Teologia/Fatti per regnare

Da Tempo di Riforma Wiki.

Ritorno


FATTI PER REGNARE 

Nel primissimo capitolo della Genesi, dove leggiamo della creazione dell'umanità, non si parla direttamente di glorificare Dio. Questo potrebbe essere alquanto sorprendente da considerare, poiché è una moneta comune tra i cristiani che esistiamo per glorificare Dio. Questo è certamente vero, anche se piuttosto astratto. È "il fine principale dell'uomo", come afferma il Catechismo abbreviato di Westminster. Quello che troviamo invece è che alla sua creazione, all'uomo viene assegnato un compito:

"Poi DIO disse: «Facciamo l'uomo a nostra immagine e a nostra somiglianza, ed abbia dominio sui pesci del mare, sugli uccelli del cielo, sul bestiame e su tutta la terra, e su tutti i rettili che strisciano sulla terra»”(Genesi 1:26).

La deliberazione di Dio con il suo consiglio divino [1] diventa una commissione esplicita quando l'uomo viene creato:

E DIO li benedisse; e DIO disse loro: «Siate fruttiferi e moltiplicatevi, riempite la terra e soggiogatela, e dominate sui pesci del mare, sugli uccelli del cielo e sopra ogni essere vivente che si muove sulla terra» (Genesi 1: 28).

Mentre è vero che, in termini generali, l'intera creazione è stata creata per glorificare Dio, nella creazione dell'uomo ciò che viene in primo piano è il suo compito, qujello che traduciamo con "dominio". L'essere umano deve sottomettere la creazione e dominarla in quanto è immagine di Dio. Questo in effetti è ciò che significa essere fatti a immagine di Dio: governare sulla creazione in nome di Dio, come amministratore, amministratore o governatore reale. Come un re avrebbe piantato una statua di se stesso in un territorio conquistato per rivendicare la sua pretesa di sovrano di quella terra, così Dio pianta le sue immagini viventi nel suo mondo per implementare il suo dominio su di esso.

È importante rendersi conto che questo non è secondario nella storia biblica. Il governo dell'uomo sulla creazione per conto di Dio è una realtà fondamentale e organizzativa della visione biblica del mondo. Si può trarre un indizio di ciò dalla considerazione che, poiché questo è il compito dell'uomo esposto nel primissimo capitolo della Bibbia, così è la vocazione culminante dell'uomo nell'ultimissimo capitolo della Bibbia: "E qui non ci sarà più notte alcuna e non avranno bisogno di luce di lampada né di luce di sole, perché il Signore Dio li illuminerà, ed essi regneranno nei secoli dei secoli”(Apocalisse 22: 5). Il dominio sulla creazione è il compito originale della creatura umana esposto in Genesi 1, e regnare con Cristo è il suo fine ultimo, previsto in Apocalisse 22. La santificazione e il discepolato cristiani potrebbero essere considerati fondamentalmente una questione di addestramento a governare.

Può essere stridente da ascoltare, poiché di solito pensiamo al discepolato in termini di servizio o obbedienza. Dopo tutto, nostro Signore ha detto:

Gesù disse loro: «I re delle nazioni le signoreggiano, e coloro che esercitano autorità su di esse sono chiamati benefattori.  Ma con voi non sia così; anzi il più grande fra di voi sia come il minore e chi governa come colui che serve.  Chi è infatti più grande chi siede a tavola, o colui che serve? Non è forse colui che siede a tavola? Eppure io sono in mezzo a voi come colui che serve" (Luca 22: 25-27).

