Salmi Riforma/L'Arpa davidica/085

Da Tempo di Riforma Wiki.
Versione del 25 lug 2020 alle 13:44 di Pcastellina (discussione | contributi) (Creata pagina con " {{Arpa}} = 85. = == Signor, mio Dio, deh! salvami (Salmo 69:1-6) == L'arpa davidica 1919, J. B. Dykes<br/> Il credente che sta per annegare, 85<br/> <br/> 1.<br/> Signor,...")
(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)


Indice generale

L'Arpa davidica

Prefazione - 1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11 - 12 - 13 - 14 - 15 - 16 - 17 - 18 - 19 - 20 - 21 - 22 - 23 - 24 - 25 - 26 - 27 - 28 - 29 - 30 - 31 - 32 - 33 - 34 - 35 - 36 - 3738 - 39 - 40 - 41 - 42 - 43 - 44 - 45 - 46 - 47 - 48 - 49 - 50 - 51 - 52 - 53 - 54 - 55 - 56 - 57 - 58 - 59 - 60 - 61 -62 - 63 - 64 - 65 - 66 - 67 - 68 - 69 - 70 - 71 - 72 - 73 - 74 - 75 - 76 - 77 - 78 - 79 - 80 - 81 - 82 - 83 - 84 - 85 - 86 - 87 - 88 - 89 - 90 - 91 - 92 - 93 - 94 - 95 - 96 - 97 - 98 - 99 - 100 - 101 - 102 - 103 - 104 - 105 - 106 - 107 - 108 - 109 - 110 - 111 - 112 - 113 - 114 - 115 - 116 - 117 - 118 - 119 - 120 - 121 - 122 - 123 - 124 - 125 - 126 - 127 - 128 - 129 - 130 - 131 - 132 - 133 - 134 - 135 - 136 - 137 - 138 - 139 - 140 - 141 - 142 - 143 - 144 - 145 - 146 - 147 - 148 - 149 - 150 - 151 - 152 - 153 - 154 - 155 - 156 - 157 - 158 - 159 - 160 - 161

Vedi anche a questo collegamento - Acquistate qui il libretto dei testi e il libro degli spartiti

85.

Signor, mio Dio, deh! salvami (Salmo 69:1-6)

L'arpa davidica 1919, J. B. Dykes
Il credente che sta per annegare, 85

1.
Signor, mio Dio, deh! salvami
Che sto per annegar
E l’acque infino all’anima
Mi stan per arrivar.
In un profondo baratro
Mi sento tranghiottir,
Signor, Iddio soccorrimi
Non mi lasciar perir!

2.
Mi sento dagli spasimi
Il petto dilaniar,
Inaridita ho l’ugola
Pel troppo mio gridar.
E gli occhi per le lacrime
Ahimè! Mi vengon men!
Ma a Te sollevo l’anima,
Signor, Tu mi sostien.

3.
I miei nemici m’odiano,
O Dio, senza cagion:
Più che i capelli in numeri
Del capo mio essi son,
Eppur a lor benefico
Fui sempre, o mio Signor:
Tu sai quant’io son debole,
Soccorri al mio dolor.

4.
Signor, Dio degli eserciti,
Chiunque spera in Te
Non far che resti attonito
Per quel che accade a me:
Io soffro il vituperio,
O Dio, per il tuo amor,
Per te coperta sentomi
La faccia di rossor!