Teopedia/Battesimo

Da Tempo di Riforma Wiki.

Ritorno


Il Battesimo

Il battesimo è un sacramento cristiano che simboleggia la purificazione dal peccato e l'ingresso nella comunità dei credenti. Esso consiste generalmente nell'immergere la persona nel'acqua o nell'aspergerla con essa, accompagnata dalla formula trinitaria "nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo".

Il significato del battesimo varia leggermente tra le diverse confessioni cristiane:

  • Nel cattolicesimo, il battesimo è considerato l'ingresso nella Chiesa e il rimedio per il peccato originale. Si pratica di solito all'età neonatale, mediante l'infusione di acqua sulla testa del bambino e la formula "Io ti battezzo nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo". Si può ricevere anche in età adulta, per coloro che non sono mai stati battezzati o che si convertano al cattolicesimo.
  • Nelle Chiese ortodosse, il battesimo viene praticato mediante l'immersione totale del battezzato nell'acqua, simboleggiando la sepoltura e la risurrezione con Cristo. Si pratica comunemente sull'infanzia, ma anche gli adulti possono riceverlo.
  • Nelle Chiese protestanti, il battesimo è considerato come il suggello della grazia preveniente di Dio in Gesù Cristo, attraverso il quale Dio promette al battezzando il perdono dei suoi peccati affidandosi alla persona ed opera di Cristo. Esso è anche una pubblica professione di fede (del battezzando o della famiglia cristiana del battezzando, se è bambino) e il suo ingresso nella comunità cristiana. Si pratica per immersione o per aspersione, a seconda della tradizione e delle preferenze della comunità.
  • Nelle Chiese evangelicali, il battesimo è un atto di fede personale, in cui la persona dichiara pubblicamente la sua fede in Gesù Cristo e vieneimmersa o aspersa con acqua. Si pratica solo sull'età adulta o sulla consapevolezza dell'individuo.

In generale, tutte le confessioni cristiane considerano il battesimo come un sacramento fondamentale, simbolo della morte e risurrezione con Cristo e della partecipazione alla vita divina. Essa rappresenta l'inizio del cammino cristiano, la rinascita spirituale e l'adesione alla comunità dei credenti.

Il battesimo nella prospettiva riformata

Nella teologia riformata il battesimo è un mezzo di grazia; cioè un'istituzione che Dio usa per far crescere la nostra fede. Eppure quanti cristiani vedono davvero il proprio Battesimo come un elemento importante della propria identità e crescita cristiana?

Né Magia né Miraggio

Calvino ha avvertito che quando studiamo i Sacramenti - sia il Battesimo o la Cena del Signore - dobbiamo evitare due errori. Possiamo chiamare questi errori, da un lato, l'errore della magia e, dall'altro, l'errore del miraggio ( Istituti, IV. 14, 16).

Gli evangelici sono particolarmente sensibili al pericolo della magia: mettere un potere magico nell'acqua o nel pane e nel vino. Vedere la grazia così presente da travolgere irresistibilmente le persone. Calvin dice che il pericolo qui è che concentriamo così tanto la nostra attenzione sugli elementi che le nostre menti non sono sollevate a Cristo per sperimentarlo. Lo stesso pericolo (forse il pericolo maggiore per noi come evangelici) è trattare i Sacramenti come un miraggio, mere cerimonie che hanno ben poco significato reale. Li facciamo perché, sì, sono comandati nella Parola di Dio, ma non sembrano avere molta realtà per noi. Non sembrano portare benedizione nelle nostre vite.

Un importante sacramento

Il battesimo è straordinariamente importante nel Nuovo Testamento. Dobbiamo lasciarci afferrare da quella verità della rivelazione biblica.

Vediamo questa importanza nel ministero del nostro Signore. La sua via è stata preparata da Giovanni Battista, che è venuto a chiamare le persone a pentirsi dei loro peccati e farsi battezzare. Nostro Signore iniziò il suo ministero pubblico facendosi battezzare da Giovanni. Gesù poteva riassumere il suo ministero in termini di Battesimo, poiché quando attendeva con ansia la sua morte poteva dire: "Ho un battesimo da sottopormi" (Luca 12:50). Il suo incarico finale ai discepoli poneva l'accento sul Battesimo: "Andate dunque e ammaestrate tutte le nazioni, battezzandole nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo, insegnando loro ad osservare tutto ciò che vi ho comandato" ( Matteo 28:19-20).

