Predicazioni/Marco/Tra voi non deve essere così

Da Tempo di Riforma Wiki.
Versione del 10 ott 2021 alle 16:55 di Pcastellina (discussione | contributi) (Creata pagina con "Ritorno ---- == Tra voi non deve essere così! == Potrebbero dei responsabili di comunità cristiane dominare, spadroneggiare, signoreggiare, tiranne...")
(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)

Ritorno


Tra voi non deve essere così!

Potrebbero dei responsabili di comunità cristiane dominare, spadroneggiare, signoreggiare, tiranneggiare sui loro fratelli e sorelle in fede? Certamente no! Questo però è ciò che talora accade quando esse cedono alla tentazione dell’abuso di potere, presente nelle chiese come in ogni altro raggruppamento umano. L’apostolo Pietro, nella sua prima epistola, scrivendo ai responsabili delle comunità cristiane, dice: “Pascete il gregge di Dio che è fra voi, non forzatamente, ma volenterosamente secondo Dio; non per un vil guadagno, ma di buon animo; e non come signoreggiando quelli che vi son toccati in sorte, ma essendo gli esempi del gregge” (1 Pietro 5:2-3). 

Consapevole di quanto succede nelle società umane, corrotte dal peccato, la Parola di Dio spesso tratta dell’ambizione al potere e del suo abuso e chiama il popolo di Dio a distinguersi nettamente da ogni altra società umana. Troviamo questo in un episodio dei vangeli in cui il Signore Gesù ci chiama farlo e ce ne dà l’esempio. La comunità cristiana è tenuta a differenziarsi da ogni altro raggruppamento umano quanto a “stile di vita” - e questo a Sua imitazione. Ascoltiamo quanto troviamo nel vangelo di Marco, al capitolo 10 dal versetto 35.

“Giacomo e Giovanni, figliuoli di Zebedeo, si accostarono a lui, dicendogli: Maestro, desideriamo che tu ci faccia quello che ti chiederemo. Ed egli disse loro: Che volete ch'io vi faccia? Essi gli dissero: Concedici di sedere uno alla tua destra e l'altro alla tua sinistra nella tua gloria. Ma Gesù disse loro: Voi non sapete quel che chiedete. Potete voi bere il calice ch'io bevo, o essere battezzati del battesimo del quale io sono battezzato? Essi gli dissero: Sì, lo possiamo. E Gesù disse loro: Voi certo berrete il calice ch'io bevo e sarete battezzati del battesimo del quale io sono battezzato; ma quant'è al sedermi a destra o a sinistra, non sta a me il darlo, ma è per quelli cui è stato preparato. E i dieci, udito ciò, presero a indignarsi di Giacomo e di Giovanni. Ma Gesù, chiamatili a sé, disse loro: Voi sapete che quelli che son reputati principi delle nazioni, le signoreggiano; e che i loro grandi usano potestà sopra di esse. Ma non è così tra voi; anzi chiunque vorrà essere grande fra voi, sarà vostro servitore; e chiunque fra voi vorrà essere primo, sarà servo di tutti. Poiché anche il Figliuol dell'uomo non è venuto per esser servito, ma per servire, e per dar la vita sua come prezzo di riscatto per molti” (Marco 10:35-45).

Duri di comprendonio

I discepoli sono in cammino con Gesù verso Gerusalemme. All'inizio del viaggio, Gesù guarisce un cieco che "fu guarito e vedeva ogni cosa chiaramente" (8:25). I discepoli di Gesù sembrano, però, incapaci di vedere chiaramente il senso di ciò che sta accadendo. Gesù aveva predetto tre volte la sua morte imminente. Dopo la prima predizione, Pietro lo sgrida (8:31-33), solo per essere rimproverato in cambio. Gesù continuava a insegnare alla folla e ai discepoli: "Se uno vuol venire dietro a me, rinunzi a se stesso e prenda la sua croce e mi segua" (8:34). Dopo la seconda predizione, i discepoli discutono su chi fosse il più grande fra di loro (9:34), dopo di che Gesù insegna loro che "Se alcuno vuol essere il primo, dovrà essere l'ultimo di tutti e il servitor di tutti" (9:35). Tra la seconda e la terza predizione, Gesù dice ai discepoli: “molti primi saranno ultimi e molti ultimi, primi” (10,31).

