Letteratura/Il Regno del Signore/28

Da Tempo di Riforma Wiki.


Indice generale

Il regno del Signore: Gesù Cristo su tutte le cose

Introduzione - Prefazione - 01 - 02 - 03 - 04 - 05 - 06 - 07 - 08 - 09 - 10 - 11 - 12 - 13 - 14 - 15 - 16 - 17 - 18 - 19 - 20 - 21 - 22 - 23 - 24 - 25 - 26 - 27 - 28 - 29 - 30 - 31 - 32 [

Abraham Kuyper sullo stato regale di Cristo

Guillaume Groen van Prinsterer (1801–1876) scrisse una radicale critica calvinista del movimento rivoluzionario francese nella sua opera Unbelief and Revolution (1847). Per un periodo ha agito da segretario di Guglielmo II dei Paesi Bassi. Non fu disimpegnato politicamente, ma assunse un ruolo di primo piano nella politica olandese, diventando alla fine il leader del Partito anti-rivoluzionario, servendo nella seconda Camera del Parlamento.

Il successore spirituale di Groen fu Abraham Kuyper (1837-1920), uno dei più grandi formulatori di una visione globale per un concetto cristiano e riformato della vita personale, accademica, sociale e politica. I suoi scritti e la sua influenza hanno avuto una grande ripercussione nel Partito Anti-rivoluzionario (ARP) dalla sua fondazione nel 1879 alla morte di Kuyper nel 1920. Sebbene pastore e professore di teologia, ha servito come membro del Parlamento e poi come Primo Ministro dei Paesi Bassi, 1901–1904. Quando Kuyper tenne le sue Stone Lectures sul calvinismo al Princeton Seminary nel 1898, la sua versione moderna di una visione del mondo riformata fu formulata in quello che è stato chiamato “neo-calvinismo”. Kuyper scrisse:

Il Calvinismo è radicato in una sua peculiare forma di religione, e da questa sua consapevolezza religiosa si sviluppò innanzitutto una peculiare teologia, poi una precisa struttura di governo della chiesa e, infine, una una specifica impostazione riguardante la vita politica e sociale, l'interpretazione dell'ordine morale del mondo, la relazione esistente fra natura e grazia, fra cristianesimo e mondo, fra chiesa e Stato, e questa impostazione riguardò anche l’arte e la scienza ...[1].

Per comprendere più pienamente cosa si intende per kuyperianesimo o neo-calvinismo, riassumeremo parte di un articolo precedentemente citato in Pro Rege di Timothy Palmer intitolato "La dottrina dei due regni: uno studio comparativo di Martin Lutero e Abraham Kuyper”[2].

La prima domanda posta da Palmer è se Kuyper possa essere incluso nel campo dualista dei sostenitori di 2K:

Quando si arriva ad Abraham Kuyper, è sorprendente scoprire che David VanDrunen mette Kuyper nel campo dei due regni. Per Kuyper, non esiste un centimetro quadrato di realtà che non sia sotto la signoria di Cristo. Come può Kuyper essere nel campo dei due regni? ... Non è lo stesso Abraham Kuyper che ci ha insegnato che tutta la vita è soggetta al regno di Gesù Cristo? ... Le pagine seguenti dimostreranno che Kuyper non si adatta a questa camicia di forza natura-grazia”(16).

Una delle sue prime preoccupazioni è capire il punto di vista di Kuyper sulla regalità e regno di Cristo: “È curioso che questo crociato della dottrina dei due regni quando scrive di Kuyper parla raramente del regno di Dio e non parla mai del regno di Cristo. Sembrerebbe che parlare di regni implicherebbe parlare di Gesù Cristo il re, concetto che domina il pensiero di Kuyper”. Allora qual è il regno di Dio per Kuyper? Palmer mostra che la visione di Kuyper rifiuta implicitamente il pensiero 2K:

Una fonte essenziale rispetto alla visione di Kuyper del regno di Dio è il suo magistrale Pro Rege, che significa “per il re”. È interessante notare che lo studio di VanDrunen sulla visione di Kuyper del regno di Dio omette questa fonte vitale. ... pubblicata nel 1911 e 1912 nei tre volumi Pro Rege. La struttura di base di questo lavoro mostra già quanto sia estranea ad Abraham Kuyper la dottrina dei due regni. A grandi linee, Kuyper sviluppa la regalità di Cristo su sette aree della vita: i sudditi di Cristo, la chiesa, la famiglia, la società, lo Stato, la scienza e l'arte. Tutta la vita cade sotto il regno di Cristo. Per lui non c’è un solo territorio neutro (17).

