Quando Dio fa visita ai suoi amici (Genesi 18:1-15, 21:1-7)

Per tanti, Dio, nella migliore delle ipotesi, non è che un’astrazione impersonale. Ecco perché si fanno degli idoli pensando che siano più vicini a loro. Per il popolo di Dio, ieri ed oggi, per coloro che l’Evangelo di Gesù Cristo chiama alla riconciliazione ed alla comunione con Dio, però, Egli diventa come un vero amico che li visita, si relaziona con loro e se ne prende cura. Come il patriarca Abrahamo che”credette a Dio, e ciò gli fu imputato a giustizia»; e fu chiamato amico di Dio” (Giacomo 2:23). Lo considereremo quest’oggi.

L’arrivo di ospiti è tipicamente occasione per rimettere ordine in casa, cosa che normalmente si trascura. “Togli quella roba dal pavimento, metti via le scarpe, vestiti, qualcuno controlli il bagno, metti fuori il cane,…”- quel genere di cose. E la ragione di tutto questo clamore è perché questi ospiti – chiunque essi siano – sono persone importanti per te. Vogliamo che tutto sia a posto in parte perché vogliamo che sentano che siamo contenti che siano venuti e in parte perché vogliamo dare una buona impressione. Ci sono solo alcuni ospiti per cui stendiamo davvero “un tappeto rosso”, per così dire.

Nel testo della Bibbia che consideriamo oggi, il patriarca Abrahamo riceve la visita di ospiti – solo che lui non aveva idea che stessero arrivando! Allora faceva caldo, ma eccolo attivo e indaffarato, cercando di prendersi cura di questi visitatori molto importanti che sono apparsi così misteriosamente nella sua tenda. 

Leggiamo il testo:

“L’Eterno e altri due angeli visitano Abrahamo. “L’Eterno apparve ad Abrahamo alle querce di Mamre, mentre egli sedeva all’ingresso della tenda durante il caldo del giorno. Abrahamo alzò gli occhi ed ecco, tre uomini stavano in piedi accanto a lui. Appena li vide, corse loro incontro dall’ingresso della tenda, si prostrò fino a terra e disse: «Signor mio, se ho trovato grazia davanti a te, ti prego non passare senza fermarti dal tuo servo! Deh, lasciate che si porti un po’ d’acqua, affinché possiate lavarvi i piedi, e riposatevi sotto questo albero. Io andrò a prendere un pezzo di pane, così potrete rinfrancare il vostro cuore; poi proseguirete il vostro cammino, perché per questo siete passati dal vostro servo». Quelli dissero: «Fa’ come hai detto». Allora Abrahamo andò in fretta nella tenda, da Sara, e le disse: «Presto, prendi tre misure di fior di farina, impastala e fanne delle focacce». Poi Abrahamo corse all’armento, scelse un vitello tenero e buono, lo diede a un servo, e si affrettò a prepararlo. Prese poi della cagliata, del latte e il vitello che aveva preparato, e li pose davanti a loro; mentre essi mangiavano, egli rimase in piedi accanto a loro, sotto l’albero. Poi essi gli dissero: «Dov’è Sarah tua moglie?». Abrahamo rispose: «È là nella tenda». Ed egli disse: «Tornerò certamente da te l’anno prossimo a questo tempo; ed ecco, Sarah tua moglie avrà un figlio». E Sarah ascoltava all’ingresso della tenda, che era dietro di lui. Or Abrahamo e Sarah erano vecchi, di età avanzata, e Sarah non aveva più i ricorsi ordinari delle donne. Perciò Sarah rise dentro di sé, dicendo: «Vecchia come sono, avrei io tali piaceri, dato che il mio stesso signore è vecchio?». E l’Eterno disse ad Abrahamo: «Perché mai ha riso Sarah dicendo: “Partorirò io per davvero, vecchia come sono?”. Vi è forse qualcosa che sia troppo difficile per l’Eterno? Al tempo fissato, fra un anno, ritornerò da te, e Sarah avrà un figlio». Allora Sarah negò, dicendo: «Non ho riso», perché ebbe paura. Ma egli disse: «Invece, hai riso!». (…)  L’Eterno visitò Sarah come aveva detto; e l’Eterno fece a Sarah come aveva promesso. E Sarah concepì e partorì un figlio ad Abrahamo nella sua vecchiaia, al tempo stabilito, che DIO gli aveva detto. E Abrahamo pose nome Isacco al figlio che gli era nato, e che Sarah gli aveva partorito. Poi Abrahamo circoncise suo figlio Isacco all’età di otto giorni, come DIO gli aveva comandato. Or Abrahamo aveva cento anni, quando gli nacque suo figlio Isacco. E Sarah disse: «DIO mi ha dato di che ridere; chiunque lo udrà riderà con me». E disse pure: «Chi avrebbe mai detto ad Abrahamo che Sarah allatterebbe figli? Poiché io gli ho partorito un figlio nella sua vecchiaia»” (Genesi 18:1-15, 21:1-7).

