Teopedia/Teonomia/La tesi teonomica in prospettiva confessionale e storica

Da Tempo di Riforma Wiki.

Ritorno


 

La tesi teonomica in prospettiva confessionale e storica

Dr. Greg Bahnsen

Le domande relative agli standard etici e alla condotta cristiana sono preoccupazioni teologiche vitali e rilevanti nella chiesa moderna. Dovremmo quindi accogliere con favore una sana interazione e critiche riguardo ai nostri impegni in questi settori. [1]Paolo lodò i Bereani perché "accolsero la parola con entusiasmo ed esaminarono quotidianamente le Scritture per vedere se le cose stavano così" (Atti 17:11). Allo stesso modo, mentre riflettiamo sulla questione della legge di Dio nella vita cristiana oggi, "proviamo ogni cosa, teniamoci saldi a ciò che è buono" (I Tessalonicesi 5:21). Quando uno pensa attraverso il suo impegno con Gesù Cristo, comincia a vedere che la sottomissione alla legge di Dio nelle Scritture dell'Antico e del Nuovo Testamento è il naturale compimento della fede cristiana. Questo atteggiamento positivo verso le norme della legge di Dio, inoltre, pervade la Confessione di Fede di Westminster e i Catechismi. Anche quelli con forti riserve sulla prospettiva teonomica in etica hanno riconosciuto la sua difesa all'interno degli Standard di Westminster. Una prova della mia confessione di fede personale insieme alla visione della Confessione di fede di Westminster può quindi servire a introdurre e riassumere la posizione dell'etica teonomica.

Gesù mio salvatore

L'insegnamento più benedetto della parola di Dio e la gioia centrale della mia vita è che Dio ha mandato il Suo unigenito Figlio per salvare i peccatori come me. Quando sono diventato cristiano, è stato con un senso del mio peccato e della mia miseria davanti a Dio. A causa dell'opera dello Spirito nel mio cuore ho riconosciuto che "ogni peccato ... essendo una trasgressione della giusta legge di Dio, e contrariamente a ciò, nella sua stessa natura porta colpa sul peccatore, per cui è vincolato a l'ira di Dio e la maledizione della legge, e così rese soggette alla morte "(Confessione di fede di Westminster VI. 6). Con questo ho visto il mio bisogno del Salvatore offerto liberamente a me nel Vangelo e l'ho abbracciato con fede.

Ad accompagnare questa fede salvifica in Cristo c'era in Lui il pentimento per una nuova vita. "Con esso [pentimento] un peccatore, fuori dal segno e dal senso non solo del pericolo, ma anche della sporcizia e odiosità dei suoi peccati, in quanto contrari alla natura santa e alla giusta legge di Dio; e sull'apprensione di La sua misericordia in Cristo verso coloro che sono penitenti, così si addolora e odia i suoi peccati, da volgersi da tutti a Dio, proponendosi e sforzandosi di camminare con Lui in tutte le vie dei Suoi comandamenti "( Confessione di fede di WestminsterXV. 2). Tale pentimento ha dato significato alla mia fede: "accettare, ricevere e riposare su Cristo solo per la giustificazione, la santificazione e la vita eterna". In termini di questa concezione confessionale della fede salvifica, mi sono ritrovato a "cedere obbedienza ai comandi, tremare per le minacce e abbracciare le promesse di Dio per questa vita e per ciò che deve venire", come si trovavano nella parola ispirata di Dio ( Confessione di fede di Westminster XIV.2).

Poiché sono venuto a Cristo in questo modo, con un senso di colpa davanti allo standard della legge di Dio e con dolore per la mia violazione della legge, era del tutto naturale che, riflettendoci, avrei adottato un approccio teonomico all'etica - cioè , riconoscendo la validità vincolante dei comandamenti di Dio nella mia vita oggi. La convinzione del mio peccato, che era un prerequisito per venire a Gesù come Salvatore, era possibile solo grazie alla santa legge di Dio. "Il peccato è illegalità" (I Giovanni 3: 4). "Non avevo conosciuto il peccato se non attraverso la legge" (Romani 7: 7). John Murray ha insegnato,

La parola "dovrebbe" non può avere alcun significato al di fuori di una regola o di uno standard di diritto, cioè al di fuori della legge ... Il peccato quindi è un male morale perché è una violazione di ciò che di per sé, a prescindere da qualsiasi considerazione estranea, vincola ed esige ... La legge che il peccato viola è la legge di Dio. [3]

Senza la legge di Dio non ci sarebbe peccato, e quindi non ci sarebbe bisogno del Salvatore; il vangelo sarebbe diventato sacrificabile. Il fatto stesso che Cristo sia dovuto morire per soddisfare la giustizia divina e la richiesta della legge è una prova drammatica che i comandamenti di Dio non possono essere messi da parte, modificati o ignorati.

La mia salvezza non è fondata sulla mia obbedienza alla legge, ma piuttosto su quella di Cristo. Paolo disse: "Chiaramente nessuno è giustificato dalla legge davanti a Dio, poiché" I giusti vivranno per fede "" (Galati 3:11). Invece, "per l'obbedienza di un solo uomo, i molti saranno resi giusti" (Romani 5:19). I farisei avevano dimostrato religiosamente di aderire alla legge, ma era una semplice facciata: vana ipocrisia. "Ipocriti, Isaia aveva ragione quando profetizzò di voi, dicendo" Queste persone mi onorano con le loro labbra, ma i loro cuori sono lontani da me. Invano mi adorano, insegnando come loro dottrine i precetti degli uomini "" (Matteo 15: 7-9). In realtà, i farisei aggiravano la pretesa interna della legge, ne evitavano le questioni più pesanti, e pervertì i suoi insegnamenti - come Gesù portò costantemente alla loro attenzione (per esempio, in Matteo 5: 21-48 e 23: 23-24). Erano, come molti insegnanti oggi, "guide cieche" che hanno ridotto i requisiti della legge di Dio in modo da renderla conforme alle proprie tradizioni culturali. "Ed egli, rispondendo, disse loro:" Perché anche voi trasgredite il comandamento di Dio a causa della vostra tradizione? Perché Dio ha detto ... Ma tu dici ... Quindi hai annullato la parola di Dio per amore della tua tradizione "" (Matteo 15: 3-6, 14).

La forma di obbedienza farisaica era un modo egoistico di giustificazione, come indicato da Gesù nella storia del fariseo ipocrita che andò a pregare al tempio nello stesso tempo come esattore di tasse penitente (Luca 18: 9-14) . "Siete quelli", ha detto in un altro luogo, "che vi giustificate agli occhi degli uomini, ma Dio conosce i vostri cuori" (Luca 16:15). Nonostante le apparenze, il loro stile di vita li ha lasciati pieni di iniquità. "Guai a voi, insegnanti della legge e farisei, ipocriti! Siete come tombe imbiancate a calce, che sembrano belle all'esterno ma all'interno sono piene di ossa di morti e tutto è impuro. Allo stesso modo, esteriormente sembri giusto agli uomini, mentre interiormente siete pieni di ipocrisia e di iniquità "(Matteo 23: 27-28). Di conseguenza, il loro ridotto, una giustizia egocentrica non potrebbe mai portare all'ingresso nel regno di Dio. "Poiché io vi dico che se la vostra giustizia non sarà superiore a quella degli scribi e dei farisei, non entrerete affatto nel regno dei cieli" (Matteo 5:20). Se i farisei avessero sostenuto sinceramente l'integrità e la richiesta della legge di Dio, non sarebbero stati spinti al legalismo ma al Salvatore per la sua misericordia. J. Gresham Machen ha espresso bene la verità: "Una visione bassa della legge porta sempre il legalismo nella religione; una visione alta della legge rende un uomo un ricercatore della grazia. Pregate Dio che la visione alta possa ancora prevalere". Se i farisei avessero sostenuto sinceramente l'integrità e la richiesta della legge di Dio, non sarebbero stati spinti al legalismo ma al Salvatore per la sua misericordia. J. Gresham Machen ha espresso bene la verità: "Una visione bassa della legge porta sempre il legalismo nella religione; una visione alta della legge rende un uomo un ricercatore della grazia. Pregate Dio che la visione alta possa ancora prevalere". Se i farisei avessero sostenuto sinceramente l'integrità e la richiesta della legge di Dio, non sarebbero stati spinti al legalismo ma al Salvatore per la sua misericordia. J. Gresham Machen ha espresso bene la verità: "Una visione bassa della legge porta sempre il legalismo nella religione; una visione alta della legge rende un uomo un ricercatore della grazia. Pregate Dio che la visione alta possa ancora prevalere".[4]

Quindi, come ho detto, è stata la legge a convincermi sotto l'influenza dello Spirito della mia empietà e del mio bisogno di Suo Figlio. Quella legge era un riflesso del carattere perfetto e santo di Dio. "La legge di Geova è perfetta, ristabilisce l'anima" (Salmo 19: 4). "Quindi, la legge è santa e il comandamento è santo, giusto e buono" (Romani 7:12). La perfezione e la santità sono qualità preminenti di Dio (Matteo 5:48; Apocalisse 15: 4). Coloro che disprezzano e infrangono la Sua legge, quindi, non possono avere amicizia con Dio. Mettere da parte la legge significa mettere da parte anche Dio - alienarLo con l'ingiustizia. Abrogare la legge significherebbe abrogare lo stesso carattere morale del Creatore.

La legge di Dio è semplicemente l'espressione o la trascrizione della sua perfezione morale per la regolazione del pensiero e della vita in armonia con la sua perfezione ... Qui appare la perversione dell'idea che la legge morale possa essere abrogata e sia sostituita dall'amore. [5]

John Duncan (professore di ebraico al New College, Edimburgo, dove insegnavano anche Bannerman, Cunningham, Buchanan e Smeaton) predicava che "il fondamento dell'amabilità della legge di Dio sta ... nelle perfezioni morali di Dio stesso". Poiché queste perfezioni sono eterne, ha detto, "questa legge ... per necessità deve rimanere". Così Duncan ha ritenuto che fosse contrario all'opera dello Spirito Santo che applica la legge che qualsiasi uomo "dovrebbe brontolare contro di essa, poiché vede la legge è santa, giusta e buona in precetto e sanzione, e così dice" Amen , Amen. "" Di conseguenza, "qualunque cosa tenda, abbattendo la sacra maestà della legge, a disonorare il carattere di Dio, non può avere altro effetto sulla mente creata, ma a degradarla e inquinarla". [6]

Se Dio non ha mai voluto che noi rispettassimo questa legge come riflesso della Sua santità, allora la Sua ira e maledizione contro i trasgressori della legge sarebbero arbitrarie o rappresentative per raggiungere un altro scopo. Tuttavia, la morte di Cristo dimostra quanto sia serio Dio riguardo alla legge e alla sua necessità. Come cristiani siamo stati salvati dalla violazione della legge e quindi dall'osservanza della legge. Robert Dabney sosteneva di conseguenza: "Ovunque, la legge a cui siamo ancora tenuti a obbedire, è la stessa legge che, per la sua perfezione, ci ha condannati". [7] Coloro che conoscono Gesù Cristo come il loro Salvatore dal peccato non possono, quindi, negare la validità e il posto della legge di Dio oggi.

Gesù mio Signore

Dopo essere venuto a Cristo con fede e pentimento, sperimentando in tal modo il perdono di Dio per le mie trasgressioni della Sua santa legge, la domanda naturale è diventata: come dovrebbe vivere un cristiano? Lodo Dio per la mia formazione nella Chiesa Riformata che mi ha insegnato che coloro che hanno un cuore nuovo "sono ulteriormente santificati, realmente e personalmente, attraverso la virtù della morte e risurrezione di Cristo, dalla Sua Parola e Spirito che dimora in loro ... rafforzati in tutti grazie salvifiche, alla pratica della vera santità, senza la quale nessun uomo vedrà il Signore "( Confessione di fede di Westminster XIII.1). Per questo motivo mi è stato insegnato a obbedire ai comandamenti di Dio, guardando alla Scrittura per la mia guida piuttosto che a me stesso come peccatore che era in sintonia con una cultura decaduta. E mi è stato insegnato questo riguardo a tutte le aree della mia vita, senza mai sognare che, mentre la parola di Dio era necessaria per riformare e guidare i miei affari interni e interpersonali, la mia etica socio-politica andava bene così com'era e non necessitava di una guida riformatrice da Scrittura.

Dabney ha insistito, giustamente credo, che "la predicazione e l'esposizione della Legge devono essere mantenute diligentemente, in ogni Chiesa evangelica". [8] Una tale enfasi è tutt'altro che incompatibile con una religione di grazia libera ritenuta Dabney:

Il punto di vista che ho dato della Legge, come espressione necessaria e immutabile della rettitudine di Dio, mostra che la sua autorità sulle creature morali è inevitabile ... È quindi semplicemente impossibile che qualsiasi dispensa, di qualunque misericordia o grazia, possa avere il effetto dell'abrogazione del giusto obbligo sui santi di Dio. [9]

AA Hodge ha osservato che questa era la prospettiva della Confessione di Fede di Westminster : "Mentre Cristo adempiva la legge per noi, lo Spirito Santo adempie la legge in noi, santificandoci in completa conformità ad essa. E in obbedienza a questa legge il credente produce quelle buone opere che sono i frutti, sebbene non il fondamento della nostra salvezza ". [10]Samuel Bolton, un partecipante all'Assemblea di Westminster, ha pubblicato un libro contro l'opinione degli antinomiani al momento dell'Assemblea, dicendo: "Noi invociamo la legge riguardo alla giustificazione, ma la impostiamo come regola di santificazione. La legge invia noi al Vangelo affinché possiamo essere giustificati; e il Vangelo ci rimanda di nuovo alla legge per domandarci qual è il nostro dovere di giustificati ". [11] Poiché Cristo non è semplicemente il mio Salvatore, ma allo stesso tempo il mio Signore, spetta a me vivere in obbedienza ai suoi comandamenti. "Divenne la fonte della salvezza eterna per tutti coloro che Gli obbediscono" (Ebrei 5: 9).

Nella santificazione devo imitare la santità di Dio, espressa nella sua legge. "Santificatevi dunque, e siate santi, poiché io sono il Signore vostro Dio. E osserverete i miei statuti e li metterete in pratica?" (Levitico 20: 7-8; cfr. 19: 2 e 1 Pietro 1: 15-16). Tentare di essere santificati indipendentemente da questo standard significa sfidare la Signoria di Dio, mio ​​Salvatore. John Murray ha spiegato che "ogni deprezzamento della legge di Dio come modello in base al quale è modellata la santificazione porta invariabilmente all'adozione di modelli che incidono sulle prerogative uniche di Dio". [12]

Nella santificazione mi sforzo di vivere secondo l'esempio di Cristo, che osservava perfettamente la legge. "Ho obbedito ai comandamenti del Padre mio e rimango nel suo amore" (Giovanni 15:10). "Se qualcuno obbedisce alla sua parola, l'amore di Dio è veramente reso completo in lui. Così sappiamo di essere in lui: chi afferma di vivere in lui deve camminare come Gesù" (I Giovanni 2: 5-6).

Nella santificazione vivo per la potenza e la guida dello Spirito Santo che mi conforma alla legge di Dio. La Scrittura insegna che Cristo "ha condannato il peccato nella carne affinché l'ordinanza della legge si adempisse in noi, che non camminiamo secondo la carne, ma secondo lo Spirito" (Romani 8: 4). Pertanto, sia che consideriamo la santità di Dio, la vita del Figlio o l'opera dello Spirito, la santificazione trova il suo modello o modello nella legge di Dio. Non vorrei dire che la legge è la "base" o il potere motivante della santificazione - come il redattore descrive il mio punto di vista [13]- poiché, come insegna correttamente la Confessione di Fede, questa base si trova nel ministero dinamico dello Spirito di Dio interiore. "Dopo aver iniziato con lo Spirito, stai ora cercando di raggiungere la tua meta con uno sforzo umano?" (Galati 3: 3). La legge fornisce un modello di comportamento per il quale lo Spirito Santo è il potere della conformità.

Ciò che la discussione sopra indica è che poiché i cristiani, che vivono sotto la Signoria di Cristo Salvatore, devono evitare di peccare, devono preoccuparsi di obbedire alla legge di Dio. "Miei cari figli, vi scrivo queste cose affinché non pecchiate" (I Giovanni 2: 1), e "attraverso la legge diventiamo consapevoli del peccato" (Romani 3:20). Pertanto, "chi dice" Lo conosco ", ma non osserva i suoi comandamenti, è un bugiardo e la verità non è in lui" (I Giovanni 2: 4). "Coloro che osservano i suoi comandamenti dimorano in lui ed egli in essi" (I Giovanni 3:24). La legge è importante per la mia santificazione.

AA Hodge ha scritto queste parole nel suo commento alla Confession of Faith: "Per quanto riguarda la rigenerazione degli uomini, la legge continua ad essere indispensabile come strumento dello Spirito Santo nell'opera della loro santificazione. Resta per loro uno standard inflessibile di rettitudine , a cui la loro natura e le loro azioni dovrebbero corrispondere. " [14] Nella sua spiegazione del 1841 del Catechismo più breve, Ashbel Green dichiarò che i credenti sono pienamente sotto la legge di Dio "come regola del dovere; e considerano la loro felicità e privilegio essere così" [15] - linguaggio che riflette il in precedenza, 1765, commento a cura di Erskine e Fisher. [16] Naturalmente, un simile atteggiamento di ammirazione e gioia per la legge del Signore non è solo caratteristicodegli ultimi tre secoli di pensiero riformato. All'inizio di questo secolo Herman Bavinck scrisse in una vena simile:

Nel momento in cui abbiamo imparato a conoscere quell'altra giustizia e santità che Dio ha dato in Cristo e che attraverso la fede Egli fa nostra, il nostro atteggiamento verso la legge e il nostro senso del suo significato cambia completamente ... Lasciamo che la legge rimanga la sua sublimità esaltata e non fare alcuno sforzo per tirarlo giù dal suo alto piedistallo. Continuiamo a onorarlo come santo, giusto e buono ... Ne gioiamo secondo l'uomo interiore. E ringraziamo Dio non solo per il Vangelo ma anche per la Sua legge, per la Sua legge santa, giusta e perfetta. Anche quella legge diventa per noi una rivelazione e un dono della Sua grazia. Quanto amo la tua legge; è la mia meditazione tutto il giorno. [17]

L'editore non fornisce alcuna prova dal mio libro, Theonomy in Christian Ethics , per giustificare o spiegare la sua convinta affermazione che io do un contenuto diverso alle parole del Salmista, "Oh quanto amo la tua legge", rispetto a quanto originariamente inteso. [18] Per quanto posso vedere, il significato di quell'esclamazione è esposto fedelmente sopra, in armonia con ciò che insegno nel mio libro. L'implicazione dell'atteggiamento del salmista verso la legge di Dio, come esposto nel mio libro, è ben affermato nelle parole di John Murray:

Ci allontaniamo dalla nozione di obbedienza, di osservanza della legge, di obbedienza ai comandamenti? È estraneo al nostro modo di pensare? È così, allora la via del nostro Signore non è la nostra via. Questo è il problema ed è straordinariamente grave. È il tema dei nostri giorni ed è rivolto al centro della nostra santa fede. È rivolto all'autostima del Salvatore e al suo esempio supremo. Di nuovo, quindi, possiamo apprezzare l'etica che deriva da colui che disse: "Mi diletto a fare la tua volontà, o mio Dio: sì, la tua legge è nel mio cuore" (Salmo 40: 8), e che segue nel treno di un salmista che disse: "Oh quanto amo la tua legge! è la mia meditazione tutto il giorno" (Salmo 119: 97 (, e di un apostolo: "Mi diletto nella legge di Dio dopo l'uomo interiore ... Quindi, con la mente, io stesso servo la legge di Dio "(Rom. 7: 22,25).

Da questa citazione possiamo anche vedere quanto sia fallace l'osservazione del curatore che, sulla base del fatto stesso che la Teonomia è stata pubblicata e argomenta contro visioni contrarie della legge in relazione alla grazia, il suo autore intendeva quindi dire qualcosa di diverso e ovviamente pensava di proporre qualcosa di nuovo. [20] Altrimenti, disse l'editore, la Confessione di Westminster sarebbe sufficiente e la Teonomia sarebbe superflua. [21]Tali osservazioni come queste non sono né materialmente vere né ragionevolmente dedotte. I libri a volte difendono i vecchi punti di vista! Come ha sottolineato la citazione di Murray, un problema estremamente grave ai nostri giorni - che minaccia il cuore della nostra fede cristiana - è l'attuale antagonismo espresso verso l'obbedienza alla legge di Dio. Tale antagonismo ci chiama ad apprezzare di nuovo l'etica biblica della legge di Dio. Questo è il motivo per cui ho scritto Theonomy: non per andare oltre la Confessione, ma per sostenere e difendere la posizione Riformata o Puritana della Confessione riguardo allo standard dell'etica cristiana. Nonostante le osservazioni del curatore, la mia intenzione non era quella di presentare qualcosa di nuovo e creativo, ma di far risorgere un'eredità d'oro - di presentare un caso biblico e coerente per il punto di vista confessionale che avevo sempre conosciuto e amato. Non è stata alcuna inadeguatezza nella posizione della Confessione, ma piuttosto l'attuale crisi di illegalità e confusione nell'etica cristiana che ha sollecitato la pubblicazione della Teonomia in Etica cristiana .

Abbiamo osservato nella discussione precedente che, poiché Gesù è il mio Salvatore, la validità della legge di Dio deve essere confermata. E poiché Gesù è il mio Signore, è imperativo sforzarsi di obbedire alla legge di Dio come modello di santificazione. Come salvato, sono diventato il discepolo di Cristo e mi propongo di vivere una vita disciplinata sotto la Sua direzione. La legge a cui prima ero obbligato a obbedire, ma non è riuscita a compiere come non credente (rendendo così necessaria l'opera del Salvatore), è ancora la regola appropriata per la mia vita come salvata e abitata dallo Spirito Santo. Alla luce di queste osservazioni non riesco a capire che cosa i mezzi dell'editor quando exposits teonomia come insegnamento che una volta che qualcuno viene salvato la legge assume una diversa dimensione - in modo che l'obbedienza diventa un muste la legge è ora il modello e la regola della vita. [22] Questa distinzione tra "modello" e "regola" mi è oscura e richiederà qualche spiegazione. Ma, cosa più importante, notiamo che l'obbedienza alla legge di Dio è un "must" per tutti gli uomini, salvati o non salvati, prima e dopo la rigenerazione; non diventa un requisito semplicemente dopo la salvezza.

La mancata obbedienza alla legge, vedete, definisce quel peccato che richiede la giustizia estranea e imputata di Cristo - una giustizia, ricordate, in perfetta obbedienza alla legge - affinché si possa essere giustificati agli occhi di Dio. Successivamente, nella potenza dello Spirito di Cristo, il credente ottiene in qualche misura la giustizia personale obbedendo alla stessa legge di Dio richiesta. Inoltre, poiché la nostra giustificazione e la nostra santificazione sono entrambe secondo la grazia di Dio, è difficile vedere quella "diversa dimensione" della legge a cui si riferiva l'editore. In ogni caso, non sembra che abbia esposto le mie opinioni. Dal mio punto di vista, il credente arriva a vedere la legge di Dio sotto una nuova luce; ciò che una volta disprezzava e respingeva ora è diventato (dallo Spirito che apre gli occhi accecati) bello e un piacere. La mente peccaminosa è ostile a Dio; non si sottomette alla legge di Dio ... Tu, tuttavia, non sei controllato dalla natura peccaminosa ma dallo Spirito "(Romani 8: 7,9).

Dalla discussione precedente possiamo dire che la vita cristiana è disciplinata dalla legge di Dio secondo l'opera dello Spirito di Dio. Eppure, al contrario, l'editore ha detto che la vita disciplinata è una questione di motivazione e direzione adeguate - e non questione di un codice scritto o di un catalogo di specifiche per il comportamento. [23] Tale affermazione distorce l'etica biblica, trascurando la necessità e il posto del codice scritto di Dio nella santificazione dei credenti, come insegnato sia dalla Bibbia che dalla nostra Confessione di Fede. L'errore del redattore è quello di contrapporre l'obiettivo (direzione) e il motivo (motivazione) dell'etica cristiana allo standard (legge scritta) dell'etica cristiana. In realtà le tre prospettive si richiedono reciprocamente [24]

Dovremmo avere la gloria e il regno di Dio per l' obiettivo del nostro comportamento in tutti gli aspetti della vita e in tutti i settori della condotta. "Cercate prima il suo regno e la sua giustizia" (Matteo 6:33). "Quindi, sia che mangiate, beviate o qualunque cosa facciate, fate tutto per la gloria di Dio" (I Corinzi 10:31). Inoltre, in tutti i nostri pensieri, parole e azioni dovremmo essere motivati dalla fede e dall'amore. "Tutto ciò che non viene dalla fede è peccato" (Romani 14:23). "Se ho una fede che può smuovere le montagne, ma non ho amore, non sono niente" (I Corinzi 13: 2). Ma proprio qui dobbiamo notare che considerazioni morali come queste sui nostri obiettivi e motivazioni sono fornite dall'Autore della legge- in effetti, tali considerazioni sono esse stesse comandi di Dio sulla nostra condotta (ad esempio, l'amore è il più grande comandamento di tutti secondo Matteo 22: 36-40). Le considerazioni non sono contrarie alla legge di Dio, come se dovessimo scegliere tra loro e seguire i comandamenti. Dopotutto, Dio è coerente con Se stesso e non ci ha rivelato percorsi morali divergenti nella Bibbia.

