Letteratura/Conforto del cristiano/Immunità dalla condanna

Immunità dalla condanna

Da “Conforto per il cristiano”, di A. W. Pink

https://www.ccel.org/ccel/pink/comfort/files/comfort.html

«Non v'è dunque ora alcuna condanna per quelli che sono in Cristo Gesù» (Romani 8:1).

"Non v'è dunque ora alcuna condanna". L'ottavo capitolo dell'epistola ai Romani conclude la prima sezione di quella meravigliosa epistola. Quel "dunque" all’inizio può essere inteso in due modi. Primo, si collega a tutto ciò che è stato detto dal versetto 3:21. Da tutta la discussione precedente l’Apostolo fa una deduzione, un'inferenza. L’inferenza è una deduzione logica a partire da una o più premesse o dalla constatazione di un fatto, e questa è la grande conclusione a cui l'apostolo aveva mirato durante l'intero argomento. Perché Cristo è stato posto come "propiziazione mediante la fede nel sangue d'esso" (3:25); perché Egli “...è stato dato a cagione delle nostre offese, ed è risuscitato a cagione della nostra giustificazione» (4,25); “...poiché, siccome per la disubbidienza di un solo uomo i molti sono stati costituiti peccatori, così anche per l'ubbidienza d'un solo, i molti saranno costituiti giusti”, legalmente (5:19); perché i credenti in Cristo possono dire "...noi che siam morti al peccato" (6:2) come pure sono "morti" al potere della legge di condannare (7:4), "...non v'è dunque ora alcuna condanna".

Ma il "dunque" non è solo da considerare come una conclusione tratta dall'insieme della discussione precedente, ma è anche da considerarsi in stretto rapporto con quanto immediatamente precede. Nella seconda metà di Romani 7 l'apostolo aveva descritto il doloroso e incessante conflitto che si ingaggia tra le nature antagoniste in chi è nato di nuovo, illustrandolo con un riferimento alle proprie esperienze personali di cristiano. L'apostolo, dopo aver ritratto con la penna da maestro - se stesso - le lotte spirituali del figlio di Dio, passa ora a rivolgere l'attenzione alla consolazione divina per una condizione così angosciante e umiliante. Il passaggio dal tono abbattuto del settimo capitolo al linguaggio trionfante dell'ottavo appare sorprendente e brusco, ma è abbastanza logico e naturale. Se è vero che a coloro che Dio ha santificato in Cristo appartiene il conflitto del peccato e della morte, per il cui effetto essi piangono, è altrettanto vero che la loro liberazione dalla maledizione e la corrispondente condanna è una vittoria di cui gioiscono. Viene così evidenziato un contrasto molto evidente.

Nella seconda metà di Romani 7 l'apostolo tratta della potenza del peccato, che opera nei credenti finché sono nel mondo; nei versetti iniziali del capitolo ottavo parla della colpa del peccato da cui sono completamente liberati nel momento in cui sono uniti al Salvatore per fede. Quindi in 7:24 l'apostolo chiede "Chi mi libererà" dal potere del peccato, ma in 8:2 dice: Egli "mi ha affrancato", cioè mi ha liberato, dalla colpa del peccato. "Non v'è dunque ora alcuna condanna". Non si tratta qui del nostro cuore che ci condanni o meno (come in 1 Giovanni 3:21), né del fatto che non troviamo nulla dentro di noi che sia degno di condanna; invece, è il fatto ben più benedetto che Dio non condanna chi ha confidato in Cristo per la sua salvezzaa. Dobbiamo distinguere nettamente tra verità soggettiva e verità oggettiva; tra ciò che è giudiziario e ciò che si basa sull’esperienza; altrimenti, non riusciremmo a trarre da scritture come quella che abbiamo dinanzi a noi il conforto e la pace che sono destinate a trasmettere. Non c'è condanna per coloro che sono in Cristo Gesù. "In Cristo" è la posizione del credente davanti a Dio, non la sua condizione nella carne. "In Adamo" sono stato condannato (Romani 5:12); ma "in Cristo" è essere per sempre liberati da ogni condanna. "Non v'è dunque ora alcuna condanna". Quel "ora" qualificante implica che c'è stato un tempo in cui i cristiani, prima di credere, erano sottoposti alla condanna. Questo avveniva prima che morissero con Cristo, morissero giudizialmente (Galati 2:20) alla pena comminata giustamente dalla legge di Dio. Questo "ora", così, distingue tra due stati o condizioni. Per natura eravamo "sotto la (sentenza della) legge", ma ora i credenti sono "sotto la grazia" (Romani 6,14). Per natura eravamo "figli d'ira" (Efesini 2:2), ma ora siamo "accolti nell'Amato suo" (Efesini 1:6). Sotto la prima alleanza eravamo "in Adamo" (1 Corinzi 15,22), ma ora siamo "in Cristo" (Romani 8,1).

