Teopedia/Teonomia/La teonomia: cos'è e cosa non è

Da Tempo di Riforma Wiki.

Ritorno


La Teonomia: che cos'è - cosa non è

T. Mark Duncan, 29 marzo 2000

Salmi 119:97-98

I. Un appello a tutti i cristiani che amano la Bibbia

Negli ultimi anni si è discusso molto nella comunità cristiana evangelica e riformata e all'interno della comunità delle Chiese locali riguardo alla questione dottrinale popolarmente conosciuta come "Teonomia". Purtroppo, gran parte della discussione sulla Teonomia è stata in alcuni casi distorta e in altri calunniosa. Affrontare le questioni teologiche tra i cristiani professanti in questo modo è poco utile e, purtroppo, pericolosamente divisivo. Qualunque sia la parte che un credente prende in qualsiasi questione, la carità cristiana esige che ritragga accuratamente la questione in questione, per timore di essere colpevole di erigere un essere umano di paglia per abbatterlo. La carità richiede anche che pensiamo il meglio dei nostri fratelli fino a quando i fatti non dimostreranno chiaramente il contrario. Come cristiani, non osiamo giudicare il cuore mentre comprendiamo che abbiamo il dovere di giudicare parole e azioni (Giovanni 7:24). In qualità di "teonomista" sono costantemente sorpreso dal fatto che molti cristiani, alcuni dei quali sono per il resto teologicamente sani, siano soggetti a crisi di rabbia irrazionale quando qualcuno osa affermare che i principi di giustizia trovati nell'Antico Testamento di Israele, dovrebbero essere applicati dal Magistrato civile oggi. Anche se c'è una differenza su questo argomento, è mia speranza che l'avversario della Teonomia veda che il teonomista sta almeno cercando di essere fedele all'intero consiglio di Dio nel cercare di applicare l'intera parola di Dio a ogni ambito della vita . Molti cristiani trattano I teonomististi come se fossero il peggior tipo di nemico. Dio ha scritto queste leggi a cui I teonomististi cercano di essere fedeli, I teonomististi non le hanno inventate.

II. Definizione e fondamenti della Teonomia

Quando si discute di qualsiasi questione teologica, è fondamentale che i termini appropriati siano definiti con attenzione. La parola "Teonomia" significa semplicemente "Legge di Dio". È un composto di due parole greche; "Theos", che significa Dio; e "nomos", che significa legge. Poiché il termine è comunemente usato oggi, "Teonomia" riguarda la questione se gli Statuti civili che Dio ha dato all'Israele dell'Antico Testamento debbano essere applicati o meno dal Magistrato (autorità) Civile di tutti i tempi e di tutti i luoghi.

È straordinario come la "Teonomia" sia così detestata oggi. Questo non è certo l'atteggiamento biblico verso la Legge di Dio. I cristiani dovrebbero fare eco a Davide mentre scrive nel Salmo: “IOh, quanto amo la tua legge! Essa è la mia meditazione per tutto il giorno”(vs. 97). Nel Salmo 119:174, Davide scrive: "Io desidero ardentemente la tua salvezza, o Eterno, e la tua legge è la mia gioia In effetti, la Bibbia collega la Legge di Dio con la salvezza dell'anima. Sotto l'ispirazione dello Spirito Santo, David scrive nel Salmo 19:7 "la Legge dell'Eterno è perfetta, essa ristora l'anima". (Questo per quanto riguarda la falsa dicotomia tra legge e grazia). Letteralmente centinaia di versetti simili nell'Antico Testamento potrebbero essere citati per sostenere la tesi che la Legge di Dio è buona e dovrebbe essere la gioia di tutti i credenti. Il Nuovo Testamento riafferma la bellezza e la bontà della Legge di Dio. In Romani 7:12, Paolo scrive: "Così, la Legge è certamente santa, e il comandamento santo, giusto e buono". Anche Giacomo è preoccupato che i credenti seguano la Legge di Dio: "Ma chi esamina attentamente la Legge perfetta, che è la Legge della libertà, e persevera in essa, non essendo un uditore dimentichevole ma un facitore dell'opera, costui sarà beato nel suo operare” (Giacomo 1:25). Infatti, i cristiani concordano (si spera) che la volontà rivelata di Dio è che il suo popolo non pecchi (1 Giovanni 2:1), ma il peccato è definito in termini di legge di Dio. La Bibbia dichiara inequivocabilmente: "Chiunque commette il peccato, commette pure una violazione della Legge; e il peccato è violazione della Legge" (1 Giovanni 3:4). Quindi, Gesù definisce l'amore per Lui in questo modo oggettivo: "Se mi amate, osservate i miei comandamenti" (Giovanni 14:15). Cosa insegnò Gesù? Ha insegnato tutto l'Antico Testamento.

