Teologia/5 motivi per non far uso di immagini di Gesù

Da Tempo di Riforma Wiki.

Ritorno


5 motivi per non far uso di immagini di Gesù

Di Tony Arsenal

Mentre entriamo nella stagione comunemente nota come Avvento, che porta al giorno in cui milioni di cristiani in tutto il mondo celebrano l'incarnazione del Figlio di Dio, ci troviamo spesso di fronte a varie immagini artistiche che pretendono essere rappresentazioni più o meno fedeli dell'aspetto terreno di Gesù Cristo.La posizione storica della Riforma da allora è sempre stata che qualsiasi immagine di qualsiasi persona della Divinità, incluso Dio il Figlio nella sua umanità, sia intrinsecamente una violazione del 2° comandamento, indipendentemente dall'uso che se ne vorrebbe fare.

Facciamo finta, per amor di discussione, che i riformati abbiano torto. Che non sia peccaminoso possedere o far uso immagini di Gesù secondo l'umanità. Ci sono ancora buone ragioni per rinunciare all'uso di tali immagini? Penso che ci siano. Penso che vedrai presentarsi un tema.

L'immagine è un sostituto scadente

Una delle speranze della fede cristiana è che un giorno vedremo Cristo. Questo evento è spesso chiamato visione beatifica e si riferisce a quel tempo in cui vedremo Cristo risorto e glorificato nella glorificazione escatologica finale. L'apostolo Giovanni scrive: "Carissimi, ora siamo figli di Dio, ma non è ancora stato manifestato ciò che saremo; sappiamo però che quando egli sarà manifestato, saremo simili a lui, perché lo vedremo come egli è" (1 Giovanni 3:2).

Quando creiamo immagini di Cristo ora, in un certo senso stiamo cercando di anticipare quel momento. Piuttosto che aspettare con pazienza e speranza, realizziamo imitazioni a buon mercato per soddisfare il nostro desiderio. Spesso sentiamo credenti, specialmente quando si avvicinano alla morte, dire che desiderano vedere Gesù. Questo è un desiderio buono e pio che tutti noi abbiamo, ma non è un desiderio che possa essere soddisfiamo alle nostre condizioni. Il fatto che Gesù sia nascosto alla nostra vista fino a un tempo che Dio sceglierà indica la sua sovranità. Quando creiamo immagini di Cristo, cerchiamo di derubarlo in piccola parte di quella sovranità donandoci qualcosa di piacevole alla vista e utile per renderci saggi.

L'immagine è falsa

Non importa quel che facciamo, non importa quanto ci sforziamo,l'immagine che creiamo e mettiamo di fronte a noi è necessariamente falsa. I Vangeli non ci forniscono dettagli visivi relativi a come apparisse il Figlio di Dio in terra. Anche se tentiamo di estrapolare le caratteristiche di base di un uomo ebreo del I secolo, stiamo ancora indovinando. È notoriamente difficile ritrarre con precisione un dato gruppo di popolazione dall'antichità, quindi cercare di produrre una persona media o particolare senza dati visivi specifici (dipinti, sculture, ecc.) o descrizioni visive è un'azzardo sciocco. Questo potrebbe non essere del tutto problematico quando si dipinge l'immagine di qualcuno, ma stiamo parlando di Dio. Rappresentare falsamente Dio è un peccato grave ed è direttamente collegato all'idolatria nell'Antico Testamento. Anche i tentativi ben intenzionati che non sono all'altezza di questo compito dovrebbero essere evitati,

L'immagine porta ad un errore cristologico

Questo è un po' un tecnicismo, ma c'era un'eresia nella Chiesa primitiva che insegnava che Gesù non fosse una singola persona in un'unione di due nature, ma un'unione di due persone. Questo errore, che si chiamava Nestorianesimo, era colpevole di aver diviso il Figlio in modo tale che fosse praticamente "due Figli". Nel corso dei secoli, l'attribuzione di nestorianesimo è stato applicato a qualsiasi posizione cristologica che divide in modo inappropriato le nature di Cristo in modo tale che l'unità vada perduta. Fondamentalmente, Nestorio e i suoi seguaci insegnavano che Gesù era una persona che avesse avuto la peculiuare grazia di un'unione radicale e senza precedenti con il Logos .

