Teologia/La teologia è insegnata da Dio, insegna Dio e conduce a Dio

Da Tempo di Riforma Wiki.

Ritorno


La teologia è insegnata da Dio, insegna Dio e conduce a Dio

...et ad Deum Ducit

Se le nostre attività teologiche non producono il risultato pratico della gioia doxologica, allora abbiamo perso il punto. Sarebbe come imparare tutto quello che puoi su una donna e non chiederle mai un appuntamento. C'è un detto teologico medievale che afferma: theologia a Deo docetur, Deum docet, et ad Deum ducit. La teologia è insegnata da Dio, insegna Dio e conduce a Dio. Ma cosa significa questo? Per capire, esamineremo un componente alla volta. Lavoreremo all'indietro: ...e a Dio conduce.

La teologia non è una scienza astratta che ha come scopo principale il raggiungimento della conoscenza. La conoscenza, soprattutto la conoscenza teologica, oltre a una crescente santificazione e unione vitale con Cristo, genera arroganza. Se lo scopo principale dell'uomo è glorificare Dio e goderne appieno per sempre (vedere il Catechismo minore e maggiore di Westminster), allora tutte le azioni dell'uomo dovrebbero essere orientate a questo fine. L'indagine teologica non è diversa. Quando arriviamo alle Scritture e impegniamo la nostra ragione per capire ciò che Dio ha detto di se stesso, il punto non è semplicemente gonfiare il nostro ego mediante l'acquisizione della conoscenza.

Il punto è quello di conoscere non solo su Dio, ma per conoscere Dio e di vivere per lui per mezzo di Cristo .

È necessaria una teologia cristiana che abbracci Cristo e sia teorico-pratica. Vale a dire, non è solo teorico, che riposa in una sorta di contemplazione della verità, né solo pratico, considerando indifferente la conoscenza della verità. Piuttosto, la teologia cristiana unisce la teoria alla pratica ed è "una conoscenza della verità secondo la pietà" (Tito 1:1). E la dottrina secondo la pietà, con la quale sappiamo e facciamo, è composta di fede e amore …" [Petrus Van Mastricht, Prolegomena , trad. Todd Rester, ed. Joel Beeke, vol. 1, Teologia teorico-pratica (Grand Rapids: Reformation Heritage Books, 2018), 78-79].

Se le nostre attività teologiche non producono il risultato pratico della gioia doxologica, allora abbiamo perso il punto della questione. Sarebbe come imparare tutto quello che puoi su una donna e non chiederle mai un appuntamento. Studiare le simpatie, le antipatie e altri fatti su di lei è accattivante e affascinante se l'obiettivo è una relazione ... ma in assenza di tale scopo è inquietante e snervante. La differenza tra conoscere qualcuno e stalking è l'intenzione di entrare in una relazione genuina.

Anche se dobbiamo stare attenti a non equiparare troppo la nostra relazione con Dio con il romanticismo terreno, il principio è vero. Il fine principale dell'uomo, e quindi l'intento principale di Dio nel rivelarsi all'uomo, è che l'uomo non solo dia gloria a Dio, ma goda anche di Dio per sempre.

Stai leggendo questo articolo nel tentativo di vivere per Dio attraverso Cristo? Spero di sì. Stai partecipando al dibattito teologico online cercando di glorificare Dio e godertelo per sempre? Hai capito bene che la teologia non è solo teorica, ma deve anche essere pratica?

Di Tony Arsenal (3.6.2019)

Deum docet

Senza un Dio come soggetto della nostra teologia ... non ci sarebbe teologia da studiare. Senza un Dio come soggetto della nostra teologia, non ci sarebbe nessuno studente a studiare teologia.

Abbiamo introdotto un detto teologico medievale: theologia a Deo docetur, Deum docet, et ad Deum ducit. Questa frase, quando tradotta, significa “La teologia è insegnata da Dio, insegna Dio e conduce a Dio.

Ora esamineremo quella frase centrale: insegna Dio

Sebbene sia leggermente ambigua, questa frase raffigura Dio come la materia che viene insegnata. E’più come "ho insegnato biologia".

Anche se sembra strano, e molti obietterebbero all'idea di trattare Dio come materia di studio (ci arriveremo), questo è il significato di questa frase.

Possiamo ulteriormente suddividere questo concetto in tre principi.

