Istruzioni e Dichiarazioni/Scienza e tecnologia

Da Tempo di Riforma Wiki.

Ritorno


Scienza e tecnologia secondo la visione cristiana del mondo e della vita

PREFAZIONE

Il mondo e i suoi abitanti sono stati creati in modo soprannaturale in uno stato di perfezione da Dio Creatore, trascendente e personale (Genesi 1,2). A causa del peccato volontario del primo essere umano, Adamo, l'umanità cadde e la creazione fu successivamente maledetta da Dio (Genesi 3). Quindi, sia l'essere umano che l'universo esistono fino ad oggi soggetti ad una legge di morte e decadimento (Romani 8:20,21). Tuttavia, Dio provvidenzialmente e amorevolmente sostiene entrambi. In risposta ai comandi di Dio di sottomettere la terra e di esercitare il dominio sulla creazione (Genesi 1:28), l'essere umano ha sviluppato la scienza e la tecnologia. La scienza è il tentativo dell'essere umano di osservare, comprendere e spiegare il funzionamento dell'universo e di ciò che esso contiene. La tecnologia è l'uso della conoscenza acquisita dalla ricerca scientifica per il beneficio pratico dell'umanità, portando porzioni dell'universo sotto il suo controllo. Per comprendere veramente l'universo creato e utilizzare adeguatamente le conoscenze acquisite dalla ricerca scientifica, l'essere umano deve perseguire la scienza e la tecnologia alla luce della Parola di Dio. A causa della Caduta, e poiché la maggior parte degli uomini ignora o sceglie di disobbedire alla rivelazione che Dio ha dato nella Bibbia, gli uomini caduti inevitabilmente arrivano a visioni divergenti dell'origine e del funzionamento dell'universo. Solo con uno studio diligente della Bibbia l'essere umano può arrivare a una vera comprensione dell'origine, dello scopo, della natura e del comportamento di se stesso e dell'universo.

Dichiarazioni di affermazione e negazione

Fondamenti filosofici

1. Affermiamo che i cristiani devono obbedire a una visione del mondo e della vita centrate sulla Bibbia nella loro comprensione, sviluppo e applicazione della scienza e della tecnologia (Colossesi 2:3). Neghiamo che la comprensione e l'applicazione della scienza e della tecnologia siano moralmente neutre e quindi non influenzate dalla propria visione del mondo e della vita (Genesi 6:5; 1 Timoteo 6:20-21).

2. Affermiamo che c'è un'unica verità, la verità di Dio, rivelata sia nella sua rivelazione scritta, la Bibbia, sia nella natura, il suo universo creato (Salmo 19:1-11). Neghiamo che ci siano conflitti o contraddizioni reali tra la Parola di Dio, la Bibbia, e le verità rivelate nella natura (Giovanni 3:12).

3. Affermiamo che Dio ha dato potere e comandato all'essere umano di studiare, comprendere ed esercitare il dominio sulla Sua creazione (Genesi 1:28; Tito 1:7). Neghiamo che ci sia qualcosa di intrinsecamente malvagio nella natura dell'universo fisico o nella scienza e nella tecnologia (Genesi 1:31).

4. Affermiamo che l'essere umano è un amministratore di tutta la creazione di Dio e come tale è responsabile nei suoi confronti sia della conservazione che dell'uso produttivo di tutte le risorse del mondo a beneficio dell'essere umano e della gloria di Dio (Genesi 1:28) . Neghiamo che l'inquinamento e la cattiva gestione delle risorse siano risultati necessari del tentativo dell'essere umano di obbedire al comando di Dio di sottomettere la terra e dominarla (Apocalisse 11:18).

5. Affermiamo che solo Gesù Cristo è il Salvatore del mondo (Giovanni 14:6). Neghiamo che possiamo salvarci attraverso la scienza o la tecnologia o attraverso qualsiasi altra impresa umana (Atti 4:12; Tito 3:5; 2 Pietro 3:10).

6. Affermiamo che Dio è trascendente al di là, immanente e sostenitore della Sua creazione (Colossesi 1:15-17; Ebrei 1:3). Neghiamo che Dio sia in qualche modo sinonimo di natura, e che la natura sia autosufficiente (Ebrei 11:3; Salmo 33:6).

Creazione e leggi naturali

7. Affermiamo che le leggi ei processi naturali ora operanti nell'universo sono stati creati da Dio e sono scopribili dall'essere umano (Geremia 27:5; Neemia 9:6). Neghiamo che Dio sia vincolato dalle leggi naturali che ha creato e che i miracoli non si verifichino o non possono verificarsi (Geremia 32:17,27; Matteo 19:26).

8. Affermiamo che molti attributi di Dio sono chiaramente distinguibili nelle cose che Egli ha creato, tanto che coloro che negano o dubitano della Sua esistenza, del Suo potere o della Sua creazione sono senza scusanti (Romani 1:18-20). Neghiamo che il l'origine e il funzionamento dell'universo siano risultati esclusivamente di proprietà inerenti alla materia e all'energia (Atti 17:28; 2 Pietro 3:7).