Alcuni hanno suggerito che la fede del Nuovo Patto annulli la Legge dell'Antico Testamento. Non è così. Paolo dichiara inequivocabilmente: “Rendiamo quindi nulla la Legge mediante la fede? Certamente no! Al contrario, stabiliamo la Legge". Lungi dall'abrogare la Legge, la fede in Cristo stabilisce effettivamente la continua validità della Legge come regola di Dio per i credenti!

Il principio fondamentale della Teonomia è il fatto che la Legge di Dio non è arbitraria. la Legge biblica sgorga dalla natura immutabile di Dio. Una legge data da Dio non può essere ingiusta o imprudente più di quanto il nostro Dio perfetto possa essere ingiusto o imprudente.

Diamo lode a Dio che la Sua natura è immutabile (Malachia 3: 6). A causa di questa verità, possiamo contare sul fatto che Dio non cambierà mai la via della salvezza. Tutti i cristiani, quindi, traggono conforto dall'immutabilità di Dio. Dio non cambierà idea riguardo al salvarci. Ma se Dio è davvero immutabile riguardo alle Sue promesse di salvezza, allora perché i cristiani dovrebbero credere che le Sue norme di giustizia cambino? Il fatto è che la Scrittura insegna che le norme di giustizia di Dio non cambiano (Salmi 89:34; Salmi 111: 7, 8; Isaia 51: 4-8). Se la natura di Dio non cambia, allora nemmeno le Sue norme di giusto e sbagliato. L'uomo non ha il diritto di determinare la verità, la giustizia, il bene e il male o ciò che costituisce il peccato. In verità, questa è la natura della tentazione di Satana e del primo peccato di Adamo. "Sarai come Dio, conoscendo (determinando) il bene e il male" (Genesi 3:5).

III. La Teonomia non insegna la salvezza attraverso l’osservanza della Legge

A volte, gli oppositori della Teonomia fanno l'affermazione infondata e non caritatevole che la posizione teonomica insegni la salvezza mediante l'osservanza della Legge. Niente può essere più lontano dalla verità. Sfido qualsiasi oppositore della Teonomia a trovare un qualsiasI teonomistista che sostenga la salvezza mediante le opere della Legge. Infatti, I teonomististi, nel modo più forte dei termini, affermano la verità biblica che “nessuna carne sarà giustificata davanti a lui per le opere della Legge; mediante la Legge infatti vi è la conoscenza del peccato” (Romani 3:20). I teonomististi affermano con forza che Dio concede la salvezza esclusivamente per grazia attraverso la fede nella persona e nell'opera di Gesù Cristo (Efesini 2:8-10). La salvezza per grazia NON è in contrasto con la posizione teonomica e sfido chiunque a dimostrare che mi sbaglio su questo punto.

IV. I teonomististi amano, credono e tentano di essere fedeli all'intera Bibbia

Sebbene abbia già dimostrato che entrambi i testamenti confermano la continua validità della Legge di Dio, capisco che molti evangelici contemporanei siano stati influenzati da un sistema teologico noto come dispensazionalismo.

La teologia della dispensazione è in continua evoluzione e comprende un vasto assortimento di punti di vista, ma fondamentale per il dispensazionalismo è il pensiero che l'Antico Testamento fosse per Israele e quindi non si applica più nell'epoca della Chiesa, se non come informazione storica. Questa visione relega l'Antico Testamento a, come ha detto un teologo, "la Parola di Dio emerita".

Questo punto di vista è, per usare un eufemismo, pieno di gravi errori.

Il dispensazionalismo suggerisce che alcuni (la Chiesa) vengono salvati da Cristo mentre altri (Israele) vengono salvati eseguendo le opere della Legge. Questo è logicamente e teologicamente assurdo. Suggerire che un essere umano, caduto in Adamo, peccatore per natura e per scelta, possa salvarsi osservando la Legge significa affermare che l'opera di Cristo non sia assolutamente necessaria. Dalla caduta, la salvezza è sempre stata per grazia mediante la fede. I santi dell'Antico Testamento furono salvati mediante la fede in Cristo, proprio come lo siamo oggi (Genesi 15: 6). Nell'Antica Alleanza, la salvezza consisteva nel credere in un Salvatore a venire. Nella Nuova Alleanza, la salvezza è credere in un Salvatore che è venuto. Che si tratti di vecchie o nuove alleanze, la salvezza è sempre stata attraverso la croce di Cristo.

Lo stesso Nuovo Testamento insegna chiaramente la validità continua delle Scritture dell'Antico Testamento. Il locus classicus della nostra preziosa dottrina della Sola Scriptura si trova in 2 Timoteo 3:16, 17 "Tutta la Scrittura è ispirata da Dio e utile per la dottrina, per la riprensione, per la correzione, per l'addestramento alla giustizia, affinché l'uomo di Dio possa essere adeguato, preparato per ogni opera buona". Quali scritture vengono descritte dall'apostolo? L'Antico Testamento ovviamente! Il Nuovo Testamento non era stato ancora compilato e riconosciuto dalla Chiesa come canonico. È importante anche riconoscere lo scopo di 2 Timoteo 3:16, 17. Lo scopo della Scrittura non è solo quello di mostrarci come essere salvati, ma di prepararci per ogni opera buona. Chi oserebbe affermare che l’opera del magistrato civile sia in qualche modo esente da questa idea universale? La Bibbia ci insegna come agire con saggezza in ogni impresa umana.