Mentre le cose funzionano davvero nella vita, non possiamo determinare qualidelle nostre azioni e atteggiamenti cercano la gloria di Dio e sono in sintonia con l'amore a meno che la legge di Dio non ci guidi sui sentieri della rettitudine. La falsità dell'antitesi dell'editore tra scopo e motivo da un lato e comandamenti dall'altro è perfettamente chiara dal fatto che, ad esempio, l'obbedienza alla legge di Dio è la forma specifica dell'amore cristiano: "Se mi ami, tu osserverò i miei comandamenti "(Giovanni 14:15). "E questo è amore: che camminiamo secondo i suoi comandamenti" (2 Giovanni 6). Pertanto, secondo la testimonianza del Nuovo Testamento di Cristo e degli apostoli, la vita disciplinata del credente è quella dell'obbedienza alla legge scritta di Dio. In quel caso l'editore ci ha posto davanti una falsa antitesi e scelta. Non seguiamo un obiettivo e un motivo appropriati oun insieme di comandi; dovremmo seguire entrambi. In effetti, l'obiettivo e il motivo di una persona non sono di fatto graditi a Dio se incoraggiano la violazione delle Sue norme, e le Sue norme non vengono rispettate completamente se si ha l'obiettivo e il motivo sbagliato. Una vita disciplinata è caratterizzata dall'obiettivo, dal motivo e dallo standard biblici: tutti e tre in armonia. Il Grande Mandato ci mostra quanto sia intima la connessione tra "disciplinare" (formare persone che erano discepoli indifferenti ) e "insegnare loro ad osservare qualunque cosa io vi ho comandato" (Matteo 28: 18-20).

La legge del Signore

Gesù, sia come Salvatore che come Signore, non rinuncia alla legge di Dio, come abbiamo visto sopra. Secondo la Confessione di Fede di Westminster , Egli non la dissolve in alcun modo nel Vangelo, ma piuttosto "rafforza molto questo obbligo" (SIS.5). I teologi riformati hanno sempre avuto una tale convinzione. Herman Bavinck ha scritto:

Il vangelo non rende la legge di nessun effetto, ma la ripristina e la stabilisce ... La giustizia della legge, ciò che la legge chiede nei suoi comandamenti, si adempie proprio in coloro che non camminano secondo la carne ma secondo allo Spirito (Rom. 8: 4) ... Per Gesù e per gli apostoli la volontà di Dio ... continua ad essere conosciuta dall'Antico Testamento ... Le leggi morali mantengono la loro forza ... Quindi ripetutamente che l'Antico Testamento è citato per far sì che la chiesa cristiana conosca la volontà di Dio ... In altre parole, la legge morale è, per quanto riguarda il suo contenuto, esattamente la stessa nell'Antico e nel Nuovo Testamento. [25]

Allo stesso modo Robert Dabney ha scritto riguardo a Cristo e alla legge:

Neghiamo che abbia apportato modifiche o aggiunte sostanziali ... Cristo ha onorato questa legge, l'ha dichiarata eterna e immutabile ... La legge morale non poteva essere completata, perché è perfetta come Dio, o il cui carattere è il impressionare e trascrivere. Non può essere abrogato o rilassato, perché è immutabile come Lui. [26]

Quando Dio pronunciò la Sua legge nell'Antico Testamento, indicò che non doveva diventare antiquata o invalidata. "Qualunque cosa ti comando, farai attenzione a non aggiungere né togliere da essa" (Deuteronomio 12:32). Ashbel Green ha commentato:

Tutte le richieste della legge morale sono immutabilmente vincolanti per l'uomo, a meno che non abbia una espressa dispensa in merito ai precetti positivi, dal legislatore, Dio stesso ... in nessun caso, possono essere alterate, cambiate o abrogate da uomo, senza questa nomina ... La legge morale è una perfetta regola di vita e di buone maniere, così perfetta che non ammette né aggiunte né diminuzioni. [27]

Di conseguenza il Salmista dichiarò: "Ognuna delle tue giuste ordinanze è eterna" (Salmo 119: 160), e "tutti i Suoi precetti sono degni di fiducia; sono stabiliti per sempre e in eterno, per essere eseguiti con fedeltà e rettitudine" (Salmo 111: 7 -8).

Dio non vacilla rispetto a ciò che è giusto e sbagliato. Non opera secondo un doppio standard di moralità. Tutto ciò che era malvagio secondo la legge dell'Antico Testamento è anche male nella prospettiva del Nuovo Testamento. Ad esempio, la legge di Dio spiega che, come applicazione del settimo comandamento, l'omosessualità è un abominio e quindi proibito (Levitico 18:22). Come ci si aspetterebbe, il Nuovo Testamento sostiene questo requisito della giurisprudenza, osservando che l'omosessualità è contraria "all'ordinanza di Dio" (Romani 1: 26-27, 32). Allo stesso modo, la legge dell'Antico Testamento metteva fuori legge il matrimonio della moglie di tuo padre (Levitico 18: 8). Come previsto, il Nuovo Testamento concorda con questa prospettiva morale (I Corinzi 5: 1). Allora,solo nella misura dei dieci comandamenti - deve essere contestato quanto alla loro coerenza e accuratezza biblica. Credono che oggi sia lecito commettere omosessualità o incesto? Devono essere sfidati a dare un resoconto credibile del perché, se solo il Decalogo ci lega oggi, il Nuovo Testamento si discosta inconsistentemente da quella restrizione artificiale e sostiene - senza scuse o spiegazioni - dettagli della legge dell'Antico Testamento che si trovano al di fuori dei dieci comandamenti. Com'è possibile, inoltre, che Gesù possa trovare il più grande dei comandamenti al di fuori del Decalogo nei requisiti della giurisprudenza sull'amare Dio e il prossimo (Matteo 23: 35-40, citando Deuteronomio 6: 5 e Levitico 19:18)?

La risposta biblica è che ognuna delle leggi di Dio è giusta e immutabile. Ciò che era sbagliato ieri non può diventare giusto oggi. L'omosessualità non iniziò ad essere malvagia sul Monte Sinai e non cessò di essere malvagia all'avvento di Cristo. È sempre stato e sempre sarà malvagio a causa del carattere santo e immutabile di Dio. Molti cristiani che credono nella Bibbia vogliono dire questo riguardo a un problema contemporaneo così disgustoso per loro come l'omosessualità. Abbiamo tutti bisogno di coraggio e l'integrità di dirlo circa il resto della legge santa di Dio , come pure - non raccogliere e scegliere tra i suoi comandamenti come un buffet morale per soddisfare i nostri gusti. La prospettiva Riformata in etica è che c'è continuità tra le alleanze (o Testamenti): la parola di Dio per il nostro comportamento è valida e vincolante fino a quando il Legislatore stesso non dice diversamente. "Non può essere rotto" (Giovanni 10:35). E poiché Dio offre solo leggi giuste, non le altera, dice Dabney in questo modo: "l'idea che Dio possa sostituire una legge imperfetta con una perfetta, è una deroga alla Sua perfezione. O lo standard precedente richiedeva più di quanto fosse giusto, o il nuovo richiede meno di quanto è giusto, e in entrambi i casi Dio sarebbe ingiusto ". [28]

Dobbiamo concludere con Dabney, quindi, "che l'Antico Testamento insegna esattamente la stessa moralità del Nuovo". [29] Questa prospettiva è ben fondata nella parola di Dio, essendo esplicitamente promulgata da Gesù Cristo nostro Signore. "Non pensare che io sia venuto per abrogare la legge oi profeti; non sono venuto per abrogare, ma per confermare. Perché in verità vi dico, finché il cielo e la terra non saranno passati, finché ogni cosa non sarà avvenuta, non un iota o un apice passerà in alcun modo dalla legge "(Matteo 5: 17-18). Questo passaggio, come nota l'editore, è l'autorità fondamentale per il mio libro, Theonomy in Christian Ethics . [30]Va detto, tuttavia, che questo passaggio non è l'unico fondamento, né uno unicamente necessario. La stessa premessa è e può essere verificata da altri passaggi e insegnamenti della parola di Dio (ad esempio, che ogni scrittura dell'Antico Testamento è attualmente utile per l'istruzione alla giustizia, secondo 2 Timoteo 3: 16-17). L'editore fa notare che prendo la parola 'adempiere' in Matteo 5:17 nel senso di 'confermare', e afferma (con qualche esagerazione) che questo è ampiamente sostenuto per quaranta pagine (in realtà, era la metà tanto). [31] Questa definizione precisa di "adempimento" è corretta, credo, e tuttavia non è in alcun modo cruciale per la tesi del mio libro.

Il punto saliente dell'etica cristiana è che Gesù nega apertamente che la Sua venuta abbia l'effetto di abrogare la legge dell'Antico Testamento. Due volte afferma questa negazione in Matteo 5:17. Ci si può solo chiedere come alcuni studiosi possano sperare di essere in qualche modo abbastanza intelligenti da presentare Gesù come se nondimeno abrogasse le richieste della legge dell'Antico Testamento. Qualunque cosa "adempiere" possa connotarsi o significare più precisamente, non può implicare l'abrogazione della legge senza che il verso risulti contraddittorio. Forse Gesù intende dire che adempie la legge integrandola, o obbedendovi Lui stesso, o facendola rispettare nei Suoi ascoltatori (suggerimenti che esamino e metto da parte nel mio libro), ma in nessuno di questi casi si ribellerebbe o annullerebbe le norme qualegià tenuto dai comandamenti dell'Antico Testamento.

In Matteo 5:18 Gesù spiega perché il Suo avvento non abroga la legge. Non il minimo colpo della legge, dice, cesserà di avere una forza morale vincolante fino a quando il cielo e la terra non passeranno. Ora, se Gesù, il divino Messia, non rimuove da Dio il nostro obbligo verso alcuna legge, quale diritto avrebbe un semplice uomo (anche un teologo) di farlo? Inevitabilmente sembra che coloro che si oppongono all'uso continuato di qualsiasi precetto dell'Antico Testamento - si oppongano all'insegnamento del nostro Signore e Salvatore qui. I soliti tentativi di spiegare le dichiarazioni chiare e forti di Gesù, dove mostra come il vangelo del Nuovo Testamento accetti la legge dell'Antico Testamento come durevolmente valida, sono venuti a colpirmi come manovre che, a parte questo contesto di discussione con i suoi forti sentimenti , sarebbe chiamata esegesi per imbarazzo. Qualunque cosa possa essere proposta, tuttavia,propria applicazione del Suo insegnamento in Matteo 5: 17-18. Dice: "Perciò, chiunque trasgredirà uno di questi minimi comandamenti e insegnerà agli uomini in tal modo, sarà chiamato minimo nel regno dei cieli" (Matteo 5:19). Chiunque presuma di degradare una qualsiasi delle leggi di Dio sarà lui stesso degradato da Dio all'interno del Suo regno, secondo la parola del Re stesso. Ignorare o trasgredire la legge che il Re sostiene è un insulto alla sua autorità. Ciò è vero indipendentemente dall'area della vita a cui si rivolge la legge.

Di conseguenza Dabney ha scritto:

Fino a che punto, quindi, il teologo riformato coerente ritiene che l'antica alleanza sia abrogata? ... La legge di Dio è l'espressione immutabile delle Sue perfezioni e l'obbligo della creatura di obbedire è radicato nella sua natura e relazione con Dio, è impossibile che qualsiasi cambiamento dello status giuridico in base a qualsiasi patto immaginabile, legale o cortese, abroghi l'autorità della legge come regola di agire per noi. [32]

Il fatto che viviamo sotto la grazia e non semplicemente sotto la legge fu inteso da Paolo come il significato che il peccato ( violazionedella legge) non avrebbe più il dominio su di noi (Romani 6: 12-18) - quella grazia servirebbe all'osservanza della legge. "Peccheremo perché non siamo sotto la legge ma sotto la grazia? In nessun modo! .... Siete diventati schiavi della giustizia." La grazia di Dio nella Nuova Alleanza scrive la legge nei nostri cuori e ci dà il potere di mantenere i suoi requisiti. "Questa è l'alleanza che farò con loro dopo quel tempo, dice il Signore. Metterò le mie leggi nei loro cuori, e le scriverò nelle loro menti" (Ebrei 10:16, citando Geremia 31:33). "Poiché la grazia di Dio che porta la salvezza è apparsa a tutti gli uomini, insegnandoci a negare l'empietà ... ea vivere una vita devota in questa epoca presente, mentre aspettiamo la speranza benedetta e l'apparizione gloriosa del nostro grande Dio e Salvatore, Gesù Cristo,

La legge dell'Antica Alleanza è ancora vincolante, quindi, nel Nuovo Patto - proprio come Dio dichiarò: "Non violerò la mia alleanza, né altererò l'espressione delle mie labbra" (Salmo 89:34). Il punto è che Dio è un Dio che osserva le alleanze, non uno che altera i Suoi sentimenti o norme di età in età. La legge può essere considerata contraria alle promesse di Dio? Paolo rispose: "Niente affatto!" (Galati 3:21). Quando Dio ha promesso e poi ha istituito la Nuova Alleanza di cui godiamo oggi, non ha stabilito una nuova legge o una nuova prospettiva morale per l'uomo. Al contrario, dichiarò che avrebbe preso la legge ben nota che aveva già rivelato e ora la avrebbe scritta efficacemente nel cuore del suo popolo. La Nuova Alleanza consente l'obbedienza al codice di legge dell'Antica Alleanza. Mentre la semplice lettera del codice portava alla morte spirituale per la disobbedienza, lo Spirito Santo porta vita e comportamento retto. "Ci ha resi competenti come ministri di un nuovo patto - non della lettera ma dello Spirito; poiché la lettera uccide, ma lo Spirito dà vita ... il ministero che porta giustizia" (2 Corinzi 3: 6,9). Dio ha promesso nell'Antico Testamento: "Metterò il mio Spirito dentro di te e ti farò camminare secondo i miei statuti, e starai attento a osservare le mie ordinanze" (Ezechiele 36:27). E Dio che osserva le alleanze ha onorato la Sua promessa: "Per ciò che la legge non poteva fare, in quanto era debole a causa della natura peccaminosa, Dio manda il Suo proprio Figlio ... affinché l'ordinanza della legge possa essere adempiuta in noi che camminiamo non secondo la natura peccaminosa ma secondo lo Spirito "(Romani 8: 3-4).

"Rendiamo quindi nulla la legge mediante la fede? Niente affatto! Piuttosto, stabiliamo la legge" (Romani 3:31). Alla luce di quanto visto nella discussione precedente, trovo impossibile essere d'accordo con l'editore quando afferma che la vita sotto la grazia di Dio non è consapevole della legge di Dio. [33]Paolo disse: "Io da me stesso con la mente, in verità, servo la legge di Dio ... Mi diletto nella legge di Dio dopo l'uomo interiore" (Romani 7: 22,25). L'etica del Nuovo Testamento ci richiede di guardare attentamente a come ci comportiamo e di capire qual è la volontà del Signore (Efesini 5:15, 17), avendo così la parola di Dio in bocca e nel nostro cuore come la legge ci chiama a fare (Deuteronomio 30:14, citato da Paolo in Romani 10: 8). In effetti, il Nuovo Testamento non lascia dubbi sulla legge come standard per prendere decisioni morali pratiche oggi. Non dobbiamo mai giudicare contrariamente alla legge (Giacomo 4:11). Invece, dovremmo seguire l'esempio di Paolo, che prese decisioni etiche sulla base dei requisiti della legge (come in I Corinzi 9: 9 e 14:34). Dobbiamo prestare attenzione ai comandamenti, poiché sono uno standard in base al quale valutare la nostra relazione con Dio così come il nostro amore per i fratelli. "Sappiamo di averlo conosciuto se obbediamo ai suoi comandamenti ... Questo è il modo in cui sappiamo di amare i figli di Dio: amando Dio e mettendo in pratica i suoi comandamenti" (I Giovanni 2: 3; 5: 2). Quindi la legge del Signore ha sicuramente un posto cosciente nella vita del credente. Il retto vivere in obbedienza alla legge di Dio non è, come sostiene l'editore,[34] semplicemente sentirsi bene e sentirsi a proprio agio con la compliance. Richiede l'attenzione mentale alla parola scritta (vedere Giovanni 17:17; Colossesi 3:16; I Tessalonicesi 4: 1-2) e quindi l'azione successiva basata su di essa (Giacomo 1: 21-25).

Naturalmente, l'editore aveva ragione quando ha iniziato dicendo che c'è una differenza qualitativa tra l'obbedienza alla legge sotto la legge e l'obbedienza alla legge sotto la grazia. [35] Non è la differenza tra l'osservanza conscia e inconscia della legge, ma piuttosto la differenza tra la totale incapacità di obbedire alla legge e la capacità spirituale di farlo (Romani 8: 2-10; cfr. 6: 1-22) . Cioè, poiché non siamo sotto la legge ma sotto la grazia, il peccato non ha più il dominio su di noi (Romani 6:14).

Possiamo inoltre vedere che abbiamo l'obbligo attuale di osservare la legge di Dio dalla chiara ed evidente esortazione del Nuovo Testamento all'amore, poiché "l'amore è l'adempimento della legge" (Romani 13:10). Secondo l'editore, sotto la grazia il rapporto del credente con la legge non è un rapporto con un elenco di disposizioni specifiche, ma solo con una generalità riassunta in due precetti: "Ama Dio e ama il prossimo". [36]Gesù disse che da questi due comandamenti - che erano, ricordate, citazioni dalla legge dell'Antico Testamento in Deuteronomio 6: 5 e Levitico 19:18 - dipendono tutta la legge ei profeti (Matteo 22: 37-40). Tuttavia, secondo il pensiero di Cristo, questi comandi d'amore non dispensavano dalle leggi di Dio. John Murray ha sottolineato che, "Se la legge poggia sull'amore, non ne viene fatto a meno. Ciò su cui qualcosa pende non serve a nulla e non ha significato a parte ciò che dipende da esso .... L'amore non elabora le norme di il suo esercizio né i modi di espressione ". [37] L' amore non prende il posto della legge di Dio; riassume semplicemente la legge. Commentando la parola di Paolo che l'amore soddisfa la legge, Murray dice:

Se sono riassunti in una parola, il sommario non cancella né abroga l'espansione di cui è un riassunto. È inutile cercare di sfuggire all'assunto di fondo del pensiero di Paolo, che i precetti concreti del decalogo hanno rilevanza per il credente come criteri di quel comportamento dettato dall'amore. [38]

A sua volta, il Decalogo non sta da solo nella parola di Dio, ma è dato per "comprendere sommariamente" l' intera legge morale di Dio (Westminster Larger Catechism 93,98). L'amore riassume il nostro dovere, ma la legge gli dà una definizione specifica. "L'amore non è un principio autonomo, auto-istruttivo e autoregolante. L'amore non esclude le norme dalle quali è regolato." [39]Altrimenti una persona potrebbe ragionare razionalmente sul fatto che il suo amore per la moglie del vicino potrebbe consentire una relazione adultera con lei. Tuttavia, Cristo ha detto: "Se mi ami, osserva i miei comandamenti" (Giovanni 14:15). Giovanni ha insegnato: "Questo è amore: che camminiamo secondo i suoi comandamenti" (2 Giovanni 6). L'amore verso Dio e il fratello è conosciuto, riconosciuto e guidato nientemeno che dai comandamenti di Dio (I Giovanni 5: 2-3). E questi comandamenti non sono la "generalità definita spiritualmente" con cui l'editore ci invita a camminare. [40] Sono dettagliati, chiari e pertinenti. Nella parola oggettiva e scritta di Dio, definiscono uno specifico modello di comportamento gradito a Dio.

Signore sopra tutto

A questo punto sono stati provati tre impegni fondamentali riformati. Come mio Salvatore, Cristo mi mostra la necessità della legge. Come mio Signore, Cristo mi guida a vivere in obbedienza alla legge. E questa legge del Signore è vincolante nel Nuovo Testamento come nell'Antico, non essendo invalidata dall'istituzione della Nuova Alleanza o dai principi di fede, grazia o amore. A questi tre punti si può aggiungere un quarto distintivo: Cristo è il Signore su tutta la vita e su tutta l' umanità.

Nessuna area della vita di una persona è una zona sicura dal controllo e dalle richieste di Dio. Il Signore non tollererà una dicotomia tra vita sacra e secolare. Richiede santità in tutti gli ambiti della vita. "Come è santo Colui che vi ha chiamati, siate santi anche voi in ogni modo di vivere" (I Pietro 1:15). Niente nella nostra vita Gli può essere negato. "Amerai il Signore Dio tuo con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima e con tutta la tua mente. Questo è il primo e il grande comandamento" (Matteo 22: 37-38). Il primo comandamento del Decalogo, "Non avrai altri dèi di fronte a me" (Esodo 20: 3), ci impone di glorificare Dio "cedendogli ogni obbedienza e sottomissione con tutto l'uomo; facendo attenzione in ogni cosa per piacere lui "

Quindi niente che riguardi i miei atteggiamenti e il mio comportamento - che si riferiscano a me stesso, alla mia famiglia, alla mia chiesa, al mio impiego, alle mie relazioni sociali, alla mia società o al mio stato - è immune dalla guida del Signore. Cristo mi ha salvato dai miei peccati socio-politici tanto quanto dai miei peccati personali, ed esercita la signoria sulla mia vita in tutte le sue sfaccettature e relazioni. Nel pentimento mi allontanai da tutti i miei peccati in ogni ambito della vita, "sforzandomi di camminare con Lui in tutte le vie dei Suoi comandamenti" ( Confessione di fede di Westminster XV.2; cfr. Catechismo più grande76). Non pensavo che la mia trasgressione delle Sue leggi in qualche campo particolare (diciamo, lavoro o politica) potesse essere trascurata nell'indifferenza, mentre mi addoloravo per le mie infrazioni della legge in altri domini (diciamo, atteggiamenti personali e rapporti con gli altri). In tuttole vie dei Suoi comandamenti mi voltai dal peccato per seguirlo, ovunque scegliesse di parlare. Di conseguenza lo scopo è che la mia santificazione "sia dappertutto, in tutto l'uomo" (Confessione di fede di Westminster XIII.2; cfr. Catechismo più grande 75). La legge del Signore guida non solo la mia vita privata e religiosa, ma ogni aspetto del mio cammino come servitore di Dio - nelle attività ricreative, nell'economia, nelle amicizie, nella cultura, nella famiglia e in tutte le cose. Volendo compiacere il mio Signore, riconosco che "il peccato è qualsiasi mancanza di conformità o trasgressione di qualsiasi legge di Dio" ( Catechismo più grande di Westminster 24). Qualsiasi fallimento riguardo a qualsiasi legge di Dio è malvagio da parte mia, non importa su quale argomento la legge parli.

Paolo mi dice che è un mio servizio ragionevole e spirituale offrire il mio corpo come sacrificio vivente a Dio e la mia mente per essere trasformata completamente dalla Sua perfetta volontà (Romani 12: 1-2). Quando mi sono offerta a Cristo, mi sono data a uno che è il Signore su tutto. Questa, credo, sia una prospettiva vitale per qualsiasi credente, ed è certamente essenziale per una visione riformata del mondo e della vita. Naturalmente porta a vedere che la legge del Signore non è un modello di rettitudine solo in certe aree a cui parla. Non è un riflesso del carattere di Dio solo per alcuni aspetti della vita. Non è semplicemente una delizia quando si parla di una selezionepoche questioni di comportamento. La legge di Dio non è una guida alla gloria e all'amore di Dio per Lui in una sottosezione speciale dei suoi requisiti. La legge di Dio è la Sua volontà perfetta e immutabile per tutte le questioni a cui parla , e in qualche modo parla a tutte le questioni.

John Murray lo mette in questo modo:

La legge di Dio si estende a tutte le relazioni della vita. È così perché non siamo mai tolti dall'obbligo di amare e servire Dio. Non siamo mai amorali. Dobbiamo devozione a Dio in ogni fase e reparto della vita. È questo principio dell'obbligo onnicomprensivo nei confronti di Dio, e della rilevanza onnipervasiva della legge di Dio, che conferisce santità a tutti i nostri obblighi e relazioni. [41]

Come disse Bavinck: "questa legge governa tutti i rapporti in cui l'uomo si trova, sia con Dio, sia con il prossimo, con se stesso o con tutta la natura". [42] La santificazione secondo il modello della legge di Dio deve avvenire per tutta la vita, sette giorni alla settimana, in ogni aspetto del comportamento. Cristo è sia Salvatore che Signore in ogni ambito della vita, dal privato al pubblico. Mi ha dato un nuovo cuore su cui è incisa la legge di Dio (Ezechiele 11:19; 36: 26-27; Geremia 31:33; Ebrei 10,16), e fuori del cuore fluire tutte le questioni della vita ( Proverbi 4:23). Di conseguenza sembra che tutto ciò che penso e facciodovrebbe essere governato dalla legge di Dio, proprio come Deuteronomio 6: 8 ci insegna che i comandamenti dovrebbero essere posti sulla fronte e sulla mano. Se questo è vero, allora dovremo essere d'accordo con Murray sul fatto che "nessun fattore è stato più pregiudizievole per l'etica cristiana in casa, in chiesa e nella società, del disprezzo per i negativi della legge di Dio". [43] Non possiamo escludere alcun settore della nostra vita - casa, chiesa o società - dalla direzione del nostro Signore, che ci guida mediante la Sua legge sempre pertinente.