9. Affermiamo che l'universo fisico di spazio, tempo, materia ed energia non è sempre esistito, ma è stato portato all'esistenza da un Dio Creatore personale e trascendente attraverso un atto di creazione che utilizza processi speciali non ora in funzione (Genesi 2:1-3; Ebrei 4:4). Neghiamo che materia ed energia siano sempre esistite, e che l'universo sia stato portato all'esistenza da un qualche processo evolutivo naturale, sia dal cosiddetto Big Bang sia da qualsiasi altro meccanismo ipotizzato dalla mente umana (Genesi 1:14-19; Geremia 10:12).

Origine della vita

10. Affermiamo che ogni forma di vita biologica è stata creata in modo speciale e soprannaturale da Dio come un tipo definito, e che tutte le variazioni naturali nelle forme di vita sono state e sono limitate a variazioni all'interno di quel tipo (Genesi 1:11,12,21,24 ,25; 1 Corinzi 15:38,39). Neghiamo che la vita sia sorta dalla non-vita attraverso qualsiasi processo evolutivo e che i vari tipi fondamentali di piante e animali siano sorti da un antenato comune (Salmo 104:30; Atti 17:25).

11. Affermiamo che Adamo ed Eva furono appositamente creati da Dio e furono i primi esseri umani, da cui tutti gli altri uomini discendono direttamente (Genesi 1:27; 2:7,22; Atti 17:26; 1 Corinzi 15:45 ). Neghiamo che l'umanità sia sorta da antenati scimmieschi attraverso qualsiasi processo evolutivo, e che Adamo ed Eva fossero figurativi e quindi semplicemente simbolici di una specie umana che si era evoluta da forme animali inferiori (Marco 10:6; 1 Corinzi 15:47).

Scienza e storia biblica

12. Affermiamo che il racconto biblico della storia in Genesi 1-11 (compresa la creazione dell'universo e dei suoi abitanti nei sei giorni della Settimana della Creazione, la caduta dell'essere umano, il diluvio universale del tempo di Noè e l'origine della lingue e la dispersione dell'umanità dalla Torre di Babele) è un resoconto accurato e storico (Giovanni 3:12; Atti 17:26). Neghiamo che i contenuti di Genesi 1-11 siano stati registrati solo per dare un messaggio spirituale e siano privi di contenuto storico.

Il diluvio, la geologia e l'età della terra

13. Affermiamo che il diluvio della Genesi fu una catastrofe mondiale che inghiottì il mondo intero che esisteva allora e distrusse tutte le creature che dimorano sulla terra e che respiravano, eccetto quelle sull'arca di Noè (Genesi 7:22; Luca 17:26) . Neghiamo che il diluvio della Genesi sia stata una catastrofe locale di portata ed effetto limitati (Genesi 7:18-20).

14. Affermiamo che la maggior parte delle rocce sedimentarie e dei fossili in esse contenuti potrebbero essersi depositati durante e, in misura minore, dopo il diluvio dei tempi di Noè (2 Pietro 3:6; Genesi 7:11). Neghiamo che le rocce sedimentarie e i fossili in esse contenuti dimostrino uno sviluppo evolutivo attraverso eoni di tempo.

15. Affermiamo che le storie genealogiche riportate nella Bibbia, così come molti orologi fisici, indicano che la terra è giovane. Neghiamo che la storia biblica ei processi fisici verificabili empiricamente stabiliscano un'età della terra o dell'universo dell'ordine di miliardi di anni (Luca 3:23-38).

Maledizione, decadenza e redenzione

16. Affermiamo che sia l'universo che la vita sono stati compromessi in modo tale che malattia, morte, estinzioni, imperfezioni nella struttura e altri fenomeni simili sono il risultato di cambiamenti nelle proprietà e nei processi decretati da Dio su un universo originariamente perfetto a causa del peccato e la caduta dell'essere umano (Genesi 3:14-19; 1 Pietro 1:24-25; Ebrei 1:10-12). Neghiamo che l'universo ei sistemi biologici stiano diventando più ordinati o migliorati nel tempo come risultato di processi naturali (Isaia 40:7,8; Salmo 102:25-27).

17. Affermiamo che Dio controlla il destino dell'essere umano e dell'universo e ha provveduto alla loro redenzione e ripristino a uno stato di perfezione (Efesini 1:10; Apocalisse 22:3). Neghiamo che l'universo stia procedendo inesorabilmente verso uno stato finale in cui ogni attività e vita cesseranno a causa di processi naturali irreversibili (Romani 8:21; Apocalisse 21:4).