L'enfasi di Kuyper è rimuovere il dualismo dal pensiero cristiano iniziando il suo libro con questa frase: “Pro Rege intende rimuovere la divisione che esiste nelle nostre menti. . . tra la nostra vita di chiesa e la nostra vita fuori dalla chiesa” (1.v). Nel suo articolo, Palmer continua a mostrare la pervasività della preoccupazione di Kuyper:

Nella sua grande opera sulla Grazia Comune, Kuyper sottolinea lo stesso punto. Alcuni cristiani dualisti sostengono che Cristo sia esclusivamente l'Espiatore del peccato. (Questa è la dottrina dei due regni). Ma Kuyper respinge con forza questo punto di vista: “L'idea che Cristo non abbia significato se non come l'Agnello di Dio che è morto per il nostro peccato non può essere mantenuta da coloro che leggono seriamente la Scrittura”. Non possiamo sostenere che Cristo ci sia stato dato solo per la nostra giustificazione e santificazione; dovremmo piuttosto seguire Paolo, che dice che Cristo è la nostra “piena redenzione”. Continua: “Per dirlo in breve, immaginiamo che tutto ciò di cui abbiamo bisogno è un Riconciliatore della nostra anima o continueremo a confessare che il Cristo di Dio è il Salvatore sia dell'anima che del corpo ed è il Ricreatore non solo cose nel mondo invisibile ma anche di cose che sono visibili e davanti ai nostri occhi? Cristo ha significato solo per il regno spirituale o anche per il dominio naturale e visibile?” (17)

Per Kuyper l'idea di non chiamare le cose “cristiane” è contraria all'unione del credente con Cristo.

Kuyper chiama “unilateralità” “pensare esclusivamente al sangue versato nell'espiazione e rifiutarsi di tener conto del significato di Cristo per il corpo, per il mondo visibile e per il risultato della storia del mondo”. Una tale postura corre “il pericolo di isolare [limitare] Cristo per la vostra anima” (CG, 172); “Allora la parola ‘cristiano’ vi sembra appropriata solo quando riguarda certe questioni di fede o cose direttamente connesse con la fede - la vostra chiesa, la vostra scuola, le missioni e simili - ma tutte le rimanenti sfere della vita cadono per voi al di fuori del Cristo” (17).

Infatti, “Kuyper mette in guardia contro la dottrina di due regni o due distinti circoli di pensiero: nel circolo molto circoscritto della salvezza della vostra anima da un lato, e nell’ampia, spaziosa sfera del mondo che comprende la vita dall’altro”: Queste persone affermano che “Cristo è di casa nella prima ma non nella seconda” (17-18).

Invece, “Per Kuyper, quindi, Cristo è il redentore di tutta la vita, contrariamente alla dottrina dei due regni e alla percezione che ne ha VanDrunen, Cristo è la nostra “piena redenzione. . . il Salvatore dell'anima e del corpo”. Difficilmente si può rendere più chiaro il punto. Non esiste un'area di vita autonoma”(18). Palmer spiega:

Non esiste un regno indipendente tra il regno di Cristo e il regno di Satana. Kuyper parla di due soli regni: il regno di Cristo e il regno di Satana: "Proprio come Dio governa sugli spiriti e sugli esseri umani, sullo spirito e sulla materia, inclusa tutta la creazione, così anche Satana desidera stabilire il suo regno contro Dio" ( 1. 505). I due regni sono quelli di Dio e Satana: “regno contro regno, principe contro principe, capo contro capo, re contro re!” (1. 508) Ci sono solo due regni, quello di Cristo e quello di Satana, ed entrambi rivendicano tutta la vita. Non esiste un regno intermedio (18).