Principium Essendi. Il principium essendi o Principio dell'Essere, è la realtà con cui studiamo. È la cosa studiata. In sostanza, scusate il gioco di parole, è un riconoscimento del fatto che se non ci fosse materia esistente, non ci sarebbe materia da studiare.

Nella teologia cristiana si può anche parlare di principium existendi. Vale a dire, non solo è vero che se Dio non esistesse, non ci sarebbe studio di Dio. Ma se Dio non esistesse, non ci sarebbero studenti per studiare Dio.

“Così Dio era il fondamento essenziale (principium essendi) o il principio di esistenza (principium existendi) di tutto ciò che è stato creato, quindi anche della scienza e specificamente di nuovo della teologia” [Herman Bavinck, Prolegomena , ed. John Bolt, trad. John Vriend, vol. 1, 4 voll., Reformed Dogmatics (Baker, 2003), 211-212].

Dobbiamo capire che ciò che stiamo studiando in teologia non è semplicemente una riflessione sull'esperienza religiosa. Non è semplicemente la storia dei pensieri che le persone hanno avuto su Dio, o la speculazione filosofica su Dio.

L'argomento del nostro studio stesso è Dio stesso.

Principium Cognoscendi Externum. Tuttavia, non siamo in grado di accedere a Dio direttamente. Non possiamo esaminarlo al microscopio. Non può essere costretto al nostro studio. Tratteremo i dettagli più avanti, ma questa realtà ci porta al nostro secondo (e terzo) principio.

Il principium cognoscendi externum (che significa principio esterno di conoscenza) è quel mezzo con cui possiamo studiare Dio e arrivare a conoscerlo. Nella teologia cristiana riconosciamo due distinti principia in questa arena.

La prima è la Rivelazione Generale (a volte chiamata rivelazione naturale, in riferimento al modo di rivelazione). Questa rivelazione è cosiddetta generale per due ragioni principali.

In primo luogo, è generale nel suo ambito. Rivela dettagli generali su Dio. Ci insegna ciò che si può sapere di Dio mediante l'osservazione delle cose che Dio ha creato.

“...poiché ciò che si può conoscere di Dio è manifesto in loro, perché Dio lo ha loro manifestato. Infatti le sue qualità invisibili, la sua eterna potenza e divinità, essendo evidenti per mezzo delle sue opere fin dalla creazione del mondo, si vedono chiaramente...” (Romani 1: 19-20a).

Possiamo osservare ciò che è stato fatto e conoscere certe cose su chi lo ha fatto. Possiamo sapere che Dio deve essere eterno perché se c'è qualcosa, deve esserci qualcosa che è sempre stato. Possiamo sapere che Dio è potente perché qualcuno che non era infinitamente potente non poteva tirare fuori qualcosa dal nulla.Sebbene alcuni esitino a questa idea, anche alcuni all'interno della nostra tradizione riformata, è sempre stata una parte del tessuto del nostro pensiero su Dio.

“La stessa luce della natura nell'uomo e le opere di Dio dichiarano chiaramente che esiste un Dio...” (Catechismo maggiore di Westminster, D2)

Il secondo modo in cui possiamo parlare di rivelazione generale è che generalmente viene rivelata a tutti gli uomini. Le cose che sono state chiaramente dichiarate su Dio, che ci dicono che esiste un Dio, sono state dichiarate universalmente. Non c'è angolo della creazione in cui questa realtà non si presenti. Poiché Dio è sia il principium essendi che il principium existendi , non c'è nulla che non sia stato creato da Dio. Per questo l'uomo non ha scuse.

" affinché siano inescusabili. Poiché, pur avendo conosciuto Dio, non l'hanno però glorificato né l'hanno ringraziato come Dio, anzi sono divenuti insensati nei loro ragionamenti e il loro cuore senza intendimento si è ottenebrato” (Romani 1: 20b-21).

Tuttavia, possiamo anche parlare di rivelazioni speciali o particolari. Questa rivelazione speciale in passato è arrivata a noi in molti modi diversi.

Dio, dopo aver anticamente parlato molte volte e in svariati modi ai padri per mezzo dei profeti...” (Ebrei 1:1).

Tuttavia, la rivelazione è stata ora centralizzata nell'incarnazione della Seconda Persona della Trinità.

"...in questi ultimi giorni ha parlato a noi per mezzo di suo Figlio” (Ebrei 1: 2a).

