Teonomia/I nuovi secoli bui del cristianesimo: proprio ciò di cui il mondo non aveva bisogno

Versione del 3 lug 2021 alle 11:04 di Pcastellina (discussione | contributi) (Creata pagina con "Ritorno ---- = I nuovi secoli bui del cristianesimo: proprio ciò di cui il mondo non aveva bisogno = Di Stephen C. Perks <blockquote> ''L’anti-intellettuali...")
(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)

I nuovi secoli bui del cristianesimo: proprio ciò di cui il mondo non aveva bisogno

Di Stephen C. Perks

L’anti-intellettualismo prevalente oggi in molte chiese evangeliche ci sta facendo precipitare in nuovi secoli bui. “L’idea che lo Spirito Santo operi attraverso il rinnovamento della mente, cosa che insegna la Bibbia, è stata sostituita dall’idea che lo Spirito Santo operi attraverso la rimozione della mente”.

Oggi il cristianesimo è proprio alla periferia dell’istruzione nella nostra cultura. Più problematicamente, però, l’istruzione è proprio alla periferia del cristianesimo. L’idea che lo Spirito Santo operi attraverso il rinnovamento della mente, cosa che insegna la Bibbia, è stata sostituita dall’idea che lo Spirito Santo operi attraverso la rimozione della mente.

La dedizione del proprio animo a Dio al servizio del suo regno è guardata oggi con sospetto in particolare dagli evangelici, per i quali l’anti-intellettualismo è diventato nel complesso quasi un articolo di fede. Questa cosa va avanti da molto tempo, ma sta peggiorando molto. Quando ero un giovane cristiano, poco più che ventenne, ero regolarmente incoraggiato a bruciare i miei libri dai miei amici carismatici più spirituali, i quali insistevano sul fatto che il mio interesse per la lettura stava ostacolando l’opera dello Spirito Santo nella mia vita. Ma almeno le persone leggevano e prendevano sul serio la loro Bibbia, anche se spesso la interpretavano erroneamente e insistevano sul fatto che tutto ciò di cui avevano bisogno erano loro stessi, la Bibbia – che leggevano solo in traduzione e sembravano ignari della folla di traduttori che li circondavano – e la guida dello spirito Santo

Oggi, 40 anni dopo, la Bibbia è stata quasi completamente eliminata. Le persone affermano di essere credenti nella Bibbia, naturalmente, ma in pratica significa molto poco, tranne che nelle Chiese riformate, dove le cose sono diverse e la Scrittura è ancora in rilievo. Altrimenti le persone si affidano sempre più solo alle “immagini” come guida, non a ciò che insegna la Bibbia. Queste immagini entrano nella mente delle persone. Potrebbero dire cose come “Ho ricevuto un’immagine. Non so cosa significhi, ma penso che sia per te.” Nei gruppi domestici le persone chiederanno “Dio ti ha parlato questa settimana, hai avuto un’immagine?”.

La cosa importante di queste immagini è che devono essere razionalmente esogene, poiché si ritiene che lo Spirito Santo non usi la nostra mente ma piuttosto la aggiri. Se si consulta la Bibbia viene utilizzata come fonte di testi di prova per le “immagini”, una sorta di tombola biblica, in cui i testi vengono presi fuori contesto, e lo scopo non è comprendere il messaggio della Scrittura ma giustificare e restituire le “immagini”, che hanno un’importanza primaria. Anche se, a dire il vero, anche questa pretesa di impegno con la Scrittura non è più comune. L’uso della mente in questa prospettiva è non spirituale e necessariamente qualcosa che è incompatibile con l’essere guidati dallo Spirito Santo. A volte è come essere in una società pre-alfabetizzata.

Questo, per quanto ne so, non è accaduto prima nella storia del cristianesimo se non tra le sétte e i culti eretici. È un completo rifiuto sia di ciò che insegna la Bibbia, perché ci è comandato di adorare, cioè servire, Dio con tutto il nostro essere, comprese le nostre menti, sia un rifiuto della fede storica che fa presagire seri problemi per la Chiesa e il Grande Mandato. Sembra che la Chiesa, in particolare gli evangelici, siano determinati a entrare nei loro “secoli bui” nella misura in cui la fede diventa un culto misterico socialmente irrilevante.

Ciò di cui abbiamo bisogno è un nuovo impegno per l’istruzione e la comprensione che è al centro della fede cristiana, e un’incarnazione impegnata di tale comprensione nel modo in cui viviamo come una vera comunità che modella al mondo quale sia il vero ordine sociale: il regno di Dio. Naturalmente, questo deve essere perseguito nello Spirito, cioè cercando l’aiuto, la guida e il potenziamento dello Spirito Santo in tutta la persona in tutta la vita. Ma il deliberato taglio di una parte così importante della vita umana come la funzione, l’uso e l’importanza della mente per la pratica della fede cristiana non può che essere del danno più grande non solo per il singolo credente, ma anche per la Chiesa, il mondo e il regno di Dio, che è destinato a crescere e a soppiantare sempre più, e alla fine a sostituire, la cultura atea che ci circonda.

O invertiamo questa tendenza disastrosa o la comunità cristiana entrerà in una nuova era oscura di ignoranza in cui i ciechi inciamperanno da un fosso all’altro in un inutile vagare di sconfitte nel deserto finché Dio non susciterà una nuova generazione che lo servirà essendo disposti ad essere guidati e potenziati attraverso il rinnovamento delle loro menti dallo Spirito Santo. 

“Fratelli, non siate bambini di senno, ma siate bambini in malizia e uomini compiuti in senno” (1 Corinzi 14:20).