Istruzioni e Dichiarazioni/Psicologia e counselling

Da Tempo di Riforma Wiki.

Ritorno


Psicologia e counselling nella concezione cristiana del mondo e della vita (1986)

PREFAZIONE

Il cristiano moderno ha accesso a più conoscenza, migliori benedizioni materiali, più tempo a disposizione e più aiuto professionale rispetto ai suoi predecessori. Eppure spesso è autoindulgente nella sua concentrazione, confuso nei suoi concetti di vita e tormentato dal dolore interiore. Il gran numero di libri sull'integrità personale nelle librerie cristiane dovrebbe convincere l'osservatore che si stanno facendo tentativi per risolvere questi problemi. Ma a ben guardare, troverà una mancanza di consenso. Se conosce un po' di teologia, discernerà anche una teoria e una pratica non teistiche, progettate per correggere il disadattamento umano, unite a concetti biblici. Il risultato è un misto di concetti contrastanti e spesso errati. Un vitello d'oro viene così spesso associato al Dio vero e vivente. Il linguaggio in questi libri è spesso quello della psicologia secolare e di una cultura che misura la vita in base al grado di piacere e appagamento che produce. Nella consulenza questa aspettativa si traduce nell'obiettivo di aiutare i clienti oi consulenti a sentirsi bene.

Psicologia e consulenza, nel loro nucleo, si occupano della natura dell'essere umano. Ciò che fa un praticante è indissolubilmente legato al suo sistema di ipotesi. La teoria e la pratica del counseling sono per natura profondamente teologiche. È impossibile aiutare le persone senza applicare credenze teologiche. Pertanto, il consigliere cristiano deve affrontare due esigenze. Innanzitutto, deve partire dalla Parola di Dio e da una sua coerente interpretazione grammaticale, storica e teologica. Non deve tornare dallo studio dell'essere umano e del suo contesto sociale alla Bibbia. Una comprensione sistematica della Parola di Dio è il suo metro, non l'essere umano e il suo contesto sociale. In secondo luogo, la sua metodologia deve essere coerente con un'interpretazione teologica dell'essere umano e del contesto sociale dell'essere umano. Non può scegliere, o permettere al suo consulente di scegliere, obiettivi - o metodi per raggiungere quegli obiettivi - che violano i principi biblici.

DEFINIZIONI INTRODUTTIVE

La psicologia è lo studio del pensiero, del comportamento e delle emozioni dell'essere umano e di come si relazionano. I presupposti della persona che sviluppa e pratica la consulenza determinano direttamente la sua teoria ei suoi metodi. Più precisamente, la filosofia della persona è la sua teoria della psicologia. Quindi, il cristiano dovrebbe usare la teologia e l'antropologia piuttosto che la psicologia come termine per indicare la teoria. Inoltre, la consulenza è il termine migliore per il cristiano da usare per denotare l'applicazione della psicologia/teologia perché è un concetto biblico e non ha una connotazione secolare, come la psicologia e la psicoterapia.

Nelle seguenti affermazioni e snegazioni, tuttavia, manterremo in alcuni punti la psicologia invece della teologia o dell'antropologia, per comunicare a una mentalità prevalentemente laica. Useremo sempre la consulenza per fare riferimento all'applicazione e a ciò che molti chiamano psicoterapia. Il consulente farà sempre riferimento alla persona che presenta la domanda. Il consulente è la persona a cui viene data la domanda, piuttosto che "cliente" o "paziente". La malattia mentale sarà definita in senso restrittivo. Che psichiatra è considerato identico alla pratica di un consulente tranne che in alcuni paesi, il primo è autorizzato a somministrare farmaci insieme alla sua "psicoterapia". Sebbene sia meglio evitare del tutto i termini psicologici, ne useremo alcuni, specialmente nell'etichettatura, per comunicare chiaramente i problemi che affrontiamo.

Dichiarazioni di affermazione e negazione

Epistemologia

1. Autorità. Affermiamo che la Bibbia è la fonte autorevole di conoscenza per la psicologia e la consulenza come in tutti gli altri ambiti della vita. Neghiamo che qualsiasi altra fonte di conoscenza sia ugualmente autorevole con la Bibbia per la psicologia e la consulenza.