Ora Gesù predice la sua morte per la terza volta (10:33-34). Ignorando completamente ciò che Gesù ha detto, Giacomo e Giovanni chiedono a Gesù di avere “nella tua gloria” posti di potere e privilegio (10,37). Gesù poi dice ai discepoli: "chiunque fra voi vorrà essere primo, sarà servo di tutti” (10:44); e poi Gesù mostra il proprio servizio sacrificale come modello per tutti i discepoli (10:45). Ciononostante, i discepoli non riescono costantemente a comprendere né le predizioni della passione né le istruzioni di Gesù sul discepolato dopo ogni predizione. Gesù è così diverso dal Messia atteso che semplicemente “non capiscono". È come se i loro occhi spirituali fossero stati concentrati su qualcosa così a lungo che, ora che il Messia appare in mezzo a loro, non possono rimettere a fuoco i loro occhi per vederlo chiaramente.

Seguendo questa storia di Giacomo e Giovanni, Gesù guarirà un altro cieco, che «egli recuperò la vista e seguiva Gesù per la via» (10,46-52). Le storie dei ciechi che riacquistano la vista servono da segnalibri attorno al fatto che i discepoli che “non vedono”. Mentre tutti e dodici i discepoli non riescono a vedere, l’evangelista individua Pietro, Giacomo e Giovanni, il circolo interno degli apostoli, per un'attenzione speciale. Essendo uno dei “Tre Grandi” (Pietro, Giacomo e Giovanni, privilegiati per stare con Gesù alla Trasfigurazione e al Getsemani), deve essere stato acutamente consapevole del tentativo di Giacomo e Giovanni di estrometterlo, di restringere i Tre Grandi al Due Grandi...

Aspirazioni alla grandezza

Pietro, Giacomo e Giovanni sono, in effetti una cerchia ristretta di Gesù. In diverse occasioni, tra cui la trasfigurazione (9:2-8) e l'orto del Getsemani (14:32-42), Gesù si fa accompagnare da questi tre escludendo gli altri discepoli.

“Maestro, desideriamo che tu ci faccia quello che ti chiederemo” (v. 35b). Ogni genitore sente: "Farai qualcosa per me?" e il genitore saggio determina cosa viene chiesto prima di accettare. Il modo in cui Giacomo e Giovanni presentano la loro richiesta riflette il fatto che hanno dei dubbi al riguardo che lo riceveranno.

"Che volete ch'io vi faccia?" (v. 36). Questa è la stessa domanda che Gesù farà al cieco Bartimeo più avanti in questo capitolo (10:51). Bartimeo risponderà chiedendo a Gesù di ridargli la vista, cosa che Gesù farà. Bartimeo seguirà poi Gesù “per via” (10:52). Come abbiamo notato più sopra, la visione restaurata di Bartimeo contrasta drammaticamente con gli occhi “non vedenti” dei discepoli che lo avevano sempre seguito.

«Concedici di sedere uno alla tua destra e l'altro alla tua sinistra nella tua gloria» (v. 37). Tenete presente che Gesù ha appena detto ai discepoli che sta per morire a Gerusalemme (10:33-34). I discepoli capiranno solo più tardi che la “gloria” di Gesù ha a che fare con la sua passione. Qualunque sia la loro motivazione, è chiaro che questi fratelli, Giacomo e Giovanni, soprannominati “i Figli del Tuono” (3:17), stanno cercando i due più alti posti d'onore e non hanno spazio nel loro scenario per includere Pietro. Quando Giacomo e Giovanni chiedono di sedersi alla destra e sinistra di Gesù nella sua gloria, immaginano Gesù come un re seduto a una tavola con i suoi principali consiglieri alla sua destra e sinistra.

Troviamo difficile immaginare come Giacomo e Giovanni possano essere così ottusi, così indifferenti. La loro richiesta è sbagliata perché "loro (stanno) chiedendo a Gesù di adattarsi ai loro piani" piuttosto che cercare di vedere come potrebbero adattarsi loro ai piani di Gesù. Giacomo e Giovanni non solo non hanno ascoltato la predizione di Gesù sulla sua imminente morte, ma considerano questo viaggio a Gerusalemme come una marcia trionfale sulla città per restaurare la sua antica gloria davidica in modo che Gesù possa assumere il trono davidico.

Una vocazione diversa

Sarebbe difficile per noi capire come Giacomo e Giovanni potevano non ascoltare la chiara predizione di Gesù della sua passione, tranne che vediamo molti cristiani oggi ascoltare ciò che vogliono sentire invece di ascoltare le parole di Gesù sul portare la croce. C’è oggi chi si aspetta prosperità materiale. Come possono non ascoltare il suo insegnamento sul portare la croce, sul servizio e sul sacrificio? Se poi esaminiamo le nostre preghiere, troveremo molto che corrisponde alla richiesta di questi due fratelli. L'enfasi delle nostre preghiere è adorazione e lode? Ringraziamento? Confessione? Per la maggior parte di noi, la preghiera consiste principalmente nel chiedere: Signore, dammi questo e Signore, dammi quello. Le nostre preghiere non sono così diverse da questa richiesta di Giacomo e Giovanni.

