Confessioni di fede/cfv1662/Articolo 18

Da Tempo di Riforma Wiki.
Versione del 19 mag 2020 alle 00:33 di Pcastellina (discussione | contributi) (Creata pagina con "{{cfv1662}} == Articolo 18 - La fede == '''Che quella fede viene dall'operatione gratiosa et efficace dello Spirito Santo che allumina le anime nostre e le porta ad appoggiar...")
(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)

Indice generale

Confessione di fede valdese 1662

Intro - 1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11 - 12 - 13 - 14 - 15 - 16 - 17 - 18 - 19 - 20 - 21 - 22 - 23 - 24 - 25 - 26 - 27 - 28 - 29 - 30 - 31 - 32 - 33 - Errori condannati -Atto 1894 -

Articolo 18 - La fede

Che quella fede viene dall'operatione gratiosa et efficace dello Spirito Santo che allumina le anime nostre e le porta ad appoggiarsi sopra la misericordia di Dio per applicarsi i meriti di Jesu Christo.

Prove

  • "...non smetto mai di rendere grazie per voi, ricordandovi nelle mie preghiere, affinché il Dio del nostro Signore Gesù Cristo, il Padre della gloria, vi dia uno spirito di sapienza e di rivelazione perché possiate conoscerlo pienamente; egli illumini gli occhi del vostro cuore, affinché sappiate a quale speranza vi ha chiamati, qual è la ricchezza della gloria della sua eredità che vi riserva tra i santi" (Efesini 1:16-18).
  • "Dio ha vivificato anche voi, voi che eravate morti nelle vostre colpe e nei vostri peccati ... Infatti è per grazia che siete stati salvati, mediante la fede; e ciò non viene da voi; è il dono di Dio" (Efesini 2:1,8).
  • "In quel tempo Gesù prese a dire: «Io ti rendo lode, o Padre, Signore del cielo e della terra, perché hai nascosto queste cose ai sapienti e agli intelligenti, e le hai rivelate ai piccoli. Sì, Padre, perché così ti è piaciuto" (Matteo 11:25-26).
  • "Gesù, replicando, disse: «Tu sei beato, Simone, figlio di Giona, perché non la carne e il sangue ti hanno rivelato questo, ma il Padre mio che è nei cieli" (Matteo 16:17).
  • "Ma com'è scritto: «Le cose che occhio non vide, e che orecchio non udì, e che mai salirono nel cuore dell'uomo, sono quelle che Dio ha preparate per coloro che lo amano». A noi Dio le ha rivelate per mezzo dello Spirito, perché lo Spirito scruta ogni cosa, anche le profondità di Dio" (1 Corinzi 2:9-10).
  • "...a un altro, fede, mediante il medesimo Spirito; a un altro, doni di guarigione, per mezzo del medesimo Spirito" (1 Corinzi 12:9).
  • "Il frutto dello Spirito invece è amore, gioia, pace, pazienza, benevolenza, bontà, fedeltà, mansuetudine, autocontrollo" (Galati 5:22).
  • "Nessuno può venire a me se non lo attira il Padre, che mi ha mandato; e io lo risusciterò nell'ultimo giorno" (Giovanni 6:44).
  • "Una donna della città di Tiatiri, commerciante di porpora, di nome Lidia, che temeva Dio, ci stava ad ascoltare. Il Signore le aprì il cuore, per renderla attenta alle cose dette da Paolo" (Atti 16:14).
  • "Per la grazia che mi è stata concessa, dico quindi a ciascuno di voi che non abbia di sé un concetto più alto di quello che deve avere, ma abbia di sé un concetto sobrio, secondo la misura di fede che Dio ha assegnata a ciascuno" (Romani 12:3).
  • "Perché vi è stata concessa la grazia, rispetto a Cristo, non soltanto di credere in lui, ma anche di soffrire per lui ... infatti è Dio che produce in voi il volere e l'agire, secondo il suo disegno benevolo" (Filippesi 1:29; 2:13).
  • "Or colui che con voi ci fortifica in Cristo e che ci ha unti, è Dio; egli ci ha pure segnati con il proprio sigillo e ha messo la caparra dello Spirito nei nostri cuori" (2 Corinzi 1:21-22).
  • "In lui voi pure, dopo aver ascoltato la parola della verità, il vangelo della vostra salvezza, e avendo creduto in lui, avete ricevuto il sigillo dello Spirito Santo che era stato promesso, il quale è pegno della nostra eredità fino alla piena redenzione di quelli che Dio si è acquistati a lode della sua gloria" (Efesini 1:13-14).
  • "infatti tutti quelli che sono guidati dallo Spirito di Dio, sono figli di Dio ... Se siamo figli, siamo anche eredi; eredi di Dio e coeredi di Cristo, se veramente soffriamo con lui, per essere anche glorificati con lui" (Romani 8:14,17).

Commento

La fede è prodotta in una persona dall'efficace opera dello Spirito Santo, come espressione del dono della grazia salvifica di Dio. E' lo Spirito Santo, infatti, che illumina la nostra anima e la sospinge ad appoggiarsi alla misericordia di Dio manifestata dall'opera meritoria di Gesù Cristo. Lo Spirito Santo "illumina gli occhi del nostro cuore" per renderci consapevoli delle ricchezze della grazia di Dio disponibile per noi in Gesù Cristo. E' Lui che ci vivifica spiritualmente rivelandoci sovranamente ciò che a causa del peccato i più non vedono. Quei doni che soli arricchiscono la miseria umana provengono solo dall'attività rigenerante dello Spirito di Dio. Sua è la grazia della fede, della forza e della perseveranza. Lo Spirito Santo è il suggello ed il pegno della nostra redenzione, passata, presente e futura, certificazione dell'autentico figlio di Dio.

Questo articolo precisa la sostanza e l'origine della fede salvifica ed operante e si contrappone a quelle concezioni che intendono la fede come un'opera nostra, qualcosa che possa essere sviluppato spontaneamente dalla nostra natura irrigenerata.