Non solo Cristo è il Signore su tutta la vita, ma è anche il Signore su tutti gli uomini. Possiede questa Signoria universale in virtù di essere Creatore, Redentore, Giudice e Re (divino e messianico). Tutti i thins sono stati creati da lui e per il suo servizio (Colossesi 1:16). In quanto Redentore, si aspetta che tutte le nazioni Gli siano discepole e gli insegnino ad osservare qualunque cosa Egli abbia comandato (Matteo 28: 18-20). Lo stesso Creatore e Redentore un giorno giudicherà tutti gli uomini secondo ogni loro azione (2 Corinzi 5:10; 2 Timoteo 4: 1). Cristo è sia il re divino che messianico. Nella prima veste, Egli è il governatore delle nazioni (Salmo 22:28) che le castiga dalla legge (Salmo 94:10, 12). In quest'ultima veste Egli è a capo di tutte le cose (Efesini 1: 20-22) che punisce chiunque agisca illegalmente (Matteo 13:41).

Pertanto, come cristiano, non posso negare che la legge di Dio vincola tutti gli uomini in ogni luogo, perché farlo significherebbe sminuire Cristo, mio ​​Creatore, Redentore, Giudice e Re. In questa luce possiamo rivolgerci alla nostra Confessione e Catechismo di Westminster, dove apprendiamo che "Il dovere che Dio richiede all'uomo [senza distinzione o qualificazione] è l'obbedienza alla sua volontà rivelata" (Westminister Larger Catechism 91). Nelle Scritture, inoltre, si può trovare "l'intero consiglio di Dio riguardo a tutte le cose necessarie alla Sua gloria, alla salvezza, alla fede e alla vita dell'uomo" (Confessione di Fede di Westminster I.6). Il dovere morale di tutti gli uomini in tutti i settori della vita, quindi, è contenuto nella parola ispirata di Dio.

Di Dio la Confessione di Fede di Westminster dice: "Egli è santissimo in tutti i Suoi consigli, in tutte le Sue opere e in tutti i Suoi comandi. A Lui è dovuto dagli angeli, dagli uomini e da ogni altra creatura, qualsiasi culto, servizio o obbedienza Egli si compiace di esigere da loro "(II.2). È evidente, quindi, che nessuna creatura è in grado di resistere a fare ciò che Dio gli dice di fare in qualsiasi ambito della vita, poiché "le creature ragionevoli devono obbedienza a Lui come loro Creatore" ( Confessione di Fede di Westminster VII.1) . L' obbligo morale di amici, genitori, agricoltori e persino governanti nei confronti della legge di Dio non si basa su una relazione salvifica con Dio. Come creatoreEsige che la sua legge sia osservata da tutti gli uomini. Per la legge di Dio il Signore vincolò Adamo "e tutta la sua posterità, all'obbedienza personale, completa, esatta e perpetua" ( Confessione di Fede di Westminster XIX.1). Quindi leggiamo che "la legge morale vincola per sempre tutti, sia le persone giustificate che gli altri, alla sua obbedienza; e che, non solo per quanto riguarda la materia in essa contenuta, ma anche per l'autorità di Dio il Creatore, che lo ha dato "( Confessione di fede di Westminster XIX.5). Sia che consideriamo il contenuto della legge o il suo Autore, dobbiamo concludere che tutti gli uomini sono vincolati ad essa. In quanto esaltato Re, Cristo ha tutto il potere su tutte le cose in cielo e in terra ( Catechismo più grande di Westminster54). Come tale, corregge i credenti per i loro peccati e porta vendetta sui non credenti per i loro peccati ( Catechismo più grande di Westminster 45). A nessuno viene concesso il permesso di violare la legge di Dio in alcun modo. La Confessione di Fede di Westminster insegna che tutti gli uomini renderanno conto a Cristo, come Giudice, per ogni aspetto della loro vita (XXXIII.1), e questo fatto dovrebbe "dissuadere tutti gli uomini dal peccato" (XXXIII.3).

Un grande riassunto delle implicazioni che derivano dal fatto che Cristo è il Signore su tutto - su tutti i settori della vita e su tutta l'umanità - è fornito dal Catechismo più grande di Westminster"La legge morale è la dichiarazione della volontà di Dio all'umanità, dirigendo e vincolando ciascuno alla conformità e obbedienza personale, perfetta e perpetua, nella cornice e disposizione dell'intero uomo, anima e corpo, e in esecuzione di tutti quei doveri di santità e giustizia che egli deve a Dio e all'uomo "(93). "La legge morale serve a tutti gli uomini, per informarli della santa natura e volontà di Dio e del loro dovere, obbligandoli a camminare di conseguenza" (95). "La legge è perfetta e vincola ciascuno alla piena conformità dell'intero uomo alla sua giustizia e alla sua totale obbedienza per sempre, in modo da richiedere la massima perfezione di ogni dovere e da proibire il minimo grado di ogni peccato. ... Ciò che Dio proibisce non deve mai essere fatto ... Ciò che è proibito o comandato a noi stessi,

Dato un insegnamento così chiaro sull'autorità onnipervasiva della legge di Dio, non riesco a capire perché avrebbe dovuto sembrare in qualche modo una "tesi unica" in Teonomia secondo cui ogni bit della legge di Dio è ugualmente vincolante per credenti e non credenti. [44] Questa non è altro che un'espressione di quel classico pensiero riformato che si trova negli Standard di Westminster. L'applicazione coerente di queste premesse può essere insolita e impopolare oggi, anche se la confessione ei catechismi sono vagamente conosciuti tra il clero riformato in questo giorno, ma le premesse sono nondimeno sollevate direttamente dalla storica posizione riformata sull'etica. Sono il risultato naturale di alcune convinzioni teologiche di base: che Cristo è Salvatore e Signore, che ci dirige mediante la legge rivelata e che è Signore su tutti i settori della vita e su tutte le nazioni. Ciò che è veramente unico è l'emergere nel ventesimo secolo di studiosi "Riformati" che rifiutano la rilevanza onnipervasiva e l'autorità della legge di Dio.

In un'epoca di crescente tolleranza socio-politica per l'immoralità e di declino dell'impegno verso tutti i tratti distintivi del cristianesimo biblico, un'epoca sempre disposta ad accontentarsi della più bassa denominazione religiosa comune tra gli uomini in una società, un'età che richiedeva neutralità religiosa al di fuori della pietà personale e questioni interne alla chiesa (per timore che specifiche disposizioni divine siano intruse negli affari comuni degli uomini), l'aspetto problematico dell'etica riformata tradizionale è diventato il regno socio-politico. Anche laddove gli scrittori Riformati chiedono un'influenza trasformatrice da parte dei cristiani in questa sfera oggi, la direzione o gli standard di questa trasformazione sono stati ripetutamente accantonati come privi di autorità in tali questioni, nonostante parlino loro direttamente.

Tuttavia, il pensiero storico riformato, coerente con l'insegnamento della Scrittura, ha visto la legge di Dio come "un uso politico" nel governo dell'uomo. Cioè, la legge di Dio vincola lo stato, sia che sia presieduto da pagani o cristiani (proprio come la parola di Dio lega la chiesa, sia che i suoi ministri siano credenti o non credenti). Carl FH Henry riassume le prospettive in questo modo:

Anche dove non c'è fede salvifica, la Legge serve a frenare il peccato ea preservare l'ordine della creazione proclamando la volontà di Dio .... Con i suoi giudizi e le sue minacce di condanna e punizione, la legge scritta insieme alla legge di la coscienza ostacola il peccato tra i non rigenerati. Ha il ruolo di un magistrato che è un terrore per i malfattori ... Svolge quindi una funzione politica, acquista la sua influenza vincolante nel mondo non rigenerato. [45]

Poiché Cristo è "il Sovrano dei re della terra" (Apocalisse 1: 5), tutti i magistrati dello stato Gli devono obbedienza alla Sua legge. Quella legge è stata specificatamente stabilita, dice Paolo, per il contenimento di coloro che sono indisciplinati nella società (I Timoteo 1: 9-10). Questa è tanto la prospettiva del Nuovo Testamento quanto quella dell'Antico Testamento. Dio non ha cambiato le Sue norme per la giustizia nella società come risultato della venuta di Cristo! Semmai, oggi si aspetterebbe di più dagli uomini che di meno.

Tutti gli uomini, ebrei e gentili allo stesso modo, sono responsabili davanti alla legge di Dio. Questa è la dottrina di Paolo in Romani 1-3. Infatti tutti gli uomini, compresi i pagani, hanno le leggi specifiche di Dio che testimoniano nei loro cuori (Romani 2:15), così che Dio dice che conoscono la Sua ordinanza, per esempio, contro l'omosessualità (Romani 1:32). Dovrebbe essere evidente, quindi, che la legge che tutti gli uomini conoscono come creature di Dio non è limitata ai dieci comandamenti ma include l'intera legge di Dio in quanto definisce e punisce il peccato. Per questo motivo Sodoma potrebbe essere distrutta per la sua omosessualità anche prima della speciale rivelazione della legge di Dio a Israele sul monte Sinai. Il Nuovo Testamento identifica la causa del giudizio di Sodoma specificamente come "atti illegali" (2 Pietro 2: 6-8). Quindi non ci possono essere errori: Dio ' La legge (anche al di fuori dell'enunciato strettamente sommario del Decalogo) è vincolante per tutta l'umanità, totalmente a parte l'accoglienza della rivelazione redentrice, speciale. Dio non ha un doppio standard di moralità, né nella morale personale né in quella pubblica. Ciò che era peccaminoso all'interno dei confini di Israele non è stato condonato appena oltre il confine di stato, facendo una farsa della santità di Dio - anche se la presenza di un negozio di liquori appena oltre il confine di contea di una "contea arida" oggi non fa che rafforzare il senso di arbitrarietà sentito nel diritto pubblico. Dio è il Signore su tutti gli uomini in ogni momento, e quindi le Sue giuste norme non sono solo per un tempo e un luogo. L'omosessualità è proibita oggi per gli Stati Uniti come lo era nell'antico Israele, per esempio. totalmente separato dalla ricezione della rivelazione redentrice e speciale. Dio non ha un doppio standard di moralità, né nella morale personale né in quella pubblica. Ciò che era peccaminoso all'interno dei confini di Israele non è stato condonato appena oltre il confine di stato, facendo una farsa della santità di Dio - anche se la presenza di un negozio di liquori appena oltre il confine di contea di una "contea arida" oggi non fa che rafforzare il senso di arbitrarietà sentito nel diritto pubblico. Dio è il Signore su tutti gli uomini in ogni momento, e quindi le Sue giuste norme non sono solo per un tempo e un luogo. L'omosessualità è proibita oggi per gli Stati Uniti come lo era nell'antico Israele, per esempio. totalmente separato dalla ricezione della rivelazione redentrice e speciale. Dio non ha un doppio standard di moralità, né nella morale personale né in quella pubblica. Ciò che era peccaminoso all'interno dei confini di Israele non è stato condonato appena oltre il confine di stato, facendo una farsa della santità di Dio - anche se la presenza di un negozio di liquori appena oltre il confine di contea di una "contea arida" oggi non fa che rafforzare il senso di arbitrarietà sentito nel diritto pubblico. Dio è il Signore su tutti gli uomini in ogni momento, e quindi le Sue giuste norme non sono solo per un tempo e un luogo. L'omosessualità è proibita oggi per gli Stati Uniti come lo era nell'antico Israele, per esempio. Ciò che era peccaminoso all'interno dei confini di Israele non è stato condonato appena oltre il confine di stato, facendo una farsa della santità di Dio - anche se la presenza di un negozio di liquori appena oltre il confine di contea di una "contea arida" oggi non fa che rafforzare il senso di arbitrarietà sentito nel diritto pubblico. Dio è il Signore su tutti gli uomini in ogni momento, e quindi le Sue giuste norme non sono solo per un tempo e un luogo. L'omosessualità è proibita oggi per gli Stati Uniti come lo era nell'antico Israele, per esempio. Ciò che era peccaminoso all'interno dei confini di Israele non è stato condonato appena oltre il confine di stato, facendo una farsa della santità di Dio - anche se la presenza di un negozio di liquori appena oltre il confine di contea di una "contea arida" oggi non fa che rafforzare il senso di arbitrarietà sentito nel diritto pubblico. Dio è il Signore su tutti gli uomini in ogni momento, e quindi le Sue giuste norme non sono solo per un tempo e un luogo. L'omosessualità è proibita oggi per gli Stati Uniti come lo era nell'antico Israele, per esempio.[46]

Fino al ventesimo secolo, se avessi chiesto quasi a qualsiasi teologo riformato, lui te lo avrebbe detto, perché era riconosciuto che la legge di Dio ha rilevanza civica internazionale. Nel dare la legge Dio ha chiarito che aveva solo uno standard di etica per il nativo e per lo straniero in Israele, proprio come il suo carattere santo assoluto avrebbe richiesto ... Tu straniero in Israele, anche come il suo carattere santo assoluto chiederebbe. "Devi avere la stessa legge per lo straniero e per i nativi. Io sono il Signore tuo Dio" (Levitico 24:22). Di conseguenza Dio punì severamente le tribù cananee - esattamente nello stesso modo in cui punirebbe Israele - per le loro violazioni della Sua legge. "Non contaminatevi in ​​nessuno di questi modi, perché è così che le nazioni che ho intenzione di scacciare prima che diventaste contaminate. Anche la terra era contaminata; così l'ho punito per il suo peccato e il paese ha vomitato i suoi abitanti. Ma devi rispettare i miei decreti e le mie leggi. I nativi e gli alieni che vivono in mezzo a voi non devono fare nessuna di queste cose detestabili, poiché tutte queste cose sono state fatte dalle persone che vivevano nella terra prima di voi, e la terra è stata contaminata. E se contaminate il paese, esso vi vomiterà come ha vomitato le nazioni che erano prima di voi "(Levitico 18: 24-28).

Rivelando la Sua legge in forma scritta a Israele, il Suo popolo redento, Dio intendeva che fosse un modello da seguire per le culture circostanti. "Ecco, io ti ho insegnato statuti e ordinanze, proprio come Geova mio Dio ha comandato ... Perciò osservali e mettili in pratica, poiché questa è la tua saggezza e il tuo intendimento agli occhi dei popoli, che ascolteranno tutti questi statuti e dite: "Sicuramente questa grande nazione è un popolo saggio e comprensivo" ... Quale altra nazione è così grande e ha statuti e ordinanze così giusti come tutta questa legge che vi ho presentato oggi? " (Deuteronomio 4: 5-8). Di conseguenza, Davide dichiarò: "Parlerò dei tuoi statuti davanti ai re" (Salmo 119: 46) - ovviamente riferendosi ad altri re oltre a lui e quindi al di fuori di Israele. Allo stesso modo Davide disse che avrebbe costretto le nazioni circostanti a obbedire alla sua regola teonomica (Salmo 18: 43-50). "I re della terra appartengono a Dio" (Salmo 47: 9). Così "un trono è stabilito mediante la giustizia" (Proverbi 16:12) e "mediante la giustizia" (Proverbi 29: 4),proprio come "la rettitudine e la giustizia sono il fondamento del suo trono [del Signore]" (Salmo 97: 2). Le norme di Dio dovrebbero riflettersi nel governo di tutti i re terreni. Infatti, è assiomatico che coloro che governano rettamente sugli uomini, "dovrebbero governare nel timore di Dio", saranno come un mattino senza nuvole e soleggiato (2 Samuele 23: 3). Nel secondo Salmo Davide chiama i governanti terreni, dicendo: "Ora dunque siate saggi, o re; siate istruiti, giudici della terra. Servite Geova con timore" (vv. 10-12). Li avverte del castigo di Dio se non lo fanno: "Bacia il Figlio, affinché non si adiri e tu perisca sulla strada, perché la Sua ira può essere accesa in un momento".

Non vi può essere dubbio, quindi, che tutte le nazioni sono vincolate alle norme della legge di Dio, anche nella loro moralità sociale e politica. "La giustizia esalta una nazione, ma il peccato è una vergogna per qualsiasi popolo" (Proverbi 14:34). Di conseguenza "è un abominio per i re commettere malvagità, poiché il trono è stabilito dalla giustizia" (Proverbi 16:12). I profeti dell'Antico Testamento, come Isaia, vedevano la legge di Dio come una luce di giustizia per tutti i popoli (Isaia 51: 4) - proprio come Gesù parlò della "luce del mondo" nel contesto delle norme morali della legge di Dio ( Matteo 5:14). Si deve presumere che le nazioni gentili fossero soggette alla legge di Dio, poiché i profeti dell'Antico Testamento condannarono gli stati pagani per le loro infrazioni alla Sua santa legge, a volte portando la stessa accusa contro un paese pagano come è stata portata contro la stessa Israele (come in Abacuc 2:12 e Michea 3:10). La legge di Dio era ed è imparziale e universalmente vincolante per l'umanità. Quindi Esdra trovò una questione di lode, piuttosto che di angoscia, che il Signore avrebbe portato un imperatore pagano per far rispettare la legge di Dio - anche le sue sanzioni penali - in tutta l'area che circonda Israele (Esdra 7: 11-28).

Coerentemente con questa prospettiva dell'Antico Testamento, Paolo insegnò che i magistrati civili nell'era del Nuovo Testamento dovevano essere "ministri di Dio" che vendicano la Sua ira contro i "malfattori" (Romani 13: 4), vale a dire contro i suoi trasgressori legge (cfr v. 10). A questo fine specifico "non portano la spada invano". Quando il governante civile rifiuta di governare in termini di legge di Dio e la sostituisce con la propria legge, scrivendo il proprio nome sulla fronte e sulla mano dove appartiene la legge di Dio (Apocalisse 13: 16-17; cfr Deuteronomio 6: 8), è una "bestia" o "uomo di illegalità" (cfr. 2 Tessalonicesi 2: 3,7). Dovrebbe essere perfettamente chiaro, quindi, che i re devono fedeltà al "Re dei re",

In accordo con questa linea di pensiero, la Confessione di Fede ei Catechismi di Westminster insegnano che i magistrati, "per la Sua gloria [di Dio] e per il bene pubblico", hanno il diritto di punire i malfattori (Confessione di Fede di Westminster XXIII.1). In questo compito la legge di Dio dovrebbe essere la loro guida ( Westminster Larger Catechism 129-130, con citazioni scritturali, che riguardano tutti i governanti civili). La confessione di fede di Westminsterinsegna, di conseguenza, che coloro che mantengono pratiche contrarie alla "luce della natura [la legge di Dio rivelata nella creazione e nella coscienza], i principi del cristianesimo o il potere della divinità" possono essere "legittimamente perseguiti ... . dalla potestà del magistrato civile "(XX.4). Le prove fornite dalla Scrittura includono la legge di Dio contro la seduzione all'idolatria e il comando di far applicare a Esdra la legge di Dio, anche le sue sanzioni penali. Nel capitolo XXIII, sezione 3, gli autori della Confessione di fede di Westminstercitava Isaia 49:23 per mostrare che i magistrati dovevano essere i padri di cura della chiesa, facendo in modo che le ordinanze di Dio fossero osservate. Sono stati così proposti test biblici che ordinano al magistrato di eseguire bestemmiatori e idolatri. Altrove il magistrato è ritenuto responsabile di governare secondo la saggezza di Dio contenuta nella Sua legge, che, se allentata, porta a giudizi civili ingiusti (vedere il Catechismo più grande di Westminster 129-130, 145, con i test delle Scritture).

In questa luce possiamo comprendere l'affermazione di Baillie e Gillespie, due importanti partecipanti all'Assemblea di Westminster, quando - alla nomina della Chiesa di Scozia - scrissero successivamente: "Le chiese ortodosse credono, e lo riconoscono volentieri, che ogni legittimo magistrato, [è] da Dio stesso costituito il custode e il difensore di entrambe le tavole della legge "(Proposizione 41). Samuel Bolton, un altro teologo che ha partecipato alla stesura della Confessione di fede di Westminster , ha affermato:

Un magistrato può richiedere alle nostre mani quelle cose che sono chiaramente rivelate essere la volontà di Dio ... Le persone erano obbligate a obbedire ai magistrati quando comandavano l'obbedienza a ciò che Dio aveva comandato ... Non è che un subordinato e Cristo è il Maestro supremo. Il magistrato ci dice qual è la volontà di Dio, non qual è la sua volontà. Ci dice che è anche la sua volontà, ma solo perché è prima la volontà di Dio. [47]

Il punto di vista di coloro che hanno scritto la Confessione di fede di Westminster era chiaramente che il magistrato civile è moralmente tenuto a obbedire alla legge di Dio in quanto si basa sulla moralità civile.

Un secolo prima, nel 1550, Martin Bucero aveva scritto il suo trattato di etica sociale per Deward VI, intitolato De Regno Christi . Là ha affermato:

Dal momento che nessuno può descrivere un approccio più equo e salutare al Commonwealth di quello che Dio descrive nella sua legge, è certamente dovere di tutti i re e principi che riconoscono che Dio li ha posti al di sopra del suo popolo che seguono più scrupolosamente il suo metodo per punire i malfattori ... Per quanto riguarda la sostanza e il fine appropriato di questi comandamenti [mosaici], e specialmente quelli che prescrivono la disciplina necessaria per l'intera comunità, chiunque non ritenga che tali comandamenti debbano essere coscienziosi osservato non è certamente attribuire a Dio né la saggezza suprema né una giusta cura per la nostra salvezza. [48]

Nel 1573, il vescovo anglicano, Edwin Sandys, scrisse a Heinrich Bullinger che era la posizione dei riformatori presbiteriani in Inghilterra che: "Le leggi giudiziarie di Mosè sono vincolanti per i principi cristiani, e non dovrebbero minimamente discostarsene .... Questi bravi uomini stanno gridando che hanno tutte le chiese Riformate dalla loro parte. " [49]

Nel secolo successivo, nel 1636, il noto teologo puritano americano John Cotton preparò un saggio esplicito, intitolato "How Far Moses 'Judicials Bind Massachusetts", [50] in cui affronta la questione, "se noi come cristiani o come un popolo di Dio non è tenuto a stabilire leggi e sanzioni stabilite nella Scrittura così come furono date agli ebrei ", e poi offre nove ragioni a sostegno del perché la risposta deve essere affermativa. Nello stesso anno Cotton produsse un modello di codice civile per la sua colonia intitolato Moses His Judicials, che conteneva intere sezioni alla lettera della legge mosaica. [51] Nella sua pubblicazione del 1663, Un discorso sul governo civile,Cotton ha scritto che la migliore forma di governo da sostenere per i cristiani era quella in cui le leggi con cui governano gli uomini sono le leggi di Dio. [52] Un decennio prima in Inghilterra, John Owen aveva predicato un sermone davanti al Parlamento, in cui dichiarava che la sostanza della legge giudiziaria mosaica (a parte la sua particolare forma o abbigliamento ebraico) era "perennemente vincolante" per la sua nazione. [53] L'insegnamento dell'Assemblea di Westminster fu stabilito nello stesso periodo generale dei ministeri di Cotton e Owen.

