Teopedia/Kuyper, Abraham

Da Tempo di Riforma Wiki.

Ritorno


Kuyper.jpg

Abraham Kuyper: Trasformatore Culturale 

Abraham Kuyper era un teologo, statista, giornalista, riformatore della chiesa, storico, pastore, fondatore di un'università cristiana e di un partito politico cristiano e un tempo primo ministro dei Paesi Bassi. Era un cristiano riformato i cui scritti hanno plasmato un movimento noto come neo-calvinismo. Eppure è ancora poco conosciuto. In questo articolo esamino diversi temi chiave che hanno plasmato l'approccio di Kuyper alla teologia, alla cultura e alla società. Questi includono la sovranità di Dio, il mandato culturale, il ruolo delle visioni del mondo, la grazia comune, l'antitesi e la sovranità della sfera. Questi temi hanno fornito il quadro teorico per il neo-Calvinismo di Kuyper. Guardo come hanno plasmato il suo approccio alla chiesa, alla politica, all'istruzione, all'arte e alla missione.

 I. Introduzione 

Nel 1975, DM Lloyd-Jones disse nel suo discorso alla Conferenza di Westminster:

…il cristiano non deve preoccuparsi solo della salvezza personale. È suo dovere avere una visione completa della vita come insegnata nelle Scritture... Per quanto riguarda il cristiano – ed è questo che ci interessa ora – non dobbiamo preoccuparci solo della salvezza personale; dobbiamo avere una visione del mondo. Tutti noi che abbiamo letto Kuyper, e altri, lo abbiamo insegnato per molti lunghi anni.[1]

Abraham Kuyper (1837-1920) è stato un teologo e statista olandese e tuttavia, nonostante l'approvazione di Lloyd-Jones, le sue opere sono rimaste in gran parte poco lette ed apprezzate. Questo è strano perché ha fondato un'università cristiana, la Free University di Amsterdam (ora chiamata Vrije Universiteit Amsterdam), è stato direttore di un quotidiano e di un settimanale, ha scritto oltre 2000 libri e articoli.[2] Le sue opere principali, in inglese, includono The Principles of Sacred Theology (1968), The Work of the Holy Spirit (1946), the 1898 Stone Lectures: Lectures on Calvinism (1931), Common Grace (2016, 2019, 2020) e Pro Rege (2016, 2017, 2019). In "Lectures on Calvinism", sviluppò l'idea del Calvinismo come Weltanschauung, un'intera "visione del mondo e della vita"; il suo Calvinismo non era una dottrina ristretta in cinque punti.

Kuyper fondò anche un partito politico cristiano, il Partito Anti-Rivoluzionario e divenne Primo Ministro olandese (1901-1905).

Fortunatamente, grazie al progetto Kuyper Translation, molte delle opere di Kuyper vengono tradotte dall'olandese all'inglese. Sebbene abbiano più di cento anni, questi scritti forniscono una base teorica per un approccio alla piazza pubblica affermativo del mondo e della vita, radicato nella fede cristiana. È quindi opportuno che nel 2020, anno del centenario della morte di Kuyper, si esaminino i contorni del suo approccio.[3]

Kuyper nacque a Maassluis nel diciannovesimo secolo e morì a L'Aia nel ventesimo secolo, ma il suo impatto e la sua eredità si estendono fino al ventunesimo.[4] Ai suoi tempi Kuyper cercava di risvegliare i cristiani da “un sonno pietistico”[5] e oggi la sua opera ei suoi scritti stanno aiutando molti ad apprezzare la pienezza della buona creazione di Dio.

Kuyper ha dichiarato:

"Nessun pezzo del nostro mondo mentale deve essere ermeticamente sigillato dal resto, e non c'è un pollice quadrato in tutto il dominio della nostra esistenza umana su cui Cristo, che è Sovrano su tutto, non gridi: "Mio!" [6]

Nessun ambito della vita è esente dalle pretese di Cristo risorto. Kuyper non solo ha predicato questa visione, ma l'ha vissuta. Era un personaggio poliedrico e dai molti talenti – anche i suoi nemici lo riconoscevano un uomo "dalle molte teste!" Nacque in una famiglia calvinista liberale, studiò in un'università modernista e divenne pastore della chiesa, prima di sperimentare una conversione evangelica. Ha diretto due giornali, il settimanale De Heraut e il quotidiano De Standaard. Ha formato un nuovo partito politico cristiano, il Partito Anti-Rivoluzionario, è diventato un politico e ha fondato una nuova denominazione di chiesa, lavorando per la maggior parte del tempo anche come pastore della chiesa. Fu attivo nel progresso delle scuole e dell'istruzione cristiane e fondò un'università cristiana. Fu teologo – fu il primo professore di teologia alla Libera Università – e scrisse un'importante opera sullo Spirito Santo. Fu anche Primo Ministro dei Paesi Bassi per un breve periodo (1901-1905). Certamente ha preso sul serio il suo approccio "pollice quadrato". Non sorprende che, nel 1898, BB Warfield, disse di lui: "Il dottor Kuyper è probabilmente oggi la figura più considerevole nell'Olanda sia politica che ecclesiastica".[7]

In un'epoca di individualismo e narcisismo, il messaggio trasformativo di Kuyper è in netto contrasto profetico. Il neo-Calvinismo di Kuyper fornisce un chiaro quadro biblico per applicare il cristianesimo a tutti gli ambiti della vita. Molti teologi contemporanei sono alla ricerca di una teologia sociale, eppure Kuyper ne ha tracciata una e l'ha attuata oltre un secolo fa. Come scrive un biografo: “… sebbene Kuyper non abbia mai predicato il vangelo sociale, ha spesso accentuato le implicazioni sociali del vangelo”.[8]

Diversi temi chiave hanno plasmato l'approccio di Kuyper alla cultura. Questi includono la sovranità di Dio, il mandato culturale, il ruolo delle visioni del mondo, la grazia comune, l'antitesi e la sovranità della sfera. Questi temi hanno fornito il quadro teorico per il neo-Calvinismo di Kuyper.

