I “quattro cavalieri dell’Apocalisse” dell’attuale crisi dell’Occidente

di Dennis Prager, 09 giu 2020

Dennis Prager, apprezzato commentatore americano, sulla scia delle grandi e pretestuose manifestazioni “antirazziste” che dilagano oggi in molti paesi, mette in rilievo come siano quattro “i cavalieri dell’apocalisse” che stanno portando la civiltà occidentale al collasso: vittimismo, demonizzazione, una causa per cui combattere, e le menzogne ampiamente diffuse e credute da molti. Sono i venefici rigurgiti del post-modernismo e dell’ideologia della “correttezza politica”. Non c’è dubbio che quanto Prager qui scrive farà indignare coloro che ritengono di essere “progressisti” (si indignano facilmente), ma possiamo solo pregare e sperare che qualcuno di essi cominci a riflettere. Ad un certo punto il Prager dice che le ideologie riempiono il vuoto lasciato dalla “fine del cristianesimo”. Di fatto, tale “fine del cristianesimo” è stata ed è provocata dalle chiese stesse che hanno rinunciato a vedere la loro fede come progetto politico ritirandosi “nel privato” o nel semplice assistenzialismo, piegandosi agli abili inganni del laicismo. Il cristianesimo non “finirà”. Finiranno le chiese che compromettono la loro fede assoggettandosi allo spirito dei dominatori di questo mondo. (P.C.)

Ci vuole molto per costruire una civiltà, e sebbene sia molto più facile distruggere una civiltà, ci vuole molto anche per farlo. Ma ora abbiamo quattro radici del male che sono garantite per farlo.

 N. 1: Vittimismo 

Il primo è il vittimismo [1]. Più persone si considerano vittime – come individui o come gruppo – più è probabile che commettano il male. Le persone che si considerano vittime ritengono di essere state vittime di convenzioni morali normali, in particolare le convenzioni morali dei loro presunti o veri oppressori.

Tutti sanno che questo è vero. Ma pochi affrontano questa verità. Ogni genitore, ad esempio, sa che il bambino che pensa a se stesso come una vittima perpetua è il bambino che ha maggiori probabilità di causare e mettersi nei guai. E i criminologi riferiscono che quasi tutti gli assassini in prigione pensano di essere una vittima.

Su scala sociale, lo stesso vale – ed essendo su scala così grande, le probabilità che il male reale che ne deriva sono aumentate esponenzialmente. Uno degli esempi più ovvi è la Germania dopo la prima guerra mondiale. La maggior parte dei tedeschi si considerava vittima del Trattato di Versailles; di un governo tedesco “pugnalato alle spalle”; degli inglesi, americani e francesi; e, naturalmente, degli ebrei. Questo senso di vittimismo è stato uno dei fattori più importanti nella popolarità dei nazisti, che hanno promesso di ripristinare “la dignità” tedesca.

Che milioni di neri americani si considerino vittime – probabilmente più oggi che in qualsiasi momento negli ultimi 50 anni – non può che portare al disastro per l’America in generale e per i neri in particolare. Mentre le vittime generalmente si sentono libere di sfidare gli altri, vivono anche arrabbiate e infelici.

 N. 2: Demonizzazione 

Il secondo dei quattro ingredienti di questo brodo delle streghe che distrugge la civiltà è la demonizzazione – demonizzando un gruppo come intrinsecamente malvagio. Questo è stato fatto ora per quanto riguarda i bianchi d’America. Tutti – di nuovo, tutti – i bianchi sono dichiarati razzisti. L’unica differenza è che alcuni lo ammettono e altri lo negano. L’idea che i bianchi siano intrinsecamente malvagi è stata a lungo associata a Louis Farrakhan. Ma a quanto pare è emigrato dal suo seguito relativamente piccolo a molti neri, anche quelli che potrebbero considerare Farrakhan un kook. L’ex presidente Barack Obama, a malapena un seguace di Farrakhan, ha descritto l’America con il razzismo nel suo DNA. Ciò è il più vicino possibile al male intrinsecamente e irrimediabilmente; non puoi cambiare il tuo DNA.