Durante il secolo successivo il commento di Thomas Ridgeley al Catechismo più grande di Westminster, A Body of Divinity (1731-1733), ha indicato che i principi della legge giudiziaria dell'Antico Testamento erano permanentemente e universalmente vincolanti. Che lo stato si sottomettesse a queste leggi è stato sostenuto dall'annotatore inglese della Bibbia, Thomas Scott, e dal presidente americano della Princeton University, John Witherspoon. Un simile impegno per l'etica politica teonomica non poteva essere estinto dalle nuove e secolarizzanti visioni sociali dell'Illuminismo. Anche fino alla fine del diciannovesimo secolo rispettati teologi riformati sostenevano che lo stato dovesse conformare le sue leggi a quelle che si trovano nella legge di Dio. Il presbiteriano meridionale, James H. Thornwell, affermò nel 1861: "Desideriamo vedere ciò che il mondo non ha mai visto, una repubblica veramente cristiana",

Tuttavia noi, il popolo di questi Stati Confederati, riconosciamo direttamente la nostra responsabilità verso Dio e la supremazia di Suo Figlio, Gesù Cristo, come Re dei re e Signore dei signori; e con il presente ordina che nessuna legge sia approvata dal Congresso di questi Stati Confederati in contrasto con la volontà di Dio, come rivelato nelle Sacre Scritture. [54]

Il teologo presbiteriano settentrionale, AA Hodge, pubblicò una conferenza su "The Kingly Office of Christ" nel 1887. In essa si occupava di persone che sostenevano che la separazione tra chiesa e stato significasse il divorzio assoluto dello stato dall'autorità mediatrice di Gesù Cristo e il disprezzo della legge biblica.

e poi essere perfettamente ignaro dell'esistenza e delle pretese di Dio non appena inizia ad agire politicamente come cittadino dello Stato. Se un uomo sa che Dio ha proibito il furto, l'incesto o il divorzio eccetto che a determinate condizioni, o il perseguimento di affari mondani durante il sabato settimanale, non può, come cittadino, fare altro che fare ed eseguire leggi in conformità alla volontà nota di Dio. Se uno Stato nel suo diritto pubblico agisce in modo ateistico, può essere solo perché la maggioranza dei suoi cittadini sono atei nel cuore, indipendentemente dalle professioni religiose che possono svolgere ... come cittadino non può fare altro che fare ed eseguire leggi in conformità alla volontà conosciuta di Dio. Se uno Stato nel suo diritto pubblico agisce in modo ateistico, può essere solo perché la maggioranza dei suoi cittadini sono atei nel cuore, indipendentemente dalle professioni religiose che possono svolgere ... come cittadino non può fare altro che fare ed eseguire leggi in conformità alla volontà conosciuta di Dio. Se uno Stato nel suo diritto pubblico agisce in modo ateistico, può essere solo perché la maggioranza dei suoi cittadini sono atei nel cuore, indipendentemente dalle professioni religiose che possono svolgere ...Ogni cristiano deve credere che lo Stato dovrebbe essere obbediente alla legge rivelata di Cristo ... Tutti i cristiani intelligenti e onesti devono cercare di portare tutta l'azione della società politica a cui appartengono obbedienti alla volontà rivelata di Cristo il Supremo Re, il Sovrano tra le nazioni. La Chiesa e lo Stato sono reciprocamente, del tutto indipendenti. Gli ufficiali e le leggi dell'uno non hanno giurisdizione nella sfera dell'altro. Tuttavia, Cristo è il Re comune di ciascuno, e la sua Bibbia è il libro statuto comune di ciascuno ... Cristo, la coscienza e la Bibbia governano allo stesso modo in ogni sfera. [55]

Quindi, in considerazione di ciò che abbiamo osservato negli Standard di Westminster - così come in importanti scrittori riformati nel secolo precedente agli Standard, nel secolo degli Standard e in ogni secolo successivo ad essi [56] - è difficile per me comprendere perché l'editore, in assenza di qualsiasi premessa o prova di supporto, ha sostenuto che "c'è un grande salto" dalla prospettiva degli Standard di Westminster alla posizione teonomica secondo cui l'intera legge mosaica è vincolante oggi, anche per gli stati pagani. [57] Non c'è semplicemente alcun divario tra gli standard di Westminster e la teonomiache deve essere saltato! La prospettiva dell'Assemblea di Westminster e quella del New England puritano sono esposte nelle Appendici 2 e 3 del libro, ma senza alcuna attenzione a quel fatto dato dall'editore.

Cosa c'è in contrastocon l'approccio storico Riformato allo Stato come si trova negli Standard di Westminster e nei Puritani d'Inghilterra e in America è la visione moderna, neutralista o secolare dei cristiani che, in nome del "pluralismo" o "grazia comune", emancipano il ministro di Dio (cfr. Romani 13: 4) dalle direttive specifiche di Dio nella Sua legge. Ricordo ancora l'imbarazzo iniziale che provai quando gli insegnanti di college e università puntavano il dito critico contro l'etica politica dei miei antenati Calvinoisti, diciamo a Ginevra o nel New England puritano. In qualità di pensatore "illuminato, moderno, tollerante", ho cercato di trovare modi per spiegare l'errore dei miei predecessori riformati - finché non ho preso seriamente il tempo per ricercare e riflettere sulle radici bibliche della loro etica politica. Ora sono lieto di approvarlo come il risultato naturale dei miei fondamenti biblici e riformati. Se Gesù, il mio Salvatore, è il Signore su tutto, allora anche lo Stato deve obbedienza alle direttive del Signore.

L'intera legge

Tuttavia, quante delle direttive del Signore sono vincolanti oggi? Se lo stato deve ubbidire a Dio, quale legge ha dato Dio per l'obbedienza odierna? Abbiamo già imparato che il nostro obbligo di osservare i comandamenti di Dio è evidente dal fatto stesso che Gesù è il Salvatore e il Signore. Abbiamo imparato che la legge del Signore è immutabile dall'Antico al Nuovo Testamento. Abbiamo imparato inoltre che, in quanto Signore universale, Cristo lega tutti gli uomini e tutte le aree della vita mediante la Sua parola. Queste enfasi bibliche implicherebbero certamente - in assenza di qualsiasi insegnamento contrario o qualificante della Scrittura - che Dio dirige oggi la moralità politica mediante la Sua legge tanto quanto dirige la mia moralità personale mediante la Sua legge oggi. Ogni tratto di quella legge ha rilevanza per i miei pensieri e le mie azioni in tutto lo spettro delle attività della vita. Il cristiano del Nuovo Testamento non deve cancellare o ignorare i dettagli della legge se vuole vivere sotto la pervasiva signoria di Gesù Cristo. Se devo santificare e trasformare tutte le aree della vita alla gloria di Dio, allora deve essere secondo le indicazioni della Sua santa legge, piuttosto che secondo la mia saggezza difettosa e la mia immaginazione peccaminosa.

Verso la fine della riforma di tutti gli aspetti della vita, preghiamo: "Venga il tuo regno, sia fatta la tua volontà sulla terra come in cielo" (Matteo 6:10). In tale petizione noi tutti preghiamo "che il regno del peccato e Satana possa essere distrutto ..., che [Cristo] si compiaccia di esercitare il regno del suo potere in tutto il mondo ..., che Dio lo faccia con il suo Lo Spirito toglie a noi stessi e agli altri ogni cecità, debolezza, indisposizione e perversione di cuore; e con la sua grazia ci rende capaci e desiderosi di conoscere, fare e sottometterci alla sua volontà in ogni cosa "( Westminster Larger Catechism191-192, corsivo aggiunto). Nessun settore della vita in nessuna parte del mondo è una zona sicura dal regno e dalle direttive di Dio. Per questo motivo dobbiamo prestare attenzione a tutta la legge di Dio che si trova nella parola ispirata del Signore. Solo in questo modo possiamo obbedire all'ingiunzione apostolica di "evitare ogni sorta di male" (I Tessalonicesi 5:22). Ashbel Green lo ha scritto,

È il profondo senso che il credente ha del ... suo obbligo infinito di redimere la misericordia, che lo rende sinceramente desideroso di obbedire a tutti i comandamenti di Dio ... Ama l'intera legge di Dio e la ama perché è un perfetto legge. Se potesse avere una legge mitigata, di cui alcuni parlano invano, sarebbe solo per questo motivo meno amabile per lui. [58]

Cioè, il credente non dovrebbe accontentarsi di "una generalità definita spiritualmente" che è indifferente all'elenco di Dio di linee guida specifiche, come raccomanda l'editore. [59] Uno dei versi più noti ai cristiani che sono teologicamente conservatori è la dichiarazione di Paolo che "ogni scrittura" dell'Antico Testamento è "utile per l'istruzione alla giustizia ... in modo che l'uomo di Dio possa essere perfettamente equipaggiato per ogni opera buona "(2 Timoteo 3: 16-17). Ignorare alcune di quelle scritture specifiche significherebbe vivere secondo un'etica incompleta e inadeguata, poiché senza di esse non si può essere completamente attrezzati per una vita retta.

Giacomo ha insegnato che se inciampiamo anche in un punto della legge siamo "colpevoli di aver infranto tutto" (Giacomo 2:10). Quindi i dettagli sono vincolanti quanto il tutto e possono essere messi da parte solo a scapito della disobbedienza al Signore. Per questo motivo non posso essere d'accordo con l'editore quando afferma che dopo Cristo alcuni dettagli della legge "potrebbero non avere più importanza". [60] Ogni punto della legge che si trova in ogni scrittura dell'Antico Testamento, quando correttamente e contestualmente interpretato secondo il suo genere letterario e intento, è oggi vantaggioso per una vita etica ed è una misura della nostra obbedienza al Signore. Questo è l'insegnamento unito di Paolo e Giacomo. In questo non facevano altro che echeggiare l'insegnamento di Gesù Cristo stesso.

Avendo dichiarato che la sua venuta non ha avuto l'effetto di abrogare la legge dell'Antico Testamento, nostro Signore ha espressamente insegnato: "Poiché in verità vi dico, finché il cielo e la terra non saranno passati, finché ogni cosa non avverrà, non una virgola o passa in ogni modo dalla legge. Pertanto, chiunque infrange uno dei minimi comandamenti e insegna agli uomini a farlo, sarà chiamato minimo nel regno dei cieli "(Matteo 5: 18-19). Fino alla fine della storia non il minimo dettaglio della legge di Dio diventerà invalido, e così gli insegnanti sono avvertiti da Cristo stesso di non svalutare i dettagli della legge. Di conseguenza, per il redattore dire che l'adempimento della legge da parte di Cristo non suggerisce nulla su una lista di controllo di dettagli [61]è volare direttamente di fronte all'insegnamento del nostro Signore sull'adempimento della legge in Matteo 5: 17-19. Il fatto che Egli "adempia" la legge implica, secondo il Suo ragionamento autorevole, che nessuno ha il diritto di ignorare le specificità della santa legge di Dio.

Commentando Matteo 5: 17-19, John Murray ha detto questo:

Gesù si riferisce alla funzione di convalidare e confermare la legge e i profeti ... Gesù sta dicendo qui che non è venuto per abrogare nessuna parte della legge mosaica. Se c'è qualcosa che è disgustoso per la mente moderna è la preoccupazione per i dettagli, e in particolare è questo il caso nel campo dell'etica. Con una deplorevole confusione di pensiero la preoccupazione per i dettagli viene identificata con il legalismo ... "Un iota o un apice". È un'affermazione chiara che la legge in tutti i suoi dettagli deve giungere a compimento ed essere realizzata ... Nostro Signore ha riconosciuto che le minuzie della legge avevano un significato. Se non ci piacciono le minuzie o l'insistenza su di esse, allora non siamo a nostro agio con l'atteggiamento di Gesù. Ci stiamo muovendo in un mondo di pensiero completamente diverso ... Non dobbiamo aspettarci una sottovalutazione, e molto meno denigrazione, dei dettagli della legge; e possiamo anche aspettarci fin dall'inizio che, se la nostra prospettiva è quella che cerca il legno ma non gli alberi, allora non saremo a nostro agio nell'insegnamento di Gesù ... Troppo spesso la persona intrisa di meticolosa preoccupazione per le ordinanze di Dio e di rispetto coscienzioso per le minuzie dei comandamenti di Dio viene giudicata come un legalista, mentre la persona che non è infastidita dai dettagli è giudicata la persona pratica che esemplifica la libertà del vangelo. Qui Gesù ci ricorda la stessa grande verità che dichiara altrove: "Chi è fedele in ciò che è minimo è fedele anche nel molto, e chi è ingiusto nel minimo è ingiusto anche nel molto" (Luca 16:10 ). Il criterio della nostra posizione nel regno di Dio e della nostra ricompensa nell'era a venire non è altro che la meticolosa osservanza dei comandamenti di Dio nei minimi dettagli della loro prescrizione e la seria inculcazione di tale osservanza da parte di altri. mentre la persona che non è infastidita dai dettagli è giudicata la persona pratica che esemplifica la libertà del Vangelo. Qui Gesù ci ricorda la stessa grande verità che dichiara altrove: "Chi è fedele in ciò che è minimo è fedele anche nel molto, e chi è ingiusto nel minimo è ingiusto anche nel molto" (Luca 16:10 ). Il criterio della nostra posizione nel regno di Dio e della nostra ricompensa nell'era a venire non è altro che la meticolosa osservanza dei comandamenti di Dio nei minimi dettagli della loro prescrizione e la seria inculcazione di tale osservanza da parte di altri. mentre la persona che non è infastidita dai dettagli è giudicata la persona pratica che esemplifica la libertà del Vangelo. Qui Gesù ci ricorda la stessa grande verità che dichiara altrove: "Chi è fedele in ciò che è minimo è fedele anche nel molto, e chi è ingiusto nel minimo è ingiusto anche nel molto" (Luca 16:10 ). Il criterio della nostra posizione nel regno di Dio e della nostra ricompensa nell'era a venire non è altro che la meticolosa osservanza dei comandamenti di Dio nei minimi dettagli della loro prescrizione e la seria inculcazione di tale osservanza da parte di altri. "Chi è fedele nel minimo è fedele anche nel molto, e chi è ingiusto nel minimo è ingiusto anche nel molto" (Luca 16:10). Il criterio della nostra posizione nel regno di Dio e della nostra ricompensa nell'era a venire non è altro che la meticolosa osservanza dei comandamenti di Dio nei minimi dettagli della loro prescrizione e la seria inculcazione di tale osservanza da parte di altri. "Chi è fedele nel minimo è fedele anche nel molto, e chi è ingiusto nel minimo è ingiusto anche nel molto" (Luca 16:10). Il criterio della nostra posizione nel regno di Dio e della nostra ricompensa nell'era a venire non è altro che la meticolosa osservanza dei comandamenti di Dio nei minimi dettagli della loro prescrizione e la seria inculcazione di tale osservanza da parte di altri.[62]

Questa è la prospettiva avanzata dalla Teonomia nell'Etica Cristiana, e credo che sia in armonia con ciò che l'intera parola di Dio ci insegna sull'autorità e la permanenza dell'intera legge di Dio. Quella legge è vincolante in ogni dettaglio del suo insegnamento (poiché quei dettagli sono interpretati correttamente).

Le specificità della legge di Dio, contrariamente alla discussione dell'editore, [63] si applicavano in modo completo a Cristo, che era "tentato in tutti i punti senza peccato" (Ebrei 4:15), osservava perfettamente i comandamenti del Padre (Giovanni 15:10; cfr. 8:46), ed è stato in grado di "adempiere ogni giustizia" (Matteo 3:15). In questo Egli è il nostro esempio oggi, e dovremmo prestare ascolto alla Sua istruzione che, nel mezzo di osservare le questioni più importanti della legge, le specifiche minori 'non dovrebbero essere lasciate in sospeso (Luca 11:42). Ogni nota è il nostro standard di etica cristiana. Come scrisse Samuel Bolton, il divino di Westminster

Poiché Cristo, che è il miglior esponente della legge, così in gran parte rafforza e conferma la legge (testimonia il Sermone della Montagna, e anche Marco 10:19); poiché la fede non soppianta, ma rafforza la legge; poiché l'apostolo così spesso preme e sollecita i doveri comandati dalla legge; poiché Paolo riconosce di aver servito la legge di Dio nella sua mente, e che era sotto la legge di Cristo (I Corinzi 9:21); Posso giustamente concludere che la legge, per la sostanza di essa, rimane ancora una regola di vita per il popolo di Dio ... Se Cristo ei suoi apostoli hanno comandato le stesse cose che la legge proibiva e condannava, allora non le abrogarono. ma lo rafforzò e lo confermò. E questo è quello che hanno fatto: vedere Matt. 5:19. [64]

Concludo che i dettagli dettagliati dell'intera legge di Dio sono vincolanti per tutti gli uomini oggi, poiché questi dettagli sono interpretati in base al loro carattere letterario, contesto e scopo.

Per comodità la legge di Dio può essere considerata come ricadente in tre categorie, ciascuna delle quali assolve a una particolare funzione teologica o letteraria, ma tutte in un certo senso "confermate" da Cristo oggi e "stabilite" dalla fede salvifica (cf . Matteo 5:17; Romani 3:31). Tra i comandamenti di Dio nella Bibbia troviamo (1) precetti generali, (2) illustrazioni su come questi precetti vengono applicati in casi particolari e (3) istruzioni che riguardano la misericordia di Dio e la Sua via di redenzione e restaurazione (che è reso necessario dalle infrazioni dei primi due tipi di leggi). Le illustrazioni applicative (2) sarebbero classificate all'interno dello stesso generale, teologicocategoria come i precetti generali (1), poiché non sono che un'espansione e una spiegazione di quei precetti. Così sia i precetti generali che le loro applicazioni esplicative definiscono il peccato e i suoi giusti giudizi (temporali ed eterni), riflettendo così la giustizia di Dio. Le leggi riparatrici o redentive (3), che riflettono la misericordia di Dio, hanno rappresentato l'economia redentiva di Cristo - indicando la via della salvezza - e hanno insegnato simbolicamente la perfezione o santità richiesta alla comunità redenta.

Alcuni esempi possono aiutarci a capire questi tre tipi di leggi e come si applicano a noi nell'era del Nuovo Testamento tra gli avventi di Cristo. Come precetto sommario la legge di Dio dichiarava: "Non rubare" (Esodo 20:15). Questo principio generale è vincolante in modo permanente. "I comandamenti, ... 'Non rubare', ... sono riassunti in questa regola: 'Ama il tuo prossimo come te stesso'" (Romani 13: 9). L' obbligo continuo che tutti gli uomini hanno è quello di amare (Romani 13: 8). Quindi non è mai giusto rubare.

Ma come si applica il divieto di furto? Dio ha spiegato nella Sua legge che, tra le altre cose, questo comandamento significa che è sbagliato frodare o opprimere i dipendenti (Deuteronomio 24:14) e che anche un bue non deve essere privato del suo sostentamento dal lavoro che fa (Deuteronomio 25: 4). Tali erano le illustrazioni del precetto generale che non dovevamo rubare. Con circostanze mutate o una cultura diversa, l'illustrazione o l'applicazione della giurisprudenza potrebbe essere espressa in modo diverso. Tuttavia il principio sottostante (contenuto nei dettagli della giurisprudenza) rimarrebbe sempre valido e vincolante. Per questo motivo Cristo stesso ha utilizzato la giurisprudenza dell'Antico Testamento per dire al giovane ricco governante che non avrebbe dovuto frodare (Marco 10:19), e Paolo ha parlato della chiesa '

Allo stesso modo, un'applicazione del sesto comandamento contro l'omicidio (Esodo 20:13) si trova nella giurisprudenza che richiedeva che gli israeliti mettessero una recinzione intorno ai tetti delle loro case, per timore di essere colpevoli di spargimento di sangue "se qualcuno cade da esso" ( Deuteronomio 22: 8). Il principio alla base di questa legge si applica ancora a noi oggi, anche se potremmo non applicarlo all'intrattenimento degli ospiti sul tetto poiché di solito non intratteniamo su case con tetto piatto nella nostra cultura. Il fatto che l' illustrazione che insegna un principio morale non sia di per  applicabile non significa che ciò che insegnaè altrettanto inapplicabile! Il passaggio dei tetti piani non significa il superamento del nostro obbligo di "evitare tutte le occasioni ... che tendono all'ingiusto sottrarre la vita a qualcuno" (come dichiara il Westminster Larger Catechism 135, citando il brano biblico qui in vista ). Ad esempio, oggi potremmo applicare Deuteronomio 22: 8 posizionando una recinzione intorno alla piscina del nostro cortile, ancora una volta, per proteggere la vita umana e obbedire così al precetto generale della legge di Dio che non dobbiamo uccidere.

Senza le spiegazioni della giurisprudenza e le illustrazioni dei precetti generali o sommari della legge di Dio che si trovano nei dieci comandamenti, la legge morale di Dio sarebbe facilmente distorta, razionalizzata e applicata per soddisfare i desideri peccaminosi dell'uomo. Ad esempio, i legislatori liberali potrebbero erroneamente sostenere che "Non uccidere" significa che la pena capitale è oggi immorale. Preferendo la loro comprensione estremamente ristretta del comandamento: "Non commettere adulterio", gli uomini impuri potrebbero scagionare le loro relazioni prematrimoniali, incestuose o omosessuali. Tuttavia, le specifiche della giurisprudenza dei precetti generali richiedono la pena di morte in alcuni casi e vietano l'impurità sessuale in tutti i casi menzionati. Come ci si aspetterebbe, il Nuovo Testamento ribadisce tutti questi dettagli della giurisprudenza (vedi Romani 13: 4; Ebrei 13: 4; I Corinzi 5: 1-5; I Timoteo 1:10). I dettagli sono oggi altrettanto vincolanti quanto i precetti sommari.

Ora dovrebbe essere chiaro che i dieci comandamenti o precetti generali della legge di Dio non possono essere letti e compresi senza il contesto esplicativo di tutta la legge rivelata di Dio. Bavinck ha preso atto del fatto che,

La legge dei dieci comandamenti non è di per sé sciolta e indipendente; si trova, piuttosto, nel mezzo di un ambiente ricco ... In Israele quella legge ... è stata ripresa in un corpo di diritti e ordinanze che doveva governare l'intera vita del popolo. Inoltre, questa legge è stata spiegata, sviluppata e applicata in tutta la storia di Israele da salmisti, scrittori di proverbi e profeti ... La legge dei dieci comandamenti non può essere separata da questo ricco contesto di cose. Il decalogo, infatti, deve essere visto e spiegato alla luce di tutta la rivelazione di Dio nella natura e nella Scrittura. Intesi in questo modo, i Dieci Comandamenti sono un breve riassunto dell'etica cristiana e una regola insuperabile per la nostra vita. Ci sono anche molte altre leggi a cui siamo vincolati.[65] 

In Teonomia la metto così: "La giurisprudenza illustra l'applicazione o la qualificazione del principio stabilito nel comandamento generale". [66] O per usare le parole di Patrick Fairbairn: 

Una parte considerevole degli statuti e delle sentenze sono ... una semplice applicazione dei grandi principi del Decalogo a casi particolari, intesa subito a spiegarli e confermarli ... Sembra quindi che la classe di decreti cui si fa riferimento abbia un valore durevole, poiché servono materialmente a gettare luce sull'importanza e il portamento del Decalogo, confermando le opinioni già date sul suo carattere spirituale e globale. [67]

Le giurisprudenze che si trovano al di fuori del Decalogo (chiamate anche "leggi giudiziarie" nella letteratura Riformata) sono quindi di carattere morale , rivelando la giustizia di Dio per gli affari umani. Poiché i loro dettagli sono spesso comunicati in termini di cultura dell'antico Israele, queste leggi non sono vincolanti in quanto tali (in termini di formulazione illustrativa) nella cultura odierna. Piuttosto, ora siamo tenuti a mantenere il principio sottostante (o "equità generale") di queste leggi. Ciò che insegnano le illustrazioni è ancora la nostra regola oggi.

Questo era chiaramente il punto di vista dell'Assemblea di Westminster mentre componeva la Confessione di Fede e Catechismi. È opinione di alcune persone oggi che la Nuova Alleanza abbia ampliato la libertà del cristiano, in modo che ora sia liberato dai dettagli della legge di Dio che si trovano nel caso o nei comandamenti "giudiziari" al di fuori del Decalogo. La Confessione di Fede di Westminster parla direttamente a questa domanda in un capitolo abbastanza completo e dettagliato, "Della libertà cristiana". Dopo aver parlato della libertà a disposizione di tutti i credenti, siano essi sotto l'antica alleanza o meno, la Confessione prosegue: "Ma, sotto il nuovo testamento, la libertà dei cristiani si allarga ulteriormente" (XX.1).se questa fosse stata la convinzione dei suoi scrittori. Notiamo che la dichiarazione della Confessione a questo punto continua con una specificazione dei vari modi in cui la libertà dei credenti è maggiore con l'istituzione della nuova alleanza, elencando tra loro "la libertà dal giogo della legge cerimoniale, alla quale la Chiesa ebraica è stata soggetta ". Eppure nulla del genere viene detto sulle leggi giudiziarie dello stato israelita; sono vistosamente assenti dall'elenco dei modi in cui la libertà è ora ampliata sotto il nuovo patto. Per spiegare quell'assenza come una svista da parte dei meticolosi autori della Confessione - e proprio nel punto in cui è richiesta un'affermazione di liberazione dall'obbligo, seapplicabile - richiederebbe una convinzione preconcetta che si avvicina a proporzioni di intensità accecanti. Il fatto chiaro e semplice è che gli scrittori di Westminster non credevano che i cristiani del Nuovo Testamento fossero liberi di ignorare o infrangere il caso delle leggi giudiziarie dell'Antico Testamento.