Dio si è rivelato in modo più chiaro e specifico inviando suo Figlio nel mondo e nominandolo Profeta per eccellenza . Tuttavia, questo Profeta è asceso al cielo, ma non ci ha lasciato senza una sicura testimonianza.

"Cristo assolve alla funzione di profeta rivelando alla Sua chiesa, in ogni età, mediante lo Spirito e la Parola, in diversi modi di amministrazione, l'intera volontà di Dio in tutto ciò che concerne la loro edificazione e salvezza” (Catechismo maggiore di Westminster, D43).

Ma il Profeta non si rivela più in modi e amministrazioni diverse, perché il perfetto è arrivato e il parziale è stato abolito (Corinti 13:10). Invece, vediamo che questa speciale rivelazione di Dio e riguardo a Dio ci è stata data nelle Sacre Scritture, per la nostra edificazione e la preservazione della Chiesa.

“... per meglio preservare la verità, negli interessi di una sua migliore propagazione e per il più sicuro stabilimento e consolazione della Chiesa, contro la corruzione della carne e la malizia del mondo e di Satana, Egli ha provveduto a consegnare la stessa completamente alle lettere. Il che rende la Sacra Scrittura massimamente necessaria, essendo cessati tutti i modi attraverso i quali Egli rivelava precedentemente la Sua volontà al Suo popolo” (Confessione di fede di Westminster, 1.1).

Principium Cognoscendi Internum. Tuttavia, non tutti coloro che leggono le Scritture, o osservano l'universo che dichiara chiaramente che esiste un Dio, riconoscono colui a cui testimoniano. Questo ci porta al terzo e ultimo principio della teologia. Il principium cognoscendi internum, o principio interiore del sapere, è infatti lo Spirito Santo e la fede che egli crea in noi.

Come abbiamo osservato sopra, la rivelazione del Profeta di Dio non ci fa conoscere il Padre solo mediante la sua parola, ma anche tramite il suo Spirito.

" Or l'uomo naturale non riceve le cose dello Spirito di Dio, perché sono follia per lui, e non le può conoscere, poiché si giudicano spiritualmente” (1 Corinzi 2:14).

La nostra mente e il nostro cuore sono oscurati dal peccato, dalla ribellione e dall'egoismo. Ciò che si può conoscere di Dio per natura è stato reso manifesto davanti a noi, ma a parte un'opera speciale dello Spirito di Dio, sopprimeremo sempre quella verità nell'ingiustizia. Per questo motivo i Riformati hanno sempre capito e insegnato che la rigenerazione include non solo la fede, ma la conoscenza e la volontà.

“La vocazione efficace è l'opera dello Spirito Santo per la quale, dimostrandoci [la realtà] del nostro peccato e della nostra miseria, illuminando la nostra mente nella conoscenza di Cristo e rinnovando la nostra volontà, Egli ci persuade e ci mette in grado di abbracciare il Cristo che ci è gratuitamente offerto nell'Evangelo” (Catechismo minore, D31).

Il principio della conclusione. Per riassumere tutto ... ciò che significa che la teologia insegna a Dio, è che senza un Dio come soggetto della nostra teologia ... non ci sarebbe teologia da studiare. Senza un Dio come soggetto della nostra teologia, non ci sarebbe nessuno studente a studiare teologia. E sebbene ciò che si può conoscere di Dio sia evidente a tutti dalla realtà esterna, Dio stesso è anche attivo nell'insegnarci dall'interno.

Tony Arsenal (10 giugno 2019)

Theologia a Deo docetur

Eccoci alla parte finale della nostra breve serie sull'assioma scolastico cristiano theologia a Deo docetur, Deum docet , et ad Deum ducit. Quando tradotta, questa frase significa "La teologia è insegnata da Dio, insegna a Dio e conduce a Dio".

Più o meno, questa frase racchiude in sé la disciplina teologica chiamata prolegomeni. Prolegomena è la teologia delle cose prime. Sono le cose che dobbiamo dire prima di poter dire qualsiasi altra cosa. Più di uno studioso l'ha paragonato a schiarirsi la gola prima di iniziare la lezione.

Allora perché ci preoccupiamo di farlo? Perché puliamo le nostre gole teologiche prima di iniziare?

Il motivo è semplice perché il cristianesimo è diverso da ogni altra religione. Questa differenza è dimostrata nella frase odierna.