Il battesimo è sottolineato anche nell'esperienza degli apostoli, come vediamo in Atti. La Chiesa è stata fondata dal grande Battesimo nello Spirito Santo a Pentecoste. Mentre gli apostoli andavano a predicare, vediamo ripetutamente che le persone credevano e venivano battezzate. La chiesa fu stabilita luogo dopo luogo da coloro che furono battezzati in risposta alla predicazione della Parola.

Nelle epistole troviamo numerosi riferimenti al Battesimo come base per l'esortazione etica al popolo di Dio. Il battesimo testimonia ciò che siamo in Cristo. Così gli apostoli esortano i credenti a vivere ciò che sono in lui, ad essere veri cristiani come testimonia il loro Battesimo. Troviamo questo tipo di esortazionein Romani 6, 1 Corinzi 10, Efesini 4, Colossesi 2, Tito 3 e altri luoghi. È un evento frequente.

Alcune affermazioni della Bibbia sul Battesimo sono molto forti. Anania disse a Paolo dopo la sua conversione: "Alzati, fatti battezzare e lava i tuoi peccati, invocando il suo nome" (At 22,16). Galati 3:27 dice: "Poiché tutti voi che siete stati battezzati in Cristo, siete stati rivestiti di Cristo". 1 Pietro 3:21 dice addirittura: "Il battesimo, ora ti salva". Cosa significano queste potenti espressioni? Come dobbiamo capirli?

L'impegno di Dio

Il ruolo preminente del Battesimo e le forti affermazioni su di esso testimoniano che Dio ci fa un impegno in questo Sacramento. Calvino sottolinea ripetutamente che Dio ci fa un tale impegno a causa della nostra debolezza. Mentre i cristiani vivono la loro fede, sono deboli e hanno bisogno dell'impegno di Dio fatto loro nel loro Battesimo. Perché? È perché, come osserva Calvino, non siamo spiriti disincarnati ( Istituti, IV, xiv, 3). Non siamo solo orecchie per ascoltare la Parola. Come coloro che lottano con tentazioni e dubbi nell'anima e nel corpo, abbiamo bisogno della Parola dove possiamo toccarla e gustarla oltre che ascoltarla.

nei Sacramenti, Dio ci presenta la sua Parola in forma tangibile. È la stessa Parola, ma in una forma diversa, una forma che parla particolarmente ai nostri sensi. Calvino insiste molto sul fatto che nessuno di noi deve mai pensare di diventare così forte che la Parola di Dio è irrilevante per la nostra debolezza. Piuttosto, quanto più cresciamo nella fede, tanto più preziosa diventa quella Parola visibile. C'è una Parola predicata. C'è una Parola scritta. C'è un Verbo incarnato. C'è una Parola eterna. Ma c'è anche una Parola visibile che parla ai nostri sensi per incoraggiarci nella nostra debolezza.

Solo Dio poteva stabilire un Sacramento che potesse aiutarci nella nostra debolezza. Solo Dio poteva dire degli elementi fisici che ci sono utili per edificare la nostra fede. Ma questo è ciò che Dio ha realizzato. Egli ha dato il Battesimo come rito di iniziazione alla sua chiesa, alla comunità dell'alleanza.

Vediamo il Battesimo come quell'iniziazione alla Chiesa subito dopo la Pentecoste, quando Pietro pronunciò il suo sermone e ci fu una grande risposta. La gente disse: "Cosa dobbiamo fare?" Pietro rispose: "Convertitevi e fatevi battezzare" (Atti 2:38). La Bibbia poi registra che quanti credevano furono battezzati e aggiunti alla Chiesa.

Il battesimo viene come pegno di Dio all'inizio della nostra vita all'interno della sua Chiesa. È una volta per tutte, definitiva, come lo è l'inizio della nostra vita cristiana. Calvin dice che l'elemento stesso parla di inizio. Scrive che c'è una particolare convenienza che l'acqua sia l'elemento, poiché parla del lavaggio del peccato, della conversione e della rigenerazione. Questo è ciò che ci promette il Battesimo: la nostra peccaminosità e una nuova creazionein Cristo.