Quello che credevano è che la scomparsa dello stato ebraico significava che nessuno poteva essere obbligato a seguire le leggi giudiziarie in virtù di qualsiasi dovere dovuto a quell'unità politica terrena, e che la forma culturale o l'espressione storica di quelle leggi non era che la veicolo per rivelare un principio morale sottostante che lega tutti gli uomini, (a parte le questioni che erano uniche per l'antica nazione di Israele). La ricerca storica dimostra che questo era un punto di vista prevalente tra gli scrittori puritani e riformati di quel giorno. [68]

Giovanni Calvinoo aveva insegnato che i comandamenti al di fuori del Decalogo hanno una forma smontabile o costituzione esteriore che può essere alterata al mutare delle circostanze; tuttavia, questi comandamenti, sosteneva, possedevano un'equità generale che esprime un dovere perpetuo che è lo stesso per tutti gli uomini. Disse: "Questa equità da sola deve essere l'obiettivo, la regola e il limite di tutte le leggi", in modo che in relazione alle leggi giudiziarie di Mosè, le leggi di una nazione moderna possano "effettivamente variare nella forma ma avere lo stesso scopo" ( Istituti di religione cristiana4: 20: 15-16). Calvinoo avrebbe permesso ai cristiani di respingere le leggi giudiziarie mosaiche solo nella misura dei loro orpelli culturali periferici; la loro esigenza morale essenziale - ciò che l'amore richiede a tutti gli uomini - è permanente. Parlando delle leggi extradecalogiche del prestito, ha detto: "La legge giudiziaria, tuttavia, che Dio ha prescritto al suo popolo antico, è abrogata solo fino al punto in cui deve rimanere quella che la carità impone" ( Commentarioin Esodo 22:25). Un completo rifiuto di queste leggi, in modo che il loro esempio e istruzione potessero essere ignorati nel processo decisionale morale, non era permesso da Calvinoo. Tenendo conto delle mutate circostanze, l'illustrazione applicativa nel diritto giudiziario doveva essere un modello per la pratica corrente. Commentando le clausole extradecalogiche sul trattamento appropriato degli schiavi, Calvinoo scrisse: "Sebbene le leggi politiche di Mosè non siano ora in vigore, l'analogia deve ancora essere preservata, affinché la condizione di coloro che sono stati redenti dal sangue di Cristo non sia peggiore tra noi, che quella del Suo antico popolo "( Commentario in Levitico 25:42). L'approvazione di Calvinoo dell'autorità delle leggi giudiziarie (per quanto riguarda la loro richiesta principale, un modello di amore) è abbastanza chiara nel modo in cui tratta le leggi sull'incesto nel codice mosaico. Che fossero di carattere giudiziario è un'opinione che ha severamente rimproverato:

Assurda è l'astuzia che pretendono di fare alcune persone poco versate nella Scrittura, che affermano che la Legge essendo abrogata, gli obblighi ai quali Mosè imponeva i suoi connazionali sono ora sciolti; poiché si deve dedurre dalla prefazione sopra esposta che l'istruzione qui fornita non è, né dovrebbe essere considerata, meramente politica ... In breve, il divieto di incesti qui esposto, non è affatto il numero di quelle leggi che sono comunemente abrogate secondo le circostanze del tempo e del luogo, poiché sgorga dalla fonte stessa della natura e si fonda sul principio generale di tutte le leggi, che è perpetuo e inviolabile ... non vedo , che, con il pretesto del suo essere una Legge politica / francese: che la Legge di Mosè è cessata, la purezza della natura deve essere abolita (Commentario in Levitico 28: 6). 

Calvinoo osserva immediatamente che la promulgazione dell'Antico Testamento di questa legge non era conforme all'utilità temporanea di un singolo popolo o a qualche usanza unica, e quindi deve essere vista come perennemente vincolante. Accetta l'obiezione anticipata che qualcuno solleverà, sostenendo che questo divieto giudiziario non è ripetuto nel Nuovo Testamento. Mostrando l'assurdità a cui questa linea di pensiero si riduce, Calvinoo poi risponde ponendosi all'imbarazzante domanda se ora siano consentite "connessioni promiscue". Ovviamente, le leggi giudiziarie (a parte le circostanze passeggere) continuarono ad essere valide secondo Calvinoo, indipendentemente dal fatto che si ripetessero o meno nel Nuovo Testamento. Il presupposto era che le leggi di Dio fossero perennemente vincolanti nei loro requisiti morali fondamentali. Di conseguenza Calvino, nel suoIl commento agli ultimi quattro libri di Mosè , ha esposto i dieci comandamenti e ha fatto copiose allusioni alle leggi al di fuori del Decalogo per elaborare e spiegare il significato della legge morale. Il suo atteggiamento è colto in un'osservazione fatta su due delle leggi giudiziarie dell'Antico Testamento: "Chi può negare che queste due cose si applicano tanto a noi quanto agli ebrei?" Istituti 2; 8:32).

Nella Seconda Confessione Elvetica , Heinrich Bullinger (1504-1575), scrisse che l'intera volontà di Dio per ogni parte della vita era pienamente dichiarata nella legge, in modo che non fosse permesso discostarsi da essa (Xii). Nel 13 maggio Decenni dichiarò che, anche se la forma esteriore o culturale delle leggi giudiziarie può variare da nazione a nazione, "la sostanza delle leggi giudiziarie di Dio non viene tolta o abolita". Un altro teologo continentale di persuasione riformata, Johannes Wollebius, (1586-1629) ha scritto che la legge giudiziaria è vincolante per noi (armonizzandosi come fa con la legge morale e la giustizia ordinaria), tranne "in quelle questioni che erano peculiari di quella legge e sono stati prescritti per la terra promessa o la situazione dello stato ebraico "(Compendio di teologia cristiana 14.6). Il pensiero riformato sul continente nelle prime generazioni della Riforma, quindi, aveva cominciato a distinguere la sostanza o l'equità delle leggi giudiziarie dalla loro forma culturale esteriore e da questioni uniche per l'antica terra o stato ebraico. Questo approccio all'autorità permanente delle leggi giudiziarie è stato sviluppato esplicitamente nel settore di lingua inglese del mondo riformato.

Un influente teologo riformato in Inghilterra fu Martin Bucero (1491-1551), un riformatore di prima generazione di Strasburgo e intimo amico di Calvinoo, che divenne professore a Cambridge nel 1549 e pubblicò il suo de Regno Christil'anno successivo per il re Edoardo VI. In questo lavoro Bucero difendeva rigorosamente le pene civili della legge dell'Antico Testamento, e dei comandamenti civili in generale, Bucero disse che sarebbe un insulto a Dio non mantenere l'obbedienza ad essi "per quanto riguarda la sostanza e la proprietà di questi comandamenti. " L'eccezionale leader della Riforma scozzese, John Knox (1513-1572), fu per un certo periodo cappellano di Edoardo VI e successivamente, mentre era in esilio, si consultò con Calvinoo a Ginevra. La Confessione scozzese e il Primo libro di disciplina sono stati prodotti da Knox. Quest'ultimo stabilì che i governanti così come i predicatori erano soggetti alla disciplina della chiesa, e "la disciplina sta nella correzione di quelle cose che sono contrarie alla legge di Dio" (IX). Thomas M'Crie, biografo di Knox,

I puritani inglesi della fine del XVI secolo forniscono un utile sfondo alla dichiarazione della Confessione di fede di Westminster sulla legge giudiziaria dell'Antico Testamento. La precedente opinione riformata aveva sostenuto l'equità o la sostanza della legge giudiziaria come vincolante in modo permanente, scontando la sua forma esteriore e le circostanze particolari. I puritani concordarono in modo pervasivo. Thomas Cartwright ha detto che poiché alcune delle leggi giudiziarie sono state "fatte riguardo alla regione in cui sono state date, e delle persone a cui sono state date," coloro che mantengono "la sostanza e l'equità di loro (come se fosse il midollo ), può cambiarne le circostanze, come richiedono i tempi, i luoghi e le abitudini delle persone ". Allo stesso modo William Perkins, affrontando una questione di etica civile, ha parlato della "legge di Mosè, dicendo che "durano per sempre" come "la vera esposizione e fedele esecuzione della sua legge morale: quali leggi non furono fatte solo per lo stato degli ebrei ... ma per tutta l'umanità, specialmente per tutto l'Israele di Dio, da cui leggi non è lecito in giudizio variare o declinare né da una parte né dall'altra ". Riferendosi a una delle sanzioni penali della legge dell'Antico Testamento, il pamphleteer puritano Philip Stubbs ha detto, "quale legge giudiziaria resta in vigore fino alla fine del mondo". dicendo che "durano per sempre" come "la vera esposizione e fedele esecuzione della sua legge morale: quali leggi non furono fatte solo per lo stato degli ebrei ... ma per tutta l'umanità, specialmente per tutto l'Israele di Dio, da cui leggi non è lecito in giudizio variare o declinare né da una parte né dall'altra ". Riferendosi a una delle sanzioni penali della legge dell'Antico Testamento, il pamphleteer puritano Philip Stubbs ha detto, "quale legge giudiziaria resta in vigore fino alla fine del mondo".

William Ames (1576-1633), che era stato istruito da Perkins, è un esempio di particolare interesse perché ci introduce nel diciassettesimo secolo, perché la sua influenza si faceva sentire oltre l'Inghilterra in Olanda e in America, e perché era un Calvinoista molto apprezzato teologo morale. A causa del sentimento anti-puritano in Inghilterra, Ames emigrò a Rotterdam nel 1610, dove si guadagnò la reputazione di uno dei migliori teologi Calvinoisti dell'epoca nelle sue polemiche con Remonstrants e Romanists; ha assistito al Sinodo di Dordt ed è stato nominato professore a Franeker nel 1622. Aveva un grande desiderio di andare nel New England, dove il suo lavoro era abbastanza influente tra i coloni puritani, ma la salute e la morte lo impedirono (la sua vedova donò la sua biblioteca ai coloni). L'incisivo lavoro di Ames sulla casistica morale,De Conscientia (1630), ha avuto molte edizioni latine e inglesi ed era ampiamente considerato autorevole nella Chiesa riformata olandese. In esso insegnava che le leggi giudiziarie dell'Antico Testamento hanno un carattere di base altrettanto morale quanto il Decalogo, ma erano spesso rivelate in una forma o carattere particolarmente ebraico.

Le leggi riguardanti la restituzione di beni presi in prestito e dovuti, riguardanti pesi e misure giusti, riguardanti il ​​salario del lavoratore, e riguardo a molte altre cose simili non espresse nei Dieci Comandamenti, non sono più giudiziarie o meno morali e naturali di quanto lo sia il comando non rubare , ecc ... Le leggi considerate giudiziarie ma le cui forme non mostrano un carattere particolarmente ebraico, appartengono agli affari delle altre nazioni e partecipano tutte a quella Legge Morale e Naturale comune a tutte le nazioni.

Di conseguenza, nell'esporre la legge, Ames ha fatto appello completo alle leggi giudiziarie per spiegare il decalogo (difendendo, ad esempio, "l'equità delle leggi mosaiche che integrano il Quinto comandamento"), e Ames ha insegnato che la bestemmia pubblica ostinata dovrebbe essere punita con la condanna a morte e il furto puniti con la restituzione (le sanzioni penali mosaiche). La legge giudiziaria era chiaramente autorevole nella pratica moderna per Ames, una volta presa in considerazione la sua antica forma di espressione ebraica.

Nel New England puritano, dove ai Riformati fu offerta l'opportunità di mettere in pratica la loro etica sociale, vediamo che le leggi dell'Antico Testamento erano rispettate e obbedite. Abbiamo già notato sopra che nel 1636 John Cotton ha prodotto un trattato che ha fornito la logica teologica per l'uso civile delle leggi giudiziarie di Mosè ("How Far Moses 'Judicials Bind Massachusetts"), affermando in esso: "Più ogni legge odora di uomo il più non redditizio. " Quello stesso anno Cotton ha prodotto un codice civile intitolato Moses His Judicials , indicando per questo stesso fatto che i puritani si consideravano obbligati a mantenere le leggi al di fuori del Decalogo, anche negli affari civili. Nello stesso decennio dell'Assemblea di Westminster, l'eminente pastore di Newtown, Thomas Shepard, scrisse:

Le leggi giudiziarie, alcune delle quali erano siepi e recinzioni per salvaguardare i precetti sia morali che cerimoniali, il loro potere vincolante era quindi misto e vario, per quelle che salvaguardavano qualsiasi legge morale, (che è perpetua) sia con giuste punizioni o altro, legare ancora moralmente tutte le nazioni: ... e quindi Dio vorrebbe che tutte le nazioni preservassero i loro recinti per sempre, poiché avrebbe preservato per sempre quella legge che queste salvaguardano ... I dotti generalmente dubitano di affermare che i giudici di Mosè vincolano tutti nazioni, si spinge lontano in quanto contengono una qualche equità morale in loro ...

Nell'utilizzare le leggi giudiziarie, quindi, i Puritani del New England riconobbero che la particolare forma o abito ebraico in cui erano stati presentati da Mosè non era il punto. Riconoscevano anche che alcune di queste leggi erano peculiari della terra e delle circostanze dell'antico Israele; (Ad esempio, Cotton giudicò le clausole dell'Antico Testamento sull'istituzione di Levirate, l'inalienabilità della proprietà nella terra promessa, alcuni aspetti del Giubileo, ecc. come di validità temporanea, così come tutte le appendici alla legge cerimoniale come il divieto su stoffa mista e aggiogare animali disuguali). Tali qualificheper il loro avallo dei giudici - qualifiche che ritenevano abbastanza ovvie da consentire a qualsiasi interprete intelligente della Scrittura di discernere - non li fecero esitare ad affermare la loro sottomissione ai giudici. Così nel New Haven Colony Records per il 1641, leggiamo:

E secondo l'accordo fondamentale, fatto e pubblicato con pieno e generale consenso ... che la legge giudiziaria di Dio data da Mosè ed esposta in altre parti della Scrittura, in quanto è una barriera e un recinto per la legge morale, e né cerimoniale né tipico né aveva alcun riferimento a Canaan, ha un'equità eterna in esso, e dovrebbe essere la regola dei loro procedimenti.

Nello stesso anno, il 1641, l'opera di John Cotton, Moses His Judicials, fu pubblicata a Londra con il titolo di An Abstract of the Laws of New England, as They are Now Established . Due anni dopo, a Londra, l'Assemblea di Westminster iniziò le sue deliberazioni. Samuel Rutherford, professore di teologia a St. Andrews, fu nominato all'Assemblea, e durante il suo lavoro pubblicò la sua famosa Lex Rex , che fu acclamata tra i commissari di Westminster. In questo trattato sulla legge e il principe, Rutherford ha dimostrato il suo impegno per le leggi al di fuori del Decalogo citando numerosi passaggi tra loro come autorevoli per le pratiche politiche ai suoi tempi. Nel suo diritto divino del governo della Chiesa(1646), Rutherford sostenne che il requisito dell'Antico Testamento per "punire un peccato contro la legge morale da parte del magistrato è morale e perpetuo", sebbene - per non essere obbligati a mantenere tutti gli ornamenti culturali o le forme giudiziarie della legge ( per esempio, il modo in cui una donna pagana prigioniera doveva lamentare la morte dei suoi genitori) - dubitava che tutte le punizioni particolari "nella loro determinazione positiva verso il popolo degli ebrei" dovessero essere il metodo di punizione (a differenza il suo collega Gillespie).I teologi riformati a volte differivano tra loro per quanto riguarda esattamente quali caratteristiche della legge mosaica fossero assegnabili alle antiche circostanze ebraiche e alla forma giudiziaria dall'insegnamento morale di base proprio per salvaguardare il carattere vincolante del comandamenti decalogici extra . Era opinione di Rutherford che la legge giudiziaria per quanto riguarda il suo carattere giudiziario e per quanto riguardava esclusivamente la Repubblica ebraica non fosse vincolante, "sebbene l'equità morale di tutte quelle [leggi] non fosse abolita". Un altro commissario scozzese dell'Assemblea di Westminster fu George Gillespie, che, come Rutherford, pubblicò un importante trattato mentre l'Assemblea era in corso. Nel 1646, Gillespie pubblicò il suo Aaron's Rod Blossoming , in cui affermava: "So che alcuni teologi ritengono che la legge giudiziaria di Mosè, per quanto riguarda la punizione dei peccati contro la legge morale ... dovrebbe essere la regola per il cristiano magistrato; e da parte mia, vorrei che fosse più rispettato e che fosse più consultato "(I.1).

Sempre durante il periodo dell'Assemblea di Westminster, nel 1645, lo stimato studioso riformato, Samuel Bolton, pubblicò il suo trattato contro l'antinomismo, che è stato citato in precedenza. Come Rutherford e Gillespie, Bolton è riuscito a commentare la legge giudiziaria nel suo True Bounds of Christian Freedom , ha detto che è "una massima comune" verso la quale "troviamo un notevole accordo ... e pochi dissidenti" che: 

Quanto alla legge giudiziaria, che era un'appendice alla seconda tabella, era un'ordinanza contenente precetti riguardanti il ​​governo del popolo in cose civili, e serviva a tre scopi: dava al popolo una regola di equità comune e pubblica, li distingueva dagli altri popoli e dava loro un tipo di governo di Cristo. Quella parte della legge giudiziaria che era tipica del governo di Cristo è cessata, ma quella parte che è di equità comune e generale rimane ancora in vigore. [69]

Nella precedente serie di illustrazioni abbiamo visto che i teologi riformati hanno costantemente sostenuto l'autorità vincolante delle leggi giudiziarie dell'Antico Testamento per quanto riguarda la sua sostanza o equità generale , consentendo che la forma giudiziaria delle leggi e delle questioni uniche per l'antico stato ebraico sono morti. Meno di un decennio dopo la stesura della Confessione di fede di Westminster , John Owen ha predicato davanti al Parlamento, dicendo:

Sebbene le istituzioni e gli esempi dell'Antico Testamento, del dovere dei magistrati nelle cose e riguardo all'adorazione di Dio, non debbano, in tutta la loro latitudine ed estensione, essere inseriti in regole che dovrebbero essere obbligatorie per tutti i magistrati ora, ... eppure, senza dubbio, c'è qualcosa di morale in quelle istituzioni, che, essendo svestite della loro forma giudaica, è ancora vincolante per tutti nello stesso tipo, quanto a qualche analogia e proporzione. Sottomettere da quelle amministrazioni ciò che era proprio e dipende dalla chiesa e dalla nazione degli ebrei, e ciò che rimane sulla nozione generale di una chiesa e di una nazione deve essere eternamente vincolante.

La Dichiarazione di Savoy (1658) dei ministri congregazionalisti ampliava la dichiarazione della Confessione di Westminster sulla legge giudiziaria, spiegando che questi comandamenti hanno una "equità generale ... essendo ancora di uso morale". Eppure, in un certo senso, la legge giudiziaria è stata interrotta, questo senso è che i giudici "sono scaduti insieme allo stato di quel popolo [di Israele], non obbligando nessuno ora in virtù di quell'istituzione"(enfasi aggiunta). Come le precedenti espressioni di convinzione Riformata, la Dichiarazione riconosce che, in quanto costituzione politica degli antichi ebrei, la legge giudiziaria non vincola in tale veste i cittadini di altri paesi successivi. Ogni nazione deve emanare le proprie leggi specifiche, tenendo presente, tuttavia, l'autorità vincolante dell'equità generale che si trova nelle leggi giudiziarie dell'Antico Testamento. Nel decennio successivo al lavoro dell'Assemblea di Westminster, David Dickson tenne conferenze a Edimburgo sulla Confessione, pubblicate come Truth's Victory Over Error . In essa ha spiegato perché era un errore sostenere che il tutto La legge giudiziaria ebraica era "ancora viva" (o vincolante). Costituiva "un Corpo Politico" che ovviamente è morto, ei credenti "sono nominati sotto il Vangelo per obbedire alla Legge civile e ai Comandi di coloro sotto il cui governo vivono, purché siano giusti". Non siamo antichi cittadini ebrei di Israele. Inoltre, in molte cose la legge giudiziaria "era adattata al Commonwealth degli ebrei, e non anche ad altre nazioni" "cioè, alcune questioni erano uniche per la situazione di Israele (Dickson illustra citando l'istituzione di Levirate e alcune questioni di schiavitù e divorzio). Infine, alcune questioni di diritto giudiziario che non rivelano un requisito morale fondamentale ("dalla Legge di Natura che obbliga per Ragione") sono periferiche al nostro dovere e non "Secondo quanto dato agli ebrei, le leggi giudiziarie potrebbero essere scadute (o essere "morua , morte") per quanto riguarda le loro circostanze particolari , disse James Durham ( La legge non sigillata, o un'esposizione pratica dei dieci comandamenti ), ma sono utili in spiegando la legge morale: "La legge giudiziaria serve a regolare la società esteriore, e per il governo, e generalmente (eccetto ciò che era peculiare del popolo di Israele) concorda con la legge morale; questo, come dato loro, non è perpetuo, la loro politica è finita. " Sebbene la forma antica di queste leggi sia scaduta con la loro autorità politica, esse hanno un carattere morale fondamentale in modo che "possano essere usate, dove si ritiene opportuno, con la suddetta cautela, sotto il Nuovo Testamento".

La nostra breve rassegna delle principali dichiarazioni Riformate sulle leggi giudiziarie o giurisprudenziali dell'Antico Testamento al di fuori del Decalogo ha chiaramente evidenziato due fatti nell'atteggiamento tenuto riguardo a queste leggi. Da un lato, le leggi giudiziarie sono scadute in quanto: (1) costituivano un ordine politico a cui non apparteniamo come cittadini di altri paesi, o (2) contenevano questioni che erano peculiari del paese e delle circostanze del antichi ebrei, o (3) erano espressi in una forma e un linguaggio adattati all'antica cultura di Israele. D'altra parte, le leggi giudiziarie contengono una sostanza o equità sottostante che è il requisito morale continuo di tutti gli uomini in tutte le culture in ogni momento. Questo equilibrio si riflette nella Confessione di fede di WestminsterCome già notato sopra, la Confessione parla chiaramente e direttamente della maggiore libertà che i credenti hanno ora sotto il nuovo patto, e non insegna lì che il nostro obbligo nei confronti della legge giudiziaria è giunto al termine (come ha il nostro obbligo nei confronti del cerimoniale legge). Tuttavia la Confessione riconosce che è il sottostante principio generale delle leggi giudiziarie dell'Antico Testamento che rimane autorevole, e non la loro specifica forma culturale o sistema politico. Quindi dice: "Anche a loro, come corpo politico, ha dato varie leggi giudiziarie, che sono scadute insieme allo Stato di quel popolo, non obbligando nessun altro ora, oltre a quanto la sua equità generale possa richiedere". L'uso di questo vocabolario familiare nel contesto stabilito dell'opinione riformata può lasciare pochi dubbi sulla posizione assunta dagli autori della Confessione. Il "generale di equità" delle "leggi giudiziarie" (ad esempio, i giudizi si trovano in Esodo 21-223 in base al test di prova della confessione) è necessarioA sostegno del suo insegnamento qui, la Confessione cita passaggi biblici che sono stati usati anche nell'etica teonomica per spiegare la prospettiva riformata.

L '"equità di uno statuto", secondo l' Oxford English Dictionary , è "secondo la sua ragione e il suo spirito in modo da renderlo applicabile a casi per i quali non espressamente previsto". È questa equità delle leggi giudiziarie o giurisprudenziali dell'Antico Testamento che la Confessione insegna come nostro obbligo attuale. L'espressione dell'Antico Testamento può menzionare i buoi che pigiano il grano, ma l' equità della legge si applica ad Altri casi non menzionati lì - per esempio, ai ministri del Vangelo (cfr. Deuteronomio 25: 4; I Timoteo 5:13). Secondo il Catechismo più grande di Westminster , "la legge morale è sinteticamente compresa nei dieci comandamenti" (98).comandi del Decalogo, "sotto un peccato o dovere, tutti dello stesso tipo sono proibiti o comandati; insieme a tutte le cause, i mezzi, le occasioni e le apparenze, e le provocazioni ad esso relative" (99). Il decalogo vieta il furto, ad esempio; eppure questo è un riassunto di tutti gli stessi tipi di peccati, per esempio frodare dipendenti, imbavagliare buoi (o ministri), ecc.

Di conseguenza, quando esponeva i dieci comandamenti, il Catechismo più grande di Westminster elencava i peccati e i doveri generali relativi a ciascun comandamento, e quindi convalidava l'elaborazione di ciò che ciascun comandamento significa citando testi della Scrittura, una grande schiera dei quali erano tra ) leggi dell'Antico Testamento (vedi 103-148 nel Catechismo). La giurisprudenza esegeta il Decalogo. Ad esempio, nel dire ai suoi lettori quali peccati sono proibiti quando Dio disse: "Non pronunciare falsa testimonianza" (Esodo 20: 160, il Catechismo più grande di Westminster (145) si rivolge alle leggi giudiziarie o giurisprudenziali dell'Antico Testamento per spiegare che Dio proibisce di mentire (Levitico 19:11), raccontare storie (Levitico 19:16), sollevare false voci (Esodo 23: 1) e nascondere la verità ( Levitico 5: 1; Deuteronomio 13: 8). (Si può anche notare che gli autori di Westminster, nella loro Presbyterial Form of Church Government , difesero un sistema parrocchiale di congregazioni citando una legge giudiziaria dell'Antico Testamento, dicendo che il suo "legame morale è perpetuo; perché Cristo è venuto non per distruggere la Legge, ma per adempierla. ") Questo tipo di procedura è il miglior indicatore della convinzione di Westminster che le leggi extradecalogiche dell'Antico Testamento erano ancora vincolanti, e ci mostra chiaramente cosa capivano dall'equità generale delle leggi giudiziarie. Il principio generale alla base di una legge giudiziaria ci aiuta a vedere cosa significano nella pratica i comandi sommari del decalogo.

Abbiamo esaminato due delle categorie di leggi dell'Antico Testamento menzionate dalla Confessione di fede di Westminster : i precetti sommari o generali (i dieci comandamenti, comunemente chiamati legge morale) e le applicazioni e le illustrazioni esplicative (le leggi giudiziarie o giurisprudenziali). La terza categoria di legge che abbiamo menzionato sopra è la legge riparatrice o redentrice, che gli standard di Westminster chiamano "legge cerimoniale" (la designazione tradizionale). I comandi che rientrano in questa categoria hanno funzionato per caratterizzare la via della redenzione che doveva essere fornita da Cristo e per illustrare simbolicamente la santità (la "separazione") richiesta alla comunità redenta.

Per esempio, Levitico 17:11 insegnava la necessità dell'espiazione del sangue se i peccati dovevano essere perdonati: "è il sangue che fa l'espiazione per la propria vita". Poiché la legge lo specificava, il Nuovo Testamento insegnava che "era necessario" che Cristo morisse in sacrificio e versasse il Suo sangue per la nostra salvezza (Ebrei 9: 22-24). Le leggi della redenzione dell'Antico Testamento non erano che "un'ombra di cose buone a venire" (Ebrei 10: 1), e il sangue degli animali non era mai sufficiente di per sé per espiare i peccati (Ebrei 10: 4).