II. Temi chiave di Kuyper 

1. La sovranità di Dio 

Se Dio è sovrano, allora la sua signoria deve estendersi a tutta la vita e non può essere ristretta alle mura della chiesa o all'interno dell'orbita cristiana. Il mondo non cristiano non è stato consegnato a Satana, né consegnato all'umanità caduta, né consegnato al destino. La sovranità di Dio è grande e dominante anche nella vita di quel mondo non battezzato. Pertanto la chiesa di Cristo sulla terra e il figlio di Dio non possono semplicemente ritirarsi da questa vita. Se il Dio del credente è all'opera in questo mondo, allora in questo mondo la mano del credente deve afferrare l'aratro e anche in tale attività il nome del Signore deve essere glorificato.[9]

Queste parole della Prefazione a Common Grace riassumono la posizione di Kuyper. Il suo approccio inizia e finisce con la sovranità di Dio. Se Dio è sovrano, allora lo sviluppo culturale è essenziale: ritirarsi dal mondo di Dio non è un'opzione.

2. Il mandato culturale 

Il termine mandato culturale è stato coniato da Klaas Schilder (1890-1952).[10] La citazione del centimetro quadrato di Kuyper, come sopra citato, è un'incarnazione del mandato culturale dato in Genesi 1:26-28 e Genesi 2:15. Questo sottomettere, governare, coltivare e custodire è un mandato per lo sviluppo della cultura, per lo sviluppo delle potenzialità all'interno della buona creazione data da Dio. Si tratta di esprimere il regno di Cristo in tutti gli ambiti della vita; nessuna zona è esente. Implica che, sebbene la creazione sia buona, ha bisogno di essere sviluppata e aperta; come disse Al Wolters: “…la Bibbia inizia con un giardino e finisce con una città”.[11]

3. L'antitesi 

Antitesi significa opposizione. Nel XIX secolo Hegel aveva già utilizzato il termine, tuttavia, nel pensiero kuyperiano esso assunse una connotazione diversa. Segnava una differenza tra coloro che sostenevano un punto di partenza cristiano e quelli che non lo facevano; la differenza era nella visione del mondo. C'è un'antitesi noetica tra coloro che iniziano con la conoscenza di Dio e coloro che non lo fanno.

Questo è, in parte, uno dei motivi per cui Kuyper sostiene la creazione di istituzioni specificamente cristiane. Un partito politico cristiano o una scuola cristiana avranno punti di partenza diversi da un partito o da una scuola basati, ad esempio, su linee naturalistiche. Le fondamenta saranno diverse e quindi anche le lavorazioni saranno diverse. L'impegno per Cristo non può essere adattato o armonizzato con il naturalismo o con qualsiasi altra filosofia non cristiana. C'è una battaglia cosmica tra la luce e le tenebre, tra il regno di Dio e il dominio di Satana. C'è un netto contrasto tra credenza e incredulità. Questa nozione di antitesi è parte integrante dell'idea di visioni del mondo rivali. La rivalità non è l'unica relazione tra diverse visioni del mondo: si verificheranno anche cooperazione, emulazione e correzione reciproca. Dovrebbe anche essere apprezzato il fatto che Kuyper concederebbe la stessa libertà di stabilire scuole, partiti politici o sindacati distinti a coloro che adottano visioni del mondo rivali in un paese. Questo è infatti quello che è successo nei Paesi Bassi.

Per Kuyper, tuttavia, l'antitesi significa anche che ci sono due tipi di persone (rigenerate e non rigenerate) e quindi due tipi di “scienza” (cioè di erudizione) con differenti punti di partenza. Usa i termini anormalista e normalista per mostrare la differenza fondamentale. Il conflitto non è tra fede e scienza, ma tra sistemi scientifici contrapposti, ciascuno basato sulla propria fede.[12] La differenza deriva dalla visione che si ha del peccato e da quanto radicale sia stata la caduta nel peccato. Kuyper era, ovviamente, un anormalista:

… se il cosmo nella sua condizione attuale è anormale, allora è avvenuto un disturbo nel passato e solo un potere rigeneratore può garantirgli il raggiungimento finale del suo scopo.[13]

Anormale o normale si riferisce quindi allo stato della creazione e all'entità della caduta. Il normalista nega gli effetti noetici del peccato. Quindi, se la creazione è vista come normale, allora la ragione potrebbe avere un posto più alto che per l'anormalista. Per Kuyper, «la ragione è incompleta rispetto al convincere gli altri».[14] Da qui il valore piuttosto basso che attribuiva all'apologetica. Il problema è sapere fino a che punto la caduta ha influenzato la ragione e il resto della creazione. Per Kuyper c'era un “abisso” tra i due tipi di persone ei due tipi di scienza che non poteva essere attraversato senza la rivelazione di Dio; questo lascia la ragione impotente. Ogni tentativo di unificare i due “sistemi” nega il potere e la realtà della rinascita (palingenesi).

4. Sovranità delle sfere 

Che ruolo ha lo Stato nell'educazione dei figli? Lo Stato dovrebbe imporre se un bambino deve essere nutrito su richiesta o ogni poche ore? Lo Stato dovrebbe interferire con la gestione delle finanze familiari? E allora che dire dell'istruzione? O affari? O la chiesa? Sono queste e altre domande simili a cui si rivolge la nozione di sovranità della sfera di Kuyper.

Tutte le cose sono soggette alla sovranità di Dio. Questa convinzione portò Kuyper, al seguito di Guillaume Groen van Printerer (1801-1876),[15] a sviluppare la sua sovranità sulla sfera. Sosteneva che ci sono diverse sfere indipendenti all'interno della creazione, ma Dio è sovrano su tutte. Queste sfere dovrebbero rimanere indipendenti nella propria sfera. Nessuna sfera dovrebbe invadere un'altra. Lo Stato non dovrebbe quindi stabilire come dovrebbe essere gestita la famiglia.

