Teologia/L'antropologia di Pasqua

Da Tempo di Riforma Wiki.
Versione del 19 apr 2022 alle 16:24 di Pcastellina (discussione | contributi) (Creata pagina con "Ritorno ---- = Antropologia di Pasqua = <blockquote> Le antiche visioni pagane dell'essere umano hanno infestato la chiesa e hanno portato al ritiro dei cristia...")
(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)

Ritorno


Antropologia di Pasqua

Le antiche visioni pagane dell'essere umano hanno infestato la chiesa e hanno portato al ritiro dei cristiani dal buon mondo di Dio. La Pasqua ribalta radicalmente questo errore. Perché ad Atene Paolo era stato deriso quando parla della risurrezione? Se percepiamo il nostro compito cristiano come una fuga piuttosto che una vittoria, abbandoneremo il buon mondo di Dio a Satana e non insisteremo sulle sue pretese ovunque, non solo nelle famiglie e nelle chiese, ma nei nostri affari, economia, intrattenimento, musica, arte e letteratura e scienza e tecnologia.

Di P. Andrew Sandlin (15-4-2022)

L'antropologia è lo studio dell'essere umano. La Pasqua come commemorazione della risurrezione di nostro Signore presuppone un'antropologia particolare. Rivela anche il grande scandalo del cristianesimo sia nel mondo antico che in quello moderno.

L’antropologia greca classica

Il mondo in cui emerse il cristianesimo era pervaso dall'antropologia greca, o classica. L'essere umano era considerato la composizione di un corpo materiale, temporale e di un'anima immateriale, eterna. L'anima è la parte immateriale, sostanziale, dell'essere umano. L'anima è il "vero te".

Per molti degli antichi, il corpo era un involucro temporale, persino una prigione in cui le anime eterne erano temporaneamente rinchiuse. La morte era considerata una grande liberazione, perché l'anima eterna potrebbe allora esistere di nuovo senza i confini del corpo nel mondo materiale. Platone credeva che le anime fossero eterne: non avevano né inizio né fine. Questa era una parte importante della sua intera filosofia: il mondo visibile e materiale è un modello inferiore del mondo immateriale, ideale. Ogni sedia sulla terra, ad esempio, è un riflesso imperfetto dell'ideale dell'eterna nozione di sedia.

Il corpo è un veicolo per relazionarsi con il mondo materiale. Ma poiché quel mondo non è il mondo reale e superiore, il corpo è temporaneo e usa e getta. Il corpo è l'automobile che gira intorno alla cosa veramente importante: l'anima. L'anima è il vero te, e il corpo un'appendice necessaria in questa vita. Questa visione condivide caratteristiche con la prima eresia cristiana, lo gnosticismo.

Potete quindi capire perché gli Ateniesi classici ascoltarono educatamente il sermone di Paolo all'Areopago finché egli invocò la risurrezione (Atti 17:32). A quel punto, lo avevano deriso. Dopotutto, l'intero obiettivo della vita era considerato quello di liberarsi del corpo. Recuperare il corpo significava per loro sconfiggere lo scopo stesso della vita, che è la liberazione dal materiale, dal temporale e dal terreno.

Antropologia ebraica biblica

Ciò è in radicale contrasto con l'antropologia biblica, radicata nelle Scritture Ebraiche. In effetti, lo incontriamo nel primo capitolo della Bibbia. Quando leggiamo in Genesi 1 che Dio plasma l'essere umano dalla polvere della terra, che soffia nelle sue narici il soffio della vita e che l'essere umano era diventato un'anima vivente, o essere, incontriamo i fondamenti dell'antropologia biblica: l'essere umano è costituito come un'unione creazionalmente indissolubile di (1) respiro divinamente imposto entro (2) terreno modellato in modo creativo. Ecco cos'è un'"anima". L'anima è un suolo modellato e riempito di Spirito.

La composizione dell'essere umano

L'essere umano è una combinazione di terreno costruito in modo creativo più il respiro di Dio. Ciò che rende speciale il corpo dell'essere umano non è la sua intrinseca composizione materiale, perché è semplicemente “polvere”, ma che polvere straordinariamente costruita!

Pensa alle sculture di sabbia. Stiamo camminando lungo la spiaggia e non pensiamo alla sabbia comune e ordinaria su cui stiamo camminando. E poi vediamo una notevole scultura di una focena o di una sirena. Siamo stupiti dal design intricato. Non è la sabbia che è impressionante; è la configurazione creativa. Lo stesso vale, in modo molto più elevato ed esaltato, ovviamente, con il corpo umano.

L'anima non è una parte inconsistente dell'essere umano a differenza del corpo. Anima è sinonimo di essere, o vita, o persona. Quando leggi "anima" nella Bibbia, sostituite mentalmente "essere" o "persona".

Resurrezione corporea, non immortalità dell'anima

In contrasto con l'antropologia classica, la maggior parte dell'antropologia moderna è stata materialista: l'essere umano è una combinazione di sangue osseo e impulsi elettrici e chimici. Non ci sono metafisiche. Non c'è Dio, Satana, angeli, demoni, paradiso o inferno. Questa triste e disperata antropologia è alla base della famosa dichiarazione di Carl Sagan: "Il Cosmo è tutto ciò che è, è stato o sarà". Questo è il mito antropologico della scienza atea.