La storia, finora, è che Abrahamo e la sua famiglia è quella di persone che sono state scelte per ricevere una particolare benedizione di Dio, una benedizione che è, in effetti, parte dell’adempimento di una promessa fatta risalire a Genesi 3:15 . Qual era quella promessa? Semplicemente che attraverso uno dei discendenti di Eva Dio alla fine avrebbe portato un liberatore che avrebbe schiacciato Satana e annullato le conseguenze del peccato e dalla morte.

Ecco così che viene tracciata la linea della benedizione attraverso Seth, Noè, Sem, e infine alla persona di Abrahamo. Abrahamo e il suo clan viene trasferito da un posto chiamato “Ur” nella terra che un giorno sarà data ai suoi discendenti – la Terra Promessa. Mentre vaga in questa terra, anche aspetta che Dio adempia una specifica promessa, quella di dargli un legittimo erede – in modo che la linea della benedizione potesse continuare e la promessa di Genesi 3:15 potesse avanzare verso il suo adempimento. Abrahamo si dimostra fedele – il più delle volte. Di sicuro si fida di Dio, anche se a volte le sue paure e i suoi dubbi prevalgono su di lui. Ma i dubbi e la mancanza di fiducia sono significativi e rendono le cose più complicate e difficili di quanto avrebbero potuto essere altrimenti.

Tuttavia, Dio rimane fedele alle sue promesse, anche quando Abrahamo e Sarah si dimostrano infedeli. In effetti, Dio sembra essere molto consapevole di quanto sia stato difficile per loro continuare a credere e fidarsi e così, con il passare del tempo e con ogni successiva rassicurazione della promessa sembra che Dio prenda misure straordinarie per riassicurarli e aiutarli a continuare a fidarsi e credere. Ora, però, Dio fa un altro passo per aggiungere un ulteriore elemento di sicurezza a tutto ciò che ha detto. Fa loro visita. In un gesto di amicizia senza precedenti, Dio arriva personalmente e inaspettatamente ad Abrahamo. A dire il vero, ha già parlato con Abrahamo, ed è “apparso” sotto forma di teofania – il fuoco e la torcia nel capitolo 15. Ma qui abbiamo Dio che visita il suo popolo in modo molto più personale – anzi , questo è l’approccio più personale di Dio che abbiamo visto finora nella Bibbia. Qui lo vediamo, per la prima volta, assumere forma umana.

Ora, perché Dio si avvicina ad Abrahamo in questo modo? Sembra che assuma questa forma in modo che possa avvicinarsi ad Abrahamo senza che Abrahamo sia spaventato dalla sua presenza. Prende forma umana e, così facendo, dimostra fino a che punto è disposto a relazionarsi in modo significativo con Abrahamo.

Tutto ciò ci ricorda che tutta questa faccenda, per Dio, non è solo un grande esperimento di creazione, sovranità, giustizia e misericordia. Questa cosa è personale. Dio si coinvolge personalmente in ciò che sta accadendo qui. Non sta solo spostando pezzi su una scacchiera. Non è un grande burattinaio che lavora con marionette senza vita che non significano nulla per lui e non hanno possibilità di relazioni reali. Questo è un essere personale Supremo che ha creato creature a sua immagine e le ha investite con la personalità – nel suo senso più vero – che potrebbe avere una vera relazione con loro. Che potesse amare ed essere amato. Dio non è solo il Creatore e il Signore di Abrahamo. Egli è “l’amico di Dio”.

Ora l’apparizione di questi tre estranei che – come sarà chiaro più avanti – è Dio e due angeli – ma l’apparizione di questi tre nella tenda di Abrahamo, come ci dice il testo, è stata piuttosto improvvisa e l’impressione data non è tanto che si sono avvicinati a distanza ma si siano semplicemente presentati. Tutto ciò sembra aver colto di sorpresa Abrahamo che, ci viene detto, era alla porta della sua tenda, nell’ora più calda del giorno. Senza preavviso, questi tre uomini sono davanti a lui. Abrahamo si rende improvvisamente conto di questo e si alza in piedi e, seppure anziano corre verso di loro! E si inchina davanti a loro e dice: “Signor mio, se ho trovato grazia davanti a te, ti prego non passare senza fermarti dal tuo servo!”.