2. Applicabilità. Affermiamo che l'oggetto della consulenza è esattamente la stessa di quella della Bibbia e, quindi, la Bibbia ci fornisce completamente la teoria ei principi della consulenza. Neghiamo che la Bibbia sia inadeguata per la teoria e la pratica del counseling.

3. Tutta la verità. Affermiamo che tutta la verità è la verità di Dio; che tutta la verità è completamente coerente con la rivelazione biblica nei suoi presupposti, categorie, metodologia, conclusioni e applicazione, tutte collegate come un sistema unificato; che ogni errore deriva da Satana; e che i tentativi di stabilire la verità a livello di metodologia, applicazione e conclusioni senza una correlazione diretta con i presupposti biblici sottostanti sono destinati all'errore. Neghiamo che la verità possa essere stabilita solo a livello di metodologia, applicazione e conclusioni, senza una correlazione diretta con i presupposti sottostanti, che devono essere biblici.

4. Psicologia. Affermiamo che la psicologia è lo studio del pensiero, del comportamento e delle emozioni dell'essere umano, e di come si relazionano; che la consulenza è l'applicazione diretta della direzione biblica (come norma) ai pensieri, al comportamento e alle emozioni dell'essere umano; e che la psicologia non può essere separata dalla spiritualità. Neghiamo che i pensieri, il comportamento e le emozioni dell'essere umano possano essere compresi o diretti rettamente senza la conoscenza biblica.

5. Eclettismo. Affermiamo che il counseling è inevitabilmente dipendente dalla teoria dell'essere umano (antropologia) creduta dallo psicologo o dal counselor, e che la luce della rivelazione biblica è incompatibile con l'oscurità della conoscenza umana senza rivelazione. Neghiamo, quindi, che psicologia e consulenza debbano essere eclettiche.

6. Metodo scientifico. Affermiamo che il metodo scientifico è utile nell'adempimento del mandato di creazione di Genesi 1:28 per sottomettere e dominare la creazione quando gli investigatori hanno presupposti biblici e quando la Bibbia non ci dà direttamente le risposte che cerchiamo; che l'uso del metodo scientifico è interamente controllato dai presupposti degli investigatori e quindi i risultati sono un pronunciamento di fede piuttosto che di fatto scientifico; e che la natura di fede dei risultati dell'indagine scientifica è evidenziata dall'intento di proselitismo degli investigatori, cioè dal loro tentativo di trasformare l'essere umano nella loro idea di ciò che l'essere umano dovrebbe essere. neghiamo che il metodo scientifico può mai essere applicato in psicologia senza che sia completamente determinato dai presupposti degli investigatori.

7. Lingua. Affermiamo che i problemi umani possono essere adeguatamente compresi, descritti e corretti dal linguaggio, dalle categorie o dai concetti biblici e che l'uso di termini e linguaggi comuni alla psicologia è un'imprecisione pericolosa per la fede biblica e per la salute personale dei pazienti. Neghiamo che le diagnosi psicologiche o mediche siano sufficienti per comprendere, descrivere e correggere i problemi dei pazienti.

8. Integrazione di psicologia e teologia. Affermiamo che l'integrazione (come denota la fusione e l'accordo tra eguali) della psicologia secolare con la rivelazione biblica viola le dottrine dell'inerranza, dell'infallibilità e della sufficienza della Bibbia. Neghiamo che tentare una tale integrazione sia coerente con l'autorità della rivelazione di Dio.

9. Percezione della realtà. Affermiamo che c'è una realtà separata dalla realtà di Dio, e che la realtà è interpretata immediatamente nel campo della psicologia in modo più accurato da un consulente biblico qualificato che sia biblicamente e teologicamente astuto (Ebrei 4:12,13; 5:11-14). Neghiamo che la percezione della realtà o della sua situazione da parte del paziente, a meno che tale percezione non sia Biblicamente accurata, abbia alcuna attinenza con la direzione della consulenza tranne che per essere identificata, esplorata, compresa e corretta dal suo consulente.