Questa nozione ha fornito, ad esempio, un correttivo allo statalismo, il quale sostiene che lo Stato, facendo leggi e regolamenti, ha il controllo sulla maggior parte degli ambiti della vita). La sovranità della sfera parte dalla sovranità di Dio piuttosto che dallo Stato o da qualsiasi altra entità o istituzione creata. Lo Stato è allora sovrano in una certa sfera; la sua regolamentazione degli altri ambiti è circoscritta all'ambito giuridico e non va considerata come una sorta di “contenitore” di tutti gli altri ambiti e istituzioni sociali.

Nel suo discorso inaugurale del 1880 alla Libera Università, Kuyper ha delineato la sua idea di sovranità della sfera.[16] Ciò ha fornito la giustificazione, ad esempio, per diversi tipi di scuole e università che riflettono le diverse visioni del mondo già presenti nella società. La Free University Kuyper fondata doveva essere un'università cristiana libera, libera dal controllo statale e persino dalla chiesa.

La sovranità delle sfere sostiene che Dio è sovrano. Ha stabilito leggi o norme per settori della società come la famiglia, la chiesa e così via. All'interno della propria sfera, queste istituzioni sono quindi sovrane sotto le leggi e le norme di Dio per quell'aspetto della vita. Nessuna istituzione dovrebbe dominare o dettare a un'altra e non esiste una gerarchia delle istituzioni. Lo sviluppo e la fioritura di ogni istituzione o ambito della vita è un'attuazione del mandato culturale di Genesi 1:28-29.

Ci sono alcune questioni irrisolte con la sovranità delle sfere, inclusa la questione di sapere chi decide cosa sono le sfere e quali sono i confini. Kuyper non definisce mai veramente questi problemi; sostiene che sono organici – cioè che si dispiegano nella loro ricchezza secondo norme creazionali come, ad esempio, una pianta cresce e si sviluppa – ogni sfera ha i suoi principi o obiettivi. Forse mantiene deliberatamente la sua teoria della sovranità della sfera leggermente ambigua.

5. Grazia comune 

Un tema importante che è stato strettamente associato a Kuyper è la grazia comune. Henry Van Til ha descritto Kuyper come il «teologo della grazia comune».[17] La grazia comune è concessa a tutti, cristiani e non cristiani.

Su questo argomento Kuyper ha scritto una serie di articoli, nell'arco di sei anni, per De Heraut. Questi furono successivamente pubblicati in tre volumi come De Gemeene Gratie nel 1902, 1903 e 1904. È in corso un importante progetto per tradurre queste opere in inglese.[18] Kuyper inizia la sua prefazione al primo volume con questa dichiarazione provocatoria: "Il paradigma Riformato non ha subito alcun danno maggiore del suo sviluppo carente della dottrina della grazia comune".[19] Poi prosegue lamentando la sua mancanza di sviluppo dottrinale nel Calvinismo. dopo il 1650.

Per Kuyper, la grazia comune è «dedotta direttamente dalla sovranità di Dio» ed è «radice e convinzione per tutti i riformati».[20] Ritiene che risuscitare la dottrina della grazia comune aiuti il credente a «prendere in mano l'aratro»[21] piuttosto che a ritirarsi dal mondo. La grazia comune fornisce il fondamento per l'impegno con il mondo, evitando così l'isolamento spirituale ed ecclesiastico e aiutando così i credenti a esercitare il ministero.

Kuyper ha distinto tra grazia particolare – talvolta chiamata grazia salvifica – e grazia comune. La prima abolisce e annulla completamente le conseguenze del peccato per i salvati; la seconda non provoca conversione, ma si estende a tutta l'umanità. Per Kuyper c'è una stretta relazione tra i due e la separazione «deve essere contrastata con vigore».[22] Usa l'illustrazione di due rami intrecciati di un albero con lo stesso apparato radicale. Il sistema radicale è Cristo, il primogenito di tutta la creazione. La posizione di Kuyper sulla grazia speciale e comune è cristologica; egli scrive: «... non c'è... non c'è dubbio che la grazia comune e la grazia speciale vengano più intimamente connesse dalla loro origine, e questa connessione è in Cristo».[23] La grazia speciale, sostiene, «assume la grazia comune». [24] La grazia comune è solo un'emanazione di grazia speciale e tutto il suo frutto sfocia in grazia speciale. La grazia comune deve avere un impatto formativo sulla grazia speciale e viceversa. In Common Grace Volume 1 scrive dell'interrelazione tra grazia particolare e comune: «… la gloria della grazia comune non avrebbe mai brillato nella sua primavera se la grazia particolare non l'avesse fatta fiorire pienamente»;[25] «… la grazia particolare già presuppone la grazia comune»;[26] e senza la grazia comune ogni funzionamento della grazia particolare sarebbe impensabile.[27]

La grazia comune significa che le ordinanze della creazione di dominio e di custodia sulla creazione, date nel mandato culturale prima della caduta, non sono abolite dopo la caduta.[28]

La grazia comune ha un duplice effetto: da un lato, frena gli effetti del peccato e frena le opere dell'umanità caduta; dall'altro, sostiene gli ordinamenti della creazione e fornisce le basi per l'impegno culturale cristiano; la grazia comune fornisce il fondamento per la cultura. Il mandato culturale di sviluppare e riempire la terra non è stato revocato dopo la caduta nel peccato. Pertanto, il ritiro culturale non è un'opzione per i cristiani.