Quando Abrahamo diventa consapevole della vera identità dei suoi visitatori? Quando si arriva alla fine del capitolo 18, è chiaro che Abraham lo sa. Ma qui all’inizio, le opinioni sono divise su quanto fosse sicuro dell’identità di questi tre “uomini”, come gli apparivano. A dire il vero, egli chiama uno di loro “Signore”, ma ciò non significa forse nulla. Potrebbe essere stato solo un titolo di rispetto che avrebbe potuto essere usato per rivolgersi a qualsiasi persona in visita che ritenevi avesse una certa importanza. D’altra parte, quando dice “se ho trovato favore ai tuoi occhi” – la parola per “tuo”, in ebraico, ha una forma singolare. In altre parole, chiaramente non li stava affrontando tutti ma ne aveva distinto uno a parte gli altri due. Ora, non sappiamo cosa lo distinguesse dagli altri, ma apparentemente c’era qualcosa nei suoi modi o aspetto che segnalava ad Abrahamo che uno di loro era chiaramente il capo, e quindi quello da affrontare. Quindi, potrebbe aver capito che era il Signore.

Ad ogni modo, Abrahamo corre da questi tre uomini, almeno pensando che fossero persone importanti. E li supplica di concedergli il privilegio di servirli e godersi la sua ospitalità. Accettano questo e Abrahamo si prepara a stendere il tappeto rosso. non fa loro mancare nulla: sono ospiti importanti, ed essi accettano la sua ospitalità.

Se ci fosse qualche dubbio nella sua mente fino a questo punto, sarebbe sicuramente stato cancellato quando il più importante dei visitatori alza lo sguardo dal pasto che sta godendo e chiede: “Dov’è Sarah tua moglie?” – che è una domanda interessante dato il fatto che questi uomini non hanno ancora incontrato o visto Sarah, né hanno mai visto Abrahamo prima. E non solo sanno che è sposato e sua moglie è ancora viva, conoscono il nome di sua moglie – e non solo, conoscono il suo nuovo nome – il nome che le è stato dato da Dio e che avrebbe usato solo per qualche settimana o giù di lì. Pertanto, questa domanda molto probabilmente conferma l’identità di questi estranei.

In precedenza Dio aveva promesso ad Abrahamo un erede, in diverse occasioni, ma senza specificare che proprio Sarai avrebbe dato alla luce un figlio. Quando Abrahamo ascolta per la prima volta questa promessa nel capitolo 17, la sua risposta è quella di scoppiare a ridere: in parte sorpresa, in parte gioia, in parte perplesso e in parte come mancanza di fede, senza dubbio, mentre lottava per capire come l’adempimento di quella promessa poteva ancora avvenire data la sua età e quella di sua moglie. Tuttavia, Dio gli assicura che le cose sarebbero accadute esattamente come aveva detto che avrebbero fatto, e poi lascia Abrahamo per eseguire il rituale di alleanza appena istituito della circoncisione.

Ora, questi tre visitatori, in uno dei quali Abrahamo riconosce il Signore, hanno rivelato di nuovo questa specifica promessa che Dio benedirà Sarah con un figlio. Tuttavia, questa volta non è solo Abrahamo presente ad ascoltare la promessa. Anche Sarah è lì, anche se, come dice il testo, è nascosta alla vista, dentro la tenda. E ora tocca a lei ridere, cosa che fa, ma in silenzio, tra sé e sé. A giudicare dal modo in cui Sarah reagisce qui, essa sembra scioccata, sconcertata e dubbiosa come lo fu Abrahamo quando sente questa affermazione nel capitolo 17. In Inoltre c’è da chiedersi se forse Abrahamo avesse scelto di non condividere quella particolare rivelazione con lei. Non si sa. Tuttavia, la sua reazione di shock e incredulità qui mi sembra un po ‘troppo forte se suo marito avesse effettivamente condiviso questa recente rivelazione con lei. In ogni caso, c’è una forte reazione qui da parte di Sarah. Inoltre, la risposta immediata da parte del Signore è altrettanto forte e, allo stesso tempo, l’ennesimo indicatore dell’identità divina di questi visitatori. Perché la risata di Sarah non era stata solo per se stessa – come dice il testo – ma era avvenuta quando era nascosta alla vista. Eppure il Signore è pienamente consapevole di tutto ciò che lei sta dicendo e pensando. E la chiama fuori, e pone la domanda retorica: “C’è forse qualcosa di troppo difficile per il Signore?”, dopo di che riafferma ciò che ha già detto – che Sarah avrà un figlio, entro dodici mesi.