Dopo aver dimostrato che Kuyper rifiutava il dualismo tomista natura-grazia, Palmer espande l'insegnamento di Kuyper sulla regalità di Cristo su tutta la vita: “Per Kuyper il regno o la regalità di Cristo deriva dalla sovranità del Dio Uno e Trino. Il potere e la sovranità originali risiedono nel Dio Uno e Trino”. Kuyper sottolinea il fatto che il regno di Dio include tutta la realtà: “Questo regno di Dio abbraccia tutte le cose, visibili e invisibili”. Questo re - Dio - ha potere sulle persone, sulla terra e sulla natura: “In breve, tutto è suo. Il suo regno è su tutto. . . Il suo regno è un regno di tutte le età, di tutte le sfere, di tutte le creature” (19).

Kuyper dice di questo regno: “non si può mai dire che questo regno abbia un carattere puramente spirituale" (1. 412). Ciò è evidente dai tre anni del ministero di Gesù: “Nei pochi anni in cui il re del regno di Dio rimase sulla terra, rivelò la maestà di questo suo regno in ogni ambito della vita umana” (1.471). Gesù portò la rigenerazione all'anima e la guarigione fisica al corpo; ha avuto un impatto su tutte le dimensioni della società, compresa la famiglia, il posto di lavoro, il governo e i poveri; e ha affrontato gli spiriti maligni (1. 472–74). Kuyper afferma: “L'idea che l'azione di Gesù nel suo regno fosse esclusivamente di natura spirituale sembra. . . sempre più insostenibile” (1. 475). Non c’è qui dualismo natura-grazia (19).

Discutendo la società Palmer osserva: “Kuyper ricorda al lettore che le affermazioni della Scrittura sulla regalità di Cristo sono onnicomprensive: A lui è dato tutto il potere sulla terra e in cielo. Tutte le cose sono soggette a lui. Niente è escluso”. Allora come si può trascurare “questo vasto territorio della nostra vita sociale”? (2. 8-9). Il risultato è “che la regalità di Cristo per loro non vive”. Per loro Cristo è lì esclusivamente per la salvezza della loro anima ma non per la vita al di fuori della chiesa”(3.10-11). (20)

Kuyper identifica tre modi principali in cui Cristo governa lo Stato. Primo, Cristo influenza e dirige i leader politici, sia pagani che cristiani. Esempi del primo sono il faraone di Giuseppe, Ciro e Nebukadnetsar. Ma Cristo governa anche i governanti cristiani come Costantino, Carlo Magno e la casa di Orange. Alcuni di questi governanti applicavano principi cristiani nei loro regni (21).

Palmer conclude parlando della visione di Kuyper della regalità cosmica di Cristo,

Dal momento che Kuyper non si attiene alla dottrina dei due regni, dobbiamo mettere in discussione l'uso persistente e sconsiderato della “dottrina riformata dei due regni” da parte di VanDrunen. I nostri dualisti si compiacciono di indicare una presunta dottrina dei due regni in tutta la tradizione riformata. ... La teologia di Kuyper nella tradizione di Calvino sottolinea la signoria di Cristo su tutta la vita. Questa è una differenza radicale dalla dottrina dei due regni di Lutero. Se infatti “non c'è un centimetro quadrato in tutto il dominio della nostra esistenza umana su cui Cristo, che è sovrano su tutto, non rivendichi: ‘È mio!’”[3], allora il regno di Cristo è più ampio della chiesa istituzionale. Il suo regno ha un impatto su tutta la vita (23).

Neo-Calvinismo e l’Etica Riformata

Un contemporaneo di Kuyper, Willem Geesink (1854-1929), è un altro teologo che dovrebbe essere coinvolto nella discussione, poiché ha scritto due grandi opere sull'etica da un punto di vista riformato. Il primo: Concerning the Lord’s Ordinances “Riguardo alle ordinamenti del Signore”[4], di oltre 1.700 pagine, tratta la sovranità di Dio e i suoi ordinamenti nella creazione e nella natura umana. Quindi tratta gli ordinamenti del Signore nel mondo morale, un'esposizione delle due tavole della legge. L'altro grande lavoro di Geesink è il Reformed Ethics in due volumi[5], una delle trattazioni più estese dell'argomento nei tempi moderni, oltre 1.000 pagine. Per comprendere il tipo di etica che integrava le opinioni di Kuyper, dobbiamo considerare attentamente Geesink. Discute la legge naturale ma lo fa in modo critico. Nel lavoro di VanDrunen non c'è menzione del suo nome.

