Salmi Riforma/L'Arpa davidica/012

Da Tempo di Riforma Wiki.
Versione del 24 lug 2020 alle 15:27 di Pcastellina (discussione | contributi) (Creata pagina con " {{Arpa}} = 12. = == Quant'è glorioso (Salmo 8) == ([http://chirb.it/apHbnI base musicale]) 1. Quant'è glorioso, Dio onnipotente,<br/> Il Nome Tuo per l'orbe inter:<br/>...")
(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)


Indice generale

L'Arpa davidica

Prefazione - 1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11 - 12 - 13 - 14 - 15 - 16 - 17 - 18 - 19 - 20 - 21 - 22 - 23 - 24 - 25 - 26 - 27 - 28 - 29 - 30 - 31 - 32 - 33 - 34 - 35 - 36 - 3738 - 39 - 40 - 41 - 42 - 43 - 44 - 45 - 46 - 47 - 48 - 49 - 50 - 51 - 52 - 53 - 54 - 55 - 56 - 57 - 58 - 59 - 60 - 61 -62 - 63 - 64 - 65 - 66 - 67 - 68 - 69 - 70 - 71 - 72 - 73 - 74 - 75 - 76 - 77 - 78 - 79 - 80 - 81 - 82 - 83 - 84 - 85 - 86 - 87 - 88 - 89 - 90 - 91 - 92 - 93 - 94 - 95 - 96 - 97 - 98 - 99 - 100 - 101 - 102 - 103 - 104 - 105 - 106 - 107 - 108 - 109 - 110 - 111 - 112 - 113 - 114 - 115 - 116 - 117 - 118 - 119 - 120 - 121 - 122 - 123 - 124 - 125 - 126 - 127 - 128 - 129 - 130 - 131 - 132 - 133 - 134 - 135 - 136 - 137 - 138 - 139 - 140 - 141 - 142 - 143 - 144 - 145 - 146 - 147 - 148 - 149 - 150 - 151 - 152 - 153 - 154 - 155 - 156 - 157 - 158 - 159 - 160 - 161

Vedi anche a questo collegamento - Acquistate qui il libretto dei testi e il libro degli spartiti

12.

Quant'è glorioso (Salmo 8)

(base musicale)

1. Quant'è glorioso, Dio onnipotente,
Il Nome Tuo per l'orbe inter:
Tu ch'al di sopra del ciel splendente
Posta hai Tua gloria Tuo gran poter.

2. Quand'io contemplo il ciel stellato
La bianca luna cogli astri d'or
E quando penso che del creato
Tu se' il sostegno Tu sei l'autor:

3. Cos'è mai l'uomo, Dico in cuor mio,
Che Tu memoria n'abbi, o Signor?
Cos'è il figliolo Dell'uomo, o Dio,
Che tu abbi cura D'un peccator?

4. Tu per un poco Soltanto l'hai
Degli angel santi Resol minor
Ma ancor più d'essi Tu il renderai
Un dì glorioso Nel Tuo splendo!

5. E già fin d'ora Tu gli hai concesso
Sull'opre Tue Signoreggiar:
Sotto i suoi piedi Ognor, Tu hai messo
Ogni vivente In terra e mar.