Vale la pena notare che Matteo e Luca riferiscono che Gesù disse: "Io vi dico in verità che nella nuova creazione, quando il Figliuol dell'uomo siederà sul trono della sua gloria, anche voi che m'avete seguitato, sederete su dodici troni a giudicare le dodici tribù d'Israele” (Matteo 19:28). Gesù non rimprovera Giacomo e Giovanni. Invece, fa loro una domanda progettata per far loro sapere che la loro domanda è sbagliata: "Siete in grado..." Anche se Gesù non entra nello specifico, la sua domanda suggerisce che Giacomo e Giovanni si sono invitati in un luogo molto diverso da quello che stavano contemplando.

“Potete voi bere il calice ch'io bevo?” (v. 38). Nell'Antico Testamento, "calice" si riferisce spesso a benedizioni, giudizio o morte. Presto verrà a rappresentare “Questo è il mio sangue, il sangue del patto, il quale è sparso per molti” (14:24). Loro rispondono “Siamo capaci” (v. 39a). Giacomo e Giovanni sanno che Gesù li ha sfidati e raccolgono il guanto di sfida - accettano la sfida - non comprendendo le conseguenze. Più tardi, quando Gesù sarà arrestato, non saranno più così coraggiosi. Marco ci dice: “E tutti, lasciatolo, se ne fuggirono” (14:50).

“Potete voi … essere battezzati del battesimo del quale io sono battezzato?” (v. 38).” (v. 39b). Non è certo che Gesù stia predicendo il martirio per questi fratelli. Le sue parole hanno senso anche se indicano la persecuzione piuttosto che la morte. Il verbo greco baptizein (essere battezzato) significa essere sommerso, ma non sempre si riferisce all'acqua. Ad esempio, una persona in lutto potrebbe essere descritta come immersa nel dolore. Mentre Giacomo e Giovanni pensano al calice e al battesimo come meravigliose benedizioni, Gesù sa che comportano dolore, sacrificio e morte. Sono questi che promette di condividere con Giacomo e Giovanni. Giacomo fu, infatti, martirizzato da Erode Agrippa - "ucciso... con la spada" piuttosto che crocifisso (Atti 12:2). Il destino di Giovanni è meno certo. Almeno una fonte riporta il suo martirio, ma un'altra riporta la sua morte ad Efeso in età avanzata. Atti 4 racconta del suo arresto a Gerusalemme. Che sia stato martirizzato o meno, possiamo supporre che la sua non sia stata una vita facile.

Ironia della sorte, però, gli uomini che occuperanno le posizioni alla mano destra e sinistra di Gesù saranno due ladri al Golgota… Quelli a cui era stato dato!

“E i dieci, udito ciò, presero a indignarsi di Giacomo e di Giovanni” (v. 41). Non c'è motivo di credere che gli altri discepoli siano arrabbiati a causa dell'insensibilità di Giacomo e Giovanni alla situazione di Gesù. I dodici rispondono alla predizione della seconda passione discutendo tra loro chi fosse il più grande (9:33-37). Ora sono offesi perché si contendono i posti d'onore, e Giacomo e Giovanni cercano di rubare loro il premio da sotto il naso!

«Voi sapete che quelli che son reputati principi delle nazioni, le signoreggiano; e che i loro grandi usano potestà sopra di esse» (v. 42). Gesù non rimprovera Giacomo e Giovanni, e non rimprovera i dodici. Invece, usa il loro comportamento come occasione per un insegnamento. Possiamo essere sicuri che ha tutta la loro attenzione. Giacomo e Giovanni devono essere stati  imbarazzati per l'esposizione della loro cruda ambizione. Gli altri discepoli sono indignati e ascolteranno attentamente per assicurarsi che Gesù affronti la loro preoccupazione. Invece, Gesù li istruisce sul regno di Dio, le sue regole, come funziona.