Fondamentalmente, l'errore del nestorianesimo confonde il miracolo avvenuto nell'incarnazione. Il cristianesimo afferma che il miracolo della nascita di Cristo fu che Dio divenne un uomo. Tuttavia, quando dipingiamo un'immagine di Cristo, dipingiamo solo un'immagine di un uomo. Il fatto che l'uomo raffigurato sia anche Dio non può essere rappresentato visivamente nemmeno con "intenzioni pedagogiche". Questa sottile divisione dell'umanità di Cristo dalla sua divinità porta alla distruzione dell'unità delle nature. Piuttosto che immaginare l'uomo-Dio, spesso in qualche modo immaginiamo un uomo che è particolarmente onorato da Dio. Un uomo che ha il potere di compiere azioni potenti. Un uomo che serve il popolo di Dio come rappresentante di Dio. Un uomo che muore su una croce e viene risuscitato. Sebbene tutte queste affermazioni siano vere, sono incomplete.A meno che non teniamo a mente che quell'uomo è anche pienamente Dio, abbiamo perso il vero Cristo biblico, e così ha perso il vero Vangelo biblico. Le immagini di un uomo che pretendiamo essere Cristo ci portano a perdere involontariamente questo punto.

Ora, questo punto viene spesso respinto da coloro che affermano di essere "riformati" che tuttavia desiderano utilizzare tali immagini. Non si tratta di un'argomentazione nuova. In un sermone pronunciato il 23 maggio 1555, Giovanni Calvino dice questo:

Ecco, dipingono e ritraggono Gesù Cristo, che (come sappiamo) non è solo uomo, ma anche Dio manifestato nella carne: e che rappresentazione è questa? È l'eterno Figlio di Dio in cui dimora la pienezza del capo di Dio, sì, anche sostanzialmente. Visto che si dice, in sostanza, dovremmo avere ritratti e immagini in cui possa essere rappresentata solo la carne? Non è forse una cancellazione di ciò che è più importante nel nostro Signore Gesù Cristo, cioè della sua divina Maestà? Sì: e quindi ogni volta che un Crocifisso sta rastrellando e falciando nella Chiesa, è tutto come se il Diavolo avesse deturpato il figlio di Dio [1].

Le immagini ci spingono al culto delle immagini

Tutti gli argomenti di cui sopra derivano in un certo senso dal fatto che l'immagine creata, non importa quanto accurata possa essere o meno, è falsa. È un costrutto dell'immaginazione umana. La mente umana è una cosa potente e, tra tutti gli animali, in molti sensi siamo unicamente visivi. Questo non vuol dire che abbiamo la migliore visione, ma i nostri ricordi e il nostro pensiero sono spesso inesorabilmente legati alle informazioni visive.

Riesco a ricordare con grande accuratezza, e talvolta involontariamente, eventi visivi di notevole importanza. Ricordo il colore e la trama della camicia che mia moglie indossava la prima volta che l'ho vista, nonostante non la vedessi da diversi anni. Ricordo lo sguardo sul viso di mia madre mentre salivo dietro il pulpito per pronunciare il sermone funebre e l'elogio funebre per mio padre.

Inoltre, siamo in grado di prendere immagini che abbiamo conservato nella nostra mente e fonderle insieme per creare immagini completamente nuove. Se ti dicessi di immaginare un elefante che indossa blue jeans e un papillon, probabilmente sei in grado di farlo e se in qualche modo confrontassi le immagini che abbiamo creato nella nostra mente, probabilmente sarebbero molto simili.

Tuttavia, ci è vietato esprimere il nostro culto utilizzando immagini di qualsiasi tipo. Quindi cosa succede quando sei in chiesa la domenica mattina ad adorare Dio e all'improvviso un'immagine di un film che hai visto che includeva un attore che finge di essere Gesù viene in primo piano nella tua coscienza? Stai adorando usando quell'immagine, e molto probabilmente più cerchi di bandirlo dai tuoi pensieri, più sarà presente. Cosa succede quando preghi con tuo figlio o tua figlia e il fumetto di Gesù tratto dalla Bibbia visiva dei bambini da cui leggi è l'immagine predefinita che hanno? I tuoi figli ora stanno pregando per disegnare Gesù.