È anche importante affermare ciò che la grazia comune non implica. Non è grazia salvifica. Non è una negazione della depravazione totale o dell'espiazione limitata – Kuyper era un sostenitore di entrambi.[29] Non offusca la distinzione (antitesi) tra il rigenerato e il non rigenerato, tra il regno della luce e il regno delle tenebre, tra la chiesa e il mondo. Non significa che tutte le cose sono lecite. La grazia comune non annulla l'antitesi: sono entrambi aspetti importanti del pensiero di Kuyper. Anche se il modo in cui li tiene insieme è aperto al dibattito.[30] È importante notare che, per Kuyper, la grazia comune e l'antitesi dovrebbero essere tenute insieme. Né la grazia comune è associata solo alla chiesa: «…la grazia comune ha operato per secoli in Cina e in India senza che vi fosse alcuna chiesa di Cristo in quei paesi».[31]

Per inciso, Kuyper non ha mai rivendicato l'originalità nel suo sviluppo della dottrina della grazia comune; piuttosto si è descritto come un copista di Calvino. Kuyper mirava solo a rendere esplicito ciò che era implicito in Calvino.[32]

6. Cristianesimo come Weltanschauung (creazione, caduta e redenzione) 

Quando Kuyper introdusse per la prima volta i cristiani alla nozione di visione del mondo nelle sue Lezioni sul calvinismo del 1888, si trattava di una nozione fresca, innovativa e radicale.[33] Kuyper per primo ha identificato la visione del mondo cristiana in termini di narrativa incorporata nella creazione, caduta e redenzione. Varianti di tale schema sono diventate molto più influenti negli ultimi decenni tra gli evangelici, come quella formulata da Stott, anche se non necessariamente a causa dell'influenza di Kuyper. Come afferma il filosofo cristiano olandese Dooyeweerd:

[Kuyper] sollevò il Calvinismo, il movimento più radicalmente biblico all'interno della Riforma protestante, fuori dalla ristretta sfera della teologia dogmatica dove aveva languito durante secoli di declino interiore. Lo elevò al livello di una visione del mondo onnicomprensiva.[34]

Passerò ora ad esaminare alcuni temi chiave affrontati da Kuyper, per vedere come ha utilizzato questi temi della grazia comune, della sovranità della sfera e così via.

III. Alcuni temi chiave 

1. Chiesa: istituto e organismo 

Kuyper era un pastore in una chiesa, guidò una riforma della Chiesa riformata olandese e scrisse il suo dottorato sulla visione della chiesa di Calvino e à Lasco. Aveva una profonda preoccupazione per la chiesa; come ha detto, la «questione ecclesiale domina ogni altra questione».[35] In un certo senso, Kuyper è passato dallo studio della storia della chiesa al farla. La sua distinzione tra chiesa come istituzione e chiesa come organismo è un'intuizione importante.

Kuyper pone una forte enfasi sul sacerdozio di tutti i credenti. Perché la chiesa sia veramente un'istituzione e un organismo, il ruolo dei leader istituzionali deve essere quello di dotare la chiesa come organismo di essere in grado di svolgere le opere di servizio nel mercato, in classe, negli affari, in politica, nel laboratorio e così via.

Usa diverse metafore per illustrare la distinzione tra chiesa come organismo e chiesa come istituto. La chiesa come organismo è un corpo e cresce; come istituto è una casa e si costruisce. È dall'organismo della chiesa che nasce l'istituzione. In sostanza, l'istituzione è l'organizzazione della chiesa con i suoi sacramenti, i suoi ministri e così via; l'organismo è la chiesa nel mondo, i cristiani all'opera nella società, il corpo di Cristo, fortificato e servito dalla chiesa come istituto. La chiesa come istituto non gestisce scuole, università, caffè o sindacati; questo è il ruolo della chiesa come organismo. Per Kuyper, quindi, la chiesa non ha a che fare solo con i servizi domenicali o le missioni, ma è una nazione impegnata a riformare tutti gli aspetti della vita e della cultura.

2. Politica 

Kuyper non fu solo il fondatore di un partito politico cristiano, il Partito Anti-Rivoluzionario, ma divenne anche il primo ministro (PM) dei Paesi Bassi. Una volta osservò: «la politicafobia non è calvinista, non è cristiana, non è etica».[36]

Kuyper distingueva tra due tipi di principi cristiani quando era Primo Ministro: teologico e politico. I principi teologici erano legati alla salvezza, mentre i principi politici riguardavano le norme per la cosa pubblica. Era quest'ultimo principio, sosteneva, era la sua preoccupazione come PM.[37] Kuyper come PM sarebbe lo statista, non il teologo. Era impegnato nel pluralismo democratico e nella riforma sociale, basata su principi cristiani.

I suoi obiettivi come PM erano la riforma dell'istruzione, per ritardare l'influenza dell'ubriachezza e dell'indecenza sulla società e per affrontare l'impatto della rivoluzione industriale sui lavoratori. Sfortunatamente, Kuyper ha dovuto affrontare diverse questioni urgenti, tra cui la guerra russo-giapponese e lo sciopero delle ferrovie. Questi gli lasciarono poco tempo per portare avanti le sue riforme sociali.

Lo sciopero delle ferrovie del 1903 si rivelò una dura prova per il governo di Kuyper. Lo sciopero ha quasi fermato il paese. Kuyper è stato costretto a prendere misure come la fondazione di una brigata ferroviaria, l'istituzione di un comitato per indagare sullo stato e le rivendicazioni dei ferrovieri e sanzioni per l'inosservanza del dovere.

Tuttavia, uno dei maggiori successi di Kuyper durante il suo periodo come primo ministro è stata la legge sull'istruzione superiore. Nel 1904 l'atto fu approvato nella Seconda Camera, ma respinto dalla Prima Camera.[38] Kuyper ha preso il controverso, ma legittimo, passo di sciogliere la Prima Camera e quindi ci sono state nuove elezioni. Successivamente entrambe le camere approvarono il disegno di legge che divenne legge nel 1905. La legge prevedeva che le università libere e altre università non statali potessero rilasciare titoli di studio e si trovassero sullo stesso piano delle università pubbliche.

Diversi temi erano importanti per Kuyper nella sua politica: l'antitesi e il fallimento sia dell'individualismo che del collettivismo. Non era né un radicale né un conservatore: rifiutava la nozione di sovranità popolare.