Onore a chi serve

“Chiunque vorrà essere grande fra voi, sarà vostro servitore; e chiunque fra voi vorrà essere primo, sarà servo di tutti» (vv. 43-44). Come al solito, Gesù capovolge il nostro mondo introducendo le “regole della strada” per il regno di Dio (versetti 42-44). Le Regole del Regno sono completamente diverse dalle regole di questo mondo, proprio l'opposto in effetti. Coloro che vivono secondo le regole di questo mondo onorano il potere, anche se i governanti potenti sono spesso tiranni egoisti e meschini che trattano male i loro sudditi.

Nel regno di Dio, gli onori andranno a coloro che servono (greco: diakonos - coloro che servono alle tavole) piuttosto che a coloro che esigono servizio dagli altri. Il primo premio andrà al "servo di tutti" —uno schiavo (doulos)—inferiore anche a un servo (diakonos), una proposta assurda, ma pienamente in linea con la recente affermazione di Gesù che "Se alcuno vuol essere il primo, dovrà essere l'ultimo di tutti e il servitor di tutti” (9:35).

“Servo di tutti” (v. 44). Uno servo in genere serve solo un padrone. Altrove Gesù dice: «Nessun domestico può servire a due padroni: perché o odierà l'uno e amerà l'altro, o si atterrà all'uno e disprezzerà l'altro” (Lc 16,13). Tuttavia, uno schiavo, su ordine del padrone, servirebbe tutti in casa e, così facendo, servirebbe solo un padrone. Cristo ci chiama a servire tutti, a diventare schiavi non retribuiti di tutti. Quando lo facciamo, serviamo un padrone: Cristo.

Dobbiamo stare attenti a non giudicare i discepoli troppo duramente per la loro incapacità di capire. Abbiamo il vantaggio di un numero qualsiasi di storie nei Vangeli che ci insegnano a onorare il servizio piuttosto che il potere, ma spesso non lo facciamo. Abbiamo soggezione nei confronti delle star di Hollywood e dei personaggi dello sport, anche se molti di loro usano la loro notevole influenza per promuovere la violenza, sesso illecito, la droga e la volgarità. Invidiamo i capi delle multinazionali che si arricchiscono aumentando i loro profitti a dismisura, spesso a spese dei dipendenti licenziati, e che, quando le loro azioni producono rovina a lungo termine, si salvano, protetti da paracadute d'oro. Eleggiamo politici che vendono le loro anime a interessi speciali e che passano la loro vita a nascondere la verità per servire i loro interessi personali.

Gesù ci chiama a un'etica diversa, dicendoci che Dio onora il servizio piuttosto che il potere. Ci sfida a iniziare a vivere secondo le Regole del Regno nel qui e ora. È una vendita difficile e una lezione che la chiesa deve continuamente imparare di nuovo. Ogni denominazione, comunità e pastore è tentata di cercare il Numero Uno invece di servire i bisogni del regno. Siamo tentati da grandi titoli, paramenti e chiese, tentati di predicare la parola che vende invece della parola fedele. L'ambizione personale non è iniziata con Giacomo e Giovanni, né è finita con loro.

«Poiché anche il Figliuol dell'uomo non è venuto per esser servito, ma per servire» (v. 45a). Gesù non richiede più di quanto è disposto a dare. Ha modellato il servizio e il sacrificio dalla culla alla tomba. Mentre era in forma di Dio, “non reputò rapina l'essere uguale a Dio, ma annichilì se stesso, prendendo forma di servo e divenendo simile agli uomini; ed essendo trovato nell'esteriore come un uomo, abbassò se stesso, facendosi ubbidiente fino alla morte, e alla morte della croce” (Filippesi 2,5-8). Sia l'Incarnazione che la Crocifissione sono atti di grande servizio e sacrificio.

«...per dar la vita sua come prezzo di riscatto per molti» (v. 45b). In precedenza, Gesù aveva detto ai discepoli che doveva morire. Ora dice loro perché. La parola "riscatto" si trova in entrambi i testamenti e si riferisce a un pagamento effettuato per liberare un prigioniero o per emancipare uno schiavo. Il popolo ebraico era abituato a un sistema sacrificale in cui gli animali sacrificali espiano i peccati del popolo. Ora Gesù dice che darà la sua vita in riscatto per molti. In quelle poche parole, introduce una teologia dell'espiazione. Gesù modella il servizio e il sacrificio per i suoi discepoli, ma realizza qualcosa che i discepoli non possono. Solo Gesù può servire come riscatto per molti. Gesù ha un ruolo unico nel piano di salvezza.

Possiamo tutti noi dire di avere compreso queste lezioni fondamentali di un cristianesimo genuino, quello insegnato ed incarnato dal Signore e Salvatore Gesù Cristo?

Paolo Castellina, 10 ottobre 2021