Antropologia

10. Composizione dell'essere umano. Affermiamo che Dio ha creato l'essere umano come unità di sostanza immateriale (non fisica) e materiale (fisica) e che la mente (sostanza pensante dell'essere umano) ha origine nella prima e si esprime attraverso la seconda (Genesi 1:26-28 ; 2:7). Neghiamo che l'essere umano sia composto solo di sostanza materiale che limita i suoi pensieri a un "epifenomeno" (Genesi 1,26-28; 2,7).

11. Personalità. Affermiamo che la personalità è sia costante che mutevole, e che gli individui possono cambiare alcuni aspetti della loro personalità. Neghiamo che l'essere umano sia rinchiuso in tratti ed espressioni della personalità distruttivi, che la personalità sia indelebilmente determinata dall'ambiente e che l'essere umano possa cambiare la sua natura peccaminosa a prescindere dalla salvezza in Gesù Cristo.

12. Patto. Affermiamo che la relazione di ogni essere umano con il suo Creatore e con il suo prossimo è quella di un custode dell'alleanza o di un trasgressore dell'alleanza. Neghiamo che l'essere umano possa essere adeguatamente consigliato come individuo al di fuori di queste relazioni.

13. Salute personale. Affermiamo che la perfetta salute personale è stata sperimentata solo da Adamo ed Eva prima del loro peccato e da Gesù Cristo incarnato. Neghiamo che la salute personale perfetta sia possibile per le persone cadute ad eccezione dei credenti in Paradiso.

14. Cause alla radice dei problemi personali. Affermiamo che tutti i problemi personali hanno le loro radici nel peccato di Adamo ed Eva; che i problemi non organici (e anche molti organici) sono immediatamente colpiti dall'egoismo personale e dalla ribellione contro Dio e la sua Legge, e che il freno dell'essere umano contro il peccato peggiore è dovuto principalmente alla grazia comune di Dio e secondariamente alle strutture di governo della coscienza, della famiglia, stato e società. Neghiamo che questi problemi possano essere spiegati interamente su qualsiasi altra base; che gli uomini sono fondamentalmente "buoni" (morali); e che ogni essere umano ha all'interno della propria conoscenza ed energia tutto ciò di cui ha bisogno per risolvere i suoi problemi.

15. Colpa. Affermiamo che ogni persona incorre in una vera colpa ogni volta che viola una legge di Dio (che l'atto sia stato intenzionale o meno o la persona fosse consapevole della legge che ha violato), e anche ogni volta che viola una norma che crede erroneamente essere richiesta da Dio (Romani 14:23). Neghiamo che la vera colpa sia incorsa solo quando una persona viola consapevolmente una legge di Dio.

16. Preoccupazioni primarie. Affermiamo che la più grande preoccupazione dell'essere umano, non solo per questa vita ma anche per l'eternità, dovrebbe essere quella di essere rigenerata dallo Spirito Santo ed essere perdonata attraverso l'opera sacrificale di Gesù Cristo. Neghiamo che qualsiasi altra preoccupazione sia misurabile in confronto e che i consulenti possano evitare di evangelizzare i loro pazienti non salvati.

17. Preoccupazioni secondarie. Affermiamo che la preoccupazione secondaria più importante dell'essere umano è l'obbedienza biblica in ogni ambito della sua vita; che è possibile per lui cambiare, diventando sempre più obbediente alla volontà di Dio rivelata nella Bibbia; e che questo cambiamento è operato dalla potenza dello Spirito Santo insito (Filippesi 2:12,13). Neghiamo che qualsiasi altra direzione per la vita di un credente sia importante quanto l'obbedienza biblica.

18. Scopo. Affermiamo che lo scopo dell'esistenza dell'essere umano è glorificare Dio e conformarsi all'immagine di Gesù Cristo e, su questa base, che il non credente non può realizzare alcuno scopo vero ed eterno per la sua esistenza (Efesini 2:12b; Romani 8:28,29). Neghiamo che qualsiasi altro scopo possa dare il significato alla vita che ogni essere umano deve avere per pensare, agire ed emozionare correttamente.