Kuyper si atteneva a una visione agostiniana dello Stato e del governo, in quanto si trattava di una necessità post-caduta piuttosto che di un'istituzione pre-caduta. “Dio ha istituito magistrati, a causa del peccato”, scriveva nelle sue Lezioni sul calvinismo. Diversi studiosi politici di Kuyper come James Skillen e David Koyzis sono in disaccordo con Kuyper su questo.[39] Dove sono d'accordo con Kuyper è che lo Stato ha una vocazione e un compito dati da Dio. In termini di sovranità delle sfere, lo Stato ha il compito di mediare tra le sfere assicurando che nessuna sfera invada l'altra e di mantenere la giustizia interna. Nelle parole di Kuyper, lo Stato

… possiede il triplice diritto e dovere: 1. Ogni volta che sfere diverse si scontrano, di obbligare al reciproco rispetto dei confini di ciascuna; 2. Difendere gli individui ei deboli, in quegli ambiti, contro l'abuso di potere degli altri; e 3. costringere tutti insieme a sostenere oneri personali e finanziari per il mantenimento della naturale unità dello Stato.[40]

3. Istruzione 

L'istruzione era una questione fondamentale per Kuyper. L'istruzione, per lui, esemplificava la sua visione del ruolo dello Stato, della sovranità della sfera e della necessità del pluralismo istituzionale all'interno della società. Le scuole erano importanti in quanto fornivano i mezzi per impartire una particolare visione del mondo. Kuyper sosteneva che le scuole cosiddette “neutre” fossero un mito. La neutralità era un miraggio. La lotta scolastica, come divenne nota nei Paesi Bassi, durò diversi decenni. Era la lotta dei genitori, e non dello Stato, per controllare l'educazione dei figli: «La scuola deve appartenere non alla Chiesa, non allo Stato, ma ai genitori!»[41]

La politica dell'ARP, sviluppata principalmente da Kuyper, era che «il governo non dovesse gestire le scuole come regola ma solo in via eccezionale».[42] Kuyper si rese presto conto che la lotta doveva richiedere un cambiamento politico. Il suo primo discorso politico nella Seconda Camera olandese fu sul controllo statale dell'istruzione, questo fu nel 1874.

Kuyper ha sostenuto, in modo convincente, che le scuole private significano che lo Stato ha risparmiato una grande quantità di denaro perché lo Stato aveva meno scuole da finanziare. Le sue argomentazioni o ragioni per l'educazione privata sono sparse nella sua antologia di recente tradotta On Education. Questi includono (in nessun ordine particolare):

  • · L'armonia tra casa e scuola sarà molto più forte che in una scuola statale.
  • · Producono risultati almeno pari a quelli delle scuole statali – senza il “deismo kantiano” e la “dottrina dell'autonomia morale” delle scuole statali.[43]
  • · L'educazione dei figli, e quindi l'educazione, è compito dei genitori e non dello Stato – dovrebbe essere una questione di scelta dei genitori.
  • · È una questione di uguaglianza; egli osserva: «Ci deve essere uguaglianza nel Paese, sia per coloro che si attengono al cristiano sia per coloro che si attengono alla visione modernista del mondo».[44]
  • · L'istruzione non è neutrale; l'istruzione statale appiattisce e svilisce la fede religiosa. Ha scritto: “Non c'è educazione neutrale che non sia governata da uno spirito proprio. E proprio quello spirito della scuola religiosamente neutra milita contro ogni fede positiva».[45] Poiché tutti gli insegnanti e gli educatori operano da un insieme di quadri teorici e pre-teorici, la neutralità è impossibile.
  • · La necessità di diversità nell'istruzione per rappresentare le diverse visioni del mondo culturali e religiose all'interno dei Paesi Bassi.

L'educazione statale e le sue argomentazioni sono, insiste Kuyper, un prodotto dell'autonomia morale, e quindi un rifiuto della sovranità di Dio; era una deificazione dello Stato e (sebbene non si esprima in questi termini) comportava l'indottrinamento dello Stato. Era d'accordo con l'osservazione polemica del suo mentore Groen van Printerer secondo cui le scuole statali sono «la scuola privilegiata di una determinata setta religiosa».[46]

4. Arte 

Kuyper non era un artista e tuttavia incluse una conferenza sul Calvinismo e l'arte nelle sue Lezioni sul Calvinismo tenute a Princeton su invito di BB Warfield.[47] L'arte può essere sembrata una strana scelta di argomento, in particolare perché molti consideravano il calvinismo indifferente o addirittura ostile alle arti. Eppure questo è stato il motivo per cui Kuyper ha scelto questo argomento. Se il Calvinismo era una visione del mondo onnicomprensiva, se la signoria di Gesù doveva estendersi a tutta la vita, come sosteneva Kuyper, allora ciò aveva implicazioni per tutte le aree della vita, compresa l'arte.

Nelle sue lezioni inizia rispondendo alla domanda: perché il calvinismo non ha sviluppato uno stile artistico? Attinge a due fonti improbabili, i filosofi tedeschi Hegel (1770-1831) e Eduard Von Hartmann (1842-1906). Sostenevano che le forme superiori di religione potevano svilupparsi indipendentemente dall'arte, poiché l'arte non era in grado di esprimere l'essenza della religione. Kuyper aveva sostenuto che la più alta forma di religione era il calvinismo. Tale approccio era sostenuto dalla sovranità della sfera di Kuyper: religione e arte dovrebbero essere libere da interferenze reciproche.

Il calvinismo aveva così fatto progredire le arti, non costruendo cattedrali, palazzi o anfiteatri; piuttosto liberava l'arte dall'influenza e dall'autorità della chiesa. In precedenza, l'arte e la musica potevano prosperare solo nella misura in cui potevano servire la chiesa. Il calvinismo sciolse le catene ecclesiastiche che ostacolavano lo sviluppo dell'arte.

Sottolinea che l'arte non è semplicemente una fabbricazione umana; nel suo L'opera dello Spirito Santo afferma con forza: «L'arte non è invenzione dell'uomo [sic], ma creazione di Dio».[48] In Pro Rege, Volume 3[49] sviluppa la nozione che l'arte è un dono di Dio che si manifesta in una capacità, che ritrae la bellezza e può essere goduta da tutti.

L'arte come creazione rivela l'importanza che dovrebbe avere in una visione del mondo cristiana pienamente sviluppata. Non è un semplice lusso: è parte integrante della creazione e di ciò che significa essere un essere umano creato a immagine del Dio creatore. L'opinione di Kuyper è che l'arte non è una frangia sull'abito; è parte integrante del regno di Dio.

