Salmi Riforma/L'Arpa davidica/066

Da Tempo di Riforma Wiki.
Versione del 25 lug 2020 alle 00:39 di Pcastellina (discussione | contributi) (Creata pagina con " {{Arpa}} = 66. = == Come il cervo assetato (Salmo 42) == L'arpa davidica 1919, anonimo.<br/> L'anima asetata di Dio, n. 66. ([http://chirb.it/CNDL3D base musicale])<br/>...")
(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)


Indice generale

L'Arpa davidica

Prefazione - 1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11 - 12 - 13 - 14 - 15 - 16 - 17 - 18 - 19 - 20 - 21 - 22 - 23 - 24 - 25 - 26 - 27 - 28 - 29 - 30 - 31 - 32 - 33 - 34 - 35 - 36 - 3738 - 39 - 40 - 41 - 42 - 43 - 44 - 45 - 46 - 47 - 48 - 49 - 50 - 51 - 52 - 53 - 54 - 55 - 56 - 57 - 58 - 59 - 60 - 61 -62 - 63 - 64 - 65 - 66 - 67 - 68 - 69 - 70 - 71 - 72 - 73 - 74 - 75 - 76 - 77 - 78 - 79 - 80 - 81 - 82 - 83 - 84 - 85 - 86 - 87 - 88 - 89 - 90 - 91 - 92 - 93 - 94 - 95 - 96 - 97 - 98 - 99 - 100 - 101 - 102 - 103 - 104 - 105 - 106 - 107 - 108 - 109 - 110 - 111 - 112 - 113 - 114 - 115 - 116 - 117 - 118 - 119 - 120 - 121 - 122 - 123 - 124 - 125 - 126 - 127 - 128 - 129 - 130 - 131 - 132 - 133 - 134 - 135 - 136 - 137 - 138 - 139 - 140 - 141 - 142 - 143 - 144 - 145 - 146 - 147 - 148 - 149 - 150 - 151 - 152 - 153 - 154 - 155 - 156 - 157 - 158 - 159 - 160 - 161

Vedi anche a questo collegamento - Acquistate qui il libretto dei testi e il libro degli spartiti

66.

Come il cervo assetato (Salmo 42)

L'arpa davidica 1919, anonimo.
L'anima asetata di Dio, n. 66.

(base musicale)

1. Come il cervo assetato desìa
Chiara fonte che spenga il suo ardor
Similmente quest'anima mia
E' assetata di Te, mio Signor.
Quando, ah! Quando al divin Tuo cospetto,
Dio vivente, dovrò comparir?
Il mio pianto mi scorre sul petto
Mentre gli empi mi stanno a schernir.

2. I bei giorni trascorsi rammento
Quando il tempio Tuo santo in Sion,
Pien di santa allegrezza e contento
Visitavo, con Tua procession:
Perché, dunque, alma mia ti commuovi?
Perché emi, o mio debole cor?
Il Signore deh! Aspetta, e a Lui nuovi
Canti l'alma s'alzerà con amor.

3. Dal paese del triste io esilio,
O Signor, tuttodì penso a Te:
Deh! Mi salva, deh! Dammi il Tuo ausilio,
Perché l'alma s'abbatte entro me.
Un abisso ahimè! Un altro ne chiama
Ed i flutti tremendi del mar
Sul mio capo, con fervida brama
Tutti, l'un dopo l'altro passar!

4. Ma il Signor mostrerammi ogni giorno
Tutta quanta Sua grande bontà,
E le notti echeggiar farò intorno
Lodi e canti a Su gran carità:
Perché, dunque, alma mia ti commuovi?
Perché tremi, o mio debole cuor?
Il Signorr, deh! Aspetta, e a Lui nuovi
Canti l'alma alzerà con amor.