Differenze tra le versioni di "Teologia/La sovranità di Dio nella santificazione"

Da Tempo di Riforma Wiki.
(Creata pagina con "Ritorno ---- = La sovranità di Dio nella santificazione  = di Hanko Herman Domanda: “La santificazione è generalmente monergica o sinergica? O possia...")
 
 
Riga 1: Riga 1:
[[Teologia|Ritorno]]  
+
 
 +
[[Teologia|Ritorno]]
 +
 
 
----
 
----
  
Riga 5: Riga 7:
  
 
di Hanko Herman
 
di Hanko Herman
 
+
<blockquote>
 
Domanda: “La santificazione è generalmente monergica o sinergica? O possiamo ritenerla monergica in senso definitivo e sinergica nella sua progressiva attività? Sbaglio se ritengo che la santificazione sia monergistica? O sto entrando nell'Arminianesimo se credo che la santificazione sia sinergica? Per definire i termini: se monergismo significa che solo Dio è la causa sovrana della nostra salvezza e il sinergismo è che cooperiamo/partecipiamo a questa causa, questi termini sono appropriati secondo te per essere usati nella dottrina della santificazione?”
 
Domanda: “La santificazione è generalmente monergica o sinergica? O possiamo ritenerla monergica in senso definitivo e sinergica nella sua progressiva attività? Sbaglio se ritengo che la santificazione sia monergistica? O sto entrando nell'Arminianesimo se credo che la santificazione sia sinergica? Per definire i termini: se monergismo significa che solo Dio è la causa sovrana della nostra salvezza e il sinergismo è che cooperiamo/partecipiamo a questa causa, questi termini sono appropriati secondo te per essere usati nella dottrina della santificazione?”
 
+
</blockquote>
Il testo a cui si riferisce lo scrittore è Filippesi 2:12-13 : “compiete la vostra salvezza con timore e tremore;&nbsp;&nbsp;poiché Dio è quel che opera in voi il volere e l'operare, per la sua benevolenza».
+
Il testo a cui si riferisce lo scrittore è Filippesi 2:12-13&nbsp;: “compiete la vostra salvezza con timore e tremore;&nbsp;&nbsp;poiché Dio è quel che opera in voi il volere e l'operare, per la sua benevolenza».
  
 
La risposta alla domanda di chi scrive è: La santificazione è assolutamente monergistica nel suo senso definitivo e nel suo senso progressivo. Lasciatemi spiegare.
 
La risposta alla domanda di chi scrive è: La santificazione è assolutamente monergistica nel suo senso definitivo e nel suo senso progressivo. Lasciatemi spiegare.
Riga 38: Riga 40:
 
Ma Dio fa di più; Egli opera in noi anche il fare. Questo è un linguaggio forte. Dio Stesso esegue il fare reale. Non lascia a noi il compito di operare la nostra salvezza, ma fa anche questo. Non c'è più niente da fare. Dio fa tutto.
 
Ma Dio fa di più; Egli opera in noi anche il fare. Questo è un linguaggio forte. Dio Stesso esegue il fare reale. Non lascia a noi il compito di operare la nostra salvezza, ma fa anche questo. Non c'è più niente da fare. Dio fa tutto.
  
Eppure siamo ammoniti a farlo, e in realtà facciamo ciò che Egli comanda. Com'è possibile? La risposta si trova nell'ultima parte di Filippesi 2:13 : "per la sua benevolenza". Cioè, Dio ha uno scopo nel salvarci. Questo scopo è la gloria del Suo stesso nome. Raggiunge questo scopo consentendoci di compiere buone opere: realizzare la nostra propria salvezza. Fa il volere e il fare. Ma lo fa attraverso di noi. Lo fa attraverso di noi in modo che lo facciamo. Lo fa attraverso di noi come una mamma insegna al suo bambino a camminare: dando al bambino la voglia di camminare, tenendolo in piedi tenendogli le manine e muovendo un piede alla volta in avanti passo dopo passo.
+
Eppure siamo ammoniti a farlo, e in realtà facciamo ciò che Egli comanda. Com'è possibile? La risposta si trova nell'ultima parte di Filippesi 2:13&nbsp;: "per la sua benevolenza". Cioè, Dio ha uno scopo nel salvarci. Questo scopo è la gloria del Suo stesso nome. Raggiunge questo scopo consentendoci di compiere buone opere: realizzare la nostra propria salvezza. Fa il volere e il fare. Ma lo fa attraverso di noi. Lo fa attraverso di noi in modo che lo facciamo. Lo fa attraverso di noi come una mamma insegna al suo bambino a camminare: dando al bambino la voglia di camminare, tenendolo in piedi tenendogli le manine e muovendo un piede alla volta in avanti passo dopo passo.
  
