Salmi Riforma/L'Arpa davidica/149

Da Tempo di Riforma Wiki.
Versione del 27 lug 2020 alle 00:39 di Pcastellina (discussione | contributi) (Creata pagina con " {{Arpa}} = 149. = == Signore, Tu mi conosci (Salmo 139) == L'arpa davidica 1919, J. B. Calkin<br/> Onnisapienza di Dio, 149 <br/> 1. Signor, Tu mi conosci,<br/> Tu m'hai...")
(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)


Indice generale

L'Arpa davidica

Prefazione - 1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11 - 12 - 13 - 14 - 15 - 16 - 17 - 18 - 19 - 20 - 21 - 22 - 23 - 24 - 25 - 26 - 27 - 28 - 29 - 30 - 31 - 32 - 33 - 34 - 35 - 36 - 3738 - 39 - 40 - 41 - 42 - 43 - 44 - 45 - 46 - 47 - 48 - 49 - 50 - 51 - 52 - 53 - 54 - 55 - 56 - 57 - 58 - 59 - 60 - 61 -62 - 63 - 64 - 65 - 66 - 67 - 68 - 69 - 70 - 71 - 72 - 73 - 74 - 75 - 76 - 77 - 78 - 79 - 80 - 81 - 82 - 83 - 84 - 85 - 86 - 87 - 88 - 89 - 90 - 91 - 92 - 93 - 94 - 95 - 96 - 97 - 98 - 99 - 100 - 101 - 102 - 103 - 104 - 105 - 106 - 107 - 108 - 109 - 110 - 111 - 112 - 113 - 114 - 115 - 116 - 117 - 118 - 119 - 120 - 121 - 122 - 123 - 124 - 125 - 126 - 127 - 128 - 129 - 130 - 131 - 132 - 133 - 134 - 135 - 136 - 137 - 138 - 139 - 140 - 141 - 142 - 143 - 144 - 145 - 146 - 147 - 148 - 149 - 150 - 151 - 152 - 153 - 154 - 155 - 156 - 157 - 158 - 159 - 160 - 161

Vedi anche a questo collegamento - Acquistate qui il libretto dei testi e il libro degli spartiti

149.

Signore, Tu mi conosci (Salmo 139)

L'arpa davidica 1919, J. B. Calkin
Onnisapienza di Dio, 149


1. Signor, Tu mi conosci,
Tu m'hai investigato,
Poiché Tu solo intendi
Da lungi il mio pensier.
A tutte le mie vie,
Mio Dio, Tu sei usato,
Ch'io vegli o che riposi,
Tu aggiri il mio sentier.

2. Pria che la bocca parli
Tutto già sai, Signore;
Meraviglioso, eccelso
E' il Tuo divin saper.
Innanzi al guardo Tuo
Tutto è svelato il cuore:
Dove fuggir potrei
Innanzi al Tuo poter?

3. Se in ciel salir potessi
Ivi Ti trovi ognora,
Se scendo negli abissi
Ivi Tu sei, Signor.
E se volar potessi
Sull'ali dell'aurora
Fino agli estremi lidi,
Ivi mi vedi ancor!

4. Se dico fra me stesso:
"Per certo il tenebrore
M'asconderà!" - La notte
Sia luce intorno a me,
Poiché tutto risplende
Innanzi al Tuo fulgore,
E l'occhio Tuo mi segue
Ovunque volgo il piè!