Teologia/Il rapporto di Dio con il tempo

Da Tempo di Riforma Wiki.
Versione del 25 mag 2022 alle 11:21 di Pcastellina (discussione | contributi) (Pcastellina ha spostato la pagina ITeologia/l rapporto di Dio con il tempo a Teologia/Il rapporto di Dio con il tempo)
(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)

Ritorno


Il rapporto di Dio con il tempo 

 Cos'è l'eternità?  

L'eternità è durata infinita; durata scaricata da tutti i limiti, senza inizio, senza successione e senza fine. Gli studiosi lo definiscono punctum stans, un presente perenne.

Noi, tuttavia, possiamo concepire positivamente l'eternità solo come durata indefinitamente estesa dal momento presente in due direzioni, quanto al passato e quanto al futuro, impropriamente espressa come eternità a parte ante, o passato, ed eternità a parte post, o futuro . L'eternità di Dio, invece, è una e indivisibile. Externitas est una persona et tote simul.

 Che cos'è il tempo? 

Il tempo è una durata limitata, misurata dalla successione, sia di pensiero che di movimento. Si distingue in riferimento alle nostre percezioni in passato, presente e futuro.

 Che rapporto ha il tempo con l'eternità?  

L'eternità, presente immutabile, senza inizio né fine, comprende tutto il tempo e coesiste come momento indiviso, con tutte le successioni del tempo che appaiono e passano nel loro ordine.

Il pensiero è possibile per noi, tuttavia, solo nei limiti del tempo e dello spazio. Possiamo concepire Dio solo sotto il modo finito di voler prima e poi agire, prima promettere o minacciare e poi adempiere la sua parola, ecc. Colui che abita l'eternità trascende infinitamente la nostra comprensione. "Poiché così parla Colui ch'è l'Alto, l'eccelso, che abita l'eternità, e che ha nome 'il Santo" (Isaia 57:15).

 Quando diciamo che Dio è eterno, cosa affermiamo e cosa neghiamo?  

Affermiamo, in primo luogo, che quanto alla sua esistenza, non ha mai avuto inizio e non avrà mai fine; secondo, che quanto al modo della sua esistenza, i suoi pensieri, emozioni, scopi e atti sono, senza successione, uno e inseparabile, gli stessi per sempre; terzo, che è immutabile.

Neghiamo, in primo luogo, che abbia mai avuto un inizio o mai avrà una fine; secondo, che i suoi stati o di avvengano in successione; terzo, che la sua essenza, attributi o scopi cambieranno mai.

 In che senso si parla degli atti di Dio come passati, presenti e futuri?  

Gli atti di Dio non sono mai passati, presenti o futuri rispetto a Dio stesso, ma solo rispetto agli oggetti e agli effetti dei suoi atti nella creatura. Lo scopo efficiente che comprende l'oggetto preciso, il tempo e la circostanza gli è sempre presente e immutabile; l'evento, tuttavia, che si verifica nella creatura si verifica nel tempo, ed è quindi passato, presente o futuro alla nostra osservazione.

 In che senso gli eventi sono passati o futuri rispetto a Dio?  

Poiché la conoscenza di Dio è infinita, ogni evento deve, in primo luogo, essere sempre ugualmente presente alla sua conoscenza dall'eternità all'eternità; in secondo luogo, questi eventi devono essere a lui noti come accadono effettivamente in se stessi, e, nella loro vera natura, relazioni e simili– Questa distinzione, quindi, è vera––La conoscenza di Dio di tutti gli eventi è senza inizio, fine o successione ; ma li conosce in sé stessi.

Da: Outline of Theology by A. A. Hodge