Materialismo spirituale

In contrasto sia con l'(1) antropologia classica dualista che con (2) l'antropologia moderna riduzionista sta (3) l'antropologia biblica, che possiamo chiamare materialismo spirituale . L'essere umano in tutta la sua gloria conferita da Dio è un essere completamente materiale e le parti spirituali o immateriali dell'essere umano o della donna inestricabilmente nel suo corpo. La morte crea una tragica separazione tra questi due che Dio non ha mai voluto. Lo spirito, o respiro, può esistere senza il corpo, ma questa condizione è anormale; non sarebbe mai esistito se l'essere umano non avesse mai peccato, e l'essere umano alla morte separato dal corpo non sarà più pienamente umano fino alla risurrezione. Essere privati di un corpo è, in un senso molto reale, essere subumani (leggete l'avversione di Paolo alla disincarnazione in 2 Corinzi 5:1–5).

Escatologia antropologica

Nella Bibbia, l'escatologia antropologica (l'escatologia è lo studio delle cose future) si concentra sulla risurrezione del corpo. Nel mondo classico, l'accento era posto sull'immortalità dell'anima. Il corpo perisce, ma l'anima vive per sempre.

Sfortunatamente, la maggior parte dei padri della chiesa e gran parte della chiesa in generale hanno abbracciato e perpetuato questa falsa antropologia greca, piuttosto che continuare la visione olistica dell'essere umano nell'antropologia biblica. Questa visione classica ha introdotto pesanti nozioni di dualismo e persino di gnosticismo nella chiesa cristiana di cui siamo ancora afflitti.

Conseguenze

Poiché le idee hanno conseguenze e le cattive idee hanno cattive conseguenze e i cattivi ideali teologici hanno le peggiori conseguenze di tutte, le conseguenze di un'antropologia classica sbagliata sono state gravi. Se il corpo è inferiore e scartabile, le cose materiali e questa vita terrena devono essere relativamente poco importanti per il cristiano. I cristiani desiderano morire e andare in paradiso, anche se la Bibbia non dice assolutamente nulla al riguardo. Ci dice che quando moriremo, saremo con il Signore, così come ci dice che nello stato eterno i cieli e la terra nuovi (o rinnovati) si fonderanno l'uno con l'altro, e Dio stesso dimorerà eternamente in questa ri-creazione (Apocalisse 21). Apparentemente Dio stesso non è offeso dalla materialità, poiché vi abiterà eternamente!

Se vediamo l'obiettivo della vita come fuga dal mondo materiale e catapulta nell'altro, fraintenderemo completamente il regno di Dio , il regno progressivo di Dio in questo mondo mediante la predicazione del vangelo sotto il potere dello Spirito. Capiremo che quando Gesù dichiarò a Pilato che il suo regno non è di questo mondo (Giovanni 18:36), intendeva dire che la sua fonte non è la fonte di Pilato, all'interno della storia. Non voleva dire che il suo regno non si occupasse di questo mondo, poiché siamo chiamati a pregare che il suo regno venga sulla terra come in cielo. Quando Paolo scrive che dobbiamo cercare le cose di lassù, e non quelle di questa terra (Colossesi 3:1–2), non voleva dire che dovremmo essere indifferenti alle cose materiali, ma che la fonte del nostro affetto non dovrebbe sorgere in questo mondo ma nella nostra devozione a Dio stesso.

Se percepiamo il nostro compito cristiano come una fuga piuttosto che una vittoria, abbandoneremo il buon mondo di Dio a Satana e non insisteremo sulle sue pretese ovunque, non solo nelle famiglie e nelle chiese, ma nei nostri affari, economia, intrattenimento, musica, arte e letteratura e scienza e tecnologia ecc. Capiremo che quando diciamo che Gesù è il Signore, intendiamo dire che è il Signore ovunque .

Conclusione

La Pasqua commemora un evento “olistico”. Cristo è risorto in ogni aspetto del suo essere, corpo, spirito, intelletto, volontà ed emozioni, perché ogni aspetto dell'essere umano è caduto sotto la maledizione del giudizio di Dio. Come mai? perché ogni aspetto dell'essere umano è decaduto nell’Eden. Ciò che il peccato ha corrotto Dio è redime e restaura. Dove limitava il peccato, la grazia limitava molto di più.

La Pasqua mostra che tutta la creazione è intrinsecamente buona e la risurrezione di Cristo è una “primizia” della redenzione integrale dell'essere umano (1 Corinzi 15:20, 23), non solo dell'essere umano, ma di tutta la creazione (Romani 8:20–23). La Pasqua, quindi, nel ricordare la risurrezione di nostro Signore, celebra anche l'“olismo” dell'essere umano.

Poiché il primo Adamo ha portato l'intera persona al peccato, il Secondo Adamo (Gesù Cristo) sta salvando l'intera persona (Romani 5:12–21). Quella salvezza non sarà completamente completata fino alla risurrezione finale. Ma è iniziata ora, nell'era pre-eterna.

La Pasqua quindi promette grandi vittorie nell'era presente. Celebrare la Pasqua è celebrare non solo l'attuale vittoria di Cristo, ma anche per la sua, nostra.