che la meditazione cosciente e razionale sugli attributi di Dio e sul contenuto biblico è una dimensione necessaria della salute (Giosuè 1:8; Salmo 1:2; 19:7; 119:50). Neghiamo che la meditazione o le droghe che alterano i normali schemi di pensiero o stati di coscienza promuovano la salute in alcun modo (Galati 5:23; Efesini 5:18; 2 Timoteo 1:7).

Un invito all'azione in medicina

Azioni generali

A causa delle precedenti convinzioni, invitiamo tutti gli uomini e le donne che nominano Cristo come loro personale Salvatore e Signore ad unirsi a noi in:

1. esaminando seriamente queste affermazioni e smentite alla luce della Parola di Dio per vedere se sono vere, e informandoci direttamente di quei punti in cui credono che ci siamo allontanati dalla Scrittura o dalla logica;

2. riesaminare le nostre teorie e pratiche mediche e chiedere a Dio di mostrarci dove stiamo fallendo;

3. pentirsi di tutti i peccati conosciuti, confessandoli e abbandonandoli, chiedendo perdono sia a Dio stesso che a tutti coloro che sono stati offesi, e poi facendo ogni possibile restituzione;

4. pregare affinché Dio riempia tutto il Suo popolo con il potere abilitante dello Spirito Santo affinché possiamo portare le nostre vite personali e le nostre teorie e pratiche mediche in una più stretta conformità alla Sua volontà rivelata su una base permanente e coerente;

5. cercare una guida dai nostri fratelli e dalle autorità ecclesiastiche locali su come possiamo sostenerci e influenzarci a vicenda per rendere le nostre pratiche mediche glorificando Dio;

6. ricercare un equilibrio temporale impegnato in tutti gli ambiti in cui siamo chiamati come cristiani, in particolare allo studio biblico regolare e sistematico.

Avendo affrontato i nostri peccati e fallimenti personali e rendendoci responsabili nei confronti della Bibbia e dei fratelli, ora ci impegniamo a:

1. dialogare con tutti gli operatori sanitari e altri cristiani con l'obiettivo di discernere, chiarire e attuare una pratica biblica della medicina;

2. influenzare eventuali cristiani conosciuti o associazioni cristiane con cui lavoriamo a considerare seriamente le nostre affermazioni e smentite con l'obiettivo di arruolare le loro risposte;

3. influenzare coloro che nel campo della medicina sono d'accordo con le nostre affermazioni e smentite ad attuare queste proposte nel loro lavoro;

4. mobilitando e mettendo in rete le nostre risorse cristiane e lavorando di concerto con le altre sfere professionali sia all'interno che all'esterno del COR, per vedere il comportamento del Corpo di Cristo e della nostra nazione cambiare per avvicinarsi più da vicino alla visione della realtà e della morale che ci viene presentata le Sacre Scritture.

Azioni specifiche

A tal fine, ci impegniamo nelle seguenti azioni specifiche:

1. Tutti gli operatori sanitari cristiani devono unirsi alla lotta contro l'aborto. Secondo le loro situazioni e opportunità, individui e gruppi dovrebbero essere coinvolti in precisi atti di attivismo contro l'aborto. Questi sforzi possono essere separati o, preferibilmente, in congiunzione con cristiani di altre discipline e con quei gruppi pro-vita ( ad es. Christian Action Council e Birth-Right) che hanno già programmi e strategie. Gli operatori sanitari dovrebbero aiutare i pastori delle chiese che credono nella Bibbia a chiudere tutti gli aborti legalizzati nelle loro contee utilizzando il "Piano Puget Sound", che ha fermato tutti gli aborti in una contea dello Stato di Washington entro 30 giorni. Il piano funziona come segue:

1.1 Due lettere sono scritte l'una contro l'altra su un unico foglio di carta (vedi modello disponibile presso la Coalition on Revival, Box 1139, Murphys, California, 95247, o presso la National Association of Christian Educators, PO Box 3200, Costa Mesa , California, 92628). Una lettera è del pastore alla sua congregazione, che spiega le ragioni bibliche per cui l'aborto è chiaramente un omicidio e dovrebbe essere fermato dalle persone che onorano Dio. L'altro è un modulo di lettera delle famiglie cristiane ai loro medici di famiglia che spiega gentilmente ma con fermezza che, se i loro medici eseguono aborti o fanno riferimento per aborti, troveranno immediatamente nuovi medici di famiglia che non lo facciano. Se il nome di un medico compare nell'elenco dei medici di quella contea che praticano o fanno abortire, la lettera gli dice che se vuole continuare a essere il loro medico di famiglia, insistono sul fatto che metta il suo nome sul giornale locale con un elenco crescente di altri medici della città o della contea che affermano pubblicamente che non si esibiranno più o non faranno abortire. Il potere di questo piano è che solo i medici possono eseguire legalmente aborti e che la maggior parte dei medici di famiglia perderebbe molto di più di quanto guadagnerebbe finanziariamente se non soddisfacesse tale richiesta.

