Confessioni di fede/Gallicana/38

Indice generale

Confessione di La Rochelle (o Gallicana)

Articolo I - Articolo II - Articolo III - Articolo IV - Articolo V - Articolo VI - Articolo VII - Articolo VIII - Articolo IX - Articolo X - Articolo XI - Articolo XII - Articolo XIII - Articolo XIV - Articolo XV - Articolo XVI - Articolo XVII - Articolo XVIII - Articolo XIX - Articolo XX - Articolo XXI - Articolo XXII - Articolo XXIII - Articolo XXIV - Articolo XXV - Articolo XXVI- Articolo XXVII - Articolo XXVIII - Articolo XXIX - Articolo XXX - Articolo XXXI - Articolo XXXII - Articolo XXXIII - Articolo XXXIV - Articolo XXXV - Articolo XXXVI - Articolo XXXVII - Articolo XXXVIII - Articolo XXXIX - Articolo XL

Articolo XXXVIII - La necessità dei sacramenti

Noi affermiamo, così, l'acqua, pur essendo un elemento caduco, non cessa di attestarci in verità il lavacro interiore della nostra anima nel sangue di Gesù Cristo mediante l'efficacia del suo Spirito e che il pane e il vino che ci sono offerti nella cena ci servono veramente di alimento spirituale, mostrando come alla nostra vista che il corpo di Gesù Cristo è il nostro cibo e il suo sangue la nostra bevanda.

Rigettiamo [Disapproviamo] quindi i visionari e i sacramentari che non vogliono ricevere simili segni e marchi, dal momento che Gesù Cristo ha detto: «Questo è il mio corpo e questo calice è il mio sangue».
 
Nota. Sono chiamati qui "sacramentari" coloro che, non vedendo nei sacramenti che dei riti di commemorazione o degli atti simbolici, sono incapaci di coglierne il valore e militano per la loro soppressione.

Atti 22:16; Romani 6:3-4; Galati 3:27; Efesini 5:26; Giovanni 6:51; 1 Corinzi 11:24-29; Matteo 26:26; 1 Corinzi 11:24.