Questo impegno ci giunge con la promessa di Dio, e la promessa di Dio nel nostro Battesimo è che siamo purificati, perdonati e rinnovati. Calvino dice che nel Battesimo ci siamo rappresentati che mediante il sangue di Cristo i nostri peccati sono perdonati e noi siamo giustificati e che mediante lo Spirito Santo siamo introdotti nella novità della vita e siamo santificati. Tutto questo ci è rappresentato e promesso nel Battesimo. Quindi, continua Calvino, la grande funzione del Battesimo è che ci assicura individualmente della volontà di Dio, perché viene a noi individualmente. Anche nella predicazione della Parola c'è la possibilità per le persone di dire: "Beh, questo è vero in generale, ma potrebbe non esserlo per me". Così Dio viene a ciascuno con l'acqua del Battesimo, quella sua Parola visibile, e dice a ciascuno di noi nel nostro Battesimo:non solo per 'voi tutti', ma per voi ."

Pertanto, in tempi di angoscia, dubbio o debolezza, abbiamo quell'obiettiva promessa di Dio a cui guardare indietro. Siamo rafforzati e sicuri che Dio ci ama e ci ha promesso perdono e rinnovamento, e che le promesse di Dio sono senza pentimento.

A Calvino piace la piccola frase "proprio come" quando parla dei Sacramenti, dicendo che "proprio come" l'acqua lava la sporcizia dal corpo, così Cristo lava il peccato dall'anima. Questa è la corrispondenza tra i due. "Proprio come" abbiamo bisogno di quella purificazione del corpo fisico mediante l'acqua, così l'anima ha bisogno e riceve tale purificazione mediante il sangue di Gesù Cristo. Calvino insiste che il Battesimo "presenta ciò che rappresenta". Non è solo una rappresentazione ma anche una presentazione, una comunicazione della benedizione che rappresenta.

La fede non fa il Sacramento. La fede non crea la promessa di Dio. La promessa di Dio viene prima della fede e attraverso la fede. Tuttavia, la fede riceve il Sacramento fino alla benedizione. Il Sacramento è come la Parola predicata, dice Calvino. Può essere il sapore della vita alla vita o il sapore della morte alla morte. Viene con la promessa di Dio a tutti coloro che lo riceveranno. Ma solo coloro che lo ricevono per fede ricevono la benedizione. Solo chi riceve il Sacramento e ascolta la Parola sperimenta realmente nella propria vita quella certezza, edificazione e fortificazione che è la funzione propria del Battesimo. Calvin sottolinea questo punto. La promessa di Dio è lì. La promessa di Dio è reale e affidabile. Ma affinché il frutto di quella promessa metta radici nei nostri cuori, dobbiamo vivere in essa per fede.

Dio fa questo meraviglioso impegno per noi nel nostro Battesimo in modo che nella nostra debolezza possiamo guardarlo ancora e ancora ed essere rassicurati che Dio ci ama. Se se i stato battezzato, ti se i rivestito di Cristo Gesù. Questo è ciò che gli apostoli dicono ripetutamente ai credenti. I credenti hanno il diritto di guardare al loro Battesimo e vedere che Dio li ha purificati dal loro peccato e li ha rinnovati alla vita eterna.

È stato riferito che una volta a Martin Lutero fu chiesto: "Come fai a sapere di essere un cristiano?" e la risposta di Lutero fu: "Sono stato battezzato". Questa è una cattiva risposta se significa che solo perché "mi hanno spruzzato dell'acqua addosso" o "sono stato immerso nell'acqua", volenti o nolenti, "sono un cristiano". Questa è magia! Ma non è questo che intendeva Lutero. Lutero credeva che per rispondere alla domanda "Come faccio a sapere di essere cristiano?", avessi bisogno di uno standard oggettivo. Non voglio essere lasciato inondato dai mie i sentimenti in merito. I sentimenti sono inadeguati. Dio ha detto qualcosa di oggettivo, proprio a me. Ha detto: "Nel Battesimo, tu se i mio". Così Lutero stava facendo una dichiarazione di fede: "So di essere cristiano perché quando guardo al mio Battesimo, Sono rassicurato nella mia anima che sono un cristiano; Lo guardo per fede".

Popolo di Dio

Veniamo ora alla domanda: A chi Dio fa questo impegno? O, più in particolare, che dire del battesimo dei bambini? Dovrebbero essere battezzati solo i credenti (posizione battista) o dovrebbero essere battezzati i credenti e i loro figli (posizione pedobattista). Quella che segue è una breve difesa dell'argomento tradizionale riformato o pedobattista.