5. Missione 

Missione non è un termine solitamente associato a Kuyper. Tuttavia, Kuyper ha scritto sulla missione e sulle missioni, quindi vale la pena esaminare il suo approccio.[50] In Pro Rege, Volume 2, distingue tra testimonianza e confessione: “Il primo dovere personale che devi al tuo Re è confessarlo; il secondo dovere, che ne consegue automaticamente, è di essergli testimone».[51]

La testimonianza include, ma è più che la confessione. La confessione è difendere Cristo, ma la testimonianza è un tentativo di cercare di conquistare gli altri per Cristo. Molti, nota, confessano Cristo, ma spesso non testimoniano. Ciò suggerisce, afferma Kuyper, che per loro la religione è una questione personale e privata, quindi pensano che non sia necessario che siano testimoni. Ogni cristiano, però, ha la responsabilità di non tacere per il suo Re: «Niente potrà mai esimerti dal dovere di testimoniare per il tuo Re».[52] Fa un punto importante – e che fa riflettere –: «Ogni essere umano che vive è un missionario… missionario di Cristo o missionario di Satana».[53] Siamo tutti missionari; il problema è quale messaggio stiamo dando?

Una volta ha tenuto conferenze sulla missione nel 1890 ha delineato diverse tesi in relazione alla missione. Il primo gruppo di otto trattava di proposizioni dogmatiche che si concentrano sulla determinazione del rapporto tra le missioni e la Trinità. La sua prima tesi recita:

Tutta l'attività missionaria ha origine dalla sovranità di Dio; si basa sulla creazione dell'essere umano a immagine di Dio; è reso necessario dal peccato; e si fonda sulla confessione che lo Spirito Santo procede dal Padre e dal Figlio.[54]

Come per la maggior parte dei soggetti, Kuyper inizia con la sovranità di Dio e con la creazione, la caduta e la redenzione; è anche cristologico; è anche Trinitario. La missione è quindi un comando, non un'opzione. Siamo chiamati alla missione perché siamo rappresentanti di Dio; siamo i suoi portatori di immagini.

L'ultimo missionario è il figlio di Dio. Ogni missione diventa insignificante rispetto alla sua missione. L'incarnazione è la prima tappa della sua missione; la chiesa deve essere il mezzo di esercizio della sua missione nel mondo di oggi.

Kuyper, a quanto pare, era in anticipo sui tempi; ha visto la necessità di sensibilità culturale e contestualizzazione nella missione all'estero e per la fondazione di chiese:

Le missioni tra pagani e musulmani, quando predicano la legge e il vangelo, dovrebbero riconoscere le peculiarità delle persone e del loro ambiente e lasciare completa libertà per confessare Cristo, in modo che quando queste persone sono pronte a formare le proprie chiese queste peculiarità e forme locali siano preservate. [55]

Era anche preoccupato che i missionari dovessero essere adeguatamente formati. Suggerisce che abbiano una «educazione superiore»: «Dobbiamo inviare le nostre persone migliori sul campo di missione».[56] Kuyper vede la chiesa come lo strumento che Dio ha scelto e usa per la missione, non le organizzazioni missionarie: «L'onere e la giustificazione per le missioni spettano alla chiesa locale».[57] I missionari dovrebbero essere la responsabilità della chiesa di invio. Lo scopo del missionario dovrebbe essere quello di diventare pastore di coloro che sono diventati cristiani sotto il suo ministero; la chiesa mittente dovrebbe essere responsabile finanziariamente fino a quando la chiesa della missione non può sostenersi.

Come dice Kuyper:

In sintesi, la missione impartisce un comando, si rivolge al portatore dell'immagine di Dio decaduto e si fonda sulla confessione che l'azione dello Spirito è legata alla Parola.[58]

6. Apartheid 

Un punto nero sulla teologia di Kuyper è il suo rapporto con l'apartheid sudafricano. Fu l'opuscolo di Kuyper “L'uniformità, la maledizione della vita moderna” (1869)[59] che, si sostiene, servì come base per la “Bibbia dell'apartheid”.[60]

In “Uniformity” Kuyper espone il problema della (falsa) uniformità, la descrive come “una caratteristica dubbia – oserei dire, la maledizione – della vita moderna”. Inizia con le ragioni per cui la vede come una maledizione e poi discute come i cristiani possono combatterla, in particolare per quanto riguarda la chiesa e lo stato.

La sua tesi di apertura sembra minare la sua tesi: “…l'unità è la meta di tutte le vie di Dio”. Quello che Kuyper propone è un'unità senza uniformità; l'uniformità è una contraffazione dell'unità:

Nel disegno di Dio l'unità vitale si sviluppa per forza interiore proprio dalla diversità delle nazioni e delle razze; ma il peccato, con un livellamento sconsiderato e l'eliminazione della diversità, cerca un'unità falsa, ingannevole, l'uniformità della morte.[61]

Vede questo come un passo verso la morte del nazionalismo e del patriottismo. Egli considera questo livellamento contrario alle ordinanze di Dio. Egli vede questa unità come l'unicità di un corpo, ogni membro ha una parte ed è di uguale importanza. È questo che gli architetti dell'apartheid sembrano aver trascurato a Kuyper. Come sottolinea Kuyper: «Il muro di separazione è stato abbattuto da Cristo, le linee di distinzione non sono state abolite»[62] (il corsivo nell'originale). Il primo è importante quanto il secondo: l'apartheid ha sottolineato il secondo (le linee di distinzione) e ha ignorato il primo (la separazione è stata demolita). L'apartheid è un travisamento di ciò che intendeva Kuyper. È difficile vedere come una corretta lettura della visione di Kuyper possa portare alla separazione e alla discriminazione che hanno caratterizzato l'apartheid.

