Non c’è mai stata una Riforma, ma una rinascita (ed è ancora necessaria)

Di Stephen C. Perks

“Il regno di Dio non può essere raggiunto attraverso la Riforma di Chiese apostate. Si può raggiungere solo attraverso l’Esodo e la conquista, la nuova nascita, il rinascimento. Non siamo chiamati a riformare l’Egitto (le strutture della Chiesa corrotta e apostata del passato), ma a conquistare la terra promessa (cioè discepolare le nazioni)“.

Noi facciamo comunemente uso del termine “Riforma” e parliamo della teologia che lo ha creato come “riformata” come se esistesse realmente… Di fatto non c’è mai stata una Riforma propriamente detta e non esistono “Chiese riformate”. Questo termine improprio è ora una trappola mortale che coloro che desiderano perseguire il regno di Dio devono riconoscere come tale se desiderano evitare altri quarant’anni nel deserto. Bene, potresti pensare che, in ciò che ho or ora affermato, io stia per abbandonare la nave e diventare un cattolico romano, ma niente potrebbe essere più lontano dalla verità. Il mio punto è che la Chiesa cattolica-romana non è stata riformata e non è mai stata riformata. È vero che a causa dell’ascesa degli Stati nazionali ha meno potere oggi che nel Cinquecento, ma è corrotta dottrinalmente e moralmente oggi come lo era nel Cinquecento, anzi per certi versi anche maggiormente corrotta.

Quella che chiamiamo Riforma non fu affatto una Riforma. Era stato un esodo. I Riformatori non hanno mai riformato la Chiesa cattolica-romana. Nessun riformatore ha ottenuto una tale riforma. E se uno lo avesse ottenuto, i protestanti non lo riconoscerebbero affatto come un riformatore. L’uso improprio di parole e termini può essere una grande trappola. I Riformatori non riformarono nessuna Chiesa. Se lo avessero fatto, oggi esisterebbe una Chiesa cattolica romana riformata. Non esiste tale Chiesa. Piuttosto hanno lasciato la Chiesa Romana, o ne sono stati cacciati, e poi hanno ricominciato. Hanno del tutto costruito una nuova Chiesa.

Il termine corretto per ciò che fecero i Riformatori dovrebbe essere Rinascita ecclesiale, cioè una nuova nascita della Chiesa. Non hanno riformato la Chiesa, hanno lasciato la Chiesa cattolica romana e il loro lavoro ha portato alla rinascita della Chiesa cristiana in una nuova forma. Sfortunatamente la parola rinascita o rinascimento, è usata per il Rinascimento umanista che ha preceduto ciò che chiamiamo Riforma e quindi il suo uso per descrivere l’opera dei Riformatori rischia di creare confusione, sebbene per alcuni aspetti la Riforma fosse parte del Rinascimento, e altri aspetti non così. Tuttavia, il termine Rinascimento ecclesiale è la corretta descrizione della grande opera che i Riformatori compirono.

Ora, si può ben dire che non fosse la Chiesa che i riformatori stavano cercando di riformare, ma la fede cristiana. Questo sarebbe in linea di principio un argomento valido se fosse vero, e quindi la parola Riforma sarebbe usata correttamente. Ma non è questo il caso. Era la Chiesa che i riformatori si proponevano di riformare. Ma questo è stato un fallimento, ed è stato un completo fallimento. Quello che hanno fatto è stato abbandonare il vecchio otre. In altre parole, non era il vino il problema. Non c’era niente di sbagliato nel vino. Non aveva bisogno di riforma. L’esistenza di molte persone che desideravano riformare la Chiesa prima della Riforma mostra che la fede cristiana era viva e vegeta. Il problema era l’otre, non il vino, ed era l’otre che i riformatori abbandonarono perché non erano in grado di riformarlo.