Tuttavia, qui Gesù non nega la signoria o l'autorità come obiettivo degno di lode. Quello che sta facendo è mostrare il percorso verso la vera grandezza. Dopo tutto, si offre come modello di colui che serve - e qualcuno pensa che in tal modo egli neghi la propria grandezza o signoria? Inoltre, come ha detto un predicatore in un contesto diverso: se qualcuno si oppone a qualcosa di biblico leggendo una parte della Bibbia, di solito la risposta migliore è "leggi il resto del brano". In questo modo, troviamo questo:

Or voi siete quelli che siete rimasti con me nelle mie prove. Ed io vi assegno il regno, come il Padre mio lo ha assegnato a me, affinché mangiate e beviate alla mia tavola nel mio regno e sediate su troni per giudicare le dodici tribù d'Israele» (Luca 22: 28-30).

Il comando che i discepoli perseguano la servitù è precisamente affinché possano regnare con Cristo. Gesù parla dei discepoli che giudicano le Dodici Tribù, ma Paolo applica il principio in modo più ampio ai Corinti: “Non sapete voi che i santi giudicheranno il mondo? E se il mondo è giudicato da voi, siete voi indegni di giudicare dei piccoli problemi? Non sapete voi che noi giudicheremo gli angeli? Quanto più possiamo giudicare le cose di questa vita!" (1 Corinzi 6: 2-3). In Efesini 1:19 e seguenti, Paolo prega che i credenti di Efeso sarebbero stati illuminati per comprendere la grandezza del potere di Dio verso di loro:

".. illumini gli occhi della vostra mente, affinché sappiate qual è la speranza della sua vocazione e quali sono le ricchezze della gloria della sua eredità tra i santi, e qual è la straordinaria grandezza della sua potenza verso di noi che crediamo secondo l'efficacia della forza della sua potenza, che egli ha messo in atto in Cristo, risuscitandolo dai morti e facendolo sedere alla sua destra nei luoghi celesti, al di sopra di ogni principato, potestà, potenza, signoria e di ogni nome che si nomina non solo in questa età, ma anche in quella futura".

Ecco in cosa consiste alla fine la nostra salvezza: la glorificazione. Coloro che soffrono con Cristo diventano coeredi, glorificati con Lui, con la creazione soggetta al loro dominio in quanto conformi all'immagine di Cristo (Romani 8: 17-29).

Lungi dall'essere incompatibile con il perseguimento della servitù, considera Filippesi 2: 3-11. Un brano ben noto sull'umiltà di Cristo, che "sebbene fosse nella forma di Dio, non considerava l'uguaglianza con Dio una cosa da afferrare, ma non si fece nulla" e si sottomise alla morte di croce, per cui motivo "Dio lo ha altamente esaltato e gli ha conferito il nome che è al di sopra di ogni nome". Ma non perdete di vista il fatto che questo modello è predisposto per la nostra imitazione: "Abbiate in voi lo stesso sentimento che già è stato in Cristo Gesù" (v. 5). Il nostro è il modello di Giuseppe che si dimostrò fedele anche nelle sofferenze e fu elevato a governatore dell'Egitto, o di Davide che si sottomise alla provvidenza di Dio e col tempo fu unto re. Paolo dice ancora in 2 Timoteo 2:12: "se perseveriamo, regneremo pure con lui".

In Cristo, siamo stati rifatti a sua immagine, e quell'immagine è regale. Nella nostra santificazione ci stiamo addestrando per essere re e regine. Considera Colossesi 3:1-4.

"Se dunque siete risuscitati con Cristo, cercate le cose di lassù, dove Cristo è seduto alla destra di Dio. Abbiate in mente le cose di lassù, non quelle che sono sulla terra, perché voi siete morti e la vostra vita è nascosta con Cristo in Dio. Quando Cristo che è la nostra vita apparirà, allora anche voi apparirete con lui in gloria"

Qual è il comando? Significa "cercare" (la parola significa perseguire o cercare di ottenere) "le cose che sono al di sopra" e "concentrarsi su" o "pensare" a queste cose.