19. Relazioni. Affermiamo che i problemi personali aumentano quando le esigenze bibliche non vengono soddisfatte nei settori dell'autocontrollo, della famiglia, della Chiesa, dello Stato e delle associazioni di volontariato. Neghiamo che i consulenti debbano mai trascurare un'attenzione particolare e globale a queste aree.

20. Individualità e dipendenza. Affermiamo che Dio ha creato ogni persona per essere in relazione con gli altri a livello sia fisico che spirituale, specialmente all'interno di matrimoni, famiglie, chiese e gruppi di comunione. Neghiamo che qualsiasi persona possa trovare dentro di sé tutto ciò di cui ha bisogno per realizzare le sue piene responsabilità di alleanza.

21. Obiettivo finale della consulenza. Affermiamo che Gesù Cristo è il modello ultimo per la vita cristiana e, quindi, che l'obiettivo finale di tutti i pazienti è quello di conformarsi all'immagine di Cristo (ad eccezione di quegli attributi che sono chiaramente un aspetto del suo scopo come Messia e del suo divino natura). Neghiamo che qualsiasi altro modello o obiettivo possa essere considerato biblico o accettabile dal consigliere cristiano.

Concetti psicologici

22. Malattia mentale. Affermiamo che il termine "malattia mentale" dovrebbe essere limitato a quei problemi che manifestano una chiara origine o causa fisica o fisiologica e che influenzano il pensiero dell'essere umano. Neghiamo che il termine "malattia mentale" debba essere applicato a problemi che hanno chiaramente origine nella mente non fisica e sono stati chiaramente designati dalla Bibbia come peccati - ad esempio, l'omosessualità e l'"alcolismo", quest'ultimo definito biblicamente come ubriachezza.

23. Angeli e demoni. Affermiamo che esistono creature che hanno solo una dimensione spirituale, che alcune servono Dio fedelmente (angeli) e altre sono in attiva ribellione contro Dio (demoni), e che queste ultime possono possedere persone non rigenerate e opprimere o influenzare le persone rigenerate. Neghiamo che il consigliere cristiano possa trascurare la realtà dei demoni, e che i problemi personali, organici o non organici, non siano mai il risultato dell'influenza o della possessione dei demoni.

24. Amore ed etica situazionale. Affermiamo che l'amore è il sacrificio di sé di una persona per un'altra, esemplificato al meglio dall'amore di Dio attraverso Gesù Cristo, e che mentre l'amore va oltre la Legge, deve sempre essere coerente e diretto con la Legge e il principio biblici. Neghiamo che l'amore sia la stessa cosa della misericordia e della gentilezza, e che l'amore sia determinato da situazioni senza una direzione specifica dalla Legge e dal principio biblici.

25. Amore per se stessi. Affermiamo che Gesù ha usato l'amore di sé come uno standard di intensità con cui dobbiamo amare gli altri, non come un comando per amare noi stessi, e che la Bibbia insegna che la preoccupazione per l'amore per gli altri è il mezzo per la realizzazione di sé. Neghiamo che l'amor proprio sia un obiettivo biblico diverso da quei doveri che promuovono la santificazione, come lo studio della Bibbia, la preghiera, la frequenza alla chiesa e le attività che promuovono la salute fisica.

26. Immagine di sé. Affermiamo che l'unica applicazione corretta dell'immagine di sé nella consulenza è quella di fare una valutazione accurata del pensiero e del comportamento del paziente e di fornire un'ulteriore comprensione di ciò che deve essere cambiato. Neghiamo che qualsiasi caratteristica o risultato positivo che è accreditato a se stessi e non direttamente e consapevolmente alla grazia o alla misericordia di Dio darà a qualcuno una crescita vera o sostenuta.

27. Problemi emotivi. Affermiamo che i disturbi emotivi derivano dai pensieri, dal comportamento, dallo stato fisico o da una combinazione di questi. Neghiamo che i disturbi emotivi possano essere influenzati direttamente senza una correzione biblica o medica delle cause primarie.