Ora, nell'Antico Testamento, coloro che erano stati redenti mediante l'espiazione del sangue ed erano membri della comunità dell'alleanza dovevano celebrare la Pasqua come memoriale della loro salvezza. Con la venuta di Cristo, il vecchio modo di osservare la Pasqua è stato reso inoperante, con la nuova celebrazione della Cena del Signore - il suo equivalente funzionale - che ha preso il suo posto; i credenti salvati dal sangue sparso di Cristo hanno un memoriale della loro salvezza, "poiché Cristo, il nostro agnello pasquale, è stato sacrificato", dice Paolo (I Corinzi 5: 7). Sotto l'antica alleanza, la purificazione della propria natura peccaminosa necessaria per l'accettazione con Dio era simboleggiata dalla circoncisione. Con la venuta di Cristo, il segno esteriore è cambiato, ma è ancora necessaria la stessa purificazione della propria natura peccaminosa; così Paolo dice dei cristiani ", Come per le leggi redentive o sacrificali, vediamo la continuità e la discontinuità tra le vecchie e le nuove alleanze riguardo alle leggi relative ai segni di alleanza. Le vecchie leggi sono ancora valide nei loro requisiti essenziali e nel loro significato, ma il modo in cui vengono osservate è stato cambiato dal compimento della salvezza in Cristo. Come per le leggi redentive o sacrificali, vediamo la continuità e la discontinuità tra le vecchie e le nuove alleanze riguardo alle leggi relative ai segni di alleanza. Le vecchie leggi sono ancora valide nei loro requisiti essenziali e nel loro significato, ma il modo in cui vengono osservate è stato cambiato dal compimento della salvezza in Cristo.

Nell'Antico Testamento, poiché la comunità redenta era stata "separata" dalle nazioni da Dio, la comunità doveva ricordare a se stessa la sua santità (o "separazione") tracciando una separazione tra carni pulite e impure (Levitico 20:22 -26), rifiutando di mescolare diversi tipi di semi e tessuti, e non arando con animali da fattoria diversi o disuguali (Levitico 19: 1-2, 19; Deuteronomio 22: 9-11). Seguendo il modello che abbiamo già tracciato riguardo alle leggi sui segni del sacrificio e dell'alleanza nell'Antico Testamento, diremmo di queste leggi di santità che oggi non sono osservate nello stesso modo come lo erano nell'Antico Testamento, perché il Salvatore si è adempiuto presagi dell'Antico Testamento e stabilì la Sua santa, internazionale, comunità di alleanza nella chiesa. Quando studiamo l'intero contesto fornito dalla parola di Dio - ogni iota e ogni apice - apprendiamo che il "sistema di comandamenti contenuto nelle ordinanze" che ha creato un "muro di divisione" tra ebrei e gentili è stato "abolito nella sua carne" come Cristo "li riconcilia entrambi in un solo corpo con Dio attraverso la croce" (Efesini 2: 14-19). Di conseguenza, le leggi che caratterizzano la separazione della santità d'Israele non vengono più osservate insegnando agli ebrei a essere separati dai gentili. Ad esempio, in Atti 10 Pietro apprese che le leggi relative alle carni impure erano state rese inoperanti; ciò che Dio aveva purificato non doveva più essere considerato empio - nel qual caso il vangelo del regno doveva essere prontamente predicato al gentile Cornelio. s parola - ogni iota e apice - apprendiamo che il "sistema di comandamenti contenuto nelle ordinanze" che ha creato un "muro di divisione" tra gli ebrei e i gentili è stato "abolito nella sua carne" come Cristo "li riconcilia entrambi in uno corpo a Dio attraverso la croce "(Efesini 2: 14-19). Di conseguenza, le leggi che caratterizzano la separazione della santità d'Israele non vengono più osservate insegnando agli ebrei a essere separati dai gentili. Ad esempio, in Atti 10 Pietro apprese che le leggi relative alle carni impure erano state rese inoperanti; ciò che Dio aveva purificato non doveva più essere considerato empio - nel qual caso il vangelo del regno doveva essere prontamente predicato al gentile Cornelio. s parola - ogni iota e apice - apprendiamo che il "sistema di comandamenti contenuto nelle ordinanze" che ha creato un "muro di divisione" tra gli ebrei e i gentili è stato "abolito nella sua carne" come Cristo "li riconcilia entrambi in uno corpo a Dio attraverso la croce "(Efesini 2: 14-19). Di conseguenza, le leggi che caratterizzano la separazione della santità d'Israele non vengono più osservate insegnando agli ebrei a essere separati dai gentili. Ad esempio, in Atti 10 Pietro apprese che le leggi relative alle carni impure erano state rese inoperanti; ciò che Dio aveva purificato non doveva più essere considerato empio - nel qual caso il vangelo del regno doveva essere prontamente predicato al gentile Cornelio. le leggi che caratterizzano la separazione della santità di Israele non vengono più osservate insegnando agli ebrei a essere separati dai gentili. Ad esempio, in Atti 10 Pietro apprese che le leggi relative alle carni impure erano state rese inoperanti; ciò che Dio aveva purificato non doveva più essere considerato empio - nel qual caso il vangelo del regno doveva essere prontamente predicato al gentile Cornelio. le leggi che caratterizzano la separazione della santità di Israele non vengono più osservate insegnando agli ebrei a essere separati dai gentili. Ad esempio, in Atti 10 Pietro apprese che le leggi relative alle carni impure erano state rese inoperanti; ciò che Dio aveva purificato non doveva più essere considerato empio - nel qual caso il vangelo del regno doveva essere prontamente predicato al gentile Cornelio.

Tuttavia, queste leggi sono ancora accecanti per la chiesa del Nuovo Testamento nella misura in cui insegnano la necessità della comunità redenta di essere separata dal mondo, di essere "santa" nel segno di Dio. Quindi Paolo richiede che i credenti non siano "aggiogati in modo diseguale" con i non credenti e che i credenti siano separati dall'incredulità e che "non durino cose impure" (2 Corinzi 6: 14-17). allo stesso modo devono "eliminare il vecchio lievito" dal peccato (I Corinzi 5: 7; cfr. Deuteronomio 16: 4) e "odiare anche la veste macchiata dalla carne" (Giuda 23; cfr Levitico 13: 47-52 ). Tutte queste esortazioni sono modellate abbastanza ovviamente dopo le leggi riparatrici o "cerimoniali" dell'Antico Testamento. Il modo in cui vengono osservati è stato modificato dopo l'opera di Cristo,

Pertanto, la Confessione di fede di Westminster ci insegna che, "oltre a questa legge, comunemente chiamata morale, Dio si è compiaciuto di dare al popolo di Israele, come chiesa minorenne, leggi cerimoniali, contenenti diverse ordinanze tipiche, in parte ... prefiguranti Cristo ..., e in parte, offrendo diverse istruzioni sui doveri morali "(XIX.3). I testi delle Scritture citati sono gli stessi usati nella spiegazione precedente. Quindi, rispetto a questa terza categoria di comandamenti dell'Antico Testamento, la legge riparatrice o cerimoniale, diremmo che "sotto il nuovo testamento, la libertà dei cristiani è ulteriormente ampliata, nella loro libertà dal giogo della legge cerimoniale, a cui era soggetta la Chiesa ebraica "( Confessione di fede di WestminsterXX.1). Eppure Cristo "confermò" anche queste leggi, essendo "l'incarnazione permanente e finale di tutta la verità rappresentata nelle ordinanze levitiche". [70]

No, quindi, data la precedente discussione sui diversi tipi di leggi che troviamo nell'Antico Testamento e su come sono vincolanti nel contesto della nuova alleanza, possiamo vedere come l'etica teonomica sostiene che l' intera legge di Dio mantiene la sua validità e autorità oggi. La posizione è semplicemente quella che troviamo già elaborata in forma elementare negli Standard di Westminster e risalente ai primissimi teologi riformati. Certamente ci sono stati dissidenti da questo punto di vista, e non tutti gli studiosi riformati l'hanno avallato nella stessa misura degli altri, ma la posizione teonomica non è altro che la coerente realizzazione di certe dottrine cardinali all'interno della prospettiva riformata.

Questa prospettiva, riflessa nella Confessione di fede e nei catechismi di Westminster e che rappresenta l'insegnamento uniforme della parola di Dio, vede che, poiché Gesù Cristo è il nostro Salvatore e Signore, la legge di Dio continua ad essere uno standard morale autorevole e valido per noi oggi. Inoltre, la legge del Signore è uno standard immutabile di rettitudine, che mantiene la sua validità con il passaggio dall'Antico al Nuovo Testamento. Poiché Cristo è il Signore su tutto, la legge del Signore dovrebbe essere obbedita da tutti gli uomini in tutte le aree della loro vita. Di conseguenza l'intera legge di Dio è vincolante per il nostro comportamento oggi, senza la sottrazione di un solo iota o apice. Poiché gli Standard di Westminster esprimono questo punto di vista, è davvero molto appropriato citare la Confessione di Westminsternella descrizione della posizione teonomica in etica; ciò che la Confessione insegna è - contrariamente alle osservazioni dell'editore [71] - un riassunto adeguato della mia confessione a questo punto.

L'etica teonomica adotta un approccio positivo ai comandamenti di Dio nella Sua parola ispirata, riconoscendo l'obbligo che abbiamo nei confronti dell'intero corpo della rivelazione scritta di Dio. Lungi dal suggerire di aggiungere i dettagli jot and tittle al nostro dovere di mantenere la "legge morale" (nel senso di Westminster del termine), l'etica teonomica sostiene che, una volta correttamente interpretati, questi dettagli hanno sempre fatto parte categoricamente della morale legge di Dio. Sebbene i dieci comandamenti coprano l'intero campo del nostro dovere morale verso Dio e l'uomo - proprio come il requisito dell'amore copre anche l'intero campo del nostro obbligo - lo fanno in sintesi moda con precetti generali. I dieci comandamenti sono sempre "sufficienti" per mostrarci cosa dovremmo fare, ma poiché sono un sommario parlato a uomini peccatori, spesso abbiamo bisogno delle applicazioni esplicative e dei dettagli dell'intera legge di Dio. Senza di loro, non saremmo completamente attrezzati per ogni opera buona (2 Timoteo 3: 16-17). 

Le sanzioni penali della legge

Il passo successivo nell'elaborazione delle implicazioni della mia confessione di fede come credente Riformato è stato quello di capire come le mie convinzioni portassero sulla questione delle sanzioni penali della legge dell'Antico Testamento. Ora, è vero che quest'area di pensiero non è un elemento molto ampio o dominante nell'intera visione cristiana, e sarei assolutamente contrario a vederla assumere un'enfasi sproporzionata nella testimonianza cristiana. La questione di come il magistrato dovrebbe punire i trasgressori della legge di Dio per la società è un sotto-punto minore nella struttura complessiva della teologia cristiana. Tuttavia, è una questione che mette chiaramente alla prova la coerenza del proprio approccio all'etica biblica e, dato il malessere nei moderni sistemi di giustizia penale, è una questione alla quale almeno alcuni cristiani riformati dovrebbero interessarsi.

Se l'intera legge di Dio, così come si applica a tutti gli aspetti della vita, ha una validità permanente oggi, significa che anche le sanzioni penali prescritte dalla legge devono essere obbedite (per quanto possibile entro i limiti del proprio sistema sociale, sia dittatoriale o democratico) dai governanti autorizzati in un paese? [72]Il teonomo, notando la giustizia del codice penale di Dio, vorrebbe che la giustizia continuasse a essere fatta oggi all'interno del nostro sistema di penologia criminale. A meno che la parola di Dio non insegni che le pene sociali dell'Antico Testamento siano state messe da parte, la presunzione dei temi teologici esplorati sopra sarebbe che quelle punizioni sono prescritte per noi da seguire anche oggi. Nemmeno il minimo comandamento dovrebbe essere ignorato o infranto (Matteo 5:19), tanto meno comandi così significativi come quelli che descrivono le sanzioni penali come giusto modo di rispondere al crimine. Naturalmente, assumere questa posizione coerente - sostenere le pene prescritte rivelate nella legge di Dio a meno che il Legislatore non riveli che il requisito è in qualche modo modificato - porta all'approvazione della pena capitale per omicidio e altri crimini definiti dalla Bibbia,

L'editore dice: "Ciò con cui si deve fare i conti in una decisione a favore o contro la teonomia non è la pena capitale per omicidio, ma la pena capitale per adulterio. O per maledire i propri genitori". [73] Questo potrebbe suggerire che, se non puoi sentire che la pena di morte è applicabile per questi crimini oggi, allora non dovresti sostenere l'etica teonomica. Tuttavia un tale metodo teologico sarebbe del tutto inaccettabile. L'etica teonomica sostiene che la parola di Dio insegna l'attuale validità delle sanzioni penali della legge. Se ci piacciono queste sanzioni o se le troviamo congeniali a una società secolarizzata è davvero irrilevante se la parola di Dio insegnala loro validità o no. L'affermazione teonomica qui può essere contrastata solo su basi bibliche ed esegetiche, non personali. Possiamo scegliere di rifiutare l'insegnamento della Bibbia perché non ci piace, ma non possiamo - semplicemente perché non lo favoriamo - cambiare ciò che è o non è l'insegnamento della Bibbia.

Inoltre, le disposizioni della legge di Dio non dovrebbero essere decise a favore o contro il cristiano sulla base delle sue nozioni preconcette, sentimenti personali, tradizioni culturali o altro. Nessun credente, nemmeno l'editore, è libero di rifiutare alcuni dettagli della legge di Dio solo perché lo colpisce come in qualche modo duro o assurdo per oggi. Il nostro obbligo è piuttosto quello di rendere i nostri sentimenti e il nostro pensiero conformi alla parola di Dio, solo per le Scritture- ragionamento o emozione umana non estranei e non autorevoli - dovrebbe essere il fattore determinante nelle nostre convinzioni teologiche ed etiche. Nessuno di noi ha la prerogativa di rifiutare arbitrariamente qualsiasi legge di Dio, senza alcuna difesa esegetica per la nostra opinione. In un certo senso questo è al centro dell'approccio teonomico all'etica: insistere sul fatto che le nostre convinzioni cristiane sulla pena di morte per adulterio (o qualunque cosa specifica la Bibbia) siano orientate all'insegnamento scritturale sulla continuazione o l'abrogazione della pena capitale (e altri sanzioni). Presumiamo una continuità con l'Antico Testamento a meno che il testo del Nuovo Testamento non indichi diversamente.

L'editore ha affermato che una decisione in merito all'etica teonomica non può essere presa sulla base della propria visione della pena capitale per omicidio, ma deve essere determinata dalla propria visione della pena capitale per altri crimini, come l'adulterio o la maledizione dei genitori (cioè, nel Senso biblico di ribellione incorreggibile contro la loro autorità). Tuttavia, questa osservazione è in realtà una sfida indiretta al punto di vista del redattore o di qualsiasi punto di vista non teonomico, perché vedi, l'osservazione presume prontamente che sia accettabile credere nella pena capitale per omicidio senza crederci anche per altri crimini specificati . Credere nella pena di morte per ulteriori crimini, si pensa, richiede qualcosa in piùprove e argomentazioni. Questi presupposti errati metteranno in evidenza l' incoerenza nell'approccio dell'editor alla Bibbia sulla questione delle sanzioni penali nella società. Nel sostenere la pena di morte nei casi di omicidio, la maggior parte dei cristiani si sta dimostrando molto più di quanto si rendano conto.

Nello stesso numero di uno dei suoi articoli sull'etica teonomica, l'editore ha aspramente censurato il vescovo di una chiesa per aver rappresentato in modo errato l'atteggiamento di Cristo verso la pena capitale, [74] e nel suo articolo di apertura sull'etica teonomica l'editore dà per scontato che validità della pena di morte per omicidio. [75] In effetti, l'editore ha scritto altrove un saggio in difesa della pena di morte, reagendo a coloro che ne favoriscono l'abolizione; il titolo ti dice il suo atteggiamento: "Pena capitale ... Giusta e necessaria". [76] Sarebbe istruttivo per noi dare uno sguardo al suo argomento alla luce della questione se la pena capitale sia valida oggi per gli adulteri .

L'editore indica che poiché crediamo ancora che l'Antico Testamento sia ispirato, non dovremmo ritenere che Cristo abbia corretto la legge dell'Antico Testamento. [77] Presumibile, pensa poi il lettore, Cristo non avrebbe corretto la legge sulla penalizzazione degli adulteri. Il redattore rafforza questa presunzione quando prosegue scrivendo che "il principio della pena è una legge inalterabile dell'universo ..." Non infrangi la legge di Dio; viola le leggi di Dio e loro ti infrangono! "" [78 ] In tal caso sembrerebbe che siamo avvertiti di non infrangere la legge inalterabile della pena per gli adulteri. L'editore sostiene che il male deve essere innanzitutto penalizzato, altrimenti "la bontà viene derisa". [79]e sicuramente l'adulterio è un male agli occhi del nostro buon Dio. Anche la morte redentrice di Cristo, sostiene l'editore, non rimuove la pena di morte per il peccato, [80] nel qual caso apparentemente non dovremmo vedere l'opera di Cristo come abrogazione della pena di morte per adulterio. A titolo di esempio, l'editore fa riferimento al modo in cui Gesù ha trattato la donna presa in adulterio, dicendo "Non troverete nulla in quella storia che suggerisca che Egli abbia detto ai suoi accusatori: 'Non merita di essere punita!'" [81 ]

L'editore osserva anche correttamente che l'apostolo Paolo non ha abrogato la pena capitale, insistendo sul fatto che sarebbe dovuto morire se avesse fatto qualcosa di degno di morte (Atti 25:11) e sostenendo il potere della spada del magistrato (Romani 13). [82] Stando così le cose, non siamo incoraggiati a pensare che la pena dell'Antico Testamento per l'adulterio sia stata abrogata; è ancora valido oggi. Infatti, Gesù Stesso non ha modificato i requisiti dell'Antico Testamento, dice l'editore: "La pena capitale non è abrogata nel Nuovo Testamento. Nel Discorso della Montagna, Gesù Cristo ha detto che non un iot o un apice della legge sarebbe stato cambiato dalla sua venuta. " [83]Questo suona proprio come una linea di pensiero teonomica. Se nulla riguardo alla pena capitale è stato cambiato dalla venuta di Cristo - nemmeno un iota o un apice - allora dobbiamo concludere che anche la sanzione penale contro l'adulterio è invariata. Infine, l'editore avanza un argomento reductio ad absurdum contro coloro che, argomentando dal divieto di uccidere del sesto comandamento, abrogherebbero l'insegnamento biblico sulla pena capitale. Dice: "Se la pena capitale non è più valida, allora nemmeno il sesto comandamento lo è. Entrambi provengono dalla stessa legge ". [84] L'eccellente intuizione qui offerta è che la legge di Dio è un'unità , così che i suoi comandamenti stanno o cadono insiemeSe una legge è diventata invalida, anche l'altra; non puoi scegliere e scegliere. Non puoi mantenere il sesto comandamento mentre rifiuti la sanzione penale di morte. La stessa logica porterebbe quindi alla conclusione che, poiché la pena di morte per adulterio deriva dalla stessa legge della pena di morte per omicidio, se si abroga la pena per adulterio, si abroga anche per omicidio. Poiché l'editore rifiuta una tale conseguenza - sostenere la pena di morte per omicidio - si potrebbe pensare che sostenga anche la pena di morte per adulterio. Fanno parte della stessa legge.

Quindi vediamo come l'argomento del curatore a favore della pena capitale mostra la sua incoerenza nel rifiutare l'approvazione teonomica di quella pena per l'adulterio, basata sulla legge ispirata dell'Antico Testamento. Sostenendo la pena capitale (in caso di omicidio, indubbiamente) nel modo in cui lo fa (insieme alla maggior parte dei cristiani che credono nella Bibbia), l'editore ha finito per dimostrare molto di più di quanto potesse pensare. Ha dimostrato che la sanzione penale contro l'adulterio è valida oggi, e ora può rigettarla solo con un'eccezione speciale arbitraria. Deve ancora essere dimostrato che il Nuovo Testamento approva strettamente esclusivamente la pena capitaleper omicidio, mentre abroga tutto il resto. I passaggi rilevanti a sostegno della pena di morte nel Nuovo Testamento hanno una portata troppo generale per offrire un sostegno discriminante ai sostenitori non teonomici della pena.

Forse un'illustrazione può aiutare a spiegare. L'editore vorrebbe - come la maggior parte dei difensori della pena capitale oggi che sono cristiani - senza dubbio si appella a Romani 13: 4 per mostrare la legittimità dello Stato che punisce con la spada, cioè fino alla morte. Ma come può criticare l'editore coloro ... che si oppongono alla pena capitale per omicidio senza definire quei tipi di "malfattori" verso i quali Paolo dice che il magistrato "non porta la spada invano"? Sicuramente la mentalità di Paolo sarebbe stata il contesto dell'insegnamento scritturale (Antico Testamento) mentre parlava di "malfattori". Ma se l'editore fa appello al codice penale dell'Antico Testamento per dimostrare che la spada può essere usata dallo stato contro gli assassini, come può essere coerente e voltarsi a rifiutare quello stesso codice penale quando specifica gli adulteri ... come "malfattori" degno di morte pure? È contrario ai principi della teologia delle alleanze che i teologi scelgano e scelgano quali alleanze seguiranno e quali stipulazioni all'interno delle alleanze manterranno. Il Signore dell'alleanza è dispiaciuto quando i Suoi servitori non aderiscono a tutto ciò che ha decretato. Allora, se la pena capitale per l'omicidio è giusta oggi, whey non sarebbe giusto anche per l'adulterio? Dopo tutto, entrambe queste sanzioni erano prescritte dallo stesso immutabile, santo Dio. Il Signore ha posto entrambe queste leggi nel libro degli statuti del Suo popolo. Come può un teologo essere biblico e coerente rifiutando (o adottando) l'uno senza l'altro?

Inoltre, se l'editore non avalla la legge di Dio in quanto riguarda la punizione dei criminali (a parte gli omicidi comunque), dove troverà un codice penale più giusto, ragionevole e vantaggioso da seguire nella società? Ad esempio, se fosse un giudice o un consulente cristiano di un giudice, quale giustizia direbbe l'editore dovrebbe essere accordata a uno stupratore o rapitore? Cosa meritano effettivamente questi criminiIl teonomista crede che il giusto giudice di tutta la terra farà certamente sempre ciò che è giusto (cfr Genesi 18:25), e che il giudice abbia stabilito uno standard per la rettitudine sociale e penale che dà a un criminale niente di più e niente di meno che merita (ad es. Esodo 21: 23-25) e promette bene alla società in generale (cfr. Deuteronomio 10:13). Dio si aspetta che le Sue creature onorino e obbediscano ai Suoi giusti standard al di sopra delle opinioni ingiuste degli uomini. (Anche quando questi standard non possono essere applicati in una società, i credenti dovrebbero comunque credere che dovrebbero essere applicati e dovrebbero lavorare entro i limiti di quell'ordine sociale dato per riformare le leggi quando se ne presenta l'opportunità.) E Dio non si aspetta che adotteremo un approccio smorgasbord ai Suoi precetti.

Pertanto, come può il redattore difendere la sua convinzione che gli assassini dovrebbero essere giustiziati oggi, scartando le altre sanzioni penali della legge di Dio? Non possiamo avere la legge di Dio in entrambe le direzioni, valida e non valida allo stesso tempo. Nella Nuova Alleanza la legge di Dio è scritta proprio nei nostri cuori (Ebrei 8:10), con ogni Scrittura e ogni iota e le sue punte utili e autorevoli per una vita retta (2 Timoteo 3: 16-17; Matteo 5: 17- 19). Quindi, se l'intero Antico Testamento è vincolante per noi oggi, con spiegazioni e precisazioni del Nuovo Testamento, non possiamo scegliere di ignorare il patto mosaico o - quando l'argomento è rilevante - le giuste sanzioni penali della legge mosaica.

Anche se sarebbe terribilmente sbagliato procedere partendo dal presupposto che il Legislatore debba riaffermare i Suoi comandamenti se vuole essere autorevole in una nuova era, poiché la Sua legge (anche le sue prescrizioni penali) continua ad essere valida fino a quando non la revoca, il fatto è che l'insegnamento positivo del Nuovo Testamento sostiene e conferma le sanzioni penali dell'Antico Testamento. Quando Paolo dice che il magistrato non porta la spada invano (Romani 13: 4), è solo perché Paolo considera il governante ministro di Dio . È compito di questo ministro vendicare l'ira - l'ira di Dio (cfr. Romani 12:19) - contro coloro che fanno "il male", coloro che non vivono secondo la legge di Dio(cfr. Romani 13:10). La spada, vediamo, non può essere impugnata indipendentemente dalla direzione di Dio per arbitrario desiderio o capriccio del magistrato civile (o del popolo in generale, se è per questo). Se lo fosse, sarebbe sicuramente impugnato "invano". Quella spada non è usata invano quando è usata in modo conforme alle norme di rettitudine sociale che si trovano nella legge di Dio. Ha senso solo, non è vero, che Dio richieda al "ministro di Dio" che è "ordinato da Dio" di seguire i dettami DI DIO piuttosto che i desideri degli uomini ribelli!

