Predicazioni/Efesini/Che cosa significa

Da Tempo di Riforma Wiki.
Versione del 23 lug 2020 alle 09:48 di Pcastellina (discussione | contributi) (Creata pagina con "Ritorno ---- == Che cos'è “ciò”? == <br/> ''“Infatti è per grazia che siete stati salvati, mediante la fede; e ciò non viene da voi; è i...")
(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)

Ritorno


Che cos'è “ciò”?


“Infatti è per grazia che siete stati salvati, mediante la fede; e ciò non viene da voi; è il dono di Dio. Non è in virtù di opere affinché nessuno se ne vanti” (Efesini 2:8,9).

Con queste sue parole, l'Apostolo Paolo distrugge la nozione che la salvezza possa essere il risultato di qualsivoglia opera che noi si possa fare. Siamo infatti salvati dalla grazia di Dio, ricevuta tramite la fede, ed in questo le nostre opere non giocano ruolo alcuno. Come il versetto seguente rende chiaro (v. 10), Dio ha indubbiamente stabilito che i credenti compiano opere buone ma, come testimonia questo, insieme a molti altri testi delle Sacre Scritture, le buone opere sono il frutto e non la causa della nostra salvezza. I veri credenti compiono opere buone, ma le opere non giocano ruolo alcuno in come noi si riceva la salvezza, perché essa “non è in virtù d'opere”. Le “opere”, semmai, in questo caso, sono quelle di Cristo, non le nostre.

Questo è chiaro, ma è sorta la questione di cosa esattamente si intenda con quel “ciò” in Efesini 2:8. Sappiamo che, quale che sia, è dono di Dio, ma siamo in grado di determinare esattamente di quale dono si tratti?

Alcuni dicono che il dono sia “la fede”, mentre altri dicono che è “la grazia”. Altri ancora dicono che sia “la salvezza”. Quel che però potrebbe essere discutibile in italiano, diventa chiaro quando si legge il testo originale greco.
Mettendola in modo che sperabilmente tutti possano capire, il termine greco tradotto “ciò” è traslitterato in italiano come touto e si tratta di una forma neutra. Per determinare a che cosa si riferisce, basta guardare il corrispettivo termine neutro nel contesto immediato, Questo è il modo in cui normalmente la questione sarebbe risolta, se non che, nel caso particolare, non ce n'è neanche uno! Il termine “grazia”, in greco è femminile; “siete stati salvati” è maschile, e “fede” è pure una forma femminile. In questo caso, quindi, ciò a cui si riferisce il “ciò” è tutta l'espressione precedente. La grazia, la salvezza e la fede – tutte queste cose sono dono di Dio.

Paolo qui rende chiaro come nella nostra salvezza non c'è nulla che prenda origine da noi. La salvezza, la grazia e la fede: tutte queste cose sono doni di Dio. E' questa la ragione per la quale, in questo campo, ogni vanto da parte nostra è del tutto escluso. Non è solo ridotto al minimo, ma completamente eliminato. La grazia tramite la quale siamo salvati e la fede come “il meccanismo” attraverso il quale la riceviamo – sì, persino questa fede – è dono di Dio (vedi anche Filippesi 1:29).

Con la Scrittura soltanto come solido fondamento, noi affermiamo che la giustificazione sia il risultato della sola grazia, ricevuta attraverso la sola fede, a causa del solo Cristo e tutto ciò alla gloria di Dio.