La sovranità della sfera di Kuyper ha portato alla colonizzazione della società nei Paesi Bassi. La pillarizzazione era secondo la visione del mondo, non il colore della pelle. Nel contesto sudafricano la "sovranità della sfera" è stata utilizzata per sostenere e fornire una base teologica all'apartheid. Questo, tuttavia, era un travisamento del punto di vista di Kuyper. Kuyper non ha mai visto il popolo o la nazione come una delle sfere: questa è stata una chiara appropriazione indebita e un'applicazione errata dell'approccio di Kuyper. Non che questa appropriazione indebita sia stata fatta deliberatamente, ma probabilmente era più un caso di pregiudizio di conferma. Kuyper è stato letto e interpretato in modi che confermano idee e pregiudizi preesistenti sulla separazione; quegli aspetti che contraddicevano la visione furono ignorati o soppressi.

III. Conclusione 

Questa panoramica di temi e argomenti chiave in Kuyper è stata inevitabilmente troppo breve. Si sarebbero potute citare anche le sue opinioni sull'ordine ecclesiastico, la riforma ecclesiastica, il pluralismo sociale, l'etica[63], le donne, la presunta rigenerazione, la scienza, l'erudizione, il suffragio, lo Spirito Santo, gli angeli, le scritture, la sua fondazione della Libera Università e così via – o i suoi scritti di giornalismo e meditazione (ha scritto oltre 2000) – ha affrontato tutti questi argomenti e altro nelle sue copiose opere. Ciò che indica è che Kuyper era un erudito che ha anche messo in pratica le sue idee e ha trasformato il panorama educativo, politico e culturale dei Paesi Bassi. Non che Kuyper fosse perfetto, tutt'altro. Era un maniaco del lavoro; non sopportava volentieri gli stupidi e, purtroppo, di solito considerava stupidi quelli che non erano d'accordo con lui! Era tenace ma spesso si riteneva indispensabile e poteva essere pomposo, dogmatico e prepotente. Ma come osserva lo storico olandese George Harinck:

La ragione per cui Kuyper oggi è ancora più interessante di altri pensatori sociali cristiani è che non solo ha avuto alcuni pensieri interessanti, ma li ha anche fatti funzionare. Non era solo un pensatore sociale, ma, più di ogni altro olandese, ha cambiato la società olandese.[64]

Lo ha fatto da una posizione distintamente cristiana.

Steve Bishop insegna al City of Bristol College, Regno Unito ed è un fiduciario di Thinking Faith Network. È co-editore di On Kuyper (Sioux Center, IO: Dordt College Press, 2013). http://www.affinity.org.uk/news/news-stories/post/901-

Note 

[1] DM Lloyd-Jones, “The French Revolution and After”, The Christian and the State in Revolutionary Times, Westminster Conference Papers (Cambridge: Westminster Conference, 1976, 101).

[2] Un elenco completo delle sue opere è in T. Kuipers, Abraham Kuyper: An Annotated Bibliography 1857–2010 (Leiden: Brill, 2011).

[3] Per uno sguardo più completo su Kuyper e sul kuyperianesimo, vedere CG Bartholomew, Contours of the Kuyperian Tradition: A Systematic Introduction (Downers Grove: IVP Academic, 2017).

[4] Una biografia di Kuyper può essere trovata in J. Bratt, Abraham Kuyper: Modern Calvinist, Christian Democrat (Grand Rapids, MI: Eerdmans, 2013). Vedere anche: J. McGoldrick, God's Renaissance Man: The Life and Work of Abraham Kuyper (Darlington: Evangelical Press, 2000); F. Vanden Berg, Abraham Kuyper: A Biography (Grand Rapids, MI: Eerdmans, 1960); L. Praamsma, Let Christ be King: Riflessioni sulla vita e sui tempi di Abraham Kuyper (Jordan Station: Ontario Press, 1985). Utili introduzioni al lavoro di Kuyper includono: P. Heslam, Creating a Christian Worldview: Lectures on Calvinism di Abraham Kuyper (Grand Rapids, MI: Eerdmans, 1998); R. Mouw, Abraham Kuyper: A Short and Personal Introduction (Grand Rapids, MI: Eerdmans, 2011); M. Wagenman, Coinvolgere il mondo con Abraham Kuyper (Bellingham, MA: Lexham Press, 2019).

[5] J. Bratt, “The Dutch Schools” in DF Wells, (a cura di) Reformed Theology in America (Grand Rapids, MI: Baker Books, 1997), 121.

[6] Kuyper, come citato in J. Bratt, Abraham Kuyper: A Centennial Reader (Grand Rapids, MI: Eerdmans 1998), 488.

[7] BB Warfield, “Nota introduttiva” in A. Kuyper, Principles of Sacred Theology (Grand Rapids, MI: Eerdmans, 1968), xii.

[8] Vanden Berg, Abraham Kuyper, 51-52.

[9] A. Kuyper, Common Grace (Volume 1: The Historical Section): God's Gifts for a Fallen World (Abraham Kuyper Collected Works in Public Theology) (Bellingham, MA: Lexham Press, 2016), xxxvii-xxxviii.

[10] NH Gootjes, “Schilder on Christ and culture” in J. Geertsema (ed.), Always Obedient: Essays on the Teachings of Dr. Klaas Schilder (Phillipsburg, NJ: P&R Publishing, 1995).

[11] A. Wolters, Creation Regained (Downers Grove: InterVarsity Press, 1985), 41.

[12] A. Kuyper, Lectures on Calvinism (Grand Rapids, MI: Eerdmans, 1931), 133.

[13] Ibid., 132.

[14] O. Anderson, Reason and Worldviews: Warfield, Kuyper, Van Til and Plantinga on the Clarity of General Revelation and Function of Apologetics (Toronto: University Press of America, 2008), 49.

[15] Sull'influenza di Groen van Printerer su Kuyper vedi H. Van Dyke, “Abraham Kuyper: heir of an Anti-Revolutionary tradizione” in S. Bishop e J. Kok (a cura di) On Kuyper: A Collection of Readings on the Life, Work & Legacy di Abraham Kuyper (Sioux Center, IO: Dordt College Press, 2013), 7-32.

[16] Kuyper, in Bratt, Lettore del Centenario.

[17] HR Van Til, The Calvinistic Concept of Culture (Nutley, NJ: Presbyterian and Reformed Publishing, 1972), 117-136.