Famiglia

28. Famiglia e salute personale. Affermiamo che il matrimonio di un essere umano e una donna e la loro procreazione di figli (ove fisicamente possibile) è essenziale per la salute personale degli individui, fatta eccezione per quei cristiani chiamati al celibato (Matteo 19; 1 Corinzi 7; Genesi 2:18). Neghiamo che gli individui non chiamati da Dio al celibato siano altrimenti completi in se stessi e che i matrimoni omosessuali, multipli o temporanei siano mai approvati da Dio.

29. Consulenza familiare. Affermiamo che i problemi all'interno delle relazioni familiari spesso richiedono che tutti i membri interessati siano consigliati insieme. Neghiamo che coloro che hanno problemi familiari normalmente dovrebbero essere consigliati individualmente a meno che gli altri membri non si rifiutino di venire o che una consulenza supplementare possa aiutare.

Il soprannaturale

30. Preghiera. Affermiamo che la preghiera del consulente sia all'interno delle sessioni di consulenza che in altri momenti è essenziale per il processo di consulenza e che il consulente deve pregare come un'applicazione della consulenza biblica. Neghiamo che i consulenti cristiani debbano mai omettere la preghiera come parte ed esterna alla consulenza biblica.

31. Pratiche New Age: modalità psichiche. Affermiamo che l'uso di qualsiasi mezzo psichico o soprannaturale nella consulenza, diverso dalla preghiera a Dio secondo le istruzioni bibliche, è una pericolosa esposizione a poteri occulti e satanici (Deuteronomio 18:10-12; Isaia 8:19; Matteo 24:24 ; Apocalisse 9:21; 21:8). Neghiamo che le capacità psichiche, lo spiritismo, la divinazione, le energie vitali e altri processi paranormali abbiano alcun posto nella consulenza (Deuteronomio 18:10-12; Isaia 8:19; Matteo 24:24; Apocalisse 9:21; 21:8).

32. Pratica New Age: meditazione. Affermiamo che la meditazione cosciente e razionale sugli attributi di Dio e sul contenuto biblico è una pratica necessaria per tutti i cristiani (Giosuè 1:8; Salmo 1:2; 19:7; 119:50). Neghiamo che la meditazione trascendentale o qualsiasi altro tipo, le droghe che alterano i normali schemi di pensiero o stati di coscienza e l'ipnosi abbiano alcun posto nella psicologia o nella consulenza (Galati 5:23; Efesini 5:18; 2 Timoteo 1:7).

La pratica del counseling

33. Praticità. Affermiamo che la Bibbia fornisce indicazioni pratiche specifiche per il proprio rapporto con Dio, gli altri e se stessi, e che tutto ciò che non è specificamente menzionato può essere trattato con i principi biblici correttamente applicati alle questioni per deduzione. Neghiamo che qualsiasi conoscenza derivata al di fuori della Bibbia sia necessaria al consulente per completare il suo compito di affrontare problemi non basati su basi organiche, sebbene possa essere di valore supplementare.

34. Superficialità. Affermiamo che il processo di consulenza deve essere approfondito nella sua indagine sui pensieri, il comportamento, la situazione, le emozioni e lo stato fisico del paziente e che i risultati devono portare a una direzione pratica nell'affrontare queste aree e le loro interrelazioni. Neghiamo che un approccio superficiale, meccanico, in contrasto con un approccio completo, sia efficace o biblico.

35. Qualifiche di un consigliere cristiano. Affermiamo che il cristiano che opera formalmente come consigliere deve avere una conoscenza approfondita e saper applicare praticamente la Bibbia; che deve essere ordinato o altrimenti riconosciuto dalla Chiesa come avente quei doni spirituali che sono necessari per il consiglio; che deve rendere conto direttamente al corpo direttivo di una chiesa; e che tale consulenza è un ministero della Parola. Affermiamo anche che i cristiani che soddisfano gli standard di cui sopra possono agire in situazioni che sono principalmente secolari per presentare la vera risposta (il vangelo di Gesù Cristo) ai problemi delle persone. Neghiamo che il consigliere cristiano che fallisce in uno qualsiasi di questi standard è completamente obbediente alla Parola di Dio.