1.2 Il piano prevede che i pastori in una determinata domenica distribuiscano la lettera back-to-back a tutte le persone nelle loro congregazioni e li esortino a inviare la lettera al proprio medico di famiglia nelle due settimane successive (o andare personalmente lui), e di dare seguito a una telefonata chiedendo la sua decisione.

1.3 Una persona deve assicurarsi che l'elenco dei medici abortisti sia ottenuto e che siano presi accordi per un annuncio sui giornali finanziato congiuntamente.

2. Nelle aree regionali e locali dovrebbero essere promosse pubblicazioni regolari e seminari che insegnino ai cristiani come essere veri amministratori dei loro corpi. I cristiani hanno bisogno di una salute migliore per avere più energia, tollerare più stress, deprimersi meno spesso ed essere più creativi delle nostre controparti non cristiane per il progresso del Regno di Dio. Gli argomenti specifici che dovrebbero essere affrontati includono la perdita di peso, l'alimentazione, l'esercizio fisico, la violazione del sabato, il sonno, lo svago, i tranquillanti, l'alcol, la caffeina e altri stimolanti, il tabacco, la bulimia, la mancanza di perdono, la mancanza di integrità personale e la disobbedienza alle leggi di Dio in generale.

3. L'economia della medicina deve essere ristrutturata secondo i principi economici biblici in cui il paziente è responsabile del pagamento delle cure mediche per sé e per la sua famiglia. Questo piano alla fine eliminerebbe tutti i livelli del governo civile dai pagamenti mDr. Ed Payne, MD, Presidente? Dr. William Reed, MD, co-presidente? Con i contributi dei membri del Comitato Medicina di The Coalition on Revival ? Dr. Jay Grimstead, D.Min., Direttore Generale ? Mr. E. Calvin Beisner, MA, assistente del direttore generale. La visione del mondo cristiano della medicina . Copyright 1986, The Coalition on Revival, Inc. Tutti i diritti riservati. The Coalition on Revival, Inc., PO Box 1139, Murphys, California 95247edici, ad eccezione di quei problemi che derivano direttamente dal servizio pubblico o militare. Occorre prestare la massima attenzione per effettuare questa transizione con il minor disturbo possibile a una buona assistenza medica. I medici sono chiamati a essere più attenti ai costi ea cercare di creare alternative meno costose alle pratiche attuali senza modificare in modo significativo il loro standard di cura.

4. Dovrebbe essere stabilito un dialogo formale tra gli operatori sanitari cristiani in cui i cristiani che usano il potere soprannaturale di Dio per provocare guarigioni miracolose e scacciare i demoni legati alla malattia fisica possono discutere pacificamente questo problema con quei cristiani che non usano questi mezzi o che credono di non essere validi.

5. Un monito nazionale coordinato deve essere rivolto a tutti i cristiani sui pericoli spirituali e fisici di partecipare come medici o pazienti alla medicina psichica New Age.

6. Un gruppo di medici tradizionali ha bisogno di dialogare insieme a professionisti non tradizionali per esaminare la credibilità di tali metodi e trattamenti sanitari non tradizionali come la chiropratica, che combina diete, cure erboristiche, laetrile e colon, in modo che questi trattamenti possano essere esaminati in prima persona per determinarne il valore medico scientifico.

7. I co-presidenti nazionali e regionali della sfera medica di The Coalition on Revival dovrebbero pianificare seminari per insegnare queste Affermazioni e Negazioni ei pensieri su cui si basano a livello regionale e locale.

8. Le lettere all'editore nelle pubblicazioni mediche sono un metodo semplice per esprimere le proprie idee a un pubblico nazionale. Una percentuale molto alta di questi viene pubblicata quando è ragionevolmente scritta. È più probabile che tali lettere vengano pubblicate se non sono esplicitamente bibliche, anche se possono essere piuttosto conservatrici nel loro contenuto.