Ma cosa sono quelle "cose che stanno sopra"? Ci viene detto che sono associati al Cristo seduto alla destra di Dio, e sono in contrasto con le "cose sulla terra". Sarebbe un errore, tuttavia, presumere che queste "cose sulla terra" siano le cose mondane o le cose e gli sforzi secolari, come se fossimo chiamati a una sorta di ascetismo monacale. Questo sarebbe innanzitutto un errore perché l'evitamento ascetico del mondano in nome della religione è specificamente rimproverato nei versetti precedenti (Colossesi 2: 20-23). Secondo, perché le “cose sulla terra” sono spiegate in 3: 5 come vari peccati, non come attività “terrene” o secolari.

In altre parole, non dobbiamo cercare o concentrare la nostra mente sul peccato, ma sulle cose di cui sopra, dove Cristo governa alla destra di Dio. La ragione addotta per questo comando è che siamo stati risuscitati con Cristo (Colossesi 3: 1, "Se dunque siete risuscitati con Cristo, cercate le cose di lassù, dove Cristo è seduto alla destra di Dio"). Come dice Efesini, siamo cresciuti con lui e ci siamo seduti con lui nei luoghi celesti, in una posizione di governo e autorità. Quindi, concentrare la nostra mente sulle cose al di sopra, dove Cristo regna, implica la nostra pratica di quella regola nel mondo ora, ma in un modo di speranza, sapendo che la nostra vera vita è nascosta con Cristo e sarà manifestata con Lui, nella gloria. Gloria: un altro indizio che questo passaggio dovrebbe essere compreso nel contesto del governo come immagine di Dio.

Questa comprensione del passaggio nasce nelle esortazioni nei seguenti versetti (Colossesi 3: 9-10), dove siamo chiamati a spogliarci dell'uomo vecchio (Adamo) e rivestire l'uomo nuovo (Cristo), l'uomo nuovo che è specificamente detto di essere rinnovato "a immagine del suo Creatore". La frase, tratta dalla Genesi, parla di regola e dominio. Ma come disse Gesù ai suoi discepoli, questo non deve sembrare una signoria prepotente o qualsiasi tipo di sfruttamento degli altri. È piuttosto sembrare un servizio. Dobbiamo imparare l'umiltà, la mansuetudine, la compassione, la pazienza e la saggezza del governo di Cristo ora (Colossesi 3:12), ma questo è perché alla fine regneremo con lui.

È notevole, e degno di nota in conclusione, che, come prescritto dalla Legge, il compito principale del re d'Israele era quello di modellare l'umiltà (Deuteronomio 17: 19-20). Di conseguenza, il libro dei Proverbi, scritto da Salomone per i suoi figli reali, insegna la saggezza del governo (Proverbi 8:15), e Proverbi condanna a malapena qualcosa quanto l'orgoglio. Dobbiamo pensare alle nostre vite adesso come un addestramento per regnare. È un compito che fa riflettere, ma in cui Cristo con la sua parola e il suo Spirito ci permette di crescere.

"A chi vince e ritiene fino alla fine le opere mie, darò potestà sulle nazioni" (Apocalisse 2:26).

Note

[1] La maggior parte pensa che il plurale qui sia un riferimento alla Trinità, ma con scarso fondamento. Dio si riferisce a se stesso in prima persona singolare centinaia di volte nell'Antico Testamento. Se il plurale è trinitario, perché Dio quasi sempre altrove usa il singolare? Ci sono tuttavia occasioni in cui il consiglio divino è esplicitamente presente mentre Dio delibera (Isaia 6: 8; cfr. 2 Cronache 18:19 e Giobbe 1), e questo sembra lo sfondo probabile nella Genesi. L'obiezione comune a questo è che implicherebbe che gli esseri angelici condividono l'immagine divina così come l'uomo. Questa non è un'obiezione sostanziale. L'immagine di Dio consiste principalmente nella funzione dell'uomo di sotto-governante a suo favore, che è certamente anche una funzione degli angeli. L'idea che l'uomo sia unicamente l'immagine di Dio ad esclusione di tutti gli altri esseri creati è un pregiudizio.

Di Daniel Hoffman,  Teologia biblica, 2016

https://knowingscripture.com/articles/made-to-reign