Le chiese riformate olandesi hanno prodotto una serie di altri esperti di etica, ancora una volta, nessuno dei quali è menzionato da VanDrunen. G. Brillenburg Wurth (1898–1963), professore a Kampen, ha prodotto un'opera in tre volumi sulla vita cristiana (Het Christelijk Leven, 1948–51) riguardo all'individuo, alla famiglia e alla società. Le lezioni di Klass Schilder sull'etica furono rese disponibili in forma cartacea e parte della serie di 15 volumi di J. Douma sull'etica fu tradotta col titolo I dieci comandamenti nel 1996.

È strano che un professore di etica in un seminario riformato scriva un libro sottotitolato “Uno studio sullo sviluppo del pensiero sociale riformato” che lascia grandi lacune nella documentazione della grande eredità riformata. Allo stesso modo, non troviamo alcuna discussione sui punti di vista di Klaas Schilder sulla cultura, tranne per il fatto che ha rifiutato la distinzione tra Cristo come mediatore della creazione e mediatore della redenzione. Al contrario, Henry Van Til dedica un intero capitolo a Schilder nel suo libro, The Calvinistic Concept of Culture. Delle opinioni sulla cultura di H. R. Rookmaaker, storico dell'arte presso la Free University, non c’è traccia da nessuna parte; né delle opinioni di Francis A. Schaeffer, sebbene abbiano avuto un impatto significativo sul cristianesimo americano e sul suo approccio alla cultura.

Si spererebbe che questa miopia storica migliori quando arriviamo alla tradizione americana del seminario di Westminster, ma troviamo ancora grandi omissioni. Mentre VanDrunen discute le opinioni di Cornelius Van Til in questa materia, non giunge a conclusioni definitive e non riesce a trattare con l'elogio di Van Til dell'importante libro di Henry Van Til. Non si trova da nessuna parte il famoso lavoro di John Murray sull'etica riformata, Principles of Conduct[6]. Il trattamento incisivo delle “Creation Ordinances" è l'alternativa alla teoria del diritto naturale. Sebbene il lavoro di R. B. Kuiper sia sicuramente più significativo di quello di Stuart Robinson, neanche i suoi scritti furono discussi. In effetti, le famose conferenze di Kuiper, Not of This World, sono l'alternativa a Living in Christ’s Two Kingdoms di VanDrunen. È davvero triste che un professore del Seminario di Westminster in California aggiri il neo-calvinismo etico dei suoi eminenti predecessori mentre favorisce le opinioni dell'Aquinate. La conclusione generale della nostra analisi storica è che il progetto VanDrunen Two Kingdom, sebbene evidenzi molte ricerche, è una rappresentazione tristemente inadeguata della tradizione riformata nella sua visione di etica, cultura e società. Stando così le cose, come può la teologia 2K considerarsi un ripristino del precedente pensiero riformato? Non solo si discosta dal neo-calvinismo, ma è un altro ethos. Anche se indossa abiti riformati, rappresenta un'altra teologia.

Note

  1. Abraham Kuyper, Lezioni sul Calvinismo, Caltanissetta: Alfa e Omega, p. 21.
  2. Timothy P. Palmer, “The Two-Kingdom Doctrine: A Comparative Study of Martin Luther and Abraham Kuyper,” Pro Rege 37, no. 3 (March 2009): 13–25.
  3. Kuyper, “Sphere Sovereignty,” in Abraham Kuyper: A Centennial Reader, ed. James Bratt (Grand Rapids, MI: Eerdmans, 1998), 488.
  4. Willem Geesink, Van’s Heeren Ordinantien (Amsterdam: W. Kirchner, 1907–8).
  5. Willem Geesink, Van’s Heeren Ordinantien (Amsterdam: W. Kirchner, 1907–8).
  6. John Murray, Principles of Conduct: Aspects of Biblical Ethics (Grand Rapids, MI: Eerdmans, 1957).