Condanna è una parola di enorme importanza, e meglio la comprendiamo, più apprezzeremo la grazia meravigliosa che ci ha liberato dal suo potere. Nei corridoi di un tribunale umano questo è un termine che cade con spaventoso rintocco all'orecchio del criminale condannato e riempie gli spettatori di tristezza e orrore. Ma nel tribunale della Divina Giustizia è rivestito di un significato e di un contenuto infinitamente più solenne e maestoso. A quella Corte viene citato ogni membro della razza decaduta di Adamo. "Concepito nel peccato, formato nell'iniquità" ognuno entra in questo mondo in stato di arresto - un criminale incriminato, un ribelle ammanettato. Com'è dunque possibile che un simile sfugga all'esecuzione della terribile sentenza? C'era un solo modo, ed era la rimozione da noi di ciò che provocava la sentenza, cioè il peccato. Lascia che la colpa sia rimossa e non ci può essere "nessuna condanna". La colpa è stata rimossa, rimossa, intendiamo, dal peccatore che crede? Rispondano le Scritture: «Quanto è lontano il levante dal ponente, tanto ha egli allontanato da noi le nostre trasgressioni» (Salmo 103:12). "Io, io son quegli che per amor di me stesso cancello le tue trasgressioni, e non mi ricorderò più dei tuoi peccati» (Isaia 38,17). "E non mi ricorderò più de' loro peccati e delle loro iniquità" (Ebrei 10:17).

Ma come rimuovere il senso di colpa? Solo con “il trasferimento”. La santità divina non poteva ignorarla; ma la grazia divina lo poteva “trasferire” e lo ha fatto. I peccati dei credenti sono stati trasferiti a Cristo: "Noi tutti eravamo erranti come pecore, ognuno di noi seguiva la sua propria via; e l'Eterno ha fatto cader su lui l'iniquità di noi tutti" (Isaia 53:6). «Colui che non ha conosciuto peccato, Egli l'ha fatto esser peccato per noi, affinché noi diventassimo giustizia di Dio in lui» (2 Corinzi 5,21). Non c’è più, quindi, alcuna condanna" Quel "non c’è" è enfatico. Significa che non c'è più assolutamente alcuna condanna. Nessuna condanna da parte della legge, né per corruzione interiore, né perché Satana può fondare un'accusa contro di me; non c'è nessuno da qualsiasi fonte o per qualsiasi causa. "Nessuna condanna" significa che nessuna è possibile; che nessuna mai lo sarà. Non c'è condanna perché non c'è più accusa (vedi 8:33), e non ci può essere accusa perché non c'è imputazione di peccato (vedi 4:8). "Non v'è dunque ora alcuna condanna per quelli che sono in Cristo Gesù".

L'apostolo, trattando del conflitto tra le due nature nel credente, nel capitolo precedente aveva parlato di sé in persona, per mostrare che le più alte conquiste della grazia non esentano dalla lotta interna che ivi descrive . Ma qui in 8:1 l'apostolo cambia il numero. Non dice: Non c'è condanna per me, ma "per quelli che sono in Cristo Gesù". Questo è stato molto misericordioso da parte dello Spirito Santo. Se l'apostolo avesse parlato qui al singolare, avremmo ragionato che una tale benedetta esenzione ben si addiceva a questo onorato servo di Dio che godeva di tali mirabili privilegi; ma non poteva applicarsi a noi. Lo Spirito di Dio, quindi, ha mosso l'Apostolo ad impiegare qui il numero plurale, per mostrare che "nessuna condanna" è vera per tutti coloro che sono in Cristo Gesù. "Non v'è dunque ora alcuna condanna per quelli che sono in Cristo Gesù" Essere in Cristo Gesù è identificarsi perfettamente con Lui nella resa dei conti e nei rapporti giudiziari di Dio: ed è anche essere uno con Lui in quanto uniti in modo vitale dalla fede. L'immunità dalla condanna non dipende in alcun modo dal nostro "camminare", ma unicamente dal nostro essere "in Cristo". "Il credente è in Cristo come Noè era rinchiuso nell'arca, con i cieli che si oscurano sopra di lui e le acque che si sollevano sotto di lui, ma non una goccia del diluvio che penetra nel suo vaso, non un colpo di tempesta che turba la serenità del suo spirito Il credente è in Cristo come Giacobbe era nella veste del fratello maggiore quando Isacco lo baciò e lo benedisse.