In questo seguivano l’insegnamento di Gesù, che lo riconoscessero o meno. L’otre era diventato inutile. Certo, volevano la Riforma e volevano riformare la Chiesa di Roma, ma non è quello che Dio ha dato loro. Ci volevano otri nuovi. Non nego, ovviamente, che i riformatori abbiano fatto un ottimo lavoro. Lo hanno fatto. Quello che sto dicendo è che l’idea sbagliata che abbiano riformato la Chiesa ci ha portato fuori strada nella convinzione che dobbiamo riformare la moderna Chiesa protestante apostata. Ma la Riforma non è la risposta. La Chiesa Protestante è irriformabile, non perché Dio non possa riformarla, certo che potrebbe, ma perché Dio non riforma le Chiese apostate. Se il sale ha perso la sua sapidità è adatto a cosa? Da riformare? No! Non è adatto a nient’altro che a essere buttato via. Non ho detto io questo. Lo ha detto il Signore Gesù Cristo, come disse che gli otri vecchi sono inutili per contenere il vino nuovo e che sono necessari otri nuovi. E ora sembra che Dio abbia buttato via anche l’otre della “Chiesa protestante”, che è sale che ha perso la sua sapidità.

Non credermi sulla parola. Guardate la storia. Quali Chiese, una volta perduta la loro sapidità, una volta divenute inutili e non più che vecchi otri incrinati, una volta apostati, Dio ha riformato? Non la Chiesa greco-ortodossa. Non la Chiesa Nestoriana, che, per inciso, era nel suo periodo di massimo splendore una delle più grandi Chiese missionarie che il mondo abbia mai visto, ma al tempo di Kubilai Kahn era completamente inutile per Kubilai nel suo desiderio di cristianizzare il suo impero. Né la Chiesa romana né la Chiesa ortodossa russa, né la Chiesa copta. Quali Chiese, e quando, ha mai riformato Dio una volta che questo livello di corruzione e apostasia si è instaurato? Nessuno che io sappia. Forse Dio ne ha riformato uno e sto solo mostrando la mia ignoranza. Se è così, per favore ditemelo, e mi unirò immediatamente. Per favore, liberami dalla mia ignoranza. L’ignoranza non mi serve. Per favore, mettetemi fuori dalla mia miseria. Nulla mi farebbe più piacere o mi sarebbe di maggior sollievo nella mia vocazione. Ho cercato una tale Chiesa per molti anni. Non sto parlando di trovare una Chiesa perfetta, quindi per favore non citatemi quella vecchia frase trita e inutile sul non trovare mai una Chiesa perfetta: è il debole mantra di ogni papa di latta che è disperato di aggrapparsi alla sua tirannia idolatra. Tali affermazioni sono pura stupidità e se avessero un qualche valore renderebbero inutile l’opera dei riformatori. Ricordate, non nego che il lavoro svolto dai riformatori fosse necessario e vitale. Lo è stato. Quello che nego è che sia stata una Riforma della Chiesa.

Mi sembra incontestabile ora che, sebbene Dio possa riformare le Chiese apostate, non lo faccia. Dio non ha mai riformato una Chiesa apostata. “Se il sale ha perso la sua sapidità, come può essere reso salato di nuovo? Non serve più a niente, se non a essere riformato». È questo che ha detto davvero Gesù? Ovviamente no. Disse: “Voi siete il sale della terra; ma se il sale diventa insipido, con che cosa gli si renderà il sapore? A null’altro serve che ad essere gettato via e ad essere calpestato dagli uomini” (Mt 5:13). O crediamo alle parole di Gesù oppure no. Dio non riforma le Chiese apostate. Ricomincia. Il vino nuovo deve avete otri nuovi se non va sprecato. Non solo la Bibbia, ma anche la storia insegna questa lezione. La Chiesa protestante ha fatto il resto. Non è riformabile perché Dio non riforma le Chiese apostate.

La Riforma non è stata una Riforma di niente. Fu un Esodo e un nuovo inizio, una rinascita della Chiesa. Non abbiamo bisogno di altre riforme. Sono inutili perché Dio non si occupa di riforma della Chiesa, si occupa di nuovi inizi, nuove nascite, di rinascimento! Abbiamo bisogno di un Esodo e di un nuovo inizio, un Rinascimento cristiano. Ma questo rinascimento deve essere molto più ampio ed esauriente di un mero rinascimento ecclesiale. Non deve essere altro che la nascita di un nuovo ordine sociale cristiano.