E’ molto probabile che Sarah non abbia capito immediatamente esattamente chi fossero questi visitatori al loro primo arrivo. Ora, tuttavia, sicuramente è arrivata alla stessa consapevolezza di Abrahamo: che questo è il Signore tra loro. E quando lo fa, è legittimamente spaventata e forse, inorridita, di aver appena riso del Signore e poi – in tipico modo umano – aggrava i suoi problemi seguendo il suo comportamento irrispettoso con una BUGIA completa, sostenendo di non aver mai riso…

Certo, Dio non sembra esserne infastidito Certamente, sarebbe stato completamente giustificato nel fare molto di più che rimproverarla, ma invece la perdona con molta grazia, rendendo ancora una volta evidente che le sue promesse e fedeltà a questa fragile coppia non sono fondate sulla loro dignità personale o sul loro impegno con lui, ma sono fondati su qualcosa di più certo di quello.

Sicuramente, un giorno, queste descrizioni della fedeltà di Dio nonostante la fragilità e la bontà dei loro antenati sarebbero state abbastanza rassicuranti per loro poiché avevano esibito gli stessi tratti e le stesse risposte a Dio negli anni dei loro vagabondaggi nel deserto. Dio non si era arreso con Abrahamo e Sara, non si sarebbe arreso nemmeno con loro. Inoltre, avrebbero visto di nuovo la conferma che sarebbero stati i discendenti di Sarah – cioè Isacco e seguenti – a ricevere le benedizioni e le promesse del patto di Dio. Pertanto, queste cose li avrebbero aiutati ad avere coraggio ed essere fedeli. 

Per te e per me, anche l’esempio della fedeltà di Dio alle sue promesse è una realtà confortante. Sicuramente, se siamo onesti sui nostri cuori, dobbiamo dire che il nostro registro di risposta a Dio è macchiato e incoerente come quello di Abrahamo e Sara. Questo schema che abbiamo visto in loro – un momento fidandoci di Dio – il momento successivo apparentemente incapace di farlo – quel modello sicuramente non può non essere familiare a nessun cristiano. Dio sarà meno paziente con noi di quanto non fosse con loro? Il suo amore verso il suo popolo – oggi verso i discendenti del credente Abrahamo – è forse l’amore meno commesso? Sicuramente no.

Inoltre, ripensaci a questa situazione che ha dovuto affrontare Abraham e Sarah – da un lato la promessa di un figlio – e dall’altro – una situazione umana che sembrerebbe rendere impossibile l’adempimento di quella promessa, l’età molto avanzata della coppia. Come sarà possibile? “C’è qualcosa di troppo difficile per il Signore?”

Il problema qui è di prospettiva. Guardando se stessi, Abrahamo e Sarah non potevano fare altro che pensare che semplicemente non poteva accadere. Tuttavia, guardare solo a se stessi sarebbe la cosa sbagliata da fare. Sarebbe da tralasciare la parte più importante dell’equazione: Dio. Il fattore determinante per sapere se qualcosa sarebbe stato realizzato o no non era loro, ma Dio. La domanda non era: è troppo difficile per Abraham e Sarah? La risposta è ovvia. La domanda è: “È troppo difficile per Dio?”. 

Tutto questo ci rammenta il momento in cui Gesù era fuori con i discepoli e c’era un’enorme folla di persone che si era radunata intorno per ascoltare Gesù, ed era quasi alla fine della giornata e la gente aveva fame, e non c’era cibo a loro disposizione lì dove si trovavano. I discepoli erano tutti preoccupati per questo e volevano che Gesù congedasse le folle affinché potessero rifocillarsi. Cosa fa Gesù? Con pochissino da mangiare a disposizione sarebbe stato “impossibile” saziare tutti. Gesù allora prende cinque pani e due pesci, alza gli occhi al cielo e guarda le cose da una prospettiva completamente diversa, quella di Dio. Dare da mangiare a tutti quel giorno era umanamente impossibile, ma non se ci rivolgiamo a Dio.