V. la Legge di Dio è universalmente vincolante. Non è stata data solo a israele

Si afferma spesso che gran parte della Legge dell'Antico Testamento sia stata data solo a Israele ed è quindi unica per Israele. La Bibbia non insegna questo. la Legge è universalmente vincolante per tutti gli esseri umani, poiché tutti gli esseri umani sono creati da Dio e sono obbligati a obbedire a Dio. Tutti gli esseri umani staranno davanti al giudizio di Dio e saranno giudicati sulla base della sua legge. La Bibbia insegna chiaramente che gli esseri umani al di fuori della teocrazia ufficiale di Israele conoscevano la Legge che in seguito sarebbe stata scritta da Mosè.

  • Legge sul sacrificio. Abele (Genesi 4: 4, 5); Noè (Genesi 8:20).
  • Animali puri e impuri (Genesi 7: 2).
  • Decime (Genesi 14:20).
  • Restituzione. Giacobbe protesta a Labano in Genesi 31:39. Labano non seguì la Legge che Mosè avrebbe poi scritto in Esodo 22:13).
  • Il sabato (Genesi 2: 2, 3).

La Bibbia insegna anche chiaramente che le nazioni che circondavano Israele erano obbligate a osservare la Legge di Dio. Una delle ragioni per cui Israele è stata fondata era per rendere le nazioni gelose delle loro giuste leggi e per mostrare loro la saggezza di Dio (Deuteronomio 4: 5-8).

Dio ha distrutto le nazioni che rigettavano la Sua legge.

  • Sodoma e Gomorra furono distrutte per la loro assoluta perversione (Genesi 18:20).
  • Dio ha distrutto i Cananei per la loro illegalità (Levitico 18: 24-27).
  • Davide invita le nazioni della terra a “baciare il Figlio” o ad essere distrutte (Salmi 2).

Semplicemente non è vero che la Legge di Dio è stata data unicamente a Israele.

VI. Gesù e il nuovo testamento riaffermano la Legge dell’Antico Testamento

Sebbene sia spesso (erroneamente) affermato che la venuta di Gesù ha abolito la Legge dell'AT, questo non è l'insegnamento del nostro Signore.

In Matteo 5: 17-19 Gesù dichiara: “Non pensate che io sia venuto ad abrogare la legge o i profeti; io non sono venuto per abrogare, ma per portare a compimento. Perché in verità vi dico: Finché il cielo e la terra non passeranno, neppure un iota o un solo apice della legge passerà, prima che tutto sia adempiuto. Chi dunque avrà trasgredito uno di questi minimi comandamenti e avrà così insegnato agli uomini, sarà chiamato minimo nel regno dei cieli; ma colui che li metterà in pratica e li insegnerà, sarà chiamato grande nel regno dei cieli".

Gesù, nel Suo primo avvento, stabilì il Suo regno spirituale (Matteo 12:28) e in Matteo 5 insegna che i requisiti etici del Suo nuovo regno saranno gli stessi dell'Antico. Gesù, quindi, sostiene la continuazione della Legge dell'AT in dettaglio e invoca persino la benedizione su coloro che osservano e insegnano la Legge. Gesù è venuto per "adempiere" la Legge. Cioè, per portarlo alla sua massima applicazione. Sebbene molti interpretino "adempiere" come abolito, una tale interpretazione rende il passaggio un'assurdità assoluta.

Di volta in volta nei vangeli, Gesù difende il suo insegnamento dicendo: “È scritto ... indicando i suoi avversari all'Antico Testamento. Gesù non ha mai minimamente suggerito che l'Antico Testamento stava per diventare irrilevante per i credenti nel Suo regno spirituale.

Gli evangelici sono stati storicamente cristiani della "Bibbia intera". Dovremmo continuare ad essere tali. Ogni periodo successivo della storia redentrice si basa sul periodo precedente. I precedenti mandati del nostro santo Dio non vengono sostituiti. Dio aggiunge informazioni alla storia redentrice mentre un bravo costruttore continua ad aggiungere stanze a una bella casa. Uno dei principi ermeneutici fondamentali sostenuti dai teologi riformati, è che la rivelazione precedente rimane vincolante a meno che non venga cambiata o modificata da rivelazioni successive. Dove insegna il Nuovo Testamento che Dio ha modificato una legge diversa dal Codice cerimoniale? Dio ci ha dato un intero libro (Ebrei) per mostrare ai cristiani perché non pratichiamo più i sanguinosi rituali delle cerimonie dell'Antica Alleanza da quando Cristo è venuto,

È un dato di fatto, sia Gesù che il resto del Nuovo Testamento riaffermano le leggi della giurisprudenza civile di Israele.