La domanda è: chi è un membro della chiesa di Cristo? Chi è un membro della sua comunità di alleanza? Nell'Antico Testamento la risposta è molto chiara. Sono i credenti e i loro figli. Questo era l'insegnamento esplicito dato ad Abramo in Genesi 17. Le promesse erano per Abramo e la sua discendenza. Il rito di iniziazione all'alleanza stipulata con Abramo era la circoncisione, e Abramo è chiamato il "padre dei fedeli" sia nel Nuovo Testamento che nell'Antico. In Romani 4, leggiamo che la circoncisione fu data ad Abramo dopolui credeva. Quindi l'apostolo in realtà sta dicendo che la circoncisione fu data ad Abramo su questa base: "Credi e sii circonciso". Eppure, nonostante questo modello, i bambini erano inclusi nell'antica alleanza. Abbiamo quella sonora dichiarazione di Giosuè: "Quanto a me e alla mia famiglia, serviremo il Signore" (Giosuè 24:15). Joshua non giunse a questa conclusione dopo aver esaminato la famiglia per vedere cosa volessero fare. Piuttosto, come capo responsabile della sua famiglia, dedicò tutta la sua famiglia al Signore.

E il Nuovo Testamento? Nel Nuovo Testamento non c'è alcun comando e apparentemente nessun esempio di ciò che è stato fatto con i figli dei credenti. Non c'è alcun comando né che i figli dei credenti debbano essere battezzati da neonati o che debbano aspettare fino a quando non professano la fede. Non c'è nessun caso in cui il figlio di un credente sia stato battezzato come un credente adulto. Quindi non ci resta che provare a ragionare teologicamente e chiederci: la grazia di Dio nella nuova alleanza è diventata più limitata di quanto non fosse nella vecchia alleanza?

Lo schema normale nel nuovo patto è che la grazia di Dio sta raggiungendo più persone nel nuovo patto di quanto non fosse vero nel vecchio. La ristretta comunicazione della grazia nell'antica alleanza si sta espandendo. La grazia, quindi, è limitata solo in questo caso, cioè nel caso dei bambini? I figli del nuovo patto stanno peggio di quanto non fossero sotto il vecchio patto? Sarebbero necessarie prove molto convincenti, a quanto pare, per giungere a tale conclusione. Ci vorrebbe una dichiarazione assolutamente chiara che i bambini che prima erano inclusi ora sono esclusi. Ma non abbiamo tale dichiarazione. In effetti, esaminando varie prove nel Nuovo Testamento, scopriamo che i bambini vengono imparentati proprio nello stesso modo in cui lo erano nell'antica alleanza. Il presupposto che permea il Nuovo Testamento è che i credenti

Abramo è descritto come il "padre dei fedeli". In Galati 3:29, per esempio, non c'è alcun problema nella mente dell'apostolo nel mettere in relazione la promessa fatta ad Abramo e alla sua discendenza con la promessa fatta a noi (e alla nostra discendenza) nel Battesimo.

Troviamo che nostro Signore riceve i bambini come membri della comunità del patto come, per esempio, nel famoso caso di Matteo 19:14 dove dice: "Lasciate che i bambini vengano a me". I suoi discepoli non ritenevano appropriato che i bambini dovessero infastidire il Salvatore. Ma Gesù era irritato con loro per una tale supposizione e insistette perché i bambini venissero. Li accolse e li benedisse. Questo non era qualcosa che Gesù faceva a tutti. Ha resistito a benedire la donna cananea, per esempio (cfr. Mt 15,21-28). Ma Gesù accolse calorosamente e benedisse i bambini dell'alleanza.

Scrivendo in 1 Corinzi 7, Paolo parla dei figli dei credenti e sviluppa la sua argomentazione assumendo che i figli dei credenti siano santi. Sta parlando di matrimoni tra cristiani e non cristiani, ed è disposto a chiamare santi tali matrimoni partendo dal presupposto che i figli dei credenti, anzi anche di un solo credente, sono santi. Sembra quindi che l'apostolo presuma che i figli dei credenti siano nella comunità dell'alleanza. Questa idea sembra essere rafforzata in Colossesi 2:11-13 dove Paolo sembra equiparare il Battesimo e la Circoncisione come riti paralleli.