Significato e tecnologia

18. Affermiamo che il significato e lo scopo ultimi esistono sia per l'essere umano che per l'universo e sono rivelati nella Bibbia, e, quindi, che le considerazioni teleologiche sono appropriate agli studi scientifici (Salmo 19:1; Romani 8:28). Neghiamo che l'essere umano e l'universo siano senza significato o scopo, e che l'essere umano possa stabilire o dichiarare da sé il proprio significato, significato o scopo (Romani 9:20; 11:33).

Scienza, tecnologia e difesa nazionale

19. Affermiamo che, poiché in qualsiasi momento ci può essere richiesto di ricorrere alla difesa militare per preservare la nostra vita e la nostra libertà, è accettabile e appropriato per un cristiano utilizzare la scienza e la tecnologia per sviluppare sistemi d'arma essenziali per la difesa del suo paese. Neghiamo che sia peccato per un cristiano usare il suo talento e i suoi sforzi nello sviluppo di sistemi per la difesa del suo paese.

Un invito all'azione nella scienza e nella tecnologia

Azioni generali

A causa delle precedenti convinzioni, invitiamo tutti gli uomini e le donne che nominano Cristo come loro personale Salvatore e Signore ad unirsi a noi in:

1. esaminando seriamente queste affermazioni e smentite alla luce della Parola di Dio per vedere se sono vere, e informandoci direttamente di quei punti in cui credono che ci siamo allontanati dalla Scrittura o dalla logica;

2. riesaminare le nostre teorie e pratiche scientifiche e tecnologiche e chiedere a Dio di mostrarci dove stiamo fallendo;

3. pentirsi di tutti i peccati conosciuti, confessandoli e abbandonandoli, chiedendo perdono sia a Dio stesso che a tutti coloro che sono stati offesi, e poi facendo ogni possibile restituzione;

4. pregare che Dio riempia tutto il Suo popolo con la potenza abilitante dello Spirito Santo affinché possiamo portare le nostre vite personali e le nostre teorie e pratiche scientifiche e tecnologiche in una più stretta conformità alla Sua volontà rivelata su una base permanente e coerente;

5. cercare una guida dai nostri fratelli e dalle autorità ecclesiastiche locali su come possiamo sostenerci e influenzarci a vicenda per rendere le nostre pratiche scientifiche e tecnologiche glorificando Dio.

Avendo affrontato i nostri peccati e fallimenti personali e rendendoci responsabili nei confronti della Bibbia e dei fratelli, ora ci impegniamo a:

1. influenzare eventuali cristiani conosciuti o associazioni cristiane con cui lavoriamo a considerare seriamente le nostre affermazioni e smentite con l'obiettivo di arruolare le loro risposte;

2. influenzare coloro che nel campo della scienza e della tecnologia sono d'accordo con le nostre affermazioni e smentite ad attuare queste proposte nel loro lavoro;

3. mobilitare e mettere in rete le nostre risorse cristiane e lavorare di concerto con le altre sfere professionali sia all'interno che all'esterno del COR, per vedere la percezione e la consapevolezza pubblica della scienza e della tecnologia e del comportamento del Corpo di Cristo, delle comunità scientifiche e tecnologiche e dei nostri nazione cambiata per avvicinarsi più da vicino alla visione della realtà e della morale presentataci nelle Sacre Scritture.

Azioni specifiche

A tal fine, ci impegniamo a:

1. influenzare coloro che operano nel campo della scienza e della tecnologia a considerare seriamente le affermazioni della Scrittura per il proprio bene e successo;

2. fare uno sforzo specifico all'interno dell'istruzione pubblica per conformare il curriculum di scienze alla verità (Scrittura) e rifiutare l'umanesimo, l'evoluzione e l'ateismo nella scienza;

3. facendo uno sforzo simile tra le scuole e i college evangelici nel tentativo di esorcizzare dai loro curricula scientifici forme e presupposti di pensiero umanistici, evoluzionistici e atei palesi e sottili;

4. condurre le nostre attività professionali, compresa la ricerca, la pubblicazione e i discorsi pubblici, coerentemente e a sostegno della Parola di Dio;

5. approfittare di tutte le opportunità per presentare la visione del mondo cristiano ai nostri colleghi in contesti sia cristiani che secolari;

6. offrire seminari di formazione per insegnanti di scienze in cui possano essere aggiornati e riqualificati, se necessario, in una visione più coerente del mondo biblico e scientifico delle origini, e offrire questi seminari per crediti di laurea e di laurea.

Dr. Duane T. Gish, Ph.D., Presidente • Mr. Arthur C. Cunningham, Co-Chairman • Con i contributi dei membri del Science and Technology Committee di The Coalition on Revival • Dr. Jay Grimstead, D.Min. , Direttore Generale • Sig. E. Calvin Beisner, MA, Assistente del Direttore Generale. La visione cristiana della scienza e della tecnologia. Copyright 1986, The Coalition on Revival, Inc. Tutti i diritti riservati. • The Coalition on Revival, Inc. • Casella postale 1139 • Murphys, California 95247