In tal senso, non solo i bianchi vengono demonizzati, ma anche l’America. A differenza dei liberali tradizionali, la sinistra considera l’America come un pozzo nero morale – non solo razzista ma, secondo il New York Times, fondato per esserlo. Il New York Times ha creato una storia americana che dichiara la sua fondazione non nel 1776 ma nel 1619, quando arrivarono i primi schiavi neri. La Rivoluzione americana fu combattuta, secondo questa narrativa malefica, non solo per l’indipendenza americana ma per preservare la schiavitù, una pratica con cui gli inglesi avrebbero interferito. Questa “storia” verrà ora insegnata in migliaia di scuole americane.

La combinazione di vittimismo e demonizzazione da sola è abbastanza pericolosa. Ma ci sono ancora altri due cavalieri al galoppo verso l’incombente apocalisse.

 N. 3: Una causa in cui credere 

La maggior parte degli americani nella storia americana ha trovato un grande significato nell’essere americani e nell’essere religiosi – di solito cristiani. Dalla seconda guerra mondiale, abbiamo vissuto in un’era post-cristiana e post-nazionalista. Fino a poco tempo fa, gli americani avrebbero trovato l’espressione “per Dio e il Paese” profondamente significativa; quel termine oggi, a sinistra, è risibile ed esecrabile.

Ma le persone hanno bisogno di qualcosa in cui credere. Il bisogno di significato è il più grande bisogno umano dopo il bisogno di cibo. La sinistra, con tutti i suoi derivati – femminismo, ambientalismo, Black Lives Matter, antifa – ha colmato quel vuoto. In Europa, comunismo, fascismo e nazismo riempirono il buco lasciato dalla fine del nazionalismo e del cristianesimo. Qui è la sinistra e i suoi derivati.

 N. 4: Menzogne 

Il quarto e più importante ingrediente necessario per il male sono le menzogne. Le bugie sono la radice del male. Ironia della sorte, la schiavitù stessa è stata resa possibile solo dalla menzogna che il nero era inferiore al bianco. Il nazismo fu reso possibile grazie alla menzogna che gli ebrei non fossero pienamente umani. E il comunismo si basava su bugie. Lenin, il padre del comunismo sovietico, chiamò il giornale comunista sovietico “La Verità” (“Pravda”) perché la verità era ciò che il Partito comunista diceva d’essere.

La verità oggettiva non esiste a sinistra. Le università hanno già dichiarato “verità oggettiva” essenzialmente come espressione di “privilegio bianco”. Guardate cosa succede a uno studente che dice in classe, ad esempio, che “gli uomini non possono partorire”.

L’auto-declassamento pubblico richiesto a chiunque differisca dalla sinistra – come ha fatto il quarterback di New Orleans Saints, Drew Brees, quando ha detto che non sostenendo l’inno nazionale ha profanato la bandiera e coloro che sono morti per essa – accade quasi ogni giorno. L’unica differenza tra questo e ciò che i dissidenti hanno subito durante la Rivoluzione Culturale di Mao è che l’auto-degradazione qui è volontaria – finora.

La scorsa settimana, quando questo ebreo ha visto un negozio a Santa Monica con un cartello che diceva “affari di proprietà dei neri” per evitare di essere distrutto, ha evocato ricordi agghiaccianti.

Oggi in America siamo arrivati proprio a questo punto.

Dennis Prager è conduttore e editorialista di talk show radiofonici e sindacati a livello nazionale. Il suo ultimo libro, pubblicato da Regnery a maggio 2019, è “La Bibbia razionale”, un commento sul libro della Genesi. Il suo film “No Safe Spaces” è arrivato nei cinema nell’autunno del 2019. È il fondatore della Prager University e può essere contattato su dennisprager.com.

https://townhall.com/columnists/dennisprager/2020/06/09/the-four-horsemen-of-americas-apocalypse-n2570287

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*