 
Abbiamo il privilegio di essere usati da Dio per realizzare il Suo scopo nella nostra salvezza operando Egli Stesso ciò che dobbiamo fare, ma sempre dentro e attraverso di noi.
 
Abbiamo il privilegio di essere usati da Dio per realizzare il Suo scopo nella nostra salvezza operando Egli Stesso ciò che dobbiamo fare, ma sempre dentro e attraverso di noi.
Riga 44: Riga 46:
 
Agostino molti secoli fa disse: "Dammi ciò che comandi e comanda ciò che vuoi".
 
Agostino molti secoli fa disse: "Dammi ciò che comandi e comanda ciò che vuoi".
  
[http://www.prca.org/resources/publications/cr-news/item/1637-god-s-sovereignty-in-sanctification]
+
[http://www.prca.org/resources/publications/cr-news/item/1637-god-s-sovereignty-in-sanctification [1]]
  
[[Category:Sovranità di Dio]][[Category:Santificazione]]
+
[[Category:Sovranità di Dio]] [[Category:Santificazione]]

Versione attuale delle 18:33, 18 mag 2022

Ritorno


La sovranità di Dio nella santificazione 

di Hanko Herman

Domanda: “La santificazione è generalmente monergica o sinergica? O possiamo ritenerla monergica in senso definitivo e sinergica nella sua progressiva attività? Sbaglio se ritengo che la santificazione sia monergistica? O sto entrando nell'Arminianesimo se credo che la santificazione sia sinergica? Per definire i termini: se monergismo significa che solo Dio è la causa sovrana della nostra salvezza e il sinergismo è che cooperiamo/partecipiamo a questa causa, questi termini sono appropriati secondo te per essere usati nella dottrina della santificazione?”

Il testo a cui si riferisce lo scrittore è Filippesi 2:12-13 : “compiete la vostra salvezza con timore e tremore;  poiché Dio è quel che opera in voi il volere e l'operare, per la sua benevolenza».

La risposta alla domanda di chi scrive è: La santificazione è assolutamente monergistica nel suo senso definitivo e nel suo senso progressivo. Lasciatemi spiegare.

Vi sono coloro ai quali evidentemente lo scrittore si riferisce i quali insegnano che, sebbene Dio, senza l'aiuto dell'uomo, cominci l'opera di santificazione nel cuore del peccatore eletto, Dio, iniziata l'opera, lascia ora al peccatore di mantenere quell'opera di santificazione e aumentare la sua influenza nella sua vita. Dio inizia l'opera; l'uomo santificato compie quell'opera con i suoi propri sforzi.

La giustificazione di questa posizione dovrebbe essere che il testo ammonisce colui che è salvato a realizzare la sua salvezza. E poiché un'ammonizione implica la capacità dell'uomo di fare ciò che è comandato, quindi, l'opera continua di santificazione (operare la propria salvezza) è opera dell'uomo. Dio lo fa iniziare; l'uomo deve completarlo. Questo è davvero l'Arminianesimo della peggior specie.

La santificazione è l'opera di Dio per mezzo della quale, e mediante la potenza dello Spirito Santo di Cristo, Jahvè purifica il Suo popolo dalla sua totale depravazione e lo rende santo così come Egli è santo.

La santificazione è, tuttavia, un'opera che Dio compie solo in linea di principio nella nostra vita nel mondo. Cioè, i nostri cuori sono santificati. I nostri cuori sono il centro morale di tutta la nostra natura (Proverbi 4:23). La nostra natura rimane depravata, mentre i nostri cuori sono purificati dal peccato. Tuttavia, la santità che ora caratterizza i nostri cuori ha una grande influenza sulla nostra natura, perché lo Spirito opera la santificazione nei nostri cuori e dà alla santificazione il suo potere di avere il dominio sulle attività della nostra natura.