In Atti abbiamo cinque casi di battesimi domestici in cui è registrato che il capofamiglia credette e la famiglia fu battezzata. Nessuno di questi dice chiaramente che c'erano bambini in quelle famiglie. Tuttavia, il modello familiare che vediamo nel vecchio patto sembra riflesso o appropriato in questi insegnamenti del nuovo patto.

Abbiamo la parola di Pietro alla fine del suo sermone di Pentecoste quando disse: "La promessa è per te e per i tuoi figli e per tutti quelli che sono lontani". (Atti 2:39). Ci sono vari modi di leggere quelle parole, naturalmente. Possono essere letti come dicendo: "La promessa è per te (se credi), per i tuoi figli (se credono) e per molti che sono lontani (se credono)". Ma Pietro qui non sta davvero riecheggiando la parola di Dio ad Abramo? Dio aveva detto: "A voi e ai vostri figli, e anche alle nazioni verrà la benedizione" (cfr Gen 22,17-18). Mi sembra che Pietro stia raccogliendo quella promessa abramitica e dicendo: "Sì, è per te e per i tuoi figli - quel principio rimane - ma ora finalmente vediamo anche le nazioni portate dentro".

Infine, potrebbe effettivamente esserci un caso di battesimo di bambini nel Nuovo Testamento. Guardate 1 Corinzi 10:1-2: "Poiché non voglio che ignoriate il fatto, fratelli, che i nostri antenati erano tutti sotto la nuvola e che tutti passarono attraverso il mare. Furono battezzati in Mosè." In questo capitolo Paolo sta riflettendo sull'esperienza di Israele nel passaggio attraverso il Mar Rosso come monito per la Chiesa. Sta sottolineando la somiglianza delle esperienze della Chiesa e di Israele. Sottolineando questa somiglianza, Paolo presenta l'esperienza degli israeliti del passaggio del Mar Rosso come un battesimo. Ma non c'erano bambini nella nazione d'Israele che attraversarono il Mar Rosso? Il Faraone era stato così efficace da non lasciare più bambini? Certo, c'erano bambini. E così Paul dice che tuttoIsraele, compresi i bambini, fu battezzato mentre attraversava il Mar Rosso. Vediamo che Paolo assume la continuità del modo di trattare di Dio con i bambini nell'Antico e nel Nuovo Testamento. Sono sempre trattati come membri della comunità del patto.

Riflettendo su questo, non dobbiamo concludere che i bambini hanno bisogno dell'impegno di Dio tanto quanto gli adulti? I bambini, man mano che crescono, non hanno bisogno di quella promessa oggettiva di Dio? Non sappiamo quando la fede può nascere nel cuore di un bambino, ma ogni volta che lo è, ha bisogno di essere stimolata, rafforzata e assicurata dall'impegno fattogli o le i nel Battesimo. Anche un impegno che lui o le i non riesce a ricordare consapevolmente può essere testimoniato dalla comunità.

Abbiamo prove nel Nuovo Testamento che la fede è nata nel cuore di almeno un bambino in tenera età: Giovanni Battista, che aveva già la fede nel grembo materno. È riportato in Luca 1:44 che quando Maria venne a visitare sua cugina Elisabetta ed entrò nella stanza dove si trovava Elisabetta, Giovanni Battista sussultò nel grembo di sua madre perché era alla presenza del Salvatore. Infatti Elizabeth ricorda che "saltò di gioia". Noi moderni possiamo essere scettici al riguardo, ma è ciò che dice la Scrittura: questo bambino non ancora nato alla presenza del Salvatore sussultò di gioia - un atto di fede di qualche tipo. La gioia è un frutto della fede. Quindi, se la fede può essere nel cuore anche del nascituro, i nostri figli non hanno bisogno di essere nutriti e rafforzati per la fede dalla promessa di Dio mentre crescono e vivono la loro vita?