Esempi:

  • Matteo 15: 4 / Esodo 21:17 Gesù riafferma la pena di morte per i figli delinquenti.
  • Marco 10:19 / Deuteronomio 24:14, 15 Non frodare.
  • Matteo 19:19 / Levitico 19:18 Ama il tuo prossimo. (Nel contesto di specifici atti d'amore).
  • Marco 6:18 / Levitico 18:16 "Non è lecito avere la moglie di tuo fratello."
  • Luca 19: 1-10 / Esodo 22: 1 Restituzione.
  • Ebrei 10:28 / Deuteronomio 19:15 Testimonianza di 2 testimoni. (Nota il tempo presente).

VII. L'applicazione della legge di Dio alla giustizia civile

Per comprendere più pienamente la questione in argomento, è importante comprendere le divisioni storiche della Legge di Dio. Per aiutare la nostra comprensione, la Legge di Dio è stata divisa in tre categorie: morale, civile e cerimoniale. Questa divisione si trova nella nostra Confessione di Westminster, capitolo 19. la Legge morale è riassunta nei 10 comandamenti e sono, senza dubbio, applicabili al credente oggi (vedere CFW 19: 2,5,6,7).

la Legge cerimoniale era progettata per essere applicata solo all'ombra dell'Antica Alleanza, poiché quelle cerimonie sanguinose servivano da cartelli che indicavano Colui il cui sangue avrebbe portato via il peccato. I sanguinosi rituali dell'Antica Alleanza sono stati sostituiti da segni incruenti del Battesimo e della Cena del Signore nella Nuova Alleanza. I segni sanguinosi dell'Antica Alleanza indicavano un Salvatore in arrivo. I segni incruenti della Nuova Alleanza indicano il Salvatore che è venuto. Non sarebbe esatto, tuttavia, dire che queste leggi cerimoniali sono abolite. Ci insegnano ancora il principio che Dio richiede un sacrificio cruento sostitutivo per perdonare i peccati. Ad esempio, se viaggi da A a B con un’autostrada, i segnali che ti informano del numero di chilometri fino a B sono molto utili. Una volta arrivato a B, tuttavia, non hai più bisogno di quei segni. Hanno servito al loro scopo. Si applicano ancora a coloro che viaggiano a B e servono ancora a ricordarti dove eri e la distanza che hai percorso.

La terza categoria della Legge è la categoria giudiziaria ed è qui che risiede la maggior parte della controversia. La domanda è la seguente: le sanzioni giudiziarie e penali nella Legge di Mosè si applicano oggi al magistrato civile? La Confessione di Fede di Westminster, capitolo 19: 4 afferma: “Dio ha dato loro [a Israele], in quanto corpo politico, anche diverse leggi giudiziarie che non sono più in vigore da quando quella nazione ha cessato di avere un'organizzazione politica [uno stato], non obbligando ora più nessuno, al di là di ciò che esse esigono [postulano] nei termini di principi generali [comuni] di equità [e giustizia]”.

Sebbene questa affermazione della nostra Confessione sembri disperatamente confusa, un po 'di attenta riflessione dovrebbe eliminare la nebbia. Primo, NON PUO 'significare che è intenzione di Dio che la Legge giudiziaria non venga affatto applicata. Ciò significherebbe che lo Stato non è in alcun modo sotto Dio e implica che la Bibbia non ha nulla da dire sulla giustizia penale. Questo è assolutamente inconcepibile e non riesco a capire come un cristiano possa sostenere una posizione così mostruosa.

Inoltre, questa interpretazione di 19:4 è radicalmente incoerente con gli standard di Westminster in altri luoghi. Nella versione originale del CFW, capitolo 23, relativo al Magistrato Civile, uno dei doveri delineati dai Teologi di Westminster per il Magistrato Civile era che egli fosse responsabile di vedere che "tutte le bestemmie e le eresie fossero soppresse".

Sebbene questa disposizione sia stata eliminata alla fine del 1700 nella versione americana della CFW, è interessante notare che la domanda 108 del Catechismo Maggiore di Westminster (citando Deuteronomio 7: 5) è rimasta intatta. “I doveri richiesti nel Secondo Comandamento sono ... disapprovare, detestare, opporsi a ogni falsa adorazione; e secondo il proprio posto e la propria vocazione, rimuovendolo e tutti i monumenti di idolatria ".

C'è un interessante esempio storico utile alla nostra discussione sulla relazione tra la Confessione di Westminster e la Teonomia. Secondo il libro, “Minutes of the Sessions of the Westminster Assembly”, p. 211, discutendo il dibattito sul capitolo 20, Della libertà cristiana e della libertà di coscienza, la formulazione originariamente approvata dall'Assemblea era "sotto il vangelo consiste, specialmente nella libertà dalla colpa e dal potere del peccato ... dalla Legge cerimoniale e giudiziaria …" La frase: "la libertà dal giogo della Legge cerimoniale è stata spostata più avanti nella sezione. Ai fini della nostra discussione, tuttavia, il punto importante è che qualsiasi menzione di esenzione dalla Legge giudiziaria è stata completamente eliminata e non è mai apparsa nella CFW. Questo significa:

C'è anche un "sapore teonomico" nel Catechismo Maggiore, domanda 191, che chiede: "Per cosa preghiamo nella seconda petizione?

