Teonomia/Non tutto il male vien per nuocere

Da Tempo di Riforma Wiki.
Versione del 3 lug 2021 alle 11:16 di Pcastellina (discussione | contributi) (Creata pagina con "Ritorno ---- = Non tutto il male vien per nuocere = <article id="post-738"><blockquote> '''Non tutto il male vien per nuocere – il Coronavirus come opportunit...")
(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)

Ritorno


Non tutto il male vien per nuocere

<article id="post-738">

Non tutto il male vien per nuocere – il Coronavirus come opportunità per ripensare alla nostra vocazione di cristiani in questo mondo

Di Stephen C. Perks (28.3.2020)

Tutte le chiese del distretto in cui vivo stanno chiudendo i loro servizi di culto domenicali, e sospetto che questo accadrà a livello nazionale, forse anche a livello globale. È stato detto che c’è un lato positivo in ogni nuvola, e quindi potrebbe essere con il virus corona in relazione alla fede cristiana. Perché? Perché senza la distrazione della “chiesa” i cristiani potrebbero dover iniziare a ripensare a cosa significa essere cristiani e questo potrebbe portare ad un allargamento della loro comprensione della pratica della fede al di là di un gruppo di attività che si sono svolte principalmente all’interno delle quattro mura della chiesa istituzionale o almeno che sono strettamente legati alla chiesa istituzionale e alla sua cultura di leadership restrittiva e di controllo.

 

La stragrande maggioranza delle chiese sono di fatto simili a culti misterici di vario tipo: culti misterici pietistici, culti misterici liturgici, culti musicali, culti di predicatori di celebrità ecc. E quasi tutti sono culti di leadership. Il servizio domenicale e l’organizzazione gestita dai “leader”, e il ruolo e l’importanza dei leader, sono al centro della vita delle chiese. Queste chiese esistono per queste cose. Si dice spesso che la chiesa è l’unica organizzazione che esiste a beneficio dei suoi non membri. Ma questo semplicemente non è vero, e trovo sbalorditivo che qualcuno possa davvero giungere a una conclusione così controintuitiva. La stragrande maggioranza esiste principalmente per sé stessa e per il beneficio dei culti di leadership che servono e attorno ai quali vivono, si muovono e hanno il loro essere.

Il problema è che queste chiese nel complesso sono un ostacolo al regno di Dio, non un aiuto ad esso. Gesù disse a noi di mettere il regno di Dio e la sua giustizia prima (il che significa giustizia non pietà), non la Chiesa, e ha detto a noi di fare tutte le nazioni i suoi discepoli, di non perseguire programmi di fondazione di chiese. Ci ha detto che lui edificherà la sua chiesa. Ma la chiesa ha ribaltato tutto questo. La chiesa ha fatto della chiesa la priorità, i suoi rituali, servizi e forme di governo e leadership. I cristiani sono ossessionati da queste cose e dedicano i loro maggiori sforzi su di esse, non sulla ricerca del regno di Dio, e certamente non sulla conversione delle nazioni, che la maggior parte dei cristiani oggi non crede più sia il loro dovere o chiamata perché sono stati erroneamente insegnati che il Grande Mandato è un comando per conquistare anime piuttosto che creare nazioni cristiane.

Quindi cosa succederà ora che tutte queste chiese stanno chiudendo i battenti? Cosa accadrà una volta che praticare la fede cristiana non potrà più significare assistere a un rituale e massaggiare l’ego dei leader ogni settimana? Si spera che significherà che i cristiani inizieranno a imparare cosa significa essere in vera comunione come comunità di credenti, piuttosto che semplicemente frequentare un culto misterioso settimanale. Si spera che significherà che i cristiani nelle aree locali inizieranno a conoscersi senza i confini e le restrizioni della burocrazia confessionale e le sue richieste di lealtà al papa di latta locale denominazionale e alla sua curia. Se i cristiani possono iniziare a formare vere comunità locali,

L’ordine sociale del mondo sta crollando. Era prima di questo virus, questo non è qualcosa che il virus ha fatto, ma la chiusura ci offre un’opportunità perché libera i cristiani dall’idolatria del loro culto confessionale locale. Il corpo di Cristo dovrebbe dimostrare al mondo che il regno di Dio è il vero ordine sociale e che solo questo ordine sociale può fornire loro risposte reali alla loro situazione. Ciò significa non solo che i cristiani dovrebbero aiutarsi a vicenda, ma che dovrebbero servire le loro comunità fornendo risposte cristiane ai problemi che la società affronta, che porteranno le persone a guardare a Dio per la loro salvezza, non al delinquente Stato messianico.