Pierre C. Marcel, nel suo libro sul Battesimo, dice: "A poco a poco il bambino comprenderà chiaramente il significato del suo battesimo, che diventerà per lui la causa strumentale della crescita della sua fede" (Battesimo : Sacrament of the Covenant of Grace, Cherry Hill, NJ, 1973, 227). Allora dovrebbe essere allevato un figlio dell'alleanza, al quale viene detto: "Se i stato battezzato. Dio ti ha fatto la sua promessa. Hai bisogno di riposare in essa mediante la fede". Calvin si è espresso abbastanza fortemente quando ha detto,

Il motivo per cui Satana fa di tutto per privare i nostri figli della cerimonia del battesimo è che può cancellare dal nostro sguardo questa attestazione che il Signore ha ordinato per confermarci le benedizioni di cui desidera che godano, e che così allo stesso tempo tempo possiamo dimenticare, a poco a poco, la promessa che ha fatto loro. Da ciò deve derivare non solo l'ingratitudine e il disprezzo per la misericordia di Dio verso di noi, ma il fallimento nell'istruire i nostri figli nel timore e nella disciplina della sua legge e nella conoscenza del suo vangelo. Perché non è un piccolo incentivo per noi nutrirli nella vera pietà e obbedienza a Dio, quando comprendiamo che dalla loro nascita il Signore li ha accolti tra il suo popolo e come membri della sua chiesa.

Calvino, nel suo catechismo, poneva la domanda: "Quando i Sacramenti producono il loro effetto?" Rispose: "Quando li si accoglie con fede, cercando solo Gesù Cristo e la sua grazia". In un altro punto, in una dichiarazione piuttosto autobiografica, cosa rara in Calvino, dice:

Per molto tempo non abbiamo afferrato la promessa che ci era stata data nel battesimo. Eppure quella promessa, poiché era di Dio, rimase sempre ferma, ferma e degna di fiducia. Confessiamo dunque che prima di quel battesimo non ci giovò affatto, in quanto la promessa offertaci in esso, senza la quale il battesimo non è nulla, giaceva trascurata ( Istituti, IV, 15, 17).

Ma quando lo Spirito operò per creare la fede, quel Battesimo compiuto tanto tempo fa divenne effettivo e pegno prezioso della promessa di Dio.

Un profitto perpetuo

Dobbiamo ricordare il profitto perpetuo del Battesimo. La promessa che Dio ci fa nel nostro Battesimo, il suo pegno, non è solo il pegno di un rapporto meccanico, come un treno su un binario in discesa, per cui basta metterlo in moto e correrà irresistibilmente verso il fondo della classifica. La nostra vita cristiana è troppo spesso concepita in questi termini. In realtà, il nostro rapporto con Dio non è meccanico; è vitale e in crescita. I riformatori hanno sottolineato che il Battesimo è cruciale in questa relazionein via di sviluppo.

Il Battesimo, che segna l'inizio della nostra vita cristiana, ci accompagna mentre lo viviamo. Lutero lo definì "un indumento quotidiano" che dobbiamo indossare per fede, nel senso che è con noi ogni giorno nel nostro rapporto con Dio ( Catechismo Maggiore,Parte IV). Calvin lo chiamò lo "scudo per respingere il dubbio" (citato da Marcel, p. 172). Abbiamo bisogno di uno scudo per respingere il dubbio, il dubbio sul fatto che Dio possa davvero amare persone peccaminose come noi, il dubbio sull'età moderna che ci colpisce da ogni parte: esiste un Dio? C'è un significato nella vita? Si possono accreditare le oltraggiose pretese del cristianesimo di essere l'unica verità? E in mezzo a questi dubbi, problemi, lotte e tentazioni, il Battesimo è uno scudo. Il Battesimo è quella parola visibile in cui Dio dice: "Sì, io sono il tuo Dio e tu se i il mio; quel Battesimo in acqua è il mio impegno per te che puoi vivere mediante la fede".

Un'ultima citazione da Calvino:

In qualsiasi momento siamo battezzati, siamo una volta per sempre lavati e purgati per tutta la nostra vita. Pertanto, ogni volta che cadiamo, dobbiamo ricordare il nostro battesimo e fortificare con esso la nostra mente, affinché possiamo essere sempre sicuri e fiduciosi del perdono dei peccati ... Perché la purezza di Cristo ci è stata offerta in esso ; la sua purezza fiorisce sempre; non è contaminata da nessuna macchia, ma seppellisce e purifica tutte le nostre contaminazioni ( Istituti, IV, 25,3).

La promessa di Dio a ciascuno di noi nel Battesimo è che la purezza di Cristo copre la nostra impurità e che dobbiamo sapere per fede che attraverso Cristo abbiamo un amorevole Padre celeste.

Approfondimenti