Letteratura/Conforto del cristiano/La disciplina del Signore II

Ritorno


Il Conforto del Cristiano, di A. W. Pink, cap. 8

La disciplina del Signore (II)

«Figliuol mio, non far poca stima della disciplina del Signore, e non ti perder d'animo quando sei da lui ripreso» (Ebrei 12:5).

Non ogni castigo è considerato santo da chi lo riceve. Alcuni quando lo ricevono si induriscono, altri ne sono schiacciati. Molto dipende dallo spirito con cui si ricevono le afflizioni. Non c'è virtù nelle prove e nelle difficoltà in sé stesse: è solo quando sono benedette da Dio che il cristiano ne trae profitto. Come Ebrei 12:11 ci dice: “ogni disciplina sembra, è vero, per il presente non esser causa d'allegrezza, ma di tristezza; però rende poi un pacifico frutto di giustizia a quelli che sono stati per essa esercitati”. Una coscienza sensibile e un cuore tenero sono le aggiunte necessarie. Nel nostro testo il cristiano è messo in guardia contro due pericoli del tutto diversi: non disprezzare, non disperare. Questi sono due estremi contro i quali è sempre necessario stare attenti. Proprio come ogni verità della Scrittura ha la sua controparte che a equilibra, così ogni male ha il suo opposto. Da una parte c'è uno spirito altezzoso che ride delle vergate, una volontà ostinata che rifiuta di esserne umiliata. D'altra parte, c'è un perdersi d’animo che sprofonda completamente sotto di esso e lascia il posto alla disperazione. Spurgeon disse: "La via della rettitudine è un passaggio difficile tra due montagne di errori, e il grande segreto della vita del cristiano è di serpeggiare lungo la stretta valle".

I. Far poca stima delle vergate ricevute. Ci sono molti modi in cui i cristiani possono "far poca stima” dei castighi di Dio. Ne ricordiamo quattro:

1. Con l’insensibilità. Essere stoici è politica di saggezza carnale: sfruttare al meglio un cattivo lavoro. L'uomo di mondo non conosce un piano migliore che stringere i denti e sfidare le cose. Non avendo un consolatore, un consigliere o un medico divino, deve fare affidamento sulle sue stesse povere risorse. È inesprimibilmente triste quando vediamo un figlio di Dio comportarsi come fa un figlio del Diavolo. Per un cristiano sfidare le avversità significa "far poca stima" del castigo. Invece di indurirsi per sopportare stoicamente, dovrebbe esserci “uno scioglimento del cuore.

2. MormorandoQuesto è ciò che fecero gli Ebrei nel deserto; e nel campo d'Israele ci sono ancora molti guerrieri. Un po' di malattia, e diventiamo così arrabbiati che i nostri amici hanno paura di avvicinarsi a noi. Qualche giorno a letto, e ci agitiamo e fumiamo come un toro non abituato al giogo. Chiediamo stizzosamente, perché questa afflizione? Cosa ho fatto per meritarlo? Ci guardiamo intorno con occhi invidiosi e siamo scontenti perché gli altri stanno portando un carico più leggero. Attento, mio lettore: è difficile con i mormoratori. Dio castiga sempre due volte se non siamo umiliati la prima volta. Ricorda a te stesso quante scorie ci sono ancora tra l'oro. Guarda le corruzioni del tuo cuore e meravigliati che Dio non ti abbia colpito due volte più gravemente. "Figliuol mio, non far poca stima della disciplina del Signore".

3. Criticando. Quante volte mettiamo in dubbio l'utilità del castigo. Come cristiani, sembra che abbiamo poco più buon senso spirituale di quanto avessimo la saggezza naturale da bambini. Da ragazzi pensavamo che la canna fosse la cosa meno necessaria in casa. È così con i figli di Dio. Quando le cose vanno come ci piace, quando viene elargita qualche inaspettata benedizione temporale, non abbiamo difficoltà ad attribuire tutto a una gentile Provvidenza. Ma quando i nostri piani vengono vanificati, quando le perdite sono nostre, è molto diverso. Eppure, non è scritto: "Io formo la luce, creo le tenebre, do il benessere, creo l'avversità; io, l'Eterno, sono quegli che fa tutte queste cose" (Isaia 45:7)? Quante volte la cosa formata è pronta a lamentarsi: "Perché mi hai fatto così?" Diciamo che non vedo come questo possa giovare alla mia anima. Se avessi una salute migliore potrei frequentare la chiesa più frequentemente! Se mi fossero state risparmiate quelle perdite negli affari, avrei più soldi per l'opera del Signore! Che cosa può venire di buono da questa calamità? Come Giacobbe, esclamiamo: "Tutte queste cose sono contro di me. Che cos'è questo se non "far poca stima" delle vergate? La tua ignoranza sfiderà la sapienza di Dio? La tua miopia destituirà l'onniscienza?