Allora, dove fa Dio esprimere la Sua volontà per la penologia criminale? Il Nuovo Testamento ha poco da dire sull'argomento (soprattutto, sembrerebbe, perché l'Antico Testamento aveva già parlato adeguatamente). Se oggi si pensa che le sanzioni penali dell'Antico Testamento siano invalidate, allora dobbiamo chiederci quali criminisono legittimamente coperti da Romani 13: 4? Dal momento che il Nuovo Testamento non fornisce un catalogo che risponda esplicitamente a questa domanda, dobbiamo dedurre che tutti i "malfattori" (ad esempio, doppiatori, mangiatori di cibo eccessivo, imbroglioni delle imposte sul reddito) possono essere puniti con la morte? Dobbiamo dedurre che la definizione di "malfattore" sociale è aperta a diverse deliberazioni e sentimenti umani, a parte le direttive date da Dio? Sembrerebbe, piuttosto, che con Paolo dovremmo trovare la risposta a domande così cruciali e inevitabili nelle direzioni già chiare dell'Antico Testamento, di cui non è stato abrogato neanche un punto.

Paolo conferma questo approccio quando insegna che la legge di Dio è stata data, ed è usata legalmente oggi, per frenare il comportamento criminale nella società - cioè, è stata stabilita per gli indisciplinati, gli assassini, i fornicatori, gli omosessuali, gli spergiuri e simili (I Timoteo 1: 8-10). Paolo pensa che la legge di Dio dell'Antico Testamento serva a questa funzione di contenimento civile. Di conseguenza, quando molte gravi accuse furono mosse contro lo stesso Paolo da aderenti alla legge dell'Antico Testamento, egli affermò chiaramente la propria sottomissione all'autorità morale delle sanzioni penali di Dio nella legge. Disse: "Se sono un malfattore e ho commesso qualcosa degno di morte, mi rifiuto di non morire" (Atti 25:11). Si dovrebbero notare una serie di cose su questa dichiarazione. Si noti che Paolo parla di se stesso,Legge di Dio , come un presunto "malfattore" (la stessa parola che appare in Romani 13: 4 come oggetto del giudizio del magistrato). Osserva poi che la portata della sua preoccupazione è molto più ampia di quella di un solo misfatto degno di morte. Dice: "Se ho fatto qualcosa degno di morte". poi vediamo che ha utilizzato una designazione standard dell'Antico Testamento per i crimini capitali come quelle azioni che sono "degne di morte" (ad esempio, Deuteronomio 21:22). La prospettiva del Nuovo Testamento sul codice penale dell'Antico Testamento non è che fosse uno standard temporaneo e artificiale per la società, ma piuttosto lo standard esatto della giustizia. "Ogni trasgressione e disobbedienza riceveva una giusta ricompensa di ricompensa" (Ebrei 2: 2).di morte. Così Paolo ha parlato dei crimini capitali di cui era stato accusato secondo la legge di Dio come cose "degne di morte", e ha insistito sul fatto che se avesse davvero commesso qualcosa di quella natura, si rifiutava di non morire. La giustizia in questi casi richiedeva la pena di morte e Paolo ne approvava l'uso.

Quindi, i cristiani del Nuovo Testamento vogliono rendere giustizia o ingiustizia nei confronti dei criminali nella nostra società? Ovviamente, la giustizia sociale deve essere fatta, punendo i criminali  troppo indulgentemente né troppo duramente. Quindi dobbiamo, con Paolo, essere sostenitori del fare ciò che la legge perfettamente giusta di Dio richiede. In questioni di vita e di morte come quelle che troviamo nell'area della penologia criminale, a chi altro ci affideremmo per decretare la giustizia esatta se non Dio? Se desideriamo che sia fatta giustizia nei nostri tribunali penali, allora dovremmo lodare Dio, come fece Esdra, ogni volta che Dio mette nel cuore dei governanti (anche dei governanti non credenti) l'applicazione della legge di Dio, fino al punto della sua disposizioni per la pena capitale (cfr. Esdra 7: 25-28). La giustizia sociale non era semplicemente un obbligo moraleper gli israeliti nell'Antico Testamento; era richiesto a tutte le nazioni e governanti. Allo stesso modo è richiesto ai nostri governanti oggi.

Obiezione che l'obbedienza alle norme della legge di Dio da parte dei magistrati civili oggi violerebbe la separazione tra chiesa e stato significa grossolanamente fraintendere la corretta separazione tra chiesa e stato, sia come fatto storico che come prescrizione biblica. C'erano ovvi modi in cui la società ebraica dell'Antico Testamento distingueva tra questioni di amministrazione civile e culto religioso (ad esempio, il re non poteva essere un sacerdote), anche se distinguiamo tra il dominio dello stato e il regno della chiesa oggi . tuttaviasi comprendono le differenze tra l'Antico e il Nuovo Testamento per quanto riguarda la separazione tra Chiesa e Stato - sia in maggiore o minore grado di dissomiglianza con l'Antico Testamento - né la storia della dottrina né l'insegnamento della Scrittura sosterranno l'idea che la separazione di chiesa e stato significa che lo stato è separato da Dio e dalle sue direttive ad esso, essendo moralmente autonomo. Sia la chiesa che lo stato , qualunque siano le loro differenze e particolarità, devono obbedienza morale a Dio e dovrebbero obbedire a quelle direttive della Sua parola che sono rilevanti per i loro domini distintivi. L'idea di una società religiosamente neutrale e pluralista è umanistica, non biblica. Il Nuovo Testamento, così come l'Antico, richiede che i magistrati civili governinoministri di Dio (Romani 13: 1-4), seguendo il modello di codice di giustizia sociale che si trova nella Sua legge ispirata (Deuteronomio 4: 6-8; Isaia 51: 4; Salmo 2: 10-12; 119: 46; Proverbi 16 : 12; 20:26). Per essere saggi governanti che stabiliscono i loro troni sulla giustizia, serviranno Geova con timore e seguiranno la sapienza degli statuti di Dio rivelato a Mosè. La società umanista deve ancora dimostrare di avere un modo più saggio e più vantaggioso di affrontare i problemi sociali rispetto a quello di Dio, come la storia e l'esperienza presente rendono chiaro a tutti tranne che agli accecati ideologicamente. Si fa bene, di sfuggita, a riflettere sull'osservazione significativa che la nostra società attuale sta vivendo le sue più devastanti difficoltà sociali in connessione con azioni che sono crimini capitali secondo l'ispirata parola di Dio. Infrangere la legge di Dio significa essere infranti dalla legge di Dio. Se rifiutiamo la luce, ci consegniamo a inciampare nell'oscurità.

Pertanto, tentando di essere coerente con i tratti distintivi fondamentali riformati della teologia, l'etica teonomica è portata ad approvare l'intera legge di Dio per tutti i settori della vita, comprese le sanzioni penali della legge per la giustizia penale. È tutt'altro che nuovo essere portati a queste conclusioni. Saldamente radicata nella tradizione riformata è la convinzione che il codice penale di Dio per le società non sia diventato obsoleto, invalidato o ingiusto nell'era cristiana. Senza queste sanzioni il magistrato non sarebbe lasciato senza una direzione positiva riguardo alla sua funzione chiave di punire i malfattori. Robert Dabney ha correttamente sottolineato che i precetti della legge di Dio "guidano le leggi secolari, e quindi gettano le basi per una società civile sana", e per Dabney che ovviamente includeva le sanzioni penali della legge,[85]

Questa prospettiva è stata ripetutamente sostenuta tra le fila dei teologi riformati sensibili alla necessità di riforme sociali e giustizia pubblica. A dire il vero, gli scrittori riformati nel corso dei secoli non sono sempre stati totalmente d'accordo tra loro; ci sono stati coloro che hanno assunto una visione più denigratoria o negativa della legge giudiziaria e delle sue sanzioni penali rispetto a quelle menzionate in questo capitolo. Per questo motivo mi rifiuto di usare frasi così fuorvianti che si trovano nelle attuali polemiche come "il consenso storico dei teologi riformati" e "la corrente principale del pensiero riformato" - entrambe le quali sono individuate da coloro che ne parlano attraverso il processo di alterazione delle prove.chiunque ha una familiarità con le prove che sono sufficientemente dettagliate nelle fonti primarie e sufficientemente complete nella portata per dare un giudizio credibile sul "consenso" o "corrente principale" del pensiero riformato. Di conseguenza, il mio punto è semplicemente che la prospettiva teonomica sull'attuale validità delle sanzioni penali dell'Antico Testamento non è nulla di sorprendentemente nuovo per la storia del pensiero riformato. [86]

John Calvino, nonostante le dichiarazioni vacillanti o ambigue all'inizio della sua carriera, era uno di questi sostenitori. Potremmo aspettarcelo, dato l'atteggiamento di Calvinoo verso la legge di Dio. Disse: "Un perfetto modello di giustizia si trova nella legge" che è la nostra "unica regola eterna e immutabile per cui vivere"; la legge non era limitata all'età dell'Antico Testamento, "perché è applicabile a ogni epoca, anche alla fine del mondo" ( Institutes of the Christian Religion 2: 7: 13). Contro coloro che negavano un obbligo permanente alla legge dell'Antico Testamento, Calvinoo fece appello a Matteo 5: 17-18, dicendo che Cristo "conferma sufficientemente che con la sua venuta nulla sarà tolto dall'osservanza della legge ...Istituti 2: 7:14). Per Calvinoo gli standard della legge dovevano essere rispettati anche dallo stato civile. Nella Confessione francese del 1559, ad esempio, scrisse: "Dio mise la spada nella mano dello Stato per resistere non solo ai peccati contro il secondo ma anche contro il primo tavolo della legge" - una prospettiva trovata anche negli Istituti (4:20: 9). Questa visione del dovere del magistrato è in contrasto con l'opinione pluralistica odierna secondo cui la libertà di religione impedisce al magistrato di far rispettare la legge di Dio, in particolare i suoi primi quattro comandamenti. Per proteggere la comunità da uomini ingiusti era, ritenuto Calvinoo, una delle principali funzioni della legge ( Institutes 2: 7: 10). In modo corrispondente, uno scopo stabilito del governo civile per lui era quello di formare "il nostro comportamento sociale alla giustizia civile" (4: 20: 2). Così Calvinoo dichiarò: "Approvo un'amministrazione civile che mira a impedire che la vera religione contenuta nella legge di Dio venga apertamente e con pubblico sacrilegio violata e contaminata impunemente" ( Istituti 4: 20: 3).

Nel 1554 Calvinoo pubblicò una difesa dell'azione di Ginevra contro il bestemmiatore Serveto, un'azione per la quale Calvinoo è tanto noto quanto per la sua dottrina della predestinazione. Riassumendo la difesa di Calvinoo, Philip Schaff scrisse: "L'appello di Calvinoo per il diritto e il dovere del magistrato cristiano di punire l'eresia con la morte, si regge o cade con la sua teoria teocratica e l'autorità vincolante del codice mosaico. I suoi argomenti sono tratti principalmente dal leggi contro l'idolatria e la blasfemia "( Storia della Chiesa cristiana VIII). Nella sua DefensioCalvinoo afferma apertamente: "Chiunque ora sosterrà che è ingiusto mettere a morte eretici e bestemmiatori, consapevolmente e volontariamente incorrerà nella loro stessa colpa. Questo non è stabilito dall'autorità umana; è Dio che parla e prescrive un governo perpetuo ... "Gli insegnamenti di Calvinoo (ad esempio, argomentando dalla legge giudiziaria come se fosse costantemente autorevole) e le azioni di Calvinoo (ad esempio, mettendo in pratica anche le sanzioni penali della legge) manifestano che era molto più vicino a un punto di vista teonomico che a uno che lo contraddice. (Va notato qui, per evitare idee sbagliate, che la maggior parte degli scrittori teonomici odierni sarebbe in disaccordo con il punto di vista secondo cui la legge dell'Antico Testamento insegna che l'eresia dovrebbe essere punita con la morte;

Il trattamento più ampio ed esplicito di Calvinoo della legge dell'Antico Testamento si trova nei suoi Commentari sugli ultimi quattro libri di Mosè, disposti in forma di armonia . Nel 1563, appena un anno prima della sua morte, Calvinoo terminò il suo commento sull'armonia dell'Esodo-Deuteronomio. Ben presto divenne una delle sue opere più rispettate, riflettendo un pensiero chiaro e maturo sulla legge di Dio data tramite Mosè (sebbene oggi sia stata trascurata da molti). In quest'opera Calvinoo si espresse apertamente e persino con audacia a favore delle sanzioni penali dell'Antico Testamento - l'ultimo passo nell'elaborazione delle convinzioni teonomiche di base. Per esempio, ha affermato, "La pena capitale deve essere decretata contro gli adulteri" ( Commentarioin Deuteronomio 13: 5). Altrove aggiunge: "Sembra quanto Dio abomini l'adulterio, poiché denuncia la pena capitale contro di esso ... La fede coniugale dovrebbe essere ritenuta troppo sacra per essere violata impunemente" ( Commentario in Deuteronomio 22:22). Nella sua Defensio Calvino considerava i cristiani che rifiutavano la sanzione penale contro i bestemmiatori, il "governo perpetuo" di Dio, come incorrere nella loro colpa. Era altrettanto duro con i dissidenti delle sanzioni penali dell'Antico Testamento nel suo commento all'armonia.

Per la legge universale dei Gentili, l'adulterio veniva sempre punito con la morte; pertanto è del tutto vile e più vergognoso nei cristiani non imitare almeno i pagani. L'adulterio è punito non meno severamente dalla legge giuliana che da quella di Dio; mentre quelli che si vantano del nome cristiano sono così teneri e negligenti, che visitano questa esecrabile offesa con un rimprovero molto leggero, ( Commentario a Deuteronomio 22:22).

Calvinoo ha immediatamente menzionato coloro che tentano di "abrogare la legge di Dio" facendo appello (falso) alla venuta e all'esempio di Cristo. La conclusione di Calvino fu che "il loro allentamento della pena è derivato da una grave ignoranza". Altrove Calvinoo prese una posizione altrettanto ferma a favore della pena mosaica per il crimine di sovvertimento all'apostasia: "In un sistema politico ben costituito, gli uomini profani non sono affatto da tollerare" ( Commentarioin Deuteronomio 13: 5). Parlando di alcuni che si opposero alla sanzione penale della legge, Calvinoo continuò a dire: "Dio comanda che il falso profeta sia messo a morte ... Qualche mascalzone o altro guadagno lo dice, e si mette contro l'autore della vita e della morte. Che insolenza. è questo!" È evidente dalla discussione di Calvinoo in questo luogo che egli credeva che se Dio avesse pronunciato la pena capitale anche una volta contro qualche crimine, non poteva essere arbitrariamente messo da parte dai magistrati odierni.

Qual è il significato di questa follia, nell'imporre una legge a Dio, che non dovrebbe servirsi dell'obbedienza dei magistrati a questo riguardo? E a cosa serve mettere in discussione la necessità di ciò, poiché a Dio piace? ... È superfluo sostenere con argomenti, quando Dio ha pronunciato una volta la Sua volontà, perché dobbiamo attenerci al Suo decreto inviolabile ( Commentario a Deuteronomio 13:15).

I sermoni di Calvinoo sul libro del Deuteronomio confermano ulteriormente la sua difesa della conclusione teonomica che le sanzioni penali della legge di Dio sono autorevoli e vincolanti per i magistrati civili oggi.

L'amico e collega riformatore di Calvino, Martin Bucero, ha scritto un intero capitolo per il suo libro, de Regno Christi , sul tema delle pene civili per crimine da una prospettiva cristiana. Scrivendo a Edoardo VI, Bucero disse questo a proposito della "Modifica delle pene":

È certamente dovere di tutti i re e principi che riconoscono che Dio li ha posti al di sopra del suo popolo che seguano con la massima diligenza il suo metodo per punire i malfattori ... Per quanto riguarda la sostanza e il fine appropriato di questi comandamenti civili mosaici, e specialmente quelli che prescrivono la disciplina che è necessaria per l'intero Commonwealth, chiunque non ritenga che tali comandamenti debbano essere osservati coscienziosamente non attribuisce a Dio né la suprema saggezza né una giusta cura per la nostra salvezza ... E così chiunque decide che questi misfatti di empietà e malvagità debbano essere allontanati o allontanati dalla comunità dei cristiani con pene più mitigate della morte, si rende necessariamente più saggio e più amorevole di Dio per quanto riguarda la salvezza degli uomini.

La completezza dell'impegno teonomico di Bucero si rivela nel suo appello diretto al Re: "Vostra Maestà dimostrerà la sua fiducia e il suo zelo per governare il Commonwealth in modo santo per Cristo il Signore, il nostro Re celeste, se per ogni singolo crimine, misfatto, o offesa stabilisce e impone quelle pene che il Signore stesso ha sanzionato ". Ebrei 2: 2 ci assicura che ogni trasgressione e offesa ha ricevuto una giusta ricompensa di ricompensa secondo la legge dell'Antico Testamento, e di conseguenza l'appello abbastanza appropriato di Bucero potrebbe essere rivolto a tutti i governanti civili oggi.

Heinrich Bullinger considerava le leggi giudiziarie riguardanti la politica civile e la punizione come un commento alla seconda tavola del Decalogo, e così universalmente vincolanti da essere scritte nei cuori degli uomini, anche se espresse più chiaramente attraverso la legge scritta di Mosè in modo che nessun uomo potrebbe scusarsene per ignoranza. Nella seconda confessione elvetica , Bullinger scrisse che l'intera volontà di Dio per ogni parte della vita era pienamente dichiarata nella legge in modo che non fosse mai permesso discostarsi da essa (XII). Parlando del magistrato, ha insegnato

Allo stesso modo, che governi il popolo, affidato a lui da Dio, con buone leggi, fatte secondo la Parola di Dio nelle sue mani, e guardi che nulla sia insegnato in contrasto ad essa ... Quindi estragga questa spada di Dio contro tutti i malfattori, le persone sediziose, i ladri, gli omicidi, gli oppressori, i bestemmiatori, le persone spergiurate e tutti coloro che Dio gli ha comandato di punire o addirittura di eseguire (XXX). 

Un altro riformatore di una certa statura, John Knox, aveva convinzioni simili e le sostenne in Scozia. Poiché vedeva l'autorità vincolante delle leggi giudiziarie di Mosè, disse il suo biografo Thomas McCrie, Knox sosteneva che l'idolatria poteva essere giustamente punita con la morte. Nel Primo Libro di Disciplina dove si esercitava la sua influenza, Knox parlava di leggi e costumi romanisti inventati dagli uomini e imposti alle coscienze degli uomini "senza l'espresso comando della parola di Dio". Sebbene non sia d'accordo con lui sul fatto che questa forma di idolatria sia quella che la legge punisce con sanzioni civili, Knox ha dichiarato: "Ogni mantenimento di tali abomini sarebbe punito con la spada civile". Il secondo libro di disciplina(1578) era ancora più esplicito. Nel primo capitolo leggiamo: 

Questo potere e la politica del kirk dovrebbero poggiare immediatamente sulla parola, come unica base di ciò ... essendo governati dalle sue leggi [di Cristo] ... Quindi la persona del magistrato dovrebbe essere soggetta spiritualmente al kirk .. .. I governanti spirituali dovrebbero richiedere al magistrato cristiano di ministrare la giustizia e punire i vizi .... I ministri non esercitano la giurisdizione civile, ma insegnano al magistrato come dovrebbe essere esercitata secondo la parola (I.11, 14, 17 , 21). 83 

Nel capitolo dieci, "Of the Office of a Christian Magistrate in the Kirk", il Book of Discipline protegge la separazione tra chiesa e stato, mentre nondimeno richiede ai magistrati di proteggere il regno di Cristo con leggi formulate in conformità con la parola di Dio.

Sebbene tutti i membri del kirk siano vincolati ognuno nella loro vocazione, e in base ad essa a far avanzare il regno di Gesù Cristo per quanto è in loro potere; ma principalmente Principi cristiani e altri magistrati, sono tenuti a fare lo stesso ... Per rendere le leggi e le costituzioni gradevoli alla parola di Dio ... senza usurpare nulla che non appartenga alla spada civile (X.2,8). [87]

La prospettiva insegnata da Calvino, Bucero, Bullinger e Knox era che l'autorità perpetua della legge di Dio si estendeva anche alle sue sanzioni penali.

Questa prospettiva è stata avanzata dai riformatori inglesi e dai puritani fino al tempo dell'Assemblea di Westminster. Nella sua "Dichiarazione dei dieci comandamenti", John Hooper scrisse che l'adulterio era giustamente punito con la morte "sia dalle leggi di Dio che dalle leggi dell'uomo, dei cristiani e dei gentili", citando Deuteronomio 22 e Levitico 24. Hugh Latimer, predicando davanti a Edoardo VI , proclamò che i predicatori dovevano esporre la direzione vincolante di Dio ai magistrati dalla legge di Mosè, e che i governanti dovevano quindi farla rispettare con la spada. Nel suo catechismo, Thomas Bacon ha indicato le sanzioni penali del codice mosaico come esemplari per i governanti civili di ogni epoca, affermando che è per "comandamento espresso" di Dio che dovremmo eseguire gli idolatri. Quando Thomas Cartwright ha approvato le leggi giudiziarie di Mosè (come abbiamo osservato in precedenza), ha sottolineato questo punto: "Ma per dire che qualsiasi magistrato può salvare la vita di bestemmiatori, idolatri sprezzanti e ostinati, omicidi, adulteri, persone incestuose e simili , che Dio con la sua legge giudiziaria ha comandato di essere messo a morte, lo nego completamente e sono pronto a provare, se ciò riguardasse questa domanda ". La validità delle leggi giudiziarie si vedeva particolarmente nelle giuste pene che prescrivevano per il crimine, e Cartwright era pronto a confutare un'opinione contraria. Quando William Perkins ha parlato del "

I puritani giunti in America nel diciassettesimo secolo portarono con loro questo stesso tipo di convinzioni, mettendole in pratica con la formazione di nuove comunità civili. Il principale teologo riformato dell'era generale, John Cotton, fu richiesto dal tribunale generale della colonia della baia del Massachusetts di redigere leggi in accordo con la parola di Dio per la nuova piantagione nel 1636. Ciò che consegnò alla Corte, il primo corpo di leggi inquadrato in America inglese, era Moses His Judicials, un documento che attingeva pesantemente e direttamente dalla legge dell'Antico Testamento di Mosè. In un documento di supporto che spiegava perché tali leggi dovrebbero essere osservate dalla nuova comunità ("How Far Moses 'Judicials Bind Mass."), Cotton distinse tra leggi giudiziarie temporanee (vale a dire, quelle che prefigurano semplicemente Cristo e quelle peculiari degli ebrei riguardo la terra di Canaan) e quelli perpetui. Questi ultimi erano ritenuti obbligatori, sosteneva Cotton, a causa della generale continuità della validità della legge nel Nuovo Testamento. Discutendo da Deuteronomio 4: 6,8 che queste leggi sono le più giuste (rispondendo alla giustizia di Dio), Cotton sosteneva che dovrebbero essere la nostra saggezza agli occhi dei miscredenti. Ha sottolineato che Dio non aveva dato altra rivelazione di tali leggi per governare un Commonwealth, e tuttavia Dio non permette l'illegalità nel governo della società. Inoltre, poiché Dio aveva posto i cristiani al posto degli ebrei, "siamo tanto legati alle loro leggi quanto a loro stessi". Se il magistrato giudica al posto di Dio nella società, allora Cotton ha detto, Dio lo farebbe giudicare secondo le leggi di Dio. Più avanti nel trattato Cotton affermò: 

Se era parte della miseria dei gentili essere alieni dal Commonwealth di Israele (Efesini 2:12), allora fa parte della felicità delle nazioni cristiane il fatto che siano soggetti alle leggi di quel Commonwealth di Israele. ... Cristo è il re della chiesa e del commonwealth ... Cristo è il capo di tutti i principati e poteri per la chiesa, e un giorno subordinerà tutti i regni alla chiesa.