E’ tutta una qiuestione di prospettiva. Dobbiamo rammentarc quando ti trovamoi in uno di quei luoghi difficili, quando ci troviamo in uno di quei posti in cui non riesci a vedere come – umanamente parlando – le cose andranno bene – si tratta di credere che niente sia troppo difficile per il Signore. Si tratta di ricordare le sue promesse che ancora oggi appartengono al suo popolo- che non le lascerà o abbandonerà mai, che nulla può separarci dal suo amore, che lavora tutto insieme per la sua gloria e il suo bene – si tratta di credere di essere in grado mantenere – su ogni singola promessa, ogni singola volta. Si tratta di guardare in alto, invece di guardare in basso. Riguarda la prospettiva. Una prospettiva che non crede che nulla sia troppo difficile per il Signore. Ci sono molte cose che il Signore non farà. Ma non c’è niente che non possa fare. Ci deve essere un momento nella nostra vita in cui ci guardiamo e diciamo: “Non so come Dio lo farà. Tuttavia, credo che possa farlo”.

Infine, c’è un’altra cosa da notare qui: questa idea dell’amicizia di Dio. Come abbiamo già visto, venendo ad Abrahamo come ha fatto – prendendo la forma di un uomo – Dio mostra quanto lontano è disposto ad avvicinarsi a questo che ha deciso di amare. Vediamo qualcosa in questo della grande compassione di Dio e il suo desiderio di fare in modo che il divario tra se stesso e le sue creature fosse colmato.

Quindi, quando Dio chiede: “È qualcosa di troppo difficile per il Signore?” e poi continua a fare ciò che era umanamente impossibile per Abrahamo e Sarah dando loro un figlio – quando Dio lo fa, non lo sta facendo solo perché può, o perché deve farlo, ma perché vuole farlo. Perché ha determinato che non sarà solo il Creatore di Abrahamo e il suo Dio, ma che sarà anche amico di Abrahamo. 

Noi parliamo spesso della sovranità e del potere di Dio, della trascendenza di Dio, la ‘”alterità” di Dio, la santità di Dio. Va bene, ma non dobbiamo mai lasciare che quelle verità, per quanto importanti, ci facciano abbandonare la realtà dell’amicizia di Dio. Che noi, che una volta eravamo suoi nemici, ora siamo suoi amici.

Pertanto, poiché siamo chiamati ad amarlo e ad essere fedeli a lui, siamo chiamati ad amare ed essere fedeli al nostro Amico. E mentre ci troviamo in mezzo a situazioni difficili in cui la fiducia in Dio sembra folle e persino umanamente impossibile, dobbiamo ricordare l’amicizia di Dio – che non è solo un Dio che è in grado di aiutarci, è un Dio che è pronto ad aiutarci. È un Dio che ha disposto volentieri la sua vita per i suoi amici e che, quindi, ci si può fidare di non negare qualsiasi cosa buona e necessaria o di consentire casualmente a questi amici per i quali è morto di affrontare qualsiasi circostanza, ad eccezione di ciò che completerà le sue buone e gentili intenzioni, per loro e per il suo regno. In Cristo diventiamo anche noi “amici di Dio”, con tutto ciò che questo comporta. Egli non ci visitera più come giudice, ma come amico. In italiano il termine “amico” etimologicamente deriva da “amore”, e questo è quanto mai appropriato perché in Cristo Gesù Dio ci ha fatto visita come colui che ci ama.

Preghiamo. Un tempo, o Signore, mi eri estraneo e io ti ero persino ostile. Guardavo ad idoli muti come se essi potessero prendersi cura di me. Un giorno, però, ti sei presentato nella mia vita attraverso l’annuncio dell’Evangelo parlandomi della persona e dell’opera del Salvatore Gesù Cristo. Era la tua mano tesa verso di me. Allora ho gettato via tutti miei idoli e ti ho scoperto mio amorevole amico e ho cominciato a seguirti. Non mi hai mai abbandonato e sei venuto spesso a trovarmi. Mi hai aggiunto alla famiglia dei tuoi amici, la chiesa cristiana. Per tutto questo ti sono immensamente riconoscente. Mantieni salda, o Signore, la tua famiglia, la Chiesa, nella fede e nell’amore, affinché attraverso la tua grazia possiamo proclamare la tua verità con coraggio, come pure amministrare la tua giustizia con misericordia; per amore del nostro Salvatore Gesù Cristo, che vive e regna con te e lo Spirito Santo, un solo Dio, ora e per sempre. Amen.

Domenica 14 giugno 2020 – Seconda Domenica dopo Pentecoste 

Letture bibliche: Genesi 18:1-15, 21:1-7; Salmo116:1, 10-17; Romani 5:1-8; Matteo 9:35-10:8

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*