4. Con la negligenza.Così tanti non riescono a riparare la loro condotta. L'esortazione del nostro testo è molto necessaria per tutti noi. Ci sono molti che hanno "fatto poca stima" della verga, e di conseguenza non ne hanno tratto profitto. Molti cristiani sono stati corretti da Dio, ma invano. Sono arrivate malattie, rovesci, lutti, ma non sono stati santificati dall'auto-esame orante. Oh fratelli e sorelle, fate attenzione. Se Dio ti corregge "considerate le vostre vie (Aggeo 1:5),"Considera attentamente il sentiero de' tuoi piedi, E siano raddrizzate tutte le tue vie" (Proverbi 4:26 Diodati). Stai certo che c'è qualche ragione per il castigo. Molti cristiani non sarebbero stati punito per metà così severamente se ne avessero diligentemente chiesto la causa.

II. Perdersi d’animo. Non bisogna cedere alla disperazione sotto di essa. Ci sono almeno tre modi in cui il cristiano può perdersi d’animo sotto i rimproveri del Signore:

1. Quando rinuncia a ogni sforzo. Questo viene fatto quando sprofondiamo nello sconforto. Il colpito conclude che è più di quanto possa possibilmente sopportare. Il suo cuore gli viene meno; l'oscurità lo inghiotte; il sole della speranza è eclissato e la voce del ringraziamento tace. "Perdersi d’animo" significa renderci inadatti all'adempimento dei nostri doveri. Quando una persona si perde d’animo si blocca, è resa immobile. Quanti cristiani sono pronti a rinunciare completamente alla lotta quando le avversità entrano nella loro vita. Quanti sono resi abbastanza inerti quando arrivano i guai. Quanti, con il loro atteggiamento, dicono che la mano di Dio è pesante su di me: non posso fare nulla. Ah, carissimi, «Or, fratelli, non vogliamo che siate in ignoranza circa quelli che dormono, affinché non siate contristati come gli altri che non hanno speranza» (1 Tessalonicesi 4:13). «Non perderti d’animo quando sei rimproverato da Lui». Vai al Signore a questo riguardo: riconosci in essa la Sua mano. Ricorda che le tue afflizioni sono tra "tutte le cose" che operano insieme per il bene.

2. Quando mette in dubbio il suo essere figlio. Non sono pochi i cristiani che, quando la verga cade su di loro, concludono che dopotutto non sono figli di Dio. Dimenticano che sta scritto: "Molte sono le afflizioni del giusto” (Salmi 34:19), e che "dobbiamo entrare nel regno di Dio attraverso molte tribolazioni" (Atti 14:22). Si dice: "Ma se io se fosse suo figlio non sarei in questa povertà, miseria, dolore." Ascolta il versetto 8: "Che se siete senza quella disciplina della quale tutti hanno avuto la loro parte, siete dunque bastardi, e non figliuoli". Imparate, quindi, a guardare nelle prove come prove dell'amore di Dio che ti purga, pota, purifica. Il padre di famiglia non si preoccupa molto di coloro che sono fuori casa: sono in loro che custodisce e guida, nutre e si conforma ai suoi volontà. Così è con Dio.

3. Quando si dispera. Alcuni assecondano la fantasia di non uscire mai dai loro guai. Uno dice: ho pregato e pregato, ma le nuvole non si sono alzate. Allora confortati con questa riflessione: è sempre l'ora più buia che precede l'alba. Perciò, "venir meno" quando sei rimproverato da Lui. Ma, dice un altro, ho implorato la sua promessa, e le cose non vanno meglio. Ho pensato che avesse liberato coloro che lo invocavano; Ho chiamato e non ha risposto e temo che non lo farà mai. Che? Figlio di Dio, parlare così di tuo Padre! Dici che non smetterà mai di picchiare perché ha colpito così a lungo. Piuttosto dire che ora ha colpito così a lungo che presto devo essere liberato. Non disprezzare: non venir meno. Possa la grazia divina preservare sia lo scrittore che il lettore da entrambi questi estremi peccaminosi.