Modifiche

nessun oggetto della modifica
 
[[Articoli|Ritorno]]
 
----
== La necessità dell'ordine e della disciplina ==
:::34 “Come si fa in tutte le chiese dei santi, le donne tacciano nelle assemblee, perché non è loro permesso di parlare; stiano sottomesse, come dice anche la legge. 35 Se vogliono imparare qualcosa, interroghino i loro mariti a casa; perché è vergognoso per una donna parlare in assemblea. 36 La parola di Dio è forse proceduta da voi? O è forse pervenuta a voi soli? 37 Se qualcuno pensa di essere profeta o spirituale, riconosca che le cose che io vi scrivo sono comandamenti del Signore. 38 E se qualcuno lo vuole ignorare, lo ignori. 39 Pertanto, fratelli, desiderate il profetare, e non impedite il parlare in altre lingue; 40 ma ogni cosa sia fatta con dignità e con ordine” (1 Corinzi 14:34-40).
“Tacciano le donne nelle assemblee”? Alcuni prendono questo testo letteralmente intendendo che una donna non possa mai parlare in chiesa (e quindi mai predicare, insegnare, pregare, cantare, intervenire, come pure assumere posizioni di responsabilità). Una simile interpretazione è assurda ed ignora completamente la piena dignità spirituale che il Signore Gesù Cristo ha restituito alle donne, evidente nei vangeli in ogni Sua interazione con loro. La sottomissione della donna all'uomo, inoltre, è una conseguenza del peccato, e là dove il peccato è risanato essa scompare, per dare luogo alla cooperazione ed alla sottomissione reciproca (e quindi alle pari opportunità).
Preghiera. ''Signore, Ti ringrazio della libertà che ho conquistato in Cristo, ma insegnami a fare ogni cosa con dignità ed ordine. Amen.''
[[CategoriaCategory:Articoli]][[CategoriaCategory:Paolo Castellina]][[CategoriaCategory:Disciplina ecclesiastica]][[Category:Donne]] [[Categoria:DonnePrima Corinzi]]

Menu di navigazione