36. Disciplina della Chiesa. Affermiamo che i vari passaggi della disciplina della chiesa sono necessari per i consulenti cristiani che non si pentono; che la disciplina inizia la correzione biblica definita per la loro vita; e che l'appartenenza a una chiesa che pratica la disciplina della chiesa è necessaria per tutti i cristiani. Neghiamo che qualsiasi consulente abbia tutte le risorse per il cambiamento biblico se la disciplina della chiesa non è disponibile per i consulenti impenitenti.

37. Sofferenza. Affermiamo che i cristiani sperimentano comunemente prove e tentazioni (a volte gravi o derivanti dall'azione di Satana), che Dio usa per promuovere la Sua gloria e aumentare la santità di colui che è coinvolto (Romani 8:28; 1 ​​Corinzi 10:13; Giacomo 1:2 -4). Neghiamo che i cristiani possano aspettarsi una vita libera da prove e tentazioni; che Satana è sempre fuori dal controllo di Dio; e quel consiglio che ignora questa verità è biblico al suo interno.

38. Riservatezza. Affermiamo che l'autorità biblica all'interno della famiglia, della chiesa e dello stato può sostituire la riservatezza dei consiglieri, ma che dovrebbe essere mantenuta una stretta riservatezza quando non è in conflitto con i mandati biblici. Neghiamo che la riservatezza assoluta sia un requisito per la consulenza.

Una chiamata all'azione in psicologia e consulenza

Azioni generali

A causa delle precedenti convinzioni, invitiamo tutti gli uomini e le donne che nominano Cristo come loro personale Salvatore e Signore ad unirsi a noi in:

1. esaminando seriamente queste affermazioni e smentite alla luce della Parola di Dio per vedere se sono vere, e informandoci direttamente di quei punti in cui credono che ci siamo allontanati dalla Scrittura o dalla logica;

2. riesaminare la nostra psicologia e consigliare teorie e pratiche e chiedere a Dio di mostrarci dove stiamo fallendo;

3. pentirsi di tutti i peccati conosciuti, confessandoli e abbandonandoli, chiedendo perdono sia a Dio stesso che a tutti coloro che sono stati offesi, e poi facendo ogni possibile restituzione;

4. pregare che Dio riempia tutto il Suo popolo con il potere abilitante dello Spirito Santo in modo che possiamo portare le nostre vite personali e le nostre teorie e pratiche di psicologia e consulenza in una più stretta conformità alla Sua volontà rivelata su una base permanente e coerente;

5. cercare una guida dai nostri fratelli e dalle autorità ecclesiastiche locali su come possiamo sostenerci e influenzarci a vicenda per rendere la nostra psicologia e le nostre pratiche di consulenza glorificando Dio.

Avendo affrontato i nostri peccati e fallimenti personali e rendendoci responsabili nei confronti della Bibbia e dei fratelli, ora ci impegniamo a:

1. influenzare eventuali cristiani conosciuti o associazioni cristiane con cui lavoriamo a considerare seriamente le nostre affermazioni e smentite con l'obiettivo di arruolare le loro risposte;

2. influenzare coloro che nel campo della psicologia e del counselling sono d'accordo con le nostre affermazioni e smentite ad attuare queste proposte nel loro lavoro;

3. mobilitare e mettere in rete le risorse cristiane e lavorare di concerto con le altre sfere professionali sia all'interno che all'esterno del COR, per vedere mutato il comportamento del Corpo di Cristo e della nostra Nazione per avvicinarsi più da vicino alla visione della realtà e della morale che ci viene presentata nella Sacre Scritture.