Le immagini minano la sufficienza delle Scritture

Viviamo in un'epoca in cui spesso ci viene detto che i sermoni sono una modalità di comunicazione obsoleta e che alcune persone apprendono visivamente. Alcune persone semplicemente non imparano dai libri, quindi l'argomento sembra andare. Tuttavia, come cristiani riformati crediamo che la parola scritta di Dio sia una regola sufficiente per guidarci a glorificare e godere di Dio.

L'ho detto in un modo piuttosto irriverente in passato, ma ora sono serio al 100%. Dio non ha ispirato un libro illustrato. Non ci ha dato immagini per accompagnare la sua rivelazione scritta. Se crediamo davvero che la Bibbia sia sufficiente, perché abbiamo bisogno delle immagini? Se la rivelazione verbale data nella Scrittura, accompagnata dall'esposizione verbale di quella rivelazione, è sufficiente, allora perché ascoltiamo argomenti da tutte le parti degli evangelici (riformati inclusi) che dicono che dobbiamo avere libri illustrati per i bambini? Il motivo è che quelle persone in realtà non credono che la parola di Dio sia sufficiente. So che dicono di sì, ma gli argomenti usati per supportare l'uso delle immagini rivelano qualcosa di diverso.

Il Catechismo di Heidelberg lo mette in questo modo:

Domanda 96. Che cosa richiede Dio nel secondo comandamento?

Risposta. Che non facciamo alcuna immagine di Dio (1), né che lo adoriamo in un qualche modo che non abbia comandato nella sua Parola (2).

Domanda 97. Allora non si deve fare assolutamente nessuna immagine?

Risposta. Dio non può e non deve essere rappresentato in alcun modo; le creature possono certo essere raffigurate, tuttavia Dio proibisce di farne o averne immagini destinate a essere adorate, o che si usino per servirlo.

Domanda 98. Ma le immagini non possono essere consentite nelle chiese come libri per la gente?

Risposta. No, perché non dobbiamo ritenerci più saggi di Dio, il quale istruisce i suoi con la viva predicazione della sua Parola e non con idoli muti.

La Confessione di fede elvetica afferma:

...sebbene abbia assunto la nostra natura umana, Cristo non se ne è rivestito per servire da modello ai pittori e agli intagliatori di immagini. Dice di non essere venuto per abolire la legge o i profeti (Matteo 5:17). Ora è certo che le immagini sono vietate dalla legge e dai profeti (Deuteronomio 4:15-23; Isaia 40:18-20). Nega anche che la sua presenza fisica sia di un qualche vantaggio per la chiesa; ma ha promesso di assisterci con il suo Santo Spirito fino alla fine dei secoli (Giovanni 16:7; 2Corinzi 5:16). Chi crederà dunque che l’ombra o l’immagine [raffiguramento] del suo corpo possa recare un qualche vantaggio [comunichi qualche utilità] ai cristiani? E dato che resta [dimora] con noi attraverso il suo Spirito, ne consegue senza alcun dubbio che noi siamo il tempio di Dio (1Corinzi 3:16; 2Corinzi 6:16). Ora quale rapporto esiste fra il tempio di Dio e gli idoli? (Atti 3:12; Atti 14:1-5).

Conclusione

Ora, io sono persuaso che l'uso di immagini di qualsiasi persona della Divinità sia una violazione sia del 2 ° che del 3 ° comandamento. Tuttavia, riconosco che molti ancora non lo sono. La mia speranza è che gli argomenti di cui sopra daranno una pausa a coloro che non sono convinti. Anche se non è peccaminoso, considera la prudenza nell'atto. È saggio usare un'immagine del genere? La mia tesi è che, anche se non è peccaminoso, non è profiquo e non è saggio.

Note:

(1) Eric Parker, https://calvinistinternational.com/2016/01/07/calvins-take-images-jesus/

Romani 10: 14-15Apri in Logos Bible Software (se disponibile) , 17;

(2) Timoteo 3: 16-17 2 Pietro 1:19; Geremia 10: 8; Abacuc 2: 18-20.