Cosa accadrà ora con l’istruzione, il benessere, la guarigione, l’arbitrato delle controversie, ecc? Questa è un’opportunità per i cristiani di iniziare a costruire alternative reali al fallimento dell’ordine sociale del mondo, dimostrando così come funziona il regno di Dio. Il mondo ha dimostrato di non avere una risposta per queste cose, ma i cristiani in passato hanno fornito risposte cristiane a questi problemi che hanno funzionato. I nostri sistemi educativi e sanitari, per esempio, sono nati dalla pratica della fede cristiana. Una volta che lo Stato ha dirottato queste istituzioni, ha iniziato a spogliarle lentamente di tutti i loro valori e contenuti cristiani, con il risultato finale che vediamo intorno a noi oggi. La ribellione del mondo contro Dio è fallita, come sempre succederà, e quando lo farà i cristiani devono essere pronti con alternative reali alla cultura della morte dell’umanesimo secolare.

Dobbiamo vedere questa come un’opportunità per fare progressi oltre i confini restrittivi e costrittivi del culto locale, la chiesa, che John Owen ha così giustamente descritto come il più grande idolo che sia mai esistito nel mondo. Siamo qui per costruire il regno di Dio e convertire le nazioni, non per costruire culti locali che esistono per se stessi e per il bene dell’ego gonfiato dei loro leader. Se perseguiamo il regno e il Grande Mandato, il Signore Gesù Cristo edificherà la sua chiesa. Se invertiamo questo ordine biblico, la chiesa fallirà, come avviene attualmente.

Questa è un’opportunità per i cristiani di liberarsi dalla loro ossessione e di liberarsi dalla loro schiavitù al culto della leadership della chiesa istituzionale locale e alla sua falsa idea di ciò che è veramente importante nella vita cristiana. I leader di questi culti vogliono che tu creda che, a meno che tu non stia partecipando regolarmente ai loro servizi e non eseguendo tutti i rituali nel modo corretto, il che in realtà non equivale a servire Dio, ma piuttosto a dedicarsi continuamente al proprio culto di leadership e a dare loro soldi per mantenere tu in questo stato di schiavitù del culto, non stai vivendo la vita cristiana correttamente. Ma non possono più tenere le loro riunioni. Non avrai la tua correzione questa settimana, o la prossima settimana e probabilmente non per un po’ di tempo a venire. Potresti pensare che queste cose siano vitali e necessarie, ma il fatto è che non sono più disponibili e ora dovrai …mangiare tacchino freddo. Cogli l’occasione, quindi, per rompere l’abitudine una volta per tutte e inizia a pianificare il cambiamento per sempre con altri cristiani nella tua comunità locale. Al posto di questi falsi e inutili culti di leadership confessionale dovremmo mirare a costruire vere comunità cristiane locali che possano servire Dio modellando al mondo il vero ordine sociale che è il regno di Dio, trasformando così il mondo che ci circonda.

La nostra prima priorità è cercare il regno di Dio e la sua giustizia, cioè stabilire un ordine sociale cristiano basato sulla giustizia di Dio. Il nostro compito nei confronti del mondo circostante è il Grande Mandato. Ma il Grande Mandato non è un comando per fondare chiese; è un comando per discepolare nazioni , cioè per fare nazioni cristiane.

Il mondo sta lottando per far fronte al disordine che la sua idolatria ha fatto delle cose. I tempi sono maturi per i cristiani di fare un passo avanti con alternative cristiane. I cristiani devono aprire la strada nel fornire un aiuto reale e risposte durature ai problemi del mondo. Questa è un’opportunità per i cristiani di iniziare a fornire vere risposte cristiane ai problemi che affliggono le nostre società, risposte bibliche che servono Dio e non l’uomo. È così che serviamo Dio e il nostro prossimo, e quindi come dobbiamo veramente adorare il nostro Dio, cercare il suo regno e adempiere il Grande Mandato.

https://www.lambsreign.com/blog/the-kingdom-opportunity-coronavirus-brings?rq=Stephen%20c%20perkS </article> <nav itemscope="itemscope" itemtype="https://schema.org/SiteNavigationElement"> </nav>