Azioni specifiche

A tal fine, ci impegniamo a intraprendere o ad aiutare gli altri a intraprendere le seguenti azioni specifiche:

1. Coloro che hanno potere istituzionale e finanziario all'interno delle strutture organizzative di collegi e seminari devono immediatamente fare il possibile per allineare i dipartimenti di psicologia e consulenza della loro scuola alla visione biblica dell'essere umano, degli assoluti morali e della realtà in generale.

2. Deve aver luogo un esame approfondito e massiccio dei dipartimenti di psicologia cristiana per vedere se tali dipartimenti consentono all'insegnamento del freudismo, del rogerianesimo, dello skinnerismo e di altre teorie antibibliche di sopraffare la visione dell'essere umano, della morale e della realtà insegnata dalla Bibbia. In tal caso, i passi per sostituire i professori non biblici con professori impegnati nella visione biblica dell'essere umano, della morale e della realtà dovrebbero essere intrapresi con rapidità per amore dell'integrità biblica di quelle istituzioni cristiane e della prossima generazione di cristiani. Sebbene questa azione possa essere dolorosa, imbarazzante e disordinata, è l'unica opzione onesta aperta alle scuole che pretendono di educare sulla base della visione dell'essere umano, della morale e della realtà fondata su una Bibbia infallibile.

3. Deve essere creato un elenco di domande che gli amministratori, gli amministratori, gli ex studenti, i donatori, i comitati di ricerca pastorale e i potenziali studenti possano utilizzare per condurre i propri colloqui personali o scritti con il personale in arrivo o con professori di psicologia e consulenza e potenziali membri del personale pastorale per vedere se mantengono e insegnano una visione del mondo biblica. Suggeriamo che questo sondaggio psicologico sia dato in concomitanza con il sondaggio di 20 domande della Coalition on Revival dell'inerranza biblica. Spesso un rifiuto della dottrina dell'inerranza biblica precede il rifiuto di una psicologia dell'essere umano biblicamente sana. Quei professori che si dedicano alla Bibbia e alla sua visione dell'essere umano, della morale e della realtà accoglieranno con favore una simile indagine sulla loro visione del mondo e saranno grati che i loro elettori cristiani si preoccupino abbastanza di scoprire cosa stanno realmente insegnando.

4. Occorre istituire un'agenzia di collocamento indipendente e interconfessionale e un servizio di valutazione per psicologi e consulenti biblici. Questa agenzia potrebbe testare l'integrità biblica dei professori di psicologia e dei consulenti della chiesa e offrire una stampa computerizzata di quegli psicologi che sono impegnati in una vera psicologia biblica e sono in cerca di lavoro.

5. È nostra ferma convinzione che le persone legate a qualsiasi collegio o seminario cristiano abbiano il diritto - anzi, la responsabilità davanti a Dio - di tenere un occhio vigile, amorevolmente ma senza esitazione, sull'integrità biblica delle proprie istituzioni cristiane per prendere fermamente, passi deliberati per correggere l'insegnamento antibiblico ovunque si verifichi.

6. È necessario creare una nuova rivista nazionale che serva come versione biblicamente ortodossa di Psychology Today per psicologi e consulenti cristiani. La Coalition on Revival è pronta ad assistere coloro che desiderano istituire un organo tanto necessario per il dialogo e la condivisione della ricerca.

7. Una bibliografia di libri di testo di psicologia e consulenza e materiali di formazione basati su una Bibbia infallibile deve essere creata come risorsa e guida per quegli studenti e insegnanti che desiderano contrastare i presupposti antibiblici che hanno permeato gran parte dell'odierna psicologia "cristiana".

Mr. George C. Scipione, Th.M., MA, Presidente • Dr. Lawrence Crabb, Ph.D., Co-Chairman • Dr. Ed Payne, MD, Co-Chairman • Con i contributi dei membri della Psicologia e del Counseling Committee of The Coalition on Revival • Dr. Jay Grimstead, D.Min., General Editor • Mr. E. Calvin Beisner, MA, Assistant to the General Editor. La visione del mondo cristiano della psicologia e del counseling. Copyright 1986, The Coalition on Revival, Inc. Tutti i diritti riservati. The Coalition on Revival, Inc., PO Box 1139, Murphys, California 95247