[18] Una sezione di De Gemeene Gratie è stata tradotta in Bratt, Centennial Reader. A. Kuyper, Wisdom and Wonder: Common Grace in Science and Art (Grand Rapids, MI: Christian's Library Press, 2011); A. Kuyper, Common Grace (Volume 1: The Historical Section): I doni di Dio per un mondo caduto (Abraham Kuyper Collected Works in Public Theology) (Bellingham, MA: Lexham Press, 2016); A. Kuyper, Common Grace (Volume 2: The Doctrinal Section): God's Gifts for a Fallen World (Abraham Kuyper Collected Works in Public Theology) (Bellingham, MA: Lexham Press, 2019). Il terzo e ultimo volume apparirà più avanti nel 2020.

[19] Kuyper, Common Grace, Volume 1, 3.

[20] Ibid., 5.

[21] Ibid., XIV.

[22] Kuyper, Lettore del Centenario, 185.

[23] Kuyper, Lettore del Centenario,187.

[24] Ibid.,169.

[25] Kuyper, Common Grace, Volume 1, 261.

[26] Ibid., 265.

[27] Ibid., 505.

[28] Kuyper, Centennial Reader, 179

[29] Su quest'ultimo si veda Kuyper's Particular Grace: A Difesa della sovranità di Dio nella salvezza (Grandville, MI: Reformed Free Publishing Association, 2001).

[30] Cfr., ad esempio: T. McConnell, “Grazia comune o antitesi?” in S. Bishop e J. Kok (a cura di) On Kuyper, 303-316; e SU Zuidema, “Azione cristiana e grazia comune a Kuyper” in On Kuyper, 247-286.

[31] Kuyper, Common Grace, Volume 1, 301.

[32] Su Calvino e la grazia comune vedi Bavinck, Calvin Theological Journal, 1909; 1989.

[33] Kuyper, Lectures, 11. Sulla storia e l'origine della visione del mondo si veda D. Naugle, Worldview: The History of a Concept (Grand Rapids, MI: Eerdmans, 2002).

[34] H. Dooyeweerd, “La filosofia della scienza di Kuyper” in On Kuyper, 153-178.

[35] A. Kuyper, Radicati e fondati: la Chiesa come organismo e istituzione (Grand Rapids, MI: Christian's Library Press, 2013).

[36] Citato in Vanden Berg, Abraham Kuyper, 48.

[37] MR Langley, The Practice of Spiritual Spirituality: Episodes from the Public Career of Abraham Kuyper, 1879-1918 (Jordan Station, ON: Paideia Press, 1984), 7 .

[38] Il parlamento olandese comprende due camere; la Seconda Camera è eletta dal popolo ogni quattro anni, la Prima Camera meno importante approva o respinge le leggi. La Prima Camera è eletta dai membri del parlamento provinciale.

[39] J. Skillen, The Good of Politics: A Biblical, Historical, and Contemporary Introduction (Grand Rapids, MI: Baker Academic, 2014) e D. Koyzis, Political Visions & Illusions: A Survey of Christian Critique of Contemporary Ideologies 2nd ed. (Downers Grove: IVP, 2019).

[40] Kuyper, Lezioni, 97.

[41] A. Kuyper, Sull'educazione, 198.

[42] A. Kuyper, Sull'educazione, 45.

[43] Ibid., 262.

[44] Ibid., 286.

[ 45] Ivi, 290.

[46] Citato in H. Van Dyke, “Scuole statali o scuole libere? Abraham Kuyper affronta una controversia di lunga data nel parlamento olandese”, Canadian Journal of Netherlandic Studies/Rev. può. d'études néerlandaises 35.2 (2014), 29-45.

[47] Kuyper ha scritto sull'arte in diversi punti, ma più ampiamente in Pro Rege, Volume 3 (Bellingham, MA: Lexham Press, 2019), anche nel capitolo 5 di Lectures on Calvinism, Wisdom and Wonder e il suo discorso rettorale alla VU nel 1898 dal titolo “Calvinismo e arte”. Ha anche tenuto una serie di conferenze sull'estetica alla Libera Università.

[48] A. Kuyper, L'opera dello Spirito Santo (Chattanooga, TN: AMG Publishers, 2001), 40.

[49] A. Kuyper, Pro Rege, Volume 3 (Bellingham, MA: Lexham Press, 2019).

[50] Due conferenze chiave di Kuyper trattano i suoi pensieri sulla missione: “Missioni secondo la Scrittura” Calvin Theological Journal 38 (2003):237-247 – pronunciato nel 1871; e "Lezione sulle missioni" tenuta per la prima volta al Congresso missionario delle Chiese riformate olandesi del 1890, disponibile online: https://www.allofliferedeemed.co.uk/Kuyper/AK-Missions.pdf. Consultato il 12 dicembre 2019.

[51] Kuyper, Pro Rege, Volume 2 (Bellingham, MA: Lexham Press, 2018).

[52] “Lezione sulle missioni”.

[53] “Missioni secondo la Scrittura”, 238.

[54] “Lezione sulle missioni”.

[55] “Lezione sulle missioni”, tesi 15.

[56] Ibid.

[57] Ibid., tesi 20.

[58] Ibid.

[59] Kuyper, “Uniformità, la maledizione della vita moderna” in J. Bratt, Centennial Reader.

[60] M. Rathbone, “Sfera di sovranità e irriducibilità: l'uso ambiguo delle idee di Abraham Kuyper durante il periodo dell'apartheid in Sudafrica”, Koers 2015, vol. 80 (1) (2015), 1-8.

[61] Kuyper, “Uniformità”.

[62] Ibidem.

[63] Si veda, ad esempio, S. Bishop, “Kuyper e le vaccinazioni un caso di studio nell'approccio di Kuyper a una questione etica” Koers – Bulletin for Christian Scholarship, 84 (1) (2019). Disponibile su: https://doi. org/10.19108/KOERS.84.1.2462.

[64] G. Harinck, “Il commento di uno storico sull'uso dell'idea di sovranità della sfera di Abraham Kuyper”, Journal of Markets & Morality 5, n. 1 (primavera 2002), 278.