Solo Dio conosce veramente Dio. Per capire cosa si intende con la frase, la teologia è insegnata da Dio, dobbiamo capire la differenza tra teologia archetipica ed ettipica .

La conoscenza archetipica o teologia è la teologia originale. È la teologia che Dio conosce di se stesso. Vale a dire, la teologia archetipica è la conoscenza di sé di Dio. Inoltre, a causa di ciò che Dio ha rivelato riguardo alla sua semplicità divina, la conoscenza archetipica non è solo la conoscenza di sé di Dio, ma in realtà è Dio stesso. La conoscenza che Dio ha di se stesso è semplicemente il suo semplice essere. Proprio come il suo essere è perfetto, così è anche la sua conoscenza di sé. Proprio come il suo essere è infinito e completo, così è anche la sua conoscenza di sé.

Tuttavia, gli esseri umani non possono comprendere l'infinito, perché siamo finiti. Non possiamo comprendere il semplice, perché siamo compositi. Quindi, Dio deve rivelarsi a noi sotto gli auspici di mezzi finiti e compositi.

Questa conoscenza rivelata adattata è ciò che chiamiamo conoscenza ectypal . La conoscenza ectipica è la copia imperfetta, ma comunque fedele, dell'archetipo originale.

La teologia ectipica è insegnata da Dio. Tuttavia, questa conoscenza deve ancora essere insegnata. Anche la rivelazione generale, che è ... beh ... generalmente disponibile, è ancora insegnata da Dio. Mentre è vero che le nostre facoltà razionali possono accedere alla vera rivelazione che Dio ci ha comunicato attraverso la natura (Romani 1: 19a), è ancora Dio che l'ha fatta conoscere (Romani 1:19b). Qualsiasi vera conoscenza di Dio che chiunque possiede, la possiede perché Dio l'ha rivelata.

Un altro modo per dirlo è che la conoscenza di Dio è disponibile solo attraverso l'auto-rivelazione di Dio.

Questo diventa accresciuto e accentuato quando parliamo di rivelazioni speciali. Mentre la rivelazione generale ci dà accesso a ... beh ... informazioni generali su Dio. I dettagli su Dio sono disponibili solo attraverso una particolare rivelazione speciale che ha dato a coloro che sceglie.

Possiamo sapere che c'è un Dio che è un potente Creatore attraverso la sua creazione. Ma non possiamo sapere che questo Creatore è il Padre, che parla tramite il Figlio e si comunica attraverso lo Spirito.

Possiamo sapere che c'è un Dio che sta riversando la sua ira contro l'empietà e l'ingiustizia degli uomini ... ma non possiamo sapere che questo Dio è il Padre, che esegue il giudizio tramite suo Figlio e lo applica tramite il suo Spirito.

L'ultima parola insegnata. Inoltre, come cristiani, crediamo di aver ricevuto l'ultima parola di verità in modo supremo nella persona e nell'insegnamento del Verbo incarnato.

“Dio, dopo aver anticamente parlato molte volte e in svariati modi ai padri per mezzo dei profeti, in questi ultimi giorni ha parlato a noi per mezzo di suo Figlio, che egli ha costituito erede di tutte le cose, per mezzo del quale ha anche fatto l'universo. Egli, che è lo splendore della sua gloria e l'impronta della sua essenza e che sostiene tutte le cose con la parola della sua potenza, dopo aver egli stesso compiuto l'espiazione dei nostri peccati, si è posto a sedere alla destra della Maestà nell'alto dei cieli” (Ebrei 1: 1-3).

L'autore di Ebrei ci insegna che è certamente vero che in passato Dio ha dato la rivelazione attraverso una varietà di mezzi. Ha dato alla gente sogni e visioni. Ha dettato loro oracoli. Ha dato i mezzi divinamente ordinati per divinare la provvidenza attraverso il tiro a sorte.

Tuttavia, in questi ultimi giorni, la sua rivelazione si è consolidata nella persona e nell'opera di suo Figlio Gesù Cristo.

Atanasio la mette in questo modo:

“Perché come un buon insegnante che si prende cura dei suoi studenti si accontenta sempre di insegnare con mezzi più semplici a coloro che non sono in grado di beneficiare di cose più avanzate, così fa anche la Parola di Dio …" [Atanasio di Alessandria. Sull'incarnazione . Tradotto da John Behr. Vol. 44a. St Vladimirs Seminary Press, 2011, 83].

Di Tony Arsenal (10 giugno 2019)