Forse un'analogia approssimativa e inadeguata sarebbe la relazione tra il proprietario di un pitbull e il cane stesso. Il proprietario può, con un forte guinzaglio, tenere a freno il pitbull, proprio come lo Spirito Santo, attraverso il cuore santificato, trattiene la nostra natura dal commettere molti peccati. Il proprietario di un pitbull può persino addestrare l'animale a obbedire ai suoi comandi, proprio come lo Spirito Santo consente alla nostra natura, contrariamente alla sua depravazione, di obbedire a Dio.

Eppure resta vero che, come dice il  Catechismo di Heidelberg  , «abbiamo solo un piccolo inizio della [nuova] obbedienza» (A. 114) e «le nostre migliori opere in questa vita sono tutte imperfette e contaminate dal peccato» (A. 62). Dobbiamo aspettare la nostra morte affinché la santificazione sia completata nelle nostre anime e che Cristo venga alla fine di questa età affinché la santificazione sia completata nei nostri corpi.

Tutto è opera di Dio per mezzo dello Spirito di Cristo. Non una cosa ci è rimasta.

Ma perché allora l'ammonimento: “Compiete la vostra salvezza”?

Dovremmo notare prima di tutto la parolina “poiché” con cui inizia il versetto 13. Se il testo dicesse "Fai la tua stessa salvezza ... sebbene sia Dio che opera in te", il testo sosterrebbe l'antinomismo, cioè l'idea che non possiamo prendere sul serio l'ammonimento perché non siamo in grado di obbedirlo.

Se il testo dicesse: "Fai la tua propria salvezza... ed è Dio che opera in te", il testo sarebbe arminiano perché insegnerebbe il sinergismo, cioè l'eresia che Dio e l'uomo lavorano insieme per realizzare la salvezza. Mi viene in mente una scuola secondaria che si definiva cristiana che aveva come motto per il diploma degli anziani: "Fai del tuo meglio e lascia che Dio faccia il resto".

Ma il testo dice: "compiete la vostra salvezza con timore e tremore;  poiché Dio è quel che opera". La parola "poiché" significa "perché:" dobbiamo operare la nostra salvezza perché Dio opera in noi. Cioè, dobbiamo elaborare la nostra salvezza perché Dio ci dà tutto ciò di cui abbiamo bisogno per farlo e ci consente di farlo.

Su questo il testo è enfatico. Dio opera in noi la volontà; siamo resi disponibili a realizzare la nostra salvezza. Vogliamo farlo. Vogliamo, a volte disperatamente, farlo. E la volontà deve esserci prima di ogni altra cosa.

Ma Dio fa di più; Egli opera in noi anche il fare. Questo è un linguaggio forte. Dio Stesso esegue il fare reale. Non lascia a noi il compito di operare la nostra salvezza, ma fa anche questo. Non c'è più niente da fare. Dio fa tutto.

Eppure siamo ammoniti a farlo, e in realtà facciamo ciò che Egli comanda. Com'è possibile? La risposta si trova nell'ultima parte di Filippesi 2:13 : "per la sua benevolenza". Cioè, Dio ha uno scopo nel salvarci. Questo scopo è la gloria del Suo stesso nome. Raggiunge questo scopo consentendoci di compiere buone opere: realizzare la nostra propria salvezza. Fa il volere e il fare. Ma lo fa attraverso di noi. Lo fa attraverso di noi in modo che lo facciamo. Lo fa attraverso di noi come una mamma insegna al suo bambino a camminare: dando al bambino la voglia di camminare, tenendolo in piedi tenendogli le manine e muovendo un piede alla volta in avanti passo dopo passo.

Abbiamo il privilegio di essere usati da Dio per realizzare il Suo scopo nella nostra salvezza operando Egli Stesso ciò che dobbiamo fare, ma sempre dentro e attraverso di noi.

Agostino molti secoli fa disse: "Dammi ciò che comandi e comanda ciò che vuoi".

[1]