9. Devono essere fatti tentativi per insegnare ai cristiani che sono psichiatri dove la loro "terapia" non è conforme alla Bibbia. Questo sforzo può essere fatto su base personale, attraverso seminari o pubblicazioni. Le Affermazioni e Smentite del COR per la Psicologia e il Counseling contengono queste nozioni di base e potrebbero essere utilizzate in questo modo.

10. I professionisti privati ​​dovrebbero considerare di "donare" il dieci per cento del loro tempo alla cura dei pazienti indigenti, se non lo stanno già facendo.

11. Si devono cercare opportunità per dimostrare che l'etica medica non si discerne senza una discussione sui valori e che su tale base la Bibbia è più concreta, con una tradizione più forte e un seguito più ampio di qualsiasi altra fonte di valori.

12. Gli operatori sanitari che credono di avere il dono del discernimento devono in qualche modo trovare il tempo per studiare di più, per scrivere e parlare, e per pensare di frequentare il seminario o di essere discepoli di qualcuno più maturo nella fede, per ampliare la loro influenza tra gli altri cristiani. Questa esigenza può essere la più critica per la trasformazione della medicina verso l'ideale biblico.

13. Le pubblicazioni, come riviste e bollettini, devono essere avviate a livello nazionale in cui possono essere presentati argomenti biblici seri riguardanti la pratica medica e i lettori possono rispondere. I gruppi coinvolti in quest'area dovrebbero dialogare tra loro e, laddove vi sia un accordo significativo, unire le risorse o in altri modi supportare ciò che stanno facendo gli altri.

14. Alcuni cristiani avranno bisogno di diminuire il carico di pazienti e/o le ore di lavoro per diventare più equilibrati in tutte le responsabilità a cui Dio ci chiama. Il proprio coniuge è la persona migliore per giudicare se questa situazione esiste.

15. Devono essere compiuti sforzi a livello statale per abrogare le leggi che consentono alle adolescenti minorenni di abortire, di essere curate senza il consenso dei genitori per le malattie sessualmente trasmissibili e di farsi prescrivere contraccettivi. Nel frattempo, gli operatori sanitari cristiani possono (con la gentilezza e la misericordia di Gesù Cristo) rifiutarsi di trattare queste donne in questo modo.

16. Ogni opportunità deve essere colta per opporsi al "diritto alla morte" (compreso il suicidio), al testamento biologico e all'eutanasia prima che possa essere generato un maggiore slancio per la legislazione di questi concetti in legge.

17. I medici dovrebbero limitare le loro prescrizioni ai farmaci che sono chiaramente inefficaci. In particolare, deve essere ridotto, e in molti casi eliminato, l'uso di tranquillanti minori e psicofarmaci, quando vengono prescritti principalmente per ridurre lo stress anziché per risolvere problemi di fondo.

18. Le organizzazioni e istituzioni mediche cristiane come la Oral Roberts University e la Christian Medical Society dovrebbero compiere uno sforzo concertato per studiare queste Affermazioni e Smentite per determinare dove si posizionano nei loro confronti nella loro pratica e nel loro insegnamento.

19. Le pratiche sessuali "alternative", sia omosessuali che eterosessuali, come scelta morale tra "adulti consenzienti", devono essere contrastate a tutti i livelli. Non dovrebbero essere condonati dagli psichiatri e da altri medici come se non avessero gravi conseguenze fisiche e spirituali. Il divorzio, come soluzione a qualsiasi problema diverso dall'adulterio e dalla diserzione, non deve mai essere presentato come un'opzione per credenti o non credenti nella "psicoterapia" o in qualsiasi altro tipo di consulenza da parte degli operatori sanitari.

20. I medici dovrebbero esercitare la loro speciale opportunità per evangelizzare i loro pazienti perché la salvezza è il bisogno più urgente per la loro salute.

21. Inoltre, è necessario scrivere opuscoli di facile comprensione per spiegare come i sintomi corporei possono essere manifestazioni di problemi spirituali, indirizzando così i pazienti alle soluzioni bibliche: prima la salvezza, poi l'obbedienza.

Dr. Ed Payne, MD, Presidente, Dr. William Reed, MD, co-presidente? Con i contributi dei membri del Comitato Medicina di The Coalition on Revival ? Dr. Jay Grimstead, D.Min., Direttore Generale ? Mr. E. Calvin Beisner, MA, assistente del direttore generale. La visione del mondo cristiano della medicina . Copyright 1986, The Coalition on Revival, Inc. Tutti i diritti riservati. The Coalition on Revival, Inc., PO Box 1139, Murphys, California 95247