Parte della risposta recita: "... la Chiesa fornita di tutti i dirigenti e le ordinanze del Vangelo, purificata dalla corruzione, approvata e mantenuta dal magistrato civile: che le ordinanze di Cristo siano puramente dispensate …”. Quindi, il magistrato civile ha un ruolo nella protezione del vera Chiesa e mantenerla pura. Gli evangelici riformati che si oppongono alla Teonomia devono, per mantenere l'integrità, fare eccezioni a queste disposizioni nei nostri Standard.

In secondo luogo, se le leggi giudiziarie non si applicano più in alcun modo, come potrebbe un magistrato civile fare il suo dovere secondo Romani 13? Romani 13:4 ci insegna che è dovere del magistrato civile essere un vendicatore dell'ira di Dio su chi pratica il male. Come può un magistrato civile svolgere questo compito senza uno standard assoluto di ciò che è buono e cattivo? Senza il diritto giudiziario biblico, spetta al magistrato stesso determinare cosa sia bene o male. Il magistrato o l'organo legislativo deve quindi determinare arbitrariamente la punizione per il comportamento criminale. Così, il re Giacomo I d'Inghilterra ha applicato la pena di morte per borseggio. Un abbandono della Teonomia porta all'arbitrio, alla tirannia e alla punizione irregolare. Sebbene la Legge dell'Antico Testamento abbia una reputazione ingiustificata di essere dura, un'etica teonomica in realtà serve a proteggere i cittadini dagli abusi dei tiranni. Terzo, i cristiani devono ricordare chi ha scritto le leggi giudiziarie. Provengono dalla mente di un Dio perfettamente buono e giusto.

Dio è perfettamente giusto. Un abbandono della Teonomia implica che l'uomo sia più saggio di Dio. Ciò implica che Dio non sa cosa sta facendo quando si tratta di diritto civile. Un cristiano crede davvero che leggi migliori e più giuste possano venire dalla mente di uomini peccatori, finiti e caduti? Che assurdità! I cristiani che detestano la Teonomia devono capire che stanno discutendo contro Dio.

I teonomisti non hanno scritto quelle leggi civili, Dio ha scritto ognuna di esse. I teonomisti credono che le leggi di Dio siano più sagge degli esseri umani e almeno stanno cercando di crederle e applicarle.

I Teologi di Westminster impiegarono i termini “equità generale” perché capivano che la Bibbia era stata scritta per essere applicata a tutte le culture in tutti i tempi. La giurisprudenza fornisce all'uomo principi di giustizia che possono essere applicati a tutte le nazioni in tutte le epoche. Ad esempio, Deuteronomio 22: 8 richiede la realizzazione di un parapetto attorno al tetto di una casa. La posizione teonomica NON sostiene che tutte le case oggi debbano avere un guardrail costruito sul tetto. Cerchiamo l'equità generale della Legge. Cosa ci insegna Dio in questo statuto? L'equità generale è un principio di sicurezza. Ci sono molte applicazioni moderne, come la necessità di costruire una recinzione attorno a una piscina, per evitare che un bambino entri e anneghi. Se qualcuno possedeva una casa con il tetto piatto e intratteneva gli ospiti sul tetto, l'equità generale sarebbe, in quel caso, un'applicazione letterale della Legge.

A coloro che negano che i principi del codice civile dell'Antico Testamento si applichino oggi, c'è una domanda a cui bisogna rispondere. Con cosa pensate di sostituire la Legge di Dio? I partiti politici sono più competenti dell'Onnipotente nel redigere leggi giuste e giuste? L'uomo caduto è meglio attrezzato di Dio per scrivere leggi che limitano il crimine e governano le persone in modo più efficiente?

VIII. Le amare conseguenze di una nazione che ha rifiutato la teonomia

È proprio perché la Chiesa di Gesù Cristo ha abbandonato la Teonomia che siamo nei guai in cui ci troviamo. I crimini violenti dilagano. Il furto è comune. L'aborto e la pornografia affliggono la nostra terra. L'agenda omosessuale minaccia i nostri figli. Se la nostra nazione fosse sotto la Legge biblica, queste piaghe sarebbero spinte molto sottoterra. Ad esempio, un'Etica Teonomica non porrebbe fine all'omosessualità, ma i sodomiti ci penserebbero due volte prima di avvicinare estranei nei bagni pubblici e non sarebbero autorizzati a marciare in parate per ottenere simpatia per la loro pratica perversa. Un'Etica Teonomica non porrebbe fine alla pornografia, ma gli occhi dei giusti non sarebbero più tentati ogni volta che entrano in un minimarket.

Molti sistemi penali moderni sono scherzi pericolosi.