Mentre Cotton perseguiva la stesura di una legge civile per il Massachusetts tenendo presenti le precedenti condanne, fu portato ad approvare le sanzioni penali della legge giudiziaria dell'Antico Testamento come vincolanti - un modello di riforma sociale, da attuare positivamente nella legge del moderno nazioni ogni volta che l'influenza della chiesa era abbastanza forte da incoraggiarla (come nella sua situazione). Così, nel capitolo VII di Moses, i suoi crimini giudiziari (o An Abstract of the Laws of New England ) sono elencati e includono: blasfemia, idolatria, stregoneria, falsa testimonianza intenzionale, profanazione del giorno del Signore, sedizione, essere un bambino ribelle che punisce i genitori , omicidio, adulterio, incesto, sodomia, bestialità, puttana e furto di uomini. Quando Thomas Shepard scrisse il suo trattato,La morale del sabato , e insegnava che l'equità delle leggi giudiziarie era perennemente vincolante per gli uomini (come notato prima), incluse le sanzioni penali in quella validità permanente: "quelle che salvaguardavano qualsiasi legge morale, (che è perpetua, ) sia con giuste punizioni che in altro modo, legano ancora moralmente tutte le nazioni ". Sebbene l'elenco dei crimini capitali appena fornito da Cotton sia tutt'altro che generalmente accettabile nel nostrosocietà secolare (dove l'influenza riformatrice della chiesa è ovviamente diminuita), Shepard ha parlato della sua età riformata e puritana, dicendo che "i dotti generalmente dubitano di affermare che i giudici di Mosè vincolano tutte le nazioni, fino a quando contengono qualsiasi equità morale in loro." Sembra quindi che questo tema teonomico sia stato tenacemente insegnato e sostenuto durante questo periodo puritano. Il corpo delle libertà di Nathaniel Ward(1641) è stato ratificato come il primo codice legale del Massachusetts. In it Ward, un pastore che ha goduto di dieci anni di profonda esperienza nel diritto londinese, ha specificato i crimini capitali nella sezione 94 e ha apposto per essi una giustificazione biblica; erano: idolatria, stregoneria, blasfemia, omicidio, bestialità, omosessualità, adulterio, furto di uomini, falsa testimonianza pericolosa per la vita, insurrezione. Elenchi simili (inclusi stupro e incorreggibilità negli adolescenti, oltre a specificare la restituzione per furto) appaiono nel Codice del Massachusetts (1648), nel New Haven Colony Records (per gli anni 1640), nelle descrizioni della colonia di Plymouth e nelle Leggi della provincia (1697 ). Attraverso tali vie i Puritani influenzarono le costituzioni di ciascuno degli stati coloniali.

La posizione puritana dei teologi riformati in Inghilterra e nel New England durante il periodo dell'Assemblea di Westminster e immediatamente precedente è stata provata, e possiamo vedere come si armonizza con le opinioni dei riformatori di prima e seconda generazione nel continente e in Inghilterra. Rispettabili scrittori di questa tradizione teologica erano abbastanza teonomici in prospettiva da approvare molte o tutte le sanzioni penali della legge giudiziaria dell'Antico Testamento, e furono anche espliciti nelle deliberazioni dell'Assemblea di Westminster. Un influente delegato scozzese all'Assemblea era George Gillespie. Nel 1644, le sue Proposte CXI riguardanti il ​​ministero e il governo della Chiesa è stato pubblicato, insegnando che la Bibbia dovrebbe essere vista come utile per dirigere il governo di una nazione e come istruire i magistrati sulle sanzioni penali per i crimini.

47 ... Una cosa è governare il Commonwealth e fare leggi politiche e civili; un'altra cosa per interpretare la parola di Dio, e fuori da essa per mostrare al magistrato il suo dovere, vale a dire, come dovrebbe governare il Commonwealth, e in che modo dovrebbe usare la spada ...

48. Poiché anche a questo scopo è utile la Sacra Scrittura, per mostrare qual è il modo migliore di governare un commonwealth, e che il magistrato, essendo ministro di Dio, può essere diretto da questa stella guida in modo tale da eseguire il parti del suo ufficio secondo la volontà di Dio e può essere perfettamente istruito in ogni opera buona ...

Nel suo tanto lodato volume del 1646, Aaron's Rod Blossoming , Gillespie - consapevole che c'erano alcuni dissidenti da parte dell'autorità civile della legge giudiziaria - dichiarò di essere sul lato teonomico della questione:

So che alcuni teologi sostengono che la legge giudiziaria di Mosè, per quanto riguarda le punizioni dei peccati contro la legge morale, l'idolatria, la bestemmia, la violazione del sabato, l'adulterio, il furto, ecc., Dovrebbe essere una regola per il magistrato cristiano; e che fosse più consultato.

Approvando l'equità prescritta dalle leggi giudiziarie dell'Antico Testamento come requisito perpetuo (come è stato mostrato in precedenza), gli Standard di Westminster sostenevano in tal modo l'autorità e l'uso delle sanzioni penali della legge, poiché quelle leggi giudiziarie contenevano molto di ciò che riguarda precisamente sulla risposta penale all'attività criminale. La Confessione al capitolo 19, sezione 4, indica Esodo 21-22: 29 per illustrare cosa significa per "varie leggi giudiziarie", e quel passaggio della Scrittura è pervaso di istruzioni penali (quasi una dozzina di casi di crimini capitali e lunghe istruzioni per restituzione e risarcimento).

Il fatto che gli Standard di Westminster insegnassero il dovere del magistrato di far rispettare le sanzioni civili contro le violazioni di ENTRAMBE le tavole della legge (cioè il linguaggio comune per i comandamenti 1-4 e 5-10) è reso evidente dal Catechismo più grande 99 e 108. "Noi siamo vincolato, secondo i nostri luoghi[ad esempio, governante civile], per fare in modo che [tutto ciò che è proibito o comandato a noi stessi] possa essere evitato o eseguito da altri "(99), nel qual caso il magistrato deve esercitare il suo ufficio in modo da promuovere l'obbedienza alla stessa legge - Legge di Dio - che lo lega personalmente. Poiché "tollerare una falsa religione" è un peccato secondo il Catechismo più grande (108), il magistrato ha il dovere di rimuovere le false religioni; il Catechismo afferma, riguardo all'idolatria e alla falsa adorazione, che il nostro dovere include "secondo il posto e la chiamata di ciascuno, rimuovendola". Sebbene il magistrato non abbia alcuna autorità spirituale o temporale che tocchi l'incredulità di un cittadino, ha la responsabilità di punire i miscredenti la cui malvagità trasgredisce questi confini sociali rivelati in entrambe le tavole della legge .

Il capitolo sul magistrato civile nella Confessione di fede di Westminster (XXIII) insegna che Dio stesso ha armato i magistrati civili con il potere della spada. Di conseguenza, il potere penale del governo civile non può essere esercitato in modo arbitrario, illegale o autonomo, poiché è "a tal fine [vale a dire, la Sua gloria e il bene pubblico]" che Dio ha armato lo Stato con l'autorità " per la punizione dei malfattori "(sezione 1). Ci sono restrizioni e con cui il magistrato deve utilizzare standard la spada. Il Catechismo più grande di Westminster130 ci dice che è peccato che i superiori "comandino cose illegali ... consigliandoli, incoraggiandoli ... [inferiori] in ciò che è male". A quel punto le citazioni scritturali del Catechismo indicano esempi di abusi magistrali del potere della spada , violando in ogni caso la legge di Dio. In effetti, il Catechismo indica che incoraggiare il male significa promuovere "cose ​​illegali" - ovviamente intendendo cose contrarie alla legge di Dio (poiché è la legge del magistrato che viene qui descritta come illegale). Allora, quando gli autori di Westminster insegnano che la spada del magistrato serve alla gloria di Dio punendo il malecoloro che agiscono, possiamo concludere che il magistrato nella prospettiva di Westminster debba punire i trasgressori della legge di Dio con la spada che Dio ha messo nelle loro mani. Questa inferenza è supportata dal capitolo XX, sezione 4, della Confessione, che afferma che coloro che mantengono pratiche contrarie alla legge di Dio interiormente rivelate a tutti gli uomini (cioè, "la luce della natura", citando Romani 1:32) , i principi morali del cristianesimo, o il potere della devozione "possono legittimamenteessere chiamato a rendere conto, e contro, da ... il potere del magistrato civile "(enfasi aggiunta). Il mandato biblico per questa posizione si trova dai teologi di Westminster nel divieto della legge di seduzione all'idolatria (Deuteronomio 13: 6 -12), il decreto di Artaserse per Esdra di nominare magistrati e giudici che faranno rispettare la legge di Dio e le sue sanzioni penali (Esdra 7: 23-28), e le riforme di Giosia e Asa secondo le disposizioni della legge di Dio .

Pertanto, data l'impostazione storica dell'insegnamento puritano sulle sanzioni penali della legge, data l'impostazione contestuale e di prova di tutti gli Standard di Westminster e data la stessa formulazione del capitolo pertinente, concludiamo che la visione di Westminster della spada del magistrato era che dovrebbe essere usato in accordo con la legge di Dio per punire le violazioni criminali della legge di Dio. I governanti civili dovrebbero onorare e sostenere le sanzioni penali della legge. Commentando il XXIII.1 della Confessione di fede di Westminster , AA Hodge ha detto:

I magistrati cristiani dovrebbero anche cercare nelle loro posizioni influenti di promuovere la pietà oltre che l'ordine ... mediante il riconoscimento esplicito di Dio e di Gesù Cristo "come Governante tra le nazioni"; e mediante l'emanazione e l'applicazione di tutte le leggi concepite nel vero spirito del Vangelo, toccando tutte le questioni su cui le Scritture indicano la volontà di Dio in modo specifico o in generale, e specialmente come toccanti questioni del giorno del sabato, il giuramento, matrimonio e divorzio, pene capitali , ecc. ecc. [88]

Gli autori della Confessione di fede e dei catechismi di Westminster hanno indicato la loro accettazione generale delle sanzioni penali della legge, non solo in ciò che hanno scritto, ma anche nella loro pronta citazione di quelle sanzioni della legge nelle loro scritturali impone questa sanzione penale], piuttosto dalla grossolanità delle fonti pagane che dai princìpi biblici. [89]

L'influenza riformata e puritana sulla moralità sociale e sul diritto civile si è protratta (debolmente) anche nel ventesimo secolo in America, dove si deve notare che molti stati hanno continuato per decenni a onorare e far rispettare la stipula della legge della pena capitale per i crimini oltre quella di omicidio di primo grado. È stato solo nelle ultime due generazioni che le forze "liberatrici" dell'umanesimo secolare sono riuscite ad abrogare la pena di morte per crimini come lo stupro e il sequestro di persona in molti o nella maggior parte degli stati. È un po 'scioccante sentire alcuni cristiani moderni ora sostenere che questa opposizione alle sanzioni penali della legge, e fino ad ora guidata e promossa da coloro con convinzioni di base extra-bibliche e anti-bibliche, è dopotutto la giusta e storicaanche l'atteggiamento della chiesa (che rappresenta il cristianesimo del Nuovo Testamento)! Purtroppo, una mente laica onnicomprensiva nella nostra cultura ha reso il passato riformato e puritano un motivo di imbarazzo per molti poiché è così imbarazzante e contro i tempi; ancora più purtroppo, alcuni hanno iniziato a fingere che questo passato non sia mai stato.

Nessuno può negare, ovviamente, che negli ultimi tre secoli si sia verificato un evidente cambiamento di prospettiva. La domanda che dovremmo porci è: in che misura i progressi nella divina esegesi biblica, intuizione e teologia hanno legittimato questo cambiamento di mentalità? Abbiamo imparato qualcosa dalla Scrittura che i puritani non conoscevano e che invalida la loro conclusione teologica generale sulle sanzioni penali della legge? Non sono a conoscenza di cosa sarebbe. Negli ultimi anni il centro storico-redentore della teologia biblica ha ricevuto una maggiore attenzione, certo, ma le domande che derivano da quell'approccio non erano sconosciute ai teologi del diciassettesimo secolo; e quando tutto è detto e fatto, i passaggi chiave che definiscono il carattere dello sviluppo storico-redentore (ad esempio, i testi che parlano del rapporto tra la vecchia e la nuova alleanza) non sono stati trascurati dai pensatori puritani, né gli studenti storici-redentori oggi possono presentare tale argomento in alcun modo se non all'interno della prospettiva definitiva di tali passaggi in ogni caso . Qualunque cosa sia nuova nei metodi o nelle conclusioni della teologia biblica storico-redentrice in quanto incide direttamente sull'autorità morale delle sanzioni penali della legge, sarà di carattere e origine biblica o extra-biblica. In quest'ultimo caso, è superfluo e senza autorità per un teologo riformato che è sposato al principio epistemologico del sola ScripturaSe è la prima, allora avremo bisogno di vedere qualche convincente esegesi dei testi biblici (e non semplici appelli all'etichetta di "teologia biblica storico-redentrice") per convincerci che i puritani si sbagliavano teologicamente. E in quel caso, siamo tornati alla domanda iniziale: abbiamo imparato qualcosa dalla Scrittura che i puritani non conoscevano e che orainvalida la loro conclusione teologica sulle sanzioni penali della legge? Se lo abbiamo fatto, nessun critico pubblicato di etica teonomica deve ancora farlo sapere in generale. L'osservazione del diciassettesimo secolo di Thomas Shepard è convincente: "i dotti generalmente dubitano di non affermare che i giudici di Mosè vincolano tutte le nazioni, nella misura in cui contengono una qualche equità morale in loro" - e per i puritani che includevano le sanzioni della legge insieme alle sue disposizioni. Poiché il carattere giusto di Dio rimane immutabile, le sanzioni penali della Sua legge manterrebbero, e dovrebbero aspettarsi, il loro carattere equo anche ai nostri giorni.

Conclusione

Gesù è il mio Salvatore dalla violazione della legge e dalla sua condanna. Gesù è anche il mio Signore , che dirige la mia nuova vita secondo la legge del Signore , che è immutata dall'Antico Testamento al Nuovo. Poiché Gesù è il Signore su tutti gli uomini e gli aspetti della vita, anche i governanti non credenti devono obbedire alla Sua parola. E secondo quella parola, Gesù non ha abrogato ma anzi confermato in un certo senso tutta la legge di Dio, rendendo perennemente valide anche per lo Stato anche le sanzioni penali . Questa è la mia confessione di fede teonomica applicata a una questione subordinata di riforma sociale. Molto prima di me, è stata data un'espressione più generale nella Confessione di fede di WestminsterÈ il risultato naturale e coerente delle premesse teologiche della fede Riformata, e mi sembra che goda del sostegno sostanziale di molte cose rivelate nella parola di Dio scritta. La mia convinzione riformata è che solo secondo gli standard della Scrittura questa prospettiva teonomica può essere stabilita - o confutata. E dato l'insegnamento preponderante della Scrittura, credo che l'onere o la prova ricada pesantemente su chiunque sostenga che alcune leggi dell'Antico Testamento non devono più essere onorate e obbedite nell'era del Nuovo Testamento, sia che si tratti di un teonomista che dice le leggi sul sacrificio o sulla terra promessa sono ora inoperanti o un non teonomista che insiste che le sanzioni penali della legge sono state abrogate. La nostra ipotesi deve essere la continuità morale (Matteo 5:19),

In conclusione, mi ritrovo ad essere pienamente d'accordo con l'introduzione dell'editore all'opera del divino di Westminster, Samuel Bolton, che tre secoli fa difese il posto della legge di Dio nel comportamento cristiano. L'editore dice giustamente:

Un'enfasi sbilanciata sulla grazia ha portato gli uomini a trascurare alcune delle varie funzioni della legge ... Grave e allarmante è l'attuale deterioramento della condizione morale della società. Per questo decadimento la Chiesa è in parte biasimevole, perché in quanto sale preservante della comunità, ha in gran parte perso il suo sapore. La teologia moderna ha disertato. Si è allontanata dagli antichi punti di riferimento e la società odierna raccoglie "la cosa malvagia e amara" che è l'inevitabile conseguenza. L'attuale teologia prevalente non è stata in grado di elevare la società e fermare il suo declino morale e, senza dubbio, una spiegazione di ciò è la sua incomprensione del posto della legge e la sua utilità al servizio del patto di grazia. La Chiesa ha bisogno di conoscere di nuovo la verità della dichiarazione di Bolton: ' La legge ci manda al Vangelo per la nostra giustificazione; il Vangelo ci manda alla legge per inquadrare il nostro modo di vivere ”.[90]

Preghiamo che l'Iddio dell'alleanza faccia di nuovo prevalere una visione elevata della Sua legge, in modo che, in vista di Gesù Cristo nel Suo ufficio regale, possiamo fiduciosamente e volentieri ripristinare anche l '"uso politico" della legge del Signore.

Note

[1] Il saggio che appare qui è una versione ampliata della mia risposta all'editore di The Presbyterian Journal, G Aiken Taylor, che ha pubblicato quattro discussioni critiche sulla posizione teonomica nei numeri del 13 settembre, 20, 20 novembre e 6 dicembre 1978. Il saggio è stato originariamente distribuito dalla sessione della St. Paul Presbyterian Church di Jackson , Mississippi, "nell'interesse di una discussione aperta in uno spirito di amore cristiano ... [e] per chiarire alcune delle questioni" (per citare la lettera di presentazione). L'ultima parte del saggio, in cui mi occupo direttamente della principale linea critica di Taylor, appare in un capitolo successivo di questo libro. Ho aggiunto qui del materiale che tratta del punto di vista di Taylor sulla pena di morte e ulteriori prove per la prospettiva teonomica nella storia del pensiero riformato. Un sommario molto breve di questa risposta è apparso come "L'Autorità della Legge di Dio" inThe Presbyterian Journal , vol. 37, n. 32 (6 dicembre 1978), pp. 9-12, 22-23.

[2] Meredith G. Kline, "Comments on an Old-New Error," Westminster Theological Journal , vol. 41, n. 1 (autunno 1978), pp. 173,174.

[3] John Murray, "The Nature of Sin," Collected Writings of John Murray , vol. 2 (Edinburgh: Banner of Truth Trust, 1977), pp.77, 78.

[4] J. Gresham Machen, Che cos'è la fede? (Grand Rapids: William B. Eerdmans, 1925), p. 142.

[5] Murray, "The Nature of Sin", p. 78.

[6] John Duncan, Colloquia Peripatetica , 2a ed. (Edimburgo: Edmonston & Douglas, 1870), pagg. 82, 84, 87; "Amore per la legge di Dio" in ricche spigolature dopo la vendemmia da "Rabbi" Duncan, ed. JS Sinclair (Londra: Charles J. Thynne & Jarvis, 1925), pp. 319-320.

[7] Robert L. Dabney, Lectures in Systematic Theology (Grand Rapids: Zondervan Publishing House, 1972 [1878]), p. 633.

[8] Ibid., P. 354.

[9] Ibid., P. 353.

[10] AA Hodge, The Confession of Faith: A Handbook of Christian Dottrine Expounding the Westminster Confession (London: Banner of Truth Trust, 1958 [1869]), p. 251.

[11] Samuel Bolton, The True Bounds of Christian Freedom (London: Banner of Truth Trust, 1964 [1645]), p. 71.

[12] John Murray, "The Pattern of Sanctification", Collected Writings of John Murray , vol. 2, p. 307.

[13] G. Aiken Taylor, "Theonomy and Christian Behaviour", The Presbyterian Journal , vol. 37, n. 20 (13 settembre 1978), p. 9b.

[14] AA Hodge, The Confession of Faith , p. 253.

[15] Ashbel Green, Lectures on the Shorter Catechism (Philadelphia: Presbyterian Board of Publication, 1841), II: 16.

[16] E. Erskine e J. Fisher, a cura di, The Westminster Assembly's Shorter Catechism Explained (Philadelphia: Presbyterian Board of Publication, 1753).

[17] Herman Bavinck, Our Reasonable Faith , trad. Henry Zylstra (Grand Rapids: Wm. B. Eerdmans, / 1909/1956), p. 490.

[18] Taylor, "Theonomy and Christian Behavior", p. 18b.

[19] John Murray, "The Christian Ethic", Collected Writings of John Murray I (Edinburgh: Banner of Truth Trust, 1976): 181.

[20] Taylor, "Theonomy and Christian Behavior", p. 10c.

[21] Ibid., P. 18b.

[22] Ibid., P. 10a.

[23] G. Aiken Taylor, "Not Under Law but Under Grace", The Presbyterian Journal 37 (20 settembre 1978): 10b.

[24] Cfr. Cornelius Van Til, Christian Theistic Ethics, In Defense of Biblical Christianity , vol. III (np: Fondazione den Dulk, 1971).

[25] Bavinck, Our Reasonable Faith , pp. 484,485.

[26] Dabney, Teologia sistematica , p. 357.

[27] Green, Shorter Catechism , II: 14, 15.

[28] Dabney, Teologia sistematica , p. 633.

[29] Ibid., P. 402.

[30] Taylor, "Theonomy and Christian Behaviour", p. 9c.

[31] Ibid., P. 10a.

[32] Dabney, Teologia sistematica , p. 636.

[33] Taylor, "Not Under Law", p. 10c.

[34] Ibid.

[35] Ibid., P. 10b.

[36] Ibid., P. 10c.

[37] Murray, "The Christian Ethic", p. 179.

[38] John Murray, Principles of Conduct: Aspects of Biblical Ethics (Grand Rapids: Wm. B. Eerdmans, 1957), p. 192.

[39] Murray, "Nature of Sin", p. 78.

[40] Taylor, "Not Under Law", p.

[41] "Nature of Sin", p. 78.

[42] Bavinck, Our Reasonable Faith , p. 489.

[43] Murray, "The Christian Ethic", p. 177.

[44] Taylor, "Theonomy and Christian Behavior", p. 10b, c.

[45] Carl FH Henry, Christian Personal Ethics (Grand Rapids: Wm. B. Eerdmans, 1957), p. 355.

[46] Carl FH Henry, Christian Personal Ethics (Grand Rapids: Wm. B. Eerdmans, 1957), p. 355.

[47] Bolton, True Bounds of Christian Freedom, pp. 208,209.

[48] ​​Da "La quattordicesima legge: la modifica delle pene", introdotto da Jack Sawyer, Journal of Christian Reconstruction V (Winter, 1978-198-79): 8-16

[49] Lettera CXIV, The Zurich Letters (Cambridge: University Press, 1842), pagg. 294ss.

[50] John Cotton, "How far Moses Judicials Bind Massachusetts", Transactions of the Massachusetts Historical Society , Seconda serie, XVI (ottobre 1902): 280-284 (ortografia moderna fornita).

[51] Ristampato come "An Abstract of the Laws of New England" (1641) in Greg L. Bahnsen, Theonomy in Christian Ethics (Nutley, New Jersey: Craig Press, 1977), pp. 558ss.

[52] John Cotton, A Discourse About Civil Government (Cambridge, 1663), pp. 14-15.

[53] Citato da James B. Jordan, "Calvinoism and 'The Judicial Law of Moses': A Historical Survey", Journal of Christian Reconstruction V (Winter, 1978-1979): 34.

[54] Ibid., P. 46.

[55] AA Hodge, Popular Lectures on Theological Themes (Philadelphia: Presbyterian Board of Publication, 1887 / recentemente ristampato da Banner of Truth Trust as Evangelical Theology / ), pp. 274-277 (enfasi aggiunta).

[56] Il materiale su questi autori riformati, da Bolton attraverso Hodge, è stato aggiunto qui al documento originale.

[57] Taylor, "Theonomy and Christian Behaviour", p. 18b.

[58] Green, Shorter Catechism, II: 10-11.

[59] Taylor, "Not Under Law", p. 10c.

[60] Ibid., P. 11a.

[61] Ibid.

[62] Murray, Principles of Conduct, pp. 150-154.

[63] Taylor, "Not Under Law", p. 11a.

[64] Bolton, True Bounds of Christian Freedom, p. 62.

[65] Bavinck, Our Reasonable Faith , pp. 488, 489 (corsivo aggiunto).

[66] Bahnsen, Theonomy in Christian Ethics , p. 313.

[67] Patrick Fairbairn, The Revelation of Law in Scripture (Grand Rapids: Zondervan Publishing House, / 1869/1957), pp. 97,99.

[68] Jordan, "Calvinoism and 'The Judicial Law of Moses'" e l'intero numero di The Journal of Christian Reconstruction V, no. 2: Symposium on Puritanism and Law (Winter, 1978-1979), da cui sono stati tratti la maggior parte dei seguenti esempi; anche FN Lee, "Christocracy" (Tallahassee, Florida: pubblicazione personale in "Jesus Lives" Monograph Series, nd). alcuni dei seguenti esempi non apparivano nel mio articolo originale.

[69] Bolton, True Bounds of Christian Freedom , p. 56.

[70] Murray, Principles of Conduct , p. 151.

[71] Taylor, "Theonomy and Christian Behaviour", p. 10c.

[72] La seguente discussione sulle sanzioni penali della legge è presa da una sezione successiva del mio articolo originale (oltre la dichiarazione di apertura della posizione teonomica) con modifiche e materiale supplementare.

[73] Taylor, "Theonomy and Christian Behavior", p. 18c.

[74] G. Aiken Taylor, "Capital Punishment", The Presbyterian Journal 37 (20 settembre 1978): 10a, b.

[75] Taylor, "Theonomy and Christian Behaviour", p. 18c.

[76] G. Aiken Taylor, "La pena capitale ... giusta e necessaria", Essays In the Death Penalty , ed. T. Robert Ingram (Houston: St. Thomas Press, 1963), pp. 45-54.

[77] Ibid., P. 47.

[78] Ibid., P. 50.

[79] Ibid., P. 51.

[80] Ibid.

[81] Ibid., P. 81.

[82] Ibid., P. 54.

[83] Ibid., P. 53.

[84] Ibid. (Enfasi originale)

[85] Dabney, Systematic Theology , pagg. 354, 407.

[86] Salvo diversa indicazione, gli esempi che seguono sono tratti da The Journal of Christian Reconstruction V, no. 2, esp. pp. 8-96; sono stati menzionati in modo abbreviato nel mio articolo originale.

[87] Riprodotto come appendice a Stuart Robinson, The Church of God (Philadelphia: Joseph M. Wilson, 1858).

[88] AA Hodge, The Confession of Faith , p. 295 (enfasi aggiunta).

[89] Dabney, Systematic Theology , pp. 407-408.

[90] Bolton, True Bounds of Christian Freedom , pp. 10-11.