Certo, non mi interessa discutere di semplici parole. Ho usato il termine Riforma per tutta la mia vita cristiana. Ma ora devo riformare il mio pensiero su questo secondo la parola di Dio (parlo qui di riformare il mio pensiero , non la Chiesa – Dio riforma gli individui, ma anche questo è un nuovo inizio, una nuova nascita: “Se dunque uno è in Cristo, egli è una nuova creatura; le cose vecchie sono passate; ecco, tutte le cose sono diventate nuove” (2 Corinzi 5:17). Ma il punto è che Dio non riforma le Chiese. Il problema qui è che parole e termini possono fuorviare e ci ingannano. Un linguaggio sconsiderato può portarci fuori strada nella nostra comprensione. Dobbiamo quindi sottoporre la nostra mente, il nostro stesso processo di pensiero, alla parola di Dio in modo da pensare correttamente. La Scrittura ci dice che lo Spirito Santo opera attraverso il rinnovamento della mente. Dobbiamo quindi essere disciplinati nel nostro pensiero secondo quanto insegna la Scrittura. E la Scrittura non insegna la Riforma. Insegna l’Esodo. Ci sono state riforme nella storia della Chiesa, solo esodi e nuovi inizi.

Ma c’è un pericolo ancora più grande che ci aspetta qui che essere semplicemente sviati nella nostra lingua e nel nostro pensiero, vale a dire che almeno per moltissimi cristiani la vera ragione per cui si rifiutano di lasciare l’Egitto è che ne hanno fatto un idolo e preferiscono l’idolatria alla libertà, perché, come ha giustamente affermato John Owen, la Chiesa è il più grande idolo che sia mai esistito nel mondo.

La Riforma non è mai avvenuta. I riformatori lo volevano, disperatamente, ma non l’hanno ottenuto. Chiesero a Dio una pietra, ma egli diede loro invece del pane (Matteo 7:9). “Se dunque voi, che siete malvagi, sapete dare buoni doni ai vostri figli, quanto più il Padre vostro, che è nei cieli, darà cose buone a coloro che gliele chiedono” (Matteo 7:11). Abbiamo bisogno di un Esodo, non di una Riforma, e abbiamo bisogno di pregare per un Esodo, non di una Riforma, perché Dio non ci darà una Riforma e dobbiamo pregare secondo la Scrittura e la volontà di Dio.

Ma ecco il punto importante: nella nostra generazione non c’è mai stato momento migliore per iniziare questo nuovo inizio, questo Esodo e conquista della terra promessa, rispetto al presente, poiché Dio, nella sua grazia e misericordia, ci ha donato il un’eccellente opportunità per fare questo cambiamento necessario chiudendo queste orribili chiese, questi templi dell’eresia e dell’apostasia. Questo è forse, e certamente potenzialmente, il più grande rivestimento d’argento nell’intera nuvola. È giunto il momento per i cristiani di cingere i fianchi, iniziare un nuovo esodo nella terra promessa e reclamare la loro cittadinanza del regno di Dio da coloro che hanno cercato di privarsene per così tanto tempo. La riforma non ci porterà dove dobbiamo e dovremmo essere. Ci intrappolerà semplicemente nel passato, un passato che ripeterà la paralisi, viltà e fallimento che hanno caratterizzato la Chiesa nel Novecento. Dobbiamo lasciare l’Egitto, lasciare la casa della schiavitù e perseguire la libertà sotto Dio che il Signore Gesù Cristo ci ha promesso.

Non c’è dubbio che ci sia molto in questo articolo che potresti volontariamente travisare e spararmi fiamme di indignazione. Con tutti i mezzi divertiti pure, non mi aspetto niente di meno. Ma ricorda, quando tutto queste polemiche saranno finite, sarai ancora in una Chiesa irriformabile con una sola via d’uscita biblica e storicamente provata, e ti troverai ancora di fronte alla stessa scelta: o l’idolatria o l’Esodo. Il regno di Dio non può essere raggiunto attraverso la Riforma delle Chiese apostate. Si può raggiungere solo attraverso l’Esodo e la conquista, la nuova nascita, il rinascimento. Non siamo chiamati a riformare l’Egitto (le strutture della Chiesa corrotta e apostata del passato), ma a conquistare la terra promessa (cioè discepolare le nazioni). Quando lo faremo e quando cercheremo prima il regno di Dio e la sua giustizia, le nazioni della terra verranno da noi e diranno: “Insegnaci la via del Signore” (Isaia 2:1-4), e tutte le nazioni diventeranno discepole di Gesù Cristo (Matteo 28:19 cfr. Apocalisse 11:15).