Le prigioni sono spesso o buchi infernali o country club. In ogni caso, le carceri sono scuole di specializzazione in cui i criminali imparano a essere criminali migliori e più efficienti. C'è poca giustizia nel nostro codice penale. I reati vengono puniti in modo radicalmente diverso a seconda dello Stato, del giudice e delle circostanze. Miliardi dei nostri soldi di tasse vengono sprecati nel sistema carcerario. Nell'Antico Testamento Israele non c'erano prigioni. La punizione per l'attività criminale era limitata alla punizione corporale, alla pena capitale e alla restituzione. Secondo la Legge biblica, la vittima aveva dei diritti.

Nella Legge biblica, la vittima viene risarcita per la sua perdita. Va ricordato, tuttavia, che la Legge biblica protegge anche il criminale da punizioni eccessive. Senza Teonomia, i cristiani non hanno risposte alla crescente ondata di criminalità che affligge la nostra terra. Un abbandono della Teonomia lascia il cristiano senza risposta alla domanda su come punire il crimine. Finché la Chiesa di Gesù Cristo continuerà a ignorare la piena legge di Dio, la nostra terra sarà afflitta da un crimine sfrenato. I cristiani si affrettano a ripetere lo slogan: "La Bibbia ha le risposte a tutti i problemi della vita". Solo sotto la Teonomia la Bibbia ha la risposta al problema di come punire giustamente i criminali. Questo è il motivo per cui è di fondamentale importanza che i cristiani ritrovino ancora una volta una comprensione teonomica del governo civile che portò così tanto meraviglioso capitale spirituale alla nostra nazione quando i principi della Bibbia erano la Legge del paese. (Sfido chiunque a confrontare i tassi di criminalità dell'America moderna con quelli del New England puritano). Gesù disse: "Li riconoscerai dai loro frutti".

IX. Obiezioni alla teonomia

'A'. Israele era tipologico. Questo è certamente vero. Israele era tipologico. Ma Israele non era solo tipologico. Tutto nell'Antico Testamento è tipologico. Non ne consegue che i tipi non abbiano un'applicazione reale e continua. Ad esempio, l'istituzione del matrimonio è tipologica: punta al rapporto di Cristo e della sua Chiesa. Non ne consegue, tuttavia, che le leggi bibliche relative al matrimonio non siano più applicabili. Le leggi civili, che sono la resa della giustizia, non sono solo tipologiche. La giustizia non cambia mai, poiché Dio è "infinito, eterno e immutabile nella Sua giustizia" (Vedi Catechismo Minore di Westminster # 4).

B. Il Vangelo adempie l'intera legge (Luca 24: 25-27). Sì, Gesù adempie l'intero Antico Testamento. Tutto l'Antico Testamento punta a Gesù. Ma bisogna capire che "adempiere" non può significare "abrogare". Se adempiere significa abrogare, allora non ci sarebbe alcuna base per requisiti etici per i cristiani. Questo argomento può essere facilmente ridotto all'assurdo.

C. la Legge di Dio cambia (Genesi 17:13). È l'alleanza che è eterna, non il segno. La circoncisione, il segno di sangue era una di quelle leggi concepite per essere temporanee. Su questo lato della croce il segno di sangue dell'eterna alleanza è stato sostituito dal segno incruento del Battesimo.

D. Il governo è un'istituzione della natura, che deve essere governata dalla ragione umana. O no? Dove insegna questo la Bibbia? Secondo Romani 13, è dovere del magistrato civile essere un servitore di Dio e sopprimere il male. Il governo civile non è un'istituzione della natura, è ordinato da Dio.

La ragione umana è del tutto inadeguata come standard per governare lo Stato. La ragione umana è caduta, non è sfuggita agli effetti devastanti del peccato. L'uomo caduto sopprime la verità di Dio nell'ingiustizia (Romani 1:18); l'uomo caduto è consegnato a una mente degradata (Romani 1:28; la comprensione dell'uomo decaduto è stata oscurata (Efesini 4:18).

E. La rivelazione generale è sufficiente per il governo umano. Oltre al punto sopra esposto riguardo alla soppressione della rivelazione naturale da parte dell'uomo caduto, deve essere sollevata un'altra questione. Dove sono scritti i dettagli della rivelazione naturale? In che modo l'osservazione delle stelle nel cielo o di un bel ruscello di montagna dice al Magistrato Civile come punire giustamente un ladro?

F. La Teonomia non protegge la libertà religiosa e la libertà di coscienza dei non cristiani sotto un governo civile cristiano.

In primo luogo, va notato che tutti pongono dei limiti alla libera espressione della religione pluralista. Non credo che qualcuno sosterrebbe il sacrificio dei bambini al diavolo e lo giustificherebbe citando il Primo Emendamento della Costituzione americana. (A proposito, il primo emendamento non è mai stato progettato per proteggere tutte le religioni come viene definita oggi la religione. Era inteso a proteggere tutte le denominazioni del cristianesimo ortodosso). Ancora una volta, la domanda è: chi stabilisce lo standard di tolleranza della differenza religiosa in una società civile? L'uomo determina arbitrariamente il livello di tolleranza o la Bibbia dovrebbe stabilire lo standard?

Nell'Antico Testamento l'incredulità non era un crimine. Dio comandò al suo popolo di essere gentile con gli estranei (Levitico 19:33, 34), e non furono puniti per non essere disposti a sottoporsi alla circoncisione (Esodo 12: 43-49). Ciò dimostra che c'era un certo livello di libertà religiosa in Israele. Certamente, questi alieni e stranieri erano persone religiose che praticavano la loro religione. Considerando che gli stranieri possono avere una certa libertà di praticare privatamente la loro religione, non potrebbero avere i diritti dei cittadini a pieno titolo. I miscredenti non sarebbero in grado di ricoprire cariche politiche o votare in una società teonomica. Non è così bizzarro come sembra. Molte costituzioni statali una volta avevano prove religiose per i titolari di cariche.

È vero che Deuteronomio 13 descrive la punizione degli apostati. la Legge biblica prescrive la pena di morte per un falso profeta, derivante dal popolo di Dio, che attira il popolo verso l'idolatria (13: 1-5). Vv. 6-11 prescrive la pena di morte per le persone nella comunità del patto che invogliano gli altri nella comunità del patto a servire gli idoli. Possiamo concludere, in una società teonomica, l'incredulità non sarebbe un crimine, ma sarebbe un crimine per qualcuno legato a Dio da un'alleanza, intenzionalmente per minare la Chiesa. Non è dovere del magistrato civile punire il peccato. È suo dovere punire i crimini (azioni illegali).

G. Per essere coerenti, I teonomisti dovrebbero mettere a morte chi infrange il sabato.

Numeri 15: 32-36 descrive un evento avvenuto nel deserto. un essere umano è stato messo a morte, apparentemente per nient'altro che per raccogliere bastoni di sabato. Diversi punti dovrebbero essere sottolineati qui. Questa è una registrazione, non di una giurisprudenza, ma di un evento reale. Gli eventi storici non sono necessariamente normativi per oggi. Il contesto precedente può aiutarci a interpretare questo passaggio. In vv. 30 e 31, c'è una dichiarazione sul peccato presuntuoso. Alcuni teologi credono che l'uomo sia stato messo a morte per presunzione, sfidando Dio in faccia. Altri credono che la raccolta dei bastoni fosse correlata a una sorta di idolatria. È interessante notare che anche l'altro passaggio che collega la violazione del sabato con la pena di morte è collegato alla costruzione di un incendio. Credo che questo fuoco sia connesso in qualche modo con l'idolatria, perché certamente con il freddo accendere un fuoco sarebbe un atto di misericordia e necessità. Sono d'accordo sul fatto che sia necessario lavorare maggiormente sull'applicazione di questa legge. La mia mancanza di comprensione di come applicare ogni legge non rende la Teonomia sbagliata.

Ecco un punto con cui i non teonomisti devono fare i conti. Le persone spesso indietreggiano al suggerimento della pena di morte per la violazione del sabato. Gli antinomiani spesso agitano le dita storte contro I teonomisti e li chiamano aspri e non amorevoli. I teonomisti non hanno scritto questa legge! Questa legge, comunque doveva essere applicata, è stata data dal nostro Dio Onnipotente e misericordioso!

H. I teonomisti credono nella lapidazione dei 'propri figli'. Devo ancora leggere un teonomista che sostenga la lapidazione dei figli la Legge biblica, tuttavia, consente l'applicazione della pena di morte per i delinquenti incorreggibili (Deuteronomio 21: 18-21). Questo passaggio descrive una situazione in cui c'è un giovane cronicamente ribelle, disobbediente ai genitori. È un ghiottone e un ubriacone. Questa non è certo la descrizione di un 1° selezionatore. Inoltre, sono i genitori che perseguono il caso agli anziani della città. Gli anziani conducono un'indagine e agiscono di conseguenza.

I. I teonomisti credono nel rovesciamento armato del governo e nell'imposizione di una "teocrazia". Nessun teonomista crede questo (che io sappia). Crediamo che la riforma debba precedere la ricostruzione. la Legge teonomica non diventerà la Legge del paese finché le persone non lo vorranno in questo modo.

J. I teonomisti credono che la Legge di Mosè dovrebbe essere imposta alla lettera ai governi f'centrali 'e locali. I teonomisti non ci credono. Crediamo nell'equità generale del diritto civile. Le situazioni particolari cambiano, ma i principi di giustizia no. Nella giurisprudenza, Dio ci ha dato principi concreti di giustizia e si aspetta che abbiamo abbastanza saggezza per applicare quei principi nelle situazioni moderne.

H. I teonomisti credono nella polizia "in camera da letto", che curerà le pratiche sessuali di tutti per far giustiziare adulteri e omosessuali. Sebbene l'etica teonomica abbia la reputazione di essere dura, la Teonomia in realtà protegge gli accusati. Nessuno poteva essere giustiziato se non sulla testimonianza di almeno due testimoni (Deuteronomio 17: 6). In caso di adulterio o omosessualità, sarebbe estremamente difficile ottenere tali testimoni. Ma, come è stato accennato, eliminerebbe il pubblico ostentando l'immoralità, proteggerebbe i nostri figli dai pervertiti, guiderebbe il porno interamente sottoterra (il porno sarebbe la prova del crimine), oltre a fornire incentivi extra per gli esseri umani, tentati di essere infedeli al loro mogli, per rimanere fedeli.

I. E le leggi sulla dieta e le leggi sui tessuti misti? Ci sono ampie prove del Nuovo Testamento che indicano la reale applicazione temporanea delle regole dietetiche (Marco 7:18, 19; Atti 10: 9-16; Romani 14: 7). Allo stesso modo, le leggi sui tessuti misti rientrerebbero nella stessa categoria generale (Levitico 19:19). Prima della venuta di Cristo, le nazioni che circondavano Israele erano "impure". Israele era l'unica nazione "pulita". Le leggi sulla dieta e sui tessuti ricordavano costantemente il fatto che Israele doveva essere una luce per i gentili impuri e attirarli alla luce della Legge di Dio. Ricorda, i gentili potevano entrare a far parte del patto, ma dovevano diventare ebrei, cioè "puri". Nella Nuova Alleanza, tutte le nazioni appartengono a Cristo (Apocalisse 11:15). Tutte le nazioni sono state purificate. La Grande Commissione ci ordina di uscire e "mescolare".

X. CONCLUSIONE

Il presbiterianesimo storico (le chiese riformate) ha mantenuto a lungo un'etica teonomica. La Teonomia non è certo un'innovazione recente. Secondo la Confessione di fede di Westminster, il magistrato civile ha il dovere di punire i malfattori con la spada. Come è già stato sottolineato, ciò è impossibile da realizzare in modo giusto senza un'etica teonomica.

Il padre del Presbiterianesimo, il grande John Knox, sosteneva la continua applicabilità della Legge giudiziaria. Così hanno fatto Calvino e Lutero. Due dei giganti dell'Assemblea di Westminster che hanno dato un contributo importante ai nostri Standard di Westminster, George Gillespie e Samuel Rutherford, sono stati tra i molti dei Teologi di Westminster che hanno tenuto fermamente la continua applicabilità della Legge giudiziaria.

A questo elenco si potrebbero aggiungere decine di altri grandi teologi della storia della Chiesa. L'onere della prova spetta ai cristiani che, per qualsiasi motivo, non credono che la Legge di Dio sia applicabile oggi. Se le leggi civili di Israele oggi non parlano alla giustizia civile, allora con cosa si propone di sostituire la Legge di Dio? La ragione umana? Affermo che la storia dimostra chiaramente la sanguinosa tirannia del governo sovrinteso dalla ragione umana.

Sì, siamo salvati per grazia mediante la fede in Cristo e lodiamo Dio per questa preziosa dottrina di salvezza per sola grazia. Ma una volta salvati, come viviamo? In quanto persone salvate, come Dio ci chiede di comportarci? Che tipo di giustizia un magistrato civile cristiano dovrebbe cercare di applicare alla società che ci circonda? Questa saggezza si trova solo nella Legge santa e perfetta di Dio. Certamente, è necessaria una grande quantità di lavoro esegetico e di preghiera per determinare il modo più saggio di applicare le leggi di Dio alle nazioni di oggi. In effetti, alcuni teonomisti non sono d'accordo sui dettagli di questa applicazione. Ma ogni credente timorato di Dio deve essere d'accordo che la Legge di Dio deve essere applicata. Come ha affermato Van Til: "L'unica alternativa possibile alla Teonomia è l'autonomia". L'autonomia ha lasciato un'eredità amara e crudele nel nostro mondo. Faccio eco alle parole del re Davide in 2 Samuele 24:14 “CCadiamo pure nelle mani dell'Eterno, perché le sue compassioni sono grandi, ma che io non cada nelle mani degli uomini!". È sorprendente per me che i cristiani scelgano volontariamente di disprezzare gli statuti misericordiosi di Dio a favore dei mutevoli capricci dell'uomo caduto.

Consentitemi di concludere questo articolo facendo appello a tutti nel corpo affinché mostrino la grazia e l'amore di Cristo ai fratelli che potrebbero non essere d'accordo su questioni teologiche. Cerchiamo, con la Bibbia in mano, di persuadere gentilmente gli altri a una posizione più biblica. Come Paolo ammonì i Colossesi, anch'io vi ammonisco: “Vestitevi dunque come eletti di Dio, santi e diletti, di viscere di misericordia, di benignità, di umiltà, di mansuetudine e di pazienza, sopportandovi gli uni gli altri e perdonandovi, se uno ha qualche lamentela contro un altro; e come Cristo vi ha perdonato, così fate pure